PARMA.REPUBBLICA: “DONADONI, LUCARELLI E GOBBI ASCOLTATI IN PROCURA COME PERSONE INFORMATE SUI FATTI”

CLICCA QUI PER VEDERE IL VIDEO CON MASSIMO GOBBI CHE PARLA COI GIORNALISTI DOPO L’INCONTRO COL PM

image(da parma.repubblica.it) – L’allenatore Roberto Donadoni  e i giocatori Alessandro Lucarelli e Massimo Gobbi hanno incontrato questa mattina il pubblico ministero Paola Dal Monte negli uffici della Procura di Parma. I tre tesserati del Parma sono stati ascoltati come persone informate dei fatti a proposito delle inchieste aperte dagli inquirenti sulla difficile situazione del club che il 19 marzo – giorno dell’udienza in tribunale – rischia il fallimento. (video m.c.p)

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

14 pensieri riguardo “PARMA.REPUBBLICA: “DONADONI, LUCARELLI E GOBBI ASCOLTATI IN PROCURA COME PERSONE INFORMATE SUI FATTI”

  • 27 Febbraio 2015 in 12:03
    Permalink

    …ma Leonardi dov’è? perchè non chiedono ancha a lui i P.M.? per me è ancora una figura da decifrare. Leonardi ha ricevuto gli stipendi ad oggi o nulla come tutti i dipendenti ? perchè nessun giornalista lo sta cercando in questi giorni…?è ancora ricoverato? Boh….o indice conferenze stampa per lodarsi con monologhi o sparisce e nessuno sa più niente…vorrei sapernedi più! grazie

    • 27 Febbraio 2015 in 18:07
      Permalink

      Paolino, o vai in Siberia o ti fai ricoverare. E’ un modo per svignarsela. Fossi stato tu al suo posto anche a te sarebbe venuto un attacco di cuore per imboscarti o in alternativa…,saresti in Siberia dove là nessuno ti verrebbe a cercare.

  • 27 Febbraio 2015 in 12:07
    Permalink

    Sono ben altri isoggetti da ascoltare cara procura…e lo sai bene…

  • 27 Febbraio 2015 in 12:13
    Permalink

    direttore domanda…. ma Ghirardi avrebbe il potere economico per pagare tutti i debiti? con questo non sto dicendo che ci sia lui dietro a Manenti, voglio solo sapere se ipoteticamente su richiesta della mammetta potrebbe trovare un accordo per saldare tutto il pregresso per evitare le eventuali pendenze.
    non sono se sono riuscito a spiegarmi.
    diciamo che un giorno la mammetta stufa delle brutte figura che il figlioletto sta facendo fare alla propria famiglia gli dice ” ormai le cazzate le hai fatte, hai provato a liberati del fardello debitorio ma hai combinato un altro casino, vai in procura e digli che per evitare qualsiasi azione contro di noi paghiamo gli arretrati.

    • 27 Febbraio 2015 in 12:16
      Permalink

      Se ci fosse stata la possibilità immagino avrebbe evitato tutto sto casino

      • 27 Febbraio 2015 in 12:27
        Permalink

        Non credo…secondo me i capitali li ha proprio “distratti” come si usa dire adesso…..insomma ha proprio tolto quattrini dalle casse del Parma….

  • 27 Febbraio 2015 in 12:25
    Permalink

    magari la mammetta non pensava si arrivasse a questo punto, visto che il buon nome è Pasotti e non Ghirardi potrebbe anche essersi rotta di farsi infangare l’immagine da questa vicenda. comunque se non ricordo male lui aveva solo delle mance dalla mamma per gestire il giocattolo Parma, quindi immagino che lei di sui quei soldi li abbia e credo anche molti di più.

  • 27 Febbraio 2015 in 12:50
    Permalink

    Majo avevi ragione per l’audio di calcio e calcio. Grazie.VISTO, te lo avevo detto che se andiamo in D (come Domodossola )su questo sito avrai ancora più lavoro e quindi non lo puoi chiudere. Te lo ha detto Dimitri che a Padova sul sito padovagol.it sono aumentati i visitatori quindi sarfebbe bene che ci tranquillizzassi.

  • 27 Febbraio 2015 in 13:54
    Permalink

    ESATTO Ghirardello…..questo è uno dei problemi di Tommasone…………………………………..soldi distratti dalle casse del Parma in primis….

    a questo si deve aggiungere
    dossier ERREA con relativa denuncia x firme false scannerizzate per millantare un credito + BANCAROTTA FRAUDOLENTA……….

    presumo ne basti per far aprire le porte del carcere………………………..anche se dopo 30 gg avra’ i domiciliari…………….VERGOGNAAAAAA…..HAI OFFESO LA NOSTRA STORIA , LA NOSTRA MAGLIA , LA NOSTRA PASSIONE……………….e per questo ne pagherai…

    • 27 Febbraio 2015 in 15:14
      Permalink

      Questo genere di commenti non mi piacciono. Io sono garantista e per me uno non è un delinquente fin quando non è giudicato non dalla folla, ma dai tribunali.

      Non solo: lei parla di soldi distratti dalle casse del Parma: bene, ha le prove? Immagino di no. E allora taccia. Il linciaggio anche verbale lo aborro.

      Saluti

      Gmajo

  • 27 Febbraio 2015 in 13:59
    Permalink

    ma che distrazione …… qui sono stati sputtanati i soldi monte ingaggio altissimo tesserare giocatori alla c…o senza puntare su pochi giovani di prospettiva …. allenatori che nn insegnano calcio nn adatti x i giovani.
    Potevamo prende zaza quando era all ascoli e come lui tanti altri …..
    Guardate l’empoli senza soldi e con giocatori che facevano la panca in legapro……
    tutti snobbano gli allenatori e sbagliano…….
    ci sono molti addetti ai lavori incapaci …..
    e qui mi fermo xche’ vado fuori tema

  • 27 Febbraio 2015 in 14:13
    Permalink

    La Procura ha deciso che il Parma non continuerà a giocare il campionato. Pignorare gli strumenti basilari per gli allenamenti significa volere far chiudere l’esperienza Parma qui. Se il Parma non ha lo spogliatoio al Tardini, al Tardini non può giocare.
    Ci sarebbe da riflettere con particolare attenzione a quanto sta succedendo e su chi sta comandando il gioco

    • 27 Febbraio 2015 in 15:23
      Permalink

      Scusami ma cosa c’entra la Procura coi pignoramenti?
      E’ il creditore che fa richiesta di pignoramento e indica agli ufficiali giudiziari dove andare ad eseguirlo. La Procura non è un creditore, ha avanzato istanza di fallimento sulla base dei propri poteri d’impulso.
      Probabilmente, visti i precedenti pignoramenti a Collecchio, il creditore ha ritenuto che vi fossero più possibilità di pignoramento positivo al Tardini, a Collecchio rischiava di risultare infruttuoso

I commenti sono chiusi.