martedì, Aprile 23, 2024
In EvidenzaNewsVideogallery Amatoriale

AVV. MALVISI: “UNA SENTENZA DELLA CASSAZIONE SANCISCE CHE IL TRIBUNALE STESSO PUO’ DISPORRE L’ESERCIZIO PROVVISORIO GIA’ CON LA SENTENZA DICHIARATIVA DI FALLIMENTO”

AVV. MALVISI: “UNA SENTENZA DELLA CASSAZIONE SANCISCE CHE  IL TRIBUNALE STESSO PUO’ DISPORRE L’ESERCIZIO PROVVISORIO GIA’ CON LA SENTENZA DICHIARATIVA DI FALLIMENTO”

VIDEO INTERVISTA DI GABRIELE MAJO

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 60 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 a Dicembre 2023 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società. Dal 2010, a conferma di una indiscussa poliedricità, ha iniziato un percorso come attore/figurazione speciale di film e cortometraggi: l'apice l'ha raggiunto con il cammeo (parte parlata) all'interno del pluripremiato film di Giorgio Diritti "Volevo Nascondermi" (con presenza nel trailer ufficiale) e partecipazioni in "Baciato dalla Fortuna", "La Certosa di Parma", "Fai bei sogni" (del regista Marco Bellocchio), "Il Treno dei bambini" di Cristina Comencini, "Postcard from Earth" del regista Darren Aronofsky, "Ferrari" del regista Michael Mann. Apparizioni anche nei cortometraggi nazionali "Tracce", "Variazioni", "L'Assassinio di Davide Menguzzi", "Pausa pranzo di lavoro"; tra i protagonisti (Ispettore Majo) della produzione locale della Mezzani Film "La Spétnèda", e poi nei successivi lavori "ColPo di Genio" e "Franciao".

18 pensieri riguardo “AVV. MALVISI: “UNA SENTENZA DELLA CASSAZIONE SANCISCE CHE IL TRIBUNALE STESSO PUO’ DISPORRE L’ESERCIZIO PROVVISORIO GIA’ CON LA SENTENZA DICHIARATIVA DI FALLIMENTO”

  • Anna commenti??
    Per scherzare un po’
    Luca s

  • 5.000.000€ x 1€

    tutti a festeggiare il Mapi in galera mentre il Porky Pig resterà impunito e la Lega Figc si salvano il culo da Sky…

  • Almeno ci siamo tolti dalle palle quel farabutto ed ora speriamo che l’orizzonte possa schiarisci meglio senza lo sdentato tra le palle.

    Majo mi viene in mente quello sfigato di MAT quando aveva scritto che la persona in auto col Manenti era il nuovo proprietario del Parma… col senno del poi mi dico che hai fatto proprio bene a trattarlo da testa di cazzo.

  • “Ottimo, dai! Praticamente c’è lo ricompriamo noi il Parma”. Ciao Direttore, ho trascritto una frase delle intercettazioni pubblicate che mi ha lasciato un po’ perplesso. Ora, non voglio essere pignolo, ma si RICOMPRA una cosa se prima si era già in possesso della stessa. Un errore dovuto all’ignoranza degli interlocutori o, secondo te, c’è da aspettarsi qualche altro colpo di scena!

    Con affetto

    JB

    • Ciao Jonathan

      e scusa se ti sto trascurando un po’, ma come vedi c’è molto fieno in cascina e non ci stiamo negando nulla. Diciamo che con Manenti abbiamo battuto il Brescia…

      Però consolati perché non trascuro solo Te ma anche RoDio, senza far differenze: lui pensava persino che ce la potessi avere con lui (che avesse la coda di paglia?!?) 🙂

      Detto questo ti dico che anch’io leggendo sommariamente gli articoli di oggi mi sono soffermato sulla frase da te rimarcata: quel ricomprare (o “riprendercela”, se volessimo ricordarci di un fortunato, si fa per dire, claim) dava il senso, come dire, della “vecchia conoscenza”. Però lor signori intercettata, a quanto ne so io, non hanno mai avuto niente a che vedere col Parma e penso che gli accadimenti di oggi possano aver dimostrato che se Manenti aveva qualcuno alle spalle questi non era di certo Ghirardi come qualche mente eccelsa poteva aver pensato; né, direi, Leonardi. In realtà non ci metterei la mano sul fuoco, perché purtroppo negli ultimi mesi mi pare avesse avuto qualche relazione pericolosa di troppo, ma per quelli che sono gli elementi a mia disposizione (il puzzle non è completo, ma di tessere del mosaico ne avevo parecchie) penso che non ci fosse nulla di preordinato, data la casualità di come è avvenuto l’approccio con Manenti e la decisione inimmaginabile solo poche prima di Taci di disfarsi del fardello.
      Comunque immagino che di colpi di scena questa tragedia ne possa riservare ancora. Ma trattandosi di sorprese diventa difficile prevederle.

      Un abbraccio

      Gmajo

  • Anna Fanerani

    Un altro intervento entusiasmante, il prof Malvisi ancora una volta fa un’opera di divulgazione mai banale, va oltre il solito ritornello trito e ritrito, oltre le cose dette e ridette. Un autore entusiasmante che si oppone al solito cumulo di informazioni mal trangugiate.
    Un intervento mai banale e che permette ai tifosi di imparare divertendosi.
    Ossequi
    Anna

  • Ma scusi sig.ra Anna Fanerani:ma ci sei o ci fai?

    Scusa Majo per caso e’ la tua fidanzata?

    • Semmai quella dell’avv. prof. granduff. Malvisi… Mi pare che abbia un debole per lo statuario uomo di legge. O al limite per Savarese e Dondi…

  • Beh..che manenti non fosse un uomo della banda è dura da far credere… con che soldi prendeva il brescia?..con gli stessi che avrebbe usato per il parma… quindi a tutti gli effetti è un ladro informatico come gli altri..anche se sicuramente con i PC c’entrava poco… Ha fregato un sacco di gente, punto e basta..e scusi, direttore, ma ha fregato lei, che gli dava un po’ credibilità-speranza in virtù di un rapporto personale che non ha avuto con altri; ha fregato chi credeva che avesse dietro Ghirardi e ha fregato me, che credevo fosse solo un millantatore… quindi per piacere, diciamo le cose come stanno, senza nasconderci dietro ad un dito… al sa freghè tut!!

    • Corro il rischio di ripetermi, ma io non mi sento fregato. Era palese che Manenti non potesse esser uno stinco di santo e che i soldi chissà quale provenienza avevano, ma il mio 0,1% si fondava sul fatto che riuscisse ad averli puliti o perlomeno puliti per l’antiriciclaggio. Dalle notizie che raccoglievo presso gli interessati ero al corrente di risorse estere che non riusciva a tradurre in lingua italiana, ma ero anche al corrente di operazioni che sembravano essere andate a buon fine. e a me lo dicevano gli aventi diritto, tanto per capirci. Ecco perché non lo bollavo uno da tso o un pezzente. Difficoltà che io, in buona fede, mettevo in correlazione con la guerra mondiale che si era scatenata dopo il suo arrivo e che poteva complicare la traduzione ulteriormente. Ovviamente non potevo sapere che tipo di banda avesse dietro Manenti, perché, ovviamente, non gli avrei concesso per nulla la mia fiducia.
      Vorrei precisare, poi, che io non ho avuto alcun rapporto personale con Manenti (che in vita mia ho visto solo in occasione di quelle due o tre apparizioni pubbliche in mezzo alla gente, senza aver mai avuto colloqui privati, salvo che quelle quattro o cinque telefonate di cui ho riferito i contenuti ai lettori, anche quando erano solo chiacchierate informali e non sotto forma di intervista) e quindi è errata la sua affermazione al riguardo.
      Cordialmente
      gMAJO

      • non ci sei andato lontano nella tua interpretazione (alla fine i soldi da qualche parte c’erano )…l arresto poteva immaginarlo solo Nostradamus! Cmq il fatto che non avesse dietro nessun russo facoltoso spiega un po ‘il suo look trasandato i pochi denti e i pochi soldi che dimostrava di avere…Non era stato scelto quale traghettatore da una persona danarosa straniera ma si occupava lui di racimolare un po ‘ di soldi di qua e un po’ di là con riciclaggi vari…insomma un tragattino sfigato con qualche ”socio”smanettone e qualche mafioso alle spalle incontrato chissà come. In ogni caso resta l’enorme punto interrogativo su quanto questa gente fosse ”disperata ” x affidarsi a un furbacchione come manenti…a mettersi in ”affari” con uno cosi le manette sono un rischio concreto….non si può dire che non abbia fatto di tutto x attirare l attenzione su di sé accendendo i riflettori sui suoi sporchi traffici con conseguente tintinnio di manette. …A chi non ha seguito le indicazioni di Majo avute dai suoi talponi, sembrava semplicemente un mitomane matto da legare ma il quadro era differente…

  • Non è Manenti si ripresenta chiedendo di fare il curatore fallimentare? 😀 Si scherza per sdrammatizzare, eh.

  • E Galimberti in tutto questo?che bella figura di m….a

    • E’ un intermediario. Non so quanto fosse al corrente dei traffici di Manenti. Ma penso che almeno come persona informata sui fatti possa esser ascoltato.

      Cordialmente

      Gmajo

      • Come minimo avrà lavorato gratis, come alborghetti e gli altri

        • Le informazioni provenineti da questo sito e non solo erano che i collaboratori di Manenti venissero profumatamente pagati.

          • Coi soldi che nn riusciva a scaricare col pos del Tardini? Avrà detto che i soldi arrivano domani…Se invece è riuscito a pagare con bonifico E non glielo hanno bloccato,non se se quei soldi potranno tenerseli…

  • Il Marcello della Parmagjanità

    #PaoloMalvisi tira fuori dalla gayoffa il ns PRES, ke è un prigioniero politico. Ke lui faceva la politica del salvarci e qui vogliono fare quella del fallirci. #FreeManenti #QandoLaBandaPassòILmioPresidenteEraLì

I commenti sono chiusi.