GOBBI SA COME SI CHIAMA IL FONDO, MA NON LO DICE, E SCHERZA: “MAGARI CI COMPRA GIOVINCO…”. E POI SPIEGA: “IL PROGETTO SKY NON E’ UN REALITY. MI SENTO TRADITO DA CHI CI HA AMMINISTRATO”

image(gmajo) – Alla ricerca di una parvenza di normalità sono riprese le conferenze stampa al Centro Sportivo di Collecchio, così le nostre indefesse vedette Fabris & Trupo in questi giorni di emergenza maltempo, anziché starsene all’addiaccio possono beneficiare di un tetto sotto il quale stare al coperto. E con loro dell’avanguardia (sono giovani e forti) pure noi della retroguardia (ormai anzianotti e sorpassati dalla new generation). A un certo punto la luce della sala media è andata via: sta a vedere che l’Iren (che mi pare assieme a Capitan Lucarelli e alla Comeser fa parte del Comitato dei Creditori) anziché concedere fiducia ai “curatori stars” ha fatto quello che i tifosi chiedono alla squadra: staccare la spina. Niente di tutto ciò: si trattava, soltanto, di lavori in corso (in sottofondo nel video si percepiscono macchine utensili) che comportavano, per ragioni di sicurezza, l’interruzione della erogazione della energia elettrica. Malgrado gli imprevisti, tuttavia, il vice-capitano – che durante la lunga assenza di Lucarelli, se Donadoni lo impiegherà, si metterà al braccio il segno del comando – ha parlato a lungo, circa 25 minuti, manco avesse inserito le Duracell in corpo, non facendo una piega al lampeggiare del sistema di illuminazione.

Ampi e articolati gli argomenti toccati a cominciare dal famoso fondo canadese di Tavecchio (il quale, più o meno in simultanea stava parlando a Palla in Tribuna su Radio Parma dello stesso argomento): Gobbi ha rivelato urbi et orbi di conoscerne il nome ma che non lo rivelerà neppure sotto tortura. Chiamasi patto di riservatrezza. Ci abbiamo provato due o tre volte, anche a più riprese, ma l’esterno è stato irremovibile e non si è affatto aggirare, neppure quando ha sferrato il deciso attacco la sgusciante ala Bertelli. Prima avevo tentato io chiedendogli, almeno, se si trattava del fondo di cui ieri aveva riferito l’ispettore Angella nel Tg di Teleducato cioè in pratica quello che aveva comprato Giovinco, ma Gobbi ha preferito scherzarci su dicendo che magari era la stessa Formica Atomica ad aver deciso di presentarsi all’asta fallimentare. Meno voglia di scherzare il buon Massimo ce l’aveva a proposito del “reality” di Sky, e a un certo punto sembrava persino che “reality” fosse una parolaccia. In realtà quello che aveva dato fastidio, immagino al gruppo e non solo all’odierno portavoce, era che si facesse passare il concetto che il Parma disastrato cercasse visibilità, quando, invece, la missione che stanno cercando di portare avanti è quella di richiamare l’attenzione seriamente sul caso affinché non si ripeta più. In pratica la stessa del viaggio a Roma della delegazione di cui faceva parte, prodromico all’inserimento nel consiglio federale di domani di due delle innovazioni proposte dai crociati (“una piccola conquista”) a Tavecchio, alias maggiori controlli sulle partecipazioni nei club superiori al 10% e norme più stringenti per le iscrizioni ai campionati. La sensazione è che se anche le proposte non dovessero passare i giocatori del Parma non faranno ostruzionismo rifiutandosi di scendere in campo, anche se restano vigili nell’attesa di quello che dovrebbe essere un segnale importante delle società italiane di iniziare ad intraprendere una strada migliore. Tornando a Sky, Gobbi ha chiarito che comunque ancora non è stato deciso nulla riguardo alla proposta di Caressa, il quale settimane addietro aveva personalmente presentato il piano, cui era seguita una prima prova pratica.

Un altro punto che ha tolto il sorriso a Gobbi, è stato verso la conclusione allorquando Guglielmo Trupo gli ha domandato quando i giocatori si sono accorti che le cose stavano andando male. Ecco il virgolettato della risposta:

“Fino a questo punto, sinceramente, non ho mai pensato che ci potessimo arrivare: che ci fossero dei problemi si vedeva, ma ci era sempre stato detto che il Parma aveva solo problemi di liquidità. E liquidità significa avere cash disponibili subito. Però ci è sempre stato detto che la società era solida e che parlare di Parma fallito era una bestemmia e che non sarebbe mai successo. Purtroppo, però, ci siamo arrivati… Io sono qui da cinque anni e anche tutti gli altri ragazzi che sono qui da tanto tempo abbiamo sempre dato la nostra disponibilità a livello contrattuale per favorire il futuro del Parma. Quindi io, personalmente, mi sento molto tradito dalle persone che hanno amministrato il Parma fino a quando hanno portato la società a questo disastro. E’ stata una delusione enorme anche a livello umano. Quindi spero che quello che accadrà in futuro e le indagini che ci sono abbiano un esito positivo perché chi ha portato in questa situazione il Parma, allo sfascio completo, paghi perché è giusto che sia così”.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

20 pensieri riguardo “GOBBI SA COME SI CHIAMA IL FONDO, MA NON LO DICE, E SCHERZA: “MAGARI CI COMPRA GIOVINCO…”. E POI SPIEGA: “IL PROGETTO SKY NON E’ UN REALITY. MI SENTO TRADITO DA CHI CI HA AMMINISTRATO”

  • 25 Marzo 2015 in 17:47
    Permalink

    Allora sembra che il fondo canadese faccia sul serio.

    • 25 Marzo 2015 in 17:52
      Permalink

      Calma & Gesso: un noto pregiato studio legale romano, da me interpellato informalmente, mi ha fatto capire che un conto è una manifestazione di interesse, un conto il concretarsi della cosa. Insomma la strada è lunga e dipenderà di quanto si abbasserà il debito sportivo e magari se in un qualche modo potranno rientrare nell’operazione i beni di Eventi Sportivi…

      Cordialmente

      Gmajo

      • 25 Marzo 2015 in 18:12
        Permalink

        Certo, certo. Meglio non aspettarsi niente dopo tutte le delusioni di questi mesi.

  • 25 Marzo 2015 in 17:55
    Permalink

    Direttore quali sarebbero gli imprenditori locali che aiuterebbero nella gestione il fantomatico speriamo reale fondo canadese?
    Grazie e buon lavoro

    • 25 Marzo 2015 in 18:03
      Permalink

      Ah caro lei… Non saprei proprio…

      I soliti noti sono quelle elencati da angella a calcio e calcio lunedì sera, ma non mi sembrava che per la B ci fosse qualcosa di appetibile…

  • 25 Marzo 2015 in 17:56
    Permalink

    Ma anche sti’ giocatori…..
    Tornano da Roma con le orecchie piene dei bla bla di quei 4 cialtroni in federazione …ma per favore…che lasciassero perdere…
    Mi viene in mente il vecchio e saggio (nonche’ compianto) Boskov che i giocatori lo conosceva benissimo…
    “testa di giocatore buona per portare cappello”..
    Cosi’ stanno le cose…

  • 25 Marzo 2015 in 18:31
    Permalink

    Direttore il mago Giordano c’entra qualcosa?
    ci può dare qualche info in più?magari da riscontro la notizia ipotesi lanciata da Angella?

    • 25 Marzo 2015 in 18:44
      Permalink

      Ci sto lavorando attorno. Ma ci sono dei patti di riservatezza di mezzo. Ma, attenzione bene, calma & gesso e piano ad illudersi. Siamo solo alla manifestazione d’interesse. Per capirci forse forse allo scambio di numero di telefono: prima della cena e del dopo cena (speriamo non con Tavecchio, ohibò…) la strada è lunga…

      Cordialmente

      Gmajo

      • 25 Marzo 2015 in 19:02
        Permalink

        Non mi illudo più ormai!

  • 25 Marzo 2015 in 19:23
    Permalink

    Scusa majo sono allibito..possibile che in tutta roma/italia sia solo lo studio giordano a fare sempre da tramite?..perché sempre lui?..continuo a non capire..se zio paperone vuole comprare il parma chiamerebbe lo studio giordano!

    • 26 Marzo 2015 in 08:36
      Permalink

      Non permetterti di dubitare su Giordano…non metterti a discuterne qualita’ professionali,competenza ed esperienza.Perlomeno non lo fare qui. Altrove fai cio’ che ti pare.
      Se hai qualcolsa da ridire sull’operato e la professionalita’ dell’accovato Giordano vai a Roma a dirglielo di persona nel suo studio.
      Non usi il blog per dare sfogo a criticita’ tue personali alludendo a chissaquali manovre poco chiare e cristalline.
      …..Cosi’ mi ha risposto Majo poco tempo fa a proposito dell’avv.Giordano……cosi’ mi ha risposto….

      • 26 Marzo 2015 in 08:38
        Permalink

        Se vuole fare un blog di crucifige se lo fonda personalmente così finalmente può fare il gay col deretano suo

        • 26 Marzo 2015 in 09:17
          Permalink

          No preferisco un blog assolutorio come questo…garantista,libertario,liberale,liberista,per nulla forcaiolo e che mette al riparo i deretani di tutti da intrusioni poco gradite.
          Anche se come vedi stanno diventando una folla coloro i quali diversamente argomentano,diversamente la pensano,altro si domandano e vorrebbero sapere sull’operato dell’ineffabile avvocato capitolino Giordano,
          Evidentemente altri gusti in materia di deretano avranno.

          • 26 Marzo 2015 in 09:44
            Permalink

            Noto che c’è sempre una certa bravura a centrare i bersagli piccoli anziché i grossi. Che ottimo cecchino…

            Ma che le ha fatto l’avvocato Giordano? Le ha trombato la moglie?

            Penso che nella compagnia di giro che ci siamo bevuti il sosia di Zero e Vanoli non sia il più vituperabile. Era un intermediario che si è trovato a fare il presidente quando Doca si è tirato indietro. Che altre colpe avrà mai? Pensiamo piuttosto al “killer” Taci (autore del colpo di grazia) e a chi lo ha preceduto…

            Saluti

            Gmajo

  • 26 Marzo 2015 in 10:08
    Permalink

    Tutto vero a proposito del killer autore del colpo di grazia e a chi lo ha preceduto, salvo poi far emergere l’arcinoto granitico garantismo…(tutti sono innocenti fino al giudizio finale, se avevi le prove potevi andare tu subito in procura,,sono contrario a interventi forcaioli…e altre banalita’ del genere…evidentemente una chiarezza di condotta sarebbe gradita…prima parlavi addirittura di killer)), personaggi questi pero’ che si servono di questi intermediari, “faccendieri” li avrebbero chiamati in passato che si rendono disponibili se lautamente pagati a fornire servizi “tecnici” e neutri affinche il tutto si compia (mitico il grande Alborghetti-Filini in conferenza stampa…un vero mito), salvo poi far figure di bratta quando il committente si fa di nebbia e li lascia con un palmo di naso….di questi traghettatori smanazzoni non ne ha bisogno alcuno il sistema..
    Che vada a difendere i ladri di polli (che non mancano affatto) nella capitale invece di andare a smanazzare con societa’ sportive esponendosi inevitabilmente a figure barbine planetarie.
    In quanto all’ipotesi che possa avermi trombato la moglie, constato che almeno hai alzato il tiro cambiando decisamente genere.
    Avrei giurato che avresti preferito chiedermi se avesse approfittato del mio deretano visti i toni degli interventi precedenti.

  • 26 Marzo 2015 in 14:22
    Permalink

    Io smetterei semplicemente di fare polemiche…qui non si tratta di illudersi ma è piacevole sapere che forse una possibilità c’è…quasi a dire…allora qualcuno ci tiene in considerazione..non siamo proprio l’ultima squadraccia da oratorio…e visto come siamo stati trattati negli ultimi mesi è già una bella sorpresa…poi se si concretizza o meno dipende dalle condizioni…

    Chissà che il buon Giordano non abbia a cuore la figura tapina rimediata con Taci e voglia rifarsi un immagine…o…magari non centra nulla Giordano, e può darsi che se Paperone visiti l’italia lo faccia (con ottimo senso del gusto) da Roma…e che abbia così incontrato un avvocato con un affare nel quale forse c’è da rimetterci un po’…ma anche da divertirsi..

    Senza illusioni dunque, ma beh…anche se fosse D..ce ne siamo ampiamente fatta una ragione, il tempo della rabbia è passato da un po’ e ora, sperando che la magistratura faccia il suo corso, possiamo solo pensare a costruire un futuro solido…

    Magari col direttore di nuovo in sella come ai bei tempi perchè no?

    • 26 Marzo 2015 in 14:27
      Permalink

      Grazie, ne avrei bisogno dopo sei o sette aniani di forzata inattività retribuita (anche se non certo di riposo…)

  • 26 Marzo 2015 in 19:30
    Permalink

    Scusate non volevo mettervi contro..era una constatazione doverosa su giordano!..credo che il tirare in ballo sempre lui sia strumentale ma inevitabile, la stampa lo tira sempre in ballo!..ma tranquilli se veramente sono i canadesi che tra l’altro hanno anche i toronto raptors siamo a posto..è una delle franchige più ricche della NBA!

  • 26 Marzo 2015 in 20:47
    Permalink

    C’è molta paura, i grandi studi impressionano come Tyson. Al povero spettinato Enrico Boni (che non ci tromba la moglie) si può dire tutto, da saltimbanco in giù, mentre al pettinatissimo avv. Giordano no, circospezione massima, e poi, se abbiamo una moglie bella (ma deve esserlo molto, altrimenti non la caga manco di striscio) c’è pericolo che pure ce la ciuli.

  • 26 Marzo 2015 in 23:54
    Permalink

    Eh?!? Da quando questo è il forum di signorini?!? Ahahah

I commenti sono chiusi.