DOMANI A MEZZOGIORNO I CURATORI INCONTRERANNO I DIPENDENTI DEL PARMA. QUANTO ERA OPPORTUNO CHE OGGI DI TARANTO E PRETI FOSSERO AL LAVORO A COLLECCHIO?

(gmajo) – Erano stati gli stessi Anedda & Guiotto, durante la conferenza stampa di sabato scorso, ad annunciare a sorpresa (poiché gli interessati non erano stati ancora informati) che domani, martedì, avrebbero incontrato i dipendenti per spiegare cosa li aspetta durante l’esercizio provvisorio che, come ormai è ben noto, dovrà essere confermato dal giudice Rogato il prossimo 15 aprile se i curatori avranno verificato che i ricavi saranno superiori ai costi (in caso contrario ci sarebbe l’immediata interruzione dell’attività per non aggravare il monte debiti). Solo in serata alle maestranze è stato fatto sapere che la riunione è fissata per le 12 di domani. Oggi, intanto, erano regolarmente al lavoro negli uffici del Direzionale di Collecchio il direttore amministrativo e finanziario Preti e il direttore operativo ed organizzativo Di Taranto (quest’ultimo interpellato telefonicamente da Lucarelli a proposito della sua squalifica di tre giornate dopo il cartellino rosso di ieri, dunque considerato come un vero e proprio punto di riferimento): penso sia lecito porsi qualche dubbio sulla opportunità di essere ancora in servizio per la società dopo esser stati indagati venerdì scorso dalla magistratura con l’ipotesi di concorso in bancarotta fraudolenta. Da garantista ricordo che chiunque, fin quando non è condannato, è da ritenersi innocente: però mi pare che ogni contratto di categoria preveda la sospensione cautelativa in casi come questo. Molti altri dipendenti, oggi, hanno usufruito o di un giorno di riposo o di ferie, anche perché con gran parte degli uffici sigillati, o senza computer a disposizione diventa difficile poter svolgere regolarmente la propria attività. Attività, comunque, che fino a prova contraria non deve interrompersi poiché essendo stato disposto (peraltro direttamente dai tre giudici fallimentari in sentenza e non richiesto dai curatori) l’esercizio provvisorio si desume che la stessa debba proseguire. Anche se solo domani Anedda & Guiotto illustreranno come.

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

“IL 15 APRILE RIFERIREMO AL TRIBUNALE SE L’ESERCIZIO PROVVISORIO SARA’ SOSTENIBILE IN BASE A COSTI E RICAVI” – Il video integrale della conferenza dei curatori fallimentari

I CURATORI FALLIMENTARI DEL PARMA E I LORO STAFF IN TRIBUNA CENTRALE PETITOT AL TARDINI PAGANDO REGOLARMENTE IL BIGLIETTO

IL PARMA F.C. E’ FALLITO. DISPOSTO L’ESERCIZIO PROVVISORIO. ANEDDA E GUIOTTO I CURATORI, GIA’ A COLLECCHIO: “Faremo di tutto per giocare”

FALLIMENTO PARMA F.C., MANCA SOLO L’UFFICIALITA’, MA TUTTO E’ PREDISPOSTO PER L’ESERCIZIO PROVVISORIO. RICCOBENE: “DOMENICA, COMUNQUE, SI POTREBBE LO STESSO GIOCARE” video

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

86 pensieri riguardo “DOMANI A MEZZOGIORNO I CURATORI INCONTRERANNO I DIPENDENTI DEL PARMA. QUANTO ERA OPPORTUNO CHE OGGI DI TARANTO E PRETI FOSSERO AL LAVORO A COLLECCHIO?

  • 23 Marzo 2015 in 20:07
    Permalink

    Uno dei due curatori, quello più giovane, somiglia vagamente a Beppe Cardone…

  • 23 Marzo 2015 in 20:29
    Permalink

    Se lui non vuole mollare lo scranno è di competenza dei curatori ora sospenderlo dall’attività.

  • 23 Marzo 2015 in 21:38
    Permalink

    Più altro, essendo una società fallita, sarebbe bello che tutti quelli che hanno avuto a che fare con la gestione precedente non si facciano più vedere in giro.

  • 23 Marzo 2015 in 22:16
    Permalink

    Direttore a Tv parma hanno fatto capire che i curatori non potranno negoziare il debito sportivo che le aste andranno deserte in quanto nessuno investirà 80 milioni e che siamo in D. Cerchiamo di essere onesti con la gente, non c’è nessuna speranza…. Purtroppo è’ game over!!

    • 23 Marzo 2015 in 22:25
      Permalink

      Mi sa che siano loro a dire cocorbellerie. Il debito sportivo è negoziabilissimo. Ciò non toglie che sia difficile anche a 20 ml

    • 24 Marzo 2015 in 00:38
      Permalink

      A tv Parma fanno informazione solo per sbaglio. Loro tirano la volata alla cordata locale.
      Qua, a tutti i livelli, dai media ai tifosi, si è passati dall andarsela a riprendere a rinascere in serie d, forse bisognerebbe riflettere un po’ di più perchè con tutto il rispetto di chi vorrebbe investire (2 soldi) la d sarebbe un dramma a 360gradi

      • 24 Marzo 2015 in 06:15
        Permalink

        Hai perfettamente ragione. Questa voglia di D a tutti i costi e’ da scellerati

      • 24 Marzo 2015 in 09:56
        Permalink

        Bravo….che mandria di pecoroni Gdp,TvPr,Boys. …ci stanno facendo una pessima figura

      • 24 Marzo 2015 in 14:39
        Permalink

        Come si puo dare credito ai giornalisti (si fa per dire) di tvparma e gdp??

    • 24 Marzo 2015 in 09:53
      Permalink

      Ma non guardare Tv parma,porca miseria oppure non prendere x oro colato quel che dicono! Fanno ”terrorismo” televisivo come la GdP….ti fanno venire un coccolone x nulla

  • 23 Marzo 2015 in 22:30
    Permalink

    CARO MAIO,MA TU SPIEGAMI CHE SENSO HA SCRIVERE UN ARTICOLO DEL GENERE…??IL FATTO CHE I GIOCATORI ABBIANO COME RIFERIMENTO DI TARANTO VUOL DIRE CHE HANNO PIENA FIDUCIA IN LUI…E NON SOLO…STIMA E SICURAMENTE LA CONSAPEVOLEZZA CHE LUI IN TUTTO QUESTO DISASTRO CREATO DA ALTRI NON C’ENTRA PROPRIO NIENTE…DI SICURO NON SARAI TU A GIUDICARLO….E NEANCHE LA GENTE CHE NON LO CONOSCE….CHI SA CHI E’ CORRADO DI TARANTO PUO’ SOLO PARLARE DI UNA PERSONA SERIA, COMPETENTE E SOPRATTUTTO ONESTA….GLI ALTRI PRIMA DI PARLARE DI LUI SI DEVONO SCIACQUARE LA BOCCA….FAI UNA COSA MAIO…INVECE DI SCRIVERE QUESTI ARTICOLI STUPIDI NON SALUTARLO PIU’….COSA PENSI DI FARE DEL BENE SCRIVENDO QUESTE …. ?????CERCA DI FARE INFORMAZIONE E NON VALUTAZIONI SULLE PERSONE SE NON SAI QUANTO VALGONO!!!!

    • 23 Marzo 2015 in 22:47
      Permalink

      Lei impari a leggere perché non mi pare di aver espresso alcun giudizio. Anzi. Ho solo posto il dubbio sull’opportunità che siano al loro posto.
      Cosa c’entra togliere il saluto.
      Forse è più stupido il suo commento, peraltro urlato da maleducato, che non il mio delicato intervento.
      Saluti
      Gmajo

  • 23 Marzo 2015 in 22:57
    Permalink

    Deludente la risposta in studio sui qatarioti, il vostro sorrisino mi ha fatto pensare che si è trattata di una bufala.

    • 23 Marzo 2015 in 23:05
      Permalink

      Bufala una benedetta mazza.
      Il sorrisino era per la battuta sul patto di riservatezza (cavallo di battaglia di taci).
      La notizia era vera, ma se ho dato la mia parola di non svelare delle info riservate non le rivelo neppure sotto tortura.
      Saluti
      Gmajo

  • 23 Marzo 2015 in 22:57
    Permalink

    Che il debito sia in sè negoziabile è acclarato suvvia. Occorre poi capire l’entitá della negoziabilitá, può esserlo al 5%’ al 10′ al 40 o più, ed anche questo è chiaro a tutti. Ciò che invece mi chiedo è l’entitá dell’attivo (se c’è) e la velocitá di realizzo, contrapposto al debito diverso da quello sportivo (fornitori, dipendenti e collaboratori vari non tesserati ed anche il fisco). Una buona parte pare sia connessa ad azioni risarcitorie che inevitabilmente, in quanto tali, si risolveranno quantomeno in 5 o 7 anni. Pongo poi una domanda forse elementare (non per me): come si potrebbe svolgere questa benedetta negoziazione? Il curatore concorda con i giocatori un debito (facciamo, per dire, da 70 a 30 milioni) e sará questo il prezzo chiesto al compratore che pagará esso stesso i 30 ai giocatori, oppure come? Scusate l’ignoranza.

    • 24 Marzo 2015 in 03:02
      Permalink

      Un conto è il ramo d’azienda o diritto sportivo della nuova società in bonis, contenente il parco giocatori, etc. che è il prezzo della base d’asta; un conto è il debito sportivo (appunto i famosi 74 milioni negoziabili) che vengono pagati a parte dal compatrore oltre a già citato titolo sportivo.

      La negoziazione, visto che si tratta al 90% di debiti vs calciatori verrà fatta dai curatori (anche se non sarebbe il loro compito istituzionale) con l’AIC, associazione calciatori. Almeno così mi pare di aver capito durante la conferenza stampa dei due curatori di sabato.

      io resto dell’idea che servirebbe uno specialista della materia che possa rinegoziare i debiti, magari prolungando i contratti degli aventi diritti, cioè spalmando nel tempo quanto dovuto (anche se questo comporterà ulteriori oneri),

      Cordialmente

      Gmajo

      • 24 Marzo 2015 in 08:26
        Permalink

        Si però direttore se si vanno a spalmare i debiti con prolungamento di contratti si continua a fare il giochetto di Ghirardi e Leonardi, soprattutto x quei giocatori che non rientrerebbero nei piani di un progetto x la B e soprattutto xke in B penso che non ci si riesca a permettere gli attuali contratti dei vari Palladino, Galloppa, ecc

        • 24 Marzo 2015 in 09:37
          Permalink

          Lo so. Purtroppo, però, in un qualche modo devi pur fare. E pagare 50 ml in cinque anni è diverso che sull’unghia, pur restando un investimento “folle”, e quindi difficile da realizzarsi.
          Cordialmente
          Gmajo

  • 23 Marzo 2015 in 23:10
    Permalink

    il responsabile amministrativo, che debbo dire a me è simpatico per l’umanitá che ha mostrato col formidabile vecchietto tifoso fuori dal tribunale (che sia colpevole o no non Sta a me giudicare, certo ha un ruolo molto particolare ed è quasi un atto dovuto indagarlo), è figura indispensabile per la curatella per acquisire gli indispensabili dati contabili. Quello organizzativo anche.

    • 23 Marzo 2015 in 23:23
      Permalink

      Nell’articolo ho specificato che da garantista so bene che chiunque è innocente fino all’ultimo grado di giudizio però penso sia lecito, checché se ne dica, porsi la domanda se è giusto che restino in servizio considerato lo status di indagati. Penso che anzi la sospensione sia di garanzia anche per loro oltre che per l’azienda.
      Cmq saranno i curatori a decidere.
      Saluti
      Gmajo

    • 24 Marzo 2015 in 08:32
      Permalink

      A proposito del vecchietto (mi sfugge il nomignolo ma è credo ex arbitro amatoriale) mi ricordo un episodio di quando ho iniziato ad amare il Parma. Era anno della C1 con promozione in B con Perani, credo 1984 dopo una sonora vittoria al tardini con la Spal con gol anche di Barbuti ero andato a fine partita (ragazzetto tredicenne) ad aspettare i giocatori sotto la tribuna (non c’erano divisori allora..) quando è sceso Massimo gli siamo piombati addosso e il Vecchietto non lo mollava e gli ha chiesto un gol anche a Vicenza, Massimo lo ha promesso: cosa puntualmente avvenuta…e poi con Sanremo promozione in B (gol di Stefano Pioli di ginocchio..)
      Che ricordi, era C1 ma è stato fantastico lo stesso…
      Scusate l’Amarcord…
      Avanti Crociati

      • 24 Marzo 2015 in 09:28
        Permalink

        Anzi, grazie a te

        Il vecchietto si chiama gianni erilli

  • 24 Marzo 2015 in 01:08
    Permalink

    Caro Direttore, le pongo un quesito: chi deve trattare il debito sportivo? I curatori o il potenziale acquirente? Ipotizziamo che lo facciano i curatori e ottengano il 50% in meno. E se nessuno comprasse ugualmente cosa succede? Chiedono ai giocatori di ridurre ancora il loro credito? Ipotesi 1 direi poco credibile. Non ipotizzo neanche che la trattativa la possa fare il potenziale compratore poiché prima si dovrebbe impegnare a farsi carico dell’intero debito con la “speranza” di ottenere una riduzione. Ipotesi 2 altrettanto poco credibile. Secondo me le aste vanno deserte, viene perso tutto il patrimonio aziendale, sportivo è umano e si dirà che purtroppo la situazione era irreversibile. Non serve a nulla continuare ad illudere i tifosi, chi governa il calcio vuole solo vedere il Parma in campo fino all’ultima di campionato poi se ne fregheranno tutti!!!!

    • 24 Marzo 2015 in 03:12
      Permalink

      Il debito sportivo sarà trattato, secondo quanto dichiarato dai curatori durante la conferenza stampa da loro stessi in collaborazione con l’associazione italiana calciatori e i giocatori stessi,

      Come già specificato un conto è il diritto sportivo cioè il ramo d’azienda che la newco acquisterà all’asta comprendente il parco giocatori (in questi giorni oggetto di stima da parte dei periti nominati) e un conto il debito sportivo stimato in 74 ml che può essere negoziato come sopra specificato.

      Per quanto ci riguarda, pur essendo noi stessi un po’ illusi, cerchiamo di non illudere nessunp.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 24 Marzo 2015 in 09:40
        Permalink

        Come è possibile che venga trattato il debito sportivo durante una conferenza stampa???? Stiamo scherzando???? non ho mai detto che Lei abbia illuso i tifosi, al contrario, il suo scetticismo nei confronti di chi si è succeduto in questi mesi alla fine Le ha dato ragione. Sono ottimista per natura ma credo che questa volta prevarranno gli interessi politici rispetto a quelli sportivi. A mio modesto avviso i curatori si dovrebbero concentrare sulle azioni di responsabilità verso i vecchi dirigenti.

  • 24 Marzo 2015 in 06:25
    Permalink

    Rieccoli !!!! è Tutto Perscritto !!!! e Allora ragaz

    La Bolla di Sapone Continua !!!! Ke Commedia

    Grazie di Esistere Esseri Limpidi e Meritevoli !!!!

    Alla Faccia di Ki Sospetta !!!! Ke Traghetè !!!!

    Complimenti x TUTTO !!!! BIS…BIS… !!!!

  • 24 Marzo 2015 in 08:27
    Permalink

    Scusi Direttore ma chi sarebbe quel cavaliere bianco che si accollerebbe diciamo ottimisticamente 30 milioni di debito sportivo + 10 per l’acquisto della società + 10 per fare la squadra in serie B e quindi un totale di 50 milioni in questo periodo di crisi economica e nel parma praticamento a 2 mesi dalla scomparsa? E soprattutto senza neanche avere un centro sportivo di proprietà perchè il fenomeno di carpenodolo a pensato bene di escluderlo dal parma calcio…..
    Direi che con queste basi la serie D sia una garanzia…

    • 24 Marzo 2015 in 09:33
      Permalink

      Se il Cavaliere bianco si materializzasse non saremmo a due mesi dalla scomparsa del Parma.
      Io resto scettico come lo è lei, ma c’è chi sostiene con un certo ottimismo che serva meno del cinquantello da lei ipotizzato.
      Staremo a vedere…
      Cordialmente
      Gmajo

      • 24 Marzo 2015 in 10:49
        Permalink

        scusi è però la storia che ci servono dei soldi per fare la squadra di b è una cazzata…abbiamo 150 giocatori sul groppone e non riusciamo a fare una squadra di b?!?!Secondo me dovremo vendere altro che comprare…

  • 24 Marzo 2015 in 09:10
    Permalink

    E’ possibile chiedere ai curatori se, in caso di mancato accordo con i tesserati, sia possibile mettere all’asta il titolo sportivo senza tesserati, perché ci si troverebbe nell’ipotesi che al 30 giugno il debito vale 74, mentre al 1 luglio il debito sportivo sarebbe di molto inferiore, in quanto tutti quelli che vanno in svincolo per fine contratto o per messa in mora sono liberi quindi credo che il loro credito dovrebbe andare come insinuazione nel passivo del fallimento.
    Premetto che potrei aver scritto delle cose inesatte, per questo chiedo se è possibile informarsi.
    Grazie.

  • 24 Marzo 2015 in 09:55
    Permalink

    Per me la serie D sarebbe la fine del Parma IRREVERSIBILE.Magnati come Tanzi a Parma non ce ne sono piu. .Ci sono tante squadre blasonate che sono partiti dalla D che hanno fatto anche la serie A ma sono sparite e sepolte.Se si va in D è la fine del calcio a PARMA e poi perderemmo il settore giovanile che è il nostro fiore all’occhiello e forse il centro di Collecchio.

  • 24 Marzo 2015 in 09:58
    Permalink

    Per me il debito sportivo verrà più che dimezzato. Se ti offrono o il 30% di quello che tu dev prenderei o niente,un giocatore secondo voi,cosa scegliera’?

  • 24 Marzo 2015 in 10:05
    Permalink

    Personalmente se avessi un avviso di garanzia sul groppone (innocente o meno) proverei vergogna o rabbia x averlo ricevuto (a seconda se fossi o meno colpevole) e cmq preoccupazione x come potrebbe andare a finire…
    In ogni caso mi dimetterei immediatamente da quasiasi icarico senza mettere più piede sul luogo di lavoro, anche perché nessuno abbia a dire che sto inquinando le prove o altro….
    Ma evidentemente i signori in questione hanno più pelo sullo stomaco di me e non si fanno certi problemi

    • 24 Marzo 2015 in 10:30
      Permalink

      Xche’ hai pelo sullo stomaco? Donna pelossa, donna virtuossa… 🙂

      • 24 Marzo 2015 in 13:03
        Permalink

        Non abbastanza x essere virtuosa eheh…
        Invece ai nuovi ”amici ” del sito neanche rispondo. ..se vogliono offendersi facciano pure i permalosi a vuoto dato che non sono stata offensiva ma ho solo detto come mi comporterei io…
        (E questi interventi cosi ”decisi” fanno pensare a una difesa in prima persona o a qualcosa del genere…esagerando nel rimarcare le cose si perde credibilità)

        Mi viene quasi da spezzare una lancia a favore di Leonardi che almeno si è tolto da una situazione imbarazzanti x lui e x gli altri (convinto anche dal suo malessere ) in attesa che la giustizia faccia il suo corso. ..

        • 24 Marzo 2015 in 18:53
          Permalink

          Direi che nessun si sia offeso e nessuno le ha detto di essere stata maleducata o offensiva ma di dare giudizi su persone senza magari nemmeno sapere di chi si sta parlando .. Mi sta bene fino a quando lei parla di come si comporterebbe in questa situazione ma non quando li addita come “gente con il pelo sullo stomaco”… Comunque pensi quello che vuole ma non è perche non si spara m… su qualcuno si debba per forza essere di parte o la persona stessa …

          • 24 Marzo 2015 in 18:58
            Permalink

            Mi viene il vomito a pensare che persone possano appoggiare anche solo per fare una battuta un comportamento alla Schettino se così lo vogliamo chiamare … È’ scappato lasciando tutti in balia della tempesta cercando solo di pararsi il cosi detto per non arrivare all’intero arabile cioè il confronto finale con noi tifosi

          • 24 Marzo 2015 in 21:22
            Permalink

            Fine dice davvero o scherza? ….non so dove abbia visto sparare m…a (come dice lei) nelle mie parole o nell’articolo. Pelo sullo stomaco=coraggio. ..ne hanno, bravi..complimenti a loro che hanno e avranno sempre incarichi prestigiosi.
            se dopo un avviso di garanzia non sono libera di dire che hanno coraggio siamo al paradosso……..
            Si faccia venire il vomito quanto vuole ma ne verranno fuori ancora delle belle x cui varrà davvero la pena vomitare….
            se le cose andassero nel verso sbagliato x Preiti e di Taranto che difende a spada tratta comparirebbe qui dal nulla (come ha fatto oggi) x dire ”mi ero sbagliato”? …..immagino di si……
            Che i giocatori abbiano fiducia in queste persone e che possiamo dare credito all ”intuito” dei giocatori dopo tutto quel che è accaduto mi pare una barzalletta!
            L’avete capito che siamo stufi di tutti quelli che hanno gestito il parma fc in tutti questi anni e ci hanno portato al fallimento e alla retrocessione?!?!?
            Lo vada a dire ai suoi amici che i tifosi ne hanno le scatole piene…..
            insulta Leonardi (che non conosco e di cui non mi frega nulla ) ma io non posso dire che preiti e company hanno coraggio a presentarsi a collecchio dopo essersi presi un avviso di garanzia ? Siamo al ridicolo…….
            L’Italia va da dio perché non c’è più vergogna. …dovrebbero vergognarsi anche solo di avere un incarico affidatogli dal duo Ghirardi e leonardi….
            Gli onestissimi che lei difende restino pure a collecchio finché possono poi con la nuova proprietà (in b o d non importa ) non vogliamo più vederli neanche col binocolo…che vadano a far del bene altrove che noi ne abbiamo ricevuto anvhe troppo! Basta…..la pazienza ha un limite e gente come lei con le sue alzate di scudi non fa altro che rendere questi personaggi (che stamattina mi erano indifferenti ) assolutamente indigesti e antipatici…..

    • 24 Marzo 2015 in 11:46
      Permalink

      Ma scusi lei come fa a sapere cosa provano e sentono in questo momento queste persone.. Forse sono devastate e ancor più di quello che si pensa perche’ se hanno lavorato sempre onestamente oltre ad essere stati fregati anche …….probabilmente il loro lavoro e di estrema necessità’ ai curatori e poi quest’ultimo ora figurano come pubblici ufficiali perciò stanno vigilando con conseguente impossibilità di inquinamento.. E poi diciamoci la verità ora a sputare su questi due cristo dove probabilmente l’unica colpa è quella di essere due dirigenti operativi(attenzione ripeto operativi)in una società disastrosa… A me sono sempre arrivate voci molto molto positive su Di Taranto come l’unica persona seria in questa bagarre da persone che ne hanno avuto a che fare direttamente come creditori della società quindi lasciamo perdere di andare a farneticare sulla loro faccia di bronzo che forse ne abbiamo più noi a commentare noi così che non loro che si sono spte operati a lavorare e a cercare di portare a avanti il parma in tutte le situazioni… Non scordiamoci una cosa che trovo mio rilevante ma passata in secondo piano i giocatori si fidano di lui ed è il loro riferimento questo lo trovo molto rilevante

      • 24 Marzo 2015 in 21:26
        Permalink

        Sicuramente lei invece saprà cosa provano e sentono queste persone……

    • 24 Marzo 2015 in 10:38
      Permalink

      Mah….io la comparsata di Taci mica l’ho ancora capita. E’ stato imbrogliato dal grasso si Carpenedolo (e si spiegano così le titubanze e i vari cambi al vertice)e ha scaricato la società a Malviventi, o cosa? Se è stato imbrogliato l’unico errore che ha fatto è regalare la società a MapiBurla al posto di consegnare i libri in Tribunale (e, in questo caso, è inutile parlare di colpo di grazia visto che il paziente era già morto), altrimenti…vabbè…aspettimo che la Procura di Parma batta un colpo, ne capiremo di più.

      • 24 Marzo 2015 in 12:18
        Permalink

        La comparsata di Taci sono convinto che la Procura ce la saprà spiegare meglio di tante parole o supposizioni.

        Io resto della idea che il ghiro fosse costretto a cedere proprio a lui. E se anche non fosse stato costretto, c’era una piena e totale convergenza in quel senso delle istituzioni sportive e dei poteri forti locali, come testimonia il fatto che il trait d’union fosse il bi-ergastolano mancato De Paolini.

        Sono altresì convinto che Ghirardi non abbia affatto imbrogliato Taci, il quale, e penso persino da prima, era ben cosciente delle problematiche economiche di Tommaso.

        Io la repentina uscita di scena della simpatica banda Rezart me la spiego con la mancata apparizione del mitizzato socio russo. Ricordo perfettamente che la sera precedente la notte di Milan-Parma (al termine della quale Kodra ricevette l’ordine di comunicare a Leonardi la decisione di portare i libri in tribunale e di darsi da fare eventualmente a trovare un compratore perché gli concedeva solo tre giorni di tempo) nell’ambiente si era diffusa la voce che stava per palesarsi il russo (ricco imprenditore del settore del caviale) che avrebbe fatto chiudere col botto il mercato del Parma. Probabilmente questi non ha avuto intenzione di impegnarsi nel progetto o forse solo Taci aveva perso le speranze della A e con essa i 40 milioni di diritti tv.

        Di errori, caro Osso, ne ha commessi ben di più che regalare la società a Manenti. Errori intendo per noi che abbiamo a cuore le sorti del Parma. E sarebbe bene che ce l ricordassimo tutte quelle che io chiamo esplosioni di colpi di grazia. 1) La inadempienza che ha impedito di pagare le obbligatorietà di novembre (anche se Ghirardi avrebbe dovuto provvedere, ma ovviamente se fosse stato in grado di farlo non avrebbe venduto. Quindi la colpa di taci è enorme); 2) il calciomercato è rimasto una incompiuta: serviva un bomber, ma al di là di sparare cazzate tipo prendiamo Balotelli non hanno preso un cazzo, e i risultati continuano a vedersi perché non facendo gol neanche con la matita non ci si poteva certo salvare; 3) ha tenuto tutti in scacco senza dare segnali precisi di quello che avrebbe voluto fare, al di là di vane promesse concluse con il totale disimpegno. Il tentativo della disperazione di Leonardi, alias Manenti, era l’unica via che era rimasta per evitare il fallimento che per evidenti motivi il magico duo volevano a tutti i costi evitare. Anche perché è questo, secondo me, il corretto punto di vista: loro non volevano affatto fallire, ma sia l’uno (Ghiro) con Taci, che l’altro (Leo) con Manenti (basta leggere le dichiarazioni di oggi di Riccobene quando il leo ci teneva che tutti sapessero che era stato lui a trovarlo, e tra l’altro sottolineo anche la citazione sulla presenza di un importante funzionario Mps per tutti coloro che pensavano che Manenti fosse solo un mitomane, un pazzo, uno sporcaccione, un clochard. etc. etc.) erano convinti di aver fatto le scelte migliori. Ovviamente le cose non sono andate così: ma non è affatto vero come credono i tanti superficiali che bofonchiano a caso che Ghiro e Leo tentassero solo di metter dei prestanomi. Cosa che non serviva a una benedetta mazza, giacché è evidente che gli inquirenti scavano nel passato.

        Saluti

        Gmajo

    • 24 Marzo 2015 in 11:02
      Permalink

      Giordano disse che il russo era di origini ebraiche…alekperov non è di origini ebraiche(Abramovic lo è)!
      Secondo me Taci ha raccontato talmente tante balle che non si ricordava nemmeno più di raccontarle uguali!

        • 24 Marzo 2015 in 14:00
          Permalink

          Taci e legato con lavori a azerbaxhijan e punto che si unisce.

  • 24 Marzo 2015 in 12:11
    Permalink

    Caro mayo, forse, a questo punto , sarai obbligato obbligato ad arrivare sul punto.
    Lo studio giordano è stato contattato da Leonardi per seguire la trattativa assieme allo studio americano che segue i capitali dell’oil business di cui taci è il punto di riferimento per questa transazione italiana . Non ho mai fatto a gara nel dare informazioni perché io le ho (le ultime indiscrezioni uscite sono una prova significativa) mentre altri si barcamenano tra cordate varie di relativa attendibilità. Forse ora riuscirai a riconoscere la mia attendibilità .

    • 24 Marzo 2015 in 12:20
      Permalink

      Assolutamente no. Per me resti un grandissimo cazzaro. Anche perché non esiste alcun riscontro che dimostri che lo studio giordano fosse stato contatto da Leonardi per seguire la trattativa assieme allo studio americano che segue i capitali dell’oil business.

      Gmajo

    • 24 Marzo 2015 in 12:37
      Permalink

      e quindi mat adesso come andrà a finire la storia?sono curioso…

    • 24 Marzo 2015 in 14:37
      Permalink

      Giordano contattato da Leonardi a che scopo? Ormai il fondoschiena non se lo puo piu’salvare. Ipotesi fantasiosa

  • 24 Marzo 2015 in 12:26
    Permalink

    Mat vai a farti curare con manenti.

  • 24 Marzo 2015 in 12:27
    Permalink

    Possiamo definire MAT sulle note della conzone di jovanotti:

    IL PIU’ GRANDE CAZZARO DOPO GHIRARDI
    IL PIU’ GRANDE CAZZARO DOPO GHIRARDI
    SOLO MAT SOLO MAT

  • 24 Marzo 2015 in 12:30
    Permalink

    L’avv giordano in conferenza stampa ha detto chiaramente quello che tu inspiegabilmente continui a negare. In ogni caso non è un problema, non lo è stato prima non lo é ora e non lo sarà in futuro perché non mi turba più di tanto (non sono un giornalista) che tu non voglia credere a quello che da qualche mese sto scrivendo portando anche dettagli che nessuno è stato in grado di esporre ( qualche utente attento sa di cosa sto parlando perché ho visto quà è la riferimenti a quanto ho scritto nei mesi scorsi . Credo che più ci avvicineremo a maggio e più sarai obbligato a ricrederti a causa dell’evidenza dei fatti.

    • 24 Marzo 2015 in 17:11
      Permalink

      Spero proprio di no. A maggio che se ne stia fuori dalle scatole coloro che hanno dato il colpo di grazia al Parma

    • 24 Marzo 2015 in 17:31
      Permalink

      Io leggo tutti senza partire prevenuto, su di te, e te l’ho detto in un paio di occasioni, ho sempre sentito puzza di fandonie.
      Se è vero che bisogna darti atto che qualcosa che hai scritto si è verificato (non ho difficoltà ad ammetterlo, ci mancherebbe), visto che sono stato sempre attento ti faccio notare un tuo “errore non di poco conto: tu hai sempre parlato di manenti come colui che era destinato al “lavoro sporco”, a fare tutto ciò che nessun altro avrebbe voluto fare, ossia “accompagnare” il Parma al fallimento.
      I fatti hanno invece dimostrato che l’ex presidente faceva tutt’altro..

      • 24 Marzo 2015 in 21:16
        Permalink

        Cosa si sarebbe verificato di quanto asserito dal mitomane cazzaro mat-tso? perché mi sfugge…

        • 24 Marzo 2015 in 21:36
          Permalink

          E dai e dai, ti hanno insegnato a usare quel termine…. 😉
          (Scherzi a parte, mi sfugge xche mat sia diventato una guida calcistica x taluni….Pur di avere news vanno bene tutte le fonti anche a rischio di perdere tempo? )

          • 24 Marzo 2015 in 22:16
            Permalink

            Mi sono un po’ vendicato con mat… Quel tso abbinato a manenti a priori mi dava fastidio…

      • 24 Marzo 2015 in 23:23
        Permalink

        Gabriele tutto che hai scrito e vero e per questo che ho tolto 49 % di credibilta a Mat.
        Ma e anche vero che Mat era tra i primi che ha detto che Manenti non ha nessun euro per meterci a casse del parma , sara un nouvo cambio di propertia ma ai tempi migliori.

        • 24 Marzo 2015 in 23:27
          Permalink

          Ma quale cambio di proprietà in tempi migliori?!?!?!?

          Il Parma è fallito. Capisci? FALLITO !!!!!!!

          Ed è fallito anche per colpa di Taci, scappato dopo aver tenuto tutti in scacco.

          E se anche come farnetica Mat ci fosse dietro il piano appunto per rimetter le mani sul Parma dopo averlo fatto fallire per spendere di meno mi farebbe ancora più schifo.

          Taci è tra i peggiori personaggi di questa vicenda. E non deve avere più nulla a che fare con noi.

          Saluti

          Gmajo

          • 25 Marzo 2015 in 10:48
            Permalink

            Diretore spendere 200 mln per la serie B e da Mat( -46mln da diritti tv).
            tempi migliori(falliti) per un serie B 25-40 mln per parma conviene.
            Diretore non pensi che Taci era consulato da altri per fallire parma e in cambio un ruolo al nuovo parma?????

          • 26 Marzo 2015 in 07:40
            Permalink

            Che il parma costasse meno dopo il fallimento penso che lo sapesse anche un bambino. Ma taci lo doveva sapere anche prima di comprare il parma, ché non penso che nessuno gli avesse puntato una pistola alla gola per farlo.
            I conti doveva guardarli prima, non dopo. Ed è stata una carognata e una vigliaccata mollare tutto quando la classifica era compromessa (e l’attaccante mai arrivato ?!? Balotelli ?!?) e con essa volatizzati i 40 milioni di diritti televisivi.
            Poi se avesse in mente la furbata di tentare di ripigliarsi il parma dopo il fallimento a condizioni migliori gli va assolutamente impedito.
            Saluti
            Gmajo

  • 24 Marzo 2015 in 12:37
    Permalink

    Quindi Mat all’asta ci compra la cordata americana…capitanata da Taci? chi fa parte di questa cordata?

  • 24 Marzo 2015 in 12:40
    Permalink

    SCUSI MAJO MA SE QUALCUNO AQUISTA IL PARMA DOVE SI ALLENERA

  • 24 Marzo 2015 in 12:55
    Permalink

    Majo secondo te tavecchio è serio? Ora fa il mediatore..non ha nessuna competenza in merito, dovrebbe stare zitto e fare mea culpa x ciò che è successo!..altro che dire indiscrezioni sui possibili compratori..ominicchio quaquaraqua..

  • 24 Marzo 2015 in 13:34
    Permalink

    come scritto 1000 volte niente D. si sta 10 anni la.
    visto che il fondo si è toccato e non vedo cosa di peggio possa esserci considerando che i giocatori sembrano voler scendere in campo ritengo che un inciucio (ovvero serie B con debiti dimezzati etc etc e quindi acquirente reale e credibile straniero italiano, cordata bu…) sia probabile.
    meglio così. il futuro sarà un paio di anni in B e alterni campionati fra A e B. reale dimensione!!

  • 24 Marzo 2015 in 13:55
    Permalink

    Diretore tutte le info che sono uscite li dano ragione a Mat , non sarebe
    piu bello che lo prendi con piu serenita le info che da?!
    Mat che progetto hano in periodo di 3-5 anni??????

    • 24 Marzo 2015 in 15:45
      Permalink

      Ma basta!

      TACI FORA DAL BALI (mi perdoni Boni per il plagio)

  • 24 Marzo 2015 in 14:34
    Permalink

    Direttore secondo lei teleducato la sparata grossa con la maple leaf?

    • 24 Marzo 2015 in 15:34
      Permalink

      Ha fatto solo due più due. Ma non è che abbia detto che è quello il fondo. Ha solo detto in Canada c’è questo fondo…

    • 24 Marzo 2015 in 15:59
      Permalink

      t ho notato l”errore grammaticale, ovviamente l’ha sparata…..

  • 24 Marzo 2015 in 15:28
    Permalink

    La Maple Leaf Sports & Entertainment dietro il fondo canadese? Direttore le risulta? E che Giovinco ce la mandi buona

    • 24 Marzo 2015 in 15:47
      Permalink

      Calma & Gesso. E’ solo una ipotesi giornalistica. Magari tra i due fondi non c’è alcun collegamento

  • 24 Marzo 2015 in 15:57
    Permalink

    Se n in effetti questi a me va piu’che bene ma, non penso sia cosi purtroppo anzi ne sono sicuro!

  • 24 Marzo 2015 in 16:25
    Permalink

    @Majo
    Senz’altro Taci era conscio delle problematiche economiche del Parma (e della ovvia fretta di Ghirardi a vendere) ma occorre capire quanto debito gli era stato prospettato. Se compri convinto di un debito netto di 30 e lo trovi di 100 la vicenda cambia. Non so…la mossa di Taci mi resta oscura (d’altronde è uno scacchista!) e, in questa vicenda, come abbiamo visto per Malviventi, è meglio esser molto cauti e far molta tara alle dichiarazioni dei vari protagonisti. Aspetto la Procura (presto avremo notizie, immagino…)per aver un’idea più credibile. Certo, si tratterà di una verità”parziale”, quella dell’accusa, ma di sicuro offrirà un orizzonte più chiaro e limpido.
    Può esser, come dici tu, che il suo socio occulto lo abbia lasciato a piedi, nulla di più facile, ma….vedremo. Insomma, voglio capire se Taci ha dato il colpo di grazia o gli hanno appioppato un cadavere al posto di un moribondo. In quel caso, neppure il dott. Kildare….
    Saluti

    • 24 Marzo 2015 in 16:56
      Permalink

      secondo me la situazione gli era ben nota da prima. Però è una sensazione. Come sempre non voglio imporre una verità, ma offro la mia verità putativa che ricavo cercando di infilare con una certa logica le tessere del puzzle. Ma non avendole tutte può essere che il disegno diverga dalla realtà.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 24 Marzo 2015 in 16:32
    Permalink

    Mi ripeto…non esiste alcun fondo interessato al Parma. il calcio in Italia non è un business ma un buco nero e gli operatori del settore lo sanno bene. Ma vi pare che a ben 30 giorni dalla notizia data da Tavecchio non ci sia ancora uno straccio di riscontro? Stanno giocando una partita politica e se come auspico i giocatori avessero il coraggio di staccare la spina verrebbe a galla tutto… Albertini avrebbe sicuramente figurato meglio

  • 24 Marzo 2015 in 16:34
    Permalink

    Ragazzi sveglia!!!!!! Siamo in mano a dirigenti come Lotito!!!!! È una follia planetaria

I commenti sono chiusi.