SUPER MAPI A SPORTAL: “HO TUTTI CONTRO, MA VADO AVANTI. E’ DECISIVO L’INCONTRO CON LA PROCURA, NON QUELLO COL SINDACO”

(sportal.it) – imageIl presidente del Parma, Giampietro Manenti, è tornato a parlare mercoledì. E lo ha fatto, in esclusiva, con Sportal.it.

La situazione comunque come si sta evolvendo?

Nella notte abbiamo completato la due diligence legale e fiscale, adesso ci muoveremo di conseguenza. Ora abbiamo in mano numeri chiari, almeno per quanto riguarda le provviste che non rappresentano un problema. Certo, ora bisogna vedere portando il progetto in Procura, poi si potrà procedere.

Il Parma quindi tornerà a giocare?

La prossima partita si giocherà regolarmente, per quella con l’Udinese vedremo quando riusciremo a recuperarla.

Non trova che ci sia irriconoscenza nei suoi confronti?

Noi stiamo cercando di sistemare la situazione, ma negli ultimi 15 giorni non abbiamo avuto la possibilità di lavorare bene, se mi avessero lasciato lavorare tranquillo… Invece abbiamo dovuto rincorrere i problemi.

Si è sentito attaccato dalla stampa locale?

Lo avete visto anche voi, ce li ho tutti contro. Solo qualcuno dice "prima vediamo", adesso con il passare del tempo qualcuno comincia ad avere qualche dubbio in meno, ma ci siamo scontrati contro problematiche di ogni tipo. Prima di attaccare io avrei aspettato. Noi comunque andiamo avanti.

Si sente un po’ contro il sindaco Pizzarotti? Quando riuscirà a incontrarlo?

L’ho visto venerdì, ma di sfuggita, non ci ho ancora mai parlato. Ho avuto questo problema da sabato (quello della madre, di cui non ha mai parlato direttamente, ndr), personalmente ho sempre voluto dare priorità alla vita. Comunque l’incontro con il sindaco non sarà definitivo, è più importante quello che abbiamo in programma con la Procura.

Le ha dato fastidio l’accoglienza dell’ambiente Parma, tenuto conto del fatto che lei è arrivato per provare a sistemare la situazione?

Mi aspettavo un’accoglienza di altro tipo. O uno è matto o ha le idee chiare. Non mi riferisco a Parma, al Parma, ai club o alla Lega, parlo in generale del sistema Italia. So che hanno fatto una manifestazione domenica, non so cosa abbiano detto, ma bisognerebbe prendersela con la vecchia gestione, non con quella nuova che non si conosce ancora e non si sa come lavora. Per me comunque non è un problema, sono abituato a lavorare, anche in condizioni ostili. Spero solo che il cartello "Chiuso per rapina" non fosse indirizzato a me.

Si sente di dare la responsabilità a qualcuno per la situazione che ha trovato nel club?

Non attribuisco responsabilità, non mi piace. Preferisco guardare avanti e fare il mio lavoro. Sono fiducioso.

Ha avuto modo di sentire o vedere Donadoni e la squadra? Come li ha trovati, anche come spirito, come morale…

Il loro punto di vista è quello che hanno espresso in questi giorni anche in televisione, non c’è niente da aggiungere. Noi andiamo avanti e adesso dopo la due diligence abbiamo numeri chiari in mano. Aspettiamo l’incontro con la Procura per avere le idee ancora più chiare e procedere.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

68 pensieri riguardo “SUPER MAPI A SPORTAL: “HO TUTTI CONTRO, MA VADO AVANTI. E’ DECISIVO L’INCONTRO CON LA PROCURA, NON QUELLO COL SINDACO”

  • 25 Febbraio 2015 in 13:07
    Permalink

    No è importante l’incontro col Sindaco perché se non sveli da dove dovrebbero arrivare i soldi TI CACCEREMO VIA A CALCI in culo.

    • 25 Febbraio 2015 in 13:22
      Permalink

      che importa da dove arrivano i soldi???
      L’importante è che arrivino e tanti anche…poi ci guarderemo…

    • 25 Febbraio 2015 in 13:29
      Permalink

      Se i soldi arrivano (cosa di cui ormai dubito) , ci sarebbe da baciargli il culo

    • 25 Febbraio 2015 in 14:12
      Permalink

      Quanti presidenti svelano con precisione la provenienza dei fondi?

      Sarebbe già un grande passo se i soldi arrivassero, se poi vogliamo fare i sofisti beh…! Personalmente mi accontenterei!

      Ma lei direttore mi permetta, ha incontrato, intuito o conosce chi sono i “Noi” di cui parla Super Mapi?

      E del fallimento pilotato cosa ne pensa? Non mi pare che lei ne abbia mai parlato!

      ( Su che scherzo ! )

      Buon lavoro e grazie per l’accurata informazione

  • 25 Febbraio 2015 in 13:10
    Permalink

    Ma sai, siccome è da 3 settimane che prometti che paghi, alla gente girano un po’.

  • 25 Febbraio 2015 in 13:12
    Permalink

    e quando sarebbe quest’incontro? e poi alla fine i soldi che fine avrebbero fatto?

  • 25 Febbraio 2015 in 13:12
    Permalink

    Manenti ridice: “Andiamo avanti” e il giornalista doveva chiedergli: “Come?”.

  • 25 Febbraio 2015 in 13:36
    Permalink

    Qui manca un pezzo:
    – ok la due diligence (ci pupò stare)
    – bene il fatto che ha chiari i numeri

    Ma se va in procura per presentare un piano senza aver prima versato un euro non ha nessun senso confermando di non avere nessunissima credibilità come per altro fatto finora…

    Mamma mia… che fine triste.

    • 26 Febbraio 2015 in 08:28
      Permalink

      Non credo voglia metterci la pila prima che gli diano l’ok, anche se è come il cane che si morde la coda e ammesso e non concesso che li abbia.
      Saluti
      Gmajo

  • 25 Febbraio 2015 in 13:43
    Permalink

    che domande interessantI, mamma mia..chiedere per esempio come mai è sempre fuggito dalla stampa e perché ha sempre disatteso le promesse fatte no?e magari chiedere che fine ha fatto il bonifico?mah..e poi Majo è senza lavoro..

    • 26 Febbraio 2015 in 08:34
      Permalink

      Grazie, ma chiedere perché sia sfuggito alla stampa non credo servirebbe molto…

  • 25 Febbraio 2015 in 13:53
    Permalink

    Decisivo per te fra un po’ sara’ l’incontro col direttore del carcere…altroche’…..
    Gente…ma questo fin’ora ha speso un euro…..e scroccato per almeno diecimila…(pernottava a Collecchio…usava la Volvo della societa’…) ma roba da chiodi…..

    • 25 Febbraio 2015 in 14:55
      Permalink

      Tutti qui a prendersela con quest’ultimo, quando il vero scempio è targato ghirardi e il colpo di grazia taci. Però va di moda prendersela con manenti, come se i pignoramenti non fossero stati concordati con la gestione precedente o fossero debiti di manenti… E diecimila euro scroccati per due pernotti a collecchio, roma e l’uso della volvo mi pare un po’ esoso e non si finisce in carcere per quello. capisco le iperboli, ma mi sembrano esagerate e fuori luogo

      • 25 Febbraio 2015 in 15:02
        Permalink

        Si ma dai…questo e’ proprio ridicolo….
        e ancora favoleggia di incontri con questo e con quello…e ancora favoleggia di pagamenti….

      • 25 Febbraio 2015 in 15:06
        Permalink

        Direttore il vero scempio e’ targato Ghirardi e il colpo di grazia l’ha dato Taci tutto vero ma, questo non significa che adesso dobbiamo essere comprensivi nei confronti di uno che fino ad ora ha solo parlato rinviando di giorno in giorno l’arrivo dei soldi . Penso sia la prima volta che uno compra una squadra di calcio e non paga nemmeno le trasferte alla squandra! E’ vergognoso dare fiducia a Manent, come si fa??

        • 26 Febbraio 2015 in 08:12
          Permalink

          Io penso che sia ignobile aver consentito a tutti livelli che ghirardi e taci facessero tutti i loro porci comodi per poi svegliarsi tutti di colpo con manenti come fosse lui l’origine dei problemi, che di certo fino ad oggi non ha comunque risolto…
          Cordialmente
          Gmajo

      • 25 Febbraio 2015 in 16:31
        Permalink

        Ok direttore,hai ragione,il danno lo hanno fatto il Ghiro e Leonardi e Taci ci ha dato il colpo definitivo però adesso c’è questo tragattino qua al comando..basta parlare del passato!!! Sono dieci giorni che dice stiamo lavorando i soldi ci sono ecc.. ven scorso doveva ricomprare i pulmini.. Mi sembri il più preparato di tutti giornalisti locali (e non) ma quando scrivi qualcosa su Manenti mi sembri Emilio Fede con Berlusconi,neghi l’evidenza!!! Come fai a dare corda ad uno cosi? Basta andare su google e leggere un pò del suo passato..non ne ha mai combinata una giusta!!!

        • 26 Febbraio 2015 in 02:12
          Permalink

          Lei sbaglia analisi: io non sono pro Manenti. Semplicemente non gli sono contro. E allora ecco che sembro pro. Ma io sono neutrale come la Svizzera.

          Io avevo detto sin dall’inizio come andava preso il diversivo manenti a fronte di uno scenario già scritto, con discesa agli inferi (e senza possibilità di pilotare un bel niente).

          Cordialmente

          Gmajo

      • 25 Febbraio 2015 in 17:07
        Permalink

        Scusami, ma il vero scempio è targato Tommaso Ghiardi e Pietro Leonardi, e sì ok anche Taci ma mi sembra che ti sei dimenticato del plenipotenziario che non è da meno di Ghirardi anche se ovviamente sarà la procura a fare luce su tutto. Un Amministratore delegato nei libri di diritto commerciale che ho studiato ha responsabiltà non enormi, di più.

        • 25 Febbraio 2015 in 22:20
          Permalink

          A me lo dici? Quando era stato buttato il prete nella merda (a novembre avevate messo tutti in croce Ghirardi, salvando Leonardi) chi ha tirato fuori la teoria dell’ammiraglio e dell’armatore?

          Siccome si parlava di presidenti, il mio riferimento era a Ghirardi e Taci, giacché continuo a ripetere che il colpo di grazia l’ha sferrato quest’ultimo

  • 25 Febbraio 2015 in 14:00
    Permalink

    Per la serie “Alla squadra e al sindaco non mostrerò nulla, con la Procura vediamo cosa posso inciarmare…”
    Ma uno che si riduce a chiedere un prestito ad una banca slovena dando in garanzia il NIENTE (azioni Mapi) che credibilità ha!? (Già in partenza era allo 0,1%). Anche nel caso in cui riuscisse ad ottenere qualcosa, che facciamo!? Copriamo i debiti con altri debiti? Bello…

  • 25 Febbraio 2015 in 14:01
    Permalink

    ma smettila di dire cazzate!
    non cacci nessuno.
    se il 12 con ha i soldi il 19 viene espropriato punto
    e si va al fallimento.
    personalmente non so che pensare o è matto o dietro c’è veramente qualcuno……….
    altrimenti si puo’ sperare in un fallimento pilotato e che qualcuno partecipi all’asta o sara D

  • 25 Febbraio 2015 in 14:03
    Permalink

    Egregio Majo, perché non fa un bel pezzo nel quale riassume la sua idea di che cosa passa nella testa di Manenti e spiega a tutti che cosa, dalle informazioni in suo possesso, il Mano sta facendo, a che fine e con l’assistenza di chi. Sarebbe molto interessante.

    • 26 Febbraio 2015 in 08:24
      Permalink

      Non so coda possa frullare nella testa del super eroe. Per cui, specie nello spazio commenti, via offro via via la mia interpretazione.
      Cordialmente
      Gmajo

  • 25 Febbraio 2015 in 14:08
    Permalink

    Majo chi ha fatto la due diligence ? non penso che dei professionisti si mettano al lavoro senza garanzie . Lei cosa pensa?
    chi ha dato graranzie ?

  • 25 Febbraio 2015 in 14:10
    Permalink

    Ma quando dice stiamo lavorando a chi si riferisce oltre a SuperMapi? Ha dei collaboratori ? anche perchè Alborghetti si è defilato, la sua socia in MapiGroup anche …. quindi?
    ahhhh forse parla in terza persona come il MagoOtelma … io comunque spero ancora nello 0,1% come lei Direttore …. ma la speranza la tiro fuori a forza ….

    • 25 Febbraio 2015 in 14:44
      Permalink

      Alborghetti, contattato dal sindaco, potrebbe tornare in giuoco…

  • 25 Febbraio 2015 in 14:30
    Permalink

    L’ennesimo rinvio in avanti.
    Comincerei ad essere stufo di venire preso in giro da un simile personaggio.
    O caccia il grano, se ce n’è (MI SEMBRA IMPOSSIBILE) e subito, oppure si toglie dalle scatole.

  • 25 Febbraio 2015 in 14:41
    Permalink

    fiducia a manenti!

  • 25 Febbraio 2015 in 14:53
    Permalink

    Allucinante il suo intervento odierno a Palla in Tribuna. Mai una frase con senso compiuto, tutto incerto, tutto vago. Fa paura.

    • 25 Febbraio 2015 in 15:05
      Permalink

      Non che il lessico di ghirardi fosse da accademia della crusca…

      Un riassunto dei contenuti dell’intervento?

      • 25 Febbraio 2015 in 15:20
        Permalink

        Intanto ha detto che oggi è a Parma e nel pomeriggio sarà a Collecchio (ma non doveva essere in ospedale dalla mamma? perché ha rinviato l’incontro col sindaco?). Poi ha detto – sempre a monosillabi – che ha provveduto per la trasferta di Genova, salvo poi contraddirsi dicendo che non lo può garantire visto che già la settimana scorsa aveva predisposto tutto per Parma-Udinese ma poi la Lega l’ha fatta saltare. Ha detto che andrà in procura tra venerdì e martedì “al massimo”, anticipando la data del 12. Poi ha ribadito che non molla, “poi se quello he faccio non sarà valutato sufficiente, è un altro discorso”. Solito accenno al fatto che non lo lasciano lavorare. L’eloquio sempre a monosillabi, poco chiaro, gli si tirano fuori le parole con la pinza. In confronto Ghirardi era Cicerone.

  • 25 Febbraio 2015 in 14:54
    Permalink

    Direttore ma se ipoteticamente ci fossero imprenditori disposti a rilevare il Parma col fallimento pilotato ( quindi 50 o piu’ milioni ), allora perche’ non farlo ora bloccando le pratiche del fallimento e avendo a disposizione il parco giocatori da vendere? Sempre ipoteticamente..cosa ne pensa?

    • 25 Febbraio 2015 in 15:06
      Permalink

      Ipoteticamente mi porti gli imprenditori disponibili e poi ipoteticamente ne parliamo. Io azzardo una cosa: con gli imprenditori di Parma ho paura persino per l’iscrizione in D, figurarsi il fallimento pilotato con cui vi stanno rimbambendo…

      • 25 Febbraio 2015 in 15:32
        Permalink

        Esatto

      • 25 Febbraio 2015 in 16:19
        Permalink

        Non intenderai dire che anche in D nessuno si piglia sta’ baracca….dai..ce l’hanno ovunque una squadra almeno in D citta’ come questa…

  • 25 Febbraio 2015 in 15:09
    Permalink

    Io mi chiedo perchè tutti hanno questa fretta incredibile che Manenti cacci fuori i soldi…ha tempo fino al 12 marzo no?Tanto falliti per falliti facciamolo lavorare…se poi si rivelerà un ciarlatano amen,tanto non è per colpa sua che si fallisce no?Figa ragazzi, io non capisco i parmigiani…avete fretta di dichiarare il fallimento?mah…poi che sia un personaggio strano sono il primo a dirlo, per esempio mi chiedo perchè è convinto di giocare domenica quando mancano i soldi fino per la carta igienica e ogni giorno viene pignorato qualcosa…

  • 25 Febbraio 2015 in 15:19
    Permalink

    Scusi direttore forse ho letto frettolosamente l’articolo, ma non ha parlato di bonifici ne di pagare lo stipendio adesso parla di aspettare l’incontro con la procura e poi di andare avanti????

    • 26 Febbraio 2015 in 08:05
      Permalink

      Beh, mi pare evidente che se la procura non gli dovesse accettare il piano di rientro – scongiurando il fallimento – lui non ci metta un biadino, che peraltro dubito abbia di suo. Sicché o è colpo grosso o è niente come è stato sino adesso
      Cordialmente
      Gmajo

  • 25 Febbraio 2015 in 15:22
    Permalink

    Sono d’accordo con lei, infatti anni fa con nessun debito da Bondi non la compro’ nessuno di Parma..Dicevo che era assurdo spingere per un fallimento pilotato perche’ se allora c’ e’ qualcuno disponibile poi a prendere il titolo spprtivo a piu’ di 50 allora tanto varrebbe rilevarla ora, dimostrare di essere solvibile e con un parco giocatori rientrare con la vendita di loro di un po’ di spese e dilazionando i debiti..era un ragionamento teorico che nella realta’ non si concretizzera’..

    • 26 Febbraio 2015 in 08:25
      Permalink

      Ragionamento che condivido, peraltro perché è lo stesso che faccio io
      Cordialmente
      Gmajo

  • 25 Febbraio 2015 in 15:30
    Permalink

    I soldi sono suoi, il problema è che sono 7500 euro

  • 25 Febbraio 2015 in 15:41
    Permalink

    Di imprenditori a Parma non ce ne sono.
    Poche eccezioni, Pizzarotti (il costruttore non il sindaco), Prosciutto di Parma? Parmacotto?
    Nient’altro.
    Chi fattura oggi a Parma? Mi piacerebbe saperlo, se non altro per inviare un CV.

    Ad ogni modo è sbagliato dire che si vanno a pagare i debiti altrui. Si compera una squadra di calcio di serie B, se interessa è chiaro che costa. Se invece non interessa a nessuno possiamo solo piangere e constatare che il calcio a Parma è proprio morto per sempre.

  • 25 Febbraio 2015 in 15:48
    Permalink

    Visto che lei ha sposato e senza ripensamenti l’avventura di manenti, mi provi a spiegare perchè tanta fiducia in un imprenditore che sta permettendo ciò che sta accadendo e mi riferisco al mancato pagamento degli stewards, al sequestro dei pc, alla lavanderia inutilizzabile ecc. ecc.Una persona che ha a cuore l’azienda che ha appena acquistato non credo consentirebbe che ciò accada perlopiù se fai sapere di avere un enorme disponibilità economica. Va bene, ci vorrà del tempo perchè arrivi ma non credo che per far fronte alle prime necessità debbano essere disponibili tutti i 100 ml. ne bastano pochi ma purtoppo neanche quelli ci sono……………

    • 26 Febbraio 2015 in 08:02
      Permalink

      Lei mi ha fatto una domanda, ma si è anche già dato una risposta.
      Comunque io non ho sposato proprio nulla. Semplicemente non avverso Supermapi, che è la moda del momento, e aspetto senza la fretta di chi crede nel fallimento pilotato, a mio modo di vedere impossibile a farsi.
      Saluti
      Gmajo

  • 25 Febbraio 2015 in 16:24
    Permalink

    Io sarò matto ma ho ancora fiducia in MapiMan. Lui ha sicuramente sbagliato a livello comunicativo ma ha veramente tutti contro. Non perdono occasione per mettergli i bastoni fra le ruote. Dopo quello che hanno combinato le vecchie gestioni lui di peggio non può fare. Io ci credo!

  • 25 Febbraio 2015 in 16:25
    Permalink

    Direttore son 2 giorni che non escono miei commenti.
    fatto reset più volte.
    tabelline penso giuste…
    comunque riassumendo fiducia a Manenti!

    • 25 Febbraio 2015 in 16:27
      Permalink

      portate pazienza. ho oltre 150 commenti in moderazione da ieri. scusate il disagio

      ma sto privilegiando il servizio giornalistico rispetto alla moderazione dei commenti e al dialogo coi tifosi che è ridotto per mancanza di tempo

      portate pazienza, però, che pian pianino li recupero grazie ancora

  • 25 Febbraio 2015 in 16:31
    Permalink

    Buongiorno Majo, scusi la mia ignoranza. Mi può spiegare perché è così importante l’incontro in procura per Manenti?
    È legato all’arrivo dei bonifici? Non credo, ma magari sbaglio.
    Ora che ha fatto la due diligence non è il momento di iniziare a pagare qualcosa? Non trovo il nesso con l’appuntamento in procura…
    Purtroppo io sono scettico e non credo a Manenti e non ci ho mai creduto. Sono però consapevole che o lui fa il miracolo o sarà serie d e quindi fine dei giochi quindi spero un giorno di rimangiare tutto quello che ho detto contro mapiman…

    Tino asprilla

    • 26 Febbraio 2015 in 09:52
      Permalink

      Il nesso con l’appuntamento in procura è presto spiegato: se i pm che hanno presentato istanza di fallimento dovessero prender per buono il piano di rientro di super mapi questi ci metterà la pila necessaria per attuarlo. Se loro dovessero rimbalzarlo mi pare evidente che non ci metterà nulla. Ed è così spiegabile anche il fatto che finora non ci ha messo di suo quel minimo di risorse necessarie per evitare le disdicevoli situazioni che stiamo provando in questi giorni.
      Cordialmente
      Gmajo

  • 25 Febbraio 2015 in 16:39
    Permalink

    Io personalmente non ho mai visto una persona che fa la Due Diligence DOPO aver acquistato una società. Per me è e resta tutto assurdo… felice di sbagliarmi…

    • 25 Febbraio 2015 in 22:22
      Permalink

      Non è una due diligence classica: il 12 marzo costui deve presentare in tribunale, su istanza fallimentare della procura, il piano di rientro, oltre alle scritture contabili degli ultimi tre anni

  • 25 Febbraio 2015 in 16:46
    Permalink

    Direttamente da Master schef : MAPpazzone

    ecco cosa rimane del Parma Fc

  • 25 Febbraio 2015 in 17:10
    Permalink

    Scusate, ma ancora adesso che è stata completata la due diligence e che Manenti ha confermato che i soldi non sono un problema c’è qualcuno che non si fida di SuperMapi???
    A me sembra francamente che si stia passando il segno, evidentemente quest’uomo dà fastidio a chi già pensava di papparsi il Parma in un sol boccone!
    E se per la trasferta a Genova i giocatori dovessero andare con mezzi propri, e che sarà mai??? Chi non ha fatto nella vita una bella scampagnata, colazione al sacco e via, a giocare!

  • 25 Febbraio 2015 in 17:18
    Permalink

    Majo qui urge il suo aiuto.Mapi Man ha fatto una gaffe clamorosa a Palla in tribuna, e sembra che non sia vera la storia dell’operzione di sua madre….se è arrivato a sfruttare la madre per sottrarsi ai suoi impegni la vedo davvero grigia…sembra di essere alle elementari vacca boia…lei l’ha sentito oggi?

    • 25 Febbraio 2015 in 22:18
      Permalink

      Come poi ha visto l’ho sentito.

      Comunque la storia dell’operazione della madre è vera.

  • 25 Febbraio 2015 in 17:19
    Permalink

    Direttore sarebbe bello se intervistasse Andrea Galimberti x sapere cosa e’ emerso dalla due diligense e se ha avuto garanzie x il suo lavoro e per capitali da investire

    • 25 Febbraio 2015 in 22:17
      Permalink

      Ci ha pensato tv parma, anche se alcune risposte mi lasciano perplesso

  • 25 Febbraio 2015 in 17:24
    Permalink

    Ma i soldi incassati per la vendita di Paletta perchè non sono nelle casse del Parma?Mi sembra fosse piu di un milione di euro se non sbaglio,sarebbero bastati almeno per pagare i famosi stuard allo stadio.Dove sono finiti questi soldi?Pignorati pure quelli?

    • 25 Febbraio 2015 in 22:17
      Permalink

      No sono cassa compensazione debiti/crediti della lega

  • 25 Febbraio 2015 in 17:54
    Permalink

    A parte l’aspetto calcistico, mi chiedo se solo i disgraziati in Italia se fanno qualche mille euro di debiti vengono sbattuti fuori di casa…..Ma la finanza,polizia,carabinieri,giudici ,dove sono? Ma questi signori che hanno distrutto una società e se la sono passata di mano per ripulire gli ultimi spiccioli non sono dei delinquenti?Solo quelli che guadagnano 1000 euro lavorando 25 giorni al mese con figli a carico rischiano il carcere in Italia?Dove viviamo?Situazioni vergognose per un onesto cittadino e per tutti i padri di famiglia che lavorano nel Parma calcio.Vergogna tutti.

  • 25 Febbraio 2015 in 18:35
    Permalink

    Direi che il si giocherà domenica del Mapi è incredibile. Dunque apprendiamo che la proprietà mettera risorse per la trasferta della squadra a Genova . Spero che i giocatori facciano finire il teatrino di questo buffone e non paghino di tasca loro l’eventuale trasferta. Mayo basta difenderlo solo con le intenzioni , ci vogliono fatti concreti .

    • 25 Febbraio 2015 in 18:44
      Permalink

      Io non difendo. Ma non attacco. Sto in mezzo. E se lo capiste avreste già fatto giornata. Cambiate ‘sta cazzo di mentalità del o con me o contro di me?
      Io sono neutrale come la svizzera e aspetto gli eventi. E non ho la vostra cazzo di fretta che non serve a niente, poiché il fallimento pilotato non si può fare per i motivi che vi ho spiegato. Per cui basta aspettare gli eventi.

      Saluti

      Gmajo

  • 25 Febbraio 2015 in 20:45
    Permalink

    Secondo me Manenti non rischia nulla. La sua colpa cos’è avere raccontato delle bugie? Di avere incautamente acquistato una società messa male? Di non avere mesi i soldi? Io sinceramente non so cosa possa rischiare dal punto di vista penale può spiegarmelo lei direttore?
    L’ unico rischio è. La figura barbina che sta facendo e che avrà messo in conto. Chi rischia sono GHIRARDI e Leonardi. A proposito dove manda la denuncia a Taci il buon GHIRARDI?

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI