MANENTI A TELEDUCATO: “IL PARMA NON FALLISCE. ASSOLUTAMENTE. IERI IN LEGA HO ILLUSTRATO I PROGETTI E RISCOSSO L’ASSENSO DEI PRESIDENTI. LUNEDI CONTO DI DARE BUONE NOTIZIE ALLA CITTA’”

(Michele Angella, dal TG di Teleducato – web registrazione a cura di Alex Bocelli) – “Il Parma non fallisce assolutamente. Ieri in Lega ho illustrato progetti concreti riscuotendo l’assenso dei colleghi presidenti. Lunedi, tempi tecnici permettendo, contiamo di dare alla città delle buone notizie”. Parole del neo numero 1 del Parma Giampietro Manenti rilasciate stamani al telefono alla nostra redazione. Un segnale concreto dal punto di vista dei pagamenti è fondamentale, non tanto per evitare punti di penalizzazione (visto che la classifica è già abbondantemente compromessa) quanto per scongiurare la messa in mora da parte dei giocatori. I quali di fronte anche ad un versamento parziale potrebbero concedere qualche giorno in più di attesa. Ma attenzione, si badi bene, qualcosa deve arrivare.

Intanto è venuta allo scoperto anche Maria Isabella Camporesi, imprenditrice di Carrara, intervistata dal quotidiano La Nazione. “Avrò di certo una carica nel consiglio di amministrazione, e con me anche mio figlio Jonathan Gregori”, ha rivelato la donna, aggiungendo: “Siamo in contatto con molti investitori esteri che credono in noi e sarebbero disponibili a portare capitali nella società. Se abbiamo comprato il club a un euro? Tutto falso: abbiamo deciso di lasciar credere questa cosa sotto tutti i punti di vista, ma presto tutto sarà reso pubblico”.

“Cominceremo – ha concluso – con un piano di rientro dei debiti, rispettando le scadenze, a cominciare da quella del 16 febbraio. Dispiace per la situazione sportiva, ma crediamo molto in questi giocatori, ci risolleveremo“.

La Camporesi fu coinvolta nel 2011 in una vicenda di truffa immobiliare a Marina di Carrara. Accusa da cui è stata prosciolta. Michele Angella (dal TG di Teleducato delle ore 14 del 14.02.2015 – web registrazione a cura di Alex Bocelli)

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

56 pensieri riguardo “MANENTI A TELEDUCATO: “IL PARMA NON FALLISCE. ASSOLUTAMENTE. IERI IN LEGA HO ILLUSTRATO I PROGETTI E RISCOSSO L’ASSENSO DEI PRESIDENTI. LUNEDI CONTO DI DARE BUONE NOTIZIE ALLA CITTA’”

    • 14 Febbraio 2015 in 15:55
      Permalink

      Direttore ha letto questo post di Angelo Roversi? Mi può dire la sua impressione? Grazie

      • 14 Febbraio 2015 in 15:55
        Permalink

        Un po’ più tardi, ché ora sono in produzione…

        • 14 Febbraio 2015 in 15:57
          Permalink

          Grazie, attendo

        • 14 Febbraio 2015 in 20:06
          Permalink

           buongiorno Direttore, se lunedì prox i giocatori mettono in mora la società , la proprietà attuale o una che succeda , hanno ancora, in teoria, il tempo di trovare dei finanziamenti per sanare parzialm o completam e ripartire dalla serie B ?
          grazie

        • 14 Febbraio 2015 in 22:20
          Permalink

          ha trovato il tempo direttore?

          • 14 Febbraio 2015 in 22:47
            Permalink

            Sì. Però debbo dire che non è che abbia aggiunto molto di più alla iconografia già a mia conoscenza del personaggio, che indubbiamente si presta a un certo tipo di ritrattino. Ma se quello 0,1% che Roversi lascia di possibilità si realizza, mi sa che si mangia le mani lui e tutti gli altri bresciani (incluso il Ghiro…).

            Cordialmente

            Gmajo

    • 14 Febbraio 2015 in 17:10
      Permalink

      Quel post dice quello che qualsiasi persona sana di mente capisce al volo, quello lì non ha un euro.
      Portare avanti questa solfa serve ai giornalisti perchè fa parlare e a Leonardi per ritardare un po’ il casino.

      Ma ce lo scrolleremo di dosso velocemente Manenti?

    • 14 Febbraio 2015 in 17:13
      Permalink

      te noemi tiri sempre fuori delle fonti autorevoli…

      • 14 Febbraio 2015 in 21:03
        Permalink

        Autorevoli come quelle ufficiali che dicevano Russi Ciprioti miliardari? Bè…..

    • 14 Febbraio 2015 in 19:15
      Permalink

      in questo articolo ho letto solo tante domande, supposizioni e bruciori di CULO

  • 14 Febbraio 2015 in 15:49
    Permalink

    Attenzione a Jonathan Gregori, è molto promettente.

  • 14 Febbraio 2015 in 15:53
    Permalink

    “Lunedi tempi tecnici permettendo” ? “Investitori che sarebbero disponibili a investire” ? E continuano pure ad utilizzare il condizionale mentre al contempo rassicurano. Immagino in Lega le risate che si stanno facendo col MAPI-piano e noi qui a sperare nelle parole prive di senso e contenuto di una coppia di squilibrati che oltretutto spera che qualche pazzo metta dei soldi nella loro mapi-avventura. Basta cavoli ! Quanto dobbiamo aspettare per metterli alla berlina anche sulla stampa locale ?

    • 14 Febbraio 2015 in 15:58
      Permalink

      Mi pare che sulla stampa locale non ci siano molti favori (anche perché l’Upi che ha accreditato Taci non ha fatto altrettanto con il signor Mapi)…

      Per quanto mi riguarda, anche se mi state facendo ripetere a sfinimento, ritengo ancora prematura una stroncatura, dal momento che mi risultano movimenti interessanti. Ciò non toglie che mantenga molte perplessità. Specie dopo la conferenza stampa

      Cordialmente

      Gmajo

      • 14 Febbraio 2015 in 16:18
        Permalink

        E che cosa sarebbero i “movimenti interessanti”? Fare una passeggiata?

        • 14 Febbraio 2015 in 16:37
          Permalink

          Se due funzionari bancari di alto livello si intrattengono con il supposto mitomane immagino che la cosa sia prodromica al far pervenire i noti emolumenti

          • 14 Febbraio 2015 in 16:47
            Permalink

            i nomi di alto livello se permetti lo vai dire a qualcun altro che cominciano a girarmi le palle solo a sentire sta frase eh ?,dimmi dimmi sentiamo sti nomi ma par piaser daila’ at si pez che la dastraso

      • 14 Febbraio 2015 in 17:14
        Permalink

        Majo, non c’entra l’upi. C’è bisogno della badante per capire che manenti non ha niente e mai scucirà un soldo?

        • 14 Febbraio 2015 in 17:21
          Permalink

          non capisco tutta sta fretta. tanto in caso negativo la situazione non cambierebbe di una virgola rispetto a prima. sisicché…

  • 14 Febbraio 2015 in 16:04
    Permalink

    Parlo in generale, è sempre brutto leggere coinvolto e poi assolto, uno può essere assolto per un cavillo o essere assolto a margine di un incubo, o si dice tutto o si finisce per screditare qualcuno in modo un po superficiale.
    Deve essere stato uno spettacolo in lega

    • 14 Febbraio 2015 in 16:16
      Permalink

      Convengo: se uno è assolto bisogna lasciar perdere il coinvolto. Io, però, ho riportato il pezzo integralmente, in quanto Angella lo aveva scritto per Teleducato…

      Cordialmente

      Gmajo

    • 14 Febbraio 2015 in 16:22
      Permalink

      Bravo Gabriele, a me questa era scappata a testimonianza che certi terribili frasi (e tu hai fatto bene ad evidenziarne i limiti) a forza di sentirle passano come niente fosse per il grande pubblico, mentre per la persona coinvolta possono avere conseguenze tremende.

  • 14 Febbraio 2015 in 16:14
    Permalink

    “dal momento che mi risultano movimenti interessanti” Oh Majo c’è voluto il forcipe per farglielo dire. Approfondica approfondisca cavoli !

    • 14 Febbraio 2015 in 16:18
      Permalink

      No, non approfondisco, perché, come ho già spiegato, attendo i fatti.

      Comunque oggi il Mano era a Collecchio a colloquio con due direttori di banca. Se questi si spostano di sabato è un buon segnale. Se fosse così mitomane come si dice in giro immagino non si sposterebbero in un pre-festivo. Il rovescio della medaglia, tuttavia, è che se di sabato sei ancora a colloquio con i direttori di banca non so se lunedì sarai pronto a pagare.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 14 Febbraio 2015 in 16:24
        Permalink

        Beh insomma, se questa non è già una notizia poco ci manca. Ma lo sapevi solo tu e gli altri stanno ancora dormendo oppure sono io che non l’ho trovata da altre parti ?

        • 14 Febbraio 2015 in 16:35
          Permalink

          La so io perché i miei talponi al sabato non riposano…

          • 14 Febbraio 2015 in 16:37
            Permalink

            I pavimenti vanno puliti anche nel weekend…

          • 14 Febbraio 2015 in 16:37
            Permalink

            a stadiotardini.it, quando va bene, li puliamo una volta la settimana…

            Non capisco, tuttavia, l’allusione…

          • 14 Febbraio 2015 in 17:03
            Permalink

            Era una battuta, Majo, relax:)
            Ogni tanto mi piace provocarLa

      • 14 Febbraio 2015 in 16:35
        Permalink

        Diciamo due direttori di filiale di periferia…

        • 14 Febbraio 2015 in 16:38
          Permalink

          Del resto i soldi debbono arrivare in periferia…

        • 14 Febbraio 2015 in 16:46
          Permalink

          Gustavo e tu come fai a saperlo ? Quali direttori e quali filiali please ? Oh ma c’è qualcuno che dice qualcosa per intero o dobbiamo sempre aspettare il 16 ?

          • 14 Febbraio 2015 in 16:49
            Permalink

            Ma aspetta il 16… Che è ‘sta morbosa curiosità? Tanto che siano periferici o centrali che cambia? L’importante è il bonifico. Il resto è fuffa

      • 14 Febbraio 2015 in 16:39
        Permalink

        Però direttore converrà con me che se una persona si espone come sta facendo qualcosa sotto ci deve pur essere!
        Io non mi presentei in riunione di lega se non fossi così sicuro delle mie capacità!
        Lei sa qualcosa di più a parte i direttori di banca?
        Detto questo naturalmente attendiamo i fatti!

      • 14 Febbraio 2015 in 16:49
        Permalink

        sai cosa ne ho visti di direttori di banca negli ultimi due mesi prima che la ditta dove lavoravo fallisse ? e se vuoi ti dico che ho visto anche passarci dei liquidatori…l’unica differenza e’ che speravo come detto a teleducato il 7 dicembre che prima chiedessero un cpt cioe’ un concordato preventivo a termine

        • 14 Febbraio 2015 in 16:51
          Permalink

          Temo che tu sia rimasto oltremodo traumatizzato dal fallimento della azienda nella quale lavoravi. Chiederò al caritatevole esimio luminare professot Frank Zappa di darti qualcosa per alleviarti le pene

          • 14 Febbraio 2015 in 16:56
            Permalink

            sinceramente non me ne fotte una sega,mi son tirato su le maniche e ho trovato un altro impiego,ma se vuoi fare dell’ironia falla pure che poi ti faccio fare il bagno di sangue con ghirardi 😉

  • 14 Febbraio 2015 in 16:23
    Permalink

    Direttore leggo sempre che in un eventuale fallimento del Parma i proprietari rischiano molto, da Ghirardi in poi, ma se è una SPA il capitale a rischio è quello della società e non quello personale dei proprietari,giusto? E se anche ci fossero estremi per istruire processi i tempi potrebbero essere lunghi e non portare a condanne. Poi addirittura le successive acquisizioni sono state fatte da società con poche migliaia di euro di capitale. Quindi anche se fallisse il piano di Manenti non capisco cosa potrebbe rischiare se non al limite di non avere mantenuto le promesse..Sbaglio?

      • 14 Febbraio 2015 in 17:00
        Permalink

        Vedremo se mai succederà e speriamo non si arrivi a questo. E se anche crediamo che Manenti porti i soldi e ripianasse mettiamo caso 50 milioni di euro, metà di quello che sembra essere circa 100 milioni dei debiti totali, secondo lei ci farebbero iscrivere lo stesso al campionato di Serie B con tali passività? Basta la quota di iscrizione a inizio anno? Sempre ipotizzando che nessuno metta in mora il Parma..
        grazie.

  • 14 Febbraio 2015 in 16:27
    Permalink

    in effetti non e’ che fallisce il parma casomai la eventi sportivi,che rasa d’un imbambi’ ,ma ve lo meritate tutto sto qua

  • 14 Febbraio 2015 in 16:31
    Permalink

    A mio avviso i casi sono due: o questo Manenti è matto di suo oppure qualcuno gli sta chiedendo di fare il matto… per fare cosa non si sa bene

  • 14 Febbraio 2015 in 18:14
    Permalink

    SIGNOR ASSIOMA, GUARDI CHE LE ISTANZE DI FALLIMENTO COLPISCONO , DISTINTAMENTE, SIA FC PARMA SPA CHE EVENTI SPORTIVI SPA.
    SE UNO E’ CREDITORE DI FC PARMA, QUESTI PUO’ CHIEDERNE IL FALLIMENTO. E DI CERTO HA PIU’ CREDITORI IL PARMA CHE NON LA EVENTI SPORTIVI SPA
    L’OPERAZIONE DA FARE PER SALVARE IL PARMA ERA COMPRARE SOLO FC PARMA DA DASTRASO, LASCIANDO IL RESTO IN PANCIA A EVENTI SPORTIVI. MA CI VOLEVA PIU’ TEMPO, PER CUI INCROCIAMO LE DITA

    • 14 Febbraio 2015 in 20:07
      Permalink

      eh no fallisce la controllante in termini giuridici,quindi la controllata non puo’ piu’ proseguire la sua attivita’ per ovvi motivi,per quanto riguarda il concordato preventivo puo’ essere chiesto da qualsiasi impresa che sia a registro ed abbia un certo numero di dipendenti,cazzo me ne frega del noif al massimo ti becchi penalizzazioni e mi sembra che ci siamo gia’ dentro o no ?

  • 14 Febbraio 2015 in 18:15
    Permalink

    INOLTRE IL CONCORDATO PREVENTIVO NON HA ALCUN PRECEDENTE CON RIFERIMENTO A SQUADRE DI CALCIO.
    IO DUBITO FORTEMENTE CHE SIA UN ISTITUTO APPLICABILE, A CAUSA DELLE NOIF. MA SI DOVREBBE STUDIARE LA QUESTIONE

  • 14 Febbraio 2015 in 18:54
    Permalink

    è probabile secondo lei sig.Majo, che la mamma del Ghiro metta dei soldi x salvare il culetto del suo rampollo?

    • 14 Febbraio 2015 in 19:07
      Permalink

      Non credo proprio. Ci fosse stata questo tipo di volontà non ci saremmo spinti fino a questo punto. I Ghirardi sono completamente fuori dalla partita.
      Cordialmente
      Gmajo

      • 14 Febbraio 2015 in 19:54
        Permalink

        Fuori dalla partita si, ma non dal carcere

        • 14 Febbraio 2015 in 19:57
          Permalink

          in carcere ci va chi è cocondannato… non mi piacciono i commenti non garantisti…

  • 14 Febbraio 2015 in 20:13
    Permalink

    cocondannato….e’ il tuo solito lapsus freudiano….

  • 14 Febbraio 2015 in 23:21
    Permalink

    Adesso ce la tregua i soldi arrivano dall ucraina amici di manenti queste le trance successive 2 da 10 mil di euro

  • 21 Febbraio 2015 in 18:55
    Permalink

    DIRETTORE MA IL TEMPO PER TROMBARE?

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI