ANGELLA DAL TG DI TELEDUCATO: “NELL’INCHIESTA DELLA PROCURA SUL PARMA F.C. SAREBBE FINITO PAOLO SIGNIFREDI GIA’ PROPRIETARIO DEL BRESCELLO, PRESIDENTE DEL CARPI E G.M. DEL CATANZARO”

(Michele Angella, dal TG di Teleducato) –  Che cosa c’entra con il Parma Calcio l’affarista parmigiano Paolo Signifredi, ora in carcere, arrestato lo scorso 28 gennaio nell’ambito dell’operazione  Aemilia  (quella sulle infiltrazioni dell’ndrangheta tra la nostra regione e la bassa Lombardia)? Estorsione aggravata l’accusa nei suoi confronti. Signifredi sarebbe stato avvistato più volte tra lo scorso mese di dicembre e quello di gennaio negli uffici del centro sportivo di Collecchio ed il suo nome sarebbe balzato all’attenzione degli inquirenti della Procura di Parma. L’ipotesi è che Signifredi si fosse offerto, o fosse stato contattato, per trovare aiuti finanziari a favore della società crociata.  Nessun reato individuato, però il curriculum del personaggio autorizza qualche sospetto. Un tentativo di collaborazione che si sarebbe bruscamente interrotto a seguito dell’intervento della  Procura di Mantova e della Dda di Brescia: l’arresto – è bene chiarirlo – non ha alcun collegamento con il Parma.

Ma chi erano gli interlocutori di  Signifredi all’interno del Parma?  Quali i suoi collegamenti e quali gli obiettivi del suo avvicinamento al quartier generale gialloblu?  Domande alle quali potrebbero dare risposte a breve gli inquirenti.

Paolo Signifredi, 53 anni, risulta avere mani in pasta in ben 64 società di svariato tipo. In alcune come amministratore unico, in altre come liquidatore. Già attivo sul versante calcio, è stato proprietario del Brescello, presidente del Carpi, ma anche general manager del Catanzaro. Era già finito dentro nel 2001 per riciclaggio e ricettazione, dopo essere rimasto coinvolto in un incidente sull’autostrada Napoli-Bari: quella sera viaggiava a bordo di una  Fiat coupè  che aveva targhe e carta di circolazione rubate e l’assicurazione falsa. Ma soprattutto, nel 2013, era finito nell’inchiesta per la maxifrode dell’acciaio di Massimo Ciancimino, figlio dell’ex sindaco di Palermo e discussa figura nel processo sulla trattativa Stato-mafia. Era accusato di essere il braccio destro di Ciancimino che avrebbe aiutato per avviarsi nella commercializzazione dell’acciaio.

Ora il nome di Paolo Signifredi sarebbe finito nell’inchiesta della Procura di Parma sul Parma Football Club.

Inchiesta che potrebbe portare a breve anche a provvedimenti di custodia cautelare nei confronti di amministratori vecchi e nuovi del Parma Fc: tra le ipotesi c’è anche quella di evasione fiscale.

Coinvolta anche la  Guardia di Finanza: il comandante provinciale Danilo Petruccelli e il tenente Luca Albanese, ufficialmente in ferie, sarebbero stati sospesi dai rispettivi incarichi e sarebbero finiti sotto inchiesta per omissione di atti d’ufficio. Avrebbero ritardato l’inchiesta sul disseto della società crociata. Intanto stamane in Tribunale udienza preliminare sul fallimento del vecchio Parma Ac, era Tanzi. Hernan Crespo e Thomas Brolin si sono recati davanti ai magistrati per rilasciare dichiarazioni spontanee. La Procura ha contestato diversi capi d’accusa per concorso in bancarotta fraudolenta, per presunte distrazioni di denaro tramite false sponsorizzazioni. Entrambi i campioni davanti al gup Alessandro Conti hanno respinto ogni accusa, dichiarandosi completamente estranei alla vicenda. Michele Angella (dal  TG di Teleducato delle ore 14 del 04.03.2015)

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

69 pensieri riguardo “ANGELLA DAL TG DI TELEDUCATO: “NELL’INCHIESTA DELLA PROCURA SUL PARMA F.C. SAREBBE FINITO PAOLO SIGNIFREDI GIA’ PROPRIETARIO DEL BRESCELLO, PRESIDENTE DEL CARPI E G.M. DEL CATANZARO”

  • 4 Marzo 2015 in 16:30
    Permalink

    Vuoi vedere che Caressa aveva anticipato qualcosa di grosso?

    • 4 Marzo 2015 in 17:03
      Permalink

      Rimane il fatto che io sono un garantista: e le espressioni usate da Caressa le condanno poiché deontologicamente scorrette. Tintinnio di manette, in bocca a un giornalista, non è accettabile. A maggior ragione nei giorni scorsi.

      Per altro anche il gesto delle manette fatto da un ultrà parmigiano a Preiti, qualche giorno addietro alla sua uscita da Collecchiello, è da poverini…

      Cordialmente

      Gmajo

      • 4 Marzo 2015 in 17:41
        Permalink

        Si Majo ma segnali inquietanti ci sono tutti…basta leggere “Stadio” stamane…non pensare che sta’ vicenda possa andare a finire con 4 fogli di carta sui tavogli degli avvocati….
        Altro segnale e’ la rimozione dei vertici della guardia di finanza parmigiana….ti dice nulla?…

        • 4 Marzo 2015 in 17:51
          Permalink

          Per carità: da quando è arrivata la scheggia impazzita Manenti ne sta accadendo di ogni…

          Prima, però, con il ghiro e taci, a tutti andava bene lo status quo…

          Ora, invece, viene persino inguaiata la Finanza dormiente. A parte che il colonnello, quella volta che lo intervistai, mi disse che loro sarebbero stati ben lieti di intervenire su mandato della Procura…

          De paperiniis, pensaci tu…

  • 4 Marzo 2015 in 16:34
    Permalink

    Incredibile.Mi sa che in questo pentolone oltre al grassso che cola ci sono anche veleni.Tra poco tolto il coperchio…..si salvi chi può.

  • 4 Marzo 2015 in 16:37
    Permalink

    Colpi di scena quotidiani, a noi Il Segreto ci fa una pippa…

  • 4 Marzo 2015 in 17:40
    Permalink

    Majo, ma le pare possibile che mentre si perdono i pezzi, costui non faccia nulla se non delle misteriosi riunioni con il commercialista e qualche mini-intervista dove dice “stiamo lavorando, è tutto a posto”? Ma lo sa che è il presidente del Parma e ha delle responsabilità anche nel quotidiano? E che se lui non fa nulla o non mette un euro la barca da sola non va?

    • 4 Marzo 2015 in 17:52
      Permalink

      E lei lo sa che se non sblocca la famosa somma, sempre che ce l’abbia, non ha risorse neppure per la quotidianità?

      • 4 Marzo 2015 in 17:57
        Permalink

        Siamo alle solite Majo….chi dovrebbe sbloccare cosa e dove custodito?….
        Lasciamo perdere….
        Si e’ concretizzata la tua ipotesi dello 99,9 per cento.

      • 4 Marzo 2015 in 18:02
        Permalink

        Ma se l’è cercata tutta!!! nessuno gli ha puntato una pistola alla testa dicendogli che deve comprare il Parma anche se non ha risorse x la quotidanietà

        • 4 Marzo 2015 in 18:09
          Permalink

          Allora: come ho già detto eravamo già defunti. Saremo defunti lo stesso dopo il 19 marzo (tra l’altro, dicono gli esperti, a Parma quando ha chiesto il fallimento la Procura lo ha sempre ottenuto)? Amen. Cambiava qualcosa? No. Si è perso tempo? Può darsi, ma tanto anche lo avessimo risparmiato cosa cambiava? Che ci pilotavano il fallimento? Tsè: campa cavallo

          • 4 Marzo 2015 in 18:24
            Permalink

            Si, capisco e condivido Majo… però il teatrino di Manenti è snervante per un tifoso. Almeno questo signore ci poteva evitare questo penoso spettacolo. Facciamo così, se i soldi si palesano onore a Manenti. Sennò va sbertucciato (però solo a fine gara).

          • 4 Marzo 2015 in 18:28
            Permalink

            Esatto. e’ proprio quello che intendo io. Durante i 90′ sostegno, dopo il fischio finale contestazione. Sempre nel lecito, checché se ne dica…

          • 4 Marzo 2015 in 19:08
            Permalink

            Si però onestamente…io fino a domenica scorsa seguivo minuto per minuto la vicenda Parma perchè, ahimè, ero disoccupato…ora lavoro ringraziando il cielo e quando rincaso leggo le news e Majo credimi che leggere tutti i santi giorni che i soldi arriveranno, gli stipendi li pagheremo, la situazione la risolveremo da tre settimane ad oggi è sempre un “remo”….bhe è stancante veramente molto.
            Attendiamo il 19? No, attendiamo il 12…è il 12 no che deve presentarsi in procura a illustrare il suo brillante piano?
            I soldi ci sono sempre stati…come i compratori di olive su e-bay?
            Va bhe, io in lui non credo…comunque ben felice di sbagliarmi

          • 4 Marzo 2015 in 20:14
            Permalink

            queste risposte piccate majo sono veramente stupide sarebbe ora che si faccia un esame di coscienza non e’ la scienza infusa se e’ da anni che nessuno la cerca per lavorare da giornalista un motivo ci sara’ ……certo che ci fa perdere tempo manenti e’ da quando e’ arrivato lui che la citta’ ha perso d immagine e ci fa perdere tempo probabilmente per il fallimento pilotato che lei detesta tanto e non si capisce per quale motivo ?…..doveva intervenire ai tempi di tanzi ….

      • 4 Marzo 2015 in 18:04
        Permalink

        in effetti..concordo…

      • 4 Marzo 2015 in 18:04
        Permalink

        MA CAZZO VUOI CHE SBLOCCA PER DIO !

      • 4 Marzo 2015 in 18:40
        Permalink

        Allora cosa e’ venuto a fare.

    • 4 Marzo 2015 in 18:14
      Permalink

      Fuori di testa? E perché? Mi pare stia tirando dritto per la sua strada…

      • 4 Marzo 2015 in 18:28
        Permalink

        Aveva detto che i soldi ci sarebbero stati il 16 o il 18-20. Siamo a marzo.
        L’ottimo rapporto coi giocatori poi è solo nella sua testa.
        A me pare viva in una realtà parallela.

        • 4 Marzo 2015 in 18:35
          Permalink

          Guarda che le dichiarazioni di lucarelli anche di pochi giorni fa non sono certo di prammatica o per tenerselo buono. Quando lui dice che spera nel miracolo di manenti, ci crede davvero, o ci spera davvero che è poi la stessa cosa.

          Poi che avesse detto che i soldi ci sarebbero stati il 16 (e anche prima) è verissimo ed è giusto considerarlo inadempiente, ma è altrettanto vero che da quel giorno in poi si è scatenata la guerra mondiale che può avergli complicato di molto una partita già difficile

          • 4 Marzo 2015 in 19:18
            Permalink

            Penso che Manenti abbia la possibilità di trasferire adesso 30 milioni, che però non bastano per pagare tutti i debiti subito, per cui se la Procura gli accorda la rateizzazione dei debiti, arriveranno i soldi, diversamente il 19 marzo il Parma verrà dichiarato fallito, poi se si potrà fare la versione flash lo vedremo

          • 4 Marzo 2015 in 20:17
            Permalink

            ma di cosa parla ma che complicazioni majo o i soldi li hai o non li hai ma cosa dice ….

          • 4 Marzo 2015 in 20:33
            Permalink

            Senta non ho tempo da perdere ripetendo sempre le stesse identiche cose: quindi o utilizza lo spazio commenti per arricchirci oppure può anche togliere il disturbo. Ho già spiegato mille volte che i presunti soldi di manenti sono di difficile traduzione. Se lo vuol capire bene, se non lo vuol capire perché tanto ha già la sua verità in tasca è inutile che venga qui a provocare.

            Saluti

        • 4 Marzo 2015 in 18:56
          Permalink

          Si chiama personalita’ bipolare.
          Presente negli psicotici e schizofrenici.
          Sicuramente sintomi e presupposti non mancano.
          Sarebbe un elemento da curare…

          • 4 Marzo 2015 in 19:18
            Permalink

            Allora Pizzarotti tiri fuori gli attributi e quale massima autorità sanitaria del comune, disponga il TSO… Basta che trovi due medici…

            Il T.S.O. viene disposto dal sindaco del comune (il sindaco è la massima autorità sanitaria di un comune) presso il quale si trova il paziente, su proposta motivata da due medici, di cui almeno uno appartenente alla ASL territoriale del comune stesso. Il T.S.O. può essere eseguito sia in ambito ospedaliero che presso l’abitazione o altra sede. La procedura impone, infine, la convalida del provvedimento del sindaco da parte del giudice tutelare di competenza.

  • 4 Marzo 2015 in 18:00
    Permalink

    Questi Soggetti sono Ben Conosciuti in Città !!!!

    Nei Ristoranti ancora di Più !!! e NON solo a Parma !!!

    Questi Esseri Mercenari Trovano Terreni Fertili x fare

    Affari nel mondo MARCIO del Calcio !!! Altro ke ENEMA !!!

    PAGHERETE TUTTO !!! PAGHERETE CARO !!!

  • 4 Marzo 2015 in 18:08
    Permalink

    #quotidianetà

  • 4 Marzo 2015 in 18:15
    Permalink

    in che cosa potrebbe consistere il piano di cui hanno parlato pizza e tave?

    • 4 Marzo 2015 in 18:25
      Permalink

      Non ne ho la minima idea.

      Non per esser prevenuto, ma non potrà che essere una porcheria viste le premesse…

      Ora: per salvarsi il culo, scusate il francesismo, la Lega è disposta a fare chissà quale tipo di concessioni, magari andandoci a rimettere anche economicamente. Ma la finalità resta quella di evitarsi problemi con i broadcaster. Parimenti capitan Pizza vorrebbe ottenere in cambio una sorta di salvacondotto per la serie B. Bene: con le norme vigenti è pura follia ipotizzare che ci sia qualcuno che metta i 70 milioni di debito sportivo. L’unica speranza sarebbe quella di cambiare le Noif che consentissero, dunque, di mantenere il titolo sportivo per una nuova società, senza questo tipo di obbligo, ma mi pare fantascienza. Nel 2004 i potentissimi bondi e baraldi, pur con tutti gli agganci del caso con carraro e galliani, dovettero pagare per intiero i debiti sportivi del fu Parma Ac. Altre soluzioni non saprei. Ma questa sarebbe una porcheria vera e propria, anche se a nostro favore.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 5 Marzo 2015 in 03:15
        Permalink

        Non sarebbe una porcheria se I 70 mln li farebbero pagare a colui che ha fatto I debiti. Tommaso Ghirardi. Un po come successo con il Parma A.C. I debiti se li accollo ‘ la Parmalat o mi sbaglio? In poche parole fallisci vai in B e I debiti giustamente li paga chi li ha fatti. In questa maniera non ci sarebbe nessuna ingiustizia.

  • 4 Marzo 2015 in 18:24
    Permalink

    Parò Majo se non sbaglio venerdi aveva detto che tempo due tre giorni avrebbe cominciato a pagare e invece tanto per cambiare ancora nulla…la sensazione che ci stesse tutti prendendo per i fondelli lei non veramente non ce l’ha???

    • 4 Marzo 2015 in 18:31
      Permalink

      No, quella sensazione non ce l’ho, per il semplice fatto che sono al corrente della sua intensa attività per cercare di sbloccare la situazione. Se prendesse per il culo non sarebbe così iperattivo.

      Poi che abbia sbagliato – e la cosa ha fatto incazzare pure me – la propria condotta comunicazione (e non solo) dando continuità ai suoi predecessori con le promesse mai mantenute è un altro discorso. Ma ci sono anche oggettive difficoltà che minimo minimo gli offrono un alibi.

      Io non credo stia prendendo per il culo

      Cordialmente

      Gmajo

      • 4 Marzo 2015 in 18:49
        Permalink

        In che cosa consiste la sua “intensa attività”, caro Majo? In qusti tre gg, quali movimenti le risultano?

        • 4 Marzo 2015 in 19:29
          Permalink

          Attività frenetica prodromica al piano da presentare in procura e attività correlate, immagino incluso l’approvvigionamento delle risorse necessarie per mostrare la solvibilità del Parma

          Cordialmente

          Gmajo

      • 4 Marzo 2015 in 19:11
        Permalink

        è iperattivo semplicemente perchè nella sua lucida follia ci crede . ma solo lui, più un altro allo 0,1%. Ha presente la franzoni che è ancora convinta che un altro abbia ucciso suo figlio? una roba del genere.
        Smettiamola di dare credito a sto buffone per dio

          • 4 Marzo 2015 in 19:35
            Permalink

            ora si spiega tutto…però per uno che decanta sempre la propria razionalità, affibbiare uno 0,1% basandosi solo sul fatto che altrimenti è merda, non lo trovo molto accettabile. Casomai dovrebbe assegnarlo in base a dei riscontri, non in base a quelle che potrebbero essere le inevitabili conseguenze in caso di bluff manenti

          • 4 Marzo 2015 in 20:59
            Permalink

            Egregio: io lo avevo spiegato fin dall’inizio della operazione come andava inteso questo tentativo di rianimazione dopo che eravamo già morti uccisi dai killer Ghiro & Taci (autore del colpo di grazia). Poi lo 0,1 lo attribuisco anche in base a certi movimenti che Manenti fa che mi fanno intendere che si stia dando da fare.

            Saluti

      • 4 Marzo 2015 in 20:20
        Permalink

        basta non se ne puo’ piu di sntire mjo difendre manenti ……

        • 4 Marzo 2015 in 20:27
          Permalink

          Basta non ne posso più di sentirmi dire che difendo Manenti…

  • 4 Marzo 2015 in 18:28
    Permalink

    io però non ho capito se il piano è solo per giocare fino alla fine o per salvare il parma….

  • 4 Marzo 2015 in 18:35
    Permalink

    Cacchio! Qui rischiamo di trovarci dentro (in maniera indiretta) in un’indagine sulle infiltrazioni della mafia in Emilia!

    • 4 Marzo 2015 in 18:51
      Permalink

      Se Totò Riina salvasse il Parma, io gli bacerei le mani.

        • 4 Marzo 2015 in 19:06
          Permalink

          Scherzavo, eh…

      • 4 Marzo 2015 in 19:01
        Permalink

        Ma non diciamo cazzate…un minimo di dignità cazzo…meglio in D che i soliti mafiosi del calcio…gli unici dispiaceri di ripartire dalla D sono i crediti che tutti i fornitori perdono e tutto il settore giovanile che si scioglie ma per il resto è una pulizia che serve

        • 4 Marzo 2015 in 19:21
          Permalink

          La d la faccia la Spal, Luca.

          • 4 Marzo 2015 in 19:37
            Permalink

            Perché speri ancora nella B per caso?…solo il Manenti può salvarci dalla D…e il che è tutto dire.
            Non c’è nulla di male nel partire sani da una D, l’unico problema, come ripeto, sono i crediti che perdono i fornitori e tutto il settore giovanile che va in fumo

  • 4 Marzo 2015 in 18:42
    Permalink

    ma se 30 dei 70 milioni sono debiti verso aziende di ghirardi, chi li paga?

    • 5 Marzo 2015 in 01:46
      Permalink

      Dobbiamo intenderci di cosa stiamo parlando. In questi giorni quando io parlo di 70 milioni mi riferisco al “debito sportivo” cioè quello che va versato obbligatoriamente in caso di fallimento pilotato per mantenere la categoria.

      I debiti verso aziende o fornitori non rientrano tra i debiti sportivi, e restano in mano al curatore fallimentare. Quelli con Ghirardi, comunque, credo siano inesibigili.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 4 Marzo 2015 in 18:48
    Permalink

    Majo sono completamente in disaccordo della difesa di questo personaggio, lui sta solo ritardando le giuste indagine della magistrature sulle gestioni del parma dal 2007 ad oggi. Non c’è nessun piano basta illudersi.
    Se fossi in Pizzarotti chiederei al Manenti i soldi in arretrato per il Tardini o non si gioca neppure domenica.

    • 5 Marzo 2015 in 01:38
      Permalink

      Egregio io non sto difendendo un bel niente, non essendo un patrocinatore. Che stia ritardando le giuste indagini della magistratura non mi pare proprio giacché le medesime mi pare procedano spedite. A parte che dovrà presentare il bilancio degli ultimi tre anni, e non dal 2007.

      Non c’è alcun piano? Lo vedremo in occasione della definitiva dead line, perché lì non conteranno le canelle, ma i fatti.

      Illudersi? Non mi pare di fomentare le illusioni di nessuno avendo parlato fin dall’inizio di pozione di stregone somministrata ai cadaveri e concedendo una possibilità su mille di riuscita.

      Pizzarotti chiede 1.150.000 euro a MapiMan? Beh, sarebbe ridicolo dopo che ha fatto credito per tutti questi anni al caro Ghiro…

      E poi credo che al Pizza facciano schifo gli eventuali quattrini del “Mano”, anche se quelli di Taci no…

      Cordialmente

      Gmajo

  • 4 Marzo 2015 in 18:50
    Permalink

    Ma quali difcicolta’ scusi direttore! E’ tutto estremamente facile: Non c’e’ un bel tubo di niente. E dal niente no sortisce niente. Neanche x Mapi Magic Miracolo!

  • 4 Marzo 2015 in 19:10
    Permalink

    Io nutro della mapifiducia in questi giorni!
    Sarà che il direttore trasmette un Po di fiducia e sono convinto che sa qualcosa che per un patto di riservatezza non ci può dire!
    Mi sbaglio direttore?

    • 4 Marzo 2015 in 19:22
      Permalink

      No, vi ho detto anche troppo… Non trattengo più neanche la pipì…

  • 4 Marzo 2015 in 19:11
    Permalink

    Majo ti chiedo una cortesia, faresti una bella articolessadi riassunto sugli ultimi avvenimenti? Io non ci sto più capendo nulla, puoi farla anche senza commenti personali. Grazie mille

    • 4 Marzo 2015 in 19:21
      Permalink

      Caro te, sapessi quanti pezzi vorrei fare e non ci salto fuori per mancanza di tempo…

      oggi, ad esempio, ho scelto di privilegiare il dialogo coi lettori…

  • 4 Marzo 2015 in 19:24
    Permalink

    Direttore buongiorno, io continuo a leggere dichiarazioni di Baraldi solo per puro scopo pubblicitario, possibile mai che nessuno gli faccia notare che per la sua gestione al parma nel mese di Dicembre ha ricevuto una condanna (con patteggiamento) di un anno e otto mesi ?? E poi questa mattina leggo sul corriere dello sport che Melli parla dicendo che il disastro del Parma e’ dovuto dai troppo giocatori contrattualizzati e con il gioco delle plusvalenze e contratti camuffati da la clausola dei diritti dell’immagine per eludere la COVISOC, possibile mai che nessuno faccia notare al Sig. Melli che la sua compagna avv. Serena Silvia era componente del CDA e fin che gli andava bene erano in silenzio entrambi, possibile che nessuno gli fa’ notare che con Ghirardi hanno rinnovato il contratto di due anni un mese prima della cessione a Taci e solo per blindarsi (comportamento scorretto) cosi che il nuovo proprietario si trovava gia due contratti e impossibilitato a mandarli via o salvo trattativa e quindi incasso del dovuto anche in parte del nuovo contratto. Trovo vergognoso tutto questo. Mi auguro che l’eroe santo di Melli un giorno tutti capiscono cosa sia….poi se volete posso parlarvi anche di appartamenti di proprieta’ famiglia Melli in affitto a calciatori (altro introito in entrata grazie al Parma)….direttore perche’ dopo aver indagato su Taci su Manelli e perfino sull’uscere di Collecchio si cominci ad indagare su Melli e Serena Silvia. Mi sono abbastanza scocciato di leggere parole da parte di finti santi che dentro il proprio armadio hanno piu’ cadaveri di Manelli e la sua C3. Mi aspetto direttore se possibule un commento sul mio post.
    Grazie.
    Matteo b

    • 4 Marzo 2015 in 21:28
      Permalink

      Che Silvia Serena fosse nel Cda l’ho detto anche in tv, peraltro provocando il disappunto dello stesso Melli che me lo ha espresso apertamente. Mi hanno precisato che è stato per pochi mesi e ne prendo atto, anche se io pensavo un po’ di più. per il resto ho già detto nei giorni scorsi che le rivelazioni postume non mi esaltano per cui Melli avrebbe dovuto cantar prima e non assecondare una situazione che evidentemente stava bene anche a lui. Indubbiamente, però, i due coniugi, sebbene teoricamente ben pagati, non hanno ricevuto mensilità per diverso tempo. Il discorso degli appartamenti in affitto ai giocatori, di cui non ero a conoscenza, e che chiederò agli interessati se corrisponde al vero, e lei si assume ogni responsabilità in merito alla rivelazione, penso che ci possa anche stare, e non credo sia giusto dire che sia un guadagno derivante dal Parma.
      Sulle rivelazioni sui contratti coperti da diritto di immagine penso che Melli dovrà esser sentito dalla procura federale.
      Cordialmente
      Gmajo

      • 4 Marzo 2015 in 21:52
        Permalink

        Caro MatteoB

        intanto ti porto gli affettuosi saluti di Sandro Melli, che ti saluta caramente.

        Mi ha detto di dirti che se cerchi meglio puoi trovare anche degli scheletri nell’armadio migliori all’appartamento che in effetti affitta a un giocatore. Giocatore che non prendendo lo stipendio, però, non gli paga la pigione, per cui il danno che subisce dal Parma è doppio, perché non solo non riceve gli emolumenti che gli sono dovuti da mesi, ma, appunto, ha anche quest’ulteriore aggravio visto che l’inquilino dell’appartamento si trova ad esser moroso, benché il canone, secondo Melli, sarebbe di circa 600 euro.

        Cordialmente

        Gmajo

  • 4 Marzo 2015 in 19:28
    Permalink

    Sono tranquillissima Majo, sto giro, ahimé, non toccherà a me pagare…
    Cos’era invece la storia della Brixia o come cavolo si chiamava?

  • 4 Marzo 2015 in 19:51
    Permalink

    Ci sarebbe un modo per vincere non giocando domenica con l’Atalanta. Dovremmo mandare i campo i pulcini e son certo i giocatori dell’Atalanta sarebbero loro a non voler giocare.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI