MANENTI A STADIOTARDINI.IT: “STASERA SARO’ A COLLECCHIO. SONO ACCADUTE PIU’ COSE IN QUESTA SETTIMANA CHE IN SETTE MESI…”. ENTRO IL 19 MARZO DOVRA’ DIMOSTRARE CHE IL PARMA E’ SOLVIBILE

(gmajo) – Non è una intervista, ma solo poche battute al telefono, raccolte mentre cercavamo di capire come organizzarci la giornata. Dopo alcuni tentativi andati a vuoto finalmente Giampietro Manenti ci risponde: il rumore di fondo ci fa capire che è in auto. Sta tornando dalla Slovenia (no, non è scappato, come insinuava qualcuno) e prevede di essere in serata a Collecchio: “sì lo immagino che c’è fermento e mi state aspettando…”, afferma quando mi faccio portavoce o addetto stampa della stampa, o circo mediatico, accampato dinnanzi al Centro Direzionale di Collecchio. Una sola battuta la dice tutta sulla istanza fallimentare d’ufficio richiesta dalla Procura di Parma per inadempienze fiscali: “Sono accadute più cose in questa settimana che in sette mesi”… Come dargli torto? L’istanza che pare ad orologeria, probabilmente era pronta da qualche giorno è puntualmente scattata il giorno 16, quando, al di là della corsa contro il tempo intrapresa, non è riuscito a non bucare le obbligatorietà in scadenza, stipendi ed Irpef: e così, al di là della nuova penalizzazione di cui si sono rammaricati ieri, ai microfoni di stadiotardini.it, sia DamianoTommasi che Alessandro Lucarelli, i quali peraltro avevano rinviato la “messa in mora”, si è palesato quello scenario di palese insolvenza del club che ha messo in moto la Magistratura. Gli scenari non è che cambino di molto rispetto a prima: nel senso che se il neo-presidente, come continua a rassicurare, riuscirà a pagare il dovuto a breve (e adesso c’è una vera e propria dead line, cioè entro il 19 marzo, quando è stata fissata la data dell’udienza dinnanzi il Tribunale Fallimentare) dimostrerà che, con il nuovo corso, la società non è più insolvente; viceversa, se non farà fronte, sarà inevitabile il fallimento. L’impressione, però, è che nonostante la palese incompatibilità ambientale (basta leggere certi editoriali locali o certi servizi sulle pagine rosa per capirlo) il “Mano” non intenda gettare la spugna: pare, infatti, che il proprio rinomato ufficio legale abbia ricevuto mandato di assisterlo anche in questa partita. Del resto, dal punto di vista economico, il fabbisogno differisce di poco rispetto a quello già conosciuto, dal momento che l’insolvenza fiscale è direttamente correlata agli stipendi non pagati a metà novembre e metà febbraio e poco altro.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

119 pensieri riguardo “MANENTI A STADIOTARDINI.IT: “STASERA SARO’ A COLLECCHIO. SONO ACCADUTE PIU’ COSE IN QUESTA SETTIMANA CHE IN SETTE MESI…”. ENTRO IL 19 MARZO DOVRA’ DIMOSTRARE CHE IL PARMA E’ SOLVIBILE

  • 18 Febbraio 2015 in 11:50
    Permalink

    E dei soldi per cui è andato in Slovenia non si sa niente?

    • 18 Febbraio 2015 in 11:56
      Permalink

      Non era una intervista. Già ho virgolettato anche troppo. Il resto ne parleremo quando si presenterà oggi alla stampa

      • 18 Febbraio 2015 in 12:06
        Permalink

        Grazie mille comunque!
        Almeno qualcuno che riporta qualcosa c’ è
        Purtroppo la curiosità è una brutta bestia direttore

      • 18 Febbraio 2015 in 12:17
        Permalink

        Si presentera’ in sala stampa?…Benone….a dire che cosa?….Aveva spergiurato che i bonifici erano partiti e in Slovenia andava per velocizzare e seguire la faccenda di persona….
        Chiedigli cosa ha combinato…se e’ tutto a posto…
        se i famosi “tempi tecnici” legati a diversi orari,banche estere etc. sono stati superati….
        Questo con un euro si spesa per rilevare la societa’ ha montato un enorme circo mediatico attorno a se che avesse dovuto farlo per meriti aziendali propri sarebbe stato impensabile da architettare….altroche’….

        • 18 Febbraio 2015 in 12:28
          Permalink

          non penso che a lui convenga esporsi cosi tanto per poi bucare clamorosamente…se buca per lui è finita e non potrà più farsi vedere nel mondo del calcio…
          Come per Rezart Taci penso sia la sua ultima possibilità…

          • 18 Febbraio 2015 in 16:24
            Permalink

            ma tu pensi davvero che sia qua perché gli interessa il mondo del calcio?

    • 19 Febbraio 2015 in 09:44
      Permalink

      Ma davvero pensate che Manenti porterà i soldi? Ma Brescia, che è a 100 km di distanza, non vi ha insegnato niente? Manenti è un mitomane, credetemi e scordatevi i soldi, vi sta a coglionà!! Ciao da Brescia

  • 18 Febbraio 2015 in 11:52
    Permalink

    Insomma ha spiegato tutto…ha sistemato le cose…trasferta slovena terminata con successo quindi….
    E’ cosi’?…
    Secondo voi e’ cosi’?…
    …….

  • 18 Febbraio 2015 in 11:53
    Permalink

    Questa storia è come un giallo solo che si conosce già l’assassino.GHIRARDI.

  • 18 Febbraio 2015 in 11:57
    Permalink

    Siamo sull’orlo del baratro, tutte le forze ci remano contro, anche quelle amiche… Solo un unica persona può salvarci: Mapi_Man.
    Generalmente sono una persona razionale, ma ora a due passi dall’inferno getto le mie ultime speranze su quest’uomo, su questo “mitomane”, che almeno si sta facendo il culo per far qualcosa e nella peggiore delle ipotesi di tutta questa vicenda, di tutti questi personaggi, mi lascerà sempre un amaro sorriso.

    Gianluigi

  • 18 Febbraio 2015 in 11:57
    Permalink

    Direttore,
    #io sto col Mano

  • 18 Febbraio 2015 in 11:58
    Permalink

    E’ vera la voce che gira in citta’ , che la partita di domenica con l’Udinese , si svolgera’ a porte chiuse per problemi organizzativi ?

    • 18 Febbraio 2015 in 13:36
      Permalink

      Chi lo dice e’ ufficialmente e pubblicamente una testa di cazzo

  • 18 Febbraio 2015 in 11:59
    Permalink

    Majo si dice solvibile

  • 18 Febbraio 2015 in 12:00
    Permalink

    Direttore, non per mancanza di fiducia eh…ma dato che i soldi stanno scalando il Mortirolo per giungere finalmente nelle esangui casse del Parma, non si potrebbe chiedere al buon Manenti di produrre una contabile di effettuato bonifico? Anche creata su Word all’occorenza.

  • 18 Febbraio 2015 in 12:03
    Permalink

    Manenti e Leonardi per lo.meno sono.GLI UNICI DUE CHE CI.METTONO LA FACCIA.L’uomo palla invece si è visto solo una volta a festeggiare Al pineta con dello champagne d’annata.Se non va in galera lui, e non viene ridotto sul lastrico,NON CREDERO’MAI PIU’NELLA GIUSTIZIA.

    • 18 Febbraio 2015 in 13:37
      Permalink

      Ghiro festeggia adesso come festeggiava Corona.
      A breve si sciogliera’ in lacrime cone Corona

  • 18 Febbraio 2015 in 12:04
    Permalink

    Mi fa venire il voltastomaco lo schifo che stiamo vivendo, mi va venire il voltastomaco questo fuoco contro un persona che bene o male è la prima dopo mesi che almeno sta cercando di fare qualcosa (e cpme dice lei non può cmq peggiorare una situazione già compromessa), mi fa venire il voltastomaco chi si augura fallimenti senza sapere che cosa significa tutto questo, mi fa venire il voltastomaco questa “casuale” catena di eventi.
    Quindi per questo #io sto col Mano

    • 18 Febbraio 2015 in 12:13
      Permalink

      Sono d’accordissimo!!!…

    • 18 Febbraio 2015 in 12:27
      Permalink

      Gianluca sono d’accordo con te.Se la sono presa più con Manenti che cerca di salvare il PARMA che con l’UOMO PALLA che ci ha DERISO UMILIATO SBEFFEGGIATO e preso per il culo

    • 18 Febbraio 2015 in 12:57
      Permalink

      nessuno si augura il fallimento, semplicemente le aziende di tutto il modo, quando non hanno più la possibilità di restare sul mercato, falliscono. Ed è giusto che sia così. E il Parma non è differente da altre aziende. Quindi vomita pure, ma da un’altra parte

    • 18 Febbraio 2015 in 13:38
      Permalink

      Questi sono i cummenda falkiti di Parma…vil razza dannata

  • 18 Febbraio 2015 in 12:07
    Permalink

    A Sky ha riferito che controllando i conti sono uscite nuove cose che non si aspettavano

    • 18 Febbraio 2015 in 12:20
      Permalink

      Caso strano son le stesse parole usate dall’entourage di Taci prima di lasciare definitivamente Collecchio…Mi chiedo come si possa continuare a dar credito a personaggi simili

      • 18 Febbraio 2015 in 12:33
        Permalink

        O forse la verità sta nel mezzo l’uomo di fiducia dei Pasotti -Ghirardi ha nascosto un boccone avvelenato dentro il Parma Fc? Che magari non è grande come dicono loro ma però è comunque pesante?

  • 18 Febbraio 2015 in 12:10
    Permalink

    La procura si è mossa anche per le aziende del territorio che hanno ingenti debiti con l’erario poiché gravemente colpite dalla crisi?
    La solerte PM immagino abbia tanto lavoro in tal senso visto le cattive condizione dell’economia locale!

  • 18 Febbraio 2015 in 12:12
    Permalink

    vabbè…ciao ciao. SERIE D

  • 18 Febbraio 2015 in 12:13
    Permalink

    I soldi dovevano arrivare al 99% lunedì, poi al 90% sempre lunedì, ,poi si farà di tutto per riuscire entro la notte / mattina di martedì e dopo Manenti é partito per snellire la procedura andando in Slovenia per riuscire a chiudere nella giornata di martedì , é mercoledì e si parla già di “domani / dopodomani”…il tutto condito dalle continua affermazione che i bonifici sono partiti..i fatti sono che per ora nessuno ha visto una lira o sbaglio?

  • 18 Febbraio 2015 in 12:15
    Permalink

    La notizia di galle è vera?
    Mi basta una risposta secca!

    • 18 Febbraio 2015 in 12:21
      Permalink

      Pare di sì, lo ha detto anche a Raimondi. Io non sono andato in argomento, ma non enfatizzerei troppo la cosa.

      • 18 Febbraio 2015 in 12:30
        Permalink

        non mi fido di Gallerani..per quello chiedevo…

      • 18 Febbraio 2015 in 12:35
        Permalink

        è possibile avere il numero di manenti?
        ormai credo sia di dominio pubblico

      • 18 Febbraio 2015 in 12:40
        Permalink

        e ci credo che la situazione non era come si aspettavano… Manenti ha deciso di acquistare il Parma dopo aver letto il televideo..

  • 18 Febbraio 2015 in 12:18
    Permalink

    Rimpallano le responsabilità tra i vari proprietari del Parma: è cominciata la danza delle accuse per mettere il cerino acceso in mano ad altri ?

    Azioni di responsabilità si incroceranno in questo bailamme, arricchito da probabili procedure concorsuali e fallimentari.

    Una delizia per avvocati chiacchieroni, periti senza scrupoli ed esperti di contabilità pallonara !

    E per i tifosi ?

    Per i tifosi tante belle trasferte in provincia ( da Fidenza a Lentigione e poi fino laggiuì a Correggio) con panini al prosciutto, salutari ed economici.

  • 18 Febbraio 2015 in 12:20
    Permalink

    Buon giorno a tutti, vi riporto questa info, sembra che Manenti abbia dichiarato a un giornalista di Mediaset che serve un approfondimento dei conti perchè le cose forse sono peggio di come sembravano.

    Cioè da quando si è insidiato non ha ancora fatto la due diligence? per fare quest’ultima servono almeno due settimane. Qui la soluzione è chiudere baracca e burattini, ripartire dall’Eccellenza se va fatta di lusso dalla D.

  • 18 Febbraio 2015 in 12:23
    Permalink

    Orsu’ signori, la faccenda sta diventando ridicola.. Sig. Majo mi permetta una critica: lei afferma l’esistenza di una “vera e propria Dead Line”, ma scusi un attimo, quella di ieri non lo era? si sta semplicemente procrastinando l’inevitabile..

    • 18 Febbraio 2015 in 12:30
      Permalink

      No, quella di ieri non la era. Quella del 19 sì. La data di ieri, ma ve lo avevo scritto ben in anticipo, era interlocutoria. Se entro il 19 il Parma non paga è fallito.

  • 18 Febbraio 2015 in 12:26
    Permalink

    Ora invece a Radio Bruno Manenti dichiara che i soldi arriveranno tra oggi e domani. Non so se ci avete fatto caso ma sto personaggio è da una settimana che continua a ripetere come un mantra “domani arrivano i soldi”, esattamente lo stesso ritornello con cui si divertì a prendere per i fondelli per 2 mesi i tifosi del Brescia.
    Per quanto andrà avanti ancora questa pagliacciata???

    • 18 Febbraio 2015 in 15:32
      Permalink

      Purtroppo è la mia stessa impressione

  • 18 Febbraio 2015 in 12:30
    Permalink

    E fallimento conviene economicamente parlando…

  • 18 Febbraio 2015 in 12:33
    Permalink

    Con questa terribile terminologia inglese (DUE DILIGENCE) l’imprenditore valuta la bontà dell’investimento.

    Possibile non sia stata fatta prima di acquistare il Parma ?

    A meno che non si stiano valutando le STRATEGIE DI FUGA che sono – e lo dico senza ironia – una componente tecnica ed essenziale della DUE DILIGENCE.

  • 18 Febbraio 2015 in 12:35
    Permalink

    Deade 81 Manenti non ci sta prendendo per il culo,il fatto è che portare in Italia simili cifre non è facile.CHI TIHA PRESO PER IL CULO E TU NON TE NE SEI ACCORTO È GHIRARDI.Svegliatevi tutti e fate ragionare il cervello SE NON VE LO SIETE GIA’BEVUTO.Ghirardi sul forum VA SPUTTANATO.

    • 18 Febbraio 2015 in 14:13
      Permalink

      E infatti che la colpa dell’attuale situazione sia da attribuire al duo Ghirardi-Leonardi l’ho sempre sostenuto e non da ieri o l’altroieri, come invece vorrebbe far credere qualcuno (direttore di questo sito compreso). Oltre a ciò, che risulta ovvio anche a un bambino (i debiti li hanno prodotti loro, mica il destino infausto…), mi permetto di sottolineare l’assurdità del teatrino che sta andando avanti dallo scorso 6 febbraio: se voi vi state divertendo, continuate pure a illudervi… io invece penso che si stia solo perdendo tempo prezioso che andrebbe speso per cominciare a programmare qualcosa che garantisca la sopravvivenza del club, visto che tra 1 mese verrà avviata la procedura fallimentare. Se voi preferite tirarla per le lunghe ancora un po’ mi sa che non vi rendete conto di quanto drammatica sia la situazione

  • 18 Febbraio 2015 in 12:37
    Permalink

    Se fosse confermata la dichiarazione di Manenti:”le cose (o i conti)sono diversi da come si prospettavano”,putroppo penso che posso essere un indizio per confermare l’ipotesi che Manenti cercasse notorietà e poi avrebbe scaricato la colpa sulla situazione precedente.Io penso che forse ha qualche conoscente (cioè chi ha disponibilità) ma si sia gettato nell’impresa con un pò di superficialità,nulla toglie che ora nel bene e nel male è al centro della cronaca.Siamo obiettivi guardando il suo curriculum se avesse disponibilità non si presenterebbe a capo di una non nota azienda (MAPI).Di solito sono ottimista ma credo che stasera se farà una conferenza stampa o rilascerà dichiarazioni saranno improntate a mettere le mani avanti (nel senso la situazione è più grave,le cose si fanno difficile…) cosa che prima o dopo senza fatti concreti doveva fare.

  • 18 Febbraio 2015 in 12:38
    Permalink

    Solo per il clima ostile che aleggia in città su di lui bisognerebbe tifare per il Mano (che comunque vorrebbe dire salvare dipendenti e fornitori e professionismo calcistico).
    Detto questo Majo se fallisse il Parma la squadra potrebbe finire il campionato oppure cosa più probabile avverrebbe il ritiro del titolo sportivo liquidazione pagamento (con cosa? ) dei creditori? Se poi fosse realmente così la squadra di D come funzionerebbe l’assegnazione della proprietà?

    • 18 Febbraio 2015 in 12:50
      Permalink

      Se fallimento viene dichiarato subito dipende dal curatore: se questi decide per esercizio provvisorio conclude il campionato, se invece non lo concede viene revocata immediatamente l’affiliazione per cui le rimanenti gare vedrebbero le avversarie del parma vincere per 3-0 a tavolino ogni incontro ovviamente non disputato

  • 18 Febbraio 2015 in 12:40
    Permalink

    Comunque voglio dire che la data del 19 è quella in cui la società verrà dichiarata fallita. Egregio Majo, già la data di ieri era decisiva per le sorti della nostra prestigiosa società. Qui siamo al secondo fallimento in 10 anni. Parma è questa ahimè in questo momento. è nessuno vuol investire qui nel calcio. rassegnamoci e smettiamola di fare falsi proclami

    • 18 Febbraio 2015 in 12:48
      Permalink

      la data di ieri, ripeto, era interlocutoria: tant’è che la penalizzazione non serve a niente e i giocatori han concesso la messa in mora. il 19 non ci sono balle o pagano o è fallimento, sono due cose ben diverse

      • 18 Febbraio 2015 in 13:59
        Permalink

        Direttore, probabilmente lei non è molto a conoscenza di diritto sportivo e fallimentare. La deadline era ieri. A tal punto che ci son stati pignoramenti di beni di proprietà. La penalizzazione arriverà la settimana prossima con molta certezza. Qui siamo al SECONDO e ripeto SECONDO F A L L I M E N TO. Qui nessuno vuole investire! e alla diciamo come stanno le cose senza illudere la gente, di illusioni ne abbiamo già viste abbastanza! MAPI group ha un capitale sociale di 7.500 euro! Faccio prima a comprare io la MAPI!

        • 18 Febbraio 2015 in 14:07
          Permalink

          prima di dare dell’ignorante a me cerchi di non scrivere castronerie lei. il pignoramento di ieri non ci azzecca nulla con la questione stipendi e messa in mora peraltro rinviata

  • 18 Febbraio 2015 in 12:42
    Permalink

    Ma come fate a credere davvero che Manenti “si sta dando da fare” o “si sta facendo il culo” ??? Manenti non sta facendo assolutamente nulla oltre a dire “i soldi arriveranno domani”.
    Nè può fare nulla. E’ solo un mitomane.

  • 18 Febbraio 2015 in 12:42
    Permalink

    Majo ma come fai a sopportarli??? Pensare che il parma abbia pseudo tifosi di questo tipo mi fa rabbrividire…

    • 18 Febbraio 2015 in 13:20
      Permalink

      Concordo con te Alessandro, purtroppo da fedele seguitore (quando ho tempo) di questo blog noto che la pazienza del buon Majo stia scemando rapidamente… É comprensibile e, purtroppo inevitabile; centinaia di messaggi che ripetono sempre le stesse minchiate/illazioni/accuse senza prove/giornalisti da google e da copia e incolla… Un plauso alla Majo pazienza e anche alla MAPI pazienza, che anche il Mano si sta sorbendo una dose di provocazioni/accuse/illazioni niente male!

  • 18 Febbraio 2015 in 12:44
    Permalink

    Sta dicendo domani dal giorno prima della sua presentazione, se non tolgono tutte quelle telecamere questo non la finirà mai, un po’ di speranza me le da la sua telefonata di stamattina che ha fatto capire che qualcosa gli ha detto ma che adesso non può dire

  • 18 Febbraio 2015 in 12:53
    Permalink

    Buongiorno a tutti
    sinceramente non ci capisco più nulla
    Cerchero di basarmi sui fatti e se qualche anima buona (Majo!) mi dà una risposta la ringrazio in anticipo
    Fino a ieri si diceva che questo benedetto CRo o SWIFT a dir si voglia era arrivato e soprattutto validato da MPS giusto?
    A questo punto se questa informazione è vera come mai non sono partiti i bonifici?
    altri problemi? non capisco a questo punto l’andata in Slovenia visto che i problemi erano in Italia a questo punto….
    oppure e mi fa terrore pensarlo in molti hanno preso un abbaglio ed in realtà confuso il CRO ecc…. con altro …..
    Per favore non rispondere che sono un illuso che tanto falliamo che è tutto una montatura ecc…. so leggere per cui già viste ste risposte
    grazie

    andrea

  • 18 Febbraio 2015 in 12:59
    Permalink

    Complimenti al vero tifoso Alessandro e al suo spirito di sopportazione

  • 18 Febbraio 2015 in 13:10
    Permalink

    mah, sinceramente che un personaggio buffo come Manenti riuscisse a trovare le decine di milioni necessarie a ripianare il buco lasciato da Ghirardi e Leonardi (che spero presto di vedere pagare per i loro reati, ché la bancarotta questo è e non si rischia alcuna querela a chiedere che cosa è stato fatto con i soldi) era più improbabile dell’arrivo degli extraterrestri a Castione Baratti. Siamo tifosi, anche sfegatati, ma scemi no…
    Cordialmente
    Vecchioalle

  • 18 Febbraio 2015 in 13:17
    Permalink

    Anche se spero nel miracolo Manenti,reandiamoci conto dell’ostracismo di 3/4 della stampa italiana,che pubblica notizie poco importanti e che sembrano godere di questa situazione. Guardando dall’esterno (o dall’estero che dopo non fanno che riportare le nostre notizie) anche se Manenti ha una qualche “conoscenza” come è possibile agevolare una qualsiasi operazione.
    Non parlo di complotto ma di alcune sadiche notizie (ovviamente non mi riferisco alla professionalità del direttore)
    Anche questa,che senso ha?Se uno vuole fare un operazione magari non” al chiaro di luna” con tutta sta bolgia mediatica come possiamo pretendere un buon esito??
    http://www.tuttomercatoweb.com/serie-a/esclusiva-tmw-parma-la-squadra-prepara-i-contratti-per-gli-avvocati-aic-le-ultime-647957

  • 18 Febbraio 2015 in 13:19
    Permalink

    Meno male che la storia non è finita ieri, grazie ragazzi che mi fate divertire ancora a seguire le avventure di Manenti e del bonifico.
    Ed oggi un grazie particolare al Direttore Majo, ineffabile investigatore, uno al quale non la si fa, ecchecazzo ha scoperto anche (ma , da grande professionista, usa il dubitativo “pare”) che sta per entrare in scena un rinomato ufficio legale: mica un avvocato qualsiasi, uno rinomato!
    Grandi ragazzi, W il parma, W l Mapi Group, W il giornalismo!!!!

  • 18 Febbraio 2015 in 13:25
    Permalink

    La vera deadline è il 19, ha ragione il direttore. Quella di ieri era in mano ai calciatori, a cui puoi anche raccontarla un po… ma al tribunale fallimentare è più difficile. Detto questo, chi non crede in Manenti, come me, sta peggio perchè si sente preso ulteriormente per il culo. Non c’entra essere tifosi o no.

  • 18 Febbraio 2015 in 13:29
    Permalink

    Scusi Majo se posso, lei a sensazione ripone nella soluzione della vicenda la stessa percentuale di cauta fiducia di lunedì diciamo o neppure lei si aspettava rinvii fino a fine settimana ( e quindi dubbi)? Grazie..

  • 18 Febbraio 2015 in 13:37
    Permalink

    Ciao a tutti, sono un tifoso del Brescia e vi sto leggendo da alcuni giorni. Ve lo giuro, mi sembra di essere tornato indietro ad un anno fa quando Manenti sbandierava ai quattro venti investimenti da 100 milioni di euro. Credetemi, questo è da internare, non ha soldi lui e dietro non ha nessuno che lo finanzi. E’ semplicemente uno che sta facendo la supercazzola ad una città intera.

    Con affetto

    • 18 Febbraio 2015 in 13:52
      Permalink

      ok, mettiamo che sia così..
      ed il ruolo di Alborghetti? complice o vittima della supercazzola?

      • 18 Febbraio 2015 in 14:22
        Permalink

        Alborghetti è già scappato !

  • 18 Febbraio 2015 in 13:42
    Permalink

    Se questo personaggio naif e sconcertante non ha combinato un accidente a Vercelli e non se l’e’ filato nemmeno per un attimo un navigato Corioni (seppur con l’acqua alla gola..) a Bresci, un motivo ci sara’…
    Non se le’e’ chiesto nessuno?….
    Maldestra manovra per diluire le responsabilita’ del raccapricciante duo Leonardi/ghirardi, intorbidire le acque e nulla piu’.
    Ad ogni modo almeno una data e’ finalmente certa, un aut aut istituzionale finalmente emesso dal tribunale e non da un’assemblea di calciatori.
    Se entro il 19 certe spettanze (ma immagino ve ne siano altre..) non sono state pagate non ci sono favole.
    Non ci sono tempi tecnici,istituti bancari all’estero che lucrano sulla valuta e bla bla bla…..
    Si fallisce.
    Finito e chiuso.

  • 18 Febbraio 2015 in 13:43
    Permalink

    Vabbè, dicono che la speranza sia l’ultima a morire. Temo che siamo all’estrema unzione. Gioco a far l’indovino: al 90% il Parma fallirà. E il 10% è dettato più dal cuore e dalla speranza che da riscontri oggettivi o logici. Difficile pensare che un sig.Nessuno acquisti una società con una valanga di debiti, scadenze stringenti, senza fare una due diligence degna di questo nome. E’ tutto troppo improvvisato e fumoso per risultar credibile. Vedremo… tanto tra aver la certezza di fallir oggi o di averla fra qualche giorno, cambia poco.

  • 18 Febbraio 2015 in 13:46
    Permalink

    La deadline!, la deadline!!
    “se il fallimento viene dichairato subito dipende dal Curatore”!!!!
    Grande Direttore, grazie!!!

    • 18 Febbraio 2015 in 14:01
      Permalink

      preciso che potrebbe esserci anche un rinvio per ulteriori approfondimenti qualora non fosse acclarata immediatamente l’insolvibilità. in tal caso il parma potrebbe chiudere la stagione

      • 18 Febbraio 2015 in 14:14
        Permalink

        magari il “sistema calcio” impedira’ per mille motivi, per non creare un precedente etc. che la stagiona non abbia a chiudersi con regolarita’…
        Ma cio’ non sposta di un millimetro la faccenda…
        Manenti mi ricorda sempre di piu'(anche se “coreograficamente” e come immagine era diverso) il Porcedda che 3 anni fa arrivo’ a Bologna dalla Sardegna….
        Se lo ricorda qualcuno?….
        E’ arrivato…mirabolanti dichiarazioni…non ha pagato mai una minchia a nessuno…
        Se ne usci’ da una caserma dei carabinieri del capoluogo (lo vidi in un servizio rai3) con la denuncia in mano appena redatta a chi gli aveva a suo dire fornito una fidejussione rivelatasi tarocca e con la raccomandazione del capitano dei carabinieri :-“mi raccomando sig.Porcedda….fatto salvo che lei e’ a tutt’oggi un uomo libero, se non ha davvero impegni imprescindibili che la legano a Bologna le consiglio di abbandonare la citta’…eventualmente i suoi interessi li possono curare commercialisti e avvocati”…..
        Cosi’ ando’….
        La storia evidentemente molto poco ha insegnato e si sta ripetendo….
        Cosi’ tornera’ a finire….

      • 18 Febbraio 2015 in 18:26
        Permalink

        perchè, forse non è già abbastanza “acclarata” secondo lei?

  • 18 Febbraio 2015 in 13:57
    Permalink

    I soldi non arriveranno ne’ oggi, ne’ domani, ne’ mai. Lo stesso Alborghetti si è defilato dicendo che il suo compito è finito. Leonardi sta cercando il modo di salvarsi il culo quando verrà accusato di bancarotta fraudolenta insieme al Ciccio.. I giocatori sperano fino all’ultimo di prendere I soldi tanto che gli costa aspettare ancora un po’? In tutto questo bailamme, Manenti si gode fama e popolarità. Fra qualche giorno dirà che I soldi sono arrivati, ma che lui non ce li mette più perché lo hanno imbrogliato.a un euro si è preso una società piena di debiti e non il gioiellino che lui credeva….

  • 18 Febbraio 2015 in 13:58
    Permalink

    Speriamo la giustizia faccia il suo corso……..ma sappiamo bene come funziona in Italia , di certo il magistrato Dal Monte sembra avere gli attributi giusti per fare giustizia……..
    Vedremo , intanto QUOTO IN PIENO i miei due “seguaci” VELENOSO E ALFREDO…

    GIUSTIZIA PER PARMA…..PER LA CITTA’……………PER IL RISPETTO DI UNA PIAZZA E DI UNA TIFOSERIA STORICA E CIVILE………………………FIN TROPPO CIVILE PER I MIEI GUSTI………………….

    TUTTI AL PAESELLO A CHIEDER SPIEGAZIONI E RISPETTO AL MANIACO DI GRANDEUR…!!!
    (SEMPRE CHE NON SIA GIA’ SCAPPATO)

    p.s. direttore , mi scusi……………se entro venerdi sera non arriva nulla è la fine …o sbaglio ???

  • 18 Febbraio 2015 in 14:02
    Permalink

    Non è improbabile che ora diversi creditori – sentendo puzza di bruciato – richiedano e facciano istanza di fallimento.

    E così si moltiplicano i fronti (O MEGLIO, LE FALLE) da tamponare.

    La vedo grigia !

  • 18 Febbraio 2015 in 14:12
    Permalink

    Anch’io di Brescia, e come dice Antani, stiamo vivendo un deja vu.
    Peccato che adesso tocchi a voi subirlo, mi spiace vedere commenti che danno fiducia a quel “burlone” di Manenti.
    Non permette a questo psicopatico di entrare a Collecchio, abbiate la dignità di porre fine a questa burla che i parmigiani non si meritano.
    Forza Parma

  • 18 Febbraio 2015 in 14:13
    Permalink

    ma lei ci sta a capire qualcosa io da esterno nn c sto a capire una mazza

  • 18 Febbraio 2015 in 14:15
    Permalink

    Scusate Vorrei farvi leggere bene questo commento…Vediamo domani che ci dice…

    VELENOSO18 febbraio 2015 alle 12:35
    Deade 81 Manenti non ci sta prendendo per il culo,il fatto è che portare in Italia simili cifre non è facile.CHI TIHA PRESO PER IL CULO E TU NON TE NE SEI ACCORTO È GHIRARDI.Svegliatevi tutti e fate ragionare il cervello SE NON VE LO SIETE GIA’BEVUTO.Ghirardi sul forum VA SPUTTANATO.

  • 18 Febbraio 2015 in 14:26
    Permalink

    Herr Direktor

    Vediamo di riassumere gli attori …………

    1) Manenti

    se qualcuno ha tempo e si rivede a posteriori la conferenza stampa di Manenti (e Alborghetti), trova tutte le risposte : dalle parole anche nei loro atteggiamenti si capisce che non pagheranno. Le altre acquisizioni, Brescia,Vercelli e cartiere Pigna non sono andate avanti in quanto non ha mai presentato i soldi. In questo caso l’acquisizione si è chiusa perchè fondamentalmente si doveva scucire 1 euro e l’operazione è andata in porto.
    Con la benedizione di Ghirardi e Leonardi che ovviamente più confusione e più amministratori e presidenti si mette in mezzo fra loro ed il fallimento meglio è per loro.

    2) Taci

    Ha concluso l’avventura esattamente dopo aver venduto Paletta.
    Il direttore Majo mi contrasta su questo punto ma vedrete che TACI è riuscito ad incassare i soldi, o parte dei soldi. Gli adempimenti economici legati al contratto di Lega e FIGC sono a carico del compratore e vengono versati dal Milan . Qualora i curatore (dopo il fallimento) rileverà mancanze sui conti ,,beh gli amministratori del momento erano albanesi, (Kodra Parma FC – non Doca che rimane uomo Dastraso e quindi Eventi Sportivi.) Quindi sicuramente non perseguibili . E Taci nemmeno figura in nessun organigramma /società. Non riceve neanche una raccomandata .

    3) Energy TI

    Giuli ha cercato ultimamente di farsi un immagine di parte lesa in quanto è rimasto come socio di minoranza di queste ultime gestioni, ed è stato cacciato a calci in culo dagli ultimi CDA.
    Si è incavolato molto con TACI e Manenti ma non ha mai detto nulla contro il Ghiro :
    Ma è molto amico di Ghirardi (bevevano e mangiavano assieme nello sky box).
    Giuli non ha mai rilasciato dichiarazioni contro Ghirardi se non qualcosa di “leggero” in questi ultimi tempi :
    forse qualcosina a calcio&calcio..ma niente di chè.
    Anche la sua società, Energy TI, da quello che si legge , non è molto trasparente :

    cosa ha fatto come primo atto : una bella sponsorizzazione di 2.5 mln – SAPETE COME FUNZIONANO LE SPONSORIZZAZIONI ??

    .ecco perchè forse non può parlare più di tanto .
    Il Ghiro nell’affare PARMA/ENERGY TI l’ha sbranato ma forse non più di tanto…….
    Sicuramente ha mangiato anche lui e quindi quello che fa oggi è il minimo sindacale perchè è rimasto con il cerino……

    4) Ghiro & Leo
    E’ inutile dire che i soldi gli han mangiati loro.
    Il compenso di AD lo prendeva il Leo … mica TACI o Manenti.
    L’ ultima conferenze di Leonardi e alcune domande che (non) gli sono state poste sono rivoltanti. Per fortuna quella dell’altro giorno dovrebbe essere (…sperèma.. )l’ultima ..

    **************************************************************************

    Ah ragass…….
    ma se entrasse in azione Vittorio Albertini con Sanz, questo sarebbe il suo momento…………ah ah ah.

    • 18 Febbraio 2015 in 15:27
      Permalink

      Quoto Filippo in tutto e per tutto.

  • 18 Febbraio 2015 in 14:54
    Permalink

    a questo punto si fa dura. Appurato che Manenti i soldi NON li ha, e che chi avrebbe dovuto darglieli NON glie li ha dati e che chi e’ andato a trovare in Slovenia (o a chiamare dalla Slovenia per evitare intercetttazioni telefoniche italiane) non si e’ detto disponibile, la fine e’ presto scritta.
    se prima si pensava di mettere una toppa con 10 milioni adesso se ne devono cacciare 50 per non fallire e non avere la messa in mora. I fornitori aprresa la notizia del fallimento faranno la fila in questura per essere ammessi al monte debiti. E Manenti puo’ ancora scamparla a livello personale ma la squadra e’ andata.

  • 18 Febbraio 2015 in 15:12
    Permalink

    Mi pare che la fine sia già in atto.

    Basta con altre sofferenze e mere illusioni !

    A meno che non voglia aspettare e assistere anche al DE PROFUNDIS recitato da Enrico Boni per acclarare che non c’è piu’ scampo?

    Non si può arrivare a tanto !

  • 18 Febbraio 2015 in 15:22
    Permalink

    Qui pero’Majo dovevi rispondere.Se c’è il CRO i soldi dovevano essere gia’partiti ma allora perché Manenti è andato a sollecitare l’arrivo del denaro se questi sono gia’stati spediti come da CRO? NON HAI RISPOSTA PRONTA VERO?

  • 18 Febbraio 2015 in 15:37
    Permalink

    Ancora con questo CRO, non esiste da gennaio 2014 il CRO
    Majo mi stupisco di lei, per quanto deve dare ancora credito?
    Ci sono molte cose che hanno dei regolamenti tecnici, superati determinati periodi, o c’è un problema o non è vero niente.
    Va bene che sperare, è sempre bello, ma questo a volte può ritorcersi contro.
    Purtroppo la sua sua vena di finto ottimismo (con taci avete aspettato, ora aspettate anche questo che è l’ultima spiaggia) viene preso dai più come un suo ottimismo sulla conclusione della vicenda.
    Non vuole essere una critica nei suoi confronti, capisco che oltre a fare il giornalista stia facendo anche il tifoso.
    Lo sà meglio di me che il Parma è già fallito, lo dica apertamente.
    e se arrivano un paio di milioni è solo per tirare a campare.
    Più tardi arriva il fallimento, più persone sono coinvolte più la magistratura farà fatica ad individuare un responsabile unico.
    aspetto un suo commento alle mie parole, la ringrazio

    • 18 Febbraio 2015 in 16:17
      Permalink

      Intanto cara vecchia gallina un commento alle tue parole per quel che conta lo faccio io.
      Hai pienamente ragione.

    • 18 Febbraio 2015 in 19:11
      Permalink

      io penso che per Majo e certi “veri tifosi” ci vogliano altri 7-8 anni per capire che “Mano” stia prendendo tutti per i fondelli. Questo personaggio si è fatto qualche comparsata in TV, ha assistito a macca in tribuna vip Roma-Parma, ha frequentato per una mattina tutti gli altri presidenti della A, il tutto alla modica spesa di 1 (uno) euro.
      Ora non gli resta che aspettare che qualche altro improbabile personaggio gli restituisca l’euro per comprarsi il Parma. Se per alcuni di voi Manenti ha il coraggio di metterci la faccia, i dipendenti, i fornitori, i calciatori e anche i tifosi ci stanno mettendo il c**o.
      Con tutto questo teatrino non pensino Ghirardi e Leonardi di schivare le loro colpe. Per la cronaca basta non pagare per un anno 50.000 euro di ritenute irpef o di iva per avere il penale. Qui siamo in una situazione dove gli zero in più abbondano.

  • 18 Febbraio 2015 in 16:04
    Permalink

    La strada è tracciata, attendiamo il bagno di sangue del fallimento… purtroppo come sostiene MAJO il fallimento è la peggior cosa che potesse accadere, e non capisco come mai ci sia tanta gente che lo invoca da tempo…
    Capisco lo sconforto e la stanchezza per tutta la vicenda, ma auspicare il fallimento è veramente la peggior cosa che si possa augurare al peggior nemico, noi lo auguriamo a noi stessi…

    Il mondo è bello perchè è vario… contenti voi…

    • 18 Febbraio 2015 in 18:04
      Permalink

      MAPI peti+tot,

      ti quoto in parte ed hai perfettamente ragione il fallimento è la peggior cosa.

      Non è questione di essere contenti x il fallimento …

      Probabilmente molti lo invocano non per vedere sul lastrico i dipendenti o fornitori ma bensì per sperare che vengano riconosciute le responsabilità di chi la creato la grana con tanto di bancarotta come fu poi fatto per Tanzi per Cragnotti o per Ferlaino o Cecchi Gori

      Non penso che nessuno goda per i dipendenti o per i fornitori del Parma

      Lo stesso dicasi per Manenti.
      E’ ovvio che non ha colpa lui del dissesto .
      Ma la sua colpa è quella di ever messo in piedi e continuare questa sceneggiata e di prendere per il sedere tutti quanti, in un momento di grave difficoltà.

      Scusate se è poco ……….

      P.S. Mi dicono alcuni amici reggiani “testi quedri” che il ns. ex AD ed ora solo DG , Leo, quando è fallita la Reggiana , lavorava li con Foglia (anche lui condannato 4 anni eh non so se mi spiego), li hanno beccati che portavano via i computer di sera dalla sede della Reggiana per evitare i pignoramenti …..

      E comunque Leonardi ha dovuto risarcire assieme ad altri amministratori 4.5 mln….

      http://davidebianchini.blogspot.it/2010/10/crac-reggiana-foglia-patteggia.html

      Sti bèn ragass…………

    • 18 Febbraio 2015 in 18:34
      Permalink

      non è così. Il fallimento serve proprio per impedire che la situazione peggiori ulteriormente, coinvolgendo ancor di più dipendenti, fornitori e fisco. Questo è lo scopo del fallimento: impedire che un’azienda decotta resti sul mercato, facendo ulteriori danni a se stessa ed alla comunità.
      E il Parma è ormai una società tecnicamente fallita. Punto.
      Dispiace, certo, ma non sarà ne il primo ne l’ultimo fallimento della storia e certamente nessuno perderà la vita per questo.

  • 18 Febbraio 2015 in 16:19
    Permalink

    anche se è veramente la cosa peggiore che ci possa capitare, il fatto che parte della tifoseria auspichi il fallimento per me non è così negativo. significa semplicemente che a parma c’è gente che mette l’onestà e la chiarezza prima della fede sportiva.
    scusate tutti ma speranze a parte qui ci stiamo facendo una figura da deficienti planetaria. come squadra, società, città…tutto insomma.

  • 18 Febbraio 2015 in 16:45
    Permalink

    Esattamente vecchialle…dopo quella di parmalat e dopo il comune pressoche’ fallito e giunta al completo agli arresti….meditiamo su quel che e’ successo in citta’ negli ultimi anni….
    Roba che come immagine e’ spaventosa…
    Nello sport e’ diverso pero’…
    Almeno qui a un certo momento puoi tiare una riga e ricominciare. Certo c’e’ da soffrire, ma altri lo hanno fatto prima e ne sono usciti piu’ forti.
    Non comprendo il ragionamento di MAPI peti+tot.
    Come si puo’ ripartire con certi macigni in capo…come….

  • 18 Febbraio 2015 in 16:54
    Permalink

    Tranquilli. Sto tornando con valige piene di soldi, oro e gemme preziose. Son talmente pesanti che mi stanno aiutando pure Taci e Doca. Ci fermiamo stasera a Carpenedolo per una bella beccata con Ghirardi (almeno 4 ore a tavola per smaltire una dozzina di portate. Il Ghiro è a dieta…stiamo leggeri), e domattina, forse pomeriggio (viaggiamo a dorso di mulo), siamo a Collecchio. Paghiamo tutto e fra due o tre anni, vinciamo lo scudetto. Quando Mapi Group scalerà Microsoft e Samsung, a breve,punteremo dritto alla Champion’s. Massimo cinque anni. E’ tutto predisposto, e, soprattutto, c’è un progetto serio. Come me.
    P.S
    Come lo vedreste Doca Ceo di Microsoft? Ci sto pensando…

  • 18 Febbraio 2015 in 16:58
    Permalink

    Penso che comunque oggi come oggi, il Parma in serie A sia uno spreco di risorse per il territorio, anche perchè molto probabilmente si affacceranno Bologna e Carpi nella massima serie, senza contare il già presente Sassuolo.
    Meglio avere delle realtà solide finanziariamente tipo Bologna o Sassuolo, che possono veicolare anche molti più tifosi allo stadio, e quindi molti più introiti da diritti televisivi.

    Saluti
    🙂

    • 18 Febbraio 2015 in 17:05
      Permalink

      Caro Torino fc 1906, sei cognato di Lotito?….
      Da un punto di vista squisitamente economico puoi pure avere ragione….
      Ma mi devi pero’ convincere che Sassuolo veicola piu’ tifosi allo stadio e diritti televisi di Parma….
      E penso che farai pure una gran fatica…

      • 18 Febbraio 2015 in 17:13
        Permalink

        certo che veicola più tifosi…..tra un pò anche il Carpi avrà più tifosi di voi….visto che verrà a giocare al Tardini…e quindi a prendersi i vostri (pochi) tifosi.

        Saluti
        🙂

      • 18 Febbraio 2015 in 17:18
        Permalink

        Pensa quanto giovamento può portare una squadra come il Toro (che non ha vinto un cazzo a livello europeo. All’estero Torino è la città della Juve,manco sanno dell’esistenza del Toro…) alla vendita dei diritti TV…eeee…c’è la fila dai cinque continenti per ammirar la famossisima squadra granata. Danno proprio lustro alla serie A…

      • 18 Febbraio 2015 in 17:44
        Permalink

        Ma valà e tu gli rispondi pure, non vedi che prende per il culo ? Aspettiamone altri.

    • 18 Febbraio 2015 in 18:32
      Permalink

      non capisco questo astio verso il parma..se siete in europa è per demeriti nostri.non certo per vostro merito visto che non siete riusciti neanche a vincere una partita truccata con un rigore inesitente…

    • 18 Febbraio 2015 in 19:03
      Permalink

      Non è un tifoso del Toro, fosse un tifoso del Toro come me saprebbe cosa vuol dire vedere la propria squadra scomparire.
      Fake sia qui che sul forum di parmafans ne ho visti l’estate scorsa.
      Poi ovviamente la madre degli imbecilli è sempre in cinta

      • 18 Febbraio 2015 in 19:04
        Permalink

        scusate, incinta

  • 18 Febbraio 2015 in 17:21
    Permalink

    Caro Ghiradello…è molto semplice da spiegare
    Tra poco meno di un mese il Parma fallisce, e i pochi tifosi che ha il Parma, andranno ad ingrossare le fila di quelli del Carpi (che giocherà al Tardini) e del Sassuolo…semplicissimo…
    Chi non lo farà tornerà a tifare le strisciate…come sempre stato.

    Saluti
    🙂

    • 18 Febbraio 2015 in 18:03
      Permalink

      Puo’ darsi tu abbia ragione….

  • 18 Febbraio 2015 in 17:53
    Permalink

    A vedere Manenti da com’è conciato sembra più uno che ha passato la notte alla stazione su una panchina che un manager. Secondo me ha messo in piedi questo casino per rimediare un paio di felpe del Parma, ne aveva un bisognone ed ha speso solo un euro.

  • 18 Febbraio 2015 in 18:03
    Permalink

    lasciando perdere il fesso di turno, torinista o bolognese che sia, a me pare che le ultime uscite di Manenti siano la prova definitiva che non c’è alcun solido gruppo dietro ma che si è trattato semplicemente di un tentativo strampalato di fare “fund raising” da parte di un signore che…beh, non voglio essere snob e mi limito a dire che Manenti è quello che sembra. A tutti, non a me.

  • 18 Febbraio 2015 in 18:11
    Permalink

    bravo Ezio: Manenti è questo e basta. Un evidente poveruomo che ha piantato un casino assurdo e ci ha guadagnato una tuta, due biglietti allo stadio e una figuraccia planetaria di cui probabilmente gli importa poco. quelli cui dovrebbe importare sono quelli che l’hanno spacciato o creduto come una possibile soluzione. spero vivamente che almeno due personaggi, uno a Parma e uno a Carpenedolo, dormano molto preoccupati, come si diceva sotto naja

  • 18 Febbraio 2015 in 18:31
    Permalink

    Cosa vuoi che ti dica vecchioalle, se non che bisogna avere il coraggio di accettare la realtà delle cose. Sognare è un diritto di tutti i tifosi, ma questo è un incubo da cui occorre svegliarsi ed anche presto. Rimboccarsi le maniche e ricominciare da zero anche dalla C1 piuttosto che buttare tutti quei soldi in una cosa che non vale più nulla e ritrovarti il prossimo anno nelle stesse condizioni se non peggio. Con un terzo dei soldi che servono ora fai uno squadrone per la C1 ed in un anno ti ritrovi in B.

    • 18 Febbraio 2015 in 18:44
      Permalink

      Ezio,

      guarda che il lodo Petrucci non esiste più. Scordati la C.- Lega PRO e quindi i professionisti.

      Riparti dalla D. (confermi Direktor??) se la nuova società avrà i soldi per iscriversi e fare la rosa. Altrimenti si scende ancora…..Eccellenza, Promozione 1a C e così via….

      Il danno più grosso che vengono cancellate le giovanili.
      Questo vuol dire che i ragazzi che giocano negli gli allievi nazionali, giovanissimi nazionali etc che ora primeggiano andranno vanno a giocare da altre parti (sassuolo, reggiana, carpi, piacenza,) se vogliono rimanere nei professionisti e sbarcare in primavera.

      Questo la gente non lo dice,,, si preoccupano tutti dello stipendio dei calciatori che comunque prenderanno i loro soldi dalla federazione e fra qualche mese saranno già sistemati……

      Sti bèn ragass

      • 18 Febbraio 2015 in 21:58
        Permalink

        È’ perfetto quello che dici.
        Il disastro e’ proprio questo: la scomparsa di un ottimo settore giovanile.
        Chi parla di fallimento e non capisce questo e’ uno scemo

    • 18 Febbraio 2015 in 18:56
      Permalink

      Ma va la’ ezio…..
      Mica vai in C1….ma nemmeno in C2….

  • 18 Febbraio 2015 in 18:36
    Permalink

    Direktor,

    fai uno sforzo recupera la conferenza di Albertini del 2005,
    integrale xrò non il blob di teleducato……………..

    dai Direktor che così la buttiamo in ridere…….

    oh ragass guardì che però Sanz l’ha tirè fora 1 MLN subìita + netor 6,5 mln dopa………….totel 7,5 mln

    Taci&Manenti gnanca un bòr…..n’so miga sà me spieg………

    sti bèn ragass

  • 18 Febbraio 2015 in 18:40
    Permalink

    ma poi viene da chiedersi: Leo, nella sua conferenza/monologo dell’altro giorno, ha detto che a presentargli Manenti sarebbe stato un NOTO PROFESSIONISTA di Parma.
    Ma ci dite chi kakkio è, per favore?
    No, perchè un noto professionista che non si rende conto, anche solo guardandolo, di chi kakkio è Mamenti è da radiare da qualsiasi Ordine professionale appartenga e, quindi, vorrei essere certo di non capitare nelle sue mani, perchè chissà chi mi presenta!!!

    • 18 Febbraio 2015 in 18:50
      Permalink

      Fabio ,
      ma second tì????

      ….Ma non esiste il commercialista …l’ha inventato il Leo.
      Le risposte le trovi nella conferenza di Manenti quando dice che avevano avuto i contatti ad ottobre prima di Taci.

      L’hanno chiamato il Leo (ed il Ghiro) per inserirlo in gioco quando Kodra ha minacciato di portare i Libri in tribunale….
      A quel punto anche se lo avevano giudicato inaffidabile ad ottobre…..arrivati a questo punto andava più che bene …

      Ragazzi Foglia per il fallimento della Reggiana ha beccato 4 anni…
      Sti bèn ragass

  • 18 Febbraio 2015 in 19:38
    Permalink

    Filippo, dici cose talmente sensate e plausibili che mi viene il sospetto che in realtà tu sia Manenti! Di’ la verità!

    • 18 Febbraio 2015 in 23:34
      Permalink

      Aiupo,
      Grz x le cose sensate….
      Non esageriamo xrò con i paragoni, Manenti rimane il top….inarrivabile.
      Nei prossimi giorni vediamo se oltre essere un mitomane è lucido:
      Anche se non ha fatto lui il buco, ma continua con la presa in giro rischia davvero… Ma nn si farà vedere….

      Sti ben ragass….

  • 18 Febbraio 2015 in 21:18
    Permalink

    Torino fc hai fatto vent anni in serie b quando noi sollevavamo le coppe europee a wembley ecc sei andato in europa Non meritandolo in quanto si e qualificato il parma prima di parlare di parma e i suoi tifosi che non conosci schiacquati la bocca da come ragioni sei uguale agli juventini vergognati e ringrazia ghirardi perche dal prossimo turno sarete gia fuori dall europa

  • 19 Febbraio 2015 in 02:30
    Permalink

    basta polemiche tutti a Genova. alla fine non sono i vostri commenti ma i numeri che contano numeri che il bilancio del parma non ha però il Parma un numero ce l ha e sono i suoi tifosi quelli che seguono sempre la squadra senza o con società loro ci sono sempre e non importano soldi o promesse fatte da burattini ma solo la vera fede che si prova a vedere una bandiera gialloblù a sventolare è un grido per incoraggiare la squadra.. penso che molta gente si sia dimenticata di cosa è fatto il calcio è che cosa sia, solo al denaro si pensa ma fa lo stesso chi ama il calcio è chi ama il parma segue la squadra anche contro il brescello o la castelnovese con questo ho detto tutto comunque andrà sempre forza parma

  • 19 Febbraio 2015 in 08:28
    Permalink

    Manenti non torna più a Parma. Accetto scommessr

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI