PIZZAROTTI ALL’USCITA DAL TRIBUNALE: “LA PALLA ORA PASSA A MANENTI, IN UN MODO O NELL’ALTRO. NON ABBIAMO RICHESTO L’ANTICIPO DELLA UDIENZA DEL 19 MARZO” – video

PIZZAROTTI ALL’USCITA DAL TRIBUNALE: “LA PALLA ORA PASSA A MANENTI, IN UN MODO O NELL’ALTRO. NON ABBIAMO RICHESTO L’ANTICIPO DELLA UDIENZA DEL 19 MARZO” – video

VIDEO: PIZZAROTTI ANNUNCIA INCONTRO CON MANENTI PER LE 12 DI DOMANI, MARTEDI 23 FEBBRAIO 2015, IN MUNICIPIO

VIDEO: L’ARRIVO DI PIZZAROTTI IN TRIBUNALE, DICHIARAZIONI

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

65 pensieri riguardo “PIZZAROTTI ALL’USCITA DAL TRIBUNALE: “LA PALLA ORA PASSA A MANENTI, IN UN MODO O NELL’ALTRO. NON ABBIAMO RICHESTO L’ANTICIPO DELLA UDIENZA DEL 19 MARZO” – video

  • 23 Febbraio 2015 in 12:16
    Permalink

    E c’era bisogno di andare in Tribunale per sapere quanto emerso?Ovvio che tutto dipende da Manenti…Grande sindaco…una volpe come al solito!!!

    • 23 Febbraio 2015 in 12:23
      Permalink

      ora è colpa del sindaco, incredibile

  • 23 Febbraio 2015 in 12:19
    Permalink

    Se il SIndaco stesse fermo immobile e pensasse solo alle scie chimiche sarebbe meglio. Piuttosto, è vero che Ghirardi è ancora Consigliere di Lega?

  • 23 Febbraio 2015 in 12:20
    Permalink

    … fermo, immobile e zitto!

  • 23 Febbraio 2015 in 12:22
    Permalink

    Ha letto direttore le dichiarazioni di Ghirardi intervistato da Zazzaroni? Tutta colpa di Taci…lo dicevo io che il ciccione è troppo buono per fare il male del Parma…d’altronde è amareggiato povera stella!Comincia lo scarica barile….!!!

  • 23 Febbraio 2015 in 12:25
    Permalink

    Ma che figura! Ma basta con questi improvvisatori ! ma uno serio in questa vicenda lo riusciamo a trovare ( non parlo dei giocatori o dei dipendenti ma delle cosidette autorià upi, comune ecc) …. alla fine gira e ti rigira si “rischia” che Manenti , malgrado gli errori di comunicazione ecc, risulta essere il migliore…. be forse esagero un tantino!

  • 23 Febbraio 2015 in 12:28
    Permalink

    Intervista di Zazzeroni a Ghirardi…. Commenti?

  • 23 Febbraio 2015 in 12:50
    Permalink

    Bhe adesso tutti i pro Manenti saranno felici…..il vostro mapueroe porterà vagonate di mapisoldi. Vedrete…..

    • 23 Febbraio 2015 in 12:55
      Permalink

      Guarda, Francesco, un accenno di retromarcia lo hanno fatto il Sindaco e il Capitano, mica Manenti che sta tirando dritto per la sua strada. Questo dovrebbe farti e farvi riflettere. È chiaro che dietro Manenti ci sia qualcuno, è chiaro che Super Mapi abbia in mano dei soldi che non riesce ancora a trasferire qua in Italia. Altrimenti il Sindaco avrebbe continuato ad esercitare su di lui il pressing degli ultimi giorni.

      • 23 Febbraio 2015 in 13:07
        Permalink

        Luca io posso anche capire il discorso che non riesca a portare i soldi in Italia…però quello che non capisco è come possa cambiare la situazione da qui a un mese?!?!Se i soldi sono”poco puliti” e non entrano adesso,non penso che tra un po riescono ad entrare!

      • 23 Febbraio 2015 in 14:25
        Permalink

        Guarda tu. Il sindaco, di cui non son certo sostenitore, ha semplicemente rilasciato una dichiarazione di buon senso. Manenti è il proprietario del Parma e o caccia i soldi – impossibile – o porta i libri in Tribunale (“in un modo o nell’altro”). Dietro Manenti c’è solo una scia di figure di palta e di miserie umane. Ma come fate ancora a credere ad un millantatore che non ha neppure tirato fuori 50.000 euro per pagare gli steward? Un sindaco non può sostituirsi ad un proprietario di un bene privato, cosa credevi dicesse? Mica siamo in URSS! Evidentemente in Tribunale hanno avuto rassicurazioni che pure dopo il 19 vi saranno i tempi tecnici per far qualcosa. Lasciano Mapiman nel suo brodo, poi lo caccieranno a calci in culo. Come cavolo fate a credere che chi ha disponibilità di centinaia di mln di euro si faccia rappresentare da una barzelletta umana del genere, è mistero. Ma alla fin fine è fin divertente; sentire le menzogne quotidiane di MapiTSO è degno di Zelig. Il famoso Cro, vorrei ricordartelo, era composto da undici numeri estratti dalla colonna del Lotto (che galantuomo il nostro Mapilotto!). Ma, senz’altro, dispone di fortune ingenti da qualche parte. Forse su Marte. O, più probabilmente, nella sua fantasia.Speriamo che l’USL si ricordi delle parole di Alborghetti in conferenza stampa e provveda a ricoverare questo caso umano molto triste.
        A proposito: i pulmini sono arrivati?

  • 23 Febbraio 2015 in 12:50
    Permalink

    Non c’è limite al peggio…. le colpe sono sempre degli altri !!!! Bravo Ghirardi bravo…la scelta di anadare da Taci è colpa di chi ti ha consigliato vero? tu povero nani non hai una testa che ti permette di scegliere? certo prendere decisioni non è mai facile ma se sei un manager questo è il tuo pane quotidiano a volte si sbaglia ma a me hanno insegnato che nel bene e nel male la responsabilità è sempre tua ….

  • 23 Febbraio 2015 in 12:52
    Permalink

    Majo com’è permaloso. Velenoso è vero ha esagerato ma credo non volesse offenderla. In questo periodo siamo tutti incazzati per la situazione del Parma e anche Velenoso va capito.Se lo banna penso che anch’io mi autobannero’perché se stavo sul suo sito era solo per leggere Velenoso che e’di un ironis e di una simpatia unica.Con me ci sono anche le mie amiche che impazzivano per Velenoso ed anche loro penso si autobanneranno Ora ritornero a leggerlo sulla gazzetta di Parma facendo felice Balestrazzi Che da tanti anni che scrive non lo ja mai bsnnato.LO GRAZI, SOMMO GABRIELE,3 non faccia karakiri.Su questo sito Velenoso è un valore aggiunto.

    • 23 Febbraio 2015 in 12:58
      Permalink

      Il problema è che è da un po’ che la mena. siccome il mio unico patrimonio (io sono messo peggio di Manenti…) è la mia onestà intellettuale e la mia serietà professionale, non mi va che uno venga qui ad infamare il mio lavoro e la mia persona.
      Non è un discorso di esser permalosi: se uno mi dice che ho il naso lungo dico che è vero, se uno viene qui e mi calunnia (come fanno altri imbecilli) insinuando di secondi fini che non ho, mi girano gli zebedei. Anche perché io sto tenendo in piedi questa baracca da anni, per puro spirito di servizio e a fine mese non porto a casa un biadino, mentre lui ed altri, vengono qui e si divertono, mettendomi in cattiva luce.
      Per senso di libertà ho sempre ospitato lui come altri, magari replicando. Però va bene esser fessi, ma a tutto c’è un limite. Rovinarmi per farmi sputtanare non mi va.
      Inoltre lo avevo avvertito di lasciar lì di scrivere robe da querela o epiteti che non condivido contro altri e lui ha insisto, rasentando la provocazione.
      Saluti
      Gmajo

      • 23 Febbraio 2015 in 13:43
        Permalink

        Strano, trattandosi di un personaggio così di basso profilo, senza nessuna tendenza al messianico, mi aspettavo che Velenoso si scusasse…
        Vada avanti, direttore, che dei giornalisti come Lei, che ci mettono il naso, intendo, si va perdendo la razza…

      • 23 Febbraio 2015 in 14:12
        Permalink

        Ciao direttore. L’invicibile girl e velenoso sono la stessa persona (ma già lo saprai). Sulla gazzetta quando hanno iniziato a bannarlo due o tre mesi fa si è inventato il nuovo nick……”mi presento, sono nuova, velenoso ha sempre ragione” ecc…una roba patetica. …..davvero triste da leggere…

    • 23 Febbraio 2015 in 14:03
      Permalink

      Questa mi sembra tanto un’auto difesa.. In ogni modo a mio avviso il valore aggiunto e’ non dover piu’ leggere i commenti di velenoso e non viceversa..

  • 23 Febbraio 2015 in 13:14
    Permalink

    Direttore ma Manenti non potrebbe presentare una dichiarazione documentata dalla banca che sta facendo i controlli sui soldi dove ci comunicano che i soldi ci sono e saranno disponibili a breve?
    Stamattina è riuscito a sentirlo?

    • 23 Febbraio 2015 in 13:19
      Permalink

      No, non l’ho chiamato. Oggi aveva cose più importanti da fare che non sentire me…

      • 23 Febbraio 2015 in 13:22
        Permalink

        Lei sa cosa però?
        Potrebbero esserci dei rivolti buoni?e comunque non mi ha detto cosa pensa della mia ipotesi sul documento bancario è fattibile?

  • 23 Febbraio 2015 in 13:21
    Permalink

    Buongiorno Direttore e grazie per la seria informazione che sta facendo di questa vicenda!!
    Avrei solo una domanda da porre, ho letto che oggi sono andati gli uffciali giudiziari a pignorare attrezatura medica in sede.
    Sapete se hanno pignorato il lettino dove si dopava circa14 anni fà Cannavro con Veron prima della finale di coppa UEFA?
    🙂

  • 23 Febbraio 2015 in 13:21
    Permalink

    Direttore, il nostro eroe torna o no?

  • 23 Febbraio 2015 in 13:23
    Permalink

    Volevo solo precisare una cosa Majo. io non ho mai letto che lei mi scriveva di smettere di scrivere perchè dicevo cose da querela. Mi son sempre detto che se scrivevo qualcosa di offensivo venivo cestinato. Io non volevo offenderla anzi io di lei ho la massima fiducia e rispetto.La mia più che atro era una rovocazione. Lei mi conosce, ci troviamo spesso quando c’è la festa del Parma al Circolo Toscanini dove lei fa foto. MI SCUSO CON LEI NUOVAMENTE e ringrazio l’invincibile girl delle belle parole a mia difesa. Io proverò ancora a scrivere su questo forum sperando che a Majo dopo le mie sincere scuse gli sia passata. Se ciò non accadesse mi troverai ancora invincibile girl sul sito della gazzetta dove da quasi 8 anni scrivo a Baestrazzi e a volte pur essendo forse stato diverse volte da querela, lui non mi pubblicava e mei mi ha bannato. FACCIAMO PACE?

  • 23 Febbraio 2015 in 13:24
    Permalink

    Direttore, come Lei sa non condivido affatto la sua indulgenza nei confronti di Manenti e non ne comprendo I motivi. Certamente non sono economici, Manenti non ha neanche I soldi per la benzina, e forse sono soltanto speranze. Come quelle che hanno I bambini cui hanno detto che Santa Lucia no. Esiste, ma lo stesso sperano ancora che sia tutto vero.ma condivido ciò che ha scritto su Velenoso. Se in questo sito noi possiamo scrivere quello che ci pare, e’ grazie a lei.

    • 23 Febbraio 2015 in 13:31
      Permalink

      Appunto. Però l’importante è non mettere in dubbio la mia buona fede e onestà intellettuale. Poi possiamo essere d’accordo e contrari su tutto, sviluppando un dialogo intelligente. Lo spazio commenti lo metto a disposizione per questo: capisco che in certi momenti possa trasformarsi in un lavandino quando c’è da sfogarsi. però richiedo sempre il rispetto per tutti

  • 23 Febbraio 2015 in 13:25
    Permalink

    Non ci si capisce più niente.. Solo che le istituzioni pensano solo al campionato e sono ora vittima della propria (dis)organizzazione.
    Intanto altro pignoramento

  • 23 Febbraio 2015 in 13:36
    Permalink

    saluti

  • 23 Febbraio 2015 in 13:38
    Permalink

    Salve Direttore,

    si sente di poter confermare l’indiscrezione di sky sull’ultimo viaggio di Manenti in Slovenia, secondo cui gli sarebbe stato negato un credito di 16 milioni di euro?
    Seconda domanda, stasera sarà in onda su Teleducato?

    Gianluigi

    • 23 Febbraio 2015 in 13:40
      Permalink

      Stasera sarò in onda su Teleducato, come ogni lunedì e giovedì alle 21. Se mi chiedeva se ci sarà manenti direi di no.
      L’indiscrezione di sky a me non risulta. Io so che manenti è (o era) a milano per un incontro importante con dirigenti bancari.

      Saluti

      Gmajo

      • 23 Febbraio 2015 in 13:52
        Permalink

        ahahahahah no chiedevo di lei… però sarebbe bello se ci fosse un collegamento telefonico con il pres. (esclusiva Mapi Channel permettendo)…
        Buon lavoro direttore.

        Gianluigi

      • 23 Febbraio 2015 in 13:52
        Permalink

        ah ecco era con importanti dirigenti bancari…
        bravo 7+ ormai ,notizione alla raimondi.

        a me risulta che facesse il clochard in stazione centrale

      • 23 Febbraio 2015 in 13:54
        Permalink

        Al massimo Manenti a Milano puo’ scroccare le monetine in stazione con gli zingari…
        Ipotizzare possa fare altro e’ pia illusione.
        “importanti dirigenti bancari” non ne ha mai incontrati e mai ne incontrera’.
        Puo’ incontrare a breve qualche dipendente di casa circondariale….quello si.
        Si spera anche…..

        • 23 Febbraio 2015 in 14:01
          Permalink

          Egregio, se lo scrivo è perché ne sono certo.

          • 23 Febbraio 2015 in 14:22
            Permalink

            speriamo non come in occasione del CRO

          • 23 Febbraio 2015 in 14:23
            Permalink

            Ecco qua due pagliacci all’opera….
            Certo caro Majo che avrai visto sto’ duo comico all’opera, ma forse qualche altro amico no…e allora agevolo per rinfrescare la memoria…casomai qualcuno se lo fosse perso ecco il fenomeno andato a Milano per incontrare “importanti dirigenti bancari”….
            https://www.youtube.com/watch?v=RBySq4ktB6c

          • 23 Febbraio 2015 in 14:25
            Permalink

            anche io

          • 23 Febbraio 2015 in 16:11
            Permalink

            Manenti però a Radio Parma ha smentito che avesse un incontro a Milano per i soldi…

        • 23 Febbraio 2015 in 14:32
          Permalink

          Credibilita’….parolone..Manenti non e’ credibile..ok..fatemi un solo altro nome i tutta questa storia che sia credibile????
          Il pezzente come lo definite cosa ci va a fare da un bancario…ah gia’ per megalomania..infatti ..fatto sta che da poveraccio come dite sembra essere l’unico che ci prova…forse si sovrastima forse e’ “malato” ma sembra provarci

  • 23 Febbraio 2015 in 13:45
    Permalink

    Caro Direttore,

    io credo che Ghirardi dica il vero, a partire dalle cifre elencate (73,5 mln di debito corrente) che più o meno corrispondono a quelle indicate anche nella sua precedente analisi.
    Inoltre, è risaputo che Taci sia un amicone del presidente di Lega Galliani che sono certo avrà contribuito non poco a farlo incontrare con Ghirardi, con il beneplacito della FIGC e dei famosi indutriali di Parma che insieme a Capitan Pizza presenziarono addirittura alla famosa cena del debutto in società.
    Cosa è accaduto dopo? Nessuno lo sa? Io non ci credo.
    Anzi, se fossi un giornalista serio come Lei Direttore, mi butterei forte su questo filone.

    Tornando alle cifre, pur parlando di importi elevatissimi, a me sembrano comunque numeri gestibili a patto che esista una nuova proprietà “seria” con una realtà industriale solida alle spalle e con buoni canali di accesso al credito.
    Da semplice osservatore appassionato, ritengo infatti che la maggior parte di questo debito sia facilmente rateizzabile, riducendo così in parte l’esborso immediato da liquidare e/o mettere a garanzia.
    Vorrei ricordare che il fallimento pilotato e la ripartenza in serie B, consentirebbe all’eventuale acquirente di ripartire conservando la parte viva della società, che se ben gestita, potrebbe ancora consentire di recuperare parte dell’investimento iniziale (attraverso la cessione dei giocatori che hanno ancora un mercato) nonché di ritrovarsi una buona rosa per la cadetteria già in casa (eh già….i famosi 200 giocatori a contratto) senza considerare le potenzialità del settore giovanile.
    A questo si deve sommare gli introiti televisivi, di sponsor e di botteghino che una serie B cmq riesce a garantire oltre al paracadute per la retrocessione.

    Ripartire dalla serie D mi sembra molto peggio, sarebbe un olocausto dal quale faccio fatica a trovare gli interessi economici prodromici ad una risalita.

    • 23 Febbraio 2015 in 14:08
      Permalink

      Il paracadute lo abbiamo già aperto qualche tempo fa. Parola di Tavecchio.

    • 23 Febbraio 2015 in 14:52
      Permalink

      Sono d’accordo, considerato che si potrebbero vendere alcuni giocatori (non regalarli, tipo Paletta) e coprire comunque una parte del debito. Penso a Galloppa, Palladino e Co. Certo, si tratta di poco, ma si potrebbe ripartire dalla B lanciando alcuni ragazzi della primavera e iniziare a programmare la risalita in 2-3 anni. Solo che l’incertezza attuale non invoglia nessuno, e si rischia di dilapidare un patrimonio cospicuo.

      • 23 Febbraio 2015 in 15:07
        Permalink

        Palladino e Galloppa tra età, integrità fisica e attuale stipendio è già tanto se qualcuno li vuole gratis. Al massimo, gli unici da cuisi può pensare di ricavare qualcosa (ma sempre presi per il collo) sono mirante mauri e cerri.
        Per il resto è chiaro che sarebbe meglio la d della b, ma ipotizzare che “una proprietà seria” possa essere interessata al parma in b gravato da un simile fardello di debiti a mio parere è (purtroppo) utopia.
        Poi continuiamo a far i conti senza Manenti, il quale poco fa ha ribadito di non essere intenzionato a chiedere il fallimento

  • 23 Febbraio 2015 in 14:09
    Permalink

    Che strano : a Napoli, a Firenze, a Siena, a Piacenza, a Mantova, a Ferrara, a Padova, a Trieste, a Messina, etc…., sono tutti ripartiti dalla serie D o peggio..
    Evidentemente solo a Parma ci sono debiti gestibili ed affari per chi compra salvando il diritto sportivo in B…..

  • 23 Febbraio 2015 in 14:14
    Permalink

    Direttore…che fine ha fatto il suo amico Mat?

    • 24 Febbraio 2015 in 05:24
      Permalink

      È anche troppo presente, purtroppo. Credo che si possa fare decisamente a meno dei suoi assiomi

  • 23 Febbraio 2015 in 14:22
    Permalink

    Ciao a tutti , sono una tifosa del Parma che abita a Torino. Come tutti voi sto ascoltando le varie notizie che arrivano ogni gg riguardo la situazione finanziaria della nostra squadra e sono profondamente dispiaciuta ed in pena…che questa squadra sia finita nelle mani sbagliate…in bocca agli sciacalli.Volevo proporre ai tifosi del Parma dal momento che ieri si sono radunati davanti allo Stadio Tardini di sottoscrivere un c/c come si fa nei casi d’emergenza x raccogliere fondi x le spese minime indispensabili, magari con l’aiuto di ex giocatori…e vorrei che il Direttore Gabriele Majo ne fosse il portavoce, che ne dite? Per non assistere alla disfatta inermi e senza aver provato a far qualcosa…Fatemi sapere qui nei commenti cosa ne pensate…”Io sto con il Parma”…sempre fedele Amelia

  • 23 Febbraio 2015 in 14:29
    Permalink

    Mano, Mano, Mano ! ineffabile e determinato, Milano e Rugolotto non lo scalfiscono … Avantiiiiii!

  • 23 Febbraio 2015 in 14:59
    Permalink

    mi sto un po’ nauseando di una buona parte di persone che si dichiarano tifosi e si continuano a scagliare contro Manenti e pure Majo.
    credo che molti vinti dalla passione innegabile abbiano bruciato le tappe e preteso subito e tutto.
    io in manenti ci credo ancora e son molto deluso da quanto letto nei confronti del Direttore che non fa altro che fare bene e in maniera oggettiva il suo lavoro!
    diamo fiducia…

  • 23 Febbraio 2015 in 15:15
    Permalink

    Sembra che Manenti abbia smentito il discorso dell’incontro in banca!direttore che dice?

    • 24 Febbraio 2015 in 18:51
      Permalink

      E vorrei anche vedere…
      non c’e’ un banchiere uno sulla faccia della terra che vuole avere a che fare con Manenti…..

      • 24 Febbraio 2015 in 19:22
        Permalink

        Eppure, guarda un po’, lo ricevono… Chissà perché

  • 23 Febbraio 2015 in 15:22
    Permalink

    Sono veramente incazzato. Non posso rassegnarmi alla serie D. Se a volte esagero mi cestini pure ma a vote è più forte di me e devo sfogarmi con qualcuno specialmente in questo periodo che siamo lo zimbello di tutti. Io di lei ho la massima stima e quello che le ho detto era frutto del mio incazzamento non certamente verso di lei. Ci mancherebbe altro….

  • 23 Febbraio 2015 in 15:27
    Permalink

    proporrei un astag “salviamo il parma dai parmigiani!….
    AH io sono di Parma genitori di Parma nonni di Parma…insomma i parenti più lontani della mia famiglia vengono da Noceto e da Bardi ….

  • 23 Febbraio 2015 in 15:31
    Permalink

    Direttore, apprezzo la sua coerenza di pensiero riguardo all’affare Mapi/Manenti, anche di fornte ad una difficolta evidente di gestione. In tutta questa storia cio’ che mi lascia ancora speranzoso e’ che non riesco a capire quali motivi avrebbero mosso il presidente a farsi carico del Parma se effettivamente non avesse o non sapesse trovare il becco di un quattrino. Pubblicita’ dicon alcuni, megalomania altri. Ma questo e’ sul ballo da anni, se questa operazione con il Parma va a rotoli lui a 50 anni e’ finito, bruciato, andato. Che sia pazzo? non lo so ma tanta gente gli ha dato credito a livello personale, non finanziario magari, ma credito umano. Allora, quale sarebbe il tornaconto di Manenti se andasse tutto a catafascio???? Qualcuno gli deve aver promesso qualcosa per farlo muovere cosi’ e resistere alla tentazione del fallimento. Se il Parma fallisse lui avrebbe quasi nulla da perdere, altri moltissimo.
    Forse sono le stesse cons derazione che tengono in vita il suo 0,1%…….Un saluto caloroso, stia sereno, chi dubita la sua onesta intellettuale non ha capito niente

  • 23 Febbraio 2015 in 16:01
    Permalink

    Albano, io se permette già mi fidavo poco di Ghirardi, specie dopo la sceneggiata della scorsa estate; per nulla degli albanesi; e meno ancora del mitomane che dobbiamo sorbirci adesso.
    Fiducia?!? Ma dove?!?
    Se almeno gli albanesi avessero portato i libri contabili in Tribunale un mese fa, adesso forse, e sottolineo forse, si potrebbe tentare un qualche salvataggio.
    Ma dopo un mese di Mapi-presaperilculo, c’è solo il fallimento con annessa serie D.
    Purtroppo.

  • 23 Febbraio 2015 in 19:17
    Permalink

    La palla passa a Manenti? La palla è di Manenti. Acquistata per un Euro.
    Probabilmente il tribunale ha fatto notare l’irritualità delle richieste delle “autorità” e spiegato con parole semplici e comprensibili dai presenti che manenti è legalmente proprietario che è sono state aperte delle istanze di fallimento, che manenti ha tempo fino al 12/03, ecc. ecc
    Mi piacerebbe sapere se il comune ha sollecitato i pagamenti alla proprietà precedente (Ghirardi)…

    • 23 Febbraio 2015 in 21:38
      Permalink

      La cosa assurda era andare in tribunale a chiedere di anticipare una udienza già fissata… E ovviamente l’obiettivo non è stato raggiunto…

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI