MANENTI E’ IL NUOVO PROPRIETARIO E LO SPOGLIATOIO LO ACCOGLIE CON SPERANZA

manenti(gmajo) – L’impressione dello spogliatoio crociato su Giampietro Manenti, il nuovo proprietario crociato – le quote dalla Dastraso Holdings sono state acquisite dalla sua Mapi Group – pare essere positiva, o per lo meno di speranza, raccogliendo qualche informale parere tra i calciatori maggiormente rappresentativi. Il suo stile diretto, e il suo look un po’ così (magari potrebbe sostituire la sua Skoda con la vecchia Tipo…) sembrano aver avuto presa sui giocatori, peraltro consci che peggio di come il Parma è messo non potrà andare. Manenti ha voglia di riscatto, dopo la brutta pagella che gli è rimasta appiccicata addosso dopo il precedente tentativo di acquisizione del Brescia non andato a buon fine, anche se non si capisce bene se fosse scappato dall’altare lo sposo e la sposa, che reciprocamente si accusarono della fuga, e per questo dinnanzi a Donadoni (il quale era stato piuttosto esplicito in conferenza stampa sul fatto che non saranno concesse dilazioni alla dead line del 16 febbraio, specie dopo le tante, troppe parole, sinora spese dai predecessori, senza che si concretizzasse nulla) e ai giocatori non ha avuto reticenze nel ricordare l’episodio, subito tirato a mano senza voler nascondere nulla. Del resto giusto ieri al Corriere di Bergamo, il nuovo padrone del Parma aveva dichiarato al giornalista che gli aveva domandato se avesse acquistato lui la squadra ducale: “C’entra lei? Ma le pare? Voi giornalisti scrivete che non concludo mai niente, che non ho un soldo, che ho raccontato balle e che mi vesto come un barbone. Adesso staremo a vedere, lunedì…”. Per l’inizio della prossima settimana, infatti, sono state convocate le assemblee dei soci di Eventi Sportivi (di cui ora la Mapi Group detiene il 66,5% mollato da Taci, pare per un euro) e di Parma F.C. che nomineranno i nuovi Cda. Pare che Manenti possa assumere la presidenza della controllante, ma non della controllata, ma staremo a vedere. Indubbiamente, però, la sua presenza oggi a Collecchio toglie definitivamente ogni dubbio su chi abbia rivelato il fardello da Taci. E a questo proposito, sempre all’interno dello spogliatoio, ha ben impressionato il suo ragionamento (con lui c’erano anche il nuovo AD Fiorenzo Alborghetti, l’unico membro del board sinora ufficialmente conosciuto, e quello uscente Pietro Leonardi, già dimessosi dalla carica e che potrebbe occuparsi, non si sa quanto a lungo, della sola direzione sportiva) circa il fatto che avrebbero potuto entrare in gioco dopo il 17 febbraio, cioè ad obbligatorietà ormai andate, mentre, pur consci della corsa contro il tempo hanno accettato di farlo subito, pur col fardello degli stipendi vecchi (da agosto a dicembre) da saldare per essere in pari con le cosiddette obbligatorietà. Secondo indiscrezioni, però, l’iniezione di denari – ovviamente se andrà a buon fine – non si limiterebbe a quell’esborso ma sarebbe pari a circa 50 milioni, ritenuti la cifra sufficiente per concludere la stagione senza ulteriori intoppi e per iniziare a sistemare il pregresso. E’ evidente che dopo averne sentite di tutti i colori qualche perplessità non possa che esser fisiologica, ma c’è anche la sana consapevolezza che se non fosse entrato nella partita questo personaggio la stessa si sarebbe conclusa dinnanzi al tribunale. Per cui c’è positività (lo stesso twittomane Palladino lo ha cinguettato: “Finalmente buone notizie”), ma anche una certa disillusione: sono stati abbastanza chiari – dice Radio Spogliatoioci hanno garantito i pagamenti entro giovedì o venerdì. Non ci rimane che stare a guardare e sperare, tanto un giorno più, un giorno meno. Peggio di così non può andare. Entro il giorno 16 ci hanno detto che faranno di tutto per pagare, per dare subito un segnale importante. Ci hanno riferito che hanno voglia di fare bene e l’esistenza di un piano industriale. Non ci rimane che aspettare per valutare. Lunedì ci sarà il Cda. Del resto eravamo di fatto già falliti, tutto quello che viene in più è buona cosa…

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

243 pensieri riguardo “MANENTI E’ IL NUOVO PROPRIETARIO E LO SPOGLIATOIO LO ACCOGLIE CON SPERANZA

  • 7 Febbraio 2015 in 20:37
    Permalink

    Eccoci eccoci Presidente oppala ke Strano

    Ci porti fuori dalle Sabbie mobili e ferme

    E via andiamo andiamo Ragaz

    Ke Spettacolo !!!!!

  • 7 Febbraio 2015 in 20:38
    Permalink

    Non si riesce a capire perchè un imprenditore, che sia stato Taci in precedenza oppure Manenti oggi spenda 50 milioni di euro per risanare e salvare una società al disastro finanziario e per dì più ultima in classifica. E’ un investimento che finanziariamente non ha un senso logico se non per un motivo di vero “amore” per il calcio o per il Parma calcio. Più logico sarebbe portare i libri contabili in tribunale e ricominciare di certo con altre cifre. Questo sarebbe un investimento “logico”. Personalmente non sono fiducioso che questo nuovo imprenditore metta i soldi il 16 febbraio….

    • 7 Febbraio 2015 in 21:03
      Permalink

      Aveva forse senso l’investimento di Energy (25 milioni in 10 anni). Caro lei, la logica in questa storia non ha molto spazio. Comunque aspettiamo il 16 e poi vedremo. A meno che non voglia bonificare lei i 30 milioncini…

      • 7 Febbraio 2015 in 22:03
        Permalink

        Infatti poi enrgy t group e scappato……..e non li ha messi i soldi sono tutti della stessa pasta………non se ne puo’ piu mandiamoli a casa …….su siamo seri se manenti ha 50 milioni io sono matteo renzi

    • 7 Febbraio 2015 in 22:25
      Permalink

      Considera che in generale una società di calcio “sana” in serie A meno di quella cifra non la paghi… Loro non spendono niente per il valore del club, ma si fanno carico di tutta la situazione debitoria. Che poi questo signore si rivelerà per quello che è stato anche in passato in situazioni simili lo sospettiamo tutti (così come è stato per Taci), meno chi ha dato priorità a salvare la sua di situazione con questa operazione….

      • 8 Febbraio 2015 in 09:31
        Permalink

        Il problema é che il Parma non é una squadra di serie A, vista la classifica.
        Con 50 milioni ci compri almeno 4 squadre di serie B. É tutto inspiegabile, per cui molto sospetto e pericoloso

        • 8 Febbraio 2015 in 10:04
          Permalink

          a parte che può anche evitare di percularmi chiamandosi grillo parlante, so anch’io che non ci ha acquistati la persona più limmpida di questo mondo, ma non credo che fosse meglio prima e almeno c’è un’ultima speranza. poi potrete ballare sulle macerie, che comunque non le ha fatte manenti, e che taci, invece, ha contribuito a sfasciare tra gli applausi dei tontoloni eccitatisi perché aveva preso due biglietti di distinti per fare il garsunon e con le rosee celebrazioni di chi si permette di dare dei giornalistucoli agli altri dopo aver preso un buco grosso come una voragine e scritto e detto tutto e il contrario di tutto per secoli indisturbato ed osannato.
          saluti
          gmajo

          • 8 Febbraio 2015 in 12:03
            Permalink

            Cari saluti a lei e tanti auguri

      • 9 Febbraio 2015 in 10:58
        Permalink

        Dalle cronache risulta che il Parma FC nel 2007 sia stato acquistato per 8 milioni di euro ed avesse un bilancio più lindo dell’abito bianco di una sposa all’altare.

        • 9 Febbraio 2015 in 11:12
          Permalink

          E, se non ricordo male, anche 11 ml nel cassetto…

  • 7 Febbraio 2015 in 20:41
    Permalink

    questo direttore è il secondo scoop in 2 giorni!!! non ti sembra di esagerare? 🙂

      • 7 Febbraio 2015 in 21:36
        Permalink

        Ci può dare lo scoop anche su come si guadagna da vivere Manenti? Cosa vende? Cosa produce? Non riesco proprio a trovare niente.

  • 7 Febbraio 2015 in 20:58
    Permalink

    Sperem…. Almeno ci ha messo la faccia.
    Si passa da un bresciano a un Bergamomasco…sai che derby

    • 7 Febbraio 2015 in 21:19
      Permalink

      piu che velenoso sembri avvelenato da molossi, rimani su stadiotanrdini.it aria buona fa sicuramente bene

  • 7 Febbraio 2015 in 21:10
    Permalink

    Le azoioni di Taci Manenti le ha pagate si dice un solo euro e quindi potrebbe anche essere un’operazione vantaggiosa anche perché non dimenticate che Manenti acquista amche il centro di Collecchio…..

  • 7 Febbraio 2015 in 21:13
    Permalink

    Caro direttore,vorrà mica tornare a fare l’addetto stampa al Parma?magari stavolta le fanno un contratto serio.La macchina e gli abiti un po’ passati di moda li ha pure lei

    • 7 Febbraio 2015 in 22:05
      Permalink

      Si le danno anche la skoda al posto fella tipo

  • 7 Febbraio 2015 in 21:27
    Permalink

    Spero di sbagliarmi ma che la Gazprom usi questo soggetto qua (perché ci vuole tanta liquidità per sistemare il Parma, non basta mica una media impresa) a me sembra semplicemente assurdo. Taçi almeno era un truffatore in loden e di suo ha soldi…

    • 7 Febbraio 2015 in 21:55
      Permalink

      La Gazprom ha una sede a Bari ed una a Roma, sito web con tanto di numeri di telefono, indirizzi e tutto. Non ha bisogno di teste di ponte in Slovenia per aggirare l’embargo. È il secondo estrattore al mondo dopo l’Arabia Saudita, uno come Manenti al massimo lì fa il carrellista.

  • 7 Febbraio 2015 in 21:31
    Permalink

    quando sara’ ora si sentira’ rumore di ossa che si rompono

  • 7 Febbraio 2015 in 21:32
    Permalink

    Direttore, nonostante su internet da più parti si dica che la Mapi sia in orbita Gazprom e che i soci della Mapi sono anche russi ed ucraini, lei crede che sia fondata la cosa? Dalle informazioni che ha, davvero Mapi potrebbe essere finanziata da Gazprom? Se fosse così, ho una teoria, probabilmente fantasiosa: leggendo la storia di Manenti, da Montedison a Ligresti, non credo che sia lui a finanziare il giocattolo (ammesso che lo faccia,e sono moltooo scettico), ma credo che lui sia più una figura che utilizzi soldi di Gazprom, o meglio Kerimov,che li fa uscire dalla Russia tramite la Slovenia! Questo potrebbe essere pure legato al fatto che il famoso socio russo di Taci poteva essere lo stesso Kerimov,che però poi ha preferito finanziare la cosa tramite una società di sua fiducia e no tramite un personaggio scomodo! Inoltre ho letto che la Mapi fu costituita per rilevare Pigna, ergo era una società ad hoc con lo scopo di fare altro..e stiamo parlando di 2 anni fa (aprile 2013)! Aggiungendo che la storia di Manenti non parla di certo di un imprenditore che possa permettersi ciò,con suo patrimonio personale, allora vuol dire che i soldi transitano per la Mapi,ma arrivano da altro posto! In conclusione: se fosse vero il fatto che Mapi potrebbe essere davvero finanziata da Gazprom come è scritto su internet da 2 anni a questa parte (LE CHIEDO CONFERMA IN BASE ALLE SUE INFORMAZIONI), e se (NE DUBITO ALTAMENTE) arriveranno i 50 milioni, allora credo che il vero finanziatore non sia Manenti…! La mia è fantasiosa come ricostruzione?

    • 7 Febbraio 2015 in 21:55
      Permalink

      Io la vedo come te. Chi è a capo come presidente o direttore di una società non sempre è il proprietario. Qualche anno fa avevo rapporti con una piccola società straniera (UK) che effettivamente era di un’italiano ma il direttore risultava un ragioniere britannico che faceva da prestanome. Il capitale risultava inizialmente tipo £100 ma pagava tranquillamente fatture di £30-40 mila- basta che un socio faccia iniezione di capitale all’inizio.

      • 7 Febbraio 2015 in 22:20
        Permalink

        io cercando mapi group su internet non ho trovato niente ;e in piu come si diceva gazprom non ha nessuna sede in Slovenia

  • 7 Febbraio 2015 in 21:37
    Permalink

    Da un bresciano ad un bergamasco passando per l’Albania…
    Dai che è metà febbraio ancora 3 mesi di agonia…

  • 7 Febbraio 2015 in 21:50
    Permalink

    Trovo un inquietante somiglianza tra Manenti e Ferdinando Carretta.

    • 7 Febbraio 2015 in 22:04
      Permalink

      ahahahahah figa dabo’ 🙂

      • 7 Febbraio 2015 in 22:19
        Permalink

        Si diceva che fossero a Cuba pieni di miliardi…molte indagini ma per trovarli era troppo tardi…chi sperava di trovare a Londra quello dei Carretta…che quando spara non fa mai cilecca e li sotterra con la Paletta….
        Dieci anni di baldoria a Londra senza far rumore…per la critica sei diventato un mostro senza cuore…ti accusano di non avere scrupoli per loro…ma tu gli hai detto son come un tesoro sotto sei metri sono a VIAROLO….

    • 7 Febbraio 2015 in 22:12
      Permalink

      Confermo!!! L’ho pensato anch’io già da stamattina. ..pauraaaa 🙂

    • 7 Febbraio 2015 in 22:24
      Permalink

      Veramente , ho pensato la stessa cosa…. adesso o capito dove sono finiti i soldi dei Carretta….

      Ghirardi la fatta proprio grossa……

  • 7 Febbraio 2015 in 22:03
    Permalink

    manenti aveva gia’ firmato un preliminare di acquisto del brescia un anno fa’…poi non arrivarono mai i soldi.vi auguro miglior fortuna

  • 7 Febbraio 2015 in 22:07
    Permalink

    Complimenti ai due per la fantasia. Ora è il turno di questo signore, che solo a guardarlo in faccia si capisce già che razza di soggetto è…oltre a dare l’idea di uno che si lava ogni solstizio.

    Ma quasi 20 milioni di debiti solo verso il fisco, non sono sufficienti alla procura ed alla Guardia di finanza? Se noi comuni mortali sgarriamo di 100€ ci ritroviamo i finanzieri all’uscio…

    • 7 Febbraio 2015 in 22:16
      Permalink

      Forse anche perche’ ci ricorda proprio Carretta che a Parma è cosi tristemente famoso? Cmq l’abito non fa il monaco (e in questo caso il presidente ) ma lo fanno i soldi che se arrivano bene sennò via anche Manenti. Ghirardi si presentava sempre ben pulito,strigliato e sbarbato ma sappiamo come è finita….

    • 7 Febbraio 2015 in 22:20
      Permalink

      D’altra parte se il giudizio sulle persone lo si da valutando l’aspetto fisico, siamo messi bene… Cesare Lombroso, al quale ogni tanto pure io – ironicamente si intende- mi riferisco, avrebbe avuto da ridire su molti di noi ed anche su parecchi celebri dirigenti calcistici, che per carità di patria non nomino anche perchè stanno avendo successo. Il teorema Pecorantis- o forse era Mazzo man Mazzancolle, oppure Maximo ? – ha diversi seguaci. Preferisco di gran lunga uno da aggiungere alla compagnia del tovagliolo bsonto ma che ha un progetto e investe dei soldi, ad uno tutto impettito magro, giovane e perfettino senza nulla dietro. Detto questo, aspettiamo e vediamo, il destino era segnato ed aggrapparsi a questa nuova speranza è l’unica cosa possibile.

      Direttore, visto che in questi ultimi due giorni non siamo ancora riusciti a sentirci, ti faccio gli auguri di buon compleanno e un complimento pubblico e sincero – anche se la mia stima per te la conosci- per il lavoro onesto, infaticabile e valente che hai fatto in questi giorni, a cui i lettori stanno dando giusto premio.
      Fiero di far parte, seppur nei limiti tecnici ( sono un dilettante) e di tempo che ho, della squadra di Stadiotardini.
      Un abbraccio

      Alessandro

      • 7 Febbraio 2015 in 22:28
        Permalink

        un abbraccione a te e grazie per la stima che mi riponi e per l’aiuto a stadiotardini.it

      • 8 Febbraio 2015 in 02:23
        Permalink

        Se Cesare Lombroso fosse vivo ti darebbe due pattone sul coppino, caro Alessandro Dondi. Qua il problema non è il tuo bavaglio che sembra un paracadute per elefanti africani o il fatto che Manenti si veste come uno che fa i tuffi dentro il bidone degli indumenti per i poveri. Qua il problema è che il Parma è finito in mano a una persona che non ha una lira, vive con la mamma a 50 anni, gira con la morosa polacca disoccupata, guida una Skoda, ha una azienda di giardinaggio con un dipendente e la sua Mapi (mai redatto un bilancio e nessuno sa di cosa si occupa) è un capannone. Se poi vogliamo aggiungere del folklore alla storia ci sono anche la galera e qualche bel pestaggio. Dove è finito il Majo che fa le pulci a tutto e tutti? Majo, l’unico uomo al mondo la cui integerrima morale lo farebbe polemizzare anche sull’odore dei calzini di chi compra il Parma. No, in questo caso si passa sopra a tutto e l’impresentabile Manenti, poverino, non deve essere lombrosianamente analizzato. Povera stella, lui che ha preso per il culo tutta Brescia e che palesemente non ha i soldi per salvare il Parma. Però guai a dire che dietro questo qua c’è qualcuno, suvvia, lui è il nuovo proprietario e sgancia i cinquantelli. Davvero una buon’anima. Non può permettersi un’auto decente ma salva il Parma. Vedi Dondi, non siamo tutti stupidi come le capre; se poi tu non hai capito che qui si sta sorvolando sul passato di Manenti per chissà quali secondi fini, be’, cosa ti devo dire, il tuo livello di lecchinaggio per il tuo Direttore raggiunge proporzioni tipo Emilio Fede con Berlusconi. E poi sai cosa? Lombrosianamente parlando il tuo bavaglio è orrendo e -L’ABITO FA IL MONACO- se fossi tu a millantare di avere 50 milioni di euro per salvare il Parma ci sarebbero due strade, esattamente come per Manenti: prestanome o tragattino. Per il bene del mio Parma spero la prima opzione.

        Ciao.

        Adam Rollo.

        • 8 Febbraio 2015 in 12:13
          Permalink

          bravo adam, e mi hai anche fatto ridere di fronte a una roba che fa solo piangere

    • 8 Febbraio 2015 in 14:36
      Permalink

      Si la finanza non deve aspettare ls procura,,,,,,,,,gli accertamenti potrebbero farli come li fanno sugli scontrini ai commercianti non capisco il colonnelllo non sente odore di bruciato il ghiro che scappa e leonardi chevsi prende un tirabuson dallla paura

    • 8 Febbraio 2015 in 20:31
      Permalink

      IL PARMA SMENTISCE CHE PROTO ABBIA COMPRATO….ennesima figura del piffero (x essere buoni) della vegognosa Gdp…..hanno rotto il cxxo veramente….basta…buffoni……..Avvoltoi sulle spalle dei tifosi moribondi storditi da continui comunicati…Sfruttatori di noi altri che cerchiamo di saperne di più sul l’amato Parma! GDP SCIACALLI SENZA SCRUPOLI

  • 7 Febbraio 2015 in 22:10
    Permalink

    Io so solo che questa persona è stato mio allenatore di calcio quando giocavo negli allievi del Molino, squadra di Limbiate, per l essattezza del quartiere di villaggio Giovi. Tutto mi sembrava fuorché un ricco imprenditore. Tra l’altro in quel periodo si dovette assentare per più di un anno a causa di un periodo di villeggiatura a S. Vittore.

    • 8 Febbraio 2015 in 01:41
      Permalink

      Se confermato, ci mancava davvero solo uno che è stato a San Vittore…..dai che è davvero Carretta che ha cambiato nome 😐

  • 7 Febbraio 2015 in 22:15
    Permalink

    Buonasera Direttore,
    Fam.Pesenti, cartiera Pigna, Mapi Group, impresa Pizzarotti,
    Come scriveva un lettore questa mattina esistete un filo logico…
    Cosa ne pensa?

  • 7 Febbraio 2015 in 22:21
    Permalink

    Direttore mi scusi, ma il fatto che lei sia abbastanza ottimista su questa nuova società mi sembra abbastanza bizzarro. Ok, che eravamo in cattive acque anche prima, ma qui non è cambiato nulla. Siamo sempre nelle mani di un soggetto che non metterà mai nel Parma serietà e il denaro che serve. Spero che la sua fiducia non sia dovuta soltanto alla gratitudine nei confronti di chi gli ha fatto fare lo scoop.

    • 7 Febbraio 2015 in 22:26
      Permalink

      primo non sono ottimista, secondo non devi ringraziare per lo scoop nessuno tranne la fortuna e la casualità oltre che il mio fiuto. anzi non credo affatto che il mio scoop sia stato goduto da Manenti e c. però vedo che c’è sempre genye pronta a infangare. capisco l’invidia ma io sono persona diversa da lei e da tutti quelli che trovano secondi fini nel mio pulito e onesto operato.
      saluti

      • 7 Febbraio 2015 in 22:37
        Permalink

        Io Majo non penso che lei abbia doppi fini, penso che lei sappia più di noi, non può negare che visto da fuori Manenti paia totalmente privo di soldi ed anche di credibilità. Non esiste nemmeno mezzo indizio sul web che questo sia un imprenditore.

        • 8 Febbraio 2015 in 06:31
          Permalink

          No scusa ma la faccia di Ferrero? E i precedenti dello stesso? Questo e’ il calcio oggi. Aspettiamo il 16 a giudicare please

          • 8 Febbraio 2015 in 08:31
            Permalink

            Ferrero è strano ma si sa esattamente in che campo opera e che è un uomo ricco.

          • 8 Febbraio 2015 in 17:49
            Permalink

            Ferrero w’ un bollettaro. Guardati il registro dei protesti

  • 7 Febbraio 2015 in 22:29
    Permalink

    questo Manenti ha abbastanza la faccia da pagliaccio..la reputazione non lo aiuta.speriamo ke non sia un ciarlatano..forse mira a lavorare a Zelig. i kiakkieroni me stanno sui korioni

  • 7 Febbraio 2015 in 22:38
    Permalink

    Ma lo volete capire o no che anche questa volta si ripeterà lo stesso copione già visti con Taci, cioè il nulla del nulla?
    D’altronde, perché mai un impero del calibro di Gazprom dovrebbe usare soggetti improbabili come questi? Ma dai! D’accordo essere tifosi, ma almeno non coglioni da credere a queste sceneggiate

  • 7 Febbraio 2015 in 22:45
    Permalink

    Il glorioso parma svenduto dall albanese ad 1 euro
    E ora di fare casino e anche tanto.
    Basta prestanomi chi è che mette i soldi e da dove arrivano quali sono i loro progetti e chi è il vero proprietario se non si chiariranno queste cose è inutile parlare

    PIZZAROTTI CHIEDI GARANZIE

    • 7 Febbraio 2015 in 23:35
      Permalink

      Possono arrivare anche dall’Isis…..L’importante è’ che arrivino

      • 8 Febbraio 2015 in 01:42
        Permalink

        Impossibile. ..per loro è reato che merita la pena di morte anche solo guardare una partita in tv

    • 8 Febbraio 2015 in 00:29
      Permalink

      Caro Augusto,

      posto che avevo specificato che il discorso della cessione del Parma alla Mapi Group per un euro è un “narra la leggenda” poiché io non ero personalmente presente dal notaio dr. Donato Rubinetti in quel di Codogno nel momento del passaggio delle azioni che la Dastraso aveva acquistato dai Ghirardi-Pasotti, vorrei dirti che puoi evitare di stracciarti le vesti perché in questo caso specifico è un esercizio inutile, in quanto il glorioso Parma costa non solo l’euro che va nelle casse di Rezart Taci (il quale fa una ricca plusvalenza, perché, sempre secondo la leggenda, Ghirardi gliela aveva venduta a zero, dunque ci guadagna ben 1936,27 lire del vecchio conio) ma appunto anche il fardello di debiti che ora passa nella disponibilità dei nuovi investitori.
      Vorrei, infine, ricordarti che anche la nostra gemellata Sampdoria, altrettanto gloriosa (loro, anzi, hanno anche un Tricolore) è stata ceduta per la medesima ingente somma, ma anche in quel caso con una discreta eredità di vecchi conticini da sistemare.
      Cordialmente
      Gmajo

      • 8 Febbraio 2015 in 01:45
        Permalink

        Che poi se ci aggiungiamo i 2,5 milioni della vendita di Paletta Taci ci ha pure guadagnato e in soli due mesi di poco sbattimento. …

  • 7 Febbraio 2015 in 22:47
    Permalink

    Trovo inquietante la somiglianza tra Manenti e Taci.

  • 7 Febbraio 2015 in 23:01
    Permalink

    Io capirei tutte queste critiche verso Manenti se fossimo stati in buone mani e di colpo ci fossimo trovati con una nuova proprietà, ma data la situazione, con un piede e mezzo nella fossa credo che qualsiasi tifoso debba quantomeno attendere questi benedetti 7/10 giorni prima di sentenziare… Vorrei anche ricordare che i “io l’avevo detto” “tanto lo sapevo” “a me non mi fregano due volte” ecc… lasciano il tempo che trovano perchè sia che si finisca in D, sia che ci si iscriva alla B diffidenti, ottimisti, criticoni o creduloni nulla cambia: ci finiamo tutti… Nella speranza di evitare il fallimento io, da tifoso, cerco di aggrapparmi a tutto, ad ogni appiglio e tutte le volte che si presenta la minima possibilità di salvezza (societaria) voglio sperarci fino in fondo, un conto è dire sarò in curva anche in D e un altro è preferirla piuttosto che sperare fino in fondo al miracolo…

    • 7 Febbraio 2015 in 23:24
      Permalink

      Sono daccordo al 100% con te Marcunziker. Anche a me questo Manenti non piace per niente, ma non capisco il processo alle intenzioni dal momento che arrivati a questo punto c’è poco da fare gli schizzinosi.

    • 7 Febbraio 2015 in 23:32
      Permalink

      Hai ragione sul fatto che non è una gara di pronostici ma a volte il tifoso, sconfortato, si sfoga, è da maggio che tutte le novità si trasformano in badilate nei denti

    • 8 Febbraio 2015 in 00:15
      Permalink

      Quoto al 100% E complimenti per l’equilibrio…

      Non sopporto sempre questo odioso clima di muro contro muro per cui si debba esser pro o contro qualcosa: mai che si cerchi di valutare gli aspetti positivi e negativi… Per questo dico: complimenti per la sua realistica analisi.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 7 Febbraio 2015 in 23:02
    Permalink

    mi dispiace per la squadra ma questa sembra una Karnevalata…ma dove sta la serietà..a far ste figure con sti personaggi recidivi? doveva presentarsi a bonifici fatti non prima..si stanno ripetendo gli stessi errori. mancava ancora sto Don Abbondio qua….”I promessi schei” secondo tempo

  • 7 Febbraio 2015 in 23:14
    Permalink

    La cosa positiva è che tra una settimana avremo la situazione molto chiara. Il tempo è ormai terminato e mi viene da dire… Meno male! Perchè di questa poca chiarezza, gente che va e che viene, soldi che non arrivano ormai non se ne puó proprio più. Penso che la gente di Parma voglia solo chiarezza, basta pagliacci

  • 7 Febbraio 2015 in 23:35
    Permalink

    Non ha nulla a che vedere con la nostra caotica e sgangherata situazione, però, da appassionato di calcio francese quale sono, apro una finestra sull’Europa (tutto il mondo è paese, in fondo) e vi rimando al curioso ma al contempo drammatico caso del Lens (tra l’altro, avversario del Parma di Stefano Pioli in Coppa UEFA nel 2006/2007).
    http://www.goal.com/it/news/94/calcio-internazionale/2015/01/29/8419362/terremoto-in-ligue-1-lens-retrocesso-dufficio-a-fine
    I giallorossi – che, neopromossi, sono stati condannati alla retrocessione d’ufficio al termine della stagione, per la cronaca, sono in mano ad un magnate dell’est, che l’anno scorso non aveva pagato una somma di circa 10 milioni di € per avere le carte in regola con la Ligue 1…
    Quante coincidenze!
    🙂
    Un saluto a tutti.
    Lorenzo Fava

  • 8 Febbraio 2015 in 00:20
    Permalink

    Che cosa dice in queste ore l’ex Plenipotenziario, egregio Majo?
    Ah, auguri per il compleanno.

    • 8 Febbraio 2015 in 00:34
      Permalink

      Grazie per gli auguri. Il Plenipotenziario? Mica sono il suo portavoce…

      Cmq credo che – sempre ammesso tutto vada a buon fine – possa tirare un sospiro di sollievo. Piuttosto spero per lui che abbia un buon apparato digerente per aver ingurgitato un gatto vivo…

      Cordialmente

      Gmajo

  • 8 Febbraio 2015 in 00:23
    Permalink

    In questa storia manca solo Magalli…

  • 8 Febbraio 2015 in 00:33
    Permalink

    Auguri Direttore! Grande Acquario. Io li compio l’11. auguri anche a Velenoso.

    • 8 Febbraio 2015 in 00:41
      Permalink

      Grazie Alberto P e auguri anche a te per l’undici.Ciao.Dall’otto all’undici i MIGLIORI ACQUARI DEL FORUM.

  • 8 Febbraio 2015 in 00:37
    Permalink

    Questa volta ragazzi sento che È LA VOLTA BUONA.Sono un po chiaroveggente e capto nell’aria qualcosa di molto positivo.Capto che la sfiga se ne è andata e SON CERTO che tutto ora girerà diversamente.TUTTO CAMBIERA’COME IL GIORNO E LA MOTTE. Son pronto su questo a giocarmi la reputazione guadagnata in tanti anni di onorato servizio sulla gdp.Chi vuole scommettere io sono qui.Auguri a MAJO che compie gli anni,io li compio lunedì, se qualcuno vuole farmi gli auguri….

    • 8 Febbraio 2015 in 00:38
      Permalink

      auguri…
      Tra l’altro abbiamo lanciato la moda di festeggiarli il giorno prima…

      • 8 Febbraio 2015 in 00:45
        Permalink

        Gabriele sono le O,45 di oggi 8 febbraio pertanto gli auguri non te li ho fatti il giorno prima…….Ciao,sei grande come giornalista e NON È UNA SVIOLINATA MA È LA SACROSANTA VERITA’.

  • 8 Febbraio 2015 in 00:45
    Permalink

    Auguri direttore, mille di questi scoop!

    • 8 Febbraio 2015 in 00:52
      Permalink

      grazie mille, sperando che lo scoop non sia solo fine a se stesso ma che sia positivo per il parma.
      cordialmente
      gmajo

  • 8 Febbraio 2015 in 00:51
    Permalink

    Peró dicono che porta sfiga fare gli auguri prima!
    E di sfiga credo che fino adesso ne abbiamo avuta fin troppa!

  • 8 Febbraio 2015 in 01:02
    Permalink

    Pochi giorni fa si era finalmente “convinto” della presenza del socio russo. Ora?
    Ci crede ancora?
    Pensa che ci possa essere la gazprom dietro?

    • 8 Febbraio 2015 in 01:04
      Permalink

      dietro taci non vi era alcun socio russo, tant’è che ha tagliato l’angolo, mentre Manenti, che non conosco, mi risulta abbia collegamenti.
      cordialmente
      gmajo

      • 8 Febbraio 2015 in 01:07
        Permalink

        Auguri Direttore!

      • 8 Febbraio 2015 in 01:22
        Permalink

        Ma lei l’altro giorno aveva la teoria del socio russo che abbia fatto un passo indietro con taci per poi riproporsi con altra proprietà no?

  • 8 Febbraio 2015 in 01:08
    Permalink

    Salve sono reggiano ma voglio fare i complimenti a majo pochi giornalisti sono cosi preparati come lei e cosi seri non ascolti quello che dice non ricordo il mome quello che urla sempre kmq MI sono fatto dell idea che e vero solo un pazzo potrebbe spendere soldi x una società indebitata’ ma potrebbe avere dei introiti in futuro un saluto

    • 8 Febbraio 2015 in 07:51
      Permalink

      Quello ke Urla sempre è Nato nelle Sue zone

      Certo siete più bravi Voi con le Kazzate dette

      L’ avv. Markesini in Primis

      Del resto Voi trà il Sekkia e l’ Enza

      NON siete MAI senza

      FORZA PARMA

      • 9 Febbraio 2015 in 00:07
        Permalink

        Ma e reggiano davvero? Bè e simpatico ma kmq non c’è piu nessuno che investe nel calcio ma ha suoi interessi ma Parma e anche in una posizione buona poi si sa la nostra regione e famosa x il cibo e sicuramente chi vi compra non e per fare beneficenza che non la fa nessuno ma avrà dei ricavi sicuramente ma fate attenzione perché c sono molti che vogliono fare il passo piu lungo della gamba

  • 8 Febbraio 2015 in 01:11
    Permalink

    Le premesse non sono esaltanti ma tant è ormai non ci resta che aspettare il 16/02 per avere finalmente chiarezza in un senso o nell’altro e porre fine a questa vicenda grottesca.
    È avvilente assistere a tutto ciò: a volte mi chiedo se tutta questa storia non sia altro che il conto da pagare che la Storia ci invia con 10 anni di ritardo, a saldo dei fasti dell’era parmalat, strameritati sul campo ma germogliati su una montagna di soldi finti…
    Io penso che la Lega calcio, checché ne dica Galliani, non possa limitarsi a fare da spettatore in questa vicenda, ne va della credibilità della lega stessa. La serie A è un Club super esclusivo di 20 società che danno vita ad un business con interessi milionari ma soprattutto alimenta la passione di milioni di tifosi. Non è accettabile che in questo esclusivo ‘circolo’ possano affacciarsi così facilmente personaggi solo in cerca di facile pubblicità e senza garanzie.
    Come tutti non conosco Manenti anche se da quel che leggo non c’è da essere particolarmente ottimisti. Faccio solo un’ultima riflessione: il calcio italiano di oggi, salvo poche eccezioni, è un investimento in perdita ed è finita l’epoca in cui grandi Gruppi acquistavano società come veicolo pubblicitario e quelli che sono rimasti hanno finito da un pezzo di buttare soldi (vedi Fininvest col Milan). Bisogna solo sperare in qualcuno che abbia passione per il calcio, voglia di metterci un po’ di soldi inizialmente e soprattutto capace di fare i conti.

  • 8 Febbraio 2015 in 01:16
    Permalink

    Sig. Majo forse ho tendenze vagamente lombrosiane ma io questo “ottimismo” di fronte alla vendita del Parma a questo strampalato Manenti non so da dove si possa trarre.
    Temo che anche il suo entusiasmo di qualche giorno fa fosse basato su notizie ben diverse…o almeno lo spero, perchè in caso contrario sarebbe tutto alquanto bizzarro.
    Da tifoso quasi cinquantenne sono arrivato a sperare in un fallimento: vedere il nome del Parma infangato da una serie apparentemente infinita di “tragattini” mi da’ il voltastomaco, o meglio, l’imbastigo

  • 8 Febbraio 2015 in 01:23
    Permalink

    Ho avuto l’opportunità di incontrarla ai tempi in cui lavorava al Parma e ho molto apprezzato la sua gentilezza e il suo rispetto per tutti,giornalisti d professione e semplici amatori come me che all’epoca davo una mano a Zagnoli. Essendo persona seria e coerente, con amore per il Parma e oer la professionalità senza brama di apparire né di sakire sui vari carri in questo periodo ho seguito e diffuso tra gli amici solo le sue di notizie, e i fatti cone spesso accade sono dalla sua parte. Complimenti e buon compleanno, giornalistucolo é chi la definisce tale e chi,cone ha ricordato il buon Ampollini, si smentisce da una settimana all’altra basandosi sul senno di poi perché con quello del prima non ne azzecca una. Quanto al nostro amato Patma la spina era giá staccata. Non mi pare brutto si stia tentando di riattaccarla in extremis. Se funziona é un miracolo, se no non cambia nulla dunque non vedo nessun nuovo problema. Al massimo una potenziale opportunità. Calma e gesso ma anche un sorriso e un po’di fiducia. Mal che vada sarà serie d come molti,per finta e scaramanzia, si augurano/immaginano. Marco Zanichelli

    • 8 Febbraio 2015 in 02:36
      Permalink

      Scusi Zanichelli, in che senso “dava una mano” a Vanni Zagnoli? Lo aiutava a non fare errori grammaticali, a mettere le virgole e a non fare affermazioni imbarazzanti in pubblico?

  • 8 Febbraio 2015 in 01:26
    Permalink

    Chiedere ai tifosi del brescia e capirete In che mani siamo finiti. Che vergogna!

  • 8 Febbraio 2015 in 01:40
    Permalink

    Buon compleanno direttore.

  • 8 Febbraio 2015 in 02:05
    Permalink

    Siamo passati da “non so chi sia” ad uno che va a presentarsi alla squadra, mi sembra già un bel passo avanti. Non vedo cosa ci costi aspettare una settimana… auguri direttore!!

  • 8 Febbraio 2015 in 02:54
    Permalink

    Come prima cosa auguroni di buon compleanno!!!!! Poco fa ero
    in macchine sintonizzato su radio sportiva, sentivo che stavano trattando l’argomento parma con qualche loro ospite. A quel punto stavo pensando come mai una radio così improntata sullo sport non l’avesse contattata, fu così che un secondo dopo sento che aprono il collegamento con te…… complimentoni per le splendide battute , chissà che qualcuno si sia accorto che quando bisogna affrontare l’argomento parma va fatta una telefonata al diretore di stadiotardini!!!!!

  • 8 Febbraio 2015 in 06:48
    Permalink

    Offro 50 Euro
    Non è una questione di muro contro muro, se me lo consente offro 50 Euro, pagabili tramite bonifico, a chi mi manda il link ufficiale ad una delle 29 aziende che Manenti sostiene di controllare, potete inviarlo a sito@sitoweb.xyz , se lo postate qui non pago perchè voglio l’esclusiva dello scoop, Il sito del Parma FC non vale.
    E’ la quarta volta che invio il commento, continuo a ricevere un errore.

  • 8 Febbraio 2015 in 07:23
    Permalink

    Grazie per gli auguri a Velenoso!

  • 8 Febbraio 2015 in 07:36
    Permalink

    Stavo pensando che a Modena in occasione della partita Modena – Catania l’arbitro Chiffi insieme ai capitani delle due squadre ha valutato le condizioni del terreno di gioco provando a fare rimbalzare il pallone. Alla fine è arrivata la decisione: partita rinviata a causa del fango presente in alcune zone del manto erboso.
    Resta il fatto che la neve caduta a Modena era simile in quantità a quella caduta a Parma, ma loro hanno sgomberato campo, gradinate e strade intorno allo stadio per tempo in solo 24 ore. Qui a Parma, nonostante si dovesse giocare dopo 48 ore dalla nevicata, non siamo stati capaci di organizzarci, anzi qualcuno mette persino in dubbio che si possa giocare mercoledì. Sindaco Pizzarotti: SVEGLIOT !!!!

    • 8 Febbraio 2015 in 09:09
      Permalink

      Ma se chi deve spalare non è pagato da un anno,la voglia gli va via e lascia che sia il sole a fare quello……… SPORCO LAVORO.

    • 8 Febbraio 2015 in 09:22
      Permalink

      Da quando il comune deve sgombrare aree private?il tardini,campo e tribune,e’ gestito dal Parma calcio che deve provvedere in proprio a rendere agibile l’impianto.

      • 8 Febbraio 2015 in 13:18
        Permalink

        Il Comune deve provvedere a sgomberare l’area prospiciente lo stadio! E non è stato in grado di garantirlo diversamente da quanto ha saputo fare il Comune di Modena.

      • 8 Febbraio 2015 in 13:33
        Permalink

        Quando passi in Piazzale Risorgimento

        Guarda ALTO verso il Monunemento

        Stadio Comunale Ennio Tardini

        Lo dice la Parola stessa

        Da vedere volendo ci sono 4 Bandiere

        Almeno Fino 10 minuti fa

    • 8 Febbraio 2015 in 15:15
      Permalink

      A modena era una cosa diversa, nel senso che il gos non ha chiesto il rinvio prima – mentre a Parma sì – e il modena è stato costretto dai regolamenti a spalare il campo due ore prima dell’inizio consegnandolo all’arbitro e per farlo, pena partita persa, ha dovuto utilizzare trattori e cingolati distruggendo il manto. A modena per questo c’è polemica feroce. Meglio per noi che a Parma il gos abbia chiesto il rinvio prima

  • 8 Febbraio 2015 in 08:15
    Permalink

    È’ quello che ho penato anch’io!

  • 8 Febbraio 2015 in 08:31
    Permalink

    Ragass la verita’ e’ che qui non c’e’ nessuno che al momento voglia affrontare spese “straordinarie”. La neve e’ arrivata e da sola col tempo se ne andra’

  • 8 Febbraio 2015 in 09:07
    Permalink

    Taci,venendo meno l’aiuto russo,e accortosi che oltre a non guadagnarci niente da un eventuale e probaile fallimento dopo aver incassato per il disturbo i 2 milioni per la venduta di Paletta TACI si è defilato e Manenti è vero che si è preso sul groppone 50 milioni di debiti ma la società l’ha pagata da TACI un solo euro.Se considerate che il centro di Collecchio non vale noccioline,tutto sommato. puo’essere stata un operazione fahvorevole perché tutto è costato 50.000.001 euro. Euro più, euro meno….

    • 8 Febbraio 2015 in 09:20
      Permalink

      i soldi di paletta restano nel parma, il centro sportivo, col suo stuolo di ipoteche, resta agli eventi sportivi, di cui mapi ha acquisito da dastraso il 66,5 delle quote. la plusvalenza di taci? un euro…

  • 8 Febbraio 2015 in 09:19
    Permalink

    Azzeriamo tutto..cosa dobbiamo aspettare di più di quello che abbiamo aspettato..a questo punto è più dignitoso!

    • 8 Febbraio 2015 in 09:31
      Permalink

      non è certo quest’ultimo capitolo della storia, ove le cose andassero male, a risultare detdeterminante. gli errori gravissimi, inclusi i tre mesi persi da taci, sono stati commessi prima.
      l’azzeramento totale vorrebbe dire la certezza della perdita del posto di lavoro per dipendenti e collaboratori oltre che la perdita del credito per i gornitori, il tutto senza che si salvi la categoria con annessa ripartenza tra i ddilettanti. a questo punto meglio tentare la cura di bella con Manenti. male che vada siamo morti e sputtanati lo stesso tanto come prima. e agli indignados per quest’ultima operazione che prima si spellavano le mani nell’applaudire il fantasmino taci con le sue apparizioni da garsunon dico che sono ridicoli. adesso fanno gli Sherlock holmes da tastiera a buoi abbondantemente scappati. cocomplimenti…
      saluti
      gmajo

      • 8 Febbraio 2015 in 10:07
        Permalink

        Il problema è che ormai la gente e i tifosi (quelli veri) non ne possono più e con il cambiare delle situazioni e delle notizie in pochissimo tempo si passa dalla euforia alla depressione in un attimo…
        ormai ci siamo mancano pochi giorni e poi sapremo di che morte dovremo morire…
        per quanto riguarda Donadoni e i calciatori rimasti devono solo fare una cosa preparare bene la partita con il Chievo e magari se ci riescono vincerla (non sarebbe impossibile riuscirci) e fare vedere a tutti che loro le partite non le vendono alla faccia di Tommasi il sindacalista sfigato…

  • 8 Febbraio 2015 in 09:21
    Permalink

    Sarebbe ennesimo salto nel buio..io sto con Donadoni!

    • 8 Febbraio 2015 in 10:06
      Permalink

      Donadoni spera in manenti, senza concedere prproroghe. mi pare che sia quello che dovremmo fare un po’ tutti

  • 8 Febbraio 2015 in 09:32
    Permalink

    Lo spogliatoio accogli il Presidente con speranza.

    Quale speranza ?

    Speriamo che non sia solo “la speranza di mel vestì, e ca faga un bon inveron ! “.

    Altrimenti, saremmo davvero – nel rigore invernale – MISS MEL ed in brache di tela.

  • 8 Febbraio 2015 in 09:33
    Permalink

    Il centro sportivo senza una squadra che lo possa utilizzare e’ un asset dal dubbio valore che genera solo costi.Col Parma in serie d a collecchiello la faranno da padrone erbe infestanti e vandali.Dubito che la curatela possa permettersi un servizio di vigilanza.Ah.dimenticavo che non falliremo…Ci salverà’ Manenti…

  • 8 Febbraio 2015 in 09:35
    Permalink

    Auguri Sior Majo!!!P.S.aspettiamo e vedremo peggio di così non andrà certo

  • 8 Febbraio 2015 in 09:36
    Permalink

    Spero proprio che Taci non abbia incassato nemmeno 1€ per la vendita di Paletta. Sarebbe da gridare allo scandalo!!!
    Io lancio una proposta per il prossima annata calcistica (ovunque si faccia) Una squadra di soli giocatori italiani e con stipendi calmierati. Magari meno sogni di risultati eclatanti ma almeno i bilanci a posto per le stagioni a venire.

  • 8 Febbraio 2015 in 09:37
    Permalink

    Resta il fatto – e questo va riconosciuto ampiamente – che in mezzo a questo marasma l’unica voce chiara e puntuale è la Sua direttore.

    La Sua professionalità ed il rigore nell’informazione vanno riconosciuti e sono davvero una fiaccola per chi ricerca un briciolo di verità in una situazione caotica e fuorviante.

  • 8 Febbraio 2015 in 09:40
    Permalink

    Avere fiducia ok..ma se vedo la faccia di manenti..è preoccupante Majo!..noi saremo anche provincialotti ma c’è bisogno di facce pulite..hai sentito i commenti di Corioni, che non è l’ultimo arrivato ed è un uomo di ottantanni!

  • 8 Febbraio 2015 in 09:44
    Permalink

    Approvo Majo quello che dici..è che appena vedo la faccia di manenti..la preoccupazione aumenta anche x chi aspetta i soldi..magazzinieri ecc..hai letto ciò che ha detto lottantenne Corioni?

    • 8 Febbraio 2015 in 09:53
      Permalink

      si, appunto l’ottantenne corioni…
      siccome barilla non è alla porta e hai una sola settimana di tempo, non puoi che farti andare bene puzzolo turandoti il naso. se va male sarà lo stesso quella grande distruzione catartica che tutti invocano.
      cordialmente
      gmajo

  • 8 Febbraio 2015 in 09:51
    Permalink

    È l’essere in balia sempre di qualcuno che ci ha svuotati della speranza e parlo anche a nome di chi deve prendere gli stipendi. .spero che questi non abbiano sentito le dichiarazioni di Corioni..maama!

    • 8 Febbraio 2015 in 10:07
      Permalink

      sentire corioni è come sentire ghirardi… e non parlo solo dell’accento bresciano…

  • 8 Febbraio 2015 in 10:08
    Permalink

    Certo che a furia di turarsi il naso non si sente più neppure il profumo della dignità….

  • 8 Febbraio 2015 in 10:09
    Permalink

    Io mi chiedo inoltre come sarebbe stato se al posto del parma ci fossero state squadre col solito bacino più ampio..tipo toro samp ecc.. forse qualche organo in più si sarebbe mosso oltre alle parole del solo tommasi!..a me sembra anche che tutti abbiano lasciato correre..dobbiamo lasciare il posto a società sane come il carpi?..ormai le penso tutte..non ci tutela nessuno questo si!

  • 8 Febbraio 2015 in 10:12
    Permalink

    Buona domenica direttore. A naso, secondo lei, si tenterà un concordato privato con i fornitori?

    • 8 Febbraio 2015 in 10:16
      Permalink

      grazie. non riesco a fiutare oltre il 16 febbraio. se si supera quella data è evidente che la nuova società proverà ad abbassare e spalmare i debiti. ma se Manenti non paga entro il 16 saranno danni permanenti

  • 8 Febbraio 2015 in 10:13
    Permalink

    Mayo però corioni non riesco a paragonarlo al ciccione!..ha tenuto il bs tantissimi anni e non ha lasciato tantissimi debiti..dai lo sai anche tu il paragone non regge..ok?

    • 8 Febbraio 2015 in 10:14
      Permalink

      no no caro il paragone regge eccome. anche sui debiti

  • 8 Febbraio 2015 in 10:20
    Permalink

    Buon Compleanno Direttore!! Con l’augurio che il tuo progetto stadiotardini.it possa darti anche le tanto meritate soddisfazioni economiche, credo che quelle personali ed emotive non manchino!

    Ps. Io ti compro tutti i banner pubblicitari se blocchi i commenti di Velenoso (quelli in stile polemica sui rifiuti sulla gazzetta) 🙂

    • 8 Febbraio 2015 in 10:29
      Permalink

      il vuoto per pieno è già tuo. mandami dati fiscali per la fattura… 🙂
      ciao grazie gmajo

      • 8 Febbraio 2015 in 10:35
        Permalink

        Mi è tornato in mente un tuo commento in settimana: “speriamo nel secondo atto della Traviata”, ora che le condizioni societarie sono un po’ più chiare, me lo puoi spiegare??

  • 8 Febbraio 2015 in 10:35
    Permalink

    L’osservazione non era ovviamente rivolta a Lei.La stimo e per il sottoscritto rappresenta la prova lampante che le persone valide sono fatalmente emarginate.Dalla lontana Sicilia La seguo anche tramite il Link con tele ducato.(e poi mi sta anche simpatico)
    Cordialità

  • 8 Febbraio 2015 in 10:46
    Permalink

    bene direttore ora non ti resta che lo scoop finale… scoprire chi c’è veramente dietro a manenti… buona fortuna 🙂

    • 8 Febbraio 2015 in 11:41
      Permalink

      ma lo avete scoperto voi da tempo, i mitici russi che vi han fatto sognare…

  • 8 Febbraio 2015 in 10:49
    Permalink

    Cari amici parmigiani non ergiamoci subito a giudici, abbiamo già sperimentato nella vita che spesso le parole contano davvero poco difatti come diceva già Zenobio “Una cosa è quel che dice Leucone, un’altra quel che porta l’asino di Leucone”.
    Dunque a parlare saranno i fatti e le scadenze prossime.
    Ne approfitto per ringraziare il direttore Majo per stadiotardini che, oltre ad essere una fonte preziosa, ha per molti di noi tifosi funzione catartica consentendoci spesso di sfogare le nostre opinioni mosse dal risentimento di questa agonia.
    Buona giornata a tutti

  • 8 Febbraio 2015 in 11:09
    Permalink

    Non tifo Parma, ma da Bergamasco ed Atalantino volevo esprimervi solidarietà in questa situazione. Penso che siete caduti in balia di gentaglia (prima gli albanesi, magari in buona fede e sorpresi dall’ammontare reale dei debiti – ed ora questo tizio che tutto sembra tranne che un imprenditore). Questo Manenti da noi è conosciuto solo per le balle sparate sulla Pigna e poi sul Brescia. Vedo che nessuno nota come le cifre che propone sono sempre le stesse 19 milioni. A me questo inquieta. Come il parlare di pagare gli stipendi sperando di strappare una ennesima nuova data per saldarli, non il 16. E i debiti? Nuova dilazione? Ma bisogna essere d’accordo… Infine va bene sperare sempre ma in questo caso mi dispiace per voi ma mi pare che manchi il realismo. Chiedete ai Bresciani per veri scoop.
    Scusate lo spazio rubato, a voi tutta la solidarietà che tifosi veri meritano

  • 8 Febbraio 2015 in 11:10
    Permalink

    Nell’intervista sul corriere della sera di oggi Alborghetti parla di Manenti come “uomo che ha condotto la trattativa” per conto di un compratore di cui ancora non può rivelare il nome, un compratore definito “Gente coi soldi”…

  • 8 Febbraio 2015 in 11:37
    Permalink

    Alborghetti in un intervista al coriere della sera dice che chi ha rilevato il parma è pieno di soldi…..
    e fa capire che dietro Mapi G. ci siano i veri SOLDI

  • 8 Febbraio 2015 in 11:40
    Permalink

    x squasso e after:

    https://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=XH3EE599hKw

    dai cazo, tutti insieme!!!! Ke questo è un CREDERC1!

    ORGOLIOSO DEL NUOVO PRESIDENTE.
    Ke io ho già preso l’impermeabile e la berretta e tt insieme faremo della parmigjanità, anke nei parketti. Ke la gente, anzi: LA NOSTRA GJENTE, pagherebbe x vedermelo. Ke nn ve lo descrivo x nn sembrare quello ke si vanta.
    NO AI MINARETI BIANCHI di Al-Majo e il Mullah Dondi. No alla dead-line del 16, si al prontobus x il Bla-Bla e x via Trento.
    SI AL PROGRESSO, NO AGLI STIPENDI ARRETRATI.

    Questo sito x me non è sufficjentemente LESBO-FRIENDLY.

  • 8 Febbraio 2015 in 11:40
    Permalink

    Maio intanto auguroni io sono del 1959 un po piu vecchio di tè aime, ti volevo porre 2 quesiti ma nel caso i soldi arrivassero dopo il 16 quando i giocatori probabilmente metteranno in mora la societa nel caso arrivassero si potrebbe bloccare la messa in mora o no?
    mi ricordo che angelo busani notaio di parma ora a milano ha curato il passaggio poi sfumato del brescia e conosce manenti
    lui e nicolucci non lavoravano a teleducato anni fa?
    Prova a contattare busani che penso tu conosca meglio di me per ottenere qualche informazione in piu

    Ciao

  • 8 Febbraio 2015 in 11:41
    Permalink

    Happy birthday Mr Director !!

    Mi unisco poi al coro dei complimenti per gli scoop di cui il suo sito è sempre protagonista e aggiungo un personale e sincero ringraziamento per l’ impegno nel fornire agli appassionati le uniche informazioni chiare e trasparenti sul Parma Fc che in qualche modo ci aiutano ad alleviare le nostre pene, o, quantomeno, ci permettono di capire il motivo delle nostre sofferenze.

    Continuate cosi !!

  • 8 Febbraio 2015 in 11:42
    Permalink

    La rosea dice gazprom speriamo sia cosi

    • 8 Febbraio 2015 in 11:44
      Permalink

      schianchi, in una delle sue mitiche evevoluzioni, sta già salendo sul carro? stupendo…

      • 8 Febbraio 2015 in 11:49
        Permalink

        ecco vedi schianchi ti ha fregato lo scoop…

          • 8 Febbraio 2015 in 11:57
            Permalink

            In che senso?

          • 8 Febbraio 2015 in 12:05
            Permalink

            …in che senso?

          • 8 Febbraio 2015 in 12:19
            Permalink

            smarmittare, figa, figa pelosa, porco dighel!!!!!!!

            Mi piace questo presidente xkèèèèè??? Sto diventando forse Riccione? Ma ditemi in sostanza se c’è….. qlc che affronti
            il governo, i matusa e Majo con grinta e simpatica verve
            come quel matto di Supergiovane.

            NOI GIOVANI DOPO QUESTE NOTIZIE LIMONIAMO FELICI.
            E a lei Majo, dico solo: ZIO CANTANTE. Ke voi matusa avete perso.

  • 8 Febbraio 2015 in 11:51
    Permalink

    Buon Compleanno Majo!
    Approfitto per ringraziare perché attraverso il sito riesco a seguire le sorti del Parma in modo diretto, nonostante viva ed abiti a diversi chilometri di distanza.
    Spiace ricordare che, se avvenisse, il fallimento non sarebbe il primo per la nostra squadra: il Parma è stata la prima società a costituirsi in S.p.A., quando non c’era obbligatorietà, ma anche la prima a fallire nel 1970 con successivo subentro della Parmense.
    Per quanto riguarda la preoccupante attualità, non vorrei fare il fenomeno né l’uccello del malaugurio ma che sarebbe finita malamente modestamente l’avevo “nasata” già con l’estromissione dalla coppa europea. Non solo per il fatto in sé ma per le evidenti balle che Ghirardi e Leonardi portavano a giustificazione. Tutto il successivo “DisASTROSO” avvicendarsi di situazioni paradossali hanno confermato i sospetti dei tanti. A questo proposito considero veramente strabiliante la coincidenza della presentazione del libro di Russo “Gol di Rapina” proprio a Parma in questi giorni… perché la mia convinzione è sempre stata che la logica di questo teatrino stia proprio nell’analisi fatta in questo libro. Tutto possiamo pensare, ma non certo che i vari protagonisti fin qui succedutisi, purtroppo credo anche l’ultimo, siano degli stupidi sprovveduti.
    Grazie per l’ospitalità

  • 8 Febbraio 2015 in 11:53
    Permalink

    Il nostro presidente è anke un supereroe:
    https://www.youtube.com/watch?v=JQaXsQ22RMk

    contro il governo, i matusa e Majo.

    INVECE DI DARE GLI STIPENDI AI DIPENDENTI, AIUTIAMO IL CATOBLEPA.

  • 8 Febbraio 2015 in 11:54
    Permalink

    Non fidandomi ormai più di nessuno ( Majo escluso) mi sono dato da fare e PURTROPPO ho scoperto che quel MANENTI è conosciuto a Salsomggiore e quel “PURTROPPO SALSESE” la dice lunga sulla trattativa in corso per l’acquisizione del Parma. MA chi sta manovrando questa telenovela demenziale questo film horror? CHI STA MANOVRANDO I FILI di tutte queste teste di legno,di tutti questi BURATTINI? Mi sa tanto che la FINANZA tra un poco dovra’ fare nuove assunzioni perché il lavoro “SPORCO”che dovramno fare a Parma e a Carenedolo, sarà in QUANTITA’ INDUSTRIALE. Altro che scandalo Parmalat……

  • 8 Febbraio 2015 in 12:08
    Permalink

    Scusa majo mi sono dimenticato gli auguri..buon comple!

  • 8 Febbraio 2015 in 12:08
    Permalink

    Ad ogni modo mancano ormai pochi giorni.Se questi vogliono pagare,lo faranno entro venerdì.Se entro venerdì non ci saranno i soldi non ci saranno nemmeno lunedì. Uno che vuole pagare non aspetta l’ultimo secondo quindi venerdì sera potremo gia sapere il finale di questo giallo e scoprire gli assassini o il salvatore del Parma.La finanza sta già lucidando le.medaglie sul petto e pulendo i pennacchi.Da martedì nella sede del Parma e a Carpenedolo, la finanza SCATENERA’L’INFERNO.

  • 8 Febbraio 2015 in 12:11
    Permalink

    Mayo questa situazione ci fa assistere a dei teatrini stupendi..che ne pensi della disputa ampo-schianchi?..il bello che erano molto seri e rancorosi!..almeno con il buon boni si ride..

  • 8 Febbraio 2015 in 12:12
    Permalink

    Parere personale è che lo stesso signore che stava dietro a Taci abbia cambiato solo vettore. Che non sia tanto convinto dell’acquisto, che abbia scelto Parma perchè nonostante tutto un minimo di prestigio dagli anni ’90 è rimasto, perchè evidentemente ha in programma investimenti in Italia e , tra le società con le pezze al culo in Italia, la più prestigiosa è questa. E che le possibilità che alla fine di tutto si esponga e che tutto vada a buon fine siano bassisime.

    Alternative non ce ne sono, io finchè non vengono pagati gli stipendi e sistemate le pendenze non ci credo, ma non c’è molto altro in cui credere per uscire da questa situazione.

  • 8 Febbraio 2015 in 12:23
    Permalink

    ciao a tutti, scrivo da Padova
    un anno fa di questi tempi, mentre noi tifosi ancora speravamo in un’improbabile salvezza, un paio di ***** amici di Ghirardi spolpavano la società e in parte la sua storia. come erano venuti dal nulla, così se ne sono andati. Non sappiamo ancora a tutt’oggi chi avessero dietro, ammesso che qualcuno effettivamente ci fosse. Trovo diverse inquietanti analogie tra la nostra e la vostra vicenda, soprattutto per l’atteggiamento tenuto dalle parti in causa, per il complottismo da quattro soldi, per il vittimismo pusillanime di chi continuava a voler vendere arrosti quando persino i più ingenui vedevano solo coltri inenarrabili di fumo.
    Vi auguro da tifoso che questo nuovo proprietario abbia le capacità di evitare l’inevitabile, ma vi invito a non farvi illusioni. Faccio fatica a credere che un imprenditore dotato di un minimo di raziocinio possa gettare in un pozzo senza fondo 50M per risanare debiti non creati da lui, a meno che non si tratti di qualcuno che abbia veramente a cuore le sorti del Parma. E non mi sembra questo il caso. Mobilitatevi invece, riunitevi sotto i vostri simboli ed i vostri colori, coinvolgete il territorio e così potrete ripartire, con un club in mano a persone oneste e possibilmente innamorate della squadra e della sua storia. Noi abbiamo fatto così, e nonostante la quarta serie, il futuro sembra più roseo oggi di 12 mesi fa.
    In bocca al lupo.

    • 8 Febbraio 2015 in 18:47
      Permalink

      Caro Filippo, noi gia’ abbiamo le nostre croci e di certo non interessano le vostre e dei ***** amici di Ghirardi, pero’ solo per dovere di cronaca, il Sig. Pedocchio e il Sig. Valentini quando hanno rilevato il Padova era gia’ in uno stato fallimentare e poi successivamente per il totale fallimento non fantasticare troppo nel cercare un anello di congiunzione tra il Parma e il Padova, ma per il totale fallimento vai a bussare alla porta del tuo sindaco e vedrai chi muoveva i fili dei burattini. Grazie

  • 8 Febbraio 2015 in 12:29
    Permalink

    Ormai si crede solo al ns majo ..l’unico a metterci il naso..speriamo bene e che provano dal cielo tanti dindini x il ns parma ormai dai mille colori e mille lingue parlate:russo-cipriota-albanese-sloveno-catariota-bresciano-bergamasco..ma i pramsan?..

  • 8 Febbraio 2015 in 13:13
    Permalink

    Oltre al bravo Majo mi auguro che anche la Guardia di Finanza inizi a “metterci il naso” dentro questo DISASTRO economico provocato dal bambinone di Carpendolo.

  • 8 Febbraio 2015 in 13:23
    Permalink

    ma insomma…I soldi dovrebbero metterli domani o giovedì?come sempre gran confusione

  • 8 Febbraio 2015 in 13:25
    Permalink

    La titolare di una lavanderia di Parma mi ha confidato che non ha mai lavato tante divise della finanza come in questo periodo. Tassativamente le divise dovranno essere lavate e stirate entro e non oltre la sera di lunedi’ 16. Chissà poi perchè? Secondo lei Majo non le sembra strano questo? Cosa sta bollendo in pentola?

  • 8 Febbraio 2015 in 13:32
    Permalink

    In un altro campionato di calcio o nella NBA americana sarebbe mai accaduto tutto ciò ad una società più o meno gloriosa?..secondo me no!..attenzione ne vale anche della credibilità di un intero campionato! Ripeto chi deve controllare, solo la g.di finanza? Ma la lega di serie A puo permettere questa farsa..il comune ecc.. possibile che siamo solo noi tifosi ad essere responsabili e preoccupati dei posti di lavoro che si perderanno?o

  • 8 Febbraio 2015 in 13:33
    Permalink

    Sembra che Ghirardi vada ad abitare altrove. Quando i boys gli hanno detto che gl ifarano il regalo a Pasqua, lui invece di ringraziare se le sta dando a gambe.

  • 8 Febbraio 2015 in 13:52
    Permalink

    C’è una cosa che non mi quadra però Majus: hai smerdato Taci e la sua corte dei miracoli albanotta ancor prima che mettesse piede a Parma, cercavi trafiletti che ne parlassero male persino su Donna Moderna ed eri pronto a riportarli meglio di un segugio… e ora? Stiamo finendo in mani peggiori (almeno a quanto si legge) e tu? Non si muove foglia, non sei più così fiscale nel riportare gli articoli smerdanti della gazza su questo Manenti, ti vedo troppo morbido, come se questa volta avallassi l’operazione. Come mai? Cosa si nasconde dietro questo tuo repentino cambio di strategia?

    • 8 Febbraio 2015 in 15:06
      Permalink

      Forse stavolta i russi ci sono davvero è il direttore forse ne sa qualcosa!

  • 8 Febbraio 2015 in 14:08
    Permalink

    Ciao a tutti fratelli gialloblù. Vivo nella Vs. Città da 6 mesi anche se la frequento per motivi personali da quasi 10 anni . La situazione attuale del Parma FC mi ricorda molto la storia che ha vissuto il Doria prima dell’era Garrone. Alla fine degli anni 2001 la Sampdoria gestita dai figli di Paolo Mantovani era praticamente fallita con circa 70mln di passivo a bilancio. La città pur avendo i dirimpettai bicolori si mobilitò soprattutto con Confindustria Genova che si interessò della vicenda e il defunto Riccardo Garrone fece da garante per cercare investitori credibili che potessero salvare ed investire soldi nella società. Si presentò un emissario referente di uno sceicco arabo che garantiva un investimento complessivo di 150 min garante Riccardo Garrone la cui storia e potenza economica era nota al mondo intero. Bene lo sceicco si chiamava Antonino Pane elemento noto per i suoi intrallazzi (recentemente Condannato x truffa ai danni della famiglia Garrone x questa vicenda) e maneggi, Riccardo Garrone rimase col cerino in mano e dovette acquistare la Sampdoria per “forza”.
    Ho scritto questo perché mi chiedo come istituzioni, imprenditori Confindustria Parma non si siano minimamente interessati, stando a quello che più volte hanno scritto i media, alla situazione drammatica del Parma FC. Forse la storia gloriosa, i tifosi, un bene assoluto della città, il prestigio di una squadra che negli anni scorsi ha portato il nome di Parma in giro x l’Europa e per il mondo non meritano una soluzione seria e stabile a questa gravissima situazione societaria? È mai possibile che una città con un tessuto economico finanziario di prim’ordine come Parma che vanta imprenditori di primissimo livello non si sia interessata minimamente alla situazione finanziaria drammatica della società di calcio?
    Spero che questo signore sia realmente una persona seria ed affidabile perché altrimenti i signori imprenditori parmigiani avranno loro per primi sulla coscienza il fallimento della società.
    (Chiaro i responsabili materiali e legali sono i vecchi amministratori).
    Infine Dr Majo oltre ad associarmi agli auguri per le sue candeline spente le esprimo il mio totale apprezzamento per la sua professionalità ed il cuore che mette nell’esercizio della sua professione. Molti suoi colleghi genovesi le assicuro dovrebbero prendere esempio da lei.
    Mi scuso per l’intrusione e comunque non c’è categoria che tenga ….. Noi rimarremo sempre fratelli. FORZA DORIA E FORZA PARMA

    Giorgio

    Ps. Dr. Majo la Sampdoria è stata venduta da Garrone a Ferrero effettivamente a 1 € ma azzerata dai debiti (circa 23mln) pagati dai Garrone prima di girare le azioni dalla San Quirico spa holding di famiglia . Inoltre la stessa famiglia Garrone ha emesso una fideiussione bancaria fino al 12/06/15 a copertura di eventuali problemi … Serietà delle persone altro che taci e compagnia cantante …..

    • 8 Febbraio 2015 in 18:47
      Permalink

      Gli imprenditori di Parma se ne fregano della squadra e confindustria con loro. Gli fa schifo la squadra,forse perché un tempo era di Tanzi o forse perché sono gobbi o altro. ..cmq sono una gran delusione x tutti noi tifosi…

  • 8 Febbraio 2015 in 14:12
    Permalink

    Concordo col Ns. amico padovano.. è il senso dei miei messaggi!..se non ci sono investitori “pramsan” chi butterebbe via non 50M ma ben 70M secondo il Ns. amico Giordano.. questo presidente o presunto tale, non l’ho ancora capito, si vuole godere un po di notorietà e pubblicità..majo invitalo a scrivere e a discutere con noi.. abbiamo tanto da chiedergli.. gli renderemo noi tutta la notorietà che si merita.. vogliamo vedere chi sono e i soldi..basta il Parma non è un giocattolo..

  • 8 Febbraio 2015 in 14:14
    Permalink

    scusate quello senza nome ero io..

  • 8 Febbraio 2015 in 14:23
    Permalink

    Majo, dei miei collaboratori alla parmigjanità, presso il ns ritrovo al Free Shop di via Trento, mi hanno fatto notare che il nuovo PRES ha una certa somiglianza cn Ferdinad (ma miga Rio).

    https://www.youtube.com/watch?v=JWKg_LBYpPI

    C’è la possibilità ke Ferdi abbia un ruolo di spicco nella controllata? Ke noi siamo a favore xkè diciamo IL PARMA AI PARMIGJANI. Ke qui ci vorrebbe della NOSTRA GJENTE, ke nn faccia mai cilecca.

  • 8 Febbraio 2015 in 14:50
    Permalink

    Grazie x la solidarietà amico blucerchiato!

  • 8 Febbraio 2015 in 15:00
    Permalink

    Ragazzi so per certo che non arriverà una lira…. Siamo nelle mani di un mitomane…. Partiamo per caroenedolo. I parmigiani ringraziano….

  • 8 Febbraio 2015 in 15:52
    Permalink

    un “presidente” (virgolette mie) che afferma “troveremo i fondi” (virgolette autentiche).. e noi dovremmo nutrire fiducia? e perchè? e perchè lei la nutre, Sig. Majo? ce lo spiega? o si tratta di comprensibili ma infondate speranze? in tal caso da tifoso sono solidale con lei, pur nella assoluta consapevolezza della triste fine cui è destinato colui che vive sperando….

  • 8 Febbraio 2015 in 16:05
    Permalink

    LA TABOIL CORPORATION LLC E’ IL NUOVO PROPRIETAIO DEL PARMA
    Maria Isabella camporesi co-prprietaria di Mapi Grup è Director della Taboil UK
    http://www.bizi.si/MAPI-GRUP-D-O-O/
    http://www.dellam.com/08781718-TABOIL%20%28UK%29%20LIMITED.html

    La Taboil è un’zienda petrolifera con see negli Stati Uniti, San Salvador e Portogallo, con uffici negli Emirati Arabi, Lussemburgo, Svizzera ed appunto Regno unito
    http://www.taboilcorporation.com/

    Della Taboil fa parte tra gli altri Giancarlo Luca D’Angelo, Canadese residente in Russia
    http://www.companydirectorcheck.com/giancarlo-luca-d-angelo

    Non so se davvero ci sono loro dietro, ma la mia ricerca mi ha portato qui, chi non cita http://www.pramzan.com come fonte dell’ipotetico scoop è un reggiano.

    • 8 Febbraio 2015 in 17:53
      Permalink

      Taboil UK sembra una società dormiente….cioè non sta lavorando.
      Taboil Corporation mi sembra completamente un altra cosa.
      Es. Mapi Group non è solo la società di Manenti ma c’è anche un grosso gruppo Mapi nell’ambito ricerca medico o similare.

  • 8 Febbraio 2015 in 16:12
    Permalink

    Ragazzi se questo MANENTI paga entro lunedì io prendo i voti e vado in un convento.Questo è un MITOMANE, guardatelo in faccia,ha una SKODA, ha l’aria di uno sfigato.LA NOSTRA MIGLIORE VENDETTA E’LA FINANZA.Speroamo che i veri responsabili del fallimento del Parma paghino con una lunghissoma galera.

    • 8 Febbraio 2015 in 17:26
      Permalink

      Aspetta e Spera ke poi si Avvera

      Alè Crociati !!!! Mai Domi !!!!

      Lo Stadio NON si Tocca !!!!!

    • 8 Febbraio 2015 in 18:10
      Permalink

      Ti consiglio il convento di Boggio in Val Venosta…aria fina

      • 8 Febbraio 2015 in 19:51
        Permalink

        Ti consiglio invece il NULLA

        Mi sento la canzone di Vasco

        PANACOLO di una Ponga

        Vamos Parma

  • 8 Febbraio 2015 in 16:25
    Permalink

    dei 7500 euro di capitale sociale della mapi che ne pensa direttore?

  • 8 Febbraio 2015 in 16:31
    Permalink

    Ragazzi voleva comprare anche la Pro Vercelli.. senza offesa per i tifosi della Pro.. ma questo ha una irrefrenabile voglia di Calcio.. beh a parma potrà se vorrà giusto Direttore?.. si ma con i 7500 Euri.. ahahah.. suvvia siamo realisti, come si può accettare e credere che questo abbia i soldi..

  • 8 Febbraio 2015 in 16:33
    Permalink

    Nell’intervista concessa da Alborghetti al corriere della sera mi pare di capire che quest’ultimo afferma che Manenti ha fatto il suo nome come Ad ma che I proprietari siano altri. Cosa ne pensate? L’articolo se puo interessare e’ online suun sito che riporta notizie sul parma ma, come detto l’ha concessa al corriere.

  • 8 Febbraio 2015 in 16:35
    Permalink

    visto che si postano vari link, mettiamo anche a questo a favore di sto ” matto” E’ tratto dal giornale di Brescia. Forse le verità stanno nel mezzo
    Brescia, Manenti: «Basta,per me la trattativa è finita»
    giovedì, 6 marzo 2014 – 13:03
    Doveva esserci un incontro. A Milano, ore 9, nello studio del notaio Angelo Busani. Motivo: l’eventuale passaggio di mano del Brescia Calcio. Ma a quanto pare, a presentarsi sono stati solo Giampietro Manenti e i suoi collaboratori, ma non Gino Corioni. Il quale ha ritenuto che non ci fossero le condizioni per effettuare il viaggio e quindi ha ritenuto di non andare dal notaio.
    «A questo punto per me la trattativa è chiusa – dichiara Manenti – perché l’appuntamento era per oggi, ma nessuno del Brescia Calcio si è fatto vedere. Si vede che abbiamo poca fortuna nelle trattative italiane. Cosa dovevamo fare? Chiarire qualche aspetto, quindi passare alla consegna dei soldi. Adesso basta però, per me non c’è più nulla di cui discutere».

    • 8 Febbraio 2015 in 17:57
      Permalink

      In effetti quel che è stato riportato allora darebbe più credito a Manenti che a Corioni che sta dicendo cose diverse ora di allora. Ora dice che non c’erano i soldi….allora ha detto che la vendita era saltata perché a lui non andavano bene alcuni dettagli e non menziona affatto soldi. Di solito quando il problema sono i soldi tutti lo dicono….

  • 8 Febbraio 2015 in 16:42
    Permalink

    Alborghetti: questi hanno i soldi.. a voi propria vedor!!

  • 8 Febbraio 2015 in 16:51
    Permalink

    questi qua dobbiamo cacciarli via a calci nel culo e alla svelta!

    Forza Finanza
    arresta per noi
    Forza Finanza la Nord è con te
    ale ale ale ale dai Finanza ale aleeeeee

    Ciao Ghiro ti auguriamo un 2015 pieno di guai

  • 8 Febbraio 2015 in 16:53
    Permalink

    io continuo a non capire.
    Si sono tollerati mesi di scempi, parole spese alla rinfusa con un proprietario che è andato una volta nei distinti a vedere la partita e non ha mai fatto una visita all squadra, si è accettato che la proprietà che aveva impegni precisi di sostenere la squadra finanziariamente fino al 31.12.2014 , se ne fregasse bellamente, dichiarando su sky che ha disatteso un obbligo assunto a fini civili, volontariamente, si è accettato per due mesi un personaggio che diceva di voler prendere i migliori calciatori del mondo e poi avrebbe lasciato fallire la squadra e arriva uno che ad una settimana dalla dead -line si presenta alla squadra, dichiara di voler pagare gli stipendi e lo si ammazza.
    Sarà un mitomane, una persona poco seria e un ciarlatano, ma gli si lasci dimostrare come stanno le cose fino a lunedi prossimo.
    Alla peggio il Parma farà la fine che deve fare, non vedo tante questioni da fare. il brodo non si allunga.

  • 8 Febbraio 2015 in 16:56
    Permalink

    Maio sarebbe interessante avere un parere di Busani,che non vorrei sbagliarmi ma mi ricorda qualcosa sul Parma anni 80,relativamente a radio a televisone locale

  • 8 Febbraio 2015 in 17:00
    Permalink

    ..scusa Alide.. appunto per le cose che hai giustamente rimarcato, non mi fanno essere ottimista! Ha anche una brutta faccia.. è chiaro che il brodo da parte Ns. si allunghi.. dobbiamo ingoiare anche sto qua.. sembra nando carretta tra l’altro..

    • 8 Febbraio 2015 in 17:13
      Permalink

      il parma ai parmigiani…
      o ai torinisti…
      o alla reggiana…

  • 8 Febbraio 2015 in 17:17
    Permalink

    Bentornato Direttore! Finito di festeggiare? Qua ormai è incubo Manenti..

    • 8 Febbraio 2015 in 17:42
      Permalink

      Piuttosto del gruppo Proto per esperienza pregressa dobbiamo vivamente sperare che ci abbia acquistato Manenti.

  • 8 Febbraio 2015 in 17:19
    Permalink

    al momento credo sia uno scherzo di carnevale, visto che mi sembra difficile che uno studio notarile di milano invii una nota ufficiale la domenica pomeriggio.
    Poi tutto è possibile a questo punto

  • 8 Febbraio 2015 in 17:21
    Permalink

    ninetto, qui più che il brodo mi sembra il mappazzone di barbieri a masterchef.
    Certo che Manenti non è bello bello e nemmeno tanto presentabile ma mi sembra il male minore

  • 8 Febbraio 2015 in 17:28
    Permalink

    Ah scusa è carnevale e Manenti si è mascherato da nando carretta.. anton.. non è solo l’aspetto.. ma ciò che si legge.. questo manco la Pro Vercelli è stato in grado di comprare coi suoi 7500 euri..

  • 8 Febbraio 2015 in 17:31
    Permalink

    Direttore se sai veramente che i soldi ci sono.. batti un colpo.. rassicuraci.. Gazprom?.. dai stupiscici ancora Majo

    • 8 Febbraio 2015 in 17:44
      Permalink

      Scusate ma come vedete ci sono molte turbolenze in giro. Per cui io me ne resto tranquillo a festeggiare il compleanno poi interverrò al momento opportuno, quando mi saranno più chiari i contorni di questo intrigo internazionale…

    • 8 Febbraio 2015 in 17:49
      Permalink

      Ma dailà, una balla messa in giro dai tifosi del torino e che anche la GDP ha bellamente copia/incollato; mamma mia com’è ridotta male l’informazione sportiva ! Oh ma aspettare lunedi è vietato ?

      • 8 Febbraio 2015 in 17:51
        Permalink

        … oppure informarsi meglio prima di pubblicare !

  • 8 Febbraio 2015 in 17:48
    Permalink

    Majo hai finito i festeggiamenti ?
    Cosa ne pensi della nota dello studio Ricci di Milano, ma non si parlava del notaio Rubinetti in quel di Codogno ?
    Fatevi una ricerca in rete, se possibile, il gruppo Proto è ancora peggio della Mapi.
    Al peggio non c’è mai fine, aiuto!

    • 8 Febbraio 2015 in 17:50
      Permalink

      Come dicevo mi prendo un’altra pausa di riflessione. Tornerò a parlare quando mi saranno più chiari i contorni dell’intrigo internazionale. Non vorrei mai ci fosse di mezzo l’ultimo colpo di doca, pardon di coda…
      Per ora no comment
      Cordialmente
      Gmajo

      • 8 Febbraio 2015 in 18:05
        Permalink

        io ce l’ho ben chiara la situazione se vuoi ..ve la spiego,magari poi davanti a un procuratore della repubblica sara’ tutto chiaro anche ad altri

    • 8 Febbraio 2015 in 18:07
      Permalink

      Da intrigo davvero….comunque non aveva detto Giordano che Taci gli aveva riferito della vendita fatta l’altra sera in uno studio notarile vicino Piacenza? Codogno ci sta ma Milano no.
      Qualcuno vuole fare confusione? e perché rilasciare una nota durante il we? Gli studi sono chiusi.
      Auguri per il compleanno.

  • 8 Febbraio 2015 in 17:51
    Permalink

    Un notaio diverso per far un annuncio? Ormai non ci si capisce più niente.. Molto coreografici anche loro comunque

    • 8 Febbraio 2015 in 18:14
      Permalink

      ahahahah ma non è vero Gabriele ! E’ una bufala ! un notaio non emette note sui suoi clienti o affari !

  • 8 Febbraio 2015 in 18:07
    Permalink

    Colgo l’occasione per farti gli Auguri Direttore, sempre nel lecito, checché se ne dica 🙂

  • 8 Febbraio 2015 in 18:15
    Permalink

    Quella pippa di schianci ci da in mano alla gazprom kerimov leggendo altre notizie ci da in mano a 1 personaggio che è stato in galera per agiotaggio ecc
    non è che il parma è in mano a dei criminali?
    si faccia chiarezza e subito

  • 8 Febbraio 2015 in 18:15
    Permalink

    certo che, per prudenza, fossi stato nel giornalista della Gazzetta di Parma che ha pubblicato la news su Proto, mi sarei cautelato almeno con un bel punto interrogativo dato che, essendo oltretutto domenica, diventa forse anche difficile verificare la notizia (così come appare curioso che un notaio, oltretutto notoriamente restii a dare queste notizie, scelga invece di farlo proprio una domenica pomeriggio! Certo, se invece fosse uno scherzone di Carnevale, la domenica garantisce che per alcune ore la notizia non sia, per l’appunto, verificabile e quindi risate garantite da parte di qualche burlone nel vederla sbattuta in apertura del sito della GdP!!!) 🙂

    • 8 Febbraio 2015 in 18:52
      Permalink

      Patetica la Gdp, doveva ALMENO mettere un punto interrogativo, visto il personaggio. Ormai il giornalismo è fatto prevalentemente da asini, e non solo quello sportivo. Comunque Manenti sicuramente smentirà.

  • 8 Febbraio 2015 in 18:17
    Permalink

    Piccola considerazione ad oggi ho conosciuto tramite il Parma la Crem de la Crem della finanza italiana (Ghirardi also included ).
    Grazie mille!!!

  • 8 Febbraio 2015 in 18:20
    Permalink

    e’ una bufala…. basta cercare su google…..Auguri Direttore…..ora sembra l’abbia notificato anche PF

  • 8 Febbraio 2015 in 18:40
    Permalink

    E’ uno scherzo di carnevale.
    Se non fossimo tutti così angosciati ci sarebbe da sbellicarsi dalle risate a leggere la G.d.P.
    Ma quale studio notarile manda una nota del genere elencando anche i fantomatici clienti di questo altrettanto fantomatico gruppo ?
    Ma mi faccia il piacere…

  • 8 Febbraio 2015 in 18:52
    Permalink

    Manenti mito o mitomane?SE AVEYE UN EURO E LO VOLETE GIOCARE OPTATE PER LA SECONDA SOLUZIONE. M.I.T.O.M.A.N.E.

  • 8 Febbraio 2015 in 19:08
    Permalink

    Complimenti direttore, quanta strada dai tempi di Radio Bella! Non vivendo più a Parma da anni ho avuto la fortuna di ritrovalrla grazie
    ( purtroppo ) alle sfortune del nostro amato Parma. Da ora tornerò a seguire il suo operato con rinnovato interesse. Buon lavoro e ForzaParma ( indipendentemente da come finirà )
    Chicco

    • 8 Febbraio 2015 in 21:40
      Permalink

      Salve grazie per i complimenti, ma alla mia margherita di radio manca Radio Bella… In via d’Azeglio gestivo col povero Drapkind (e con alcuni amici come Gabbi Ferrari e il povero Andrea Campanini, e Giorgio Fainardi per ricordare il nucleo storico) la mitica Eco Radio Radio Pilotta…

      L’aspetto, un abbraccio

      Gmajo

  • 8 Febbraio 2015 in 19:47
    Permalink

    Ma in redazione alla gazzetta chi c è Peppa pig ?
    Ne notizie vere nn le danno
    Le bufale immediatamente…

    Tra loro e schianchi fanno a gara ….
    A Cazzari! !!!!!

    Majo secondo me si sta divertendo come un matto a vedere che fanno sti incompetenti

  • 8 Febbraio 2015 in 19:51
    Permalink

    assioma, la smetta di dire scempiaggini. Lei sta al diritto come io sto a Monica Bellucci.
    Dia prova della Sua illuminata cultura e illustri la Sua versione dei fatti con tutti i dettagli del caso

  • 8 Febbraio 2015 in 20:24
    Permalink

    Ok ho capito!..majo è così moderatamente ottimista e possibilista x ché c’è dietro Gazprom..

  • 8 Febbraio 2015 in 20:53
    Permalink

    Gazprom..sono loro

  • 8 Febbraio 2015 in 21:57
    Permalink

    Manenti ha venduto il parma a Peppa Pig..nuovo AD..leonardi x dare continuità..frasi ormai dette e ridette ma sempre in auge!

  • 8 Febbraio 2015 in 22:20
    Permalink

    Ah ma la GDP ha detto che il punto interrogativo l’hanno messo….e dovreste vedere come cercano di difendere il loro comportamento nello spazio commenti rispondendo ai tifosi incaxxati…. Pensate se addirittura il fax/comunicato stampa non era del notaio ma di Prota e poi viene fuori…pensa che bella figura…una chiamata al notaio prima di pubblicare la si fa di sicuro, no? e col numero trovato sul buon vecchio elenco telefonico

    • 8 Febbraio 2015 in 22:25
      Permalink

      Per la cronaca questa la risposta del notaio in questione ricevuta via e.mail alle 19.48 da StadioTardini.it

      Buonasera,

      Ne so quanto Lei, mi dispiace non poterLa aiutare.

      Cordiali Saluti,

      Giovanni Ricci

      alla email inviata dal sottoscritto alle ore 17.20 di oggi 08.02.2015

      Spettabile Studio Ricci e Radaelli,

      avendo appreso dalle pagine della Gazzetta di Parma la seguente notizia, chiediamo la veridicità della medesima e qualche dettaglio di quando sarebbe avvenuta l’operazione.

      http://www.gazzettadiparma.it/news/sport/249709/C-e-il-gruppo-Proto-dietro.html

      In attesa di un cortese cenno di riscontro, porgo

      Cordiali Saluti

      ________________________________
      Gabriele Majo – Giornalista Professionista

      http://www.stadiotardini.it

      direttore responsabile

      +39.335.8400142
      _________________________________

      Questo, invece, il comunicato emesso dalla società Parma FC:

      “Collecchio 8 febbraio 2015 – In merito a quanto diffuso oggi da alcuni organi di stampa, Parma Fc smentisce categoricamente che sia il Gruppo Proto ad aver acquisito il pacchetto azionario di maggioranza di Eventi Sportivi Spa (società controllante il club) e che la trattativa sia stata conclusa presso lo studio notarile Ricci di Milano. Parma Fc comunica che i dettagli sulla nuova proprietà saranno resi noti nella giornata di domani dopo la nomina dei nuovi CdA.”

      OGNI COMMENTO E’ SUPERFLUO…

  • 8 Febbraio 2015 in 23:35
    Permalink

    Prima di leggere che tu Majo avevi già ottenuto risposta dal notaio in questione, ho scritto nei commenti della gazzetta – dato che fanno i sarcastici con noi tifosi rispondendo alla gente giustamente scocciata x la loro buccia di banana- che sarebbe bello uno ‘scusate a tutti’ se il notaio smentisse di aver inviato il comunicato alla GdP. Voglio proprio vedere se mi pubblicano e soprattutto se si scusano con tutti noi. Ma io di leggere castronerie su quel giornale di montati mi sono stancata…ci hanno fatto venire un infarto e un ulteriore sangue amaro semplicemente per fare notizia sul nulla..ma stavolta gli si è ritorto contro! Grazie ancora Majo…impagabile come sempre!

    • 8 Febbraio 2015 in 23:41
      Permalink

      Grazie a te cibbi…

      La riflessione che mi viene spontanea è questa: già le vicissitudini legate al Parma Calcio sono quelle che sono, ma temo che i giornalisti ci mettano del loro per contribuire a farci ridere dietro.

      Specifico che ho pubblicato la email nello spazio commenti un po’ tardi poiché sono stato fuori a festeggiare il mio compleanno, ma come io, pur non particolarmente attivo oggi sul sito, ho cercato una verifica ad una notizia che sembrava strana di per sé penso che altrettanto avrebbero dovuto fare i colleghi, anche per l’autorevolezza della testata che rappresentano. Anche perché poi, a cascata, hanno trascinato i copia incollatori in errore.

      Purtroppo siamo caduti molto in basso, ma tant’è…

      Forse che sia la sindrome da “buco”? A parte che sarebbe anche stato corretto che l’altro giorno, sulla versione cartacea, riferissero – come han fatto altri – come fosse piovuta dal cielo al mattino la notizia del passaggio di proprietà, ma la correttezza non è da tutti.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 9 Febbraio 2015 in 08:51
        Permalink

        A non citare la fonte si (s)qualificano da soli, ma sai mica vogliono farti pubblicità aggratis! 🙂 cmq la verità noi tutti la sappiamo 🙂 e ora sappiamo più di prima l’unico posto dove leggere notizie certificate che sennò di sicuro c’è solo il nostro ‘scioppone’ a leggere certe cose…il bel tacer non fu mai scitto ma ‘quelli là’ non l’hanno mica capito ! Buona giornata e buon lavoro, caro Majo (Ps: guarda l’arrampicata sugli specchi della GdP di oggi…se non correggono il tiro, sembra proprio che vogliano dar la colpa della bufala al notaio )

      • 9 Febbraio 2015 in 09:11
        Permalink

        Aggiungo anche che sono iracondi verso i lettori che li sbugiardano (vedi tono dei commenti della Gdp) e invidiosi di te perché aspirano al tuo livello (sennò la fonte del famoso scoop la avrebbero citata)… ma non si accorgono che ogni passo che fanno mossi dall’invidia li allontana da ciò che vorrebbero essere, risucchiati dalle loro stesse cattive azioni, e li avvicina a un giornalismo da gossip, essendo troppo presi dal voler fare lo scoop a loro volta per accorgersi della bufala. Se invece hanno fatto apposta a pubblicare una notizia infondata, li ho sottovalutati ed è meglio se non dico quel che penso….. Saluti cordiali!

  • 9 Febbraio 2015 in 09:32
    Permalink

    siamo fottuti

  • 9 Febbraio 2015 in 10:05
    Permalink

    Direttore oggi chi metteranno come presidente PEPPA PIG????
    E come consiglio di amministrazione?????
    Che vergogna…..

  • 9 Febbraio 2015 in 10:22
    Permalink

    Majo ma come commenta l’Articolo del Corriere della Sera (che è dello stesso gruppo della Gazzetta dello Sport…) parla di capitale sociale sui 7500€ e debiti nell’ordine di 210mln di euro, come fanno a dare questi numeri e soprattutto come fanno a sapere la società ed i dati precisi? E soprattutto 210mln di euro mi sembrano una “Schianchinata” bella e buona….

  • 9 Febbraio 2015 in 10:26
    Permalink

    La cosa bella è che, se non ho tralasciato qualcosa sfogliandone le pagine, la Gazzetta dello Sport di oggi del Parma, di Manenti, di Proto e compagnia cantante…non parla proprio…ma nemmeno una riga!

    Adesso so come si è sentito Brosio a Scherzi a Parte :)))

    • 9 Febbraio 2015 in 10:48
      Permalink

      C’è un trafiletto. Peraltro senza senso perché smentisce Proto, senza dar la notizia di Proto…

  • 9 Febbraio 2015 in 11:16
    Permalink

    Ragazzi meglio che non parli nessuno, ormai cosa ci sarebbe da dire, io spero arrivi presto il 16 per i libri in tribunale. Poi a san secondo vedrete che ci andremo con persone giuste……

  • 9 Febbraio 2015 in 11:30
    Permalink

    Avvoltoii e iene che stanno mangiando senza ritegno..anzi con un certo piacere un moribondo che sperano cadavere … Tacere o riflettere prima di sparare ogni cosa che si sente dire sarebbe giornalismo o no? Anche Tommasi…non possono aspettare dopo il 16? Hanno taciuto e tacciono su tutti su tutti da anni e adesso vai…sapientoni! Spero…sono delusa..
    ma tutte le dicerie da chi piu’ ne a piu ne metta fanno male e non solo a me ma al PArma se ci fosse mai una possibilita’ di sfangarvela…:(

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI