L’AVVOCATO MALVISI E LE INADEMPIENZE DI MANENTI ALL’ESITO DELL’ASSEMBLEA STRAORDINARIA DEL 13 MARZO SCORSO

Paolo Malvisi (*) Per il  13 marzo scorso era stata convocata l’assemblea straordinaria dei soci del Parma Fc  con il seguente primo punto dell’ordine del giorno: “Delibera sui provvedimenti ex articolo 2447 c.c.”. Così recita l’art. 2447 c.c.: Se, per la perdita di oltre un terzo del capitale, questo si riduce al disotto del minimo stabilito dall’articolo 2327 c.c., gli amministratori o il consiglio di gestione e, in caso di loro inerzia, il consiglio di sorveglianza devono senza indugio convocare l’assemblea per deliberare la riduzione del capitale ed il contemporaneo aumento del medesimo ad una cifra non inferiore al detto minimo, o la trasformazione della società”.

Atteso come all’esito dell’assemblea del 13 marzo scorso, tuttavia, non sia stato deliberato né la prevista riduzione del capitale sociale e il contemporaneo aumento del medesimo né la trasformazione della società, al Presidente Manenti, amministratore unico del Parma FC, sarebbe spettato il compito di rilevare la causa di scioglimento della società, ai sensi dell’art. 2484, co.1, n.4, c.c., e di dare inizio al procedimento di liquidazione (né il socio di minoranza ha fatto presente al Presidente Manenti tale inevitabile circostanza).

Sul tema, l’art. 2485 c.c. rubricato Obblighi degli amministratoristabilisce che gli amministratori devono senza indugio accertare il verificarsi di una causa di scioglimento e procedere agli adempimenti previsti dal terzo comma dell’art. 2484. Essi, in caso di ritardo od omissione, sono personalmente e solidalmente responsabili per i danni subiti dalla società, dai soci, dai creditori sociali e dai terzi”. Omissione che nel caso della suddetta assemblea è ineluttabilmente avvenuta. Infatti, è chiaro il disposto dell’art. 2487 c.c.:Salvo che nei casi previsti dai numeri 2, 4 e 6 del primo comma dell’art. 2484 non abbia già provveduto l’assemblea, e salvo che l’atto costitutivo o lo statuto non dispongano in materia, gli amministratori, contestualmente all’accertamento della causa di scioglimento, debbono convocare l’assemblea dei soci perché deliberi … su: a) il numero dei liquidatori e le regole di funzionamento del collegio in caso di pluralità di liquidatori; b) la nomina dei liquidatori, con indicazione di quelli cui spetta la rappresentanza della società; c) i criteri in base ai quali deve svolgersi la liquidazione; i poteri dei liquidatori”.

Il Presidente del Parma Fc-amministratore unico Manenti aveva il dovere, pertanto, di accertare l’esistenza della causa di scioglimento, di procedere alla iscrizione nel Registro delle imprese della dichiarazione di accertamento della causa di scioglimento (o della delibera assembleare di anticipato scioglimento) di convocare l’assemblea per le decisioni sulla liquidazione (ma di tale convocazione non risulta traccia). Il legislatore ha introdotto uno specifico deterrente contro eventuali inadempimenti, come nel caso di specie, degli amministratori ai suddetti obblighi, sancendo espressamente la loro responsabilità solidale e personale. Sono state poi introdotte le disposizioni di cui agli articoli 2485, 2° comma, e 2487, 2° comma C.C., che attribuiscono ai singoli soci o amministratori, nonché ai sindaci, la legittimazione a proporre istanza al Tribunale nell’eventualità di mancato adempimento da parte degli amministratori all’obbligo di accertamento della causa di scioglimento ed al conseguente deposito della relativa dichiarazione presso il Registro delle imprese, di mancato adempimento da parte degli amministratori di convocazione dell’assemblea per la nomina dei liquidatori. Esattamente gli inadempimenti verificatisi all’esito dell’assemblea straordinaria dei soci del Parma Fc del 13 marzo scorso. Paolo Malvisi (*)

(*) Avvocato membro Associazione Italiana Avvocati dello Sport

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

GIULI: “PERCHE’ PROSEGUIRE QUESTA AGONIA ?” – Il video con le dichiarazioni del socio di minoranza che in assemblea ha votato no al piano di Manenti

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

67 pensieri riguardo “L’AVVOCATO MALVISI E LE INADEMPIENZE DI MANENTI ALL’ESITO DELL’ASSEMBLEA STRAORDINARIA DEL 13 MARZO SCORSO

  • 17 Marzo 2015 in 18:42
    Permalink

    Cosi’ almeno viste le chiare inadempienze di Manenti paghera’ anche lui quezto mese e mezzo di furbate e prese per il cullo assieme all’albanese che la pre ceduto!

  • 17 Marzo 2015 in 18:43
    Permalink

    che gioia immensa vederli tutti nella stessa cella di via burla,ho gia’ pronta una cassetta di arance “tarocco”

    ciuri ciuri ciuridi tuttu l’annu……

    • 17 Marzo 2015 in 19:30
      Permalink

      Non vedo l’ora…….. Manenti in cella

  • 17 Marzo 2015 in 18:44
    Permalink

    Sono estasiata di fronte a questo ennesimo entusiasmante intervento del prof. granduff. Avv. Malvisi, uomo di cultura che trasuda entusiasmo allo stato puro. Il suo intervento divulgativo non è mai banale, bensì attento a fornire coraggio al lettore una proposta mediatica innovativa, mai trita e ritrita bensì colta e forbita, mai banale.
    Un autentico trionfo che si contrappone a quanto di mal trangugiato ogni giorno troviamo sul web.
    Ossequi
    Anna

    • 17 Marzo 2015 in 18:50
      Permalink

      ahahah ti chiamero’ anna BANALE …ma cazzo cambia aggettivo ,ogni due mesi almeno

      • 17 Marzo 2015 in 20:27
        Permalink

        Salve Assioma,

        una nostra equipe – o comitato scientifico – composta da professori ed esperti della comunicazione immediata propria dell’era mediatica, dal mese di settembre ad oggi, ha valutato sul campione dello spazio commenti di stadiotardini.it i suoi scritti trovando che lei ha proprio uno stile originale ed entusiasmante, mai noioso e, nel leggerlo, ci si diverte imparando. Ci ha proprio colpito. Sa, in un marasma mediatico fatto di innumerevoli proposte on line, è facile dire sempre le stesse cose trite e ritrite, usare le stesse espressioni dette e ridette, ed anche le testate più seguite, a ben guardare, sono quello dove il lavoro di approfondimento lascia spesso il tempo che trova, a vantaggio di un cumulo di informazioni trangugiate e mal presentate, lei, assioma, va invece con coraggio in un’altra direzione, e questo sentiero alternativo cattura, anche per la essenzialità con il quale viene tracciato.

        Grazie dell’ascolto

        Ossequi

        Anna Fanerani

  • 17 Marzo 2015 in 18:52
    Permalink

    Gent.ma Anna Fanerani,

    A proposito del “mai banale, “mal trangugiato”, “trito e ritrito”… Lo sai che è (almeno) la tua decima chiosa copiata ed incollata?

    Alla faccia del “trito e ritrito”…

      • 17 Marzo 2015 in 18:56
        Permalink

        Magari è malvisi stesso che si autoincensa!
        Direttore novità da mapiman?

        • 17 Marzo 2015 in 18:59
          Permalink

          Okkio ke il granduff ha la querela facile…

          No news from MapiMan

          • 17 Marzo 2015 in 19:05
            Permalink

            Addirittura?mi scuso con l avvocato allora!una domanda ha sentito l intervista di scaccia?so che sono sono solo parole ma che ne pensa? E non mi risponda appunto solo parole…

    • 17 Marzo 2015 in 20:30
      Permalink

      Salve Alex,

      è da poco tempo che il comitato scientifico ha individuato anche lei nel mare magnum dei commentatori di stadiotardini.it e i suoi scritti mettono in mostra uno stile originale ed entusiasmante, mai noioso e, nel leggerlo, ci si diverte imparando. In un marasma mediatico fatto di innumerevoli proposte on line, è facile dire sempre le stesse cose trite e ritrite, usare le stesse espressioni dette e ridette, ed anche le testate più seguite, a ben guardare, sono quello dove il lavoro di approfondimento lascia spesso il tempo che trova, a vantaggio di un cumulo di informazioni trangugiate e mal presentate, lei, Alex, va invece con coraggio in un’altra direzione, e questo sentiero alternativo cattura, anche per la squisita simpatia con il quale viene tracciato.

      Grazie dell’ascolto

      Ossequi

      Anna Fanerani

  • 17 Marzo 2015 in 18:55
    Permalink

    Per difetto…

  • 17 Marzo 2015 in 18:57
    Permalink

    Gabriele ci sono novità? Manenti il piano lo consegna o meno? Aveva capito che avrebbe pagato alcune mensilità prima del 19..

    • 17 Marzo 2015 in 19:00
      Permalink

      Mah: resto molto perplesso. Anche perché le dichiarazioni non fan testo…

    • 17 Marzo 2015 in 19:28
      Permalink

      Ah beh, se l’ha detto lui! Per fare un concordato in bianco, in una situazione come quella del Parma, ci voglion almeno, ma almeno, tre/quattro mesi (per preparare lo studio). Dev’ esser certificato da due agenzie specializzate e presentato da un attestatore (di solito un professionita di alto livello che, se così vogliam dire, se ne assume le responsabilità sulla fattibilità di fornte al Tribunale). Credi che un poverello come Manenti sia in grado di produrre una tale documentazione? E credi che vi sia un attestatore che metta in gioco la sua carriera (di solito molto lucrosa) a fronte di un “dottore,si fidi: domani pago!”. Togliamoci dalla testa certe tesi fantasiose.
      MapiTSO uscirà dal Parma Calcio giovedì 19. Poi spero di vederlo in Via Burla con il resto della combriccola (quella ben più colpevole)

      • 17 Marzo 2015 in 20:08
        Permalink

        Non mi pare che manenti abbia commesso reati punibili ai sensi del codice penale: per quanto concerne la documentazione mi risulta che un avvocato da lui ingaggiato sia tra i migliori del ramo. Dopo di che vedremo.
        E se la piantaste con sto stucchevole e offensivo MapiTSO sarebbe anche meglio

        • 17 Marzo 2015 in 20:33
          Permalink

          Ne conosci dei commercialisti, no? Prova chieder loro, a spanne, quanto tempo di vuole e quanto costa presntare un concordato in bianco in una vicenda come questa del Parma, con questi numeri. Faccio l’indovino (fin lì,visto che lo so): almeno quattro mesi e sui 300.000 euro. I commercialisti li devi pagare subito. Pure i certificatori e l’attestatore. Poi l’avvocato. Quel piano dev’esser estremamente dettagliato e offire garanzie economiche CERTE. Oltre che i soldi, le garanzie e tutto il resto, Paperon de Manentoni non avrebbe neppure il tempo materiale per produrlo. Infatti, dopo tanti annunci, il famoso Mapi piano non è mai stato presentato. E mai lo sarà (ha tempo ancora domani…), visto che esiste solo nella sua fantasia. MapiTSO è offensivo? E perchè? Il suo comprare Alborghetti ha detto che se Manenti non avesse avuto i soldi era da TSO. L’ha detto lui, io lo prendo in parola. Tu, davvero hai ancora dei dubbi? E, sinceramente, di esser offensivo con uno sciacallo che si è permesso di pigliar per il culo il resto del mondo, oltre, ben più grave, i dipendenti,interessa poco. Lui si dovrebbe vergognare.
          In questi 40 giorni, l’uomo, non ha versato un euro, ma i costi si sono accumulati. C’è stato un ovvio peggioramento della situazione. Stipendi per 40 giorni,per dir una voce di costo aumentata. Un giudice potrebbe tranquillamente accusarlo di bacarotta fraudolenta (insieme ai soliti noti). Quando la situazione è ingestibile, è necessario portare i libri in Tribunale per garantire i creditori. Quaranta giorni fa la era, e Manenti ha peggiorato ulterirmente il quadro, senza aver la benchè minima possibilità di far nulla di postivio. Ma, siccome dubito sia capace di intendere e volere, lo compatirano. Forse.
          P.S
          Fortuna che gli accredti solo uno 0.1%. Se gli accordassi un misero 10%, partiresti di destro con chiunque osasse metter in dubbio il verbo di Manenti (o MapiTSO)?

          • 17 Marzo 2015 in 20:57
            Permalink

            Quando sarà acclarato che è un buffone glielo diremo: sia Donadoni, che Lucarelli, che io. Non prima.

            Per quanto concerne l’aver aggravato la situazione penso abbia fatto ben peggio il tanto osannato Taci, quello che è stato a cena col Sindaco con la benedizione dell’Upi. Di questo schifo non si scandalizza nessuno. Tutti dietro a pensare a Manenti e ai suoi denti.

            Molto scaltri con un palo piantato nel retto preoccuparsi della pagliuzza.

            Saluti

            Gmajo

        • 17 Marzo 2015 in 21:04
          Permalink

          sul fatto che non abbia commesso reati non ci giurerei, ad esempio mi viene in mente una certa bancarotta semplice per aver ritardato la dichiarazione di fallimento, ma ovviamente è solo una ipotesi

          • 17 Marzo 2015 in 21:37
            Permalink

            Questa castroneria l’ho letta anche sul quotidiano locale, ma per me, appunto è una corbelleria per il semplice fatto che uno non può esser accusato di aver ritardato la dichiarazione di fallimento dopo un mese circa dall’acquisto, con tutte le complicanze che ci sono state. Nessuno dice la stessa cosa dei Taci Boys (che ricordo agiva con il benestare e la benedizione dei poteri forti e della municipalità), il quale Taci non solo non ha portato i libri in tribunale, ma anzi ha perfezionato un ulteriore passaggio di proprietà. Io la bancarotta semplice la vedo più per lui.

            Poi lei e altri sostenitori di questa curiosa tesi dimenticate un altro aspetto fondamentale: da circa un mese, infatti, cioè poco dopo il suo insediamento, a Manenti era già stata notificata, su richiesta della Procura, l’istanza di fallimento appunto per l’udienza già programmata per il giorno 19. Bene: perché, a fronte di quella data prefissata dal tribunale, lui avrebbe dovuto anticipare portando di sua sponte i libri, quando era convinto di poterci saltare fuori?

            Solo perché nel frattempo Lega, Figc e Sindaco stavano facendo il papocchio del “pilotato” utile per chiudere la stagione ed evitare così alla confindustria del pallone di dover risarcire il danno ai broadcaster?

            Perché se c’era tutta questa voglia di fallimento non si è fatta la porcata (alias il pilotato) in concomitanza con la precedente udienza prefallimentare del 28 gennaio scorso, allorquando il fallimento venne scongiurato con le desistenze dei due creditori, cui non era andato dietro nessuno, men che meno il comune che aveva fatto da banca a Ghirardi per circa 1.400.000 euro? Col sindaco che è andato a cena con De Paolini, trait d’union tra Taci e gli Industriali?

            Le schifezze sono ben altre in questa storia di merda con i denti che mancano a Manenti o la sua C3 che fa dare aria alla bocca ai sempliciotti.

            Saluti

            Gmajo

          • 17 Marzo 2015 in 21:53
            Permalink

            se posso permettermi una considerazione, mi sembra che i suoi interventi, da qualche giorno a questa parte, siano una escalation di nervosismo, con illazioni tutte da provare e qualche accenno volgare, mi consenta, oggettivamente fuori luogo e che non aggiunge nulla al suo, legittimo, pensiero. Credo che il suo lavoro anzitutto, ma anche il suo ruolo attuale (anche passato, quale ex addetto stampa del Parma), imporrebbero maggiore lucidità ed obiettività che, invece, mi sembra che le stiano venendo un po’ meno. E, ci tengo a dirlo, mi permetto di esporre il mio pensiero sempre con il massimo rispetto per lei, il suo lavoro e questo blog. Cordialità

          • 17 Marzo 2015 in 23:00
            Permalink

            Proprio perché sono obiettivo che mi stizzisco coi prevenuti. Quanto alle illazioni respingo fermamente l’accusa. Circa la lucidità cerco di averla sempre
            Ma sono un essere umano,
            Infine il linguaggio spiccio è per meglio adeguarsi a un certo tipo di utenza.
            Cordialmente
            Gmajo

  • 17 Marzo 2015 in 19:03
    Permalink

    Secondo me paga domani.

    • 17 Marzo 2015 in 19:14
      Permalink

      mi diceva Raimondi che paghera’ giovedi’ direttamente in tribunale,pero’ in monete da un centesimo cosi’ ci vorranno 6 mesi a contarli …..

      • 17 Marzo 2015 in 19:56
        Permalink

        ahaha massima stima

  • 17 Marzo 2015 in 19:24
    Permalink

    No , Barney , solitamente paga il lunedi o al massimo il martedi , non certo il mercoledi.

    Majo , per la sig.ra Fanerani….mi chiedevo se non volesse chiedere ad Angella di invitarla in trasmissione con anche il tifoso sig. Pino e perche’ no l’Assioma…
    Saluti, sperando di non essere stato frainteso o tacciato di mancanza di rispetto.

    Buon Pre-fallimento Day a tutti per dopodomani.

    Enzo Dallai

  • 17 Marzo 2015 in 19:25
    Permalink

    Direttore ultima domanda ma Mat in che modo è dentro l ambiente Parma?influente o non influente?

    • 17 Marzo 2015 in 20:09
      Permalink

      Ma non lo so, joe… Ma lascia perdere quel mitomane

  • 17 Marzo 2015 in 19:29
    Permalink

    Il 19 la procura emetterà un verdetto o si riserverà qualche gg per pensarci?

    • 17 Marzo 2015 in 20:07
      Permalink

      A parte che è il tribunale fallimentare e non la procura a decidere, immagino si riserverà qualche giorno

  • 17 Marzo 2015 in 19:38
    Permalink

    Dott. Scaccia Stì Soldi Domani !!!

    La Aspettiamo con le Valigie

    Buon Viaggio Alfredo !!!

  • 17 Marzo 2015 in 19:45
    Permalink

    Uomo statuario.

  • 17 Marzo 2015 in 19:45
    Permalink

    “Sono state poi introdotte le disposizioni di cui agli articoli 2485, 2° comma, e 2487, 2° comma C.C., che attribuiscono ai singoli soci o amministratori, nonché ai SINDACI, la legittimazione a proporre istanza al Tribunale nell’eventualità di mancato adempimento da parte degli amministratori all’obbligo di accertamento” , QUINDI mister Mapi ha fornito a Pizzarotti l’assist x dichiarare fallito il Parma?

    • 17 Marzo 2015 in 20:02
      Permalink

      A parte che il fallimento lo dichiara il tribunale fallimentare e non il primo cittadino;

      a parte che l’articolo del codice è relativo alla messa in liquidazione e non al fallimento

      i SINDACI cui fa riferimento non sono i primi cittadini tipo Pizzarotti, bensì i membri del collegio sindacale del club

      Cordialmente

      Gmajo

  • 17 Marzo 2015 in 19:48
    Permalink

    Mo basta Anna che lecca……
    Luca s

  • 17 Marzo 2015 in 20:01
    Permalink

    Direttore ve l’avevo detto che alla fine manenti voleva i soldi..altro che investitori dall’europa!..ci sono uomini e quaquaraqua..lui cos’è?

    • 17 Marzo 2015 in 20:05
      Permalink

      Dimentica gli ominicchi…

      Comunque che Manenti alla fine volesse i soldi non mi pare dimostrato da nulla

      • 17 Marzo 2015 in 20:09
        Permalink

        no eh ? nel senso che lui e’ il nulla …quindi dimostrato da nulla ci puo’ anche stare,vezzi e lazzi della coniugazione italiota Majo

  • 17 Marzo 2015 in 20:22
    Permalink

    Ha preso la palla al balzo come fanno da un po di tempo a questa parte questi ominicchi

  • 17 Marzo 2015 in 20:25
    Permalink

    Purtroppo parma ora essendo vulnerabile è terreno fertile x tutti proliferazione di sti qua che cercano solo soldi facili sulle macerie!

  • 17 Marzo 2015 in 20:34
    Permalink

    Majo scusa chi è il sig.scaccia?..i soldi li ha?..un altro grande uomo o attendibile..sai qualcosa in merito?

    • 17 Marzo 2015 in 20:58
      Permalink

      Non offro le mie referenze a nessuno dei candidati compratori

  • 17 Marzo 2015 in 21:07
    Permalink

    Caro direttore, le responsabilità ex 2447 ci sono tutte, sia per Manenti sia per la Taci company, lo dice l’avvocato, non io che non ho studiato. Di queste responsabltà che ne pensa? Se poi i grandi avvocati di Manenti riescano a tirarlo fuori è un’altra storia. Butto lì un dubbio: e se Manenti fosse solo socio ma non amministatore? Allora forse se la caverebbe.

    • 17 Marzo 2015 in 21:26
      Permalink

      Ma non facciamo ipotesi campate per aria, per Dio, che di casino ce n’è già abbastanza senza che se ne faccia oltre.

      Manenti non è solo socio come dice lei, ma amministratore unico, dopo le dimissioni degli altri membri del Cda.

      Per quanto concerne le inadempienze segnalate dal prof. granduff. avv. Malvisi sono relative al codice civile e non al codice penale.

      Saluti

      Gmajo

  • 17 Marzo 2015 in 21:14
    Permalink

    non si puo ‘ dare lo stesso 0,1 anche a lui ( scaccia)
    tanto male non puo piu farne nemmeno lui a sto punto

    • 17 Marzo 2015 in 21:22
      Permalink

      Guardi,

      io finora avevo accreditato la cordata qatariota (a novembre) poiché avevo fiducia nella persona che faceva da intermediario.

      Per quanto concerne Manenti ho spiegato fino alla noia che gli concedevo una possibilità su mille dal momento che, dopo la decisione di Taci di far portare i libri in tribunale, eravamo di fatto già falliti, per cui non sarebbero per nulla cambiati gli scenari, dopo lo scempio perpetrato dall’albanese con la benedizione del sindaco e dell’upi. Non a caso ho sempre parlato di stregone con la pozione per il malato già decretato morto dalla medicina regolare. Qui tutti si incazzano con Manenti (che ha tutti contro, io non sono pro, ma solo neutrale), salvo non capire che il colpo di grazia l’ha dato Taci.

      Poi che Manenti abbia fatto di tutto per far incazzar tutti è un altro discorso.

      Tornando a botta: io Scaccia non lo conosco, né conosco i suoi possibili intermediari, per cui non mi sento affatto di potergli concedere neppure lo 0,1.

      Saluti

      gmajo

  • 17 Marzo 2015 in 21:20
    Permalink

    @Majo
    Alla faccia dello 0.1%!! Appena ti si nomina MapiTSO, e i danni che ha fatto in questi 40 giorni,ti scatta, come riflesso incondizionato,la fola di Taci, UPI eccetera. Ma che c’entra…?? Chi ti ha detto che pure il “gruppo albanese” non possa avere problemi giudiziari? Ma questo eventualità non deresponsabilizza il perido di presidenza (ahahaha!!) Manenti. Se la sua condotta dovesse esser considerata irregolare (cosa che spero visto che,mi ripeto, lui ha accumulato altri costi in una situazione irrecuperabile,per lui), oltreche, sicuramente, immorale e privo di un qualsiasi spirito etico o,almeno, imprenditoriale, la Procura se ne frega di Ghirardi, Leonardi o Taci. Metton pure MapiTso nel calderone, assieme agli altri.
    Donadoni e Lucarelli,mi sa tanto, che in questi anni se ne siano bevute parecchie di bagginate.Sono solo in media, non sono grandi compagni di viaggio. Se qualcuno ti ha detto di aver visto un progetto di concordato in bianco (quello necessario per i 60 giorni di proroga), t’è contè na bala. E son pronto ad andar io sui ceci se mai quella richiesta dovesse esser presentata e accolta (e se non viene presentata, che non ci racconti che è colpa della Cia o del Mossad. Come ho già scritto,è costosissima e se cel’hai, la presenti.)

    • 17 Marzo 2015 in 21:42
      Permalink

      Io mi incazzo perché questa indignazione ce la dovreste avere per fatti ben più gravi e seri del divertissiment di Manenti.

      Ma che costi vuoi che abbia accumulato che non ha fatto una spesa che fosse una!

      E poi, come scrivevo a un altro utente poco fa, perché cavolo avrebbe dovuto anticipare la data per portare i libri in tribunale quando la data gliela aveva subito imposta il tribunale stesso, pochi giorni dopo l’acquisto?

      Purtroppo quando si è prevenuti si tende a dimenticare o scordare particolari importanti.

      E il 28 gennaio perché nessuno aveva fretta di fallire?

      Fatevi domande allrgando gli orizzonti anziché giudicare se uno è privo di qualsiasi spirito etico o imprenditoriale, peraltro dopo aver concesso sette anni a Ghirardi e 5 o 6 a Leonardi un credito infinito…

      Saluti

      Gmajo

      • 17 Marzo 2015 in 22:14
        Permalink

        Secondo te, mensilmente, a quanto ammontano, al lordo, gli stipendi del Parma Calcio? Parliamo di milioni, che Manenti mai e poi mai avrebbe potuto onorare. E gli interessi passivi? Ti sembra un danno da nulla, bazzecole?Milioni! Un imprenditore, una volta che la situazione economico finanziaria è irrecuperabile DEVE portare i libri in Tribunale. La data della Procura è il termine ultimo, ma se la situazione patrimoniale è irrimediabilmente compromessa, si può tranquillamente anticipare. Si deve.
        Perchè ce l’hanno tutti con lui, poverino? Perchè lui che è adesso presidente (come spesso ci ricordi),perchè à lui che in questo momento sta predendo per il culo, in modo grossolano, città, tifosi e dipendneti (e il resto delle persone normali d’Italia che irridono questo buffone). Dopo mesi logoranti di Ghirardi e Taci, l’ultima cosa di cui si sentiva la mancanza è un essere così spregevole,un generatore di cazzate inarrivabili, mediocre, un personaggio catalogabile in quella zona grigia che c’è fra la capacità e l’incapacità cognitiva. E’ la stanchezza di esser presi per il culo che rende repellente un essere così. Inutile che continui a giustificare con fatti del passato il vergognoso comportamente di MapiTSO. Non c’entra una beata mazza. Anzi, è un’aggravante per la pazienza dei tifosi e il comportamento demenziale del “presidente del Parma”. Cosa più comica, prendi le difese di quest’essere in uno spazio di commenti dedicato ad un parere legale in cui l’avv.Malvisi parla di inadempienze nell’ultima – e unica . assemblea dei soci. O…ne avesse fatta mezza giusta, detto una mezza verità. Nulla. E’ un mezzo uomo.
        Voler veder sparire Maneti dalla faccia delle terra, non significa dimenticare i veri responsabili, ma voler che un pagliaccio, del tutto inutile e dannoso, finisca quella scalcinata esibizione.
        Saluti

        • 17 Marzo 2015 in 23:31
          Permalink

          Difficile non essere d’accordo…

  • 17 Marzo 2015 in 22:18
    Permalink

    Nel caso non si trovassero i fondi per aprire il Tardini domenica sera che si fa? Un’altra partita da recuperare? O 0-3 a tavolino?

    • 17 Marzo 2015 in 22:39
      Permalink

      Il problema secondo me non sono i fondi ma i tempi. Se il tanto anelato curatore fosse anche nominato subito penso necessiti di tempo prima di esser effettivamente operativo.
      Penso che il tempo dei rinvii sia abbondantemente passato. Rinvii peraltro legittimi sin li…
      Cordialmente
      Gmajo

  • 17 Marzo 2015 in 22:49
    Permalink

    e perche’ manenti allora ha comperato il parma calcio se non ha un soldo da mettere dentro e non lo ha mai avuto qundi lo sapeva gia prima di comperarlo ……..questo e’ il fatto importante questi 2 mesi che ci ha fatto perdere manenti oltre che prendere in giro lei per primo poi la citta’ e i tifosi da quando ce manenti l eco e’ internazionale , se lei non capisce questo che un conto e’ fallire in aprile un altro in gennaio cosa pensa che non ci sia differenza solo per il divertimento di manenti ? lo dice lei poi che non spende mangia e beve a sbaffo va il slovenia a sbaffo non per il parma eccc usa auto della societa’ ecc…e non venga a raccontarci le sue solite palle sul bonifico bloccato(fate denuncia se avete le prove che c e stato qualcosa di illegale o se sono balle ) ma mi faccia ridere o i soldi extraue se lo beva lei che cazzo ce l ha tanto con taci e la solita tiratela poteri forti, sindaco ecccc che due balle(tipico dei falliti della vita lamentarsi contro chi riesce) …..taci ha preso per 1 eur la societa’ gli hanno presentato ghirardi come persona seria che gli dice ci sono 30 ml di debiti netti siccome per 1 eur non rischi nulla ha fatto la due dilegencie dopo e ha scoperto che ci sono 78 ml di debti a questo punto fa la cosa giusta porterebbe i soldi in tribunale ma arriva un m …to e per lei sono i 2 mesi di taci che hanno ammazzato il parma ? invece i 2 mesi di manneti solo divertimento ? intanto tutto e’ bloccato non si possono fare le trattative con fornitori analizzare i conti eccc e le aste ecc…..arriviamo a giugno che nessuno ha il tempo di provarci a salvare il parma e’ manenti che ha ammazzato il parma non taci ….basta non se ne puo’ piu’ sentirla poi scusi donadoni e lucarelli li senta in privato poi vedra’ …….cosa le dicono se credono a maneti ……e’ logico e’ il loro presidente mica sono stupidi se lo offendono si prendono un licenziamento secco lei offenderebbe o direbbe non ho fiducia nel mio editore ? ragioni un po’ su e si cerchi un lavoro che e’ meglio ma solo un mio consiglio

    • 18 Marzo 2015 in 04:35
      Permalink

      Beh ”tipico dei falliti della vita lamentarsi contro chi riesce” sono parole molto grosse.
      Io in tutto questo marasma vedo solo ”gente che riesce”…a mettersi nei casini…poche balle!
      vedremo alla fine come ne usciranno i vari taci,pizzarotti ecc da tutta questa bella storia…anche x manenti lasciamo fare al tribunale

  • 17 Marzo 2015 in 22:55
    Permalink

    Questi discorsi: Ghirardi x 7 anni ha devaststo pr.fc (anche se qualche soddisfazione ce l’ha pure data), Taci ci ha preso x i fondelli x piu’ di 2 mesi e Manenti invece poverino e’ e’ qua’ solo da 40 gg e quindi dobbiamo accettarlo e tacere io proprio non ci sto’. Perche’ ‘ a questo punto x par condicio d9vremmo sopportare e accettare x altri 30 gg.un altro gaglioffo che magari subentra a Manenti. Signori abbiamo gia’ dato adesso basta!!!

  • 17 Marzo 2015 in 22:57
    Permalink

    Non si capisce perche’ taci ha ammazzato il parma invece i due mesi di manenti no ? la differenza e’ netta 2 mesi in piu’ per preparare le varie curatele o curatelle ….cambia cambia solo gli satolti non lo capiscono e poi a me maneti non diverte prende in giro i dipendenti con le sue promesse a vanvera e poi non avesse i 100 ml ma almnto qulacosa poteva mettere altrimenti e’ solo un bluff

  • 17 Marzo 2015 in 23:19
    Permalink

    Grande Osso..

  • 18 Marzo 2015 in 00:10
    Permalink

    grande osso concordo con te e anche con ezio e basta manenti a casa ….non se ne puo’ piu’ solo gli alllocchi lo intervistano ancora e gli danno percentuali di pagare ma cosa paga quello non ha una lira greca ci fa perdere del tempo utile che serviva per salvare il parma al meno in serie b

  • 18 Marzo 2015 in 00:15
    Permalink

    Grazie all’avvocato Malvisi per la solita chiarezza. Praticamente Manenti da perfetto sconosciuto e senza nessuna colpa si è messo in un mare di guai.

  • 18 Marzo 2015 in 00:19
    Permalink

    E’ ridicola questa stucchevole difesa a oltranza di questo bipede.. non offendiamo il genere umano.. mascherata da neutralità.. va bene fare i bastian contrari ma si parla del presidente del Parma.. adesso è lui il presidente del Parma e per questo lo si intervista e gli si da spazio.. e lo si giudica.. non si rimanda sempre a taci. upi ghirardi.. abbiamo capito chi ha creato questo disastro .. è normale che poi qualcuno (non io personalmente) abbia dato credito a Taci essendo uno con una storia imprenditoriale anche di sponsorizzazione nel calcio.. uno che di soldi ne ha fatti e ne ha spesi.. è comproprietario si una squadra inglese ecc… che sia un personaggio ambiguo penso l’avessero capito in molti.. una persona perbene non diventa ricco in Albania o in Russia.. non mi sembra che sia stato incensato da tutti. è questione di contenuti.. Manenti è il nulla.. non ha una storia imprenditoriale ..e ha una storia umana e un arroganza che fanno vomitare.. mi sembra che i giocatori poi abbiano parlato meglio di Kodra che non ha mai promesso niente e ha detto che la situazione era molto critica.. questo bipede da due mesi.. o meglio da 3 anni (Pigna. Brescia) dice che i soldi arrivano domani.. prende per i fondelli tifosi ma soprattutto dipendenti.. gente sul lastrico.. mentre lui mangia e viaggia a scrocco da due mesi.. dare ancora credito a questo individuo è un insulto all’intelligenza umana.. se Donadoni lo fa ancora (seriamente e non davanti alle telecamere) mi viene da dubitare seriamente delle sue facoltà mentali.

  • 18 Marzo 2015 in 00:30
    Permalink

    È ora di finirla di difendere quell’uomo,ok che il 19 è vicino ma basta!!!! spero che arrivi presto la fine di questo martirio mi hanno davvero stremato!! Non voglio più sentire nominare quei nomi li ghirardi taci manenti Basta ag dema un taj si o no!!!!!! Bastardi!!!!

  • 18 Marzo 2015 in 01:27
    Permalink

    indifendibile manenti e’ ora di finirla colpa sua se il parma non rimarra in serie B altro che taci …..

  • 18 Marzo 2015 in 08:05
    Permalink

    Repubblica.it lo dice arrestato. Wow. Senza parole.

  • 18 Marzo 2015 in 08:24
    Permalink

    Secondo me è l’ultimo dei problemi di Manenti 🙂

  • 18 Marzo 2015 in 08:32
    Permalink

    Arrestato il matto e adesso è davvero finita…

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI