SPORT MEDIASET: I PM CHIEDONO IL FALLIMENTO DEL PARMA PER INADEMPIENZE FISCALI. L’UDIENZA SI TERRA’ IL 19 MARZO

(gmajo) – Tutti gli affetti dalla “fallimento-mania” immagino godranno nell’apprendere che la Procura di Parma, attraverso i PM  Paola Dal Monte, Giuseppe Amara e Umberto Ausiello, secondo quanto riferito da Sport Mediaset, avrebbero chiesto il fallimento del Parma F.C. per inadempienze fiscali. L’udienza sarebbe stata fissata per il 19 marzo. Fonti vicine al club sostengono che per scongiurare il pericolo di fallimento (ricordiamo che già il 28 gennaio scorso, grazie alla desistenza dei due creditori che avevano presentato istanza, il Parma riuscì a superare indenne quella giornata, ottenendo un decreto di archiviazione, peraltro poi spedito in Procura, per cui potrebbe esser stato esaminando quegli incartamenti che la Procura ha deciso di agire) basterà corrispondere la somma dovuta all’erario.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

127 pensieri riguardo “SPORT MEDIASET: I PM CHIEDONO IL FALLIMENTO DEL PARMA PER INADEMPIENZE FISCALI. L’UDIENZA SI TERRA’ IL 19 MARZO

  • 17 Febbraio 2015 in 21:44
    Permalink

    Majo mi può spiegare come tecnicamente è possibile questa richiesta di fallimento fatta dai PM Paola Del Monte? Su che base lo fanno?
    Altro punto è logicamente e con criterio perché chiedere il fallimento ad uno che è arrivato da neanche 7gg? È una cosa che non ha senso ora fatta in questa maniera, potevano aspettare! Se Taçi andava bene perché manenti no?
    Io credo e ho l’idea che questa uscita non sia casuale….spero di sbagliarmi perché se no Parma ha un problema più grande del Calcio.
    Per lei quale può essere il futuro ora del Club nel senso di fronte a questo se si paga si salva?

    • 17 Febbraio 2015 in 21:51
      Permalink

      Beh: il fatto che uno sia arrivato da sette giorni alla giustizia non importa molto. Anche perché i fatti contestati, evidentemente, sono pregressi.

      Poi le situazioni predisposte o a orologeria mi fanno venire il vomito. Ma i tempi della giustizia non penso che siano condizionabili…

      Cordialmente

      Gmajo

      • 17 Febbraio 2015 in 22:40
        Permalink

        Saro’ un dietrologo ma guarda caso uno arriva inviso all’UPI e i magistrati si svegliano dal torpore.
        Col bresciano lingua in bocca per 7 anni.
        Spero ardentemente nel fallimento di tutti quei piccoli ominidi dell’UPI.
        Povera Parma!!!

  • 17 Febbraio 2015 in 21:44
    Permalink

    Scusi direttore e quale sarebbe la somma da corrispondere all’erario ??

  • 17 Febbraio 2015 in 21:47
    Permalink

    In via Mantova godranno. Ma finora hanno detto giusto: i soldi non sono arrivati.

  • 17 Febbraio 2015 in 21:49
    Permalink

    posso dire una cosa a livello generale? il calcio è malato troppe società indebitate bisogna intervenire al più presto chi ci rimette siamo noi tifosi , anche noi reggiani abbiamo subito fallimenti ecc purtroppo non esistono piu presidenti seri che amano la squadra

  • 17 Febbraio 2015 in 21:50
    Permalink

    Una domanda banale che non c’entra molto con il tema trattato, ma comunque: come mai Ghirardi non paga i debiti relativi alla sua gestione ? Non doveva pagare lui i primi mesi di stipendio visto che in novembre era presidente ?

    • 17 Febbraio 2015 in 22:01
      Permalink

      Chi ha comprato la società si è comprato anche i debiti…

  • 17 Febbraio 2015 in 21:50
    Permalink

    Di male in peggio….. ma in questo caso cè la possibilità che i beni vengano confiscati alla famiglia Ghirardi Pasotti?

  • 17 Febbraio 2015 in 21:52
    Permalink

    Sarà dietrologia, ma nonostante la situazione del Parma era conosciuta da tutti nessuna paglia si era mossa fino ad ora, poi arriva Manenti, osteggiato dai poteri forti della città (UPI, Gazzetta/TVParma ecc.) e oggi ecco il pignoramento per conto di Equitalia e la richiesta di fallimento della Procura. Coincidenze? in questa città mai nulla è capitato per caso!!!!

    • 17 Febbraio 2015 in 21:53
      Permalink

      Il discorso di Equitalia era già predisposto e lo si sapeva. Questo lo si poteva intuire, ma, in effetti, fa sospirare…

  • 17 Febbraio 2015 in 21:53
    Permalink

    il fallimento sarebbe doloroso per le famiglie dei dipendenti ,ma , poichè non c’è alternativa , se fosse stato fatto in tempo utile , ci sarebbe stata la possibilità di un acquirente ( dato il costo minimo ! e i bilanci puliti ) che sarebbe potuto ripartire dalla serie B , con un piano industriale e la qual cosa avrebbe potuto almeno salvare l’indotto !! Ripartendo dalla terza categoria, addio ad ogni speranza Grazie

    • 17 Febbraio 2015 in 21:54
      Permalink

      Appunto andava fatto in tempo utile. Ma allora la fallimento-mania non esisteva perché c’era da sostenere altre probabili operazioni del caro Tom…

      • 17 Febbraio 2015 in 22:09
        Permalink

        Mi rivolgo a chi sostiene che il “fallimento pilotato” poteva e può essere la soluzione migliore: ma scusate, all’epoca Tanzi e quindi Bondi, non mi sembra che nessun imprenditore parmigiano, nonostante le condizioni economiche e di chiarezza di bilanci, avesse provato ad acquistare la società, eppure c’era la serie A. Credo che il tessuto imprenditoriale di Parma sia lo stesso di allora (bari lla, pizzarotti e compagnia cantante)pertanto sono molto scettico su chi possa interessarsi al Parma in caso di fallimento, che pensa direttore??

      • 17 Febbraio 2015 in 22:51
        Permalink

        non capisco perchè dice che non ci sarebbe tempo, ricordo squadre fallite “pilotatamente” per le quali è stato dichiarato fallimento e indetta l’asta nel giro di 1 o 2 mesi

        • 18 Febbraio 2015 in 00:08
          Permalink

          a Parma solo per un’assemblea dei creditori si spazia tra i tre e i sei mesi, poi i libri dovevano essere portati prima di istanze di terzi
          cordialmente
          gmajo

        • 18 Febbraio 2015 in 07:55
          Permalink

          Ma sai i tempi che ci vogliono?
          Il fallimento e’ pilotato all’inferno

          • 18 Febbraio 2015 in 09:50
            Permalink

            ripeto: i tempi, in altre realtà, erano stati molto brevi. Poi majo ha chiarito come sopra.

  • 17 Febbraio 2015 in 21:54
    Permalink

    Majo : “Qualcuno ha visto il bonifico” (sottotitolo “calma & gesso”)

    Si lasci intervistare per una volta lei Majo, ci faccia almeno un nome di chi ha visto il bonifico ? E’ un giornalista oppure uno dei suoi talponi ? E in che modo hanno visto il bonifico se questi non è ancora arrivato ? Puo’ dirci almeno la cifra ? E lei sa se ne sono previsti altri nei prossimi giorni per saldare veramente tutto ? Manenti è ancora in Slovenia ma ha detto quando e a che ora torna (se torna) ?
    Majo mi aiuti lei a completare questa intervista della quale conosciamo solo il titolo. Saluti

  • 17 Febbraio 2015 in 21:59
    Permalink

    Allucinante…a volte mi vergogno di essere parmigiano. Vogliono a tutti i costi farci fallire, ormai è evidente, Ma che vadano a prendere Ghirardi porca troia!!!!

  • 17 Febbraio 2015 in 22:00
    Permalink

    A Parma difficilmente quando succede qualcosa è una coincidenza…

  • 17 Febbraio 2015 in 22:02
    Permalink

    basta pero con ste cavolate del fallimento pilotato io dico una provocazione meglio eccelenza che essere presi in giro stessa cosa a reggio sto qua voleva comprare la reggiana ma abbiamo capito che personaggio e via il marcio dal calcio , pero se salta il parma sai quante società dovrebbero saltare

  • 17 Febbraio 2015 in 22:06
    Permalink

    direttore…ma il debito con l’erario corrisponde a quello che forse è stato già saldaato assieme agli stipendi?

  • 17 Febbraio 2015 in 22:07
    Permalink

    Non credo che cambi molto le carte in tavola, se Manenti ha i soldi ha tempo e modo per rimediare, viceversa succederà quello che doveva accadere con taci dopo Parma Milan o che sarebbe successo se Ghirardi non trovava un acquirente.

  • 17 Febbraio 2015 in 22:09
    Permalink

    Ma quindi ora direttore come bisogna comportarsi x evitare di fallire prima della udienza???é possibile???

    • 17 Febbraio 2015 in 22:11
      Permalink

      dimostrare di esser solventi. per il povero Manenti una grana in più… ma se ha il grano tutto è risolvibile, se no godranno i fallimentisti…

      • 17 Febbraio 2015 in 22:12
        Permalink

        se ha il grano sarebbe anche un modo per accelerare il risanamento della società col pagamento dei primi debiti…

      • 17 Febbraio 2015 in 22:14
        Permalink

        Majo diciamo che andare al 19 potremmo essere già falliti…manca un mese…e ci sono delle scadenze da rispettare prima!

  • 17 Febbraio 2015 in 22:10
    Permalink

    ora vorrei chiedere a tutti quelli che tifano per il fallimento se alla domenica andranno a vedere il parma giocare sui campi della nostra provincia magari facendo l’abbonamento in segno di fedelta’ alla societa
    con tifosi del genere forse è giusto fare questa fine….

  • 17 Febbraio 2015 in 22:14
    Permalink

    19 udienza, si ha idea della tempo che ci metteranno per una sentenza?
    dal punto di vista sportivo, nella peggiore delle ipotesi, cosa accadrebbe per quest’anno?

  • 17 Febbraio 2015 in 22:17
    Permalink

    Majo ma che grano….? questo non ha soldi per far ballare una scimmia… lo ha dimostrato in altre 3 occasioni…. Una famosa ditta parmigiana fa e riceve bonifici da tutti i continenti in 3 giorni… poi ci sono le lettere di credito….. insomma se avesse i soldi il Giampy sarebbe già tutto a posto…

  • 17 Febbraio 2015 in 22:22
    Permalink

    Carissimo direttore!
    Grazie anche per questa notizia.. La mia fiducia è sempre massima.. Volevo chiederle.. Oggi il buon Raimondi a twittato verso le 3.. Che i bonifici sarebbero arrivati..
    Le chiedo se ha qualche riscontro..
    Ovviamente non parlo di denaro nelle casse del parma.. Ma a MPS.. Che domani lo trasferirà nelle casse crociate per i pagamenti?
    Motivo.del ritardo può essere che si tratti di 30 milioni anziche di 15 e quindi sia necessario più tempo per i controlli.?

    Saluti cordiali e sentiti ringraziamenti!

  • 17 Febbraio 2015 in 22:22
    Permalink

    Tifo Manenti! sperando trovi le risorse per risolvere anche questa bega, ciò vorrebbe dire salvezza per il Parma e darebbe uno schiaffo a tutti quelli che stanno godendo delle disgrazie della nostra squadra solo per tornaconto personale, mettendo su la maschera di quelli finti preoccupati e la cosa più assurda è che sono parmigiani!

  • 17 Febbraio 2015 in 22:23
    Permalink

    Trovo vergognoso tutto questo, non voglio parlare dei vecchi gestori ne dei nuovi e ne dei mezzo, trovo solo vergognoso che per mesi abbiamo assistito ad articoli, a messaggi in bacheca a interviste e trasmissioni e perfino alla curva dei boys, un continuo incitare il fallimento, la finanza e la procura….lo trovo vergognoso, il fallimento provocato piu’ da una situazione mediatica che da una situazione debitoria, trovo assurdo che la procura si muove oggi con l’istanza e anche oggi con il pignoramento equitalia, e casualmente scattato quando si ha l’impressione che i soldi arrivano domani, ma anche se non fosse cosi tutto questo mi fa pensare….sembra che si siano mossi appositivamente perche qualcuno ha paura che forse questo nuovo presidente fa’ arrivare i soldi…molto bello vedere (ironicamente) chi prendera’ il Parma con 250.000 euro e si aggiudica un capitale immobile (collecchio) di un valore di 35 mil di euro….bello ?? A me fa’ e faranno schifo chiunque esso sia e sara’ il presidente domani. Mi fara’ schifo come mi hanno e mi fanno schifo tutti quelli che hanno incitato il fallimento non pensando a delle famiglie risotte all’osso dopo 7 mesi senza stipendio e che forse vedranno i loro soldi tra 3 anni e che i loro tfr maturati saranno decurtati del 70%, mi fa schifo pensare a i fornitori che non prenderanno nulla o quasi nulla dei lavori da loro svolti e magari anchessi in difficolta’ economica per non aver ricevuto quanto a loro dovuto, mi fa schifo sapere che operazione fatte da gente come de laurentis o della valle o bari o altro sono servite come al solito a speculare su fallimenti e sulle spalle della gente, mi fa schifo pensare a chi ha richiesto e voluto questo ogni giorno…anzi minuto scrivendo continuamente senza pensare che al tifoso che vive di una fede si ritrova senza avere una dignita’ e tifare il nulla. Ecco direttore tutto questo mi fa’ schifo.
    Io una idea potrei averla….? (Ma i santissimi boys pensano al nulla e non faranno nulla)…Andare tutti sotto la procura e far sentire la nostra voce…almeno per rispetto di quei poveri impiegati che hanno lavorato nell’ombra e totalmente sconosciuti ma solo per farci divertire a noi tutte le domeniche (non parlo di dirigenti o di calciatori).
    Grazie
    Matteo b

    • 17 Febbraio 2015 in 23:18
      Permalink

      leggendo il tuo intervento pensavo: ecco il genio… ma non speravo in un finale così! 🙂 ti sei superato!

    • 18 Febbraio 2015 in 10:23
      Permalink

      Ho lo stesso senso di nausea……e mi viene anche il dubbio che a qualcuno interessa tanto il fallimento per i suoi personali interessi….e che vuole per forza partire dalla D e aspetta tranquillo sapendo di avere i fallimentisti dalla sua parte….

  • 17 Febbraio 2015 in 22:25
    Permalink

    Direttore ma il tweet di Raimondi era una falsa notizia?

  • 17 Febbraio 2015 in 22:26
    Permalink

    Ho capito…i soldi direttore,novità? Grazie

  • 17 Febbraio 2015 in 22:35
    Permalink

    Mi potrebbe o potete spiegare il motivo per cui osteggiate così tanto il fallimento?Sarò un suclone, ma non riesco poprio a capirlo. E forse nemmeno i dipendenti, che se vero sono almeno un anno che non percepiscono 1 stipendio forse con il fallimento viene loro riconosciuto tutto il dovuto.
    Tutto questo mi pare accanimento terapeutico ( e presa per il c..o) . Meglio ripartire dalla C o D che sia. Dove sbaglio?

    • 17 Febbraio 2015 in 22:44
      Permalink

      Marzio ma cosa cazzo dici ?? Io sono stato un dipendente di una societa’ fallita e mi hanno riconosciuto i miei 4 mesi arretrati dopo 3 anni e il tfr maturato in 5 anni mi e’ stato pagato solo il 30% di quanto mi aspettava, quindi smettila di scrivere cazzate e informati su cosa succede quando una societa’ fallisce.

      • 17 Febbraio 2015 in 23:00
        Permalink

        Ok, giusto. Invece andare al lavoro tutti i giorni con la consapevolezza di nn prendere 1 soldo non è 1 cazzata? X il tfr non so dove sia, fondo o azienda, ma i dipendenti sono c.privilegiati e prima o poi i soldi li prendi! Con un parma messo così invece penso che se lo mantengono in vita qualche sforbiciata ai dipendenti la darranno ugualmente e sicuramente non pagheranno il 100% del dovuto. Tiringrazio comunque per la tua opinione

      • 17 Febbraio 2015 in 23:31
        Permalink

        Secondo me hai il dente avvelenato e lo capisco, ma anche trascinare una situazione così ( x quanto ancora i dipendenti non percepiranno lo stipendio?) penso sia avvilente! Ingenuamente avete , voi giornalisti, mai chiesto cosa pensano e cosa abbiano intenzione di fare i veri dipendenti ( nn calciatori o ct). Magari vien fuori che anche loro gradirebbero il fallimento ed essere magari riassunti da una nuova società di calcio che sicuramente a Parma il prossimo anno ci sarà, non so in che categoria ma penso ci sarà. D altro canto , se Manenti compie l’impresa, pensi che tagli ai dipendenti non ne farà? Salderà tutto o darà solo 1 “contentino”? Comunque fallimento o no caro Matteob questa sarà 1 sconfitta x tutti.

      • 18 Febbraio 2015 in 00:26
        Permalink

        si hai ragione matteo marzio dice delle stupidaggini meglio continuare dopo 1 anno ancora per qualche anno a lavorare senza prendere stipendio !!! si dai facciamoci ancora un annetto vuoi venire anche tu ? cosi poi il tfr verra’ ulteriormente decurtato eccc…..ma si dai …. a parte che quando le aziende falliscono i dipendenti hanno anche alcuni diritti alcune volte tramite gli ammortizzatori prendono anche lo stipendio per molto tempo o vanno in mobilita’ o cassa integrazione o anche solo per esempio la possibilita’ di sgravi sui contibuti per il nuovo datore di lavoro per cui e’ piu’ facile trovare un posto ecccc che senso ha stare ancora li a lavorare senza prendere soldi ? ammesso e premesso che mi dicono che quelli validi se ne sono gia’ andati hanno gia’ trovato lavoro altrove e poi la maggior parte erano cococo a progetto ,consulenti e menate varie . chiedi a majo che dovrebbe saperlo come sono assunti nel parma calcio ……….di veri dipendenti ce ne pochi a parte quelli dell ‘area sportiva( ma a voi dei giocatori non interessa nulla perché quelli sono ricchi !!!! salvo che non vivi con 10 anni da professionista alla grande tuta la vita se hai una famiglia )

        • 18 Febbraio 2015 in 00:52
          Permalink

          Che i calciatori del Parma con certi stipendi presi per 10 anni (ma direi anche 15 per molti) non vivano bene x tutta la vita non credo proprio! Maturano anche i contributi e con quelle cifre sono bei soldi x la pensione! Col tuo ragionamento, una famiglia con figli e 2000 euro al mese x 50 anni pensi vivano ”alla grande” più che certi giocatori?! Ho capito che tu coi 2000/2500 euro al mese ti ci soffierai il naso, ma x gli altri sono la normalità! Un giocatore ”povero” di A prende minimo 20mila e dico 20mila euro al mese!!! Io ci camperei x due vite e con me marito figli e pure genitori e suoceri! Dai su…..se poi diciamo che i calciatori li buttano via e x questo non gli bastano, sinceramente non me ne frega nulla…colpa loro e non mi fanno minimamente pena…Che poi lo stipendo lo debbano prendere è un altro discorso ma mica dobbiamo preoccuparci… a quello ci pensa già abbastanza il ”linguacciuto” Tommasi……

  • 17 Febbraio 2015 in 22:37
    Permalink

    Tifo Manenti! spero riesca a trovare le risorse per risolvere anche questa bega, vorrebbe dire salvezza per il Parma e darebbe uno schiaffo a chi sta godendo delle disgrazie della nostra squadra, mettendo su la maschera di finti preoccupati, solo per tornaconto personale. La cosa assurda è che sono parmigiani!

  • 17 Febbraio 2015 in 22:41
    Permalink

    Si ha un idea di che cifra si parli…all’incirca…si parla di migliaia, milioni o decine di milioni?

    • 18 Febbraio 2015 in 00:23
      Permalink

      devi dimostrare di non essere insolvente. quindi temo che il cinquantello non basti…

  • 17 Febbraio 2015 in 22:42
    Permalink

    È indubbio che le tempistiche del pignoramento e di questa richiesta dei PM lasci più di qualche dubbio, d’altra parte Andreotti era solito dire che “a pensar male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca”. Ma tant’é, fare della dietrologia é inutile, in un senso come nell’altro…pensare che questi accadimenti siano una sorta di “aggressione” al povero Manenti é decisamente surreale. Purtroppo Manenti sapeva in cosa si sarebbe cacciato…

  • 17 Febbraio 2015 in 22:45
    Permalink

    Il Giampy è il numero 1. Non si discute!!
    Lasciatelo lavorare, sta facendo l’impossibile….portategli un po’ di rispetto….
    C’è un 10% in meno che spera nel fallimento…Perché la soddisfazione di vedere Tom che sorseggia del don perignon a San Vittore non sarebbe male.

  • 17 Febbraio 2015 in 22:47
    Permalink

    C’e’ comunque piu’ di 1 mese per sistemare tutto. Se i soldi ci sono problemi non ce ne sono. Se in 1 mese non arriva niente…… beh vuol dire che non c’era nulla di vero. Non vi pare?

  • 17 Febbraio 2015 in 22:49
    Permalink

    Credo che il signor Manenti quando ha comprato il Parma sapeva delle scadenze che avrebbe avuto di fronte e per ora non sono state rispettate. Colpevole è il sistema calcio italiano che ha permesso al parma di partecipare al campionato senza averne più i requisiti. Da qui ci rimettono dipendenti ,fornitori,tifosi, ma bisogna trovare le responsabilità di chi ha fatto questo dissesto finanziario,la gestione ghirardi ,leonardi.

  • 17 Febbraio 2015 in 23:02
    Permalink

    Direttore, sensazioni? Come pensa andrà a finire? Qui ormai è un crescendo rossiniano di notizie confuse.

  • 17 Febbraio 2015 in 23:08
    Permalink

    Gabriele, purtroppo leggo di gente che pensa che dietro questo ci siano gli industriali di Parma. Anche a te sembra una grandissima stupidata? Per me si.
    Capisco che manentnon gode di molta stima dal ponte di caprazucca ma non penso assolutamente che riescano fare una roba simile e in particolar modo pilotare il fallimento del parma su una poltrona. Togliamolo subito dalla testa di certi tifosi.

    • 18 Febbraio 2015 in 00:01
      Permalink

      mah guarda vedendo come era stato sostenuto taci e l’ostracismo a manenti poiché non benedetto con l’acqua della parma di via Ponte caprazucca…

      • 18 Febbraio 2015 in 00:53
        Permalink

        majo scusi da persona intelligente pero’ non difenda o prenda posizione in favore di persone che mi creda sono indifendibili non mi deluda non faccia la madre di Calcutta faccia le radiografie a Manenti ci ragioni un attimo (consieri che ha pagato 1 eur coem una corsa del bus
        quindi non rischia nulla…. e studi la mente
        della persona e poi capira’ ) rischia di perdere credibilita’ lasci perdere caprazucca i giudici eccc gli e lo dico io che sono un economista indipendente : parma calcio fatturato 50 miloni o giu di li ma 198 milion lordi di debiti al 30 giugno 2014!!! per cui molti di piu’ adesso ,ma molti di piu'(poi dia la colpa a chi vuole Ghirardi taci ecc ma molti di piu’ oggi ) tecnicamente il paziente e’ gia’ morto neanche Lukoil ne’abromovic lo salverebbero
        ( a parte che chi ha i soldi non e’ stupido ) lo vogliamo tenere in vita molto e allargare la voragine ? lasciamo perdere discorsi pseudopolitici che leggo nei blog capita che le aziende
        falliscono e’ gia’ tanto se verra’ punito chi e’ stato colpevole ……ma almeno voltiamo pagina non fateci perdere altri anni di calcio a parma …….

    • 18 Febbraio 2015 in 00:33
      Permalink

      Nel cercare di smontarla hai illustrato perfettamente la situazione…

  • 17 Febbraio 2015 in 23:21
    Permalink

    “Giuli un Signore con la ESSE maiuscola!? Io spero che se deve fallire qualcuno, fallisca colui che ha mandato questo sms a calcio e calcio 2 settimane fa (sempre che non fosse un falso o che non se lo sia mandato da solo)

    • 18 Febbraio 2015 in 00:06
      Permalink

      scusa ma Giuli che era nel Cda precedente dove era a giugno, luglio, agosto, settembre, ottobre, novembre, quando il Parma non pagava i giocatori, i dipendenti e addirittura alcuni collaboratori è un anno che non prendono lo stipendio?? Dove era Giuli quando il Parma vendeva il marchio per 30 mln a Parma brand con un mega ricavo in conto economico senza entrate? Dove era Giuli quando è entrato e c’era bilanci dove si parlava di tensioni di liquidità? Dove era Giuli? Ma Giuli che sa leggere i bilanci non si era accorto di nulla? Non denunciava niente al CDA e all’assemblea dei soci del Parma?
      Non mitizziamo Giuli che proprio non se lo merita

      • 18 Febbraio 2015 in 06:53
        Permalink

        Calcio e calcio lo ha osannato e ha censurato tutti i messaggi che parlano male di lui in tutte le ultime 3 puntate. Se si tacciano le altre trasmissioni di poca serietà, poi bisognerebbe essere seri a propria volta anziché essere ancora più ridicoli dall’altra parte

      • 18 Febbraio 2015 in 08:15
        Permalink

        Su Giuli e la Energy ci sarebbero molte domande da fare a Ghirardi, riassunte molto bene dalla GDS:
        “L’accordo tra Parma e Energy T.I. prevedeva una sponsorizzazione di 10 anni per 25 milioni. Quando furono messe le firme, aprile 2014, tuttavia, il gruppo energetico aveva ricevuto già da un anno dal Ministero dello Sviluppo Economico la revoca per la vendita del gas ed era in gravi difficoltà finanziarie. Domanda: perché l’allora presidente Tommaso Ghirardi ha coinvolto un soggetto che non aveva le necessarie garanzie di solidità?”.

  • 18 Febbraio 2015 in 00:02
    Permalink

    Io non sono né un economista né un esperto di finanza, ma davvero non riesco a capire come facciate a dare così tanta fiducia incondizionata a Manenti, come i movimenti di procura/equitalia siano più che legittimi (è abbastanza noto quali soggetti possono presentare istanza di fallimento, per dire) e come i ritardi su questo presunto bonifico (che per tale va trattato sino ad effettivo deposito delle somme) puzzi più di bruciato che di arrostino. Sulla città silente con Ghirardi si può aver ragione, ma il caos è partito quando Ghirardi era ancora presidente (ricordarsi l’istanza poi archiviata del 28 gennaio). Di fatto Ghirardi i soldi ce li ha, che poi non ce li abbia voluti mettere e abbia fatto i propri comodi è altro discorso dal patrimonio personale. Mi sembra normale che i creditori si muovano nel momento in cui la Società viene svenduta per poco e nulla a personaggi alquanto dubbi e poi successivamente rivenduta ancora, con un’assemblea che il 27 dicembre 2014 non aveva approvato il bilancio definendo la continuità aziendale a grave rischio.
    Io davvero, non capisco se la gente ha il prosciutto sugli occhi o viva di speranze, perché è noto che chi vive sperando….

    • 18 Febbraio 2015 in 10:01
      Permalink

      esatto quello che ho detto sopra aggiungendo un discorso tecnico il parma calcio ha debiti 4 volte il fatturato credetemi un azienda normale sarebbe gia’ fallita da tempo ……..aggiungo va bene i discorsi sui dipendenti che perdono il lavoro ecccc ma cosa credete che chi avanza cifre grosse aspetti ancora molto a muoversi ‘? dopo che manenti e’ diventato presidente ? pensate che ragionino da tifosi ? no oooooooo se ci fosse stao una persona seria che compera il parma avrebbero discusso di dilazione e quant altro ma con manenti di cosa vuoi discutere del televideo per fare affari o di mapi faschion e mapi eenergia ? e’ chiaro che non perdono alto tempo e poi non scordiamoci che 800.000 eur li paghiamo anche tutti noi visto che tra i creditori ce anche il comune !!!! vogliamo rimetterci altri soli come comunita ‘? ……..

  • 18 Febbraio 2015 in 00:09
    Permalink

    Abbiamo sempre parlato di concordato ma credi che invece, in caso di fallimento, si possa in qualche modo “puntare” alla continuazione provvisoria dell azienda? Io ho molti dubbi, l avv. Capello (figlio di Fabio) stasera su sport Italia non dico che la facesse facile ma quasi

  • 18 Febbraio 2015 in 07:33
    Permalink

    Quello che la trae in inganno Sig. Majo è l’equazione che fa:
    Mitomane = stupido/idiota
    Un mitomane che ha affinato la sua “arte” in 50 anni o quello che è, ne sa una più del diavolo ed è difficile da scoprire.
    Non capisco proprio come faccia a non rendersene conto.

    Se non le andava bene Taci poichè notoriamente inaffidabile perchè ora non ha lo stesso metro di misura per questo?

    qual è la differenza?
    Se può risponda un po’ meno infantilmente di quello che sta facendo ultimamente “Ma all’UPI andava bene Taci” perchè sarà pur vero ma è un altro discorso, mi spighi lei perchè Taci non le andava bene dall’inizio mentre Manenti che lo sanno anche i muri che sta giocando è da attendere.

    • 18 Febbraio 2015 in 07:44
      Permalink

      ho già spiegato anche troppe volte che questo era l’ultimo tentativo per evitare il ffallimento, cioè la cosa peggiore che possa capitare.
      è lo stregone che ti da la pozione dopo che i medici ti han già condannato. se va male non cambia gli scenari già scritti (le cui colpe sappiamo bene a chi vanno aattribuite) se va bene, però…
      poi, siccome non sono così coglione come mi fa, mi rendo perfettamente conto che sia un miracolo di difficile attuazione, ma fin che c’è una speranza resto attaccato, anche perché mi provoca il vomito quello che sta accadendo.

      amatorialmente

      gmajo

      • 18 Febbraio 2015 in 10:10
        Permalink

        majo la risposta non era a me ma vorrei intervenire pur apprezzando la sua risposta all altro utente e non metteno indubbio la sua corretezza e intelligenza secondo me l errore che fa e’ nel considerare l alternativa migliore secondo me e’ li che sbaglia negli affari o in economia non esiste il tanto perso per perso …..!!!! secondo me deve essere chiaro che e’ peggio perché la voragine aumenta ovvero aumetano i debiti sono promesse al vento che pero’ provocano altri creditori del tessuto locale che non prenderanno i soldi …….quindi basta deve intevenire la magistratuta 200 milioni di debiti non sono noccioline ……e’ un superbuco …..oltre che ci rimettiamo tutti soldi visto che anche il comune e’ creditore E INOLTRE SE MANETI LA TIRA LUNGA C E IL CASO CHE IL CALCIO A PARMA IL PROSSIMO ANNO NON CI SIA PROPIO NEPPURE IN SERIE D visto i tempi tecnici bisogna considerarlo

  • 18 Febbraio 2015 in 08:03
    Permalink

    Diciamo che dopo la licenze rubata, il presidente cerebrobeso, gli strateghi albanesi, gli industriali apatici, i politici distratti, gli arbitri poco benevoli, i reggiani e i bolognesi che ci prendon per il c… Su stadiotardini.it, le autorita sportive non pervenute, il Gianpy, gli ufficiali giudiziari cattivi…… Ci mancavano piu che i magistrati zelanti…..

    Ma si sa… La giustizia é al servizio dei cittadini…. (Quali?)

  • 18 Febbraio 2015 in 08:06
    Permalink

    …e allora vomiti sig Majo….lo faccia convinatamente che ce ne sono tutti i motivi e i presupposti.
    Si ricominci subito con forze cittadine sane e rinnovato entusiasmo altroche’, fra 3/4 anni ci si riaffaccia al calcio che conta serie B/C e magari si torna ad essere appetibili per gruppi piu’ importanti o perche’ no stranieri.
    Questa e’ la cosa da fare….
    No star li a dividere chi legge in fallimentisti o chi si fida degli stregoni….
    Non e’ la prima volta che sucede nel panorama calcistico..e non sara’ nemmeno l’ultima..ma se dopo si fanno le cose per bene qualche risultato lo si ottiene…
    Certo se poi si sogna di veder trionfare la squadra in coppa UEFA allora l’attesa dovra’ essere un po’ piu’ lunga..e tanto pure..

    • 18 Febbraio 2015 in 08:42
      Permalink

      Fare le cose per bene, bravo, ghirardello. Pensi che spinge per il fallimento proprio chi per sette anni acriticamente ha fatto consociativismo con Ghirardi e Leonardi.

  • 18 Febbraio 2015 in 08:07
    Permalink

    La verita’ e’ quei pezzenti fallitio pseudotali ma pieni di boria che si ritrovano a cena al Maxim meritano il disprezzo totale

  • 18 Febbraio 2015 in 08:08
    Permalink

    c’è continuità tra taci e manenti per cui continuare a parlare di ultimo tentativo” non lo ritengo corretto. Taci ha fatto quello che doveva fare ed ora a Manenti tocca la parte peggiore.
    I soldi ci sono ma non passeranno tra le mani di Manenti per cui per adesso è inutile aspettarli.
    Non escludo, ripeto, che a breve ci possa essere un nuovo presidente

    • 18 Febbraio 2015 in 08:41
      Permalink

      Mat, fin che spara le sue cavolata sulla gazprom è liberissimo, ma dal momento che ho seguito con fonte diretta l’avvicinamento di manenti, le assicuro che con taci non c’entra un piffero. Un nuovo presidente? Sì: il curatore fallimentare così il partito dei catartici (cioè gli stessi che acriticamente hanno sostenuto per sette anni ghirardi e leonardi) potrà godere. Che schifo, ripeto

  • 18 Febbraio 2015 in 08:11
    Permalink

    E ricordatevi voi che siete giovani che l’unica volta che questa accozzaglia di cummenda ha gestito il Parma in due anni erano gia’ con le pezze al culo e se non interveniva il compianto Ceresini erano gia’ strfalliti.
    Capite ora perche’ la nostra povera Parma va a rotoli?

  • 18 Febbraio 2015 in 08:13
    Permalink

    Nell’edizione odierna della GdS, Andrea Schianchi mi ha fatto restare a bocca aperta.

    Punto primo: da quando in qua un giornalista del quotidiano sportivo più famoso e letto d’Italia fa il copia e incolla delle notizie raccolte sul web e redatte da chi ha/avrebbe meno mezzo di lui ma ciò nonostante produce meglio e di più rispetto a lui?

    Punto secondo: da quando in qua un giornalista del quotidiano sportivo più famoso e letto d’Italia può permettersi di dare dell’allucinato a chi ha sostenuto di aver visto il cosiddetto CRO dei bonifici che tutti noi stiamo aspettando? Parla proprio lui che non più tardi di due o tre mesi fa sosteneva di aver visto delle fatture saldate da parte di Ghirardi salvo poi, verificata l’infondatezza della cosa, dover fare macchina indietro in fretta e furia? E poi: allucinato a chi? Abbia il coraggio di fare nomi e cognomi, caro Schianchi. Così come di nomi e cognomi se ne fanno qui, quando c’è da dare un’insufficienza in pagella (non dell’allucinato) a giornalisti straqualificati come lei.

    Punto terzo: da quando in qua un giornalista del quotidiano sportivo più famoso e letto d’Italia ha la licenza di giungere, sia pure con tutti i condizionali del caso, a conclusioni errate? Non è vero, caro Schianchi, che l’esecuzione del pignoramento dei pulmini è connessa al mancato arrivo dei soldi promessi da Manenti, perché era una formalità già predisposta da tempo.

    Per chiudere, caro Schianchi, altri due appunti. Che senso ha farsi adesso delle domande sull’operato di Ghirardi (“perché ha coinvolto Energy quando non aveva le necessarie garanzie di solidità?”) quando con Ghiradi e Leonardi, proprio lei signor Schianchi, ha fatto lingua in bocca per tanto tempo prima che la nostra situazione precipitasse? E poi…Slovenia e Italia sono entrambi paesi che hanno aderito alla Convenzione di Schengen. La frontiera è ancora fisicamente presente, ma non più presidiata dell’ormai lontano 2007…i soldi di Manenti forse si sono incagliati prima, ammesso che si siano effettivamente incagliati.

    Buon lavoro, signor Schianchi.

  • 18 Febbraio 2015 in 08:29
    Permalink

    Direttore mi scusi ma credo che lo staccare la spina sia la cosa più logica. E poi se non sbaglio anche il bari venne dichiarato fallito nel mese di marzo ma riusci comunque a essere venduto. Se come dice lei il primo cittadino e l’upi sarebbero favorevoli a questa soluzione vuol dire che hanno già la garanzia che ci sia un compratore. Sinceramente se anche questo fantomatico mitomane dovesse pagare una parte di questo “buco” mi chiedo con quali garanzie potremmo vedere il nostro futuro. Io sinceramente in questi 7 mesi ho perso tutto il mio amore verso questà società. Non c’e’ più stimoli, non si riesce a creare qualcosa di positivo. Tutti attaccano tutti e alla fine chi ci rimette sono i tifosi. Mi spiace per i dipendenti ma credo che alla fine il destino sia segnato, e almeno salvare il categoria (la serie B) potrebbe essere comunque importante anche per loro. Se falliamo direttore e ci troviamo in serie D il calcio a parma sarà finito per sempre………..

  • 18 Febbraio 2015 in 08:45
    Permalink

    a questo punto penso che se Manenti non ha la certezza di porre coprire I debiti fiscali citati, che per altro non si conoscono, penso non abbia senso tirare fuori I 30 milioni ora. vorrebbe dire rimetterceli. ormai è evidente che a Parma I poteri forti non lo vogliono e questo è non pensavo potesse mai accadere nella nostra città.che schifomettiamoci a questo punto il cuore in pace e ringraziamo upi sindaco e tutta la combriccola,non ultima l informazione Lake, che dall anno prossimo credo dovrà cambiare il proprio palinsesto e al posto di bsr sport far vedere solo I campionati dilettantistici…fate schifo..VERGOGNA!

  • 18 Febbraio 2015 in 08:49
    Permalink

    Caro Majo, mi dispiace molto sentire Ada un professionista come lei la parola mania-fallimento. Cerchi di non essere uno dei tanti qualunquisti che riempiono questo paese di merda. Se ci fosse una coerenza è un vero senso di responsabilità e rispetto dovremmo dire che il Parma sarebbe dovuto fallire già nel post Tanzi, poi i miracoli e le amicizie del massone Baraldi hanno evitato il peggio. Sette anni dopo altri 100 milioni di debiti…. La verità è che meritiamo di fallire. Punto e basta. Poi se lei vuole essere pro Manenti e Leonardi è libero di farlo, ma non scambiamo la legge italiana per una barzelletta tra truffatori. Cordialmente

    • 18 Febbraio 2015 in 10:00
      Permalink

      mi intrometto…
      ok Ernesto, ci può stare, ma la legge italiana è davvero uguale per tutti o invece nella nostra nazione contano i poteri forti? se il parma nel post Tanzi doveva fallire allora la juve con Moggiopoli oggi non dovrebbe neppure esistere…
      ci rifletta su..

      • 18 Febbraio 2015 in 10:19
        Permalink

        mi intrometto perché a leggere certe cose ,non sono juventivo ma mi sembra che abbia pagato andando in serie b la juve cosa c entra ? un discorso veramente vacuo sempre a vedere il marcio in tutto ….basta !!!! tenicamente il parma calcio e’ gia fallito vogliamo ampliare la voragine …..dai ampliamola cosi altri artigiani e lavoratori perderanno dei soldi e se aspettiamo ancora molto il prossimo anno non ci possiamo iscriver neppure in serie D il tempo stringe non lo avete capito ancora 2 mesi cosi e poi e’ tardi per iscriverci alla serie D

  • 18 Febbraio 2015 in 08:54
    Permalink

    Sono un tifoso come tutti voi…
    Capisco la passione e capisco la voglia di avere chiarezza…
    Mi chiedo come sia possibile che i GIOCATORI e DIPENDENTI del Parma Calcio possano aver deciso di dare una proroga al Povero Manenti mentre noi dobbiamo fare i CAPRICCIOSI e sparare sentenze a contro questo o contro quell’altro. Perchè?
    Sembra quasi che Manenti debba dare dei soldi a noi…che siamo noi che è un anno che non prendiamo lo stipendio e che magari facciamo fatica a pagare la rata del mutuo…
    E’ l’ultima possibilità che ci rimane…che ci costa aspettare giorno più o giorno meno? Se son rose fioriranno altrimenti per tutti i vari RENZI, VELENOSO, MARCO, SCHIANCHI, GHIRARDELLO, ASSIOMA E MAGARI ANCHE TUTTI I SIGNOROTTI DI SPORTITALIA CHE GRIDANO A UN CALCIO PULITO ci sarà la fine tanto acclamata del fallimento.,..
    Bei tifosi la città di parma

  • 18 Febbraio 2015 in 08:56
    Permalink

    ora se la barca affonda deve affondare anche Ghirardi e la sua azienda. adesso basta. Majo ma come si spiega questa assenza di Ghirardi?come mai il solo Leonardi sta cercando di salvare la baracca?

    • 18 Febbraio 2015 in 09:55
      Permalink

      Cicciobello dal paesello è un bambinone viziato a cui la mamma diede in mano un giocattolo che lui ha rotto! Ora è scappato a piangere dalla mamma,sperando che qualcuno aggiusti il suo casino!

      • 18 Febbraio 2015 in 10:05
        Permalink

        l’unica figura dirigenziale è quella di Leonardi, a cuii va dato atto che, nonostante gli errori commessi (da lui stesso ammessi in conferenza stampa), è rimasto sulla barca ed è l’unico che fà da collante tra la squadra e la proprietà o pseudo-proprietà.

        Ghirardi penso abbia molte colpe di aver portato il parma in questa situazione, dovrebbe vergognarsi e chiedere scusa alla città e a tutti i tifosi ed abbonati.

  • 18 Febbraio 2015 in 09:03
    Permalink

    Si può essere favorevoli al fallimento (nel senso che è la naturale conclusione della vicenda, purtroppo) oppure sperare che la situazione si possa ancora salvare. Ma sostenere un complotto ai dainni Manenti, perchè si presenta male e non è amico di nessuno, è un insulto all’intelligenza di che legge i commmenti. Ci ha messo la faccia? Ma quale? Chi era costui prima di venire una settimana a Collecchio? Cosa faceva nella vita? Suvvia… Se torna dalla slovenia con i soldi sistema tutto, altrimenti no ed il fallimento purtroppo è la naturale conclusione.

    • 18 Febbraio 2015 in 09:56
      Permalink

      esatto!!

  • 18 Febbraio 2015 in 09:15
    Permalink

    Esatto Marco.
    Proprio cosi’.
    Con un progetto serio e una unita’ di intenti davvero corale (federazione,istituzioni locale e imprenditoria cittadina) si poteva replicare l’operazione di Bari.
    Salvando quindi capra cavoli e pure categoria di pertinenza (B).
    Ma credo ormai sia tardi.
    Si e’ preferito favoleggiare sull’arrivo di Gazprom….
    Certo, pronti -via, societa’ nuova, squadra da fare, organigramma da istituire etc. le difficolta’ non sarebbero mancate e un paio di anni di rodaggio lo si sarebbe dovuto mettere in preventivo.
    Ma sarebbe stata tutta un’altra faccenda.
    Non sono d’accordo pero’ che fare la D sia la morte civile…
    Dipende sempre da come e da chi vuol fare le cose…certo ci vorra’ piu’ tempo e pazienza ma si puo’ tornare in 4/5 anni ad affacciarsi al calcio che conta.
    Da qui al trionfare in coppa UEFA ancora ce ne corre…questo si.

  • 18 Febbraio 2015 in 09:16
    Permalink

    Carissimo direttore!
    Grazie anche per questa notizia.. La mia fiducia è sempre massima.. Volevo chiederle.. Oggi il buon Raimondi a twittato verso le 3.. Che i bonifici sarebbero arrivati..
    Le chiedo se ha qualche riscontro..
    Ovviamente non parlo di denaro nelle casse del parma.. Ma a MPS.. Che domani lo trasferirà nelle casse crociate per i pagamenti?
    Motivo.del ritardo può essere che si tratti di 30 milioni anziche di 15 e quindi sia necessario più tempo per i controlli.?
    Saluti cordiali e sentiti ringraziamenti!

  • 18 Febbraio 2015 in 09:21
    Permalink

    Piu’ delle chiacchiere, a volte, le immagini fanno testo.

    Se i soldi devono venire anche dall’UCRAINA – come si vocifera – c’è da star freschi !

    Basta vedere le immagini della guerra e gente trita “c’me la bùla ” che ti cadono le braccia: altro che Manenti, bonifici, fallimenti plotati e roba del genere !

  • 18 Febbraio 2015 in 09:34
    Permalink

    ma vi volete mettere in testa che se falliamo è cacca per tutti???non se ne esce più..

    • 18 Febbraio 2015 in 09:50
      Permalink

      ma guarda i dati di fatto cazzo! Tutti vorrebbero che si salvasse la baracca, ma vedi elementi che ti fanno sperare? Ormai siamo come un animale moribondo…tutti soffrono se muore , è normale, ma se non c’è altra soluzione, come credo sia evidente a tutti, allo stato attuale dei fatti, la cosa migliore è l’eutanasia il prima possibile! Fare l’eutanasia non significa voler meno bene,significa aver preso coscienza della situazione,sapere dove ti porta in un modo o nell’altro e prendere la decisione più difficile ma anche più razionale! Da qui al 19 marzo ci sta un mese di tempo, se non si risolvono i problemi,vorrà dire che manenti è come taci, confermando la sua reputazione di mitomane! Io sono d’accordo con Lucarelli, che ha detto che si aspettano i fatti senza dare frettolosi giudizi, ma se non arrivano i fatti allora manenti sarà considerato come taci!

  • 18 Febbraio 2015 in 09:39
    Permalink

    Ghirardi&Leonardi
    Taci&Leonardi
    Manenti&Leonardi

    indovina chi? Chi è il denominatore comune che sta rovinando il Parma Calcio?

    • 18 Febbraio 2015 in 10:10
      Permalink

      perchè Ghirardi da solo?
      sino a prova contraria sotto l’aspetto sportivo non penso Leonardi abbia lavorato male a parma, i risultati ci sono stati nonostante tanti errori fatti.. Ghirardi ed i suoi amministrativi dovevano seguire la parte economica della società… non ci sono riusciti ed hanno portato il parma in questa situazione.
      Leonardi è un direttore sportivo e può ricoprire piu ruoli tecnici ma non amministrativi.

      • 18 Febbraio 2015 in 10:18
        Permalink

        Incredibile ci sia ancora gente a difenderlo..incredibile..io non ho pià parole..questo è puro masochismo.

        Ah..Leonardi era Amministratore Delegato per chi non lo sapesse…fatti un giro su Internet e vatti a vedere le responsabilità di un A.D….poi ne riparliamo. grazie

      • 18 Febbraio 2015 in 10:20
        Permalink

        Il Santo Padre non era anche amministratore delegato?

        • 18 Febbraio 2015 in 13:36
          Permalink

          sui debiti del parma io colpevolizzo il proprietario, cioè Ghirardi.
          Leonardi non è un A.D. ma un ottimo direttore sportivo, non dimentichiamoci i nomi che è riuscito a portare a parma e le dichiarazioni dei giocatori stessi che elogiavano Leonardi per la buona riuscita della trattativa e per il suo comportamento, pertanto in fatto di gestione/mercato calciatori penso sia uno molto in gamba.

          capisco le responsabilità di un A.D. ma nessuno di noi saprà mai se questo incarico gliel’ha imposto Ghirardi che aveva già manifestato dei mal di pancia…

          comunque se non c’era lui (Leonardi), con Ghirardi, ora saremmo già falliti da un pezzo..

  • 18 Febbraio 2015 in 09:43
    Permalink

    Personalmente credo che l’unica cosa dignitosa da fare sia guardare con cinismo la realtà,senza dare giudizi figli dell’emotività e della passione verso questa maglia! Il discorso da fare è molto molto semplice: dato per assodato che le principali colpe sono di Ghirardi e Leonardi,tutto quello che è venuto dopo è solo una logica conseguenza dell’ essersi fidati di speculatori noti a tutti , o meglio di essersi liberati della palla al piede,pensando che speculatori come Taçi e Manenti diventassero i salvatori della patria, nonostante il loro curriculum…se così si può chiamare! Per me Taçi e Manenti stanno sullo stesso piano, anche se senza Manenti non sarebbe cambiato nulla! Anche senza Taçi non sarebbe cambiato nulla,dato che nessuno avrebbe portato i libri in tribunale e fino a quando qualcuno non avrebbe fatto richiesta di fallimento, ossia Febbraio, le cose sarebbero andate uguale… probabilmente i giocatori avrebbero messo in mora la società il 17 e comunque si arrivava all’udienza del 19 marzo! Dato che non c’è altra soluzione, e spero di sbagliarmi, il male minore è il fallimento il prima possibile, almeno i dipendenti risparmiano altri 3 mesi di benzina per andare a lavorare gratis da ora a giugno! Sarei felice di essere smentito dai fatti, ma gli elementi a disposizione di tutti sembrano parlare chiaro! Spero solo che i media accendano i riflettori su Ghirardi,sputtanandolo su scala nazionale e che il tribunale faccia il suo dovere!

    • 18 Febbraio 2015 in 10:03
      Permalink

      Ti sei risposto da solo: aspetta i fatti, se non ci saranno allora fallieremo, ma incitare il fallimento è da…

      • 18 Febbraio 2015 in 10:16
        Permalink

        Se uno è convinto che la moglie ha l’amante,non significa sperare di avere la moglie zoccola… sarebbe ben felice di essere smentito.. ma se poi la moglie torna a casa senza mutande è inutile illudersi e la migliore cosa da fare è il divorzio il prima possibile!

  • 18 Febbraio 2015 in 09:45
    Permalink

    gallerani su sky parla di 18 milioni da dare all erario..le risulta direttore?

    • 18 Febbraio 2015 in 13:31
      Permalink

      I conti parlavano cosi 18.4 mln€

  • 18 Febbraio 2015 in 09:53
    Permalink

    Considerato che altre volte ho criticato l’operato del ccpc stavolta mi complimento sinceramente per le dichiarazioni rilasciate ieri sera da Manfredini a Zona 11 di Raisport: fiducia temporanea a Manenti e sdegno verso chi sostiene che il campionato sia falsato. Bravo Manfredini.
    Visto che nessuno lo ha evidenziato concludo dicendo che è una vergogna che sia uscita la notizia dell’istanza di fallimento, non è una cosa di dominio pubblico. Chi vuole tutelare un credito e prova a rivolgersi al Tribunale per verificare se siano pendenti istanze di fallimento verso il proprio debitore si sente rispondere che ciò non è possibile, vengono infatti resi pubblici solo i fallimenti già dichiarati

  • 18 Febbraio 2015 in 09:55
    Permalink

    Gallerani da chi viene informato ?

  • 18 Febbraio 2015 in 09:59
    Permalink

    avrà I suoi talponi pure lui immagino…boh

  • 18 Febbraio 2015 in 10:09
    Permalink

    Ma porca miseria,prendetevela.con GHIRARDI.E’ lui che ha il 100% di responsabilita’.Fortunatamente andra’in galera e gli mangeranno tutto ma prendetevela con lui con l’UOMO PALLA, che avete sempre considerato un Dio,che si è permesso di dire che il grande MAJO era un nemico del Parma mentre il.nemico era lui. L’uomo palla va demolito su questo forum.

  • 18 Febbraio 2015 in 10:17
    Permalink

    Ma quando te la finirai di sparare delle cazzate?????? Tu che predichi tanto la chiarezza e la trasparenza…vai a vedere a bari chi ce!!! Dopo un anno non si conosce ancora chi ce dietro a paparesta….

  • 18 Febbraio 2015 in 10:19
    Permalink

    Se TU hai un azienda (TU cacci i soldi) lasci che il tuo AD dei tuoi soldi faccia quello che vuole o lo guidi nelle oprazioni? Esiste anche un CDA .
    La strategia viene concordata a priori.
    Basta con certe cazzate.
    X quel che riguarda E.TI.G. che s3 la prenda con Ghirardi che gli ha detto il falso ( ma controllare no?) E con Taci x averlo estromesso dal CDA ma nn con Manenti che ha sciolto in CDA dove nn erano piu’ presenti.
    Poi loro sostongono il fallimento…

  • 18 Febbraio 2015 in 10:26
    Permalink

    su questo sono d accordo l unico con cui prendersela sarebbe il ghiro chiedo a majo se sia possibile dal commercialista marotta o chi per esso analizzare i bilanci degli ulimi 7 anni e vedere se il ghiro abbia veramente messo soldi nel pama calcio ho il sospetto che abbia solo messo il capitale iniziale e poi solo garanzie hai debito che faceva …….che poi ha trasmesso a taci per cui a parte i pianistei mi sa che il ghiro abbia messo poco nel parma calcio si puo’ sapere con esattezza almeno indicativamente quanto abbia messo nella societa’ ?

  • 18 Febbraio 2015 in 10:28
    Permalink

    Mi sembra che questo intervento della Procura dia il destro ad una lite giudiziaria incrociata tra i vari proprietari che si sono succeduti alla guida del Parma dove se le daranno di santa ragione gli uni contro gli altri per la felicità di avvocati e periti vari.

    Lite interminabile con il fallimento sullo sfondo: come unico dato certo.

    Ed ognuno di loro , nella vicenda, cerchera’ di rosicchiare qualcosa a danno di altri.

    Non vorrei mai dare ragione a Boni: ma lo scenario potrebbe essere proprio questo.

    O sbaglio ?

  • 18 Febbraio 2015 in 10:31
    Permalink

    in tutta questa la cosa che trovo veramente strana è come mai in questa situazione in cui la società è sull orlo del baratro, Ghirardi se ne stia immobile nel suo paesello pur essendoci dentro fino al collo insieme a Leonardi. solo che Leonardi le sta provando tutte x salvarsi il culo, mentre il Ciccione non pervenuto..come se lo spiega Majo?

    • 18 Febbraio 2015 in 13:39
      Permalink

      GHIRARDI VERGOGNATI.

  • 18 Febbraio 2015 in 10:34
    Permalink

    Ho sentito invocare un fallimento tipo quello del Bari lo scorso anno, ma avete presente la diversità di cifre che un imprenditore deve mettere per salvare la categoria.
    Il Bari è stato acquistato all’asta per 4,8 milioni di euro e l’acquirente si è impegnato ha versare gli stipendi ed i soldi all’erario per circa 3 milioni di euro. Quindi con meno di 8 milioni è stato acquisto ed ha mantenuto la categoria.
    In caso di fallimento il Parma avrà a giugno solo di stipendi arretrati e contributi circa 40-50 milioni di euro in più ci sono i soldi pregressi che deve dare all’erario che non so quanti sono, dicono 18.
    Quindi per fare un fallimento tipo Bari chi acquista il Parma dal fallimento deve mettere per salvare la categoria circa 60-70 milioni di euro, secondo voi è la stessa cosa?
    I tempi non c’entrano nulla perchè con queste cifre non si presenterà mai nessuno per comprare il Parma dal fallimento se uno lo vuole acquistare può benissimo farlo ora tanto non sono i 20-30 milioni che risparmia di mancato pagamento di fornitori, dipendenti e procuratori vari che fanno la differenza.

    • 18 Febbraio 2015 in 10:55
      Permalink

      Si Massari, le cifre sono diverse….
      Ma sopratutto lo sono i tempi…questa operazione andava fatta con coraggio e trasparenza 10 mesi fa…i numeri sarebbero potuti essere diversi.
      In ogni caso il tessuto imprenditoriale Barese non e’ quello Parmense….l’appetibilita’ del club diversa..trovare 20 milioni o quel che e’ qui non e’ certo come trovarli la.
      Ma tanto ora mi pare aria fritta….tutti sono stati a vedere…a vedere come se sa sarebbe cavati il duo dello sfascio Ghirardi/Leonardi ed ora di fronte c’e’ solo il fallimento.

      • 18 Febbraio 2015 in 11:48
        Permalink

        Insomma Ghirardello, parliamone di ‘sta cosa…
        Lasciamo stare il palmares, sul tessuto imprenditoriale (di cadaveri peraltro) posso essere d’accordo, sull’appetibilità del club mica tanto… Bari ha il triplo degli abitanti di Parma, un bacino di utenza potenziale molto più vasto e un grande stadio… insomma un potenziale superiore, diciamola tutta…. per me anche dieci mesi fa cambiava poco, la metastasi si trascinava già da troppo tempo

        • 18 Febbraio 2015 in 17:50
          Permalink

          Caro Gigi Apolloni.
          Che Bari faccia piu’ abitanti di Parma e il suo stadio piu’ capiente non sono affatto opinioni.
          Sono dati di fatto.
          Cio’ che io chiamo “appetibilita’” e’ non solo il palmares (che tu invece sbrigativamente vuoi lasciar stare) ma anche semplicemente cio’ che si e’ combinato,fatto, dato al calcio, piazzamenti nei campionati,alla nazionale in termini di uomini negli ultimi 20/22 anni…
          Questo io chiamo “appetibilita’”.
          Ed e’ un parametro che puo’ ingolosire chi sta alla finestra pronto ad entrare con serie intenzioni (non i pagliacci visti di recente) nel mondo del calcio.
          E mi pare che fra Parma e Bari la bilancia penda dalla parte del Parma assai chiaramente.

  • 18 Febbraio 2015 in 10:38
    Permalink

    Se il Parma Calcio fosse una azienda normale fallirebbe e la storia finirebbe lì visto a meno che non entri qualcuno che metta in azienda probabilmente sui 200 mln o forse più.
    Ma il Parma Calcio non è una azienda normale e la cosa non finisce lì c’è un titolo sportivo e si dice ripartiamo dalla serie D tutti belli nuovi e puliti, la serie D di iscrizione costa poco ecc ecc. Bene e i giocatori, e lo staff tecnico, e gli addetti alla squadra e tutti quelli che servono a mandare avanti la baracca quanto costano e chi li paga?
    Si ripartire dalla Serie D sarebbe una giusta punizione per ciò che è stato fatto, ma siamo sicuri che arrivi la cordata parmigiana/italiana di persone pure e giuste che rimetta in moto la macchina e nel giro di 2/3 anni si torni in serie B quantomeno?
    Guardate squadre che erano in serie A come i cugini della Reggiana da quanti anni sono lì in serie C e non riescono neppure ad andare in Serie B finora.
    Quanti tidosi andrebbero allo stadio alla domenica a vedere il Parma in Seie D? Ecco lo stadio, secondo Voi essere in serie D lo stadio costerà di meno? Forse se facciamo giocare il Carpi se va in Serie A e dividiamo le spese.
    Purtroppo non ci resta altro da fare che vedere l’evoluzione della situazione e sperare in un colpo di c..o anche se chi vive sperando muore ………..

  • 18 Febbraio 2015 in 10:39
    Permalink

    Caro Massari, hai ragione da vendere !

  • 18 Febbraio 2015 in 10:50
    Permalink

    Io mi chiedo, esiste un direttore amministrativo/finanziario che ha dato l’avvallo a certe operazioni economiche? esiste un responsabile dell’ufficio legale che ha redatto certi tipi di contratti, votato nei CDA essendo anche consigliere? SI e sono tutti personaggi di Ghirardi, per ora nessuno li nomina e nessuno li tocca, ma anche loro avranno le loro belle responsabilità?! I signori/e di cui sopra sono ancora con i loro culi sulle poltrone del Parma… magari a sperare di fallire! Allora se deve essere merda spero abbiano fatto male i conti e che insieme al ciccione bresciano facciano la fine di Corona!

  • 18 Febbraio 2015 in 10:58
    Permalink

    ….concordo PIENAMENTE con VELENOSO………CiccioBello è l’unico grande responsabile…..ha fatto la bella vita spesato dalla carta d credito aziendale…

    ora non resta che aspettare che la magistratura faccia il suo corso….sperando che non finisca a tarallucci&vino…

    ……….è ora di finirla che i furboni faccian la bella vita , inscenando poi un fallimento per non pagar nessuno….a spese della povera gente che guadagna 1.500 € al mese

    GIUSTIZIA PER IL PARMA………IN GALERA I FARABUTTI !!!

  • 18 Febbraio 2015 in 11:29
    Permalink

    A chi dobbiamo dire grazie?

  • 18 Febbraio 2015 in 11:30
    Permalink

    Majo che fine ha fatto?

  • 18 Febbraio 2015 in 11:49
    Permalink

    gallerani ha appena detto che anche Manenti, dopo averlo contattato telefonicamente, sta cominciando a dire pure lui che stanno facendo un ulteriore diligence e le cose non sono come pensavano. sento puzza di un altra retro..che lavoro ragas

  • 18 Febbraio 2015 in 14:41
    Permalink

    mettitelo in testa Majo…il fallimento è l’unica oppurtunità per ripartire….che piaccia o no

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI