Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

129 pensieri riguardo “ORE 14.45, MANENTI (DALL’USCITA SECONDARIA) HA LASCIATO IL CENTRO SPORTIVO DI COLLECCHIO SU UNA VOLVO BIANCA (video)

  • 20 Febbraio 2015 in 14:53
    Permalink

    Dio mio, che matto

  • 20 Febbraio 2015 in 14:55
    Permalink

    Volvo bianca? allora sono arrivati i soldi

    • 20 Febbraio 2015 in 21:23
      Permalink

      Lo sponsor del parma è -tra gli altri – la concessionaria parmigiana del noto marchio svedese…nessuna auto nuova in realtà

  • 20 Febbraio 2015 in 14:58
    Permalink

    Ecco bravo….
    Pigliati un’uscita secondaria…..si comincia cosi’…
    Poi si trova l’entrata principale della casa circondariale….
    E sarebbe pure ora…
    Cazzo!!!

  • 20 Febbraio 2015 in 15:00
    Permalink

    Bella macchinina nuova… (ps. forse era meglio cancellare la targa…)

    • 20 Febbraio 2015 in 15:48
      Permalink

      Ma tanto sarà in noleggio e di proprietà della motorservice…ma piuttosto chi è che ha il ferrari Rosso?…nel servizio si sport mediaset mentre entravano i giocatori uno è entrato con il ferrari rosso.

      • 20 Febbraio 2015 in 15:51
        Permalink

        Non è un ferrari ma una lamborghini è del povero Ghezzal

        • 20 Febbraio 2015 in 15:54
          Permalink

          hai capito il Ghezzal…vendiamo quella almeno qualche stipendio ai dipendenti glielo paghiamo…lui può andare in bicicletta che male non gli fa

  • 20 Febbraio 2015 in 15:02
    Permalink

    fatelo fallire rapidamkenten, inesattezze sentite ,
    x acq diritti sportivi serie B . esistono legali incredibili da ridere.
    che situazione ridicola

  • 20 Febbraio 2015 in 15:02
    Permalink

    Super Mapi si è dato alla macchia?

  • 20 Febbraio 2015 in 15:06
    Permalink

    io non comprendo tutto questo ostracismo nei confronti di Manenti…

  • 20 Febbraio 2015 in 15:06
    Permalink

    Gnàn da credor! 🙁

  • 20 Febbraio 2015 in 15:14
    Permalink

    Ma che mancanza di tatto. Fuggire così. Senza dir niente. Hanno fatto il cda ?

    • 20 Febbraio 2015 in 16:42
      Permalink

      Con chi?

  • 20 Febbraio 2015 in 15:19
    Permalink

    Sergnale brutto e devastante.

    Speriamo abbia a cuore il Parma cedendo immediatamente il possesso dsel pacchetto azionario ad interlocutori eventuali ove si presentassero: e ciò senza indugi o ritardi che non sarebbero piu’ plausibili.

  • 20 Febbraio 2015 in 15:34
    Permalink

    Vabé, aió capí, a ven mi ag dag 2€ e dopa a vag in tribunél…

  • 20 Febbraio 2015 in 15:35
    Permalink

    Direttore, sempre neutrale come la Svizzera??

  • 20 Febbraio 2015 in 15:35
    Permalink

    Se è andato via con una Volvo vuol dire che la sua C3 fiammante è ancora a Collecchio….??….vendetela subito a quelli che comprano le macchine usate in contanti e usate quei soldi a pagare gli stuard domenica….l’ultima di calcio che conta a Parma da qui chissà fino a quando….!!

    • 20 Febbraio 2015 in 15:41
      Permalink

      Vorrà anche dire, con tutto il rispetto per Gallerani, che non è scappato e che tornerà a prendersela, magari dopo aver cercato di far qualcosa per far giocare la partita.

  • 20 Febbraio 2015 in 15:38
    Permalink

    Mi duole pensare che aveva ragione Boni:Siamo su scherzi a parte

  • 20 Febbraio 2015 in 15:40
    Permalink

    Secondo me nel video si sente uno che dice, “…falcia l’erba” giusto? 😉

  • 20 Febbraio 2015 in 15:40
    Permalink

    Ghirardi VATTENE……

  • 20 Febbraio 2015 in 15:41
    Permalink

    pensavo andasse via su uno dei nuovi pulmini che oggi ha sicuramente comprato COME DA PROMESSE

  • 20 Febbraio 2015 in 15:42
    Permalink

    non ho colto il commento rivolto al presidente mentre si allontanava……”faccia alla svelta”???? ;-)))

  • 20 Febbraio 2015 in 15:44
    Permalink

    Da cittadino ONESTO..da tifoso…abbonato…Da PARMIGIANO….Chiediamo e vogliamo giustizia….

  • 20 Febbraio 2015 in 15:46
    Permalink

    C’è qualcuno che si sta prendendo la briga di controllare le attrezzature in sede? PC, stampanti, arredi, quei quattro soldi che son rimasti in cassa? Io lo farei, prima che questo delinquente faccia sparire tutto

  • 20 Febbraio 2015 in 15:48
    Permalink

    Ho letto che è tornato….

    • 20 Febbraio 2015 in 15:53
      Permalink

      Che vi avevo detto… Gallerani anche se è vecchio, ormai, è sempre giovane… Era palese che tornasse…

      • 20 Febbraio 2015 in 15:58
        Permalink

        Grande Majo, speriamo che il Mano non molli….comunque lei dice che fino al 19marzo andrà comunque avanti questa situazione o viste e palesate le pressioni dagli “uffici” è probabile che le evoluzioni capitino prima?

      • 20 Febbraio 2015 in 16:04
        Permalink

        Si Majo ma come si fa a dar credito ancora a questo qui? Seriamente….Oh io spero di essere il primo a scusarmi con tutti, sia ben chiaro, per aver dubitato.

      • 20 Febbraio 2015 in 16:27
        Permalink

        Certo che torna, sono pronto a scommettere tutto quello che ho che andrà avanti finchè non lo obbligheranno con il fallimento a sparire.

  • 20 Febbraio 2015 in 15:54
    Permalink

    Scusi direttore l’entrata in scivolata, ma vorrei una risposta, o più semplicemente un parere a questo mio post inoltrato ieri e poi coperto da tanti altri articoli
    “In pratica Direttore lei dice che il partito dei poteri forti vuole il fallimento e che stanno mettendo il pepe …. sulla coda a Manenti perchè così si otterrà appunto il fallimento? Scusi, ma da quel che si vede è Manenti stesso che da ragione ai poteri forti non mettendoci una lira. Sa che le dico: che comunque sti poteri forti, stanno fornendo un bell’alibi al Presidente e a tutti quelli che credono in lui. Dopo, quando si sarà rivelato del tutto, ci sarà sempre qualcuno che dirà: ecco lo hanno fatto scappare. Beh, mi ri-scusi, ma questi film li abbiano già visti con coloro che dicevano che le torri gemelle sono state distrutte da bombe e non da aerei. Le dico solo una cosa ancora: “nella nostra piccola emiliagol, sono 5 anni che di tanto in tanto tocchiamo il tasto Parma, ed è da allora che diciamo che Ghiradi era tutto un bluf. Si perchè, qualcuno dimentica, che lui non ha mai cacciato nemmeno una lira. Ha preso i soldi dalle banche, ha messo una fideiussione e poi ha ripagato il debito con i soldi del Parma.Il deficit è nato dal primo anno, e bastava parlare con qualche addetto ai lavori, per saperlo. Son passati 7 anni e adesso siam qui con sto Manenti a farci prendere per i fondelli. Gherardi Taci e Manenti: chissà perchè,ma mi sembrano della stessa famiglia. sarebbe interessante che la procura, una volta stabilito che c’è la bancarotta fraudolenta (se mai ci sarà) indagasse anche per associazione a delinquere..se nn ricordo male per scattare, devono essere almeno tre in combutta…e qui ce n’è sicuramente un altro, che fa da legante. Scusi lo sfogo, Direttore!”

    • 20 Febbraio 2015 in 21:29
      Permalink

      Analisi molto interessante..concordo. .che almeno ci sia giustizia!

  • 20 Febbraio 2015 in 16:00
    Permalink

    A questo punto il timore è che questo “subnormale” (Manenti) non porti i libri in tribunale…sto diventando molto pessimista! 🙁

    • 20 Febbraio 2015 in 21:30
      Permalink

      E ‘ sufficiente che non cacci i soldi perché si fallisca…

  • 20 Febbraio 2015 in 16:00
    Permalink

    Direttore se come sembra la partita di domenica verrà sospesa cosa succede?
    Ritiro dal campionato o la recuperano??

  • 20 Febbraio 2015 in 16:04
    Permalink

    Non è scappato, è andato a prendere Dino ed il Tatino per fare l’assemblea dei soci e nominare il Consiglio di Amministrazione….
    Comunque, battute a parte, qua si continua a guardare il dito e non la luna.
    Tutti a prendersela con questo “pover uomo” dimenticando che qualcuno gli ha mollato in mano il brace ardente ed ha pure fatto una conferenza stampa per dire che lotta fino alla fine.
    Ecco appunto la fine è arrivata.
    L’UPI ha deciso ed il Sindaco, bella la decantata autonomia di quest’uomo nei confronti dei poteri forti, sta svolgendo il compitino.
    Ieri sera a sentire l’intervista telefonica rilasciata mentre tornava da Roma per andare ad incontrare il Centro di Coordinamento ed i Boys, sembrava Ambra ai tempi d’oro con Buoncompagni.
    A proposito di Centro di Coordinamento e Boys, il loro silenzio e la loro totale assenza in questo lunghissimo periodo la dice lunga.
    Forse sarebbe un bene per tutti che nel ripulisti generale anche loro se ne andassero ed iniaziassero ad andarsi a comprare l’abbonamento o il semplice biglietto così come fanno i tifosi veri, ancorchè non organizzati.
    Così come gli pseudogiornalisti di Parma, Majo e Teleducato esclusi, qualora ne avessero la possibilità e le facoltà farebbero un bel gesto a chiedere scusa per avere in maniera irresponsabile taciuto su quanto stava accadendo anzichè fare il tiro la bersaglio con Manenti.

    • 20 Febbraio 2015 in 19:35
      Permalink

      Al CCPC devono ancora smaltire le ultime salamelle che si sono fatti col Tom. Personaggi imbarazzanti

  • 20 Febbraio 2015 in 16:11
    Permalink

    In effetti trovo molto strano che Taci non sia mai entrato in prima persona e i presidenti del Parma che si sono susseguiti sono sempre stati dei signor nessuno. Poi Ghirardi che nonostante quello che rischia non entra mai in gioco….ma…c’è qualcosa che puzza e non poco. Trovo molto strano che Leonardi le provi tutte, si faccia venire un tirabacione, anzi due, dallo stress e il buon gosino se ne sta buono buono in disparte sapendo quello che rischia…mah

  • 20 Febbraio 2015 in 16:12
    Permalink

    Inizia la grande fuga 😀

  • 20 Febbraio 2015 in 16:12
    Permalink

    Ma il Presidente ha dormito in sede?

      • 20 Febbraio 2015 in 16:14
        Permalink

        E’ un bel guaio….aumentano le bollette…..

      • 20 Febbraio 2015 in 16:17
        Permalink

        Direttore ma non ho capito, mi scusi, ma Manenti è tornato a Collecchio?

        Grazie
        Saluti

      • 20 Febbraio 2015 in 16:30
        Permalink

        Sono commosso… vorrei prprio vedere voi con tutti i milioni di Manenti se avreste dormito nella foresteria di Collecchio, questo si che è amore per il Parma, potrebbe dormire in un hotel a 9 stelle con 8 sventole ed invece ama così tanto il Parma da non voler lasciare nemmeno per una notte il centro sportivo

    • 20 Febbraio 2015 in 22:00
      Permalink

      certo non ha casa noemi non l hai capito con 1 eur ha comperato il parma e per qualche mese dorme nella foresteria del parma tra l altro mega con tante camere

  • 20 Febbraio 2015 in 16:14
    Permalink

    Scappi come un coniglio mitomane di merda ti sei fatto pubblicità per una settimana prendendo per il culo una città e i suoi tifosi non tornare piu altrimenti ti veniamo a trovare in slovenia buffone

    • 20 Febbraio 2015 in 16:26
      Permalink

      sempre il solito impulsivo… super mapi è già tornato ed aveva fretta forse per risolvere il problema steward

      • 20 Febbraio 2015 in 16:27
        Permalink

        non conosce disoccupati sloveni da assoldare come steward domenica?

      • 20 Febbraio 2015 in 16:34
        Permalink

        anche se gallerani sta dicendo che è stata ufficialmente rinviata per mancanza sicurezza. dice che sta per uscire il comunicato

        • 20 Febbraio 2015 in 16:55
          Permalink

          ma come? SuperMapi non è riuscito a “fare qualcosa” per far giocare la partita? Incredibile! E chi lo avrebbe mai detto?

      • 20 Febbraio 2015 in 17:23
        Permalink

        Majo,Super mapi??????ma la pianti di difenderlo???Ma non ti vergogni anche te?Certa gente bisognerebbe prenderla e sbatterla in galera!!!e buttar via la chiave!Svegliati

        • 20 Febbraio 2015 in 17:29
          Permalink

          non mi pare che sia supermapi ad aver creato problemi al parma, ma se vogliamo il crucifige…

          • 20 Febbraio 2015 in 17:34
            Permalink

            Non li ha creati lui ma adesso comincia a crearne, e non pochi.

          • 21 Febbraio 2015 in 02:47
            Permalink

            Ma c he ca**o di ragionamento è??Questo è un fallitomane che sta prendendo per il culo tutti quanti raccontando un sacco di frottole a destra e sinistra sbeffeggiando una citta intera e tutta la stampa nazionale e tu hai anche il coraggio di difenderlo???Ma non vedi che è un pezzente senza un centesimo???Non ha nemmeno i soldi per andar dal dentista quello sdentato di m***a…ma perpiacere,ha falsificato anche i CRO,questa a casa mia si chiama reato!!!!!

          • 21 Febbraio 2015 in 07:13
            Permalink

            se e quando sarà incriminato ne darò notizia.
            io non sto difendendo proprio nessuno.

  • 20 Febbraio 2015 in 16:18
    Permalink

    avete dato fiducia a un millantatore che voleva una settimana di gloria

  • 20 Febbraio 2015 in 16:19
    Permalink

    I giocatori del parma che sono ottimi professionisti dovrebbero scendere in campo domenica al tardini battendo l udinese poi da lunedi inizierà un nuovo ciclo nel bene e nel male.

    IL PARMA SIAMO NOI

  • 20 Febbraio 2015 in 16:21
    Permalink

    Quelli di Brescia dicono che non ha nemmeno uno stipendio e che ha dormito parecchie notti sulla automobile… possibile che sia davvero un mitomane? E che umiliazione sarebbe per tutto il calcio italiano se un clochard fosse diventato un presidente di una società di serie A….. Ma dei soldi cosa dice, “arrivano domani”?

    • 20 Febbraio 2015 in 16:47
      Permalink

      Non fatico a crederlo….
      Direi che gli elementi ci sono tutti….
      La dentatura…l’aspetto fisico…il taglio di capelli…l’abbigliamento….
      Direi che tutto depone in questa direzione…
      Anche rovistando nella sua storia personale poi…si scopre che non paga gli alimenti all’ex moglie….
      Sono convinto che anche l’odore non sia certo dei migliori….
      Ma questo solo il direttore Majo che ha avuto la sventura di stargli accanto alcune volte lo puo’ confermare.

  • 20 Febbraio 2015 in 16:24
    Permalink

    Da assoluto ignorante faccio questa domanda e spero che qualcuno più ferrato in materia mi risponda. In altri casi di grandi fallimenti sportivi come ad esempio, Cecchi Gori e Cragnotti, questi personaggi hanno fatto fallire la propria società calcistica ma allo stesso tutto il loro “impero” economico è andato in malora quindi non avevano i mezzi per sanare i debiti anche volendo. Da quanto ne so, la Famiglia di Ghirardi, il vero responsabile di questa immensa situazione debitoria, ha un ingente patrimonio e anche l’azienda di famiglia va più che bene. Quindi la mia domanda è: esiste un modo per obbligare Ghirardi a mettere i soldi di tasca sua? anche non nell’immediato ma in tempi successivi in modo tale che anche nel caso di un fallimento pilotato fornitori e dipendenti non rimangano fregati? la giustizia penale ha il potere di esercitate 1 obbligo di questo tipo?

    • 20 Febbraio 2015 in 18:34
      Permalink

      tutta Parma se lo augura, Ghirardi è l’unico responsabile di questa TRUFFA ha ceduto la squadra a dei prestanome completamente sprovveduti.
      Mi auguro che la GDF ti faccia presto visita e che ti faccia un culo COSI’ perchè è quello che ti meriti, tira fuori i soldi che hai sputtanato in questi anni e paga i dipendenti e fornitori finchè sei in tempo.

      • 20 Febbraio 2015 in 19:19
        Permalink

        questa storia dei prestanome io la trovo ridicola. anche perché oltre a non avere una logica contrasta con diversi indizi in mio possesso. però non avendo tutte le tessere non posso dire che è reale il mio mosaico

        • 20 Febbraio 2015 in 20:55
          Permalink

          Avevi detto in un commento che era ridicola anche la voce dello sciopero degli steward…

          • 21 Febbraio 2015 in 02:03
            Permalink

            E’ vero, ma poi, dopo essermi documentato, avevo anche scritto che invece era probabile

  • 20 Febbraio 2015 in 16:27
    Permalink

    Ma nel video chi è che lo ha salutato? La voce sembrava quella di Gallerani possibile?

  • 20 Febbraio 2015 in 16:30
    Permalink

    Con tutto questo circo intorno alla società la figura dei pagliacci veri la stanno facendo alcuni sedicenti giornalisti locali da battaglia. Da non addetto ai lavori mi sono vergognato per alcune uscite del pagliaccio Gallerani di Sky (?!) e degli altri leoni con i deboli e zerbini con i vari compagni di merende. Mi prendo tutte le responsabilità se il nasone Majo (cui va dato merito di essersi distinto per serietà e deontologia professionale) intendesse pubblicare.

    • 20 Febbraio 2015 in 17:25
      Permalink

      Va be anche oggi Milano e Gallerani a Palla in Tribuna hanno fatto i loro soliti teatrini, perculando in un qualche modo Majo e questo li qualifica da soli, tra l’altro come al solito senza dare una notizia che sia una.
      Poi Milano e il gruppo GazzettaRadioTvParma non ne becca una da quando è iniziato tutto questo circo, anzi si fecero pure infinocchiare con la storia di Proto.
      Gallerani poverino mi chiedo che santi ha in paradiso, perchè un pallone gonfiato, borioso, di dubbie capacità, come lui a Sky non si spiega.
      Se a questi ci aggiungiamo Schianchi, si capisce che il livello dei giornalisti di Parma è veramente basso.

      • 20 Febbraio 2015 in 17:42
        Permalink

        D’accordo con Atrtemio. Schainchi è …….!!!!!!

      • 20 Febbraio 2015 in 19:52
        Permalink

        gallerani tra non molto tornerà da dove era venuto cioè a teleducato… 🙂 anzi no non lo vogliono nemmeno lì… allora tornerà a fare l’istruttore di nuoto per bambini alla coop… li forse avrà un futuro ma non sono sicuro che i bambini capiscano quello che dice…. o come ultima alternativa potrebbe passare le giornate a dire cazzate con i suoi amici il macellaio e il falegname 🙂

      • 20 Febbraio 2015 in 21:37
        Permalink

        Il tuo quadro rispecchia perfettamente la realtà dell’informazione parmigiana. ..che tristezza assoluta…ma come siamo messi?! Se poi ci abbandona anche Majo (come purtroppo ha ventilato), la disfatta è totale…

  • 20 Febbraio 2015 in 16:33
    Permalink

    Ormai il gioco è finito, e non vengano a parlare dell’ UPI e dei poteri forti della città…
    Questo signore è venuto qui a passare un paio di settimane per semplice voglia di pubblicità… La sua prossima mossa sarà quella di dire che ci ha provato in tutti i modi e purtroppo le cose non stanno come pensava e che i tempi sono stati troppo stretti.
    Si congederà senza perdere nulla perchè nulla possiede, e se ne tornerà a commerciare pellets e cianfrusaglie varie.

    GAME OVER

  • 20 Febbraio 2015 in 16:37
    Permalink

    Noemi ne oggi ne mai questo è un barbone che è stato mollato da tutti diciamo le cose come stanno una volta per tutte

  • 20 Febbraio 2015 in 16:43
    Permalink

    Gabriele mayo hai tutta la mia stima…gallerani mi ha deluso…lui non ha il oarma nel cuore…
    Ti leggo sempre volentieri

  • 20 Febbraio 2015 in 16:53
    Permalink

    Signorina NOEMI , la smetta , conme al solito, di fare politica e non offenda i clochard

  • 20 Febbraio 2015 in 16:55
    Permalink

    Il problema è che adesso ha il pallino del gioco in mano lui, e fino a che non si rompe il cazzo di fare il “Presidente” è tutto fermo..

  • 20 Febbraio 2015 in 16:56
    Permalink

    Direttore Majo provo a buttare lì una idea:
    perchè noi tutti tifosi non ci andiamo a RIPRENDERE il PARMA?
    proviamo a fare come fanno in Spagna, nel Real o meglio nel Barcellona, dove c’è l’azionariato popolare, ovvero dove i tifosi sono i proprietari del club. Sa quanto sono i tifosi del Parma?

    • 20 Febbraio 2015 in 18:49
      Permalink

      non sognamo dai… io sono prosaico e poco poeta. queste cose sono commoventi ma per nulla concrete

    • 20 Febbraio 2015 in 19:42
      Permalink

      Mo co dit?
      Hai una vaga idea di quanto raccolgono Barca e Real in azionariato popolare? Te lo dico io: intorno ai 15 M annui. E i soci, peraltro, non è che hanno l’abbonamento gratis. Se lo devono comprare come chiunqe.

      Se fai l’azionariato popolare a Parma raccoglierai 200.000 euro se va di lusso.

      Ci compri al massimo uno dei pulmini

  • 20 Febbraio 2015 in 16:57
    Permalink

    Manenti è il sogno americano… anche se non hai niente puoi diventare Presidente.

  • 20 Febbraio 2015 in 16:58
    Permalink

    guardate, francamente più assisto, incredulo e sbigottito, a questa storia, più noto similitudini con il povero Gaetano Valenza (RIP): stessa mitomania, stessa costanza nel perseverare a raccontare balle su balle. C’è da dire che, se non altro, Valenza era riuscito a circondarsi, almeno per qualche tempo, di una sorta di cerchio magico fatto di illustri professionisti (inutile fare nomi oggi, credo che in molti li ricordino), sia di Parma che di Milano e Lugano che, se non altro, lo resero un pò più credibile di questo che, a guardarlo così, probabilmente manco si lava.

  • 20 Febbraio 2015 in 17:03
    Permalink

    Noemi, di quali soldi parli? Questo non ha nulla, non so neppure se esiste. Forse è un ologramma. Deve aver gravi problemi psichici, credo non si renda neppure conto in che cavolo di situazione si è cacciato. Cancelliamo dalla mente Mapiman del Mapiworld, anche perchè si rischia di perder di vista i veri colpevoli di questo sfascio. Mapiman è solo avanspettacolo degno di qualche scalcinato teatruccio di periferia. E’ il rotondo di Carpenedolo il vero autore di questo clamoroso fallimento. Uno che non ha messo neppure un copeco nel Parma, si è divertito qualche anno, ha spolpato la società e se n’è andato. Altrochè Mapiman!!

  • 20 Febbraio 2015 in 17:10
    Permalink

    Mat dove sei, dai un info.

  • 20 Febbraio 2015 in 17:13
    Permalink

    Direttore ed amici del parma che tristezza………da uno straje che lavora in piemonte ma da sempre tifoso gialloblu ormai credo parfrasando la canzone del reggiano Ligabuo che ”il peggio debba ancora venire” sara’ un vero miracolo se con pochi soldi e qualche santo in pardadiso ripartiremo dalla B , ma ormai chi credete che in tempi brevi metta qualche milione di euro per una societa’ allo sbando!!! Possiamo forse sperare con un po’ di tempo davanti magari in qualche imprenditore cinese che comprando il Parma AC
    pensi a una citta citta’ e a dei prodotti famosi nel mondo , ma ci vorrebbe degli amministratori o dei curatori con grossi contatti internazionali o qulcuno che veramente amasse il calcio a Parma
    e non una pubblicita’ o qualche ora sotto i riflettori.
    E pensare che fino a qualche mese perfino gli Juventivi consideravano il parma una bella societa’ ed i Tardini un campo difficile da espugnare……….. Bei tempi.

    Forza Parma comunque……e speriamo (forse) nell’attaccamento
    ai colori da parte dei giocatori.’

  • 20 Febbraio 2015 in 17:16
    Permalink

    ma di quel pagliaccio di Alborghetti non parla nessuno?Contratto a termine?Ma se ha parlato pure per metà conferenza stampa ieri viene a dire che doveva solo predisporre i conferimenti di deleghe a Manenti?Ma per piacere…

  • 20 Febbraio 2015 in 17:17
    Permalink

    Ciao Mayo, se sei a collecchio dovresti aver visto entrare colui che rileverà il Parma da manenti. ( come ti ho scritto nei giorni scorsi )

      • 20 Febbraio 2015 in 17:53
        Permalink

        Chi è?

      • 20 Febbraio 2015 in 17:55
        Permalink

        …. e quel qualcuno è ? Gallerani ? Schianchi ? Milano ? Melli ?

      • 20 Febbraio 2015 in 17:56
        Permalink

        di chi si tratta?

      • 20 Febbraio 2015 in 17:59
        Permalink

        quindi ?

      • 20 Febbraio 2015 in 18:36
        Permalink

        Di che cosa stiamo parlando?

    • 20 Febbraio 2015 in 17:58
      Permalink

      di chi stiamo parlando?

    • 20 Febbraio 2015 in 18:04
      Permalink

      Mat ancora prestanomi ? non il vero propetario V ??

    • 20 Febbraio 2015 in 18:09
      Permalink

      Altro mitomane che acquista ad 1€?…o è il romano che aveva anticipato il direttore a C&C?

      • 20 Febbraio 2015 in 18:34
        Permalink

        io non ho anticipato proprio niente. semmai ha anticipato angella…

        • 20 Febbraio 2015 in 18:53
          Permalink

          di cosa si tratta direttore? mi sono perso qualcosa? perchè Mat sa di questa persona?

    • 20 Febbraio 2015 in 21:42
      Permalink

      Langella parla di cordata locale o delle solite voci su Zanetti, che ha già smentito a più riprese.
      @Mat perché non si può dire chiaramente di chi si tratta?C’è ancora ‘sta storia del patto di riservatezza?

  • 20 Febbraio 2015 in 17:23
    Permalink

    Oggi nn dovevamo prendere i pulmini ….nuovi!

  • 20 Febbraio 2015 in 17:34
    Permalink

    Palla in Tribuna fa cagare, che trasmissione del c…o è?
    Non danno una notizia che è una. Quando le danno sono sbagliate. Chiamano sempre Gallerani e/o Schianchi (che aveva visto le fatture pagate dal Tanzi grasso a settembre). Ma veramente a cosa serve?

  • 20 Febbraio 2015 in 17:57
    Permalink

    Mat : omen nomen, in buona compagnia con quel bizzarro personaggio che ci ritroviamo come presidente.
    Certo che non li ha creati lui i problemi, però li sta trascinando da irresponsabile senza nessuno sprezzo del ridicolo.

  • 20 Febbraio 2015 in 18:10
    Permalink

    @Mat. Perchè ti diverti a fare il pifferaio magico?ti atteggi a regista che batte i Ciak alle scene. sembra che tu sia il Deus ex machina, invece sei solo una talpa o una spia. non sei divertente, almeno sta zitto invece di fare tanto il sapientone. parla o vai un pò a vagare…

    • 20 Febbraio 2015 in 19:08
      Permalink

      Talpa ? Spia ? Deus ex machina ? A leggervi non mi sorprende che Manenti vi faccia credere agli asini che volano con tanta facilità.

  • 20 Febbraio 2015 in 18:11
    Permalink

    OGGI E MORTO IL CALCIO

    • 20 Febbraio 2015 in 18:37
      Permalink

      grande reggiano

  • 20 Febbraio 2015 in 18:27
    Permalink

    azz si e’ fottuto una delle volvo di servizio…ahahahahah

    • 20 Febbraio 2015 in 19:17
      Permalink

      mah, creo che abbia avuto problemi col cambio automatico, poi non trovava la mezza pallina da tennis tagliata sul pomello del cambio e non sentiva bene il rombo del motore e della marmitta, nella sua skoda ‘c’aveva messo su il PROMA::::’

  • 20 Febbraio 2015 in 18:40
    Permalink

    Io ero a Collecchio. Majo dopo che la macchina di Manenti è sfrecciata quasi investendoti visto che stavi riprendendo LA FUGA DEL MITOMANE, con il cellulare, sei stato qualche minuto e poi te ne sei andato e così ho saputo ( e tu sai a chi mi riferisco) che Manenti è una testa di legno come le altre che l’hanno preceduto. Manovrerebbe tutto Ghirardi che per paura del fallimento E DEI MILIONI CHE DOVREBBE AVERE ALL’ESTERO PORTATI ILLEGALMENTE, ( rischia sei anni ) avrebbe anticipato 30 milioni di quello che molto presumibilmente avrebbe distratto durante la sua infausta presidenza EVITADO COSì IL FALLIMENTO E SALVAGUARDANDO SE STESSO. Perchè Majo insisti nel dire che Ghirardi non c’entra nulla quando la quasi totalità dei giornalisti presenti a Collecchio hanno la stessa certezza? Può essere. Con quei trenta milioni, si tappano le falle,si va in B, si vendono quasi tutti i giocatori, si fanno giocare giovani promettenti (ne abbiamo 180) si ridimensiona un poco tutto e poi capita l’acquirente che con 20 milioni di euro acquista tutto compreso la squadra e il centro di Collecchio. Ad ogni modo la credibilità di MANENTI è finita nel momento stesso che dal centro di Collecchio è fuggito da un’uscita secondaria senza dire nulla. QUESTO E’ IL PUNTO DI NON RITORNO.NON PERDIAMO PIÙ’ TEMPO E COSTRINGIAMO VISTO CHE MANENTI NON VUOLE, A PORTARE I LIBRI IN TRIBUNALE. OGGI ALLE 1.45 e’ finita questa farsa. Manenti NON HA PIU’ nessunissima CREDIBULITA.

    • 20 Febbraio 2015 in 19:16
      Permalink

      tu e gallerani vi assumete le responsabilità di quel che dite. a parte che nn credo che gallerani goda se riporti in pubblico quanto pontifica in privato. accusare di portare fondi all’estero e di riportarli è una tesi che dite voi dalla quale mi dissocio totalmente sia in termini di legge che di logica.
      e mapiman non stava scappando quando mi ha quasi investito ma andando in prefettura
      infine di quel che pensano i miei colleghi sinceramente me ne infischio. io sto bene da solo con la mia coscienza

      • 20 Febbraio 2015 in 21:42
        Permalink

        Majo, ma da cosa deduci che Velenoso si riferisce a Gallerani? Ho assistito, lo sai, alla vostra diatribina su questo post…bhe…devo dire che Gallerani aveva ragione.

      • 20 Febbraio 2015 in 21:47
        Permalink

        meno male che non ha fatto morti…..quello al volante è un pericolo pubblico!

      • 21 Febbraio 2015 in 02:19
        Permalink

        oggi lei è stato indirettamente protagonista di palla in tribuna… majo e stadiotardini sono stati citati più volte da gallerani, frigeri, malvisi e milano… recuperi la puntata…

        • 21 Febbraio 2015 in 02:21
          Permalink

          Non mi sembrava che mi avessero trattato benissimo, almeno così mi hanno riferito alcuni ascoltatori. a parte l’ottimo malvisi, ovviamente

          • 21 Febbraio 2015 in 02:28
            Permalink

            confermo… milano non voleva neanche che si citasse stadiotardini…

    • 20 Febbraio 2015 in 19:28
      Permalink

      E perchè Ghirardi non ha messo i 30 mln nel Parma quando era suo? Era troppo facile come operazione? Poi avrebbe potuto venderlo, con meno debiti, e con più tempo a disposizione. Mi sa che ormai si fa a chi la spara più grossa.

    • 20 Febbraio 2015 in 19:35
      Permalink

      Ma per quale motivo allora vendere a Taci??…lo sai anche un bambino delle elementari il curriculum di Taci e che molto probabilmente non avrebbe pagato nulla e il rischio fallimento era sempre più probabile!…se come dici te avesse portato dei soldi illegalmente all’estero non gli conveniva vendere tutti in estate limando i debiti e vendendo in settembre/ottobre?…non vedo il nesso tra portare soldi fuori all’estero–vendere a Taci–rischio fallimento–riportare i soldi in italia

  • 20 Febbraio 2015 in 18:51
    Permalink

    Ma il CDA che fine ha fatto?

    • 20 Febbraio 2015 in 19:56
      Permalink

      Lo stanno facendo in Slovenia 🙂

  • 20 Febbraio 2015 in 20:20
    Permalink

    @MAK=Mat.

  • 20 Febbraio 2015 in 20:31
    Permalink

    Gentile signor Majo, le apparenze ormai la descrivono appeso ad una convinzione in cui ormai nessuno crede, legato per principio ad una speranza che, in tutti, si sta velocemente spegnendo.
    Le faccio i complimenti per il modo in cui, con coerenzae dedizione, riporta le notizie.
    Non ho mai inteso, nella mia mediocrità, che lei stesse parteggiando per qualcuno. Ma sono impressioni personali.
    Buon lavoro.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI