PARMA-CHIEVO 0-1 (FINALE) DECIDE ZUKANOVIC CON UNA PUNIZIONE ALL’INCROCIO DEI PALI. CROCIATI IN 10’ DALLA MEZZORA DEL P.T. PER L’ESPULSIONE DI GALLOPPA

PARMA-CHIEVO 0-1 / IL TABELLINO

Marcatori: 8’ st Zukanovic

PARMA (4-3-3) – Mirante; Cassani (13’ st Mauri), Santacroce, Lucarelli, Feddal; Nocerino, Mariga (24’ st Belfodil), Galloppa; Varela, Palladino, Rodriguez
A disposizione: Iacobucci, Coric, Mendes, Esposito, Erlic, Prestia, Broh, Lodi, Ghezzal
All: Donadoni

CHIEVO VERONA (4-4-2) – Bizzarri; Frey, Dainelli, Gamberini, Zukanovic; Schelotto, Radovanovic (41’ st Birsa), Izco, Hetemaj; Paloschi (1’ st Botta), Pellissier (25’ st Meggiorini)
A disposizione: Bardi, Seculin, Sardo, Cesar, Biraghi, Mattiello, Christiansen, Feftatzidis Pozzi
All: Maran

Arbitro: Sig. Gianluca Rocchi di Firenze

Assistenti: Sigg. Pegorin e Padovan

IV Ufficiale: Sig. Galloni

Arbitri Addizionali: Sigg. Cervellara e Ripa

Espulso: Galloppa (per doppia ammonizione)

Ammoniti: Feddal, Galloppa, Santacroce, Paloschi, Frey, Nocerino, Radovanovic

Recupero: 2’+

IL FILM DELLA PARTITA

PRIMO TEMPO

14′ Conclusione di potenza di Mariga dopo corta respita di Radovanovic

15’ Ammonito Feddal (fallo su Schelotto)

20’ Schelotto, solo in area sciupa

25’ Ammonito Galloppa per fallo tattico su Izco (un paio di minuti prima Rocchi lo aveva graziato dopo intervento scomposto su Schelotto)

28’ Gran sinistro di Varela: sventa Dainelli

30’ Secondo cartellino giallo per Galloppa, espulso da Rocchi.

32’ Izco, impreciso destro dalla distanza

34’ Ammonito Santacroce

42’ Feddal ci prova da fuori area: di poco alto

45’ Ammonito Paloschi per proteste – Sono due i minuti di recupero

47’ Parma-Chievo al riposo sullo 0-0

SECONDO TEMPO

4’ Ammonito Frey

5’ Mischia furibonda davanti a Bizzarri, ci provano Lucarelli e Feddal senza fortuna

7’ Intervento di Mariga su Hetemaj ne deriva una insidiosa punizione per il Chievo: batte Zukanovic che indovina l’incrocio dei pali portando gli ospiti in vantaggio

13’ Sostituzione Parma: esce Cassani, entra Mauri

14’ Mirante neutralizza conclusione di Pellissier

16’ Punizione Varela dalla sinistra abbondantemente fuori

22’ Mirante sulla linea di fondo toglie il pallone dai piedi di Pellissier

23’ Ammonito Nocerino per fallo su Dainelli

24’ Secondo cambio Parma. Fuori Mariga, dentro Belfodil

25’ Conclusione di Botta, Santacroce mette in angolo

25’ Sostituzione Chievo: esce Pellissier entra Meggiorini

27’ Cross di Belfodil, libera Dainelli. Il Parma generoso in avanti attacca con sette effettivi

30’ Tiro insidioso e potente scoccato da Nocerino, deviato in angolo. Sugli sviluppo del corner conclusione lontana dallo specchio di Belfodil

34’ Tiro di Botta deviato in angolo

38’ Chievo vicino al raddoppio: Meggiorini coglie il palo con un sinistro chirurgico rasoterra e poi risolve Mirante su tap in di Botta

41’ Sostituzione Chievo. Esce Radovanovic, zoppicante ed entra Birsa

43’ Scontro Gamberini-Palladino in area. I crociati reclamano il penalty, ma secondo Rocchi è tutto regolare

44’ Chievo sciupa contropiede 4 contro 2, ma Birsa sbaglia l’appoggio su Meggiorini e, protetto da Santacroce, neutralizza

45’ Tre minuti di recupero

45’ Tiro di Birsa cha lambisce il palo esterno

48’ E’ FINITA: PARMA-CHIEVO 0-1

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

39 pensieri riguardo “PARMA-CHIEVO 0-1 (FINALE) DECIDE ZUKANOVIC CON UNA PUNIZIONE ALL’INCROCIO DEI PALI. CROCIATI IN 10’ DALLA MEZZORA DEL P.T. PER L’ESPULSIONE DI GALLOPPA

  • 11 Febbraio 2015 in 18:50
    Permalink

    ma i boys non avevano i soldi per un altro striscione? Perchè contestano alle persone sbagliate?? si sono svegliati un po’ in ritardo

  • 11 Febbraio 2015 in 18:52
    Permalink

    Essendo in Repubblica Serba di Bosnia-Erzegovina, la sto ascoltando alla radio. Teniamo botta, per ora. Peccato per l’espulsione di Galloppa. E speriamo che il secondo tempo ci regali un miracolo sportivo, ché è esattamente ciò che ci servirebbe. Ci stiamo giocando tutto. Anzi più di tutto.

  • 11 Febbraio 2015 in 19:53
    Permalink

    Galloppa, Galloppa ……..

  • 11 Febbraio 2015 in 20:01
    Permalink

    Libri in tribunale SUBITO

    la vittoria di tutti sarà quella di vedere Ghirardi e Leonardi in galera. ( soprattutto GHIRARDI)

    Sarà una soddisfazione anche per chi deve essere pagato.
    Intanto quei soldi purtroppo per loro se li possono scordare.

    GIUSTIZIA .

  • 11 Febbraio 2015 in 20:06
    Permalink

    Game over, calcisticamente parlando. E ora vediamo cosa succede a livello di conti correnti.

  • 11 Febbraio 2015 in 20:06
    Permalink

    Solo due parole, tutte dedicate ai Boys, anziche’ tifare tutti per un verso si pensa ad insultare Ghirardi e Leonardi, lo trovo uno schifo enorme, dove erano i Boys sette mesi fa’ ??? Anziche’ sprecare il fiato nell’insultare Ghirardi e Leonardi dovrebbero pensare a incitare per 90 minuti la squadra e poi a fine campionato insultare chi merita di essere insultato. Io mi auguro che questa nuova societa’ rispetti cio’ che ha detto cosi poi vorrei vedere i Boys cosa diranno visto che mi sembra di aver capito (almeno da lei direttore) che questo piano B era nel cassetto di Leonardi e quindi si potra’ anche andare in serie b ma se esistera’ ancora il Parma almeno Leonardi e anche per suo interesse ma almeno si e’ prodicato per frovare una soluzione, ed inoltre mi risulta che la trattativa vecchia a Taci era stata fatta tenendo fuori Leonardi dalla stanza. Chiudo semplicemente che i Boys tutti a pecoroni 7 mesi fa’ oggi a Pecoroni grazie a gente come Cassano (la sua storia da mercenario si conosce) e grazie a Melli, due persone che hanno contribuito solo a parlar male e a non dire tutte le verita’….che sanno molto molto bene. Calma e gesso, chi vivra’ vedra’ e rimaniamo in riva al fiume a vedere i cadaveri che passano….compreso i Boys.
    Grazie
    Matteob

    • 11 Febbraio 2015 in 22:24
      Permalink

      Campa cavallo

    • 11 Febbraio 2015 in 22:25
      Permalink

      Leonardi si è Prodicato una Soluzione x il Parma ?????

      Meno Male !!!!! mo Mama ke Lavor !!!!! ke Roba !!!!!!

      PADRE LINO PENSACI TU X FAVORE !!!!!!!

      Amen !!!!

      Poi ci vuole Coraggio parlare di Melli in questa Maniera !!!!!

      Ancora GRAZIE Sandro x le Reti nel derby !!!! SERIE A !!!!!

      KE SPETTACOLO !!!!!! KE GODURIA !!!!!!!

      DAL 1913 AVANTI CROCIATI !!!!!!!

    • 11 Febbraio 2015 in 22:44
      Permalink

      I BOYS HANNO FATTO BENISSIMO AD INSULTARE CHI CI HA AFFOSSATO.GALERA PER GHIRARDI

  • 11 Febbraio 2015 in 20:26
    Permalink

    Nn pagheranno..

  • 11 Febbraio 2015 in 20:36
    Permalink

    Squadra di dilettanti societa nulla tifosi del cazzo cosa possiamo aspettarci per il futuro solo la merda che che ci ha lasciato il ****** ghirardi fosse successo esempio a bergamo i giocatori lo pseudo presidente non uscivano dal tardini
    Parma non si merita questo pero ha grandi colossi come barilla chiesi farmaceutici che giustamente investono in ricerca ecc non spendono neanche l 1 per cento del proprio utile o fattuturato per la causa crociata
    Si diano da fare il sindaco 5 stelle e l unione industriali di azzali per dare credibilita ha una squadra campione d europa e d italia che non merita tutto questo scempio

    SVEGLIA PARMIGIANI NO ALLA RESA

  • 11 Febbraio 2015 in 20:53
    Permalink

    lo avevamo sempre detto

  • 11 Febbraio 2015 in 21:04
    Permalink

    Donadoni si è dimostrato un grande uomo ma un piccolo allenatore c’è zenga libero la b è gia nostra ma vogliamo metterci un po di orgoglio da qui alla fine di questo campionato del cazzo al limite si tiene per la b o lui o guidolin però servono garanzie manenti ce le può fornire?

  • 11 Febbraio 2015 in 21:31
    Permalink

    Ci sono due possibilità,
    O Majo è un bambascione credulone o è in malafede.
    Manenti gh’a gnan un bor e dopo la conferenza di oggi Majo va avanti con la sua tiritera.
    Ma veramente è così presuntuoso da credere che gli altri non se ne accorgano?

  • 11 Febbraio 2015 in 21:56
    Permalink

    Lucarelli uomo vero ricordiamocelo.

  • 11 Febbraio 2015 in 22:15
    Permalink

    Non ho letto niente perché sono rincasato adesso dopo averci bevuto su tanto!!!!
    Mi spiace per i dipendenti e fornitori ma io mi auguro il fallimento ci vuole una bella pulizia etnica…l’unica soddisfazione per un tifoso è vedere il ****** di Carpebedolo a San vittore.
    I tifosi non possono essere umiliati così ogni domenica.
    Anche Osso povero ragazzo ma si può tenere fuori Mauri in quella squadra qua?? Per far giocare uno che ha un passo da bassa lega pro che viene espulso Xche ci arriva sempre mezz’ora dopo….
    Ringrazieremo sempre Alessandro perché a 38 anni ogni domenica si dimostra sempre un giocatore e un uomo che vuole bene alla nostra maglia e alla nostra città….
    Io penso che non si possa soffrire così per uno sport/passione…ma si rende conto di quello che ha fatto??? Ma che razza di uomo è??? Ma come fa a guardarsi allo specchio????
    parma ti amo!!!!! Sempre e ovunque!!!

  • 11 Febbraio 2015 in 22:42
    Permalink

    OTTIMO STRISCIONE MA CE NE VOLEVA UNO PER I VERI RESPONSABILI. 2IL GATTO E LA VOLPE

  • 11 Febbraio 2015 in 22:55
    Permalink

    Caro MAJO ieri alle stelle, oggi alle stalle ma IO SONO CON TE

  • 11 Febbraio 2015 in 23:13
    Permalink

    Ho ascoltato molto attentamente tutta la conferenza stampa in replica su TV Parma, sono sicuro che Manenti di soldi propri non ce ne metterà ma sono (abbastanza) sicuro che gli stipendi arriveranno tutti… nessuno ha interpretato nella giusta maniera certe parole di Manenti su MPS la banca più indebitata nei confronti del Parma FC, bene al fine di evitare il fallimento della società e la sicura (e totale) perdita del credito vantato, è probabile che abbia accettato di salvare la società concedendo nuove linee di credito nella speranza che nel tempo questi signori riescano a portare un po’ di soldi tramite le sponsorizzazioni di cui hanno parlato in conferenza stampa, rinviando il problema al futuro… pratica molto diffusa ormai nel settore bancario. Presto vedremo…

  • 11 Febbraio 2015 in 23:14
    Permalink

    Direttore io invece volevo chiederti una valutazione del ” dietro le quinte” della conferenza stampa, ovvero secondo te nessuno dei comunicatori del Parma ha preparato è supportato i 2 sciagurati? Li hanno mandati allo sbaraglio?
    Qui siamo ben oltre il folklore ed low profile…

    Ps. Su parma quotidiano c’è un articolo sulle visure fatte a Mapi Italia e Mapi ambiente….AIUTO…. E il presidente che oggi le ha anche nominate per controbattere a Gerevini

    • 12 Febbraio 2015 in 02:25
      Permalink

      Nessuna visura per Mapi Fashion? Come testimonial il “Mano” andrebbe benone…

      Per quanto concerne comunicatori e confessori vari: credo che tutti quanti avessero fatto presente quanto fosse pernicioso fare la conferenza, ma loro l’hanno voluto fare. Le prime mosse comunicazionali – indubbiamente poco geniali – mettono a repentaglio il lavoro concreto che pare stiano portando a termine.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 11 Febbraio 2015 in 23:18
    Permalink

    Per quei tifosi che sono stati presi per i fondelli con andiamocela a riprenderde e vediamo lo spettacolo indegno che ormai dovremmo vivere da qui alla fine del campionato. I libri in tribunale e chi ha ingannato tante persone deve pagare nelle sedi opportune. IL campionato e falsato il parma non puo più giocare in questa categoria e solo umiliazione per sostenitori e città.

  • 11 Febbraio 2015 in 23:26
    Permalink

    Basta con queste umiliazioni si ritiri la squadra e si portino i libri in tribunale così chi con andiamocela a riprendere paghi le malefatte nelle sedi opportune.

  • 11 Febbraio 2015 in 23:42
    Permalink

    Basta umiliazioni ritirare la squadra e si portino i libri in tribunale , per far pagare nelle sedi opportune chi ha ingannato tantd persone” tifosi d città “.

    • 11 Febbraio 2015 in 23:43
      Permalink

      Un pensiero per dipendenti e fornitori no, eh?

  • 11 Febbraio 2015 in 23:44
    Permalink

    Basta umiliazioni ritirare la squadra e si portino i libri in tribunale , per far pagare nelle sedi opportune chi ha ingannato tantd persone” tifosi e città “.

  • 11 Febbraio 2015 in 23:51
    Permalink

    quindi direttore che facciamo?andiamo avantI a farci umiliare ogni giorno in questo modo. diamo credito a personaggi che pensano di portare avanti una società come il Parma senza avere un azienda alle spalle?uno che viene in conferenza e dice che cercherà di coinvolgere tizio caio e ancora però non ha coinvolto nessuno?ma come si fa Majo?sappiamo benissimo come andrà a finire. acceleriamo questo processo e facciamola finita una volta x tutte. non posso accettare che Ghirardi ne esca impunito.

  • 12 Febbraio 2015 in 00:04
    Permalink

    DA REGGIANO dico una cosa non meritate questo è una cosa molto triste, ma le societa’ ora si vendono al primo che passa? questo signore voleva anche la reggiana anni fa, sono cavolate cio’ che ha detto in conferenza stampa mi sembra uno anche poco stabile ha detto molte contraddizioni

  • 12 Febbraio 2015 in 00:07
    Permalink

    Ohi aspettiamo sto benedetto 16 che tanto non ci cambia nulla. ..

  • 12 Febbraio 2015 in 00:12
    Permalink

    allora questi personaggi vogliono solo speculare e guadagnarci io ho un idea di cio che vuole fare un consiglio? mandatelo via a calci in culo fidatevi meglio una serie d con gente sana che un balordo che non sa davvero che vuole fare anche noi siamo stati avvicianti da questo soggetto nel 2010

  • 12 Febbraio 2015 in 00:29
    Permalink

    reggiano la penso esattamente come te…nonavrei mai pensato di arrivate a sperare una cosa del genere..

  • 12 Febbraio 2015 in 00:36
    Permalink

    simone t io voglio un derby ma qua si gioca sulla pelle d centinaia di dipendenti che hanno famiglia , chi ha bambini ecc qua il calcio non centra qua centra la dignita’ delle persone che sono state calpestate da soggetti che dovrebbero essere alla pulce ( in carcere ) ma in italia funziona cosi

  • 12 Febbraio 2015 in 06:25
    Permalink

    Mi dispiace per la gente che ci lavora,i calciatori una squadra la trovano,ma deve finire tutto,la finanza a cosa serve? Solo per le pensionate senza scontrino? Facciamola finita una volta per tutte!!! Ma Leonardi con la frase ” si sono puliti l’anima ” a chi si riferiva?

    • 12 Febbraio 2015 in 08:10
      Permalink

      Leonardi credo si riferisse a tutti coloro che hanno esternato la propria verità peraltro senza assumersi responsabilità e dando colpe agli altri, a partire dal ghiro a sky e sul corsera qualche settimana fa alle più recenti dichiarazioni di giordano, kodra, doca, donadoni, giocatori e fuori dall’ambiente parma Tommasi o anche certi famosi giornalisti che cinguettano…

      • 12 Febbraio 2015 in 09:11
        Permalink

        Vedi Molossi, che a forza di stare chinato di fronte a Ghirardi ora soffre di scoliosi….

  • 12 Febbraio 2015 in 09:57
    Permalink

    Certo, in Italia preferiamo gli avvoltoi, ovvero i nuovi padroni che prima di diventarlo, aspettano che la squadra che hanno intenzione di rilevare fallisca, così da prenderla col bilancio immacolato. Vedi Della Valle e De Minchiauntiis…sì, sì: loro sì che, tra Calciopoli e perquisizioni della GdF, son seri e presentabili. Peccato che in Italia gente così non venga fatta con lo stampino.

    • 12 Febbraio 2015 in 10:15
      Permalink

      be Luca però la prima parte del tuo discorso non è che sia poi cosi sbagliata come ragionamento…scusa ma a me imprenditore chi me lo fa fare di prendere una squadra in serie a con 100 milioni di debiti(non creati da me),quando so benissimo che ripartendo dalla serie d e con meno della metà dei soldi posso tornare in serie a ?!?!

      • 12 Febbraio 2015 in 14:40
        Permalink

        Non credo che il Parma, ripartendo dalla D, abbia il peso politico necessario per ritornare in A in un batter d’occhio. È chiaro che alla Federazione non conveniva avere Fiorentina e Napoli perennemente in Lega Pro, del Parma invece può sbattersene i cosiddetti. Se non è ancora chiaro, al Palazzo interessano i bacini di utenza. E sai cosa se ne fanno di quello del Parna? Ci si puliscono il c…

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI