IN MILLE A COLLECCHIO PER IL PARMA SENZA SERIE A–Video e fotogallery amatoriale

1. PRIMA INIZIO

2. FINE GARA / USCITA CAMPO / SALUTO AI TIFOSI

3. FINE GARA CORI

4. OMAGGIO A LUCARELLI

5. CORO MAJO MERDA

6. CORI CONTRO GHIRARDI, LEONARDI E LEGA

7. CORI

 

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

LA RIMOZIONE DELLO STRISCIONE DELLA LEONESSA OGGI A COLLECCHIO CON 1.000 TIFOSI SUGLI SPALTI AD ASSISTERE ALLA PARTITELLA DEI CROCIATI IN SCIOPERO IN SERIE A

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

9 pensieri riguardo “IN MILLE A COLLECCHIO PER IL PARMA SENZA SERIE A–Video e fotogallery amatoriale

  • 2 Marzo 2015 in 08:03
    Permalink

    Majo merda? Ma sono cori d’amore 😀

  • 2 Marzo 2015 in 09:21
    Permalink

    era goliardico dai!!

  • 2 Marzo 2015 in 11:06
    Permalink

    ahahah grande direttore.

  • 2 Marzo 2015 in 12:10
    Permalink

    Direttore, come mai quel coro contro di lei? 😀 Comunque la cosa positiva di questa crisi è che l’ambiente sembra essersi ricompattato.

    • 2 Marzo 2015 in 12:12
      Permalink

      Ricompattato contro di me? 🙂

      Comunque sono onorato… un coro non me lo avevano mai dedicato. Li ringrazio di cuore…

  • 2 Marzo 2015 in 12:31
    Permalink

    Con tutti i responsabili di questa situazione i Boys se la prendono con Lei. Fantastico! Prendersela con l’unico giornalista che è rimasto coerente con la posizione presa da anni contro la gestione della società. Non so se ci siano altri motivi nel passato, ma trovo quel coro assolutamente fuori luogo e non rispondente a quanto pensano i veri tifosi del Parma. Mi chiedo cosa pensino allora dei vari giornalisti-banderuole che fino a 3 mesi fa sentivo osannare Ghirardi e ora si stracciano le vesti scandalizzati.

    • 2 Marzo 2015 in 12:37
      Permalink

      L’ho preso come un coro goliardico… Io non mi sono offeso. Anzi lo ringrazio…

      Cordialmente

      Gmajo

  • 2 Marzo 2015 in 13:28
    Permalink

    E’ stata davvero una bellissima domenica, molto meglio di tante altre allo stadio 🙂 Come me anche lei credo abbia avuto modo di notare e parlare, (ero un po lontano ma credo di averla vista scambiare due chiacchere con lui prima di recarsi al parchieggio) con una persona che, personalmente, non mi sarei mai immaginato di ritrovare a Collecchio, specialemente proprio in quella giornata. Non dico il nome perchè forse ha in serbo un servizio e non voglio rovinarglielo, ma credo che l’abbia incontrata anche lei. Ho avuto modo, in maniera casuale, di parlarci per 5 minuti in maniera decisamente informale (quindi non potrò riportare le sue precise parole nel mio piccolo programma su youtube, mannaggia), ma mi ha veramente dato una sensazione positiva, che qualcosa si stia decisamente muovendo.

I commenti sono chiusi.