MAJO OSPITE DELLA RASSEGNA STAMPA DI MEDIASET PREMIUM: “PAOLA DAL MONTE, IL MAGISTRATO DI FERRO CHE FECE RINVIARE A GIUDIZIO I CALCIATORI DEL PARMA DI TANZI E CROLLARE LA GIUNTA VIGNALI”

image(Evaristo Cipriani) – Il direttore di StadioTardini.it Gabriele Majo è stato l’ospite telefonico della rassegna stampa di Mediaset Premium: alle 8,10 circa, il conduttore Stefano Messina si è collegato con lui per fare il punto della situazione in casa Parma dopo la giornata infernale del 16 febbraio, terminata con la notizia della richiesta di fallimento d’ufficio per il Parma, promossa dalla stessa Procura per inadempienze fiscali: “Direi che la notizia più drammatica sia proprio quest’ultima – ha esordito Majo – diffusa proprio da voi di Sport Mediaset nel corso della serata di ieri. Una serata che stava volgendo verso il sereno dopo che la squadra al completo, o meglio: i propri rappresentanti sindacali, chiamiamoli così, unitamente all’Associazione Italiana Calciatori, aveva deciso di concedere qualche giorno di tregua ancora, conferendo fiducia alla nuova proprietà del presidente Manenti, rinunciando alla ‘messa in mora’, per lo meno per alcuni giorni. Poi, però, passate un paio d’ore sono arrivate appunto le notizie direi terribili di questa richiesta di fallimento avanzata dalla Procura di Parma. Tra l’altro tra i P.M. firmatari figura Paola Dal Monte che è una sorta di magistrato di ferro, se così vogliamo definirla, la quale, già in passato, si era distinta per essere stata una delle protagoniste dell’operazione che aveva dato il terremoto politico alla nostra città con arresti eccellenti e la caduta del sindaco Vignali, ma anche in ambito sportivo si tratta di un magistrato che ha avuto a che fare con il Parma avendo fatto rinviare a giudizio diversi dei calciatori che avevano fatto grande il Parma di Tanzi, proprio nell’ambito del crac Parmalat e tra l’altro anche la proprietà di Ghirardi aveva avuto qualche problemino visto che c’erano stati dei rinvii a giudizio quando ci fu il sequestro del settore ospiti dello Stadio Tardini dopo che c’era stata la tragedia di un tifoso vicentino – andiamo indietro, naturalmente, all’anno della retrocessione – che era caduto da quel settore. E’ un magistrato che non fa sconti e che se ha deciso di guardarci chiaro in questa insolvenza del Parma non è che possa essere particolarmente incoraggiante: è chiaro, però, che potrebbe essere una sorta di sprone al nuovo presidente Manenti, per mettere mano veramente al portafoglio, al di là di quelle che sono state le sue rassicurazioni portate avanti fino adesso. Ormai sappiamo che c’è un mese davanti, il 19 marzo è la data x, ed entro quella data il Parma dovrà dimostrare di essere solvente e per dimostrarlo non potrà che pagare intanto tutti quanti i calciatori e poi, soprattutto, queste pendenze di carattere fiscale, che sono quelle che hanno mosso la Procura con questa istanza fallimentare presentata d’ufficio”.

Messina ha quindi chiesto a Majo se secondo lui Manenti tornerà con i soldi…

“Io ci spero, dico la verità, perché sono uno dei pochi rimasti, ormai, a non far parte del partito pro-fallimento. Diciamo che qui a Parma c’una diffusissima ‘fallimentomania’, molto catartica, probabilmente sono gli stessi personaggi che per tanti anni hanno dato credito indiscusso alla precedente gestione – al presidente Ghirardi, all’amministratore delegato Leonardi – che poi tutto a un tratto si svegliano e pensano e trovano come unica soluzione possibile il fallimento. Beh: io non mi trovo schierato con questo partito, dopo aver fatto, tra virgolette, opposizione per tanti anni alla precedente gestione, e quindi credo di potermi permettere di dire che non è certo il fallimento la soluzione auspicabile, perché non soltanto il fatto che il Parma possa sparire dal panorama professionistico che è già di per sé una notizia drammatica, ma soprattutto perché ci sono tante famiglie e poi molti fornitori che avanzano tantissimi soldi che obiettivamente vedrebbero gli uni persi il proprio posto di lavoro e gli altri anche i crediti che da tanto tempo avanzano.
Quindi io ho fiducia in Manenti, non penso di essere uno psicopatico pensandolo, nonostante mi renda perfettamente conto che si tratta di un personaggio piuttosto naif e dal passato discusso, ma dal momento che il Parma era sostanzialmente già morto – ricordiamoci sempre che dopo la partita tra il Milan e il Parma a casa di Leonardi era arrivato l’allora presidente Kodra, annunciando che Taci aveva deciso di far portare i libri in Tribunale – beh, trovando quest’ultima soluzione, questa sorta di miracolo, potrebbe essere una via d’uscita. Il fallimento era già praticamente conclamato quella sera, ma poi si è presentato questo personaggio, indubbiamente molto particolare, diciamo così, ma se le cose vanno male nulla cambia rispetto a quello che era il precedente orizzonte, se le cose dovessero andare bene, beh, insomma, allora si potrebbe ritrovare veramente il sorriso… E’ chiaro che non è che le possibilità siano tante, diciamoci pure la verità, però non credo che augurarsi la distruzione totale così come in tanti stanno facendo possa essere la soluzione ideale”.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

103 pensieri riguardo “MAJO OSPITE DELLA RASSEGNA STAMPA DI MEDIASET PREMIUM: “PAOLA DAL MONTE, IL MAGISTRATO DI FERRO CHE FECE RINVIARE A GIUDIZIO I CALCIATORI DEL PARMA DI TANZI E CROLLARE LA GIUNTA VIGNALI”

  • 18 Febbraio 2015 in 12:51
    Permalink

    #IostoconManenti

  • 18 Febbraio 2015 in 13:11
    Permalink

    Direttore, ieri ho letto sul sito inglese che parla di calcio italiano che i soldi sarebbero stati bloccati. è vero? Ha conferme?

    Grazie in anticipo.

  • 18 Febbraio 2015 in 13:20
    Permalink

    P.s: un ultima cosa: ci sarà una conferenza stampa stasera?

    Ancora grazie per la sua disponibilità. è diventata l’unica fonte certa a cui rivolgersi.

  • 18 Febbraio 2015 in 13:23
    Permalink

    anche io!!
    entro la settimana si risolve e tutti saliranno sul carro pro manenti!

    • 18 Febbraio 2015 in 13:47
      Permalink

      Non é il fatto di salire o no sul carro pro Manenti, ma é normale che dopo mesi di agonia, la gente sia sfiduciata. Anch’io lo sono, ma chiaramente se alla fine Manenti manterrá le sue promesse, é chiaro che sarei content, io come tutti I Parmigiani, perché vorrá dire che il Parma non sparirá dal calcio, cosa che per adesso non é del tutto scontata. Speriamo in bene e forza Parma!!!

    • 18 Febbraio 2015 in 14:38
      Permalink

      #IostoconManenti

  • 18 Febbraio 2015 in 13:46
    Permalink

    #IostoconManenti

  • 18 Febbraio 2015 in 14:00
    Permalink

    in questa situazione comunque fra le varie, ho notato l’ assenza dei club amici. l’ inter oltre a rifilarci il bidone (speriamo solo per ora e che mi faccia cambiare idea nei prossimi mesi) belfodil non ha fatto altro. la lazio ci ha portato via parolo ad un prezzo inferiore rispetto a quanto secondo me valeva.non che 3 o 4 milioni cambiassero la situazione ma aiutavano.
    lotito dice che vuole solo le grandi e per primo non ha aiutato una società che sapeva essere in difficoltà.
    a livello sportivo poi a gennaio un paio di prestiti li poteva anche fare a zero euro o poco più se aveva a cuore la situazione.
    la colpa di questa catastrofe sta all’ interno comunque.

    • 18 Febbraio 2015 in 21:47
      Permalink

      Se non ricordo male Leonardi non voleva dare via Parolo a quel prezzo ma è arrivato Il Ghiro che “ha benedetto” l’affare e ha dato lui il nulla osta per il trasferimento-

  • 18 Febbraio 2015 in 14:07
    Permalink

    salire sul carro pro Manenti ?? ma quale carro !!! !! Saliremo tutti sui nuovi pullmini che il nostro Presidente ha detto che venerdì li ricompra !!

  • 18 Febbraio 2015 in 14:23
    Permalink

    Majo si sa come l’abbia presa Ghirardi questa cosa?!?! Si sta ancora divertendo a fare la sua settimana bianca a Corvara o è diventata una settimana nera???

  • 18 Febbraio 2015 in 14:26
    Permalink

    Direttore ma la Camporesi che fine ha fatto?
    Come giudica le parole di Alborghetti?

    • 18 Febbraio 2015 in 14:58
      Permalink

      La Camporesi è più matta di mapiman mentre Alborghetti sembra che si sia defilato. Anche lui cerca Manenti che probabilmente deve ancora pagarlo. Quello che non capisco è il fatto che Alborghetti sia scappato prima di creare il CDA che in fondo era la sua missione principale. Lei ci ha capito qualcosa Majo ? Comunque va tutto bene madama la marchesa, chi osa emettere il minimo dubbio viene trattato da “fallimentarista”. Aspettiamo e “calma & gesso ad oltranza”, tanto ormai abbiamo esaurito le lacrime e le risa, perchè in ogni caso (su questo il buon Majo ha perfettamente ragione), i titoli di coda erano già partiti. Saluti

  • 18 Febbraio 2015 in 14:38
    Permalink

    #IostoconManenti

  • 18 Febbraio 2015 in 14:39
    Permalink

    Il Mano è veramente un numero 1. molto tranquillizzante!

  • 18 Febbraio 2015 in 14:40
    Permalink

    Buondì direttore

    Domanda penso trita e ritrita ma ultimamente un po’ di confusione mi è venuta leggendo articoli catastrofistici in giro… ci tengo a ribadire che è una richiesta votata solo alla massima chiarezza del quadro e al di là dello schieramento nel fronte dei “fallimentisti” o di quelli che cercano di tenere accesa quella fiammella di speranza che ormai è ridotta a poco più di un barlume. Vorrei capire semplicemente una volta per tutte, se e come a Bari, l’anno scorso, sono riusciti a far fallire la società, metterla all’asta nel corso della stagione e venderla mantenendo la categoria, mentre per noi si parla di ritiro del titolo sportivo e di esclusione dal campionato in corso; quali sono le differenze fra il nostro caso e il loro (a parte la dimensione del buco economico mi viene da dire di getto) e cosa ci escluderebbe dal famigerato “fallimento pilotato”, questione di tempi? Aggiungo anche un altro aspetto: ipoteticamente l’attuale proprietà nel caso di fallimento, potrebbe ripresentarsi come acquirente ad un eventuale asta del titolo sportivo? O potrebbe essere inserita una sorta di clausola esclusiva?

  • 18 Febbraio 2015 in 14:43
    Permalink

    #iostoconManenti

  • 18 Febbraio 2015 in 14:56
    Permalink

    #iostoconmanenti

  • 18 Febbraio 2015 in 15:09
    Permalink

    x il calcio giocato….
    la gazzetta dice coda in panchina x domenica recuperato.
    qualcuno di voi sa dirmi se si sta allenando con la squadra e presto lo rivediamo in campo??

  • 18 Febbraio 2015 in 15:09
    Permalink

    #iostoconmanenti

  • 18 Febbraio 2015 in 15:10
    Permalink

    E’ da ieri che leggo commenti su Alborghetti, che sarebbe scappato, si sarebbe defilato o cose così. Mi pare che proprio in queste ore abbia chiarito la sua posizione e che ciò che ha detto non faccia una piega: gli è stato conferito l’incarico di predisporre un piano per provvedere ai vari pagamenti previa analisi dei conti. Poi chiaramente non è lui che deve pagare e neppure seguire l’andamento dei bonifici, quello spetta alla proprietà e quindi a Manenti

  • 18 Febbraio 2015 in 15:11
    Permalink

    a radio parma Manenti ha detto che è all’estero e che torna piu tardi? ho capito bene? e se si mi chiedo più tardi quando???

  • 18 Febbraio 2015 in 15:11
    Permalink

    Majo ha sentito Manenti a Palla in tribuna?
    Io inizio a temere il Peggio!!!

  • 18 Febbraio 2015 in 15:16
    Permalink

    Nel mentre la Gazprom ,al contrario di quello che diceva Mat il sognatore o il “Boccalone”, si è chiamata fuori…vediamo che succede….

  • 18 Febbraio 2015 in 15:17
    Permalink

    resto sempre piu convinto che tutto questo sia una manovra di ghirardi per uscire il piu pulito possibile.
    Sono industriali di alto livello, conoscono bene come uscire dalle grane. forse qalcosa e’ andato storto ma vedrete che piu di tanto non succederà.
    Alla fine rispondera’ manenti, che è nullatenente…quindi…
    che tristezza vivere in italia e in questa città sempre piu vuota

    • 18 Febbraio 2015 in 15:47
      Permalink

      E invece Ghiro e Leo rischiano grosso x bancarotta fraudolenta. ..sono cose che vanno x le lunghe ma la giustizia prima o poi ci guarda dentro e ben bene…

  • 18 Febbraio 2015 in 15:19
    Permalink

    IN PRATICA SONO BANNATA?

  • 18 Febbraio 2015 in 15:26
    Permalink

    Direttore,

    mi risponda sinceramente,secondo lei è finita?

    Gianluigi

  • 18 Febbraio 2015 in 15:28
    Permalink

    Direttore è finita?

    Gianluigi

  • 18 Febbraio 2015 in 15:30
    Permalink

    possibile che non riesca ricevere risposta alla mia domanda?

    Direttore ma la Camporesi che fine ha fatto?
    Come giudica le parole di Alborghetti?
    Quali sono le cose vere? quelle dette a palla in tribuna o quelle che sapeva lei stamattina?

  • 18 Febbraio 2015 in 15:39
    Permalink

    Scusi Majo, ma i suoi talponi quale diavolo di bonifico hanno visto???

  • 18 Febbraio 2015 in 15:42
    Permalink

    In un eventuale fallimento, meglio fallire ora o a giugno? Se fi fallisce ora a cosa di deve adempiere per iscrivere la squadra in serie B ( vedi Bari)?

  • 18 Febbraio 2015 in 15:42
    Permalink

    I don’t know………………. 8 commenti su 10 non appaiono. Forse sbaglio le equazioni?

  • 18 Febbraio 2015 in 15:43
    Permalink

    Io non capisco il perchè tutti auspichino una risposta immediata. a questo punto, cosa ci cambia sapere se i soldi sono arrivati o no? c’è tempo fino al 19/3. oppure 3 settimane dal giorno dell’eventuale messa in mora se avverrà prima di fine mese. oggi come oggi, l’importante è che arrivino i soldi in tempo. non che arrivino stasera o domani. se arrivano, avremo una speranza di salvezza, se no, che fallimento (giusto) sia. comunque vada a finire, per me Manenti sarà sempre da ringraziare: se salva il Parma, per ovvi motivi; se non ci riesce, perchè avremo modo di riderci sopra per decenni! la frase “è tutto predisposto” ormai è nel linguaggio di tutti noi, mi aspetto che la frase “i soldi arrivano domani” sarà il prossimo tormentone! oh, questo sta coniando un nuovo modo di comunicare da lasciarci in eredità 🙂

    • 18 Febbraio 2015 in 18:25
      Permalink

      Beato te che hai voglia di riderci sopra. Io mi incazzo come u a beztia per leventuale ennesima preza x il culo!

  • 18 Febbraio 2015 in 15:49
    Permalink

    Majo ma una bella articolessa per riassumere quanto è successo ieri?

  • 18 Febbraio 2015 in 15:50
    Permalink

    Caro Majo ,
    io mi fermo qui.
    Nel senso , che “mi disintossico” da questo affaire sino al suo destino finale.
    Grazie per l’impegno pazzesco profuso , e che continuera’ a elargire.
    Non e’ per me piu’ sostenibile una farsa di queste proporzioni.

    Enzo Tolasudolsa Dallai

  • 18 Febbraio 2015 in 15:52
    Permalink

    Quando va all estero manenti si sa la compagnia aerea che usa oppure ci va con aereo privato?

    • 18 Febbraio 2015 in 16:26
      Permalink

      ma che domanda è? per i voli di linea usa la first class della Mapi Airlines, mentre per quelli privati i Falcon della Mapi jet, atterrando direttamente al Verdi (che ha rilevato poche ore fa con un bonifico della Mapi Bank), che ovviamente cambierà denominazione in Mapi International Airport. Poi, dall’aeroporto all’hotel (rigorosamente una suite nel lussuoso Mapi Hotel, ex Hotel Baglioni, acquistato sempre con un bonifico con tanto di CRO, viaggerà con le Cadillac della Mapi Limousine Service.
      Poi mega cena in uno dei tanti Mapi Resturant

  • 18 Febbraio 2015 in 16:18
    Permalink

    Non ho mai scritto che i capitali che verranno investiti nel Parma provengono dalla Gazprom piuttosto ho fatto più e più volte il nome di Lukoil.
    Capitali che mai verranno messi nelle mani di Manenti, anche se ho letto più e più volte che il buon Mayo credeva in questa eventualità.
    Ripetro che l’unico che ha effettivamente “gestito” se pur per breve tempo il parma è stato Taci (arrivi di rodriguez, nocerino, varela, lila) e mercato in uscita per sfoltire il futuro monte ingaggi. Manenti deve svolgere solo la parte più sporca quella in cui nessuno vorrebbe mai essere coinvolto. Non escudo che possa esserci un nuovo futuro presidente a breve, in ogni caso, quando sarà il momento, i capitali provenienti dal gruppo lukoil arriveranno.

    • 18 Febbraio 2015 in 16:42
      Permalink

      Si certo, digli alla lukoil di spagliarsi perchè ormai si fallisce

    • 18 Febbraio 2015 in 16:46
      Permalink

      bevi di meno Mat….e apri gli occhi please….è finita!!

    • 18 Febbraio 2015 in 16:47
      Permalink

      Perchè Mat devi scrivere queste cose?
      non puoi nasconderti dietro un nick…dicci chi sei e chi ti da le informazioni…
      il prossimo presidente quando dovrebbe palesarsi?di che nazionalità dovrebbe essere?
      entro quanto tempo? Perchè mai tutto questo teatrino?

      • 18 Febbraio 2015 in 17:21
        Permalink

        non so se è più triste lui che le dice o tu che ci credi..

    • 18 Febbraio 2015 in 16:47
      Permalink

      “la parte più sporca”… cioè? traghettarci al fallimento? perché se è questo che intendi hanno solamente prolungato i tempi…

      Gianluigi

    • 18 Febbraio 2015 in 16:55
      Permalink

      ma basta dai….

    • 18 Febbraio 2015 in 17:06
      Permalink

      allora chi possa essere il nuovo presidente che porterebe investire le capitali di Lukoil ??
      se Manenti non ce la fa.

    • 18 Febbraio 2015 in 17:26
      Permalink

      Ma perchè mat non la finisci di sparare cazzate. Questo non è un gioco per bambini, si parla di cose serie. Le tue cagate puoi sempre scriverele su istagram….
      Falla finita, il parma merita rispetto e non deve essere infangato da gente come te!!!

    • 18 Febbraio 2015 in 19:04
      Permalink

      Mat ha ragione , i capitali possono venire anche dall Azerbaxhian ,
      ma Taci era piu vicino al propetario che Manenti e non posa escludersi un nuvo presidente se non arivano i capitali.

    • 18 Febbraio 2015 in 21:41
      Permalink

      Di tutti i cazzari tu sei il numero 1, indiscusso.
      Lukoil, come no…

  • 18 Febbraio 2015 in 16:26
    Permalink

    #iostoconManenti

  • 18 Febbraio 2015 in 16:39
    Permalink

    Scusa Mat…perchè Lukoil sta aspettando? Manenti che ruolo ha? NON HA SENSO… spiega.

  • 18 Febbraio 2015 in 16:45
    Permalink

    #iostoconManenti….falli tornare alle loro origini Manenti!!!

    • 18 Febbraio 2015 in 17:07
      Permalink

      Sparati coglione!

      • 18 Febbraio 2015 in 17:26
        Permalink

        perchè offendi Joe?
        Fa male la verità? 😉

        • 18 Febbraio 2015 in 18:17
          Permalink

          la verità?
          25 anni consecutivi di A e otto trofei negli ultimi 26 anni.
          e il Toro? l’ultima volta che ha vinto qualcosa mio nonno era giovane

        • 18 Febbraio 2015 in 18:31
          Permalink

          fa male…
          sono dispiaciuto che ci sia gente ignorante come te che non ha altro da fare…
          forse è meglio che ripensi all’ultima giornata di campionato e al rigore di Cerci…

    • 18 Febbraio 2015 in 17:30
      Permalink

      Preoccupati del Tuo Presidente e delle Tuoi Origini

      E pensa di Vincere qualke Derby con i Tuoi Fratelli Gobbi

      L’ ultimo Trofeo ??? Attento alle Ragnatele e Polvere

      FORZA PARMA !!!!!!

  • 18 Febbraio 2015 in 16:45
    Permalink

    Direttore la mia stima verso di lei rimane immutata, ma oggi penso di staccare la spina. Ogni giorno questo mentecatto di presidente si prende gioco di una città dicendo che i soldi sono in strada, sono arrivati, sono bloccati, sono in slovenia…..credo che adesso sia ora di dire basta. Basta a questa sporcaccionata, basta alle cagate che scrive MAT per aver un po’ di notorietà. Ragazzi qui ne vale dell’esistenza di un club di 100 anni e noi stiamo qui ad aspettare che cosa?? Che questo individuo copra i problemi fatti dal gatto e la volpe. BASTA BASTA BASTA. Raccogliamo le firme per portare i libri in tribunale. Lo so direttore sarà doloroso ma sarà per uomini veri, adesso di questi non c’e’ neanche l’ombra…….

  • 18 Febbraio 2015 in 16:47
    Permalink

    #iostoconmanenti

  • 18 Febbraio 2015 in 16:49
    Permalink

    Majo, ma ha usato il logo di mediaset in png!

  • 18 Febbraio 2015 in 16:51
    Permalink

    Tra Manenti e Mat è una bella gara di mitomani

  • 18 Febbraio 2015 in 16:56
    Permalink

    si quando Mat? quando siamo gia’ davanti al tribunale a discutere il fallimento? e poi spiegami perchè tutti sti giri Taci Manenti un terzo e perchè non un quarto????? se mi danno molti soldi lo faccio anch’io….anzi mi prenoto!

  • 18 Febbraio 2015 in 17:03
    Permalink

    l’unica cosa certa è che ogni giorno c’è una brutta notizia e a quanto pare Alborghetti si è già smarcato.mi stupisce leggere che il prato al tardini è stato rizollato,è una notizia confortante ma malinconica. vorrei che fosse già tutto finito ma chiaro e trasparente. questa situazione è atroce per tutti

  • 18 Febbraio 2015 in 17:06
    Permalink

    Gazprom, Lukoil, o chicchessia, ma è evidente che Mapi Group a questo punto non può sputtanarsi: il denaro senz’altro arriva da un momento all’altro.
    Ma davvero pensate che per Manenti sia un problema mettere insieme una cinquantina di milioni di eurini: ma allora non lo conoscete ancora, ma dove vivete?
    Direttore, mi spiace davvero che qualcuno possa mettere in discussione quanto da lei affermato in merito al CRO del bonifico: quando questo arriverà (a questo punto, poche ore) spero che non vogliano saltare tutti sul suo carro!

    • 18 Febbraio 2015 in 17:39
      Permalink

      Ormai c’era da aspettarselo, iniziano ad arrivare i fake da tutta Italia. Ed io che pensavo che tra i reggiani o bolognesi fenomeni da tastiera solo il MAT avesse scovato questo blog. Fi Majo nel bene o nel male il tuo blig si sta “internazionalizzando”, reggio, bologna… magari fra un po’ ci sputtanano pure da Cesena o Montecatini. Saluti

    • 19 Febbraio 2015 in 09:35
      Permalink

      sai cosa arrivano gli ufo

  • 18 Febbraio 2015 in 17:08
    Permalink

    penso che la situazione sia abbastanz ridicola, sarebbe meglio per tutti fallire e scomparire….almeno si evitano certe figuracce che fanno solo male al calcio nostrano, già malato di suo.
    Meglio società come Bologna, realtà storica del calcio italiano, che hanno più appeal verso potenziali investitori esteri.

    Saluti
    🙂

    • 18 Febbraio 2015 in 18:02
      Permalink

      Ma tu Torino FC 1906 non hai un cazzo da fare nella vita a parte venire in un blog di quasi-falliti a scaricare le tue ansie digitali ? A tsi propria un povret va !

      • 18 Febbraio 2015 in 18:12
        Permalink

        Ha perfettamente ragione, evitate d’insultarlo..
        La nostra situazione è becera,sportivamente e socialmente.
        Ora è il loro momento di gioire….occhio che però è una ruota che gira Torino…..

        • 18 Febbraio 2015 in 18:33
          Permalink

          Ma se questi frustrati della vita devono gioire perchè non vanno su youporn a masturbarsi anzichè venire su stadiotardini ? Cos’é il lungo naso del Majo che li eccita ? Majo sex symbols per frustrati del web 🙁 e vaco-can !

    • 18 Febbraio 2015 in 18:20
      Permalink

      Non posso che condividere e quotare pienamente.

  • 18 Febbraio 2015 in 17:11
    Permalink

    e così il ciccione comincia a ricevere minacce.era prevedibile e sinceramente mi fa anche piacere purchè restino tali…è giusto che soffra anche lui!

  • 18 Febbraio 2015 in 17:12
    Permalink

    Majo ma oggi sei di risposo? il sito è allo sbando, l’umore dei suoi seguaci è sempre più nero. Devi intervenire!!! facci sapere se stai seguendo qualcosa, non puoi restare in silenzio.

  • 18 Febbraio 2015 in 17:12
    Permalink

    Majo ma Manenti ce la rimette la ramata in curva?

  • 18 Febbraio 2015 in 17:19
    Permalink

    Chissà come sta il Plenipotenziario…

    • 18 Febbraio 2015 in 18:33
      Permalink

      Anch’io…………. se paga. Senno’ che vada fare in culo!

  • 18 Febbraio 2015 in 17:44
    Permalink

    Perché direttore oggi è quasi assente?

  • 18 Febbraio 2015 in 17:54
    Permalink

    ve li hanno già dati i numeri del CRO da giocare al lotto?

  • 18 Febbraio 2015 in 17:54
    Permalink

    majo mi tolga una curiosità, se i giocatori mettono in mora la società e successivamente questa paga gli stipendi,i giocatori a quel punto possono ritirate la messa in mora giusto?

  • 18 Febbraio 2015 in 17:57
    Permalink

    Torino Fc, conosci il dialetto parmigiano?mo va a cagher va nador ti e la mole

  • 18 Febbraio 2015 in 18:06
    Permalink

    Direttore sai se Manenti è ancora in Slovenia alle prese con i bonifici ?

  • 18 Febbraio 2015 in 18:10
    Permalink

    Domandina secca, secca… Ma dunque Raimondi è veramente un gran cazzaro ? Lo chiedo perchè l’altra sera sembrava quasi un giornalista.

    • 18 Febbraio 2015 in 18:20
      Permalink

      raimondi è tutto fuor che un giornalista

  • 18 Febbraio 2015 in 18:13
    Permalink

    Tutto predisposto
    I mapi-soldi arrivano domani
    I mapi-soldi arrivano domani
    I mapi-soldi arrivano domani

  • 18 Febbraio 2015 in 18:14
    Permalink

    C’è una cosa che mi frulla in testa a parte che non ci si capisce più una merita mazza …. ma porca miseria chi giova comprare il Parma sapendo che ha una montagna di debiti, andare davanti a tutti e dire che hai i soldi per chiudere il buco, che fai i bonifici e poi alla fine non hai niente…. veramente mi aiutate a capire perche Manenti dovrebbe sputtanarsi in questo modo…. sarà demodè, strano quello che volete ma matto non mi pare ….

  • 18 Febbraio 2015 in 18:26
    Permalink

    Mayo Oggi non arrivano news da Leonardi visto che sibè fatto ricoverare per la seconda volta

    • 18 Febbraio 2015 in 18:42
      Permalink

      Mat dai non scherzare sulla salute del Leo è di cattivo gusto….

    • 18 Febbraio 2015 in 19:07
      Permalink

      Mat poso parlare in privato, mi dai email.

  • 18 Febbraio 2015 in 18:29
    Permalink

    Leonardi di nuovo in ospedale, segno che si mette male.

  • 18 Febbraio 2015 in 18:33
    Permalink

    Direttore, mi corregga se dico castronerie, ma la mia idea e che i soldi non arriveranno prima di domani, perché la spesa deve essere approvata dal nuovo cda che si formerà domani. E poi c’e da capire a quanto ammonta il debito con il fisco e se e restituibile a rate, tutti.motivi che inducono manenti ad aspettare di avere il quadro completo prima di pagare

  • 18 Febbraio 2015 in 18:34
    Permalink

    Egregissimo Direttore

    Ci può illuminare sulla cartella clinica del Maldidenti?

    Ma se Maldidenti è pazzo, Leonardi e Lei cosa siete?

  • 18 Febbraio 2015 in 18:42
    Permalink

    Oggi il Direttore è come il bonifico di Manenti….Non pervenuto!

  • 18 Febbraio 2015 in 22:47
    Permalink

    Direttore….è sempre dell’opinione che bisogna mantenere calma e gesso o si è sdrenato anche lei a questo punto della telenovela?

    • 18 Febbraio 2015 in 22:56
      Permalink

      Beh per sperarci ci spero sempre: ma erano speranze già ridotte al lumicino prima, immaginarsi ora…

      Cordialmente

      Gmajo

  • 18 Febbraio 2015 in 23:25
    Permalink

    Gran finocchione del Mano. Ci avevo creduto. Povret anca lo.
    A proposito la smettete di scrivere cazzate sui muri??

  • 19 Febbraio 2015 in 10:51
    Permalink

    Povero parma che brutta fine! !

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI