MANENTI-PIZZAROTTI, L’INCONTRO E’ FISSATO PER LE 15 DI DOMANI A COLLECCHIO

(gmajo) – Il pluri-rinviato attesissimo incontro Manenti-Pizzarotti si svolgerà. salvo ulteriori colpi di scena, domani pomeriggio alle ore 15 nel Centro Direzionale Parma F.C. di Collecchio. Presidente del Parma e Sindaco (che ha twittato la news, come suo costume, concludendo: “basta parole #saveparma”) hanno trovato pochi minuti fa l’intesa anche sull’orario dell’incontro che nei giorni scorsi il primo cittadino aveva cinguettato esser fissato per venerdì. SuperMapi, tuttavia, dovrà cercare di attrarre fiducia mostrando, anche agli altri partecipanti l’AIC (che in un comunicato ha ufficializzato l’inizio delle gare di questo turno con 15 minuti di ritardo: l’iniziativa – è spiegato in una nota – intende sensibilizzare la Federazione, la Lega Serie A, le altre componenti del mondo del calcio, le Istituzioni e l’opinione pubblica sull’attuale situazione del Parma FC, nella quale non sussistono le necessarie condizioni per svolgere adeguatamente l’attività professionale. È chiaro che occorre aprire una seria riflessione sull’adeguatezza delle norme di iscrizione ai campionati e sui controlli dell’onorabilità e solidità economico-finanziaria dei club, al fine di evitare in futuro, in qualsiasi categoria professionistica, il ripetersi di simili situazioni"), giocatori e allenatore (la seduta di allenamento sarà al mattino) tangibili prove inoppugnabili del suo impegno, premessa indispensabile dell’ormai famoso piano di rientro dei debiti da mostrare in Procura al fine di evitare la manifesta insolvenza e scongiurare la dichiarazione di fallimento nell’Udienza fissata per il 19 marzo prossimo.

Nel frattempo la Lega Serie A ha indetto per il prossimo 6 marzo una Assemblea sul caso Parma: "La Lega di Serie A conferma di aver convocato l’Assemblea del 6 marzo prossimo per discutere, quale primo punto all’ordine del giorno, della crisi della società Parma e valutare ogni iniziativa che possa consentire alla squadra di portare a termine il campionato in corso. È evidente che, stante la pendenza del ricorso per il fallimento presentata dal Pubblico Ministero di Parma e la conseguente ufficializzazione di un oggettivo stato di crisi, la Lega di Serie A potrà assumere determinazioni solo nell’ambito della procedura concorsuale e di concerto con gli organi fallimentari".

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

109 pensieri riguardo “MANENTI-PIZZAROTTI, L’INCONTRO E’ FISSATO PER LE 15 DI DOMANI A COLLECCHIO

  • 26 Febbraio 2015 in 19:31
    Permalink

    Domani Pizzarotti deve uscire da quest’incontro con certezze assolute deve essere tutto vhiaro non solo fumo altrimenti Manenti è meglio segarlo prima che faccia ulteriori danni per-manenti

    • 27 Febbraio 2015 in 00:04
      Permalink

      Ma come lo seghi, egregio? Lui è il legittimo proprietario del Parma. Poi se la magistratura ingranerà ulteriormente la marcia, peraltro dopo aver concesso a ghirardi molto tempo senza intervenire (qualcuno, poi, prima o poi risponderà di una vecchia riunione di un certo venerdì sera di ottobre…), potrebbero esserci risvolti inaspettati.

      Io non sono un grosso esperto di giudiziaria, ma mi fa sorridere il pensiero di chi sostiene che Super Mapi possa esser incriminato per bancarotta fraudolenta per non aver portato i libri in tribunale: ma se non ha neppure terminato la due diligence? Mentre il caro taci, benedetto e santificato dall’upi – con tutti i poteri in attesa di scatenare la grande tempesta – ha potuto fare un cazzo per tre mesi, dandoci il colpo di grazia?

      Cordialmente

      Gmajo

      • 27 Febbraio 2015 in 00:47
        Permalink

        L’era Taçi è durata meno di due mesi, solo per precisione. Dal 16 dicembre al 12-13 febbraio, se non sbaglio.

          • 27 Febbraio 2015 in 01:04
            Permalink

            Infatti ho scritto: “solo per precisione”. Sul concetto concodo

      • 27 Febbraio 2015 in 10:38
        Permalink

        Con Taci si e’ sbagliato a dargli tempo e un minimo di fiducia, per questo ora non dobbiamo fare lo stesso errore con Manenti. Questo signore non ha nulla, non ha fatto nulla se non dire palle e, non fara’ nulla. Quindi quando oggi non dara’ nessuna garanzia al sindaco bisogna trovare il modo per convincere questo signore a portare I libri in tribunale cosi finalmente si potra’ indagare su Ghirardi e Leonardi.

  • 26 Febbraio 2015 in 19:33
    Permalink

    Io credo gentile Majo che l’incontro di domani sarà l’ennesimo incontro interlocutorio, nel senso che assodato che Manenti stia lavorando nell’ombra (sotto sempre e comunque ai riflettori ma cerca di portare a casa la posta in palio nonostante le difficoltà incontrate…) e che non possa svelare nel pratico step by step le sue mosse, ma possa soltanto confermare al sindaco le sue intenzioni.
    Detto questo ribadisco che mi sembra veramente tempo perso quello del sindaco, il quale cosa si spetta da Giampy???
    Piuttosto vorrei chiederle che idee si è fatto della lega e AIC nel merito del parma, nel senso che a me sembra palese che stiano cercando di espropriare al Mano il Parma facendogli terra bruciata attorna, con una quanto mai sttrana magistratura aggressiva e con tempistiche strane ed istituti bancari restii….davanti a tutto questo il nostro Manenti sta andando avanti e vorrei sapere secondo kei cosa stanno escogitando quali vie possono intraprendere i compagni di tavola Lotito,Tavecchio..etc???

    • 26 Febbraio 2015 in 23:49
      Permalink

      La partita mi sembra apertissima: ma molti pensano di fare i conti senza il Giampy…

  • 26 Febbraio 2015 in 19:34
    Permalink

    Rilassati capitan Pizza, oggii il mapi-tso ha dichiarato che non si aspetta un granché da questo incontro.

  • 26 Febbraio 2015 in 19:37
    Permalink

    Direttore, sensazioni? Ce la facciamo questa volta? Sa, non mi fido più di una pazzoide del genere.

    • 26 Febbraio 2015 in 23:48
      Permalink

      Inutile esercitarsi in previsioni, specie dopo essersi illusi tutte le volte che qualcosa sembrava predisposto in epoca Taci…

  • 26 Febbraio 2015 in 20:00
    Permalink

    ma domenica giocano a genova? se la risposta è positiva chi paga il viaggio e l’albergo?

    • 26 Febbraio 2015 in 23:46
      Permalink

      La risposta direi che al momento è affermativa, anche se non escludo variabili a seguito dell’esito dell’incontro di domani.

      Al momento entrambe le opzioni – trasferta a carico del Parma, trasferta a carico degli stessi giocatori – rimangono aperte.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 26 Febbraio 2015 in 20:21
    Permalink

    Incontro che si concluderà con un nulla di fatto, visto che la due diligence non è certo finita, Manenti ha già detto che ci sarà una schiarita solo “a partire da lunedì” (figurarsi) e i giocatori devono pagarsi la trasferta, a testimonianza che non c’è un euro in cassa nè ci sarà domani. Sono troppo pessimista, Majo?

  • 26 Febbraio 2015 in 20:26
    Permalink

    Ciao gabriele..scusa la domanda scontata…
    Ma di quei bonifici non si parla piu….tu sai qualcosa? O il presidente si sta muovendo in maniera diversa offrendo garanzie?

    • 26 Febbraio 2015 in 22:27
      Permalink

      Secondo me sta cercando di ottenere un finanziamento offrendo in garanzia fondi esteri

  • 26 Febbraio 2015 in 20:29
    Permalink

    Tanto , se ci sara’, sara’ il solito incontro farsa dove Manenti fara’le solite vuote promesse vuote. Senza nessuna prova concreta dei famigerati soldi. Chiedera’ di lasciarlo lavorare. Se i soldi ancora non ci sono la colpa e’ della procura. La solita presax il c……… non c’c’e’ bisogno di essere veggenti.

  • 26 Febbraio 2015 in 20:56
    Permalink

    direttore non trova sia di cattivo gusto continuare a dire che I soldi ci sono quando al centro sportivo di Collecchio ormai vendono anche I cessi?

    • 26 Febbraio 2015 in 21:05
      Permalink

      Semmai ci saranno, non ci sono attualmente…

      • 26 Febbraio 2015 in 21:22
        Permalink

        Qualcosa c’e’, mi pare di aver letto 35000 euro. Ho anche letto, non so se puo’ confermare lei, che Manenti avrebbe prelevato 5000 euro per il suo viaggio in Slovenia. Cosi affermano vari giornali oggi. Spero non sia vero, sarebbe davvero squalificante.
        Se la notizia fosse vera, con il fatto che anche la due diligence e’ svolta su una promissoria di pagamento, staremmo freschi.
        Ma vi sono altri misteri che sembra stiano venendo a galla. perf esempio leggevo oggi che il Parma ha fatto noteovli plus valenze su giocatori e non si capisce dove siano fniti quei soldi.
        DEVO, e non ho altri modi, tifare per Manenti, non c’e’ altra via d’uscita. Sono contento che la societa’ per la quale tifo, l’Inter, abbia deciso di prendere i giovanissimi del Parma e portarli al torneo Manchester con il pullman.

        • 26 Febbraio 2015 in 21:41
          Permalink

          Se i 5.000 euro fossero serviti per sbloccare la situazione non ci sarebbe stato nulla di male. Penso fossero più scandalosi certi altri rimborsi spese dei vertici aziendali crociati in era ghirardi.
          Plusvalenze non equivalgono a soldi liquidi. Se no il parma non avrebbe avuto certi problemi…
          Cordialmente
          Gmajo

  • 26 Febbraio 2015 in 21:25
    Permalink

    Manenti, è ora ke ti nascondi!!!

  • 26 Febbraio 2015 in 21:33
    Permalink

    Ma è vero che Manenti a utilizzato le già esigue casse del fondo Parma per fare il viaggio in Slovenia?

    • 26 Febbraio 2015 in 23:34
      Permalink

      Questi sono dettagli che enfatizzano i suoi detrattori.

      In questi anni nessuno ha avuto da dire per rimborsi spese annui per 130.000 euro (poi proposti come premio produzione o qualcosa del genere) su carte di credito…

      I cinque mila euro di Super Mapi, qualora fossero stati spesi per la finalità di sbloccare l’arrivo di denari a me andrebbe benone.

      Sarò ingenuo, ma tutti gli sveglioni dell’ultima ora, quelli che adesso invocano le manette per gli ex eroi, mi fanno sorridere…

      ma sì, continuiamo a fare le pulci allo sdentato…

  • 26 Febbraio 2015 in 22:15
    Permalink

    Da come dicono certi giornalisti ad oggi anche Manenti rischia dal punto di vista legale non portando i libri in tribunale,perche non lo fa?andare fino in fondo cosi…non capisco il tornaconto…a questo punto il gioco(notorietà o altro) non vale la candela…secondo me c e ancora un grosso retroscena da svelare…forse il 0,1% o chissà cos altro…mi dispiace ma la follia di un uomo o l essere mitomane non è la risposta a perché Manenti e’ qui e va dritto per dritto!

  • 26 Febbraio 2015 in 22:26
    Permalink

    Direttore,Manenti mi ricorda il caro Collodi.Smentito negli ultimi giorni da chiunque:procura,steward,giocatori,suoi stessi ex soci etc.etc.Trattasi di faccendiere o meglio portaborse.Ma qualcuno gli ha dato le chiavi del Parma calcio.Chi? E questa fantomatica società o banca pronta ad investire decine di milioni perchê non tira fuori poche migliaia di euro per finire il campionato con dignità e acqua calda?

    • 26 Febbraio 2015 in 22:52
      Permalink

      akiba? lei è africano?

  • 26 Febbraio 2015 in 22:45
    Permalink

    Ma chi è questo nuovo mitomane? “Non so neanche cos’è la due diligence”, “Compro una squadra di calcio perchè da bambino giocavo a calcio”; “Dietro ho un paio di aziende molto famose. Controllate su Internet”, ecc…basta!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  • 26 Febbraio 2015 in 22:49
    Permalink

    Super-Mapi e mister due-diligence faranno la fortuna del PARMA!
    direttore è rimasto basito vero?
    Dell’ipotesi di trupo invece che ne pensa?

  • 26 Febbraio 2015 in 23:04
    Permalink

    E riguardo la cordata bresciana annunciata da ParmaToday,c è qualcosa di vero direttore?

    • 26 Febbraio 2015 in 23:19
      Permalink

      Non so. Però resta il fatto che ad oggi il Parma è di Manenti, per cui non capisco perché tenga i rapporti Melli. Boh…

      • 26 Febbraio 2015 in 23:59
        Permalink

        rapporti con melli ? si e avanti il prossimo… se andiamo avanti di questo passo arriverà uno che terrà i rapporti con i magazzinieri…

  • 26 Febbraio 2015 in 23:07
    Permalink

    Riguardo la cordata bresciana annunciata oggi da Parma Today ne sa qualcosa direttore?la ringrazio

    • 26 Febbraio 2015 in 23:17
      Permalink

      Nulla di più. E’ forse quel commercialista di cui si era letto sulla stampa…

  • 26 Febbraio 2015 in 23:14
    Permalink

    un pensiero agli amici parmensi dopo una serata mitica. mi piacerebbe tanto leggere messaggi dalle persone che la scorsa estate il Toro era il nemico numero uno, quando vi invitavamo a guardare la dirigenza del Parma…. comunque vi seguo come se fossi uno di voi e leggo spessissimo questo sito. Pestate ghirardi e soprattutto leonardi, che ha cercato di mettervi contro di noi…. In bocca al lupo

    • 26 Febbraio 2015 in 23:29
      Permalink

      Il Toro era l’amico numero uno di almeno metà dei commentatori di allora. Io continuo a pensare che il torino sia arrivato settimo e il parma sesto, quindi l’anno scorso il torino era penoso in confronto al parma calcisticamente parlando. Ricordiamo anche la combine di fiorentina torino che il palazzo ha architettato e poi messo a tacere. Questo non toglie le malefatte della nostra società, ma allo stesso tempo le malefatte della nostra società non tolgono le malefatte del Torino e il fatto che il campo abbia dimostrato che l’INFERIORITA’ del Torino rispetto al Parma.

        • 26 Febbraio 2015 in 23:51
          Permalink

          Un punto è più che sufficiente per essere inferiori. Ricordo che il Parma è retrocesso per un punto e nessuno ha detto “solo un punto”, tutti hanno detto che il parma aveva fatto schifo mentre il catania era da champions league – anzi, se la roma non si fosse arresa, sarebbero arrivati a pari punti ma comunque valeva la classifica avulsa. Quindi un punto è più che sufficiente per guardare quei granata dall’alto al basso. Loro hanno FALLITO la corsa al sesto posto (nonostante una combine grossa come una casa) e quindi sono stati dei PERDENTI sul campo. Senza contare il CULO che hanno avuto nelle ultime giornate (vedi vittoria 3-2 nel tempo di recupero). Ci tengo anche ad aggiungere che la maggior parte dei commentatori scrivevano che il torino si era rinforzato quest’estate e quest’anno avrebbe spaccato il mondo, invece non mi sembra che stiano spaccando niente, e non mi si dica di guardare quello che fanno in europa league, perché non dovrebbero neanche esserci e poi quando c’era il parma non ci cagava nessuno ma adesso che c’è il torino tutti a osannarlo nel nome del bacino di utenza che tutti fate i puritani a fare le pulci a Lotito – giustamente – ma poi siete i primi incoerenti ad applicarlo contro il parma appena potete

          • 27 Febbraio 2015 in 00:24
            Permalink

            quest’estate noi granata eravamo della idea esattamente contraria alla sua affermazione. Senza Immobile e Cerci… chi di noi aveva affermato che ci si era rinforzati? va bene essere prevenuti, ma credo che stia esagerando nei giudizi…

          • 27 Febbraio 2015 in 08:40
            Permalink

            Ma cosa stai dicendo? §Ma sei fuori? Se la Roma non si fosse arresa col Catania saremmo retrocessi lo stesso e si sarebbe salvato l’Empoli! Abbiamo finito il campionato al penultimo posto a 3 punti dal Catania. Se c’è qualcuno che si deve incazzare per quella “strana situazione” del massimino sono gli Empolesi non noi.

        • 27 Febbraio 2015 in 00:01
          Permalink

          Basta fare un solo gol in più dell’avversario per vincere… Le colpe di leo e Ghiro non giustificano tutti quei torinisti che venivano a sfottere sui vari blog quando sul campo erano stati inferiori. Di un punto, ma inferiori (anzi, diciamo di due, visto che avevamo fatto meglio negli scontri diretti).

      • 27 Febbraio 2015 in 00:15
        Permalink

        allora si parlava delle teorie di leonardi e di “andiamocela a riprendere”… quando Melli dal 2009 ha impiegato tre anni a farsi ridare 100 mila euro prestati a ghirardi. Il parma ha fatto un punto in più e nessuno ha contestato quel fatto, innegabile. Erano molti parmensi a contestare non voler ammettere che la sconfitta era della dirigenza e non colpa del Toro e dei torinisti. tutto qui. comunque non era polemico il mio messaggio…

        • 27 Febbraio 2015 in 00:22
          Permalink

          No, per carità, martinvasquez. Non è certo con i torinisti educati che ce la prendevamo, ma con quelli che venivano per sfottere. Che putroppo erano la maggioranza.

        • 27 Febbraio 2015 in 00:25
          Permalink

          Complimenti al Torino per Bilbao. Cairo può fare un monumento a Ventura.
          Ricordo bene i tuoi interventi, a differenza di altri con te si poteva parlare nel rispetto del tifo e delle idee

          • 27 Febbraio 2015 in 00:42
            Permalink

            Grazie mille! lieto che hai ricordato i miei commenti di allora. comunque in parte sono diventato crociato, visto che leggo spessissimo questo sito. ho in parte rivissuto il dramma del 2005 al Toro con il fallimento. quindi mi spiace davvero per voi tifosi. Per leonardi però neanche pena.. è stato un infame contro di noi e vi ha mentito spudoratamente dando la colpa al Toro dei loro intrallazzi che depauperavano la società Parma. Davvero un in bocca al lupo per il futuro!

        • 27 Febbraio 2015 in 00:38
          Permalink

          Va beh se uno scrive PARMENSI allora io non ci discuto neanche. Solo in 2 ho sentito usare “parmensi”, l’indegno Cattozzi, e adesso Martinvasquez.

          • 27 Febbraio 2015 in 01:05
            Permalink

            parmensi sono quelli della provincia, parmigiani quelli della città

          • 27 Febbraio 2015 in 01:52
            Permalink

            Intendevo dire che i tifosi si definiscono PARMIGIANI anche qualora siano parmensi (o milanesi o romani o russo-ciprioti).

  • 26 Febbraio 2015 in 23:25
    Permalink

    direttore ma come mai saltano fuori solo ora questi nuovi personaggi che dicono di essere interessati a salvare il Parma?si è fatto un idea?

    • 26 Febbraio 2015 in 23:42
      Permalink

      Angella parla di gente in cerca di pubblicità…

      • 26 Febbraio 2015 in 23:53
        Permalink

        Invece Giuli è andato in trasmissione per amore verso il Parma?

        • 27 Febbraio 2015 in 00:19
          Permalink

          Non credo proprio. Anzi, si era tratto del classico bue che dava del cornuto all’asino. Ma non mi pare di aver mai sostenuto che Giuli fosse venuto in trasmissione per amore per il Parma…

          • 27 Febbraio 2015 in 00:39
            Permalink

            Lei no, ma la combriccola di teleducato sì, e a distanza di un mese si RIFIUTANO di leggere un sms dico uno che parli male di Giuli

        • 27 Febbraio 2015 in 02:25
          Permalink

          Oooh dag un taj!
          Proponiti qualche spunto di riflessione invece di lamentarti in continuazione, è un mese che la meni con questa storia…

  • 26 Febbraio 2015 in 23:25
    Permalink

    E di questo Alessandro Nuccilli imprenditore romano? Direttore ne sa qualcosa?

    • 26 Febbraio 2015 in 23:42
      Permalink

      Ho cercato di torchiarlo il più possibile in diretta: il risultato che è venuto fuori è quello che ha sentito. Non avrei altro da aggiungere…

      • 26 Febbraio 2015 in 23:48
        Permalink

        Scusami, mi son distratto qualche ora e a momenti mi da un colpo.. Come è arrivato in trasmissione il romano? Lavoro di Angella?
        Tra il bresciano di prtoday e il romano Mat ci va a nozze 🙂

  • 26 Febbraio 2015 in 23:26
    Permalink

    Tranquilli, ci salverà Giuli, il Signore con la ESSE maiuscola. Anche stasera ho provato a parlarne male a calcio e calcio, ma sono stato censurato. Ho scritto anche un sms un po’ cattivello su Medioli, ma sono stato censurato. Ora mi chiedo se è da censura questa domanda: “Caro Signor Medioli, è peggio un Cassano che SCAPPA dal Parma a metà stagione, o un presidente del centro di coordinamento che nessuno ha mai visto in trasferta?”. Comunque sono certo che se avessi scritto Medioli un signore con la M maiuscola, l’avrebbero letto. Almeno su TV Parma (che sarà di parte finché volete e concordo su questo) i messaggi dei tifosi non li filtrano secondo l’idea espressa.

    • 27 Febbraio 2015 in 00:03
      Permalink

      Confermo. Angella o chi per lui non mi ha mai letto un messaggio, TvParma sempre. E questo non lo dimentico.

      • 27 Febbraio 2015 in 02:36
        Permalink

        quando il dito indica la luna, lo stolto guarda il dito

  • 26 Febbraio 2015 in 23:47
    Permalink

    Guarda caso, sbucano sempre fuori bresciani e romani. Un caso, vero direttore? Mi pare che anche lei in trasmissione si sia posto questa domanda.

    • 27 Febbraio 2015 in 00:21
      Permalink

      A Roma siamo in sei milioni, disse Leonardi quando negava di conoscere Giordano… E il tipo di stasera asserisce di non conoscere il Leo…

      • 27 Febbraio 2015 in 00:59
        Permalink

        Se è per quello il tipo di stasera asseriva di non conoscere una “due diligence” e che nemmeno gli interessava sapere cosa fosse…io se fossi stato in voi avrei riattaccato!

  • 26 Febbraio 2015 in 23:54
    Permalink

    Signor Majo, lei è persona di indubbia intelligenza, preparazione e, cosa ancor più rara, imparzialità, senza secondi fini
    Altresì vedo palesi collegamenti tra la vecchia proprietà e le nuove, con mille indizi che farebbero una prova (su tutti il movente di procrastinare il più possibile le visure dei faldoni bollenti buttando contrstualmente fumo negli occhi ad oltranza).
    Per quanto detto, sarei interessato a capire (per quanto le è permesso dire) cosa la porta ad escludere così nettamente tale tesi. Se non mi sono perso qualche puntata, spiega che dal paesello vi sarebbero malcelati sentimenti di ira e sorpresa per lo sdentato: mi meraviglierebbe si desse credito a un personaggio che ha mentito l’immentibile per sei anni, ci dev’essere dell’altro sicuramente da parte sua, proprio per quanto premettevo nelle prime due righe.
    Grazie per l’attenzione, cordialità.

    • 27 Febbraio 2015 in 00:10
      Permalink

      Come ho già avuto modo di raccontare, ho di fatto una esperienza diretta di come si sia sviluppato il colpo di scena: e posso garantirvi, per avermelo riferito persone ben informate dei fatti, che quando si è concluso il passaggio di proprietà da Taci a Manenti il Ghiro, come si suol dire, ha pisciato per aria. E ne ha ben donde: poiché il Giampy, che ha il dentino avvelenato per come era stato trattato dal Ghiro a Ottobre, potrebbe rivalersi su di lui con qualche azione di responsabilità, ove, ovviamente, ce ne fossero gli estremi.

      Non solo: tutto il putiferio – pronto da settimane, in attesa di scattare – guarda un po’ è stato fatto dopo che era entrata in gioco la “variabile pimpazzita”…

      Infine: lo stesso atteggiamento del plenipotenziario, che ha somatizzato in modo estremo l’evoluzione della situazione, mi porta ad escludere che ci potesse essere un piano preorganizzato così come in tanti, secondo me superficiali, intendono.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 27 Febbraio 2015 in 00:28
        Permalink

        A ottobre, oltre a non riceverlo, Ghirardi aveva trattato male Manenti?
        Altra cosa: lei sta dicendo che Upi, stampa e procura (anzi, l’Upi, che controlla la stampa e influenza la Procura) aveva già tutto pronto ma l’avrebbe usato solo se il candidato presidente non fosse stato di suo gradimento? Sono ipotesi molto gravi, queste che sta facendo…

        • 27 Febbraio 2015 in 00:35
          Permalink

          Ha tirato, come al solito, le somme in modo arbitrarioo, ma più di tanto, allo stato, non posso spiegarle.

          Comunque all’Upi e a tutte le entità che ne derivano, stava bene Taci: tutto il resto no. E si è visto.

          • 27 Febbraio 2015 in 00:43
            Permalink

            Secondo Lei, a prescindere da Manenti, perché Taci stava bene all’upi?

          • 27 Febbraio 2015 in 01:02
            Permalink

            Perché gli stesse bene non lo so; ma che gli stesse bene ne sono arcisicuro. E non solo per la famosa cena, ma anche per altri motivi, che non posso rivelare, nei quali sono incappati durante le mie indagini.

            Saluti

            Gmajo

          • 27 Febbraio 2015 in 01:00
            Permalink

            Concludo in modo arbitrario perché lei non può o non vuole (ed è legittimo) dire tutto ciò che sa e tutto ciò che pensa…

  • 27 Febbraio 2015 in 00:06
    Permalink

    direttore pensa che domani il mano possa dare garanzie al sindaco oppure come immagino sarà un altro incontro non costruttivo in cui il sindaco rimarrà insoddisfatto x I soliti motivi?

    • 27 Febbraio 2015 in 00:13
      Permalink

      E’ tutto predisposto. Il fatto è, però, che troppe volte tutto era predisposto, senza che dalla predisposizione si passasse agli atti concreti…

      • 27 Febbraio 2015 in 00:29
        Permalink

        Mi pare che Manenti veramente abbia escluso che domani sia tutto predisposto. Ha chiaramente fatto intendere che l’incontro non sarà fondamentale, anzi…

        • 27 Febbraio 2015 in 00:33
          Permalink

          Un conto sono le dichiarazioni ufficiali, un conto le predisposizioni. E se scrivo che è tutto predisposto è perché è tutto predisposto.
          Se è per quello l’altro giorno SUperMapi aveva negato l’incontro con dirigenti bancari…

          • 27 Febbraio 2015 in 01:02
            Permalink

            Quindi lei sa qualcosa di rilevante. E la infila così, in un commento… Avanti, ci dica qualcosa di più. Ci sono prestiti bancari in arrivo?

          • 27 Febbraio 2015 in 02:47
            Permalink

            Quando mi esprimo nei commenti è perché non ho elementi sufficienti per proporre un articolo. Del resto, poi, che tutto sia predisposto lo sappiamo da una vita…

  • 27 Febbraio 2015 in 00:10
    Permalink

    In molti nei prox giorni si ricrederanno….e qualcuno dovrà pur chiedere scusa a Manenti….
    Io rimango fiducioso….il presidente per me ha in serbo sorprese..

  • 27 Febbraio 2015 in 00:29
    Permalink

    io dico una cosa non vedete che tommaso ghirard e l’altro suo compare stanno facendo di tt per non far fallire il parma se no vanno in gabbio io se fossi in voi ripartirei dai dilletanti e vedi come questi delinquenti vanno in gabbia almeno avete la soddisfazione

    • 27 Febbraio 2015 in 00:55
      Permalink

      Reggiano hanno poco da fare il furbi…il 12 marzo o trovano uno che mette i soldi o per loro è finita…anche se credo che per loro sia già finita visto che il Parma adesso è sotto la lente d’ingrandimento di magistratura,finanza,ecc.

      • 27 Febbraio 2015 in 01:31
        Permalink

        Guarda noi reggiani e normale speriamo andate in d ma spero che questi **** vadano in galera devono pagare di tasca loro i danni che hanno causato non e giusto che a rimetterci sono quelli che guadagnano mille euro , fate saltare il banco, come ha detto Gabriele majo

  • 27 Febbraio 2015 in 00:32
    Permalink

    che brutta parola predisposto…mi viene male quando la sento!speriamo solo che domani non ci sia qualche altro intervento chirurgico in vista…

  • 27 Febbraio 2015 in 00:42
    Permalink

    reggiano, io se fossi in te non mi farei più vedere su un sito del parma. fallisci tu (che tanto sei già fallito perché ormai son 20 anni che i tuoi cari cubici se la giocano col pizzighettone e la meletolese)

    • 27 Febbraio 2015 in 01:04
      Permalink

      Non sono d’accordo. E se mi consenti questo sito lo gestisco e lo pago io, per cui è aperto a tutte le persone educate, che tifino toro o reggiana non me ne impipa, purché vengano qui a dialogare civilmente. Dunque sono i benvenuti.

      Saluti

      Gmajo

      • 27 Febbraio 2015 in 01:25
        Permalink

        Sono d’accordo

      • 27 Febbraio 2015 in 01:57
        Permalink

        Il reggiano che ci augura la d è il benvenuto. Va beh qui accogliamo tutti, cani e porci

  • 27 Febbraio 2015 in 00:44
    Permalink

    BASTA con sto MANENTI i lasciatelo nel suo brodo fra un mese lo ricovereranno DOVE L HANNO CAPITO TUTTI , ma dove vuole che ci sono i bonifici e le garanzie su e’ ora di finirla il pirla alla fine si trovera’ invischiato giudiziariamnete il 19 finalmente e’ game over ……non capisco majo questa sua voglia di dare credito o difendere manenti che non ha ancora messo un eur nelle casse ma sta distogliendo soldi e ha trovato un posto dove mangiare…..certo lei e’ un bastian contrario se tutti davano credito a manenti allora lei gli avrebbe fatto le pulci se viceversa tutti hanno capitto che soldi non ne ha e ha fatto perdere 1 mese che poteva essere utile per la soluzione pilotata …..lei ancora lo difende direi che usa due pesi e due misure tra taci e manenti scusi ma taci dietro aveva un vero gruppo industriale poi ha visto i conti e giustamente avrebbe portato i libbri in tribunale e il parma averebbe fatto il suo iter per il fallimento pilotato mentre cosi grazie a manenti non ce piu tempo lui si che ha ammazato il calcio a parma …….in altre piazze lo avrebbero preso a calci in culo e’ possibile che aquisti la squadra senza voler mettere un eur a distanza di un mese non ha messo ancora un eur in cassa ma li va a perendere !!!!? neanche 100.000 per pagare le trasferte o la doccia calda per i giovani ? ma va da a fan c…lo manenti e’ lui la vera disgrazia del parma taci faceva la cosa logica chiunque normale porta i libri in tribunale e il pirla parla di piani industriali su non scherziamo questo suo mese e mezzo ci ha condannati alla serie d ……e con il fallimento pilotato i giocatori rimaneva di propieta’ per cui vendendo defrel maurri e cerri i suoi conti cambiavano e di parecchio …….trattando con i calciatori bastavano 20 milioni per salvare la baracca ma ha causa del pirla bisognera aspettare il 19 marzo

    • 27 Febbraio 2015 in 01:01
      Permalink

      Che bastassero 20 milioni lo dice lei.

      E poi anche se fossero bastati chi ce li metteva?

      Dia retta a me: sarà difficile trovare qualcuno che ci acquisti per la D…

      • 27 Febbraio 2015 in 01:38
        Permalink

        che su questo siamo d accordo sia sui 20 milioni sia che sara difficle trovare uno per la seir d

  • 27 Febbraio 2015 in 00:51
    Permalink

    Gabriele..Ma secondo te Nucilli potrebbe entrar in società con Manenti o lui vuole acquistare per conto suo?

  • 27 Febbraio 2015 in 01:03
    Permalink

    La trasferta di domenica dovrebbe essere salva perché e’ stato trovato uno sponsor momentaneo che metterebbe a disposizione la cifra necessaria per la trasferta in cambio del proprio nome sulla maglia anche se la cosa sembra solo momentanea.
    Saluti a lei Majo e a tutti i frequentatori del blog.
    Una sola cosa ci deve unire.
    L’amore per questa nostra splendida città e la sua squadra che la rappresenta e che non deve morire mai comunque vada.
    Forza Parma sempre!!!!!

  • 27 Febbraio 2015 in 01:05
    Permalink

    continuo a non capire la totale indifferenza alla notizia della cordata con il presidente del bassignana calcio come vicepresidente di manenti?….ma non potete contattarlo e chiedere se è vero come fatto?…..in un’intervista in una radio locale uno ha persino detto che spera non sia vero perchè è conoscuto come una persona inaffidabile…..la ritengo una cosa importante sig. majo

  • 27 Febbraio 2015 in 01:09
    Permalink

    Secondo te domani Manenti si presenterà da solo o magari con qualche socio?
    A proposito ma i Cda si sa qualcosa quando verrano fatti?

    • 27 Febbraio 2015 in 01:21
      Permalink

      Non ho la minima idea di cosa gli possa frullare per la testa…

  • 27 Febbraio 2015 in 01:14
    Permalink

    Io comunque mi sento ottimista…lo sono per natura…ma a me Manenti ispira fiducia…più di tacj sicuro….

  • 27 Febbraio 2015 in 01:16
    Permalink

    Intanto sulla GdS Ghirardi dice che chiede i danni a Taçi

  • 27 Febbraio 2015 in 01:24
    Permalink

    Direttore ma il suo credito ancora in Manenti e’ perche’ ha riscontri da porre fiducia o perche’ e’ l’ultima spiaggia?

  • 27 Febbraio 2015 in 01:26
    Permalink

    Direttore GdP e Gds scrivono che il Parma NON dovrebbe partire per Genova in accordo con l’Aic!

  • 27 Febbraio 2015 in 01:38
    Permalink

    Chi ha sbagliato deve pagare ma in Italia tutto e permesso il pancione purtroppo se la caveRa’ anche se spero che chi ha fatto questa porcata vadino in galera

  • 27 Febbraio 2015 in 08:15
    Permalink

    Basta favole. Si riparte dalla D (al massimo dalla Lega Pro se si riuscirà a raccattare un titolo sportivo) e arrivedeci. Nessun imprenditore degno di tal nome è disposto a metter una cifra come quella che ci vuole per salvare il Parma (neppure con il pilotato). MapiTSO sta solo cercando due spiccioli per farsi da parte (è dall’11 febbraio che non ha detto una, e dico una, cosa vera. Solo una marea di balle. E credete ad un imprenditore che prende una società oberata dai debiti senza PRIMA una seria revisione contabile? Certo, uno può esser Babbo Natale,l’altra Santa Lucia), poi sto nuovo imprenditore romano, poi un altro gruppo breciano, poi? Tutti ansiosi di mettersi sul groppone quasi 100 mln di debiti e ripartire dalla B!
    Ormai siamo all’avanspettacolo di terza serie, evitiamo di illuderci e di far ridere l’Italia intera. Prima si fallisce e meglio è. Dispiace per i dipendenti, ma con i soldi del Monopoli di MapiTSO o le fantomatiche cordate multicolore non si pagano gli stipendi.

  • 27 Febbraio 2015 in 14:04
    Permalink

    Una curiosità che immagino nessuno possa togliermi: che lavoro fa Manenti? Intendo, le bollette, la spesa, la benzina nell’auto, con quali soldi li paga? La mapi group praticamente non ha mai fatto operazioni. È titolare di un baretto? È a libro paga di qualche azienda?

  • 27 Febbraio 2015 in 15:46
    Permalink

    Direttore,la butto lì… può essere che dopo la “sola” tirata da Taci a Ghirardi con la vendita a Mapi, Ghirardi vistosi spiazzato dall’arrivo di Mapi possa ORA, come male minore,
    decidere di finanziare Mapi in forma anonima? Se ben ricordo dalla prima conferenza stampa Mapi si era presentato come veicolatore di fondi esteri…
    In fondo per evitare la galera ci starebbe anche il Ghiro si faccia diventare amico colui che prima era visto come nemico… Che ne pensa? Lo so è assurdo ma come tutta questa vicenda lo è stata fin’ora. La ringrazio per il suo lavoro.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI