TOMMASI DI NUOVO A COLLECCHIO: “SIAMO A GIOVEDI’ E LA SITUAZIONE E’ IDENTICA A MARTEDI’. NULLA SI E’ MOSSO E QUESTO CI PREOCCUPA”

Michele Gallerani (Sky) – Hai qualcosa da raccontarci di questo incontro?

“No, un normale controllo della situazione, ma eravamo di passaggio, quindi ci siamo fermati a salutare la squadra e per vedere la situazione vista la novità dei giornali di oggi…””

Michele Gallerani (Sky) – E qual è la situazione?

“Sono in attesa dell’arrivo del presidente e quindi poi non so se avranno novità dopo la visita del presidente”

Michele Gallerani (Sky) – Valeva la pena, magari, anche tu rimanessi qui per aspettare l’arrivo del presidente insieme a loro?

“Mah… Noi siamo in contatto costante, quindi credo che anche il rapporto con la società ci sia e speriamo che almeno sia concreto e non come negli ultimi giorni”.

Michele Gallerani (Sky) – Quindi ti rivedremo a breve, immagino…

“Spero di no, ma è probabile”

Gabriele Majo (StadioTardini.it) – Ma quali sono i fatti nuovi adesso rispetto all’altro giorno?

“Ma niente… Che le promesse che erano state fatte per questi due giorni non sono state mantenute, quindi vedremo se ci saranno altre promesse o cose concrete…”

Gabriele Majo (StadioTardini.it) – Ma sono problemi tecnici o c’è stato qualche falso?

“Nello specifico non lo so, ma sta di fatto che siamo a giovedì e la situazione è identica a martedì, quindi non si è mosso nulla e questo, evidentemente, preoccupa”

Gabriele Majo (StadioTardini.it) – Avevate concesso tregua fino a lunedì: la sua presenza qua oggi cambia qualcosa in questo senso?

“No, oggi eravamo di passaggio e quindi abbiamo approfittato per venire a vedere la situazione, visto che appunto non è cambiato niente da martedì: ci sentiamo tutti i giorni con i giocatori e quindi non ci sono ad oggi, ad ora, novità: speriamo in quelle che darà il presidente”:

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

39 pensieri riguardo “TOMMASI DI NUOVO A COLLECCHIO: “SIAMO A GIOVEDI’ E LA SITUAZIONE E’ IDENTICA A MARTEDI’. NULLA SI E’ MOSSO E QUESTO CI PREOCCUPA”

  • 19 Febbraio 2015 in 15:12
    Permalink

    ma non c’ erano dubbi e ‘un mitomane manenti l hanno capito tutti chi e’ che crede alle sue promesse ? ah si forse uno c e che lo intervista ancora e lo cerca ancora

    • 19 Febbraio 2015 in 15:37
      Permalink

      Beh perchè? Il Direttore non ha il diritto di intervistarlo? Non è forse il suo lavoro?
      Deve giustificarsi sempre con tutti i tifosi che la pensano diversamente da lui?
      Dailà a scrivere certi commenti vi rendete patetici…ne più ne meno!
      Saluti

  • 19 Febbraio 2015 in 15:23
    Permalink

    I giocatori si stanno ribellando, Alborghetti ha….ultimato il suo compito, la Camporesi si ritira………. che stiano salendo tutti sul carro dei Fallimentaristi ad ogni costo capitanati dalla gazza e dall’Upi ?

  • 19 Febbraio 2015 in 15:35
    Permalink

    i soldi di Manenti sono sul banner che scorre qui a fianco 🙂
    io ho ancora quel briciolino che ormai gli uccelli stanno mangiando..ma si sta pian piano esaurendo!!!

  • 19 Febbraio 2015 in 15:35
    Permalink

    Dai basta la fola è finita.MANENTI È UN MITOMANE DEI PIÙ MALATI.I soldi non arriveranno mai perché non ci sono.Dopo Ghirardi Taci e le sue teste di legno ora è il turmo del MITOMANE malato MANENTI che come un avvoltoio si è autoproclamato PRESIDENTE DEL PARMA PAGANDO UN EURO per sentirsi importante ONNIPOTENTE come un Dio.Nella sua vita in grigio vissuta sempre da perdente ha voluto per gioco fare il presidente come farebbe un bambino dell’asilo.Via dal PARMA Manenti, il tempo è ABBONDANTEMENTE SCADUTO.Vai in tribunale a depositare i libri contabili e dopo averci preso per il culo in modo ignobile mettiti da parte se non vuoi che ci incazziamo di brutto.Avevi detto in conferenza stampa “Fidatevi di me i soldi arriveranno sicuramente entro lunedì ” Ora siamo a giovedì pomeriggio e dei soldi nemmeno l’ombra e nemmeno un misero CRO. VERGOGNATI per averci preso per il culo e ora vattene da solo se non vuoi che a farlo siamo noi.

    • 19 Febbraio 2015 in 18:38
      Permalink

      Velenoso ti prego apri una rubrica :” il mio Mito Manenti” ti giuro i tuoi commenti mi fanno scompisciare dal ridere.

  • 19 Febbraio 2015 in 15:37
    Permalink

    Tommasi non fare il ridicolo….
    Sei un addetto ai lavori…
    Sai come stanno le cose e hai accesso a informazioni e cifre che altri non conoscono….
    Sai benissimo che andare dietro a quel clochard di Manenti e’ da imbecilli.
    Riunisci i vertici di Lega Coni etc. e pigliate finalmente una bella decisione che sia un segnale forte e chiaro a tutti.
    Andando avanti cosi’ si sottrae anche prezioso tempo utile ad altri che poi dovranno fare tutto di corsa (e quindi magari sbagliando) in futuro.
    Smettila di fare il democristiano.
    Non serve.

  • 19 Febbraio 2015 in 15:46
    Permalink

    Mi sa che ha ragione Velenoso.
    Tutti a noi?

  • 19 Febbraio 2015 in 15:49
    Permalink

    Perché Tommasi non parla con Manenti? Perché Tommasi si è ripresentato a Collecchio a dispetto dell’istanza di fallimento inoltrata dalla Procura di Parma? Che sia stato fatto ritornare lì dai poteri forti per incentivare il gruppo a mettere in mora la società, dandole il colpo di grazia, ed eludere la possibilità, tremenda per l’UPI, che entro il 19 marzo si sblocchi tutto e il PARMA resti ben saldo nelle mani del mitomane?

    Insomma, guardiamoci in faccia: se abbiamo la data di scadenza già impressa sul nostro fondoschiena, ed è quella del 19 marzo, perché vogliono farci fuori prima? C’è il rischio che il mitomane possa raddrizzare la barca prima del 19 marzo e alla faccia di tutti gli avvoltoi che ci stanno girando intorno?

    • 19 Febbraio 2015 in 16:36
      Permalink

      Alla faccia del complottismo.
      Russo, io non amo la linea del fallimento, ma le cose che lei scrive non si possono leggere.

      • 19 Febbraio 2015 in 17:22
        Permalink

        Dammi anche del tu 😉

        Il punto è che all’UPI andava bene Taci, e la gente che aveva dietro, per cui immaginavano che con l’albanese il PARMA potesse avere un futuro. Sfumata questa possibilità, non hanno voluto benedire l’arrivo di Manenti ed ecco che, non a caso, partono pignoramenti e istanze di fallimento e trapela la voce secondo cui Zanetti sarebbe interessato ad un PARMA fallito. Sarà anche complottismo all’ennesima potenza, ma i soldi come non ce li avrebbe Manenti, non ce li avevano nemmeno Taci e Ghirardi. Perché tutta questa smania di fallire ora che al timone c’è Super Mapi?

    • 19 Febbraio 2015 in 16:51
      Permalink

      Ma se l’Upi ha tutta questa voglia di far fallire il Parma, perchè non han lasciato che lo facesse Taci? Mi spiego: Taci va a cena con Azzali e Figna (e il sindaco) non più tardi di 20 giorni fa. Dopo Milan – Parma Taci vuol portare i libri in Tribunale. Sarebbe stata la soluzione tanto gradita all’Upi, perchè regalare la squadra a Manenti?
      Si stanno creando complottoni assurdi che non si reggon in piedi. Bastava lasciar fare a Taci quel che già voleva fare e di Manenti non ne avremmo neppure saputa l’esistenza.
      Può esser che all’Upi (se proprio dobbian mettercela in mezzo) abbiano capito che questo non ha un euro, che è un poverello, e stanno cercando una soluzione alternativa. Perchè se Majo ha i talponi nel Parma, quelli ce li hanno nel mondo bancario e industriale, e sanno perfettamente se Manenti bluffa o no. Se debbo esser sincero, spero che questa soluzione alternativa esista e riescano a metterla in pratica. Tanto con Manenti arrivi solo fino al 19 marzo. Nient’altro.

      • 19 Febbraio 2015 in 18:42
        Permalink

        Scusami osso hai la.benche minima idea di che business si possano fare? Tipo il Tardini, tipo altre cose non per forza legate al mondo calcio? Ecco allora svegliati, perché Taçi ha preso il.parma per fare soldi non per sport!!!

  • 19 Febbraio 2015 in 15:50
    Permalink

    In altre parole: perché tutto questo interesse da parte di Tommasi nei riguardi della nostra situazione? Lo trovo quantomeno sospetto. Non ricordo bene, ma ha fatto uguale anche nei casi di Bari, Siena e Padova?

  • 19 Febbraio 2015 in 16:00
    Permalink

    Era ora che wualcuno si svegliasse peggio di taci quest8o prende per il culo e parla l altro almeno taceva

  • 19 Febbraio 2015 in 16:05
    Permalink

    Tommasi è passato a prendere una bustarella dall’upi ed intanto è passato Collecchio

  • 19 Febbraio 2015 in 16:13
    Permalink

    Oggi la mia azienda ha ricevuto un bonifico di una certa entità dall’ucraina. E’ partito martedì… superMapy ha certamente capito una cosa, nella sua lucida follia: alla gente e’ più facile metterglielo in culo che in testa…

  • 19 Febbraio 2015 in 16:13
    Permalink

    Ma se falliamo sa dove si riparte b,lega o.dilettanti??

  • 19 Febbraio 2015 in 16:22
    Permalink

    Manenti sarà un mitomane ma Alborghetti mi sembra la copia sputata di Doca…durante la conferenza dice “pagheremo tutto” ripetuto più volte usando il plurale e facendo intendere di essere il braccio dx di Manenti, poi se ne salta fuori l’altro giorno dicendo che non conosce dove ha i conti il Manenti, che è curioso di capire come fa a finire…in pratica vuol intendere di essere allo scuro di tutto…ma ci sei o ci fai?….ma se avevi detto PAGHEREMO TUTTO…e questo sarebbe un manager importante???…ma io non darei neanche la mia piccola azienda artigianale in mano a questo elemento dalle indubbie capacità psicomotorie.

  • 19 Febbraio 2015 in 16:27
    Permalink

    Direttore, mio zio Dante poco tempo fa ha visto il Manetti all’autogrill San Martino che si mangiava un BUFALINO e beveva un CHINOTTO ! VUOL DIRE CHE è A PARMA CON I SOLDI!!!!!!!

    • 19 Febbraio 2015 in 16:31
      Permalink

      Aggiornamento ore 16 30
      manenti a bordo della sua c3 è arrivato a Collecchio alle 16 10 senza rrilasciare dichiarazioni annunciando solo che parlerà dopo, immagino il confronto coi giocatori. varela peraltro è andato via prima del suo arrivo. solo lui però.
      cordialmente
      gmajo

  • 19 Febbraio 2015 in 16:31
    Permalink

    Perché ha cancellato il mio messaggio?è vero che c era Ghirardi a Collecchio?

    • 19 Febbraio 2015 in 17:13
      Permalink

      non risulta né a me né ai colleghi presenti ai cancelli di collecchio. ma chi è che racconta queste corbellerie?

  • 19 Febbraio 2015 in 16:40
    Permalink

    Direttore, non trova sospetto questo attivismo di Tommasi?

  • 19 Febbraio 2015 in 16:46
    Permalink

    Ah…pero’ ..facciamo progressi…dalla skoda siamo passati alla C3….
    Varela pero’ ha gia’ fiutato l’aria e si e’ tolto dalle balle….ma io mi chiedo a questi chi gliel’ha fatto fare di venire qua….
    Che non lo sapevano come stavano le cose…non leggono,non sentono gli altri giocatori….mahhh….

  • 19 Febbraio 2015 in 16:51
    Permalink

    Cavolo ho la stessa macchina di manenti !

  • 19 Febbraio 2015 in 17:16
    Permalink

    un amico il quale l aveva saputo tramite un chat di tifosi…ora gli tiro le orecchie

    • 19 Febbraio 2015 in 17:18
      Permalink

      apposta che di leggende ce ne sono parecchie non alimentiamone altre

      • 19 Febbraio 2015 in 17:24
        Permalink

        Ghirardi no ma chi era il tipo di fianco a Manenti in macchina?

  • 19 Febbraio 2015 in 17:17
    Permalink

    GABRIELE mAJO un mio parente medico, tifoso del PARMA CHE LAVORA ALL’OSPEDALE di VAIO DI FIDENZA MI HA SPIEGATO PER FILO E PER SEGNO CHE MANENTI è UN MITOMANE. Mi h detto che quello che sta facendo Manenti non lo sorprende assolutamente, è nella norma.Soldi non arriveranno mai. Mi ha detto che queste persone malate nel bene o nel male vogliono essere protagonisti inventandosi una vita sotto i riflettori che mai hanno avuto e mai avrebbero in condizioni normali, lottano con unghie e coi denti per prolungare questa loro notorietà che poi sia per loro positiva a negativa a loro non interessa, l’importante è stare sul palcoscenico e avere tutti gli occhi puntati addosso.Mi ha detto pure che il mitomane, crede veramente a quello che dice e per questo è credibile. e CONVINCENTE.
    Manenti crede veramente di poter pagare tutti, E’ IN BUONA FEDE, lo crede pur non potendolo fare perchè è MALATO. Ecco perchè bisogna portare i libri contabili in tribunale perchè con Manenti i soldi NON ARRIVERANNO MAI E STIAMO PERDENDO TEMPO PREZIOSO PER SALVARE PER LO MENO LA SERie b.

  • 19 Febbraio 2015 in 17:25
    Permalink

    chiedo scusa..Gli hanno detto tommasi e ha capito Tommaso…l ho cazziato

  • 19 Febbraio 2015 in 17:37
    Permalink

    ragazzi devo darvi atto che nonostante la situazione tragicomica alcuni interventi sono meravigliosi vedi bufalino ecc. avrei una domanda x i più esperti ma non esiste un organo che si chiama covisoc che dovrebbe controllare i bilanci e i conti delle società di calcio? possibile che fino all ultima ispezione fosse tutto regolare’?

  • 19 Febbraio 2015 in 17:44
    Permalink

    …direttore, Ghirardi è venuto a Collecchio per ritirare i suoi compensi arretrati perché ha saputo che Manenti è tornato con i 50 milioni….

  • 19 Febbraio 2015 in 17:47
    Permalink

    Siamo in un bel casino e in questo casino ci ha messo GHIRARDI. CHE BRUTTA E IGNOBILE PERSONA, UN TEMPO GLI AVREI DATO IL CUORE IN MANO, ORA LO DETESTO. Poi vedere quel PANZONE brindare con una bottiglia di Don Perignon d’annata che costa una fortuna dopo aver rovinato il Parma e non aver pagato nessuno, credetemi mi ha fatto quasi vomitare. Se LA FINANZA COME è SUCCESSO NEI GIORNI SCORSI, multando un esercente che aveva REGALATO un panino a un disabile senza farglielo pagare, uno come GHIRARDI che deve pagare al fisco più di 16 milioni di tasse, LA FINANZA per fare UNA COSA GIUSTA RAPPORTATA A QUELL’ESERCENTE, DOVREBBE ROVINARLO e trasformarlo in un clochard e ma a quanto sembra Ghirardi può permettersi il lusso di non pagare mai. Da quando è alla guida del Parma tasse o ne ha pagate veramente poche o non le ha pagate mai.Due pesi e due misure. Sembra proprio di si.Se pago all’erario dopo un giorno, mi arriva da EQUITALIA sanzioni e interessi. NON ASPETTANO 7 ANNI A PRESENTARMI IL CONTO…….

  • 19 Febbraio 2015 in 17:52
    Permalink

    E’ una settimana che sento dire da Manenti: Oggi o domani ci sono i soldi. BASTAAA NON SE NE PUO’ PIUUUUUU””

  • 19 Febbraio 2015 in 18:15
    Permalink

    direttore…come giudica l’atteggiamento di galloppa??

  • 19 Febbraio 2015 in 18:21
    Permalink

    Comunque il cospiazionismo d’accatto verso l’Upi ci mancava in questa farsa.

    Nessuno all’Upi “tifa” per il fallimento. Cosa ci guadegnerebbero? Non sono la Spectre che trama per affamare il mondo intero.

    Mi sembra quanto meno sensato auspicare che qualcuno riporti il pazzo in ospedale, dove dovrebbe stare, e conseguentemente porti la società al fallimento (pilotato o meno).

    Con il matto hai il 100% di probabilità di fare una fine gramissima. Se porti i libri in tribunale, forse, hai uno 0,1% di salvare almeno la serie B.
    A tutto c’è un limite.

  • 19 Febbraio 2015 in 18:25
    Permalink

    Ha ragione VELENOSO. Manenti non è affidabile e’un mitomane che ci fa solo perdere tempo.E’MALATO.Alborghetti e Leonardi chi per una ragione, chi per un’altra si sono dati alla macchia. Hanno capito quello che lei dottore MAJO non capisce.RE’E UN MITOMANE

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI