A VOLTE RITORNANO… / DIETRO IL FONDO AMERICANO DI TAVECCHIO C’E’ L’AVVOCATO GIORDANO, MA A PALLA IN TRIBUNA DICE: “NON HO MAI INCONTRATO IL PRESIDENTE FEDERALE”

(gmajo) – La pulce nell’orecchio ce l’aveva infilata ieri sera Roberto Giuli, ad di Energy T.I. Group, durante Calcio & Calcio (anche se un presentimento lo avevamo già avuto personalmente), ma ora abbiamo anche una sorta di conferma che dietro il fondo americano che secondo il presidente federale Carlo Tavecchio sarebbe interessato a rilevare il Parma dal fallimento mantenendolo in serie B, ci sarebbe l’avvocato romano Fabio Giordano. E’ stato lo stesso sosia di Renato Zero e Paolo Vanoli ad accettare di parlarne in collegamento telefonico con Palla in Tribuna, pur negando di aver avuto incontri con Tavecchio; tuttavia diversi gruppi stranieri, a suo dire, sarebbero interessati al club ducale e lui si starebbe dando da fare (ma col mandato di chi? Di Ghirardi? Di Taevcchio?) per trovare “qualcuno di realmente affidabile che possa collaborare con le istituzioni sportive”. Giordano, come noto, era l’advisor che aveva favorito la liaison tra Ghirardi e Taci non certo terminata nel migliore dei modi: “L’affidabilità dei gruppi e dei fondi si valuta su diversi criteri e come l’avevamo fatto con quello di Taçi lo stiamo facendo ora”, ha detto in un modo che non so quanto possa esser rassicurante dal momento che ha ribadito quanto reputasse affidabile Rezart, che lui stesso gli aveva detto di dire in conferenza che il fatturato era di due miliardi di euro e lo stesso petroliere gli aveva parlato del socio russo, che non si sarebbe mai materializzato, senza però che mai gli facesse il nome.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

165 pensieri riguardo “A VOLTE RITORNANO… / DIETRO IL FONDO AMERICANO DI TAVECCHIO C’E’ L’AVVOCATO GIORDANO, MA A PALLA IN TRIBUNA DICE: “NON HO MAI INCONTRATO IL PRESIDENTE FEDERALE”

  • 10 Marzo 2015 in 15:52
    Permalink

    Allora direttore scordiamoci il fondo anericano, ma oltre al socio di Dallara ci sarebbe qualche altro nome oppure tutto tace?

  • 10 Marzo 2015 in 15:54
    Permalink

    Almeno sino a giugno assisteremo ad un teatrino di voci, scoop o presunti tali che non faranno altro che illudere ed attirare l’attenzione sul tema Parma almeno fino a quando le istituzioni non avranno avuto il tempo di sbandierare l’approvazione di nuove norme “Salva Calcio” assumendosi (vedi Tavecchio) ovviamente il merito.
    La realtà è che nessun fondo d’investimento (che ragiona su guadagni nel medio termine di multipli di quanto investito) e nessun investitore razionale può pensare di pagare anche solo 30 mln per avere un Parma in serie B.
    La realtà è che:

    1) o si trova lo sceicco o il magnate disposta a buttare via i soldi per investire sul “marchio” Parma inteso come visibilità e società rinomata a livello europeo magari unendo anche la visibilità che la città può vantare in altri settori.

    2) oppure sarà serie D con qualche imprenditore minore che ci farà vivacchiare nelle serie minori sperando di trovare il GAUDI’/Bonacini di turno e qualche annata magica.

    Un saluto

  • 10 Marzo 2015 in 15:58
    Permalink

    Ok dopo questa spero che Lucarelli e compagni da domenica non giochino più…..

  • 10 Marzo 2015 in 16:01
    Permalink

    credo che aveva ragione Mat

  • 10 Marzo 2015 in 16:07
    Permalink

    Stavolta ci sara’ poco teatrino. Non comperi piu’ da Ghirardi Taci o Manenti, .ma dal curatore fallimentare e li lo fai solo con i soldi!

  • 10 Marzo 2015 in 16:14
    Permalink

    Direttore Io credo che se c ‘e qualcuno interessato a chiudere il cerchio debba essere apprezzato l avvocato e’ stato sempre chiaro e ha fatto un passo indietro anche contro Taci chi ci ha preso in giro e’ Ghiro e Leonardi!!!!

    • 10 Marzo 2015 in 16:19
      Permalink

      Per me è stato letale il passaggio di proprietà a Taci: intendiamoci, come bene stiamo vedendo la gestione del GhiLeo era tutt’altro che virtuosa, ma con il loro modus operandi si sarebbe potuto sfangarla ancora. Invece Taci ha arrestato questo meccanismo risultando inadempiente a Novembre, e causando di fatto la penalizzazione (era ovvio che se Ghirardi avesse avuto la disponibilità mica avrebbe venduto: e loro lo hanno preso per la gola a costo zero, proprio dopo avergli fatto bucare le obbligatorietà di novembre); e poi con l’immobilismo di gennaio, e la successiva minaccia di portare i libri in tribunale, con l’avvento di manenti.
      Taci è stata una grossissima iattura e sarebbe ora che lo si capisse…

      • 10 Marzo 2015 in 18:10
        Permalink

        ma cosa dice??? chiesti gli anticipi diritti tv 2014-2015 nell 2013 ora nn non si poteva attingere piu’ a nulla…
        senza ricapitalizzare non si poteva piu’ continuare….
        Giordano se ne andato quando Taci nn intendeva rispettare i patti presi con lui
        ricapitalizzare e approvare piano di rientro….
        ora visto che anche a C&C si parla di debiti sportivi con i contratti in essere a settembre cosa non corretta visto cassano paletta aqua (si scrive cosi?) felipe solo loro sono più di 6M in meno di debiti sportivi ……

        • 10 Marzo 2015 in 20:02
          Permalink

          Appunto che Ghirardi era costretto a vendere, se no col cavolo avrebbe mollato. Poi taci ci ha dato il colpo di grazia non pagando a novembre (per prendere ghirardi per il collo e aver la squadra gratis senza buone uscite) e col mercato invernale pieno di promesse.
          I debiti sportivi sono una media al di là delle cessioni e comunque confermata dal socio giuli.
          Cordialmente
          Gmajo

          • 11 Marzo 2015 in 04:22
            Permalink

            Giuli nn ha idea visto che riporta lo ha detto Tavecchio poi io nn so….

          • 11 Marzo 2015 in 14:02
            Permalink

            Giuli era proprio il socio adatto! Fallito prima del Parma con blocco all’attività’ della sua azienda già’ nel 2013.
            130 mln di buco picu’ del povero Parma.
            Personaggio infimo e inquietante per non dire ributtante.
            Taci e’ quasi una mammolletta nei suoi confronti.
            Personaggio da evitare come la peste altro che balle

  • 10 Marzo 2015 in 16:15
    Permalink

    se sarà serie D si scompare.
    lo capite o no?
    zero interessi locali, zero vivaio, gente diffidente e abituata a palcoscenici diversi ma dove si pensa di andare così????
    deve essere B con Manenti, tavecchio o non so chi altro. inciuci o no. queste deve essere. e mettete da parte l’ orgoglio che ci sono diverse famiglie appese ad un filo di portar a casa uno stipendio domani e ben che vada anche i vecchi!!!

  • 10 Marzo 2015 in 16:19
    Permalink

    Caro Albano in tutti i settori dell’imprenditoria chi sbaglia paga. Sarà dura, sarà spiacevole ma purtroppo il nostro destino è solo la serie D. Fra qualche anno vedremo se sarà stato utile o meno….

    • 10 Marzo 2015 in 18:14
      Permalink

      questo nn esclude che tramite un esercizio provvisorio e rimodulazione dei debiti sportivi qualcuno si possa aggiudicare un eventuale asta

    • 10 Marzo 2015 in 18:44
      Permalink

      La serie d sarà utile solo a far sparire nell’anonimato il Parma per un bel po’. A che cosa altro servirà, secondo lei, signor Marco? A creare una palingenesi etica? Ma non facciamo ridere i polli, con questo moralismo da due soldi: dopo il fallimento i potenti rimarranno potenti e i poveracci poveracci, in galera non ci andrà probabilmente nessuno dei responsabili e a essere fregati saranno stati dipendenti, fornitori e tifosi. Punto.
      Cerchiamo quindi di piantarla con questa aspirazione alla serie D come catarsi benefica. La magistratura faccia (giustamente) il suo lavoro, ma si esplorino fino in fondo tutte le strade per evitare questo epilogo, senza fare gli schizzinosi. Manenti, Tavecchio, Giordano… chiunque ci dà una mano è ben accetto, a parte che Giordano non è Taçi, anzi, quando ha visto che Taçi non rispettava le promesse si è dignitosamente defilato!
      E poi sono anche stufo di sentire gente che dicve che 30 milioni per acquistare il Parma sono una follia. Gli asset (valore rosa, parcadute, settore gfiovanile e forse anche Collecchio, perché bisogna poi vedere che succederebbe con Eventi Sportivi) ci sono, la squadra per la B, coi nostri 200 giocatori è già fatta, il brand Parma conta, mica ci chiamiamo Siena. Poi magari nessuno si presenta, ma sperarci mi sembra logico.

  • 10 Marzo 2015 in 16:23
    Permalink

    Direttore Taci i soldi non li ha messi perche’ era stato fregato se i numeri erano diversi li avrebbe messi il problema e’ il nuovo senza denti !Lavvocato Giordano per me e’ stato sempre chiaro ha portato anche fortuna contro I vIola… SE HA QUALCUNO E’ IL BENVENUTO.
    Ma di Giuli che fa tanto il salvatore perche’ non da socio non paga gli stipendi?

    • 10 Marzo 2015 in 16:26
      Permalink

      Ma quale fregato ! Taci è scappato perché non si è materializzato il mitico socio russo. Sveglia gente…

      • 10 Marzo 2015 in 16:30
        Permalink

        Taci e’ scappato perche sa fare solo quello.
        Chi si doveva materializzare a Bologna coi Menarini?
        Un socio Malese, Kazako o non so che?
        Ma dai….

        • 10 Marzo 2015 in 16:46
          Permalink

          Qui il socio russo o presunto tale avrebbe dovuto esserci. Non essendo arrivato ha mollato l’osso. In quattro e quattr’otto. Che la notte di Milan Parma dovesse arrivare, tra il serio e il faceto lo avevo scritto nello spazio commenti, poiché i miei talponi me lo avevano segnalato. Così come poi venni a sapere in tempo reale dell’ordine impartito a Kodra di portare i libri in tribunale riferito a Leonardi quella stessa notte.

          • 10 Marzo 2015 in 17:52
            Permalink

            si come no, doveva arrivare quella notte….avrà perso l’aereo

          • 10 Marzo 2015 in 17:58
            Permalink

            Apposta. Ricordate la mia promessa di genuflessione sui ceci?

      • 10 Marzo 2015 in 16:33
        Permalink

        oppure perchè oramai la serie b era inevitabile…serie b che si ritroverebbe con il fallimento pilotato ma con molti meno debiti. sbaglio? Tra l’altro taci potrebbe partecipare all’asta perchè non presente da nessuna parte nella dastraso…

        • 10 Marzo 2015 in 16:47
          Permalink

          Non risulta ufficialmente ma ci sonio paginate su di lui, testimonianze che fosse lui dietro alla Dastraso, etc. Per cui se un curatore vendesse a lui sarebbe da metter sotto inchiesta

          • 10 Marzo 2015 in 18:16
            Permalink

            fanno fede i documenti ufficiali

          • 10 Marzo 2015 in 21:06
            Permalink

            Io non sono così convinto…secondo me figura tutto doka…se no qual’era il senso di aprire una società a Cipro ?!?!

          • 11 Marzo 2015 in 00:22
            Permalink

            Non penso, Taci era socio occulto di una società palese, è una figura prevista dal codice e dal diritto fallimentare, ha ragione il direttore…

          • 11 Marzo 2015 in 14:06
            Permalink

            Li ti sbagli fanno fede i documenti ufficiali non i talloni ma tanto Taci tranquillo non si presenterà’

          • 11 Marzo 2015 in 14:08
            Permalink

            No, caro: fanno fede anche le testimonianze, che non sono poche, che il dominus dell’operazione era il “proprietario occulto”, apppunto il killer Rezart

  • 10 Marzo 2015 in 16:29
    Permalink

    Non e` che Taci punta a rilevarci all’asta?

    • 10 Marzo 2015 in 16:46
      Permalink

      Se un curatore vendesse a lui all’asta sarebbe da processo. Mi pare chiaro che, pur non avendo avuto incarichi ufficiali, ci siano testimonianze chiare che dietro Dastraso ci fosse lui (basta sentire le testimonianze di Giordano).

      • 10 Marzo 2015 in 18:18
        Permalink

        cosa vuol dire se i documenti nn fanno il nome di Taci

        • 10 Marzo 2015 in 18:35
          Permalink

          C’è una serie di testimoni che sanno che dietro a Dastraso c’è Taci, incluso l’avv Giordano, oltre allo stesso Ghirardi

      • 10 Marzo 2015 in 18:25
        Permalink

        Taci si accorge che i debiti superano le sue previsioni, perciò incarica Kodra di portare i libri in tribunale. Leonardi si oppone e contatta Manenti. Guarda caso, a ridosso dell’udienza fallimentare Giordano/Taci si rifà sotto.

        • 10 Marzo 2015 in 18:32
          Permalink

          Sul fatto che Taci si accorge che i debiti superano le sue previsioni non mi trovo d’accordo: resto dell’idea che sia stato abbandonato dal mitico socio russo;
          Manenti si era presentato a Leonardi quella domenica ed era stato respinto poiché avrebbe aveva ricevuto rassicurazioni di Taci: poi quando questi ha deciso di portare i libri in tribunale (quando era ormai chiaro che il socio russo non sarebbe mai arrivato) Leonardi ha ripescato Manenti,
          Infine non metterei in correlazione Giordano con Taci, dal momento che il prestigioso studio legale di Roma non mi pare sia rimasto in ottimi rapporti col petroliere albanese che non gli ha pagato la parcella…

          Cordialmente

          Gmajo

          • 10 Marzo 2015 in 18:40
            Permalink

            Non ha idea di chi potesse essere questo fantomatico socio russo?

          • 10 Marzo 2015 in 18:54
            Permalink

            No. Si vociferava Kerimov, Abramovic o la Lukoil, ma io non ci avevo mai creduto, al punto di promettere che mi sarei genuflesso sui ceci

      • 10 Marzo 2015 in 19:03
        Permalink

        Probabile che fosse uno dei 3, dato che Giordano aveva detto che qualche giornale ci aveva preso.

        • 10 Marzo 2015 in 19:19
          Permalink

          I fatti mi pare abbiano abbondantemente dimostrato che non c’era nessuno dietro Taci, o se anche ci fosse stato non si è materializzato…

  • 10 Marzo 2015 in 16:31
    Permalink

    Drettore sicuro entreranno con le istituzioni per farsi aiutare per i debiti ecco perche’ l avvocato tira in ballo questi,ma non ci scordiamo dei 200 giocatori che sono a cartellino la responsabilita’ non e’ dei procuratori che vantano anche soldi?Lavvocato Giordano non li paghera’ mai e fa bene ma perche’ e’ andato via dal Parma? Leonardi quando dovevi fare 200 acquisti non ti sei stressato? ah forse andando in ospedale hai incontrato Manenti ?

  • 10 Marzo 2015 in 16:35
    Permalink

    che entrerano cuando i tempi sarano piu favoreli ultimo sms di mat, dopo fallimento credo

    • 10 Marzo 2015 in 16:43
      Permalink

      Mio caro, se Taci prova a presentarsi a Parma dovrà passare sul mio corpo. E un curatore che affidasse a lui il Parma sarebbe da inchiesta…

      • 10 Marzo 2015 in 16:46
        Permalink

        Sul tuo corpo hai fatto passare Ghirardi (che viste le condizioni non dev’essere stata una fatica di poco conto),Leonardi,Giordano,Kodra,Manenti…..
        Francamente un Taci in piu’ o in meno a sto’ punto poco importa…ti pare?…

        • 10 Marzo 2015 in 16:51
          Permalink

          No, grazie. A parte che sul mio corpo han fatto fatica a passare tutti lor signori da te menzionati, visto che sono stato l’unico a rompergli l’anima…

          • 10 Marzo 2015 in 17:00
            Permalink

            da quollo che diceva Mat , Taci era prestanome di russi .
            Taci non lo voglio anche io a Parma.

      • 11 Marzo 2015 in 14:09
        Permalink

        Il tuo corpo e’ pronto al martirio. Un posticino in PS da me per curar ti le ferite tranquillo lo trovo 🙂

        • 11 Marzo 2015 in 14:45
          Permalink

          Preferisco sottopormi alla cure di Simona, che alle tue…

  • 10 Marzo 2015 in 16:38
    Permalink

    Caro Mayo, più il tempo passa e più comprendo perchè non c’è stato un presidente del parma che ti abbia apprezzato
    C’è chi mi aveva parlato di te come di un “talebano” (si hanno proprio usato questo termine), come di uno che sembra divertirsi
    ad esser contro a prescindere soprattutto provando piacere a smarcarsi dal pensiero più diffuso giocando molto sul fatto di essere considerato
    il “nemico”.

    Ripeto che il board di Taci è l’unico in grado di rialzare questa società e mi sembra che gli ultimi sviluppi dovrebbero convicere anche i più scettici come te
    di come sono andate e di come andranno le cose.
    Ora tu sostieni che Taci sia stata una disgrazia per questa società, io invece ti voglio far notare che, contrariamnete a quanto tu hai scritto a più riprese, il parma era
    “attenzionato” già a fine 2014 (mi sembra che qualche giornalista l’abbia pure detto ma tu hai addirittura ironizzato).

    Entrare in una società che d ali a poco sarebbe finita nella cronaca finanziaria grazie all’operato della vecchia proprietà, non credo sarebbe stata una buona mossa.
    Immettere denaro non sarebbe servito per evitare le indagini che già erano in corso.

    • 10 Marzo 2015 in 17:00
      Permalink

      Caro Mat, sbagli di grosso: i presidenti Angiolini (soprattutto) e Bondi mi hanno apprezzato. E ne vado orgoglioso. Di cosa pensasse di me Ghirardi importa una benedetta mazza. E mi fa piacere che Leonardi abbia riconosciuto la mia onestà intellettuale, sia pure solo infine,

      Fiero di esser stato talebano: a parte che non ho mai giocato sporco, così come loro con me.

      Venendo alle cose serie: se il Parma finisse in mano a Taci sarebbe una porcata pazzesca alla quale mi oppongo con tutte le mie forze, considerandolo l’ultimo assassino del Parma, dopo Ghirardi. E le indagini della procura sulla Finanza di cui han riferito oggi le cronache la dicono lunga sulla sporcizia della operazione che avrebbe dovuto sfociare con il passaggio a quell’individuo della squadra.

      Se non era una buona mossa, come giustamente dici, “entrare in una società che da lì a poco sarebbe finita nella cronaca finanziaria grazie all’operato della vecchia proprietà”, che cazzo c’è venuto a fare a Parma facendoci perdere tre mesi vitali di vita. Poteva benissimo fare come tutti gli altri avvoltoi che stanno aspettando il fallimento.

      La storia di taci è una puzzolente pagina di questa storia di merda. Ed è una vergogna che tutto il sistema Parma l’avesse benedetta. Specie, ripeto, dopo quanto emerso da indagini procura, come da articolo di oggi (storia schifosa di cui ero a conoscenza, a seguito della quale alzai il volume della mia critica verso il sistema Parma),

      Il board di Taci col cazzo che ci può risollevare: che se ne stia fuori dai coglioni lui e il suo board.

      Saluti

      Gmajo

      • 10 Marzo 2015 in 23:15
        Permalink

        “testa di cazzo” al lettore… Taci se ne stia “fuori dai coglioni”. su, Majo, si contenga, il turpiloquio non è un bel leggere…

        • 11 Marzo 2015 in 00:14
          Permalink

          Lei è il mio confessore e io l’ascolto. Però sono un pessimo cristiano e non porgo l’altra guancia a chi mi calunnia. Quanto a taci provo il vomito per il colpo di grazia che ci ha inferto con il benestare del sistema parma, com deviazioni alla de paolini incluse. Il mio turpiloquio, riconosco sgradevole, è niente dinnanzi a predette schifezze

  • 10 Marzo 2015 in 16:44
    Permalink

    quanti peracottari… ma veramente, cosa abbiamo fatto di male?

  • 10 Marzo 2015 in 16:48
    Permalink

    Taci, Manenti, Giordano, De Paolini….. basta davvero. Ho il vomito, quanta m+++a attorno al nostro Parma!! Spero che tutta questa storia finisca presto e chi deve pagare per questo schifo venga fuori. Bisogna fare giustizia e un ripulisti generale….

  • 10 Marzo 2015 in 16:54
    Permalink

    Il board di taci arriverà, manenti ha il compito di fare quello che nessuno avrebbe accettato di fare.

      • 10 Marzo 2015 in 17:04
        Permalink

        Costoro non c’entrano un cazzo con nessuno Majo.

      • 10 Marzo 2015 in 17:07
        Permalink

        Esatto. Infatti manenti è stato “recuperato” dal tuo nuovo amico Leonardi, ma i compiti di manenti sono ben chiari

        • 10 Marzo 2015 in 17:11
          Permalink

          Nuovo amico Leonardi un paio di coglioni, cara testa di cazzo. E a Manenti il Parma lo ha venduto il tuo Taci per un euro.

          • 10 Marzo 2015 in 18:15
            Permalink

            ahahahah…come godo quando fate incazzare majp

    • 10 Marzo 2015 in 17:05
      Permalink

      Mat board di Taci o di Russi

      • 10 Marzo 2015 in 17:12
        Permalink

        Nell’oïl business gli intrecci tra diverse società sono complessi , taci è un riferimento ma il board è presieduto anche da altri che poi sono quelli che indirettamente hanno partecipato alla campagna acquisti invernale del Parma. Unica cosa concreta e positiva fino ad ora.

    • 10 Marzo 2015 in 19:44
      Permalink

      Cioè, tagliare il debito? Ma se questo non sa neanche pulirsi i denti.

  • 10 Marzo 2015 in 16:57
    Permalink

    Majo mi spiega il perché di Proto? Sono serio e non lo capisco 🙁

    • 10 Marzo 2015 in 21:01
      Permalink

      Perché come vi ha ben spiegato fabris è un serial bidone. Per altro con specifici problemi legali connessi. Sicché la cosa mi inquieta

  • 10 Marzo 2015 in 17:13
    Permalink

    Non capisco perche’ si parla di Taci? come potete pensare che si ripresenti a Pama. dai su ! E’ impossibile.

    • 10 Marzo 2015 in 17:15
      Permalink

      A parma c’e’ una situazione operettistica che ci puo’ essere qualsiasi trionfale ritorno..
      Sempre operettistico beninteso…

  • 10 Marzo 2015 in 17:15
    Permalink

    Mayo , con Stefano potevi anche permetterti di alzare la voce, lo facevi però meno con ceresini . Ti consiglio per il futuro di evitare certe frasi sconnesse e poco rispettose

    • 10 Marzo 2015 in 17:21
      Permalink

      Tu vieni qui a seminare il venticello del sospetto attribuendomi un’amicizia a Leonardi (cosa risibile dopo sette anni di “battaglie”, concluse con il suo riconoscimento della mia “onestà intellettuale”) che serve solo per screditarmi agli occhi degli attuali detrattori del plenipotenziario (che sono poi glistessi che gli leccavano ilculo prima): e quindi, siccome non solo dici una falsità, ma lo fai con lo scopo di danneggiarmi, il minimo che ti possa capitare è che ti prendi su della testa di cazzo (frase per la quale non è mai morto nessuno).

      Non so chi sia Stefano: ma se ti riferisci a Tanzi non ho mai alzato la voce con lui perché non ho mai avuto niente a che fare direttamente, visto che non ho mai lavorato per lui, nè tanto meno per Ceresini. Col quale, al di là della frase “che domande del cavolo che fa lei” dell’87, non ho avuto collisioni. Ciò non toglie che da giornalista potessi esprimere le mie critiche, sempre motivate, all’uno e all’altro.

      Saluti

      Gmajo

  • 10 Marzo 2015 in 17:15
    Permalink

    Direttore secondo lei chi puo aver mandato quel pregiudicato a corrompera la finanza?

    • 10 Marzo 2015 in 20:58
      Permalink

      Nn credo che il mandato fosse quello di corrompere la finanza, ma se era persino alla upicena al maxim…

  • 10 Marzo 2015 in 17:19
    Permalink

    se e un fondo americano allora Mat ha ragione a 100 %

  • 10 Marzo 2015 in 17:23
    Permalink

    Mat ti consiglio un TSO assieme a MANENTI, e comunque se non hai altro da fare che scrivere minchiate, potresti sempre cercare di dartela a gambe come il tuo amico taci. Direttore non risponda a questo pseudo tifoso o conoscitore della cronaca, passiamo oltre e cerchiamo di fare quadrato con chi il parma lo ama davvero…

    • 10 Marzo 2015 in 17:59
      Permalink

      No, è da TSO chi gli conferisce credito, è palese che Mat è uno che prende in giro Majo perchè si scalda e si arrovella per verificare, avete mai visto un giornalista dare della “testa di cazzo” a qualcuno per aver esposto una cosa palese? io si, lo fanno quelli che sono abituati a scrivere sui giornali senza contraddittorio, che non hanno voglia di mettersi al passo coi tempi e che vi diranno che sono tutte stupidate le tecnologie attuali e di quanta meno ignoranza c’era quando per reperire un’informazione bisognava recuperare 15 libri in biblioteca oppure credere alla radio, ai giornali o alla televisioni (la volpe e l’uva).

      Majo si aggiorni o perirà per futilità, oppure dia della testa di cazzo al primo che dice qualcosa che non le piace.

      • 10 Marzo 2015 in 18:48
        Permalink

        Lei rasenta la stessa offesa rivolta a Mat per il semplice fatto che non è come insinua lei che io abbia dato del testa di cazzo a uno che non la pensa come me, io ho dato del testa di cazzo a uno che ha insinuato che io sia un nuovo amico di Leonardi. E siccome questa si chiama calunnia io mi incazzo. E do della testa di cazzo a chi lo insinua. Così come la stessa cosa la penso di chi rigira le mie parole insinuando cose non vere, come se avessi dato della testa di cazzo a chi non la pensa come me. No: ho dato della testa di cazzo a uno che ha fatto una insinuazione.

        Saluti

        Gmajo

  • 10 Marzo 2015 in 17:25
    Permalink

    Mat per favora lesca ster…. Taci è irracomandabile ed il suo nome è circondato da gente non proprio rispettabile non credi?? non mi sembra che Paolini sia proprio il meglio che ci si può aspettare….

  • 10 Marzo 2015 in 17:27
    Permalink

    Anche in albania il governo ha vendutto e si sono presentati con oferta i americani che purtropo sono stati di taci.
    e storia lunga ma in poche parole e statto cosi.

  • 10 Marzo 2015 in 17:29
    Permalink

    Gentile direttore,da anni la stimo per il giornalismo libero e indipendente, ma seppur in uno spazio commenti non si può dare del testa di c…. a un suo lettore. E’ una cosa molto grave per un giornalista professionista.

    • 10 Marzo 2015 in 17:33
      Permalink

      Guardi, è il minimo che possa fare con chi viene qui a fare insinuazioni. Quella, sì, è una cosa molto grave. Altroché.

    • 10 Marzo 2015 in 17:47
      Permalink

      Si l’ho notato pure io.
      Poi pero’ mi sono chiesto se al posto suo avrei o no fatto altrettanto….

      • 10 Marzo 2015 in 17:52
        Permalink

        No, dico: ci si scandalizza per una mia frase maleducata perché sono un giornalista, nessuno che si indigna, invece, per le calunnie e le infamate di quell’individuo nei miei confronti?

        • 10 Marzo 2015 in 18:01
          Permalink

          Scusi probabilmente se pensiamo che esistono altri modi per ribattere a chi dice qualcosa che non le piace siamo tutti delle teste di cazzo

          • 10 Marzo 2015 in 18:45
            Permalink

            E’ testa di cazzo chi viene qui, scientemente, a calunniarmi. Perché io non mi sono mai permesso di dare a mat della testa di cazzo quando veniva qui a scrivere quelle che io ritengo farneticazioni di propaganda a Taci. Ma se mi viene a dare dell’amico di Leonardi, al fine di mettermi in cattiva luce con i suoi detrattori, per insinuare un rapporto che non c’è al solo fine di screditarmi mi girano le scatole.

            Allora: nel rispetto delle parti e delle opinioni diverse accetto, come è giusto che sia, tutto e mi piace anzi arricchirmi sentendo pareri diversi dai miei, anche perché mi servono per cercare di allargare gli orizzonti, e magari, come in questo caso nebuloso, provare a capirne di più.

            Ma non chi insinua. E chi insinua resta un testa di cazzo.

            E le cose, quando servono, vanno chiamate col loro nome, senza giri di parole

        • 10 Marzo 2015 in 18:09
          Permalink

          Nessuno si scandalizza o si indigna per l’una o l’altra cosa…
          Chiaro pero’ che fra voi ci sono vecchie vicende, Mat non e’ un lettore come gli altri e sicuramente ne sa parecchio di piu’..
          Insomma sono vostre faccende maturate in ambiente Parma che ora trascinate qui.
          Non chederci di pigliare una posizione.
          Siamo all’oscuro dell’identita’ di Mat e di tutte le vicende pregresse…
          Non possiamo solo basarci su un “testa di” dato o ricevuto.
          Credo capirai.

          • 10 Marzo 2015 in 18:41
            Permalink

            Se elenchi quello che hai elencato vuol dire che hai seguito la vicenda che si trascina da tempo,

            Manco io so chi minkia sia Mat, anche se è uno che conosce me e l’ambiente e che immagino abbia a che fare con Taci.

            Però gli elementi non sono solo il testa di cazzo che io gli ho dato e che non ritiro, gli elementi sono appunto anche le insinuazioni calunniose che ha fatto,

            Credo capirai

          • 11 Marzo 2015 in 07:07
            Permalink

            secondo me Mat e’ uno che gira I forum legge quello che scrivono e riporta qui le voarie storie con un pizzico di intrigo stile spymovie. La storia dei fondi Americano con dietro Taci sono cavolate.

  • 10 Marzo 2015 in 17:29
    Permalink

    Taci lo ha lasciato anche l avvocato Giordano, che era l’unico che era presentabile, aveva messo anche un cda come da articolo e appena e’ andato via c’ e’ stata solo presenza di Albanesi ma ci rendiamo conto di Doca Kodra E Manenti? ora se c’e’ un gruppo forte perche’ no, d altronde Taci i soldi al Milan li aveva dati .Sono d’accordo ache su quello che ha detto Giordano e cioe’ che non bisognava vendere a Manenti ma presentare i libri in tribunale mi sembra un raggionamento che ha un senso…forza Parma

  • 10 Marzo 2015 in 17:34
    Permalink

    Se rodriguez potesse dire chi lo ha convinto a venire a Parma sarebbe tutto chiaro anche per voi. Ricordatevi che rodriguez rimane un giocatore di proprietà dell’altletico.
    Lila rimane tranquillo a Parma

  • 10 Marzo 2015 in 17:34
    Permalink

    Leonardo non ho nulla contro Giordano,alla fine ha mantenuto quello che ha detto e’ con gli altri che voglio vederli al palo e anche con i procuratori che ci hanno venduto 200 giocatori grazie a Leonardi lo stressato.
    io mi alzo tutte le mattine e prendo 700 euro e non sono stressato vorrei lo stipendio loro per stressarmi…

  • 10 Marzo 2015 in 17:37
    Permalink

    Se la sua le sembra una risposta seria allora da oggi ha perso un lettore affezionato. Un giornalista è sottoposto al parere e ai commenti dei lettori. Altrimenti è finita.

    • 10 Marzo 2015 in 17:47
      Permalink

      Egregio, se un lettore (che poi non è un semplice lettore, ma un “attore interessato” di certe vicende) viene qui ad insinuare dei dubbi, minimo minimo si prende del testa di cazzo, anche se non sarà una cosa fine ed educata, ma io sono un pessimo cristiano e non porgo l’altra guancia. Essere sottoposto al parere e ai commenti dei lettori (cosa che so bene) non significa che uno possa permettersi di venir qui a calunniarmi come meglio crede senza aver replica. E allora siccome chi calunnia lo ritengo una testa di cazzo glielo scrivo direttamente.

      Dopo di che se perdo lei, come lettore, mi dispiace: ma se perdo uno che viene a calunniarmi, tra l’altro dopo essersi servito di questo sito per fare spottoni al suo Taci, non me ne importa niente.

      Arrivederci

      Gmajo

  • 10 Marzo 2015 in 17:46
    Permalink

    Gentile Direttore ha sbagliato lei! insinua sempre anche lei nessuno di noi l ha mai offesa dovrebbe scusarsi …le farebbe onore
    comunque le faccio i complimenti e’ stato sempre un attento segugio.
    ma non crede che alla fine Leonardi si sta’ costituendo una malattia per non andare in G….e rimanere a casa?
    per l’ articolo invece Giordano e’ un avvocato che ha portato Taci che comunque soldi ne ha,non li ha messi e infatti l’ avvocato lo ha lasciato,quindi magari potrebbe aiutare portando un altro gruppo perche’ sparare su lui?anche la conferenza fatta confrontata a quelle del Ghiro e Manenti davano un altro spessore.
    Forza Direttore salviamo il Parma Da Manenti

    • 10 Marzo 2015 in 17:57
      Permalink

      Io non insinuo un bel niente. Ma se un furbetto, che si serve tra l’altro di questo sito per una sporca réclame a Taci, viene qui a darmi dell’amico di Leonardi è per screditarmi agli occhi dei tanti che ora odiano il plenipotenziario, al fine di riversare su di me il medesimo sentimento.

      E allora la reazione, sia pure da cartellino rosso, ci sta tutta. Perché gli insinuatori sono delle pessime persone. E non mi pento affatto di avergli dato della testa di cazzo. Anzi: lo confermo.

      Per il resto Leonardi (così poi mat può darmi ancora del suo amico…) per me si è ammalato davvero per la preoccupazione e non certo per il rischio galera.

      Che Taci abbia i soldi, vi invito a leggere le sue ampie biografie sul web.

      Comunque Giordano non mi offre alcuna garanzia rispetto agli altri, e neppure mi pare che il suo eloquio sia così distintivo rispetto a quello di altri attori di questa triste vicenda

      Cordialmente

      Gmajo

      • 10 Marzo 2015 in 18:15
        Permalink

        Mi metta qui un link che dimostra che Taci è povero.

        tutto quello che trovo io è che Taci ha avuto potere e risorse naturali da Berisha in persona, si è arricchito moltissimo ed ha molte attività reali, raffinerie, estrazioni, distribuzione al dettaglio di derivati del petrolio (catena di benziani), ha una televisione, almeno due imprese di costruzione, una squadra di calcio in Albania ed una in condivisione in inghilterra, poi ha fatto una ricca sponsorizzazione al Milan.
        Questo solo per dire le cose che io ho trovato che sono certamente di sua proprietà, di certo è anche uno che è abituato a prendere, con le buone o con le cattive ed è anche uno totalemnte senza correttezza che devi stare attento anche a dove metti l’accendino se no te lo fotte, se lei ha un link che prova la sua povertà invece lo posti qui. sono curioso di vedere il suo fiuto si riesce a spingere rispetto al mio.

        • 10 Marzo 2015 in 18:38
          Permalink

          Cerchi meglio a proposito dei rapporti con l’attuale governo e la sua posizione fiscale. Le do un suggerimento, guardi Parma Quotidiano…

  • 10 Marzo 2015 in 17:48
    Permalink

    Aspetto solo il ritorno di Callisto poi sono a posto.

    • 10 Marzo 2015 in 17:55
      Permalink

      magari..Calisto unico Presidente

    • 10 Marzo 2015 in 20:50
      Permalink

      Il tesoro di Calisto siamo Noi!!

    • 10 Marzo 2015 in 21:31
      Permalink

      Il Tesoro di Calisto siamo Noi!

  • 10 Marzo 2015 in 17:54
    Permalink

    Ferdinando il Direttore si e’ fatto il mazzo e ‘ andato contro tutti quindi non si deve scusare affatto,per il resto sono d ‘accordo Giordano era l’unico di questi che ci aveva fatto vedere il futuro purtroppo e’ cadutoe andato via perche’ ha capito che aria tirasse,io credo che Lui e’ credibile ,
    Ragazzi abbiamo creduto al cannolo di Ghirardi e a Leonardi che ha comprato 200 giocatori!!!!
    Grande Direttore!!!!

    • 10 Marzo 2015 in 17:58
      Permalink

      Grazie.

      Ma su Giordano non sono altrettanto benevolo…

    • 10 Marzo 2015 in 18:16
      Permalink

      Giordano non è stato in grado di capire che Taci non era affidabile,
      passiamo ad uno capace almeno di arrivare fino lì.

      • 10 Marzo 2015 in 18:37
        Permalink

        Lui sostiene che Taci avesse pagato una mega sponsorizzazione al Milan e che non fosse un signor nessuno. poi che con il Parma Taci si sia comportato male è un altro discorso

  • 10 Marzo 2015 in 17:54
    Permalink

    taci 5 ani fa compro una scuadra in albania,promesi rosa e fiori e poi la abandono ne suo destino (fallimento). e un trufatore. e un presta nome di cualche politico coroto in alb, che non butano via i soldi

  • 10 Marzo 2015 in 17:59
    Permalink

    Mat così si guadagna la simpatia dei tifosi il buon Taci non è vero??? Siccome si vanta di essere un buon giocatore di scacchi, forse ritiene che di tenere tutto nascosto in modo da fare scacco matto…. peccato che tutto questo non è un gioco visto che ci sono solo gli stipendi di qualche famiglia …. siccome una in particolare la conosco e non sta vivendo proprio una situazione idiliaca , anche per il versante salute….sai cosa ti dico di riferirgli che vada a cag…….!

  • 10 Marzo 2015 in 18:01
    Permalink

    scusi la volgarità direttore ma quando ci vuole ci vuole!

  • 10 Marzo 2015 in 18:11
    Permalink

    ma secondo me qualcuno ci lucrera’ sicuro

  • 10 Marzo 2015 in 18:45
    Permalink

    Caro Mayo, mi sembra strano che tu te la sia presa così tanto emi sfuggono anche quali sarebbero le insinuazioni di cui parli.
    Te la sei presa perché ho scritto “il tuo nuovo amico Leonardi” ?
    Pare eccessiva una reazione così scomposta …
    Solo alcuni sanno da chi arrivano le informazioni alle tue “talpe”.
    Comunque ho notato che è qualche settimana che alle tue talpeleo non arriva più nulla .

    • 10 Marzo 2015 in 18:52
      Permalink

      Tu continui a insinuare, e io reitero quel che ho detto prima.

      Anche perché di scoop o informazioni continuo ad averne, tante come sempre.

      E le mie talpe non erano certo legate a leonardi,

      E visto che bazzichi nell’ambiente parma dovresti anche sapere del clima di terrore con minacce di licenziamento per chi osava, della sede, parlare con me. Quindi non venire a fare il furbo. E se mi incazzo perché parli di Leonardi quale mio amico (e l’insiuazione è quella ed è inutile che fai anche il finto tonto) è appunto per screditare la mia persona e l’onestà intellettuale che ho sempre avuto, per la quale di nuovo col cuore ti dico: sei una testa di cazzo.

      Saluti

      Gmajo

  • 10 Marzo 2015 in 18:52
    Permalink

    @mat. 1)Taci ha svenduto Paletta al Milan e mi sembra che non abbia operato per il Parma ma per il suo amico Galliani 2)Il “lavoro sporco” poteva farlo Kodra che non è italiano, non sa neanche dove sta di casa. Perchè non l’ha fatto lui ma Manenti? 3)Taci verrà indagato perchè, è stato a tutti gli effetto un socio occulto dato che soggetti terzi hanno ragionevole certezza che dietro alla Dastraso ci fosse, e per di più lui era a Milano a fare il calciomercato. Taci è impossibile che possa partecipare all’asta, verrà fatto fuori subito

  • 10 Marzo 2015 in 18:57
    Permalink

    Scusi Majo ma che significa che Mat sarebbe “parte in causa”? In che senso? Come fa a dire che “è dell’ambiente”?

      • 10 Marzo 2015 in 20:59
        Permalink

        Cioè lei mi sta dicendo che codesta testa di cazzo lavora nel Parma?!?!a sema a post…

  • 10 Marzo 2015 in 19:20
    Permalink

    Caro Direttore non concordo con il suo ragionamento. Lei diceva di dare credito a Manenti ,che e’ palese che non abbia soldi ,e invece Taci e’ sempre stato osannato da tutti ma non dovevamo considerarlo ,ha comprato a 100 e si e’ trovato con 200 e ora il responsabile e’ Giordano?Lui differentemente da Ghiro D’oca Kodra Manenti si e’ presentato in conferenza e’ stato l’unico che ha fatto un ragionamento e alla conferenza fatta dal Ghiro ha salvato Taci Ghiro E Leonardi, e’ andato via proprio perché Leonardi e Taci non permetteva di farlo lavorare e infatti ha messo Kodra ora se puo’ portare qualcuno o salvarci perché no?

    • 10 Marzo 2015 in 19:37
      Permalink

      Non mi pare di aver dato responsabilità a giordano. ma in conferenza non è stato convincente come gli altri, almeno questa è la mia impressione, benchè avesse l’alibi della tempratura…

      Cordialmente

      Gmajo

  • 10 Marzo 2015 in 19:27
    Permalink

    Su Paletta la Milan, però, non è detto che le cose siano andate così. Il Milan voleva Paletta, da tempo, e Paletta il Milan. Il Parma, di Taci o di chi vuoi tu, non aveva nessun potere contrattuale (una squadra semifallita e diretta in B non è una controparte forte)e ha preso quel che gli han datto togliendosi, oltrettutto, uno stipendio oneroso. Però ha portato Rodriguez, Varela e Nocerino, che non sono scarsi.

  • 10 Marzo 2015 in 19:28
    Permalink

    Giordano sembra Messi!!!condivido era l unico spendibile Leonardi e’ responsabile anche di Manenti

  • 10 Marzo 2015 in 20:00
    Permalink

    Intanto ci tengo a precisare che non ho nulla a che fare con la precedente gestione sovcietaria di ghirardi e Leonardi per cui mi dispiace se ti hanno trattato male ma io non ho nulla a che vedere con quel modo di agire.

  • 10 Marzo 2015 in 20:25
    Permalink

    Direttore credo che Giordano sia stato l unico attendibile, solo che sembra arrogante e non umile bastava vedere l’orologio!ora se porta qualcuno ok !basta che abbia la volonta di mettere i soldi altrimenti il funerale lo facciamo a lui….

  • 10 Marzo 2015 in 20:31
    Permalink

    per rispondere.:
    non sarà taci a presentarsi a momento debito, non è mai stato lui a detenere il capitale di maggioranza pronto ad essere investito in questa società per cui, caro Mayo, puoi tranquillizzarti e nessuno dovrà passare per l’ennesima volta sul tuo corpo

    • 10 Marzo 2015 in 21:19
      Permalink

      Ma tu ti farai sentire anche quando in d ripartiremo con Dallara?!?!?

    • 10 Marzo 2015 in 21:29
      Permalink

      Mat il socio o il mandante di taci di che nazionalità è?
      Se fai parte di questa nuova società o di quella che verrà che ruolo ricoprì?
      Ti do la mia mail joegallesi.petlevrieri@gmail.com sono curioso di capire le tue teorie e posizioni!

    • 10 Marzo 2015 in 23:04
      Permalink

      Qusto è plausibile…

  • 10 Marzo 2015 in 21:18
    Permalink

    Caro Mat, Taci e’ responsabile e come, si e’ dichiarato e si e’ presentato al sindaco,dipendenti,giocatori,procuratori,come il proprietario del Parma in piu’ e’ anche andato allo stadio e per finire ha deciso su tutto come dichiarato anche da doca e il giocatore lila ha fatto solo casino vendendo anche a Manenti e tutti compreso il suo avvocato che credo si sia comportato bene lo ha abbandonato come il cda .
    sono dalla parte del Direttore e credo che tu sei parte in causa tipo uomo del Ghiro o di Taci e non un tifoso

  • 10 Marzo 2015 in 21:28
    Permalink

    se c e’ una nuva cordata affidabile e’ la benvenuta ,ho visto intervista di giordano sulla gazzetta mi e’ sembrato preparato e l’idea del concrdato giusta in piu’ ,condivido che non si e’ schierato con nessuno…Mat non sei credibile Forza Direttore

  • 10 Marzo 2015 in 22:10
    Permalink

    @MAT:
    la nostra squadra e dimensione è ad un passa dalla morte, dal baratro, e Lei continua a scherzare con queste illazioni su un presunto deus ex machina. il tempo delle mezze verità è finito: o scrive quello che sa, con nomi e dettagli, oppure la smette di vantarsi di possedere verità che poi non svela.Troppo facile così, troppo tardi per continuare a farlo. Ci vuole rispetto, Lei mi sembra non averne per noi tifosi/lettori!

  • 11 Marzo 2015 in 00:46
    Permalink

    Caro Direttore, spero mi possa pubblicare questa volta visto che l’ultimo messaggio scritto non l’ho visto pubblicato. Comunque se non lo fa’ non mi offendo anche se li’ non l’avevo offeso.
    Mi sento di dire la mia perche’ ho seguito attentamente questo dibattito e non mi piace sentire da lei (un professsionista intelligente e amante della squadra per la quale ha lavorato) certe cose che non le fanno onore. Volevo fare delle osservazioni se mi permette:
    1. Non ci vedo nulla di male se persone che siano chiaramente sostenitori di uno degli attori di questa storia com’e’ stato Taci (orgogliosamente mio connazionale) lo possano fare senza nascondersi o vergognarsi. Io sono uno di quelli non perche’ lo conosco di persona o perche’ albanese come me ma si conosce bene quello che lui ha fatto in Albania e per l’Albania. Si vede chiaramente che lei si basi solo su quello che scrive o dice una parte dei media cosa comprensibile per un imprenditore di questi livelli che desta troppe gelosie ovvunque. La storia della squadra locale (paese d’origine) che era in seria B l’ha portato in A ma solo quando ha visto che anche li’ si giocava sporco non se l’e’ sentito di continuare. Ha privatizzato l’unica rafineria in Albania mantenendo per 5 anni 5000 operai. La paura che diventasse troppo forte ha lasciato posto a colpi bassi portandolo a cedere a mala voglia. Per quasi 2 anni e’ stato uno degli sponsor del Milan dopo che per anni ha seguito e segue tutt’ora un progetto sportivo per bambini aspiranti calciatori insieme al Milan. La squadra d’Inghilterra non e’ sua ma di un italiano che opera in Albania e non c’entra con Taci. E’ il venditore nr 1 di vendita’ all’ingrosso e al dettaglio di prodotti petroliferi. Se una persona non ha capacita’ ed opera sempre e solo sotto l’ala di qualcun’altro che sia politico o soci veri o presunti credo non possa andare troppo avanti e troppo a lungo. E credo che Taci non appartiene alla tipologia descritto sopra.
    2. Come si fa’ a sostenere che Ghirardi doveva vendere ma Taci ha dato il colpo di grazia? Non era Ghirardi (poverino che era “costretto” a vendere) a dare il colpo di grazia in diversi anni ma l’ha fatto Taci in 3 mesi durante il quale si doveva pure fare un mercato senza capire quall’era la situazione presa in mano.?!E comunque ha preso 3 grandi giocatori, ne ha venduto uno in un periodo dove tutte le squadre li voleva gratis (versando i soldi nelle tasche della soceta’). A lei non piaciono le insinuazioni ma continua ad insinuare che Taci non e’ vero che non sapeva la situazione e che ha lasciato quando non e’ arrivato il socio russo. Lei non puo’ parlare con una certezza tale e stroncare chi la pensa diversamente a meno che non da’ delle prove. Fino ad allora chiunque qui’ e’ nello stesso suo livello e finisce che tutti insinuano, interpretano e commentano. Per questi motivi ha creato questo blog e questo sembra si faccia dalla mattina alla sera.
    3. Sembra che non perdoni che Upi e compagnia bella abbia accettato Taci e Manenti no anche se i tempi siano simili oppure identici se lasciano quest’ultimo continuare. Perche’ cosi’ magnanime con lui ma critico profondo con Taci? Non l’ho mai capito. E’ cosi’ sicuro che se la societa’ fosse caduto in mano a Manenti (visto che non ci fossero’ altri ai tempi) prima di Taci lui l’avrebbe salvata..? Se mi dice di si’ allora dovro’ iniziare a dubbitare della sua intelligenza e del suo naso…
    Io ne sono convinto che Taci l’avrebbe gestito e si sarebbe apparso se le cose non erano cosi’ “disperate” e poco chiare o pesanti. Per questo non mi puo’ ne condannare e nemmeno censurare Direttore..
    Mi sentirei di dare un consiglio a lei e a tutti tifosi o presunti tali perche’ penso che l’eta’ me lo possa permettere: Non va mai bene sparare a zero verso nessuno se non si conoscono le situazioni da vicino. Si parla di calcio e non di vita o di morte anche se mi rendo conto che qui’ il calcio sia’ piu’ forte della religione ma cerchiamo di mantenere la calma e l’obiettivita’ perche’ per quanto importante per diversi versi (dall’economia, turismo e divertimento) i problemi nella vita sono altri. Eco, sugli stipendi ed i posti di lavoro dell’amministrazione dovremmo soffermarci e sperare che si trovi una soluzione. Il resto se si mette a posto siamo tutti felici altrimenti si vive lo stesso, ci si alzera’ a guadagnare i nostri 700 euro al mese seppur pieni di passione per questa squadra o altre..
    Grazie ancora anche se temo di non avere il piacere di vedere la mia scrittura sulla sua gloriosa pagina.
    Cordiali saluti e buon lavoro.
    Luan

    • 11 Marzo 2015 in 01:26
      Permalink

      Gentile luan,
      grazie perché lei ha esercitato una critica in modo urbano e costruttivo, a dispetto di chi sfrutta lo spazio commenti che io stesso metto a disposizione per infangarmi o calunniarmi come oggi ha fatto mat. Se a lui oggi ho dato della testa di cazzo non era certo per la sua propaganda neanche tanto occulta a taci, quanto perché ha definito leonardi mio nuovo amico per insinuare dubbi e sospetti nei lettori. Calunnie che respingo con forza perché false e cattive. io ho gradito la ammissione dell’ex plenipotenziario della mia onestà intellettuale, il regalo più importante che mi potesse fare. se qualcuno la mette in dubbio mi incazzo perché è l’unico bene che mi è rimasto.
      Chiarito questo io prendo atto delle sue valutazioni su taci, ma non le condivido poiché sia pure esposte in buona fede lei mi pare molto partigiano, inoltre mi sono fatto una idea, forse sbagliata e non pretendo sia la verità assoluta, ma è la mia verità putativa in base ai fatti di mia conoscenza che il colpo di grazia al parma lo abbia esploso, su un corpo già cadaverico, proprio rezart.
      Egli era perfettamente conscio di cosa aveva acquistato e ha mollato tutto dopo averci tenuto in scacco tre mesi determinanti, quando il tempo era ormai scaduto e il mitico socio russo non si era materializzato.
      Io non ho mai scritto, anche perché non lo penso affatto, che se ci fosse stato Manenti al posto di taci le cose sarebbero andate meglio. E se lei lo sostiene o se ha capito così si sbaglia di grosso. Per gli elementi che ho in mano posso affermare che Ghirardi era stato costretto a cedere a taci e sono convinto che la procura spiegherà a breve il perché. Credo che se ghirardi a novembre avesse potuto cedere il club ai qatarioti non ci saremmo trovati nel cul de sac nel quale ci ha spinto taci.
      Poi abbiamo visto anche i contorni torbidi del sistema parma sulla operazione taci.
      Infine preciso che siccome sono tanti i commenti in giacenza putroppo capita che vengano moderati in ritardo di ore rispetto a quando vengono postati, specie quelli ai quali intendo rispondere. Le posso assicurare di non aver cestinato alcun suo contributo, anche xche non ce ne sarebbe stato motivo.
      Cordialmente
      Gmajo

      • 11 Marzo 2015 in 08:24
        Permalink

        Direttore mi sa che dobbiamo togliere anche lo 0,01 a manenti un pizzico ci credevo… peccato

  • 11 Marzo 2015 in 07:18
    Permalink

    Non voglio far l’avvocato ma il direttore ha ragione, Mat da quell che ho letto e’ un provocatore e ai provocatori ci si risponde a dovere. Le sue spystory pero’ le trovo divertenti . Ha una gran bella fantasia

  • 11 Marzo 2015 in 09:44
    Permalink

    Direttore non c era nessuno che voleva il Parma!!! E non condivido di tagliare le gambe subito Giordano ha portato Taci che è conosciuto come persona con i soldi magari può portare qualche altro gruppo.o preferiamo che i nostri imprenditori miliardari come Zanetti comprano ad un euro e lasciano tutti senza una lira e fanno i salvatore? Potevamo all ora darla a Taci anche senza debiti…

    • 11 Marzo 2015 in 10:02
      Permalink

      E lei che ne sa se c’era qualcuno che voleva il Parma o meno? Fa parte del pregiato studio internazionale Giordano?

      Basterà avere ancora un po’ di pazienza e poi immagino che la solerte procura illustrerà con dovizia di particolari perché il Parma doveva finire nelle mani di Taci.

      Io, per conoscenza diretta, ero al corrente dell’interessamento di una cordata qatariana che avrebbe potuto (anche se il condizionale è sempre d’obbligo) offrire un futuro migliore rispetto a quello che si è rivelato essere (ma era ampiamente prevedibile) il disastro Dastraso, alias Taci. Peccato che Taci, al di là di altre situazioni che magari emergeranno, fosse blindato da una proposta irrevocabile d’acquisto, peraltro da lui stesso inizialmente disattesa con la nota inadempienza all’origine del mancato pagamento delle obbligatorietà di novembre.

      A un euro ha comprato il suo Taci, procacciato (ma questa non è certo una colpa) dallo stimatissimo longevo studio internazionale che fa capo al sosia di un noto cantante romano, nonché di un ex calciatore gialloblù di tempi più felici… Lasci perdere Zanetti che sarà anche “piocione”, ma certo non è uno che si comporta poco seriamente (eufemismo) come il petroliere d’oltre Adriatico,

      Saluti

      Gmajo

  • 11 Marzo 2015 in 09:54
    Permalink

    per prima cosa Mat e l’unico che ha datto informazioni veri e non poi dire che e un provocatore se non ti vanno bene le info che da.

    • 11 Marzo 2015 in 10:07
      Permalink

      Capisco che lei sia albanese e quindi capisca fino lì l’italiano, ma Mat non è un provocatore per quelle che lei ha il coraggio di definire informazioni (e che invece sono delle colossali panzane) che io gli ho sempre concesso di dare, in nome della libertà di espressione, benché non le condividessi, MA E’ UN PROVOCATORE (scusi se alzo la voce, chissà lo capisca meglio) PER AVER DEFINITO LEONARDI COME MIO NUOVO AMICO, al fine di mettermi in cattiva luce nei confronti dei lettori.

      Ho già detto e ripetuto che sono benvenuti tutti coloro che la pensano diversamente da me, anche perché – a parte i mitomani come mat – contribuiscono ad allargare i miei stessi orizzonti, e sono il primo che propone il dialogo; ma coloro che vengono qui a fare degli sterili muro contro muro, provocando e calunniando (come ha fatto mat) trovano pane per i propri denti. Ed è legittima difesa della mia onorabilità, professionalità e onestà intellettuale di cui vado fiero e orgoglioso.

      Saluti

      Gmajo

      • 11 Marzo 2015 in 13:08
        Permalink

        Majo complimenti da parte mia perche lei sei stato l’unico che gridavi contro Ghirardi& Leonardi. Hai dato 0.1% a Manenti non lo capisco perche non poi dare al Mat un % non ti costa niente.
        Ma poi capire anche Mat che da le sue info e tutti non lo credono , ti capitato anche lei con Manenti e molti non credevano e ti hanno deto mitomane ,non lo capisco che erori delli altri posa fare anche te in situazioni simili.
        Calma&Gessu

  • 11 Marzo 2015 in 10:15
    Permalink

    Mat per non dimostrarti un BLUFF ora devi fare dei nomi! Ovviamente Galp, presidente del Porto, Lukoil, Garrone…te li sei già GIOCATI!

    Dai prove…non articoletti del cazzo…

    • 11 Marzo 2015 in 10:35
      Permalink

      appunto, non c’è da aggiungere nulla a quel poco che ho scritto fino ad ora .
      importa poco della credibilità, non sono un giornalista e non vivo di quella.

      sampdoria ed inter sono state le uniche società che si sono dimostrate solidali con gesti concreti nei confronti dell asocietà parma nelle scorse settimane

      • 11 Marzo 2015 in 10:52
        Permalink

        Tutte cazzate.
        Sei furbo e anche bravo a reggere il gioco e il personaggio, lo ammetto.
        Sostanza zero, purtroppo.
        Sarà un piacere ritrovarti e rileggerti fra 7/10 giorni.
        Perchè ci sarai vero? Stesso nick, chiaramente.

        • 11 Marzo 2015 in 11:15
          Permalink

          ci sarò eccome, caro apolloni…

  • 11 Marzo 2015 in 10:52
    Permalink

    neppure i giornalisti riescono a portare delle prove a supporto delle teorie che spesso leggo e che spesso si rivelano clamorosi buchi nell’acqua, e chiedi delle prove a me?
    ne ho lette di tutti i colori in questi mesi ma ormai l’asta fallimentare è vicina e l’Avv. Giordano è già ritornato, per me questa è una prova poi se volete continuare a credere alla cordata romana, alla sanitaria, al qatar, alla cordata parmigiana, al fatto che non ci sia altra soluzione se non la D (questa per me assurda), fate pure…

    come Taci sia arivato a mettersi in contatto con Ghirardi è stato spiegato da Ghirardi stesso per cui non vedo quale mistero ci sia. Ora gli stessi che hanno curato i contatti iniziali stanno trattando per riprendere l’attività sospesa a seguito del passaggio a Manenti.
    Mi sembra che chi ha parlato di questo fondo americano l’abbia fatto pubblicamente. Lo studio legale che ha affiancato Taci fin dall’inzio è uno studio legale americano.

  • 11 Marzo 2015 in 11:04
    Permalink

    Bene e allora cosa aspettano a chiarire il tutto? ormai il tempo è scaduto……attendo risposta. grazie

  • 11 Marzo 2015 in 11:06
    Permalink

    l’Inter cosa c’entra? Se Sampdoria la collego a Garrone…l’inter devo collegarla a Moratti? E cosa aspettano a farsi vivi e chiarire…ormai il tempo delle fiabe è scaduto..

  • 11 Marzo 2015 in 11:31
    Permalink

    sono i capitali ed i fondi che contano non i nomi.
    pare ovvio che moratti non abbia nulla a che fare con la gestione della società parma ma l’oil business è fatto di affari conoscenze e favori e non tutti sono concorrenti in quel settore, anzi…ci sono tanti interessi economici comuni.
    mi sembra di aver già detto che l’asta fallimentare è imminente ed avevo anche dette che manenti è stato ripescato per fare un lavoro che nessun altro avrebbe accettato di fare

  • 11 Marzo 2015 in 11:35
    Permalink

    Lho detto anche sopra se sono americani che si presenterano al asta e a questo punto mat ha ragione al 100%.

  • 11 Marzo 2015 in 12:23
    Permalink

    Quindi Manenti domani non fa niente, ci sarà l’asta fallimentare, si ripresenta qualcuno che in realtà è lo stesso Taci? e RIPIANA il tutto e si sta in serie B?
    Dicci come andrà MAT…dopo verificheremo…se non sarai un BLUFF! attendo risposta.
    Majo per te è un contabali oppure può essere attendibile? Escludiamo la sua affermazione riferita “amico di leonardi”.ù
    Grazie

    • 11 Marzo 2015 in 12:35
      Permalink

      Per me è un contaballe e l’ho già scritto in molteplici occasioni. Ma se vi divertite a credergli fate pure.

      Che si possa presentare Taci all’asta lo escluderei per manifesta incompatibilità. Se poi quelli che avrebbe dovuto avere alle spalle Taci, i mitici russi, si paleseranno non saranno lo stesso i benvenuti, da parte mia, poiché hanno contribuito ad uccidere il Parma pure loro esplodendo con Taci il colpo di grazia.

      Quindi da parte mia totale opposizione a tutto il sistema Taci.

      Saluti

      Gmajo

      • 11 Marzo 2015 in 13:03
        Permalink

        Io non credo più a nessuno!
        Mi sembra di aver letto che mat è all’ interno della nuova proprietà o gestione!ma chi e? Ormai lo può dire direttore o ha un patto di riservatezza anche con lui?

        • 11 Marzo 2015 in 13:37
          Permalink

          No, non lo conosco. Non so chi è. Ma da quel che dice mi pare molto addentro. Ma non lo so chi sia

  • 11 Marzo 2015 in 12:58
    Permalink

    Per me l unica apparizione che farà taci in tribunale non sarà per l asta ma per spiegare la misera cessione di paletta…. Cosa ne pensa direttore? Potrebbe accadere? Anziché mettere due euro per spalare il tardini questi vendevano i giocatori…. Mah….

    • 11 Marzo 2015 in 13:55
      Permalink

      Sbagliato: io non simpatizzo per Taci, come noto, ma per onestà intellettuale sottolineo volentieri che i soldi per spalare la neve li fece saltare fuori Kodra. In più sulla cessione di Paletta la giustificazione, anche se non so quanto plausibile, stava nel togliersi un ingaggio pesante, credo anche il pregresso, aabbassando il debito sportivo) e incassando una sia pur minima somma. Anche se il contraltare è l’abbassamento del valore patrimoniale

      Cordialmente

      Gmajo

  • 11 Marzo 2015 in 14:01
    Permalink

    Dai direttore si è capito che Mat è uno di quelli che fanno parte o hanno legami cn il fondo americano che ha fallito l’acquisto dellaRoma dei sensi del 2006 e il ccagliari di recente, essendo unfondo invinvestimento ovviamente ha anche quote nel mondo dell’Oil, da qui a credere che salveranno il parma ce ne vuole essendo stati più di una volta un bluff, Mat ha diciamo cosi il ruolo di far passare loro come i salvatori della patria, le do un consiglio direttore nn se lp caghi di striscio

    • 11 Marzo 2015 in 14:10
      Permalink

      Non credo che la sua ricostruzione sia veritiera. Mat non ha a che fare con il fondo. E sa troppe cose del passato. E’ uno ben radicato

  • 11 Marzo 2015 in 14:29
    Permalink

    Mat però ti sei sbagliato su una cosa…AVEVI DETTO CHE SI CAMBIAVA PRESIDENTE NUOVAMENTE….ciò non è avvenuto…come mai?

    • 11 Marzo 2015 in 17:04
      Permalink

      ma cosa vuoi cambiare…il prossimo presidente sara’ il curatore fallimentare..
      Puno e basta!!

  • 11 Marzo 2015 in 18:10
    Permalink

    A dire la verità ce ne sono state diverse di situazioni che non si sono concretizzate o che sono andate diversamente rispetto a quanto programmato. Per quanto riguarda l’attuale presidente rispondevo a chi stava sostenendo che era l’unica speranza per il Parma ed era in attesa dei soldi promessi. Credere e far credere che manenti potesse portare i capitali , questo si che è prendere in giro i tifosi di questa città . Vediamo se dopo il 19 manenti sarà ancora presidente .

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI