SLITTA ANCORA IL VERTICE MANENTI-PIZZAROTTI: LA MAMMA DEL PRESIDENTE SARA’ OPERATA DOMANI

(gmajo) – Il previsto tavolo di domani con l’incontro ravvicinato tra il Sindaco di Parma Federico Pizzarotti e il presidente del Parma F.C. Giampiero Manenti è costretto a subire un nuovo rinvio: la mamma di SuperMapi, infatti, proprio domani subirà un intervento chirurgico. Le parti si stanno riaccordando per fissare a breve una nuova data. Avrebbero dovuto presenziare alla riunione anche i rappresentanti dell’AIC, l’allenatore Roberto Donadoni e il manager Fiorenzo Alborghetti, che riferendoci di aver accettato di partecipare al tavolo, ci ha pure detto di aver sentito un certo ottimismo, da parte di Manenti, convinto di riuscire a portare in porto l’operazione. Lo stesso presidente avrebbe già fatto predisporre al proprio pool di legali gran parte della documentazione da presentare in Tribunale per l’udienza fallimentare del 19 marzo.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

126 pensieri riguardo “SLITTA ANCORA IL VERTICE MANENTI-PIZZAROTTI: LA MAMMA DEL PRESIDENTE SARA’ OPERATA DOMANI

  • 24 Febbraio 2015 in 18:41
    Permalink

    e bravo majo lei pubblica solo i commenti che piacciono a lei. ha perso un lettore

    • 24 Febbraio 2015 in 19:32
      Permalink

      Lei è un pessimo esempio di persona prevenuta, che se anche non viene più su stadiotardini.it non la rimpiangerò di certo. Lei ha proprio le stimmate addosso del luogo dal quale arriva, ricco di prevenzione ed odio negli altri.

      Io se non ho pubblicato qualche suo precedente commento è perché ancora devo arrivare a moderarli, giacché in giacenza, da stamattina, ce ne sono più di 100 in attesa. Ne ho moderato qualcuno col telefonino mentre stavo facendo i servizi in esterna, e non ho cestinato nulla di suo, cosa che mi guardo bene dal fare, a meno che non sia proprio non pubblicabile. Poi se c’è uno che è talmente masochista da pubblicare i commenti contro sé stesso quello sono io, quindi, almeno non venga qui a piangere. Io di certo non piango a perdere lettori come lei. Che manco sanno capire il lavoro di una persona (sono a digiuno da stamani) con mille articoli ancora da pubblicare.

      Il dialogo con i lettori, in situazioni come quelle che stiamo vivendo, lo rimando nei ritagli di tempo. Ho anche delle notizie da dover dare. Non solo rispondere a voi. Poi il tempo perso a rispondere a gente tipo lei è veramente da rimpiangere!

      Addio

      Gmajo

        • 24 Febbraio 2015 in 20:08
          Permalink

          Ok scuse accettate e scusami pure tu se sono andato un po’ fuori dalle righe…

  • 24 Febbraio 2015 in 18:41
    Permalink

    Il fallimento pilotato unica opzione ricordatevi del patrimonio giocatori….

    non sono mai stato favorevole al fallimento ma arrivato a questo punto…..

    Non è vero che costa troppo ripartire dalla B secondo studi costa d+ ripartire dalla D

  • 24 Febbraio 2015 in 18:44
    Permalink

    Ormai è chiaro. Manenti la tira per le lunghe il più possibile, per dar tempo a Ghirardi di mettere a posto I suoi problemi personali. Ma veramente non ci sono gli estremi per un intervento delle forze dell’ordine?

    • 24 Febbraio 2015 in 18:49
      Permalink

      Ma basta con queste cazzate: non sopporto la gente che deve infangare gli altri e che parla per convinzioni che si basano sul niente.

      MANENTI CON GHIRARDI NON C’ENTRA UN CAZZO. ED ERA ANCHE PIUTTOSTO INCAZZATO PER IL “GOLPE”, VISTO CHE NON VOLEVA ASSOLUTAMENTE CHE LA PRENDESSE MANENTI.

      • 24 Febbraio 2015 in 19:38
        Permalink

        Ma ti rendi conto di quel che dici????Oltre ai debiti sportivi che devi pagare,per risalire dalla serie d alla serie a sai quanti soldi bisogna tirare fuori?????70 milioni non sono nullla in confronto!!!!E poi con il fallimento pilotato ne tiri fuori meno di 70!Svegliati majo!e smettila di chiamare quel fallito di mANENTI “super mapi” che sei leggermente patetico

  • 24 Febbraio 2015 in 18:44
    Permalink

    Direttore…ora fiducia puo’ scendere a 0,001 ?
    Con rispetto,
    Enzo Dallai

  • 24 Febbraio 2015 in 18:46
    Permalink

    chissenefrega della sua mamma. PAGLIACCIO! là stanno portando via anche le stampanti e questo va dalla mamma, che magari deve solo mettere un gesso. che figlio di ……!

    • 24 Febbraio 2015 in 19:26
      Permalink

      Se portano via le stampanti è perché i vostri cari Ghirardi e Taci gli hanno lasciato questa eredità

      • 24 Febbraio 2015 in 21:02
        Permalink

        MA perché tutti deve rispondere “i vostri Ghirardi e Taci” quando neanche sa se chi scrive li stimava e come se non aver dato credito a costoro giustificasse il credito verso Manenti? Sinceramente, Majo, dovrebbe darsi una calmata, anche perché lei è un professionista, non un lettore-tifoso?

        • 25 Febbraio 2015 in 00:44
          Permalink

          Bisogna esprimersi nel linguaggio in cui più facilmente ci si può far capire.

      • 24 Febbraio 2015 in 22:52
        Permalink

        lui ha comperato questa realtà nessuno gli ha puntato una pistola per farlo

  • 24 Febbraio 2015 in 18:47
    Permalink

    vorrei solamente sapere chi sono i legali di Manenti!!!

  • 24 Febbraio 2015 in 18:48
    Permalink

    Sembra di stare su “Scherzi a parte”…
    Non faccio ulteriori commenti, non voglio essere pesante.
    Almeno il 12 marzo si avvicina, e di lì si ripartirà, in un senso o nell’altro.

  • 24 Febbraio 2015 in 18:48
    Permalink

    mi sembra di essere tornato a scuola. La prossima volta presenterà la giustifica firmata 🙂

  • 24 Febbraio 2015 in 18:50
    Permalink

    Sig. Majo, mi permetta ma 0,1% non significa niente. Allo 0,1% io credo anche all’esistenza di Manitù, mentre a Babbo Natale, credenza più diffusa, riservo addirittura lo 0,3%.
    Ricorda? anche Fonzie riuscì a dire “mi sono sbagliato”, dopo qualche tentativo: sia superiore ai molossi (che sono dei cani, poi) e ammetta di essere stato indotto a fidarsi si un personaggio “da ufo”.
    Cordialmente
    Vecchioalle

    • 24 Febbraio 2015 in 19:25
      Permalink

      Quando sarà certo che mi sono sbagliato non avrò difficoltà ad ammetterlo.

      Ma io non sono indotto a fidarmi da nessuno. Io mi costruisco le mie idee da solo.

      E ho anche spiegato 100.000 volte, ma siete molto duri di comprendonio, perché se vi mettete in testa una cosa non ve la cambia nessuno, che per me tra la morte certa del fallimento di fatto ordinato da Taci la notte di milan parma e il tentativo dello stregone, preferivo quest’ultimo. E concedere 0,1% di fiducia non è tanto. E gli esempi che fa lei con tanto di percentuale, su babbo natale non c’entrano una benedetta mazza

      • 24 Febbraio 2015 in 19:30
        Permalink

        Sig. Majo lei fa una grandissima confusione, come al solito:
        1) OVVIO che tutti preferiamo qualunque ipotesi al fallimento, anche perché il sottoscritto a quasi 50 anni col cavolo che si va a cercare i risultati della propria squadra a pagina 32 della gazzetta.
        2) sulle percentuali evidentemente non mi sono spiegato a sufficienza. Concedere lo 0,1% di fiducia non è tanto: è NIENTE, ovvero NON SIGNIFICA NIENTE, se non mettere le mani avanti per poi dire, se per caso questo strambo personaggio trovasse i soldi sotto un fungo, “ve l’avevo detto”.
        Quindi, prima di accusare la durezza del comprendonio altrui bisognerebbe leggere e (cercare di) capire.
        cordialmente
        Vecchioalle

        • 24 Febbraio 2015 in 19:34
          Permalink

          Siccome la mia posizione su Manenti è stata oggetto di diversi commenti, eppure continuate a non capire…

          • 24 Febbraio 2015 in 19:41
            Permalink

            no guardi io capisco benissimo. e l’ho anche spiegato al punto 2 del post precedente, cosa significa quel ridicolo 0,1%: “una benedetta mazza” (CIT.)

  • 24 Febbraio 2015 in 18:51
    Permalink

    Non so se ridere o piangere.

    • 24 Febbraio 2015 in 20:28
      Permalink

      Piangi: perdiamo gente come Mauri,Cerri,Haraslin,Zecca,Erlic,esposito,Zucolini,broh,niantakye,Mitta,Dell’Orco, Abelli, Bruschi,lukanovic.
      Un disastro a favore di Bologna, Verona e Co.
      Grazie Ghirardi te li mortacci tua

  • 24 Febbraio 2015 in 18:53
    Permalink

    adesso che il Mapi ha sentito odore dei soldi dalla Figc chi lo muove più da Collecchio, la spunta lui, la spunta lui Mister 1 euro

  • 24 Febbraio 2015 in 18:54
    Permalink

    “Le voglio bene”….perche’ riesce a non mandarmi ( per il momento) nello sconforto ( sportivo) piu’ totale.

    Enzo Dallai

  • 24 Febbraio 2015 in 18:55
    Permalink

    Poi giovedì verrà operato lo zio !!!! Ma basta!!!!!!!!!!!!!!!

  • 24 Febbraio 2015 in 18:56
    Permalink

    Alborghetti riferisce un cauto ottimismo?

    • 24 Febbraio 2015 in 19:04
      Permalink

      Esatto: però Alborghetti mi ha anche aggiunto che anche lui stesso, prima di essere altrettanto ottimista, vuole vedere personalmente i motivi dell’ottimismo di Manenti.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 24 Febbraio 2015 in 20:54
        Permalink

        Questa è stupenda direttore 🙂

        Gianluigi

  • 24 Febbraio 2015 in 18:56
    Permalink

    Majo, la netiquette? Morta? Comunque questo qui fino al 19 non si farà più vedere

  • 24 Febbraio 2015 in 18:59
    Permalink

    majo ma non dire che non hai contatti con lui sei stato il primo e per ora l unico a dare sta notizia!! Hai rapporti con lui è chiaro!! Io spero per il bene del Parma che lo molla e porta i libri in tribunale!!!

    • 24 Febbraio 2015 in 19:14
      Permalink

      Io non ho mai detto di non avere contatti: del resto gli ho telefonato tutti i giorni fino a sabato scorso, quando, peraltro, mi aveva detto della madre in ospedale, dettaglio che non avevo svelato nel rispetto della privacy.

      Forse non è chiaro che se uno fa il lavoro del giornalista ha contatti con chiunque, se no dove le trova le notizie?

      Ma avere contatti non significa essere conniventi, specie se come me si è persone pulite senza secondi fini, cosa di difficile comprensione per chi, evidentemente, ha valori morali del tutto differenti dei miei.

      Inoltre: la notizia non me l’ha data Manenti, che non sento da sabato scorso, quando Alborghetti, che avevo sentito a proposito di un approfondimento che stavo per fare. E come me lo ha comunicato io l’ho detto a voi.

      E per quanto concerne il “bene del Parma”, io al contrario di lei, credo che faccia bene a non portare i libri in tribunale, se, ovviamente, ha i soldi. Ma la dead line è il 12 marzo.

      Saluti

      Gmajo

  • 24 Febbraio 2015 in 19:02
    Permalink

    l’ha saputo adesso che domani (“domani” sta a Manenti come “importante” a Tommy Budla da Carpenedolo) si opera la mamma?
    mah a me sa di “fetta” da scuole medie…almeno io su mia nonna l’ho usata spesso. che dice, Sig. Majo, ci crediamo allo 0,1% anche a questa?
    cordialmente
    Vecchioalle

  • 24 Febbraio 2015 in 19:03
    Permalink

    Direttore buonasera volevo chiederle,sul corriere dello sport, mi sembra,c’è un articolo che parla di un commercialista bresciano arrivato ieri a collecchio x comprare il parma…poi mandato in comune dal sindaco,ne sa qualcosa? Grazie

    • 24 Febbraio 2015 in 19:21
      Permalink

      L’ho letta anch’io lì, ma non ne so nulla di più

  • 24 Febbraio 2015 in 19:05
    Permalink

    No, mi dispiace, ma solo stasera alle 18 sa che la mamma viene operata domani mattina? Un ospedale ti chiama qualche giorno prima, preavvisa. E’ figlio unico? No, mi dispiace, non riesco a provare pietà, vicinanza per una cosa del genere. Riunione spostata per due volte e soldi non ancora versati. Manenti è l’ultimo con cui prendersela ma essere presi in giro ora da questo non ci sto proprio.
    Ah, gli attacchi di ansia di Leonardi che hanno fatto stare in pena una città intera si è saputa oggi da Lucarelli che non sono niente di grave Ma toh

    • 24 Febbraio 2015 in 19:21
      Permalink

      Io gli attacchi di panico e di ansia non li auguro a nessuno: sono una pessima compagnia. Ve lo dice uno che ha avuto per fidanzata, in gioventù, una ragazza che ne pativa e la sofferenza era immane. Non è perché se uno non rischia la vita che una malattia non sia grave.

      Saluti

      Gmajo

      • 24 Febbraio 2015 in 19:28
        Permalink

        Bravo Majo. Chi ha sofferto o ha avuto a che fare con persone che soffrono di depressione o attacchi di panico capisce quanto dolore queste patologie comportino. Solo gli ignoranti non lo capiscono. Poi, se è una simulazione, credo che i medici se ne sarebbero accorti…

    • 24 Febbraio 2015 in 20:07
      Permalink

      Caro paolo sei un vero kretino….ma solo il risponderti mi fa’ capire che il kretino sono anche io a perdere tempo con un personaggio come lei.
      Saluti

  • 24 Febbraio 2015 in 19:06
    Permalink

    Auguri alla madre ma sinceramente mi sembra la scusa dell’ultimo minuto! Non te lo dicono un giorno per l altro sopratutto alle sette di sera

    • 24 Febbraio 2015 in 19:19
      Permalink

      La madre era ricoverata già nei giorni scorsi; a me lo disse sabato.

      Io, per come sono portato a ragionare, non metterei in mezzo scuse di questo tipo, poi ogni testa è un piccolo mondo. Certo che c’è pieno di diffidenti. E poi dov’è il problema? Si vedono tra 24 o 48 ore cambia molto?

      Saluti

      Gmajo

      • 24 Febbraio 2015 in 19:25
        Permalink

        Parmatoday dice tra 5 giorni…

      • 24 Febbraio 2015 in 19:46
        Permalink

        O forse lunedì!
        Sono diffidente si purtroppo!non avrebbe potuto mandare un legale?
        Comunque auguri

  • 24 Febbraio 2015 in 19:12
    Permalink

    E comunque come faccia Alborghetti ad essere cautamente ottimista se non ha visto ancora nulla lo sa solo lui…..anche io sono cautamente ricco, non ho ancora guardato il mio conto….

    • 24 Febbraio 2015 in 19:18
      Permalink

      Mannella, te lo dico da anni: prima di parlare accendi il cervello, cosa che non fai.

      Il cauto ottimismo espresso da Alborghetti non era riferito a sé stesso, quanto a quello di Manenti, tanto è vero che mi ha detto, come ho già scritto prima in un altro commento, che lui sarà ottimista dopo che avrà visto di persona quello che fa rendere ottimista Manenti.

      Saluti

      Gmajo

    • 24 Febbraio 2015 in 20:33
      Permalink

      Sai bene che Filino aveva problemi di vista suvvia

  • 24 Febbraio 2015 in 19:14
    Permalink

    Auguri di pronta guarigione

  • 24 Febbraio 2015 in 19:14
    Permalink

    Il “fallimento pilotato” esiste solo nei “cervelli pilotabili” dei T.C.P.M. (tipici cittadini parmigiani medi).

  • 24 Febbraio 2015 in 19:21
    Permalink

    Speriamo che la madre di Manenti si rimetta presto così il Presidente possa tornare a occuparsi al 100% con profitto nel nostro amato Parma

  • 24 Febbraio 2015 in 19:26
    Permalink

    Ma dai majo che ti stimo come giornalista e sei anche simpatico e dici gli scoop quando li sai e puoi ma basta dare fiducia a lui!!

  • 24 Febbraio 2015 in 19:26
    Permalink

    Figa Majo vai a offendere qualcun’altro. Adesso sei te ad avermi rotto il cazzo. Io non accenderò il cervello ma non mi faccio prendere per il culo da un barbone di merda. Lascialo pure awaiting moderation ma pianta li di dire che non accendo il cervello perchè poi mi stragira il cazzo. Et capí NANI?!

    • 24 Febbraio 2015 in 19:49
      Permalink

      Non lo accendi, per il semplice fatto che è il millesimo commento che posti dimostrando di agire di impulso senza capire le cose (appunto perché tieni il cervello spento). Consiglio: prima di postare un commento leggi il titolo 10 volte e l’articolo o il testo 100 volte…
      E se ti gira il cazzo sono stracazzi tuoi, non sono certo preoccupato. Te vieni qui e offendi tutti e poi fai l’offeso. Fighetta.

      • 24 Febbraio 2015 in 20:48
        Permalink

        Strano che litigate…

  • 24 Febbraio 2015 in 19:30
    Permalink

    Aspettiamo anche la madre.

    Spero che vada in galera anche questo.

    Se continua questo rischia grosso. Meglio non tirare troppo la corda.

  • 24 Febbraio 2015 in 19:33
    Permalink

    Ridicolo. Questo soggetto specula sui dipendenti del Parma i cui stipendi sono esigenze di sopravvivenza per le famiglie e i figli. E lei Majo lo galvanizza pure appellandolo con superlativi quali SuperMapi. Potrebbe fare una informazione meno asservita, ma avra’ pure i suoi motivi.

    • 25 Febbraio 2015 in 01:16
      Permalink

      L’ironia non è da tutti.

      Definire informazione asservita la mia è semplicemente da dementi.

      Comunque buona lettura sul resto della stampa libera e indipendente.

  • 24 Febbraio 2015 in 19:36
    Permalink

    Scusate ma non vedo il nesso tra la presunta malattia della madre di Manenti e l’arrivo dei bonifici… i soldi non ci sono punto e basta il resto sono balle. Dalla conferenza stampa vergognosa dell’11 di febbraio sono passati ormai 10 gg lavorativi, se i soldi c’erano facevano tempo a fare il giro del mondo. Poi adesso salta fuori (notizia diffusa da diversi siti e probabilmente originata da Sky sport) che Manenti la scorsa settimana era andato in Slovenia per chiedere a una banca di Maribor 16 milioni di euro, dando come garanzia azioni della Mapi ???. Ma stiamo scherzando chiede un finanziamento dando in garanzia azioni di una società vuota proprietaria di un’altra società piena di debiti… follia allo stato puro. In questi giorni mi sono zittito per concedere un po di giusto tempo a questo signore, ora basta, ormai io non credo più neppure ad una parola anche davanti a documenti ufficiali

  • 24 Febbraio 2015 in 19:37
    Permalink

    Ha detto Manenti che è pronto a gestire con la diligenza del buon padre di famiglia i soldi che arriveranno a Parma dalla lega. Ma non si era dimenticato di versare gli alimenti al figlio ?

  • 24 Febbraio 2015 in 19:40
    Permalink

    Direttore ma lei ha chiesto ad Alborghetti se e’ stato pagato per le sue consulenze dalla Mapi Fashion? Ed ancora, va bene tribolare per pagare milioni di debiti, ma almeno i soldi per la trasferta di genova Manenti li potrebbe tirare fuori?

  • 24 Febbraio 2015 in 19:42
    Permalink

    ci auguriamo la guarigione di tutti e di un pronto intervento della Guardia di Finanza a controllare le fatture sui 15 mila euro di lenzuola al mese, assieme ai 40 mila euro di catering sempre al mese – se è vera la notizia…fatture false nei confronti di una nota società di abbigliamento sportivo e chissà cos’altro…chi ha fatto queste porcate pagherà.

  • 24 Febbraio 2015 in 19:48
    Permalink

    Cioè Direttore, ci spieghi: i legali di Manenti sono persone coi “cobtrocazzi”? I legali di una persona che fa un cda da solo? E sa anche i nomi, si possono sapere? E anche “ben pagati”: ma da chi che Manenti non ha un euro. O meglio: l’ha investito nel Parna!

  • 24 Febbraio 2015 in 19:49
    Permalink

    Direttore perche’ dice che il fallimento pilotato e’ impensabile perche’ costerebbe troppo per futuri imprenditori e invece dice di attendere le mosse di Manenti che dovrebbe pagare 100 milioni di debiti circa, piu’ o meno il doppio come cifra.Percio’ o non sono credibili nessuno delle due ipotesi o sono credibili tutte e due..

    • 24 Febbraio 2015 in 19:58
      Permalink

      Perché quella di manenti è una pazzia senza senso logico, del resto come quella di taci, giustificabile solo con interessi un po’ particolari di chi investe il denaro,

      Viceversa imprenditori di buon senso non sputtaneranno mai 70 ml. Se il giro Upi & C. riesce a raccattare 7 ml, max 10 ci sarà da festeggiare

  • 24 Febbraio 2015 in 19:50
    Permalink

    Spett.le majo,
    La ringrazio molto per il lavoro che lei svolge, di informazione attenta e neutrale. Una domanda: ma ripartire dalla D con un calcio pulito anche se umile e povero economicamente parlando no? A me non dispiace l’idea….

    • 24 Febbraio 2015 in 19:55
      Permalink

      Grazie. E’ esattamente dove andremo a finire, dal momento che se SuperMapi non ci salva finiremo falliti, senza alcuna ragionevole possibilità di poter fare la B, perché quella del fallimento pilotato è una faccenda di difficilissima attuazione per l’insostenibilità finanziaria della stessa,

      saluti

      Gmajo

  • 24 Febbraio 2015 in 19:51
    Permalink

    Mai visto un giornalista come lei che insulta così I suoi lettori. Non solo lei si dimostra maleducato, ma pure fiero di esserlo. E solo perché qualcuno, come Mannella, ha frainteso il senso della frase letta, senza dire nulla di offensivo, oppure nel confutare un’opinione liquidano la come calzata senza avere la minima idea di chi sia il suo interlocutore. Ha ragione, Majo, I suoi valori morali sono molto diversi dai miei. Auguri

    • 24 Febbraio 2015 in 19:54
      Permalink

      Addio egregio. Io non sto qui a farmi insultare da lei, o dal Manno (che conosco di persona e mille volte ha capito di aver scritto cazzate perché agisce d’impulso) senza rispondervi parlando in un modo che possiate capirmi.

      • 24 Febbraio 2015 in 20:05
        Permalink

        Direttore siamo (giustamente? ?)frustrati ci capisca

        • 24 Febbraio 2015 in 20:08
          Permalink

          Scusate voi se perdo la pazienza. Ma sono un po’ stressato anch’io…

  • 24 Febbraio 2015 in 19:53
    Permalink

    Ma qualcuno sa cos’era il “foglio bancario che indicava la disponibilità di 100 milioni” di cui parlava Lucarelli, e su cui si basava la fiducia iniziale dei giocatori.. ?
    Di che cosa si tratta ? Una fideiussione ? Un assegno ? Una cambiale ? Bond della Parmalat ? Azioni della Gazprom ? Carta straccia ?
    Ma di che stiamo parlando ?
    Si tratta di un pezzo di carta con scritto ho 100 milioni domani arrivano.. non si potrebbe piantarla li ?
    Ma che riunione deve fare ? Ma l’avete sentito parlare ? Sentir dire una frase sensata ?
    Questo sta provando a girare un pò di banche .. sperando che da presidente del Parma gli facciano qualche milione di credito.. che furbizia.. poi va a esportare il parmigiano in polonia.. non ci aveva pensato nessuno.. un genio !

    • 24 Febbraio 2015 in 20:09
      Permalink

      Non avendo visto il foglio… immagino sia una garanzia bancaria di qualche istituto bancario, ovviamente se questo foglio fosse di “HSBC” sarebbe “monetizzato” subito dalle banche italiane.. la verità è che proveniente da banche prive di rating nessun istituto si assume l’ onere di “scontare” tale garanzia.
      Per esperienza dico che di “carta” ne circola parecchia…
      un saluto
      Enrico

    • 24 Febbraio 2015 in 20:13
      Permalink

      Direi che la cosa più preoccupante di Manenti è proprio che non dice cose sensate. Frasi campate in aria… senza senso… E’ questo che sconcerta.

  • 24 Febbraio 2015 in 19:56
    Permalink

    In mezzo a tutta questa bagarre…alla macedonia mediatica…alle figure pessime rimediate da questi signori (Ghirardi, Leonardi, Tavecchio, Taci, ecc.)…all’imbarazzo di chi ha paura di andare in galera, di chi pensa ai diritti tv ed alle reazioni di Sky, di chi fa il milionario, di chi ne spara una dietro l’altra, di chi si accorge solo ora che una squadra che paga solo i giocatori (sparando chiodi a destra e a manca ai fornitori) è “regolare”, di chi non collega il cervello alla bocca…sempre che il cervello lo abbia (e non solo la panza)…sono felice per due, e dico due, motivi:

    – MAJO: ho scoperto di poter leggere cose sensate da un professionista sensato (dotato di buon senso ndr)…una fonte di informazioni precise…e come spesso ama dire…UNICO CHE VUOLE FARE CULTURA, ALFABETIZZARE, DIVULGARE…anzichè chiacchierare a vanvera. Purtroppo, è una scelta difficile (nel mio lavoro vivo le stesse quotidiane difficoltà)…dovendo confrontarsi con panzanate di ogni tipo…sia dal lato del pubblico che lo segue, che (ultimamente non c’è limite) da quello dell’oggetto delle sue notizie;

    – LA SQUADRA: io non ho mai visto una reazione simile…signorile…matura…da uomini veri. Mi aspettavo che l’amore per il Parma sarebbe stato riacceso, così come l’entusiasmo, da una nuova proprietà…che desse la carica e facesse tornare alto l’orgoglio di essere tifosi del Parma. Mi devo ricredere…questo ruolo lo stanno ricoprendo alcuni giocatori, Lucarelli in primis, e tanti ex…legatissimi alla città ed alla maglia. Io li applaudo…standing ovation. E ci sarò…in D…o dovunque.
    La passione che stanno dimostrando, così come quella che ci mettono i dipendenti non pagati da mesi…senza parole…solo grazie. Ricordiamoci che stiamo parlando del GIOCO del calcio e del tifo per una squadra (noi)…ma anche della vita lavorativa di molte persone (loro).

    • 25 Febbraio 2015 in 05:06
      Permalink

      Grazie e complimenti per le sue parole di buon senso.
      Cordialmente
      Gmajo

  • 24 Febbraio 2015 in 20:00
    Permalink

    Possiamo credere a tutto, che il sig. Manenti sia ostacolato dai poteri forti, che abbia difficoltà a sbloccare certi fondi, che la mamma debba operarsi..si parla di favole..il fatto sostanziale è che ad oggi non ha avuto nessun impatto nel Parma calcio, non ha risolto un problema, anche piccolo, non ha concretamente fatto niente..solo parole, inutili parole..la credibilità del soggetto è inesistente, non solo per il pedigree (leggere le parole utilizzate ai tempi del tentativo di acquisizione del Brescia per rendersi conto che sono identiche a quelle utilizzate in questo periodo), ma anche per i comportamenti attuali..se il nostro destino deve esser il fallimento, sia fallimento in tempi rapidi, inutile girarci intorno per non cambiare la realtà..questa agonia che serve solo a dar visibilità a qualcuno che ad oggi ha dimostrato di prendere in giro tutto e tutti non è ammissibile..poi si può parlare di percentuali di speranza, di pozioni magiche, di stregoni, etc..si parla del nulla.

    • 24 Febbraio 2015 in 20:41
      Permalink

      E anche perche’ Super Mapi no ha un becco di un quattrino. Che e’ venuto a fare? Sapeva benissimo com’era la situazione. Sia lui che l’esimio Taci.

  • 24 Febbraio 2015 in 20:12
    Permalink

    Questo MANENTI non è uno stupido come lo facciamo.Ve lo dico oo come finirà.Per andarsene vorrà che qualcuno gli dia minimo 500.000 euro.Con un euro ne avrebbe guadagnati di euro 499.999.

  • 24 Febbraio 2015 in 20:19
    Permalink

    Auguri alla mamma, senza ironia.
    Pare che MapiTSO abbia fatto incetta di scatole di “Monopoli”. Vuol pagare in contanti!
    Fa sto’ bonifico o levati dalle palle, che son giorni che lo annunci.
    Secondo me non incontrerà mai CapitanPizza; come ha dichiarato Alborghetti, Mapiman deve presntarsi con qualcosa di certo, non il fumo che smazza da un paio di settimane. Come potrebbe fare?Immaginatevi: si presenta con uno dei suoi documenti bancari, quelli genuini come il CRO o i fantamilioni, e, magari, se CapitanPizza fosse un po’ furbino, fa partecipare alla riunione pure un finanziere in borghese (lo può presentare come un dirigente del comune). Ecco….da MapiTSO a MapiViaBurla in 5 minuti. Il clochard è uomo di strada, non così fesso. Cerca qualche spicciolo per farsi da parte, per campare qualche mese. Ma prima o poi la Procura gli chiederà notizie di quei Mapidocumenti. E saranno cazzi…

  • 24 Febbraio 2015 in 20:28
    Permalink

    Ripeto partendo dalla D per tornare in serie B e provare la scalata si spende sicuramente molto d+ che rilevando da un fallimento pilotato ricordate che si possono spalmare i debiti e hai un patrimonio giocatori e maggiori introiti…
    poi se uno dice restiamo in lega pro senza grandi ambizioni allora è tutta un altra cosa

    • 24 Febbraio 2015 in 20:39
      Permalink

      IL FALLIMENTO PILOTATO COSTA 70 MILIONI
      RIPARTIRE DALLA D 20
      POI CHE SI TORNI SU E’ TUTTO DA VEDERE

      • 25 Febbraio 2015 in 02:01
        Permalink

        20 in D, 25 in Lega Pro, 30 in B… siamo a 75, ma abbiamo perso 3 anni…..a voler essere ottimisti…

  • 24 Febbraio 2015 in 20:29
    Permalink

    Direttore poi il patrimonio del settore giovanile lo rifà lei…

    • 24 Febbraio 2015 in 21:07
      Permalink

      Purtroppo e’ questa la vera,sola grande catastrofe. Abbiamo costruito un settore giovanile eccellente che ci viene spolpato cosi quasi con derisione. Non mi interessa la categoria ma fa male perdere questi ragazzi.
      Ghirardi ripeto un ritornello parmense: at vegna ‘n ca….r

    • 24 Febbraio 2015 in 22:24
      Permalink

      figa il settore giovanile.
      un po’ come se ti sta bruciando la casa e ti preoccupi se hai lasciato la lavatrice accesa

  • 24 Febbraio 2015 in 20:47
    Permalink

    Mamma quanta ignoranza nei commenti di certi utenti….siete fortunati che majo nin vi banna..se foste su altri lidi stareste piu calmini…per non lalare poi della maleducacazione ..

    Tornando a cose concrete..
    Direttire oggi hai sentito il presidente?
    Alborghetti e ancora presente o non ci sara all incontro?
    Per quanto riguarda i cda si sa qualcosa?
    Leonardi quando ritorna operativo?

  • 24 Febbraio 2015 in 20:53
    Permalink

    super Mapi come Renzi contestato da tutti ma nessuno riesce a farlo cadere grazie a quello scemo di taci che gliela venduto. Io propporei una cordata con a capo Majo, non pre prenderlo per il culo ma perchè per me a parte quella difesa che ha con mapi che non sono d accordo e spero che se ne vada, per il resto majo lo godo non rompe il c… a nessuno non lecca il culo a nessuno, gli fai una domanda ti risponde sempre anche se può essere una cagata, se fai una domanda stupida ad un certo Ga…. ti risp ma che c… stai dicendo, la chiedi a Majo ti risp no, nn so oh te la spiega, ha solo il difetto di difendere mapi per il resto è un grande e lo stimo

  • 24 Febbraio 2015 in 20:59
    Permalink

    Io vado contro corrente..comincio a crederci. Questo è talmente folle che vuol vedere che riesce realmente a tirare fuori I soldi e salvarci il culo?e a quel punto quanto mi piacerebbe vedere tutti quelli che fino ad ora lo hanno insultato e denigrato alle spalle. In primis quelli di vita Mantova…che bello che sarebbe! tutti a leccargli il culo come solo loro sanno fare!che gran rivincita sarebbe x il mano!

  • 24 Febbraio 2015 in 21:13
    Permalink

    ma che 70 e poi il patrimonio va sottratto alla spesa proprio nn si vuole capire……
    tanto siamo FOTTUTI
    che tristezza

  • 24 Febbraio 2015 in 21:30
    Permalink

    Se il sig. Manenti trova il aig. Caciocavallo e gli vende la fontana di Trevi la sfanghiamo.
    Invece di pensar cazzate sara’ bene fare un po’ di pressione mediatica sul Bimbominchia bresciano

  • 24 Febbraio 2015 in 21:34
    Permalink

    GAbriele, un mio messaggio è stato congestionato e non è stato pubblicato dal sistema. Lo riassumo brevemente. Oggi il tgparma ha parlato di 8 milioni di costi capitalizzati di impianto e ampliamento e la procura vuole vederci chiaro e sta passando al setaccio i flussi bancari del parma. Non mi sembra che il Tardini sia diventato lo stamtford bridge negli ultimi due anni, anzi ci sono spalti fatiscenti e pioggia che scende nei posti in tribuna. Non tiraratemi fuori che sono costi di manutentenzione che questi vengono spesati direttamente in conto economico, non c’entrano ora. Che cosa cavolo sono questi 8milioni? Dove sono finiti questi soldi? Ogni giorno ne viene fuori una?
    Lo sai che ti stimo e se ti faccio una critica ora non lo faccio perchè vedo doppi fini ma non sono d’accordo con te quando lunedì a calcio e calcio hai sminuito la vicenda dei 400mila euro delle lenzuola dicendo che magari potrebbe trattarsi sponsorizzazione che si compensa con questa spese (hai fatto un discorso del genere)…. Dunque, a livello contabile una roba del genere non esiste. Si parla di fornitura da 400mila euro di lenzuola. Ma neanche il Caeser Palace di Las Vegas spende così tanto. Inoltre il Parma se così è sembra che non faccia lavare le lenzuola ma che le compri in continunazione. Se fossi un revisore vorrei vedere dove sono queste lenzuola perchè serve un magazzino. Tanti sospetti mi sorgono. SArebbe bello vedere da dove viene il fornitore.

  • 24 Febbraio 2015 in 21:41
    Permalink

    chiedo scusa ma siccome non riesco a leggere stadio tardini ogni giorno mi devo essere perso qualcosa
    mi pareva di aver letto giorni fa che lei diceva che subentrare tenendo la serie B sarebbe costato 30 milioni ( che sono una enormita’ comunque ), oggi vedo che lei signor majo sostiene che ne vogliono 70…è quest’ultima la cifra esatta ?

    • 25 Febbraio 2015 in 00:34
      Permalink

      Sì. Quando dicevo 30 avevo dato uno sboccio. Poi ho cercato di considerare un po’ tutte le poste in gioco. E’ chiaro che ci possono essere dilazioni o ulteriori abbattimenti dei costi. ma l’ordine di grandezza, sostanzialmente, è questo. Ecco perché dico che il fallimento pilotato è una favola

  • 24 Febbraio 2015 in 21:47
    Permalink

    Ripropongo qua un mio commento che evidentemente si è un po’ perso

    Prendiamo per buone le sue cifre 70 milioni
    La lega al di là delle dichiarazioni ufficiali pagherà una cifraimportante per arrivare a fine campionato
    I giocatori credo che almeno 2 mensilità le vogliono per finire
    Il campionato diciamo 12 milioni lordi…
    È siamo a 58 e chiedendo ai giocatori un sacrificio diciamo del 30 % arriviamo a 40

    Ripartendo dalla d si perderebbe tutto dal centro di collecchio all ultimo dei ragazzi del settore giovanile
    E lei sa che parlo per esperienza diretta
    Solo conteggiando mauri cerri Defrel svanirebbero asset per 15 milioni
    3 non è detto che si ritorni in b subito cremonese docet
    Secondo me approfondendo un po’ più la questione si arriva alla conclusione che i 2 investimenti non sono così diversi

  • 24 Febbraio 2015 in 21:52
    Permalink

    È un paio di giorni che non leggo niente…quindi non ho letto i commenti antecedenti.
    Allora al 99,9% si riparte dalla serie D…e non capisco chi ipotizza altri scenari!!!! Io ho più fiducia in Manenti rispetto a Tavecchio/Lega/industriali di Parma che non hanno mai messo un euro nel Parma come il Giampy ha fatto!!!!
    Il dramma di ripartire dalla D è la dilapidazione del settore giovanile…
    Noi tifosi dobbiamo chiedere alla squadra di non scendere più in campo e di inguaiare la Lega….noi andremo all’inferno ma oltre al Ghiro e al Leo dobbiamo portarci dietro qualcun’altro…
    Vogliamo far saltare sto cazzo di banco e vendicarci X come ci hanno trattati!!!!!!!!

  • 24 Febbraio 2015 in 21:54
    Permalink

    Ripartire dalla D o dall’eccellenza non costa NULLA, se non rilevare all’asta fallimentare il centro sportivo di Collecchio. 10 milioni di valore, oggi. Fra un anno anche meno. Vendita di tutti i giocatori, tentativo del curatore fallimentare di recuperar più crediti possibile, ristorno degli stipendi…
    Ma caro Majo, la leggo piuttosto nervoso e indisponente. Lei che ha sempre così tanto self control, la cosa mi dispiace molto e non la capisco. In questo momento la sua lucidità ci sarebbe utile per capire a fondo responsabilità, scenari possibili, indagati. Perché qui mi pare che a rischiare ci siano anche dei dipendenti che non hanno fatto altro che eseguire ordini. O mi sbaglio?

    • 25 Febbraio 2015 in 00:30
      Permalink

      Mi fanno innervosire gli ignoranti e i prevenuti, e soprattutto coloro che vengono qui a infangarmi: in tal caso reagisco, esprimendomi nel linguaggio più consono per farmi capire dai miei competitor. Mi scuso con gli altri lettori, ma quando ci vuole ci vuole. Per il resto preferisco il mio tradizionale self control.

      Non saprei se ci sono dipendenti che rischiano per aver eseguito ordini: ma se uno viene da me e mi dice, tieni sta pistola e spara i casi sono due: o mi ribello, o mi assumo le conseguenze di quel che faccio.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 24 Febbraio 2015 in 21:55
    Permalink

    Secondo me c è troppa attesa per questo incontro. Non capisco cosa si pensa che possa saltarci fuori, manenti i libri in tribunale non li porta neppure con pizzarotti in ginocchio..
    Il vero spartiacque è l udienza prefallimentare, anche se magari manenti potrebbe strappare un rinvio anche li.
    Non credo che risolverà i problemi ma, al tempo stesso, non lo vedo come tutti lo descrivono. Ci si scherza sopra ma se fosse un pazzo o un barbone certi professionisti non gli aprirebbero neanche la porta.
    Nel vortice generale non ho capito se i giocatori, o alcuni di essi, hanno fatto istanza di fallimento, la messa in mora o altro, forse mi son perso qualcosa..
    Alborghetti ha fatto capire di poter aiutare ancora manenti solo qualora il pres fornisca ulteriori garanzie, io l ho capita così e come dargli torto

    • 25 Febbraio 2015 in 00:27
      Permalink

      Alborghetti è stato ritirato in partita da Capitan Pizza dopo che in precedenza dai soliti ignori gli era stato fatto capire che era meglio che se ne stesse fuori: che il Sindaco lo abbia chiamato può essere un segnale confortante, anche se non si prescinde dai soldi di SuperMapi. Se no è fallimento, e per nulla pilotato.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 24 Febbraio 2015 in 22:02
    Permalink

    Maio hai notizie sull’unione con il Pro Piacenza? mi dispiace ma prevedo che il Parma fara’ la fine del Piacenza Calcio.

    • 25 Febbraio 2015 in 00:26
      Permalink

      Secondo ne la cosa non avrà seguito, rimane, però, che i contatti risultano esserci stati

  • 24 Febbraio 2015 in 22:11
    Permalink

    Ma quali 70 Maio…. Non si può’ andare in d… È’ inutile che la mesda…

    • 25 Febbraio 2015 in 00:25
      Permalink

      Amigo io non parlo per dare fiato alla bocca e se scrivo un approfondimento mi documento attraverso fonti specializzate. Se poi vuole credere alle favole che raccontano altri meno preparati è liberissimo di farlo. Se non ci salva manenti è serie d, con tanti saluti a capitan pizza e ai suoi tavoli con lega e figc che pensano solo a pararsi loro il culo (licenziosamente parlando).
      Saluti
      Gmajo

  • 24 Febbraio 2015 in 22:23
    Permalink

    Majo vorrei spiegarle chi i 70 milioni non è che vadano spesi tutti insieme il giorno dell’acquisto.
    Con un investimento iniziale di mettiamo 15 o 20 milioni potresti fermare l’emorrargia per poi procedere ad un piano di rientro del debito sostenuto dal patrimonio calciatori e dal vivaio che vai a mantenere ad uno stato competitivo in serie B.
    A giugno i 15 milioni di investimento sono già coperti dal paracadute della retrocessione ed ecco che ti ritrovi una società da gestire con costi fissi conosciuti (il rateo dei debiti sportivi) e ricavi proporzionati al livello di serie B che possono crescere in una logica di virtuosa gestione del parco calciatori in dotazione attraverso plusvalenze sane.
    Se ci sai fare in un paio di anni potresti tornare in serie A e ricominciare.

    A me non sembra impossibile.

    Cosa ci guadagnerebbe invece un imprenditore a buttare 4 o 5 milioni in serie D in cambio di ZERO profitto e ZERO visibilità?

    • 25 Febbraio 2015 in 00:22
      Permalink

      Lo so bene che non sono 7o in un botto: ma se tu compri una casa da 500 mila euro, e ne versi anche 100 subito, poi ne hai 400 dopo…

      Il paracadute, poi, non c’è perchè ce lo siamo già bevuti (fonte Tavecchio).

      Saluti

      gmajo

      • 25 Febbraio 2015 in 00:53
        Permalink

        Però se i 400 dell’appartamento li rateizzo con un mutuo di 20 l’anno per vent’anni e ci metto su un’attività alberghiera che mi frutta 25 l’anno finisce che ci vado anche a guadagnare.

        L’esempio è banale, ma il concetto che intendo esprimere e’ che è riduttivo parlare del debito senza bilanciarlo con il patrimonio esistente e la capacità di generare utile potenziale.

        Prima di essere certi del l’impossibilità di sostenere un debito sportivo di 70 milioni in serie B attraverso un percorso pluriennale, bisognerebbe avere la possibilità di analizzare il patrimonio calciatori e gli altri possibili asset societari, nonché le risorse che può generare un campionato cadetto.

        A naso, mi pare comunque certo che la serie D e’ la soluzione economicamente peggiore, perché ti annulla completamente il patrimonio esistente e costringerebbe un qualsiasi imprenditore a ricostruire tutto dal nulla e allora altro che 70 mln.

        • 25 Febbraio 2015 in 04:22
          Permalink

          Personalmente ritengo che a non capire sia proprio tu.
          I 70 mln o 60 che siano, vanno messi tutti entro il 30 aprile (se non sbaglio o cmq prima della fine del campionato) non sono rateizzabili.
          Per poter iscrivere la squadra al campionato di serie B 2015-2016, i debiti federali o sportivi devono essere completamente onorati (già, una volta pagare un debito era un punto d’onore) altrimenti la FIGC non convalida l’iscrizione.
          Se poi tu intendi che chi li deve mettere si fa dare un finanziamento da una banca e li restituirà, alla banca, a rate è una opzione che non cambia il fatto che i debiti vanno pagati per INTERO entro la fine del campionato (3 mesi).

          Il paracadute è già stato completamente mangiato, l’ha detto Tavecchio alla DS.
          Non c’è nulla di nulla da poter incamerare.

          Ci sono solo da pagare i debiti federali o sportivi e tirare fuori altri soldi per la prossima stagione.

          • 25 Febbraio 2015 in 11:53
            Permalink

            Mi sfugge la modalità con cui il paracadute possa essere stato anticipato e quando.

            Ammetto la mia ignoranza sulla notizia, in quanto non ho ascoltato tale dichiarazione da parte di Tavecchio, ma nel caso, non sarebbe una ulteriore irregolarità da parte della Federazione? E poi dove sono finiti questi soldi visto che in cassa non c’è più niente?

  • 24 Febbraio 2015 in 22:49
    Permalink

    Il discorso è partire dalla D con un piano di risalita, o andare in D e rimanerci più o meno a vita.. Nella seconda ipotesi è sicuro che si spenda poco.. ma nella prima allora non sono così conveniente che si spenderebbe meno rispetto la soluzione del fallimento pilotato mantenendo la serie b e un certo patrimonio

  • 24 Febbraio 2015 in 22:53
    Permalink

    Interessi un pò particolari ?

    Taci poteva averne magari.. per quanto fosse marcio si sa che aveva qualche aggancio e qualche attività nel settore.. e ha comprato una squadra in terza divisione inglese.. questo che interessi deve avere ? Pagare gli alimenti a mogli e figli che ha lasciato in giro..

    Ma se un qualche imprenditore o “mafioso” dell'”est” riesce a tirar su 100 milioni di euro proprio uno scemo non sarà.. e non credo ce ne siano tanti in circolazione.. e questo li butterebbe via cosi ? Rischiando di farsi sgamare da finanza e interpol ? E li affiderebbe a un personaggio palesemente ignorante e incapace ..
    Per pagare debiti di una squadra in serie B italiana, dipendenti e fornitori con cui mai ha avuto a che fare ?

    Certo se parliamo di pazzie senza senso logico si può dire tutto e il contrario di tutto .. ma parliamo sempre di aria fritta..

    Se si vuole argomentare un opinione.. mi pare un pò più sensato parlare di fallimento.. come è successo a squadre di mezza Italia.. e si ricomincia da capo, B o D o quello che sia.. sperare che i manenti i taci i ghirardi si facciano la vacanza che meritano (in qualche albergo a spese dello stato) e che entri qualcuno con qualche decina di milioni .. veri .. e interessi legittimi di chi investe..

  • 24 Febbraio 2015 in 22:53
    Permalink

    La realtà purtroppo è che a Parma non esiste nessuna realtà industriale in grado di sostenere un club di calcio se non nelle serie minori.. alla faccia di Molossi che non vede il declino..

    • 25 Febbraio 2015 in 09:39
      Permalink

      Infatti Barilla e pizzarotti,chiesi,Fagioli,Socogas,Immergas,Parmacotto,Parmalat,Dall’ara…tutti aziende che fatturano poco…. meno di 20mln di euro l’una….informati prima di Parlare!!!

  • 24 Febbraio 2015 in 23:48
    Permalink

    Postiamo il numero di cellulare di Giampy?
    Visto che tanto non ha nulla da fare gli facciamo un salutino tutti noi…
    Dai Gabri sii buono.

  • 25 Febbraio 2015 in 00:21
    Permalink

    Stavo guardando sky pochi minuti fa Caressa ha rilasciato delle dichiarazioni molto inquietanti, dice che domani hanno un’esclusiva che metterà a nudo una situazione davvero orribile sulka questione parma. Non ho capito con chi avranno parlato ma sembra davvero che dira cose molto losche, ne sai niente majo?

  • 25 Febbraio 2015 in 00:53
    Permalink

    70 milioni PER IL FALLIMENTO PILOTATO mi sembra troppo tutti parlano sui 50 milioni di debiti sportivi perch’ ci sono anche i crediti sportivi da dedurre alcuni pagamenti dalla vendita di giocatori deve ancora arrivare ….che poi con trattativa privata si possono portare sui 40 milioni di debiti sportivi per il fallimento pilotato dopo chi che sarebbe importante sapere se qualcuno me lo spiega se i giocatori rimangono di propieta’ ? MAJO CON IL FALLIMENTO PILOTATO I GIOCATORI RIMANGONO DI PROPIETA’? SE MI RISPONDE …. e’ importante chiarirlo …..non mi sembra che il bari abbia rifatto da zero la squadra anzi ceppitelli lo ha venduto ed era gia’ suo giocatore ……se i giocatori rimangono di propieta’ allora cambia la musica perché solo da CERRI MAURI DEFREL 15 20 milioni si fanno almeno 15 realitico ( se si sa vendere non come leonardi che svende il cesena vuole 10 milioni per defrel e li prendera’ ) poi ci sono Mirante Byabiany se riprende anche BELFODIL potrebbe esplodere in Inghilterra …..ne abbiamo visti di balordi esplodere a scoppio ritardato vedi okaka o il leccese finito in nazionale qui criticato eccc poi la squadra per l serie B l abbiamo gia’ non dovrebbero spendere tanto Iacobucci ristwoki jorkera o Lucarelli ghezzal rossi del pescara lapadula che in lega pro e’ il migliore attacante ,sprocati eccc insomma di giocatori da serie B ne hanno in giro …..tra crotone latina pescara
    QUINDI MI CHIARISCE SE I GIOCATORI RIMANGONO di propieta’ NEL FALLIMENTO PILOTATO ? IL BARI MI SEMBRA CHE LI ABBIA TENUTI cambiere tutto infatto di convenienza

    • 25 Febbraio 2015 in 01:01
      Permalink

      Nel fallimento pilotato i giocatori passano alla società in bonis, previa valutazione peritale degli asset

  • 25 Febbraio 2015 in 09:42
    Permalink

    Quindi il fallimento pilotato è una soluzione preferibile. Certo dei soldi ci vogliono. E altrettanto certo a Parma non c’è il becco di un quattrino.

  • 26 Febbraio 2015 in 11:00
    Permalink

    Sig. Majo lei ha perfettamente ragione: sarà serie D, senza i soldi di Manenti. Che però non ci sono mai stati né mai ci saranno, nemmeno allo 0,0000001%. E’ questo che bisognerebbe avere il coraggio (e l’onestà intellettuale) di dire, quando si vedono le foto dei dipendenti che si comprano la carta igienica e le docce fredde dei ragazzini delle giovanili.
    lei che ha contatti comprovati con il Mapi-Pezzente, perché non gli chiede cosa sta facendo mentre i ragazzini si fanno le docce fredde a Collecchio. E’ al capezzale della mamma malata? E’ in Slovenia (a spese del Parma )per stampare altri pseudo-bonifici?
    Forse ci dovremmo rendere conto che gli ultimi giorni (indagine penale, intervista di Melli, interesse dei media internazionali) hanno notevolmente cambiato le carte in tavola e le chiacchiere del “o Manenti o serie D” non hanno più senso. il “livello dello scontro” si è alzato e in questa categoria di boxe un povero pisquano risibile come Manenti ci sta come un peso minimosca filippino contro il Tyson d’annata.
    Siamo seri e diciamolo chiaramente, invece di sparare percentuali ridicole.
    Cordialmente
    Vecchioalle

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI