LEONARDI SI E’ DIMESSO DALLA CARICA DI DIRETTORE GENERALE DEL PARMA FC: “NON VOGLIO ESSERE D’IMPACCIO ALL’ATTUALE PROPRIETA’”

image(da fcparma.com) – Collecchio 4 marzo 2015 – Parma Fc rende noto che in data odierna il Direttore Generale Pietro Leonardi ha rassegnato le sue dimissioni da Direttore Generale del club. Pietro Leonardi ha spiegato così la decisione presa, ringraziando e salutando inoltre addetti ai lavori e tifosi del Parma:

“Ho deciso di dimettermi da Direttore Generale del Parma Fc Spa. Le mie condizioni di salute, peggiorate negli ultimi tempi e l’attuale situazione ambientale che si è mio malgrado venuta a creare,  non mi consentono più di svolgere il mio lavoro proficuamente, non volendo oltretutto risultare d’impaccio all’attuale proprietà.

“Ringrazio i miei collaboratori, i dipendenti tutti,  lo staff tecnico, i calciatori e la tifoseria, ai quali mi sento e mi sentirò sempre profondamente legato”.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

161 pensieri riguardo “LEONARDI SI E’ DIMESSO DALLA CARICA DI DIRETTORE GENERALE DEL PARMA FC: “NON VOGLIO ESSERE D’IMPACCIO ALL’ATTUALE PROPRIETA’”

  • 4 Marzo 2015 in 19:57
    Permalink

    Commento a caldo direttore?

    • 4 Marzo 2015 in 20:12
      Permalink

      Beh, ha accontentato tutti quelli che volevano che si togliesse dalle palle, che di questi tempi non erano pochi.

      Rinunzia a due anni e quattro mesi di contratto, giacché sarebbe scaduto il 30 giugno 2017.

      Il giudizio sui suoi anni rimane quello che ho espresso quotidianamente su StadioTardini.it

      Gli ha fatto onore – e gliene sarò sempre grato – l’aver riconosciuto, almeno in fondo, la mia onestà intellettuale.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 4 Marzo 2015 in 20:21
        Permalink

        ad “onesta’ ” sono imploso

        io non sarei tanto sicuro che si dimettera’ gli do uno 0,1 %

  • 4 Marzo 2015 in 19:57
    Permalink

    Salve, sono un tifoso del Toro e nonostante quello che è successo in estate spero che il Parma risolva i suoi problemi ( a proposito io già in estate avevo capito che il Parma sarebbe saltato, mi è bastato leggere qualche notizia sul modus operandi della sua dirigenza). Comunque le scrivo perché Manenti mi ricorda tanto tal Giovannone che all’epoca del fallimento del Toro entrò in scena solo per poter lucrare qualcosina (anche solo 7/800mila euro) nel momento in cui qualche imprenditore serio si farà avanti per rilevare il Parma anche partendo dalla serie D. Lei cosa ne pensa?

    • 4 Marzo 2015 in 20:04
      Permalink

      Che secondo me, invece, mapiman ha voglia di andar avanti e non di intascarsi dei soldi.

      • 4 Marzo 2015 in 20:14
        Permalink

        Staremo a vedere. Lei sicuramente ha più informazioni del sottoscritto, resto curioso di vedere come andrà a finire ed auguro al Parma di risollevarsi.

        • 4 Marzo 2015 in 21:53
          Permalink

          Fanno sempre così, anche quando accadde al Perugia. E’ un consolidato sistema che usano certi truffatori per entrare al momento giusto per coprire la proprietà uscente dal tiro della Procura. A Perugia arrestarono la proprietà uscente ma intanto si fece tardi per evitare di finire tra i dilettanti. Auguro al Parma miglior sorte.

          • 4 Marzo 2015 in 22:01
            Permalink

            mah, per come ho visto svilupparsi la cosa, io non penso che ci sia dietro un sistema per coprire la proprietà uscente, che anzi mi sa piuttosto inchiodata alle proprie responsabilità. anzi i giri di valzer, che secondo me non erano tesi a portar qualcun altro a fallire in propria vece, bensì a salvare il club (mi sono fatto la convinzione che sia l’ammiraglio che l’armatore vedessero con il fumo negli occhi la prospettiva del fallimento, ed entrambi, chi in un modo, chi in un altro, si sarebbero arrabattati per evitarlo) continuando a farlo vivere.

            Circa il fallimento pilotato io resto dell’idea che se ci sono da pagare i debiti sportivi, che io stimo essere attorno ai 70 ml (60+10), è praticamente impossibile che all’asta fallientare salti fuori qualcuno che si accolli il fardello. Per cui, al di là del tempo più o meno perso con manenti, il destino in D non si sarebbe comunque evitato.

            Cordialmente

            Gmajo

      • 4 Marzo 2015 in 20:18
        Permalink

        direttore andare avanti a far cosa ?? a farsi compatire e a prendere per il culo i tifosi!!!

        • 4 Marzo 2015 in 20:22
          Permalink

          Prendo atto della sua opinione, ma io resto della mia. Per me non sta prendendo per il culo nessuno.

          • 4 Marzo 2015 in 20:33
            Permalink

            mi spiace direttore ma a sto giro non sono daccordo con lei,se manenti ha preso il parma doveva avere garanzie economiche !!
            se in inghilterra si presenta un elemento del genere per prendere un club lo cacciano via a calci in culo!!
            di sicuro non è stato lui a rovinare il parma ma è un personaggio irritante questo continua a dire che ha i soldi e che arrivano “domani”ha rotto le balle

          • 4 Marzo 2015 in 20:39
            Permalink

            Anche lei, Fabio, cerchi di non alimentarsi con i luoghi comuni, per favore…

            Che il sistema italiano consenta ai Manenti di prendere il Parma non penso sia colpa né di Manenti, nè della Dastraso che glielo ha venduto. E va da sé che ci sarà da fare regolamentazioni al riguardo, anche se penso che il problema della vendita a un euro sia il problema più piccolo rispetto alla enorme mole di problematiche del caso Parma. Infatti il problema non è il disfarsi della società, o il Manenti di turno: il problema serio è come impedire che ci siano personaggi come Ghirardi che riducono un club acquistato con liquidità e zero debiti nell’attuale groviera. Il problema non è quindi il disfarsi del fardello, ma far sì che il fardello non si generi.

            Poi sul fatto che abbia rotto le palle con la storia che i soldi arrivano domani, io ho forse detto il contrario? Ho detto, appunto, che ha sbagliato nel dare continuità alle promesse non mantenute di chi lo aveva preceduto, anziché presentarsi con fatti concreti.

            Saluti

            Gmajo

  • 4 Marzo 2015 in 19:59
    Permalink

    D’altra parte ha fatto quello che io, nelle sue stesse condizioni avrei fatto anch’io.

  • 4 Marzo 2015 in 20:05
    Permalink

    Me l’aspettavo…ormai è chiaro a tutti quqnato sia colpevole della situazione attuale, se prima magari c’era qualche dubbio( io ero tra quelli), adesso era la cosa giusta da fare.Persona che aveva perso ogni briciolo di credibilità

  • 4 Marzo 2015 in 20:08
    Permalink

    SALGA A BORDO CAZZO !!!

  • 4 Marzo 2015 in 20:12
    Permalink

    Scappa Pietro scappa…..

    • 4 Marzo 2015 in 20:19
      Permalink

      Prima volevate che rimanesse, adesso che si è dimesso dite che scappa…

      Accontentarvi tutti non è facile…

      • 4 Marzo 2015 in 20:26
        Permalink

        giusto

      • 4 Marzo 2015 in 20:37
        Permalink

        majo con queste cazzate non andrà lontano neanche lei. Ah ma l’importante è che un farabutto abbia riconosciuto la sua onestà intellettuale. la sta facebdo un pò fuori dal vaso secondo me

        • 4 Marzo 2015 in 20:42
          Permalink

          La starò anche facendo fuori dal vaso, ma quel riconoscimento è per me una vittoria morale di enormi proporzioni. Capisca bene: io ero stato indicato a voi tifosi come nemico del Parma, e ho anche subito le mie angherie per questa motivazione, giacché c’è stato chi ci aveva creduto.

          Saluti

          Gmajo

  • 4 Marzo 2015 in 20:13
    Permalink

    Evvai. Non. Vedo l ora che sia domani X.vedere cosa succederà Nella prossima puntata

  • 4 Marzo 2015 in 20:13
    Permalink

    Era questa la notizia annunciata da Alessandro in un altro post?

  • 4 Marzo 2015 in 20:16
    Permalink

    Cosa dice il suo noto fiuto, Majo? Come legge queste dimissioni (“non voglio essere di impaccio”)?

    • 4 Marzo 2015 in 20:48
      Permalink

      Mah. diciamo che c’era molta idiosincrasia nei suoi confronti. L’incompatibilità ambientale era palese. Penso fosse inevitabile

  • 4 Marzo 2015 in 20:17
    Permalink

    Senza lo zar Pietro ormai solo il Giampy ci può salvare…..
    Majo novità su Cipolla???? Ho sentito che va via subito!!!!

  • 4 Marzo 2015 in 20:19
    Permalink

    Salute Mio Capitano: avra’ fatto sicuramente degli errori forse anche gravi ( il futuro e la storia ce lo diranno) ma ha fatto da parafulmine per anni ad un obeso fuori di mansardone e non e’ mai fuggito somatizzando un bel po’.

    • 4 Marzo 2015 in 20:23
      Permalink

      ma smettiamola …oltre il **** anche leonardi ci ha messo del suo per rovinarci

    • 4 Marzo 2015 in 20:24
      Permalink

      che grande uomo commovente

  • 4 Marzo 2015 in 20:20
    Permalink

    1 di meno ora tocca al mitomane squattrinato

  • 4 Marzo 2015 in 20:23
    Permalink

    Il leo sta cercando di salvarsi le chiappe. Scommette una piza Direttore che fara’ perdere le sue tracce magari all’estero

    • 4 Marzo 2015 in 20:31
      Permalink

      Narra la leggenda che alle aerostazioni sia arrivato l’avviso di non farli partire per destinazioni estere…

      Indipendentemente da questo, però, se il Leo stesse cercando di salvarsi le chiappe come dice lei facendo perdere le sue tracce all’estero, avrebbe potuto comunque farlo pur mantenendo la carica di dg… Uno cosa fa? Pensa di scappare e si dimette? Mi sembra una considerazione irrazionale…

      • 5 Marzo 2015 in 02:57
        Permalink

        Concordo in pieno…se uno vuole scappare non si dimette..sarebbe rimasto all’ombra della sua carica. Una cosa al Leo va riconosicuta: ultimamente con le parole ci sa fare…si è accomiatato con grande educazione e con una chiusa strappalacrime…Il Ghiro in fatto di stile non è degno neanche di lustrargli le scarpe. Saranno parole senza un valore concreto ma almeno danno l’impressione che almeno un po’ alla squadra ci abbia tenuto,nonostante i suoi errori siano palesi..che ci abbia tenuto il Ghiro al ns amato parma mi viene molto più difficile crederci! Anzi sono sicura che avesse un piano già da molto tempo e che l’abbia portato a termine , più o meno…

  • 4 Marzo 2015 in 20:25
    Permalink

    forse e’ andato appena in tempo ascoltando caressa che gl ha dato imputi sembra infatti che ci siamo questione di ore …….per cui che si dimettesse o lo dimettessero cambia poco

    • 4 Marzo 2015 in 20:29
      Permalink

      Perché dimettendosi eviterebbe il tintinnio? Minkia

  • 4 Marzo 2015 in 20:26
    Permalink

    Alfredo concordo pienamente con te al contrario di quel qua ra qua di Filippo78 ricordandogli che il Sig. Leonardi a differenza del ciccione non e’ mai scappato. Ed ora aspetto con impazienza le dimissioni di Sandro Melli, Silvia Serena e Mirko Levati.
    Saluti
    Matteob

    • 4 Marzo 2015 in 20:33
      Permalink

      Sta dando dei vigliacchi a Melli, Serena e Levati? Dei falsotti vili?

        • 4 Marzo 2015 in 21:00
          Permalink

          Era solo per conferma. Lei sta rischiando la diffamazione.

          • 4 Marzo 2015 in 21:01
            Permalink

            Sì, appunto… Cerchiamo sempre di restare nei limiti, plaese…

          • 4 Marzo 2015 in 22:51
            Permalink

            io non entro nel merito però che Levati ,che tutti sanno quanto fosse legato al patron Ghirardi, abbia fatto ora il contrariato e pubblichi su facebook certe cose a me personalmente ha dato fastidio, perché certe cose vanno dette quando servono….ora è tardi inutile per tutti….e non è che facendo certe azioni ti dissoci,e lavi la ciscienza….

      • 4 Marzo 2015 in 22:10
        Permalink

        Ricorda che esistono gli uomini, i mezzi uomini, gli ominicchi e i quaquaraqua. Fa te…

      • 5 Marzo 2015 in 03:09
        Permalink

        Però inutile che traduci le frasi di matteob x poi dirgli che rischia la querela..aveva parlato lasciando intendere ma senza offendere Ma se poi glielo tiri a dire certe cose!…Avrebbe potuto dire che sarebbe opportuno che si dimettesse chi non ha denunciato pur sapendo…..la.sostanza è la stessa ma non si rischia la querela no? Cmq io nn difenderei a spada tratta nessuno in questo momento. ..ognuno ha le sue colpe piccole (omissione) o grandi (aiuto effettivo ) in questo crack imminente… A differenza del crack Tanzi (ben congegnato e sconosciuto anche ai piu vicini nei meccanismi) ho l’impressione che stavolta si potesse fermare prima questo ingranaggio perverso se solo qualcuno avesse avuto coraggio di mettere a rischio la propria ”scrana”!

    • 4 Marzo 2015 in 20:42
      Permalink

      sei cosi’ stupido che rotoli in salita

      • 4 Marzo 2015 in 21:05
        Permalink

        Figa assio in queste giornate tristi mi fai sempre stare bene…

        • 4 Marzo 2015 in 22:02
          Permalink

          Io non rischio un emerito cazzo, qui tutti dicono tutto si tutti, leggo frasi di gente che scappa che ruba soldi che e’ indagata che arrivano le manette, io dico che aspetto le dimissioni di Sandro Melli, Silvia Serena e Mirko Levati. Poi se mi domandano come Gustavo se io penso che i nomi sopra riportati siano dei vili falsi e vogliacchi io rispondo di si. Motivo ? Se sapevano dovevano denunciare prima e non adesso…quindi questo comportamento e’ da vigliacchi, falsi e vili. Poi in risposta ad un certo Assioma, ma per carita’ non la merita nemmeno, stiamo parlando del nulla….caro Assioma ti conosciamo e sei meno dello zero. Per eventuale denuncia per diffamazione non ho problemi, le aspetto, mi trovate all’interno di collecchio, vero Assioma ?? Hahahaha

  • 4 Marzo 2015 in 20:35
    Permalink

    Direttore, come la vede per domenica? Pensa che la lega metterà i soldi per giocare la partita? Quali sono gli scenari ipotetici?

    • 4 Marzo 2015 in 20:45
      Permalink

      Io credo che il problema debba essere di più lunga gittata. Se ci fermiamo alla partita di domenica è un po pochino. Se ci fermiamo alla fine del campionato facciamo solo gli interessi di Lega e Figc. Se andassimo oltre la fine del campionato l’obiettivo sarebbe raggiungere la possibilità di mantenere la categoria, alias la serie B, nonostante i 70 milioni circa di debito sportivo, che non so proprio come potrebbero fare per azzerarlo, al fine di consentire l’acquisto del Parma all’asta, posto che qualcuno ci dia anche dei soldi per l’esercizio provvisorio. Insomma clamorosi cambiamenti in corsa di regole che sarebbero davvero schifose. Io a questo punto penso che la vera catarsi stia nel fare saltare il banco senza accettare prebende e senza rendersi complici di porcherie. Magari il calcio potrebbe rinascere sotto migliori auspici.

      Saluti

      Gmajo

      • 4 Marzo 2015 in 20:56
        Permalink

        direttore ho l’impressione che alla fine si facciano “cambiamenti in corsa di regole che sarebbero davvero schifose” poi magari mi sbaglio

        • 4 Marzo 2015 in 21:05
          Permalink

          Indubbiamente credo che si vada in quella direzione (anche se non penso che cambino le noif sino al punto di concederci l’azzeramento persino dei debiti sportivi)

          Cordialmente

          Gmajo

          • 4 Marzo 2015 in 21:19
            Permalink

            Ma magari cambiassero schifosamente le regole e ci salvassimo con la B! Poi ci darebbero dei raccomandati? Meglio ancora. Agli juventini danno dei ladri da una vita e se ne fregano.

          • 4 Marzo 2015 in 22:06
            Permalink

            Ha ragione Majo. La sete di rivalsa mi sta facendo dimenticare l’etica. E devo chiedere perdono.

      • 5 Marzo 2015 in 03:21
        Permalink

        Rinasceremmo noi sotto migliori auspici ma gli altri farebbero sempre le solite porcherie. Vedi Lotito che in A vuole solo le grandi, gli arbitri che nel dubbio favoriscono Roma e Juve ecc…siamo lontani dal calcio ideale…E’ anche vero che da qualche parte bisogna iniziare e sarebbe lodevole se iniziassimo noi…E soprattutto che dopo il due (ghiro ) non ci sia il tre (…) a fare debiti con il nostro parma che non se ne può più ! cmq penso non sarebbe scandoloso se pensassero di congelare i debiti sportivi x un periodo,stabilire le responsabilità e mal che vada , se il ghiro e/o altri saranno dichiarati innocenti , pagare noi i suddetti debiti. La giustizia è garantista con tutti e potrebbe esserlo con noi in questo senso

  • 4 Marzo 2015 in 20:38
    Permalink

    vedendo che lei ha ancora fiducia nelle intenzioni di Manenti a suo giudizio davvero ci sn chances che riesca a presentare un piano in procura cn coperture e soprattutto a fare primi pagamenti concreti in tempi brevi ormai?una sua ipotesi..

    • 4 Marzo 2015 in 20:40
      Permalink

      la mia ipotesi è sempre la medesima da giorni. Ci credo allo 0,1%. Vedremo se come canta Morandi “uno su mille ce la fa”…

  • 4 Marzo 2015 in 20:43
    Permalink

    Le risulta che Leonardi abbia già ricevuto tutti i soldi del suo contratto fino al 2017 come dicono alcuni?

      • 4 Marzo 2015 in 21:06
        Permalink

        E come si fa a sapere se li ha presi o meno?!?! Bisognerebbe guardarli il conto in banca…

  • 4 Marzo 2015 in 20:43
    Permalink

    É un dato di fatto che lo siano!

  • 4 Marzo 2015 in 20:48
    Permalink

    Ennesimo segnale che si vada verso la bancarotta. Non vedo l’ora che sia giugno

    • 4 Marzo 2015 in 20:51
      Permalink

      Io non la leggo così. Perché mettere in correlazione le dimissioni con la bancarotta? Non capisco

      • 4 Marzo 2015 in 21:02
        Permalink

        Ma infatti.

  • 4 Marzo 2015 in 20:56
    Permalink

    Esimio Direttore, mi potrebbe, per favore, dare una sua personalissima opinione, sul perchè Mapimen sta facendo quel che sta facendo? Mapimen ci crede veramente?

    • 4 Marzo 2015 in 21:02
      Permalink

      Secondo me ci crede. Perché al di là dei riflettori mi è descritto come uno che stia veramente cercando di presentare il famoso piano di rientro (la cui conditio sine qua non è il cacciarci la pila). Se questi si divertisse a prendere per il culo i tifosi, immagino non avrebbe questo attivismo dietro le quinte.

      Saluti

      Gmajo

  • 4 Marzo 2015 in 21:02
    Permalink

    E come di spiega direttore il fatto che manenti nn voglia mollare..nn credo in procura possa portare bgianate

    • 4 Marzo 2015 in 21:16
      Permalink

      Apposta che dico tempo al tempo. Il giorno 19 marzo (anzi il 12, poiché deve presentarsi almeno una settimana prima) dovrà iniziare a dimostrare concretamente che il Parma F.C. di cui oggi è legittimo proprietario non è insolvente, e per non essere insolvente deve cacciare la pila. Se non lo avrà fatto in quella occasione non ci saranno più balle di sorta. ma fino a quella data andrebbe aspettato. Tanto, come già spiegato, non cambia per nulla gli orizzonti. Anche perché il “pilotato”, con le attuali norme (e non credo siano talmente sfacciate da cambiarle così platealmente) prevede che vadano versate somme pari a circa 70 milioni di debito sportivo, magari rinegoziabili anche per la metà, ma comunque un bell’impego, e quindi questa eventuale perdita di tempo non comporta al tifoso ulteriori danni.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 4 Marzo 2015 in 21:04
    Permalink

    Inoltre, Egr. Direttore, desideravo chiederle, come posso eliminare questo sfondo nero che mi distrugge la vista da una persistenza retinica. La ringrazio. Ho notato che si può mettere lo sfondo bianco peccato che funzioni solo parzialmente poichè se lo si seleziona si parte dalla Home del suo sito, Egr. Direttore, e se dalla Home questa volta bianca si seleziona un’articolo la pagina si carica ma in nero. Almeno a me fa così.
    Come posso risolvere?
    La ringrazio molto
    Cordiali Saluti
    Romano

    • 4 Marzo 2015 in 21:11
      Permalink

      Credo dipenda dal suo browser. Magari faccia un aggiornamento all’ultima versione o scelga google chrome. A me funziona perfettamente. Anche se io sono per lo sfondo nero che anche secondo il mio oculista è decisamente più riposante per la vista.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 4 Marzo 2015 in 21:04
    Permalink

    La cosa che nn comprendo ..ok tempi tecnici ma sn passate settimane..ancge dall estero sarebbero arrivati..lei se esistessero che origine immagina?

      • 4 Marzo 2015 in 21:21
        Permalink

        Lo faccia in forma ipotetica, nessuno può accusarla di nulla. Viceversa la sua opinione è importante e ci dispiacerebbe non averla.

        • 5 Marzo 2015 in 01:31
          Permalink

          Penso che se parlo di soldi di difficile traduzione in lingua italiana utilizzo una perifrasi di semplice compresione

  • 4 Marzo 2015 in 21:05
    Permalink

    Levati senza vergogna è più in televisione di Salvini per rifarsi una verginità, Melli, da paraculo, ha fatto quell’intervista come il Berlusca dei bei tempi intervistato da Vespa e Serena vola bassa per cercare di non dare nell’occhio in modo da dimenticarsi di lei.

    • 4 Marzo 2015 in 21:08
      Permalink

      Chi sei il parente di matteob?

      • 4 Marzo 2015 in 21:31
        Permalink

        Nessuna parentela, semplicemente ho orecchie per ascoltare non solo quello che è più conveniente. Come tutti sapevano della mala gestione di Ghirardi Leonardi non sono poche le voci sulla coppia Melli Serena…

      • 4 Marzo 2015 in 22:19
        Permalink

        Dai Levati ha fatto lo zerbino per anni e adesso si inalbera…ma dai… Perché’ non ha dato le dimissioni un anno fa visto che non lo pagavano?

    • 4 Marzo 2015 in 21:23
      Permalink

      Intanto che c’era potevi metterci di mezzo anche Renzi, in quanto a presenzialismo televisivo non è certo da meno.

  • 4 Marzo 2015 in 21:07
    Permalink

    Questi benedetti soldi a suo giudizio che origini avrebbero?e il piano in procura nn credo esuli da coperture di pila anzi..8

    • 4 Marzo 2015 in 21:18
      Permalink

      appunto. E chi ha detto che il piano in procura esula? Non esula… Il cacciar la pila è alla base del piano di rientro. Deve mostrare di essere solvente e per mostrarlo l’unica è cacciare la pila. Perché dinnanzi il tribunale fallimentare le balle non stanno in piedi e neppure si può prender tempo

      Cordialmente

      Gmajo

  • 4 Marzo 2015 in 21:14
    Permalink

    La ringrazio direttore problema miracolosamente risolto!!!!!!!!! I MIEI OCCHI LA RINGRAZIANO!!

  • 4 Marzo 2015 in 21:22
    Permalink

    Ciao Leo..le tue super cazzole dette con toni strafottenti, le tue manovre che hanno reso vane le plus valenze (vedi il caso Palladino) mi mancheranno proprio..sei stato l’esempio della malattia incurabile del calcio. Per me il fatto che tu non sia scappato prima, a novembre, non cambia nulla.
    Arrivederci Leo..arrivederci…

    • 4 Marzo 2015 in 22:22
      Permalink

      Qualche notte fa, svegliatomi con il facocero sullo stomaco per via della pessima abitudine di cenare tardi (ho dei pessimi stili di vita che il dottor Pallini non approva, e a proposito di mangiare – pur avendo ancora una miriade di commenti in giacenza da evadere, i più vecchi da stamani, nonostante da ore non abbia smesso un secondo di dialogare con voi cari lettori – tra poco sarò costretto a trascurarvi il tempo di un magro desco) non so perché, ma sono incappato in questo video datatissimo con protagonista l’ex plenipotenziario

      https://www.youtube.com/watch?v=-BhLhQD04c4

      L’aria di Parma aveva certo fatto bene al SuperLeo – che mi mancherà come Berlusca a Travaglio – che da allora ad oggi, fisicamente, era decisamente migliorato. anzi, non fino ad oggi, ma fino all’inizio di questa stagione. Poi c’è stato un ineluttabile declino anche fisico, avendo parecchio somatizzato l’evolversi della vicenda…

      Cordialmente

      Gmajo

  • 4 Marzo 2015 in 21:23
    Permalink

    Ma direttore se anche il mapimen presentasse il piano di rientro alla procura siamo così sicuri che possa essere accettato o l ostruzionismo sarà elevatissimo anche in quel caso?

    • 4 Marzo 2015 in 21:48
      Permalink

      Suppongo possa esser abbastanza probabile ulteriore ostruzionismo (del resto Pizzarotti stesso ha più volte sottolineato come Manenti risulterebbe comunque non affidabile anche arrivassero questi soldi di cui non gli ha chiarito la provenienza).

      Cordialmente

      Gmajo

      • 5 Marzo 2015 in 00:43
        Permalink

        il vostro sindaco e’ stupendo. Arriva ad un comune dove trova un credito non garantito dal Parma FC per 1,2 milioni di euro e non parla. Viene fuori che il Parma FC promette tale pagamento un numero indecifrabile di volte, ed il vostro sindaco tace. Non credo ci volesse una volpe per capire in che acque navigasse il Parma FC a quel punto; sarebbe bastato, come fa chiunque capisce un minimo di business, fare un giro dei fornitori del Parma FC per capire che i 1,2 milioni non li avrebbe mai rivisti. Ma tace. Silenzio totale.
        Il Parma FC passa di mano un paio di volte, con innumerevol presidenti che si guardano bene dal coprire gli 1,2 milioni di euro ma il vostro sindaco tace. Tace sempre. Un eroe dell’informazione, il vostro sindaco.
        Ora invece non sta piu’ zitto e, purtroppo per lui, dice fesserie e dimostra scarsa conoscenza di diritto privato ed aziendale, per cui si fa riprendere non di meno che da MapiMan. Una figura da incompetente unica. E non ditemi che faccio politica perche’ manco vivo in Italia ed ho perso il conto dei partiti nostrani circa 15 anni fa e quindi non ho la minima idea di che appartenenza politica abbia.
        Ma l’apologia massima all’incompetenza arriva con la denuncia che lui di Manenti non si fida. Lui che si e’ fidato di Ghirardi per 1,2 milioni di euro. Ma quale credibilita’ puo’ avere? Senza considerare il danno di immagine che il sindaco fa verso una proprieta’ che, se esistente, dovrebbe mettere 170 milioni di euro in un buco non fatto da loro. Ma questo sindaco rema contro e non ha capito una benemerita. A quando le prossime elezioni? Ma soprattutto, a quando la prossima IMU? No, perche’ visto che qui si possono fare crediti a paghero’ con comune di Parma io mi addeguerei fossi in voi.

        • 5 Marzo 2015 in 00:46
          Permalink

          Se la quoto al 100% poi mi dicono che faccio politica…

          Preciso, tuttavia, che il debito di 1.150.000 non l’aveva trovato, ma si è di fatto costituito per gran parte durante il suo mandato.

          Cordialmente

          Gmajo

          • 5 Marzo 2015 in 01:12
            Permalink

            Che dire, di male in peggio. Non solo ha taciuto, ma e’ pure corresponsabile. Lui come gli ufficiali della GdF, eroi eccezionali, che hanno lasciato che Ghirardi accumulasse debiti di 1,2 milioni verso il comune e 19 verso l’IRPEF. 20 milioni di perdite che, indovini un po’ se Manenti non salva il tutto? finiscono sulle tasche dei contribuenti. Sono senza parole. io quei 20 milioni li farei tirare fuori alla lega ed a quei 4 pagliacci che governano il calcio italiano da 20 anni riducendolo a stato comatoso. Gli altri 150 purtroppo andranno ad uccidere un bel o’ di indotto della regione. Vede, in Italia ho paura ancora non si riesca a capire che il calcio e’, bene o male e nonostante sia un intrattenimento, la quinta azienda italiana. La quinta. Davanti ad altre aziende che lo stato fa di tutto per salvare invece di lasciar morire in quanto improduttive. Qui e’ necessario un cxambio di gestione epocale altroche’ Tavecchio and soci

  • 4 Marzo 2015 in 21:32
    Permalink

    Anch’io sarei dell’idea di non stare ai giochi della lega.
    Come diceva lei, se tutto finisce bene noi andremo in D e loro si vanteranno del fatto di non aver falsato il campionato e di non dover rendere niente a sky per i diritti televisivi.
    Così facendo non cambierà nulla di questo sistema completamente da rifondare sia a livello di uomini che di norme.

  • 4 Marzo 2015 in 21:36
    Permalink

    Salve sig. Majo apprezzo molto questo sito e il suo stile giornalistico e vorrei porle un quesito, in caso di fallimento chi è che rischia di più? Quali sono le sue sensazioni? So che non è una questione semplice ma non conoscendo molto la legge in merito vorrei capire se i conntratti stipulati da Ghirardi con Taci potrebbero assolverlo da eventuali responsabilità e se oltre alla proprietà Leonardi potrebbe essere giudicato per la gestione del Club.
    Grazie

    • 4 Marzo 2015 in 22:13
      Permalink

      Salve Simone,

      le ho aggiunto nel nick name anche una M per distinguerla dai tanti Simone che ci scrivono, così non facciamo confusione, e si ricordi di aggiungere la M anche per eventuali successivi commenti che vorrà postare.

      Innanzitutto grazie per l’apprezzamento per il sito e per il mio stile giornalistico.

      In caso di fallimento io credo che – stante le indagini in corso – problematiche non irrilevanti possano averle tutti i passati amministratori minimo degli ultimi tre anni. Sia quelli operativi, sia quelli che sedevano nel cda. Non credo proprio che l’attivissima procura locale si possa fermare dinnanzi alle fresche proprietà estere.

      Penso che ammiraglio ed armatore possano facilmente finire nel mirino degli inquirenti. Anzi, i ben informati sostengono lo siano già da tempo e c’è chi non ha avuto remore a far chiari riferimenti a provvedimenti piuttosto restrittivi.

      Peraltro credo che con le indagini in corso, qualora ci fosse anche un improbabile salvataggio del club da parte di manenti, non si fermerebbero eventuali conseguenze per le condotte oggetto appunto di tale attività investigativa.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 5 Marzo 2015 in 00:52
        Permalink

        Sul secondo punto non sono convinto vi possa piu’ essere una inchiesta penale contro la precedente proprieta’. Non conosco a menadito il diritto aziendale italiano ma una volta che la nuova proprieta’ compra il Parma per un euro ed evita la bancarotta dell’azienda, la precedente societa’ potrebbe scamparla, purtroppo. In breve, se MapiMan salva il parma, Ghirardi deve fargli un santuario a spese sue. La ragione sta nel fatto che rilevando la totalita’ o quasi della proprieta’ con un euro, nel valore dell’azienda vengono considerati bilancio d’esercizio e consolidato. Se salvato, il consolidato verrebbe riportato al pareggio, ed il valore del Parma sarebbe, sul mercato, pari al valore di acquisto piu’ la copertura debitoria, cioe’ 170 milioni di euro piu’ uno. Credo questo e’ cio’ che aveva in mente il buon ghirardi quando vendette il parma per 1 euro a taci. Solo che Taci decise che non era cosa mettere 170 milioni di euro in una societa’ diretta verso la B.

        • 5 Marzo 2015 in 00:59
          Permalink

          Sottoporrò il caso all’esimio prof. avv. granduff. Paolo Malvisi, in quanto io ne so meno di lei di diritto aziendale…

          • 5 Marzo 2015 in 01:00
            Permalink

            lei e’ un eroe.

            Grazie

        • 5 Marzo 2015 in 03:44
          Permalink

          Così fosse sarebbe la più grossa schifezza di tutti i tempi

  • 4 Marzo 2015 in 21:36
    Permalink

    Caro Majo mi lasci sfogare,non pretendo ASSOLUTAMENTE che mi pubblichi ma mi lasci sfogare.Ghirardi è ********, UN VERO ******,UN ****** DI ******** .Spero che ****** quel ****** . E’UNA ******** e dicendo questo chiedo scusa alla ******** in ginocchio per averla offesa. La ********** è migliore di lui. Grazie Majo per lo sfogo.

    (gmajo) – Ecco, dopo aver fatto il Braghettone ho potuto pubblicarla… Ovviamente non posso fare un quiz con il sostituite i puntini, se no saremmo da capo…)

  • 4 Marzo 2015 in 21:41
    Permalink

    X me in procura porta lo stesso foglio che ha fatto vedere a soci e giocatori e dice…domani faccio i bonifici

    • 4 Marzo 2015 in 21:52
      Permalink

      Non mi risulta che la dottoressa Del Monte sia una spiritosa…

  • 4 Marzo 2015 in 21:55
    Permalink

    Pare che Taçi i grandi nomi tipo Balotelli li avesse tentati sul serio, caro Majo. Evidentemente quello del paesello aveva occultato certe perdite, altrimenti magai con l’albanese ci saremmo divertiti…

    • 4 Marzo 2015 in 22:03
      Permalink

      Per me questa è una corbelleria grande come una casa. Per me Taci sapeva a menadito la situazione del Parma. E secondo me grazie alla instancabile Procura prima o poi lo sapremo. Taci, a mio modo di vedere, ha salutato la compagnia poiché il mitizzato socio russo, quello per il quale io mi sarei dovuto inginocchiare sui ceci, non si è mai materializzato. Quella dei conti è una scusa banale che era talmente prevedibile…

      • 4 Marzo 2015 in 22:11
        Permalink

        Vero… Probabilmente Taçi ha contattato i big… ma non ha portato a termine nulla in quanto i russi si sono dileguati. Manenti, invece, pare aver preso il Parma a scatola chiusa… visto che ha fatto tutto in tre giorni.

        • 4 Marzo 2015 in 22:15
          Permalink

          apposta che alle volte mi viene da pensare che magari quei russi che avrebbero dovuto sostenere Taci magari abbiano optato per Super Mapi… Boh…

          • 4 Marzo 2015 in 22:35
            Permalink

            Ma perché?che cambia da taci a manenti?

          • 4 Marzo 2015 in 22:59
            Permalink

            Direttore ma sta dicendo sul serio o come Supermapi è un attore e le piace fare la parte … Ma ha sentito le interviste di chi il supertso lo conosce personalmente? Me si rende conto che non è in grado nemmeno di garantire lo svolgimento delle partite della Sua squadra? Ma si rende conto che non è nemmeno in grado di badare a se stesso ? Dai la Majo basta con questo giochino…. Cerchi di essere un po’ costruttivo..

          • 4 Marzo 2015 in 23:24
            Permalink

            Mica glielo ho venduto io il Parma a Manenti. Ma dal momento che lo ha acquistato lui è il presidente. Ho detto sin dall’inizio che era lo stregone con la pozione e che non avrebbe cambiato di una virgola i nostri destini, giacché eravamo già morti. Ma pensare alle travi (nel culo) e non alle pagliuzze (negli occhi).

            Cordialmente

            Gmajo

          • 4 Marzo 2015 in 22:59
            Permalink

            Direttore, per caso ha visto lo speciale di Sky su Manenti di stasera? Sono andati ad intervistare alcuni suoi ex concittadini e conoscenti di Lambiate Brianza. Beh il ritratto che ne fa chi lo conosce da una vita è quello di un mezzo matto racconta balle. Il classico simpaticone da bar dello sport di provincia.
            Nessuno si capacita come possa essere diventato milionario uno che fino al 2009 cercava lavoro come inserviente alla Esselunga.
            Davvero direttore pensa che un simile individuo possa salvare il Parma? E seppure uscissero questi benedetti soldi, che futuro potremmo mai avere in mano a quest’uomo?
            Saluti

          • 4 Marzo 2015 in 23:29
            Permalink

            Capisco le esigenze della tv spettacolo, ma mi pare che con il solo colore si vada poco lontano…

            Poi non stupiamoci se il SuperMapi si mettere a perculare i giornalisti, ma, mi perdoni il Pulitzer Alciato, a domanda del cavolo (cit. Ernesto Ceresini) non può che seguire risposta del cavolo… Dunque se uno chiede a Manenti, “ma scusi, lei è un bluff?” Cosa ci si aspetta che possa rispondere, se non pigliando per il culo il cronista con un forse sì o forse no. E fossi nei tifosi, tipo Lorini direttore di Parma Live, non starei lì a stracciarmi le vesti, proprio in virtù del fatto che lì SuperMapi stava pigliando per i fondelli l’intervistatore e non i cronisti. Il suo piccato editoriale, a mio avviso, è fuori luogo. Poi se siamo nelle mani di Capitan Pizza, allora…

            Cordialmente

            Gmajo

          • 5 Marzo 2015 in 03:36
            Permalink

            Se è cosi, x le belle figure fatte da manenti, i russi potrebbero di nuovo cambiare vettore e partecipare all’asta dopo il fallimento che sarebbe di sicuro meno costosa che portare a termine l’attuale acquisizione. …x me finirà che andrà all’asta il parma calcio e li vedremo se qualcuno coi soldi veri arrivera…

  • 4 Marzo 2015 in 22:21
    Permalink

    Buonasera Majo, c’entra una fava col tema ma anch’io vorrei farle i complimenti per il suo stile giornalistico che mi pare si stia facendo apprezzare anche oltre i confini della nostra città.
    Serve un’ancora di realismo e sarcasmo nel tempo buio che stiamo attraversando.
    Mi permetta la domanda secca…. se sarà serie D questo spazio ci sarà ancora?
    Cordialmente,

    • 5 Marzo 2015 in 01:15
      Permalink

      Buonasera Gigi, e grazie pei complimenti.

      Purtroppo come già scrivevo nei giorni scorsi al nostro lettore Velenoso, non mi sento in grado di promettere, al momento, una continuità oltre il 30.06.2015 a StadioTardini.it, poiché se da un lato l’esperienza è stata ricca di soddisfazione e gratificazioni di carattere morale per il sottoscritto, dall’altro non ha comportato un rientro economico tale da poter garantire un minimo di sussistenza al curatore dello stesso: e se non ci sono riuscito in questi anni di serie A, immaginarsi in serie D.

      E’ chiaro, tuttavia, che dopo una vita dedicata al Parma difficilmente potrò fare a meno di seguirlo nelle serie inferiori, ma ormai tutte le risorse le ho terminate e devo fare i conti anche con questo aspetto che ho spesso trascurato in questi anni.

      Comunque vedremo…

      Cordialmente

      Gmajo

  • 4 Marzo 2015 in 22:34
    Permalink

    Grazie per la puntuale risposta, vorrei chiedere un’ultimissima cosa, cosa rischierebbero in concreto i vari Ghirardi e co. solo una pena detentiva da non scontare mai o potrebbbero anche essere chiamati a risarcire con il patrimonio personale anche in minima parte il danno. I tifosi, ad esempio gli abbonati, potrebbero mai avere la soddisfazione di farsi ridare i soldi deglli abbonamenti da Ghirardi in persona o almeno tentare una class action in questa direzione?
    E dopo questo non le rubo altro tempo prezioso. Molte Grazie.

  • 4 Marzo 2015 in 22:37
    Permalink

    Caro Majo, le chiedevo una cosa con una premessa: se non sbaglio il 12 di marzo ci dovrebbe essere la ricapitalizzazione della società Parma F.C. In teoria chi dovrebbe ricapitalizzare (ovvero mettere dei soldi) dovrebbe essere Manenti. Se costui , o chi per lui, non ci mette niente, cosa potrebbe succedere?

    • 4 Marzo 2015 in 22:58
      Permalink

      Risponde l’avvocato Paolo Malvisi:

      “Ai sensi dell’art 2484 comma 1, nr. 4 Cod. Civ. gli amministratori prendono atto dello scioglimento della società e pertanto si dà inizio alla procedura di liquidazione della stessa”.

  • 4 Marzo 2015 in 22:41
    Permalink

    Non ha nessun capitale russo alle spalle, ha accumulato una immensa fortuna vendendo le olive su E-bay…

    • 4 Marzo 2015 in 22:47
      Permalink

      Leggiamo le cagate Che scrive Sky

    • 5 Marzo 2015 in 03:42
      Permalink

      Beh se ha una immensa fortuna e ha l’auto pignorata o quasi e pochi denti è proprio patetico dai……più facile che non abbia soldi o quasi…suvvia…

  • 4 Marzo 2015 in 23:04
    Permalink

    Si è dimesso per difendersi meglio nel processo che sta per arrivare? A parte scherzi, è una notizia che mi lascia indifferente. Sarò contento solo quando emergerà tutta la verità.

  • 4 Marzo 2015 in 23:08
    Permalink

    Non è che le ha scritte Sky, vatti a vedere il servizio con le interviste a chi ha avuto il piacere di conoscerlo in passato.

    • 4 Marzo 2015 in 23:53
      Permalink

      Però è peggio Sky che fa il servizio di Manenti

  • 4 Marzo 2015 in 23:24
    Permalink

    Le risulta che Manenti avesse davvero depositato 19 milioni per la Pigna? Se così fosse, significherebbe che qualche contatto importante Manenti ce l’ha…

  • 4 Marzo 2015 in 23:30
    Permalink

    Ritirate il passaporto al malato immaginario

    • 5 Marzo 2015 in 00:10
      Permalink

      In realtà non è così immaginario come sostengono i soliti forcaioli…

      • 5 Marzo 2015 in 00:22
        Permalink

        e lei che ne sa, majo? è un medico?

        • 5 Marzo 2015 in 00:25
          Permalink

          No, ma persone che lo hanno assistito in questo lasso di tempo mi hanno descritto le sue sofferenze. Pare che persino in sede di trattativa per la cessione da Dastraso e Manenti egli fosse sempre sdraiato e sotto terapie

          • 5 Marzo 2015 in 00:49
            Permalink

            Io le credo.

      • 5 Marzo 2015 in 03:51
        Permalink

        A questo credo anch’io. ..le cose gli saranno sfuggite di mano (alla fine il perverso ghiro avra’ stupito anche lui) e si sa che depressione e attacchi di panico possono accadere quando ciò che hai costruito ti crolla addosso e stai x essere inchiodato alle responsabilità tue ma anche altrui…..Spero che la giustizia sarà equa E pagherà di più chi più lo merita

    • 5 Marzo 2015 in 04:39
      Permalink

      Io sono un medico e lei standicendo corbellerie capito bene?

  • 5 Marzo 2015 in 00:24
    Permalink

    Caro Majo, la ringrazio innanzitutto della risposta. Quello che volevo capire è che quindi, in teoria, potrebbe già essere decisiva la data del 12 marzo e non quella del 19 marzo.

    • 5 Marzo 2015 in 00:50
      Permalink

      Sì. Il 12 marzo dovrà presentare in Procura il tutto e vedere se il piano glielo accettano. Io non sono molto esperto al riguardo e magari vedrò di approfondire la tematica con i legali che collaborano con me in questa “opera di divulgazione”, però penso che fattivamente i soldi li depositerà dopo che ha ottenuto la desistenza o contestualmente ad essa. Non penso che ci metta i soldi e poi decretano il fallimento… Però, ripeto, questo lo sto scrivendo così, ad intuito…

      Cordialmente

      Gmajo

      • 5 Marzo 2015 in 11:12
        Permalink

        Se mette i soldi subito poi decretano ul fallimento perde i soldi…… percio’ senza garanzie anche se lu ha nn li mette….. e penso che queste garanzie nn gli verranno date e si andra sl fallimento

  • 5 Marzo 2015 in 00:47
    Permalink

    La gds titola in prima pagina Ghirardi indagato per bancarotta fraudolenta

      • 5 Marzo 2015 in 01:40
        Permalink

        Ma se il reato non e’ ancora commesso? ma io non capisco. Ora, se il 19 di marzo il parma fa crack, capisco, ma su quale reato si indaga il Ghirardi?

        • 5 Marzo 2015 in 02:22
          Permalink

          In effetti fino a dichiarazione di fallimento la bancarotta fraudolente non dovrebbe esserci, ma ultimamente c’è una fretta terribile, un iperattivismo micidiale…

          • 5 Marzo 2015 in 02:59
            Permalink

            E sospetto. pure io penso che non sia per ostacolare nulla sul futuro, intndo Mapiman, penso che qualcuno non voglia fare la fine dei comandanti della GdF e desideri salvarsi il fondoschiena

  • 5 Marzo 2015 in 01:35
    Permalink

    IL Permaloso cambia ARIA !!! una Rarità italiana !!!

    E pensare ke si Lamentava dei Tifosi perkè Fiskiavano !!!

    Tornatene dalla Tua Gente!!! dai romaTristi !!!

    Er PIPETO buon Viaggio !!! Ke Coraggio e Miraggio !!!

    Padre Lino da Lassù Pensaci Tù !!!! Amen

  • 5 Marzo 2015 in 07:56
    Permalink

    secondo me è una tattica da buon romano del Leo…

    sta preparando una miriade di certificati medici da portare ai magistrati volendo cosi’ evitare un giretto in via Burla . . .

    • 5 Marzo 2015 in 10:03
      Permalink

      Non vedo che c’entrino le dimissioni. Qualora i pm predispongano il tour da lei indicato mica c’entrano le cariche. Sul discorso dei certificati può esser diverso, ma anche in questo caso le dimissioni non c’entrano una benedetta mazza. A parte che chi l’ha visto riferisce che stesse male davvero con tanto di somministrazione continua di farmaci.
      Cordialmente
      Gmajo

  • 5 Marzo 2015 in 08:43
    Permalink

    Leonardi ha fatto l’unica cosa che gli restava da fare. Per un AD non c’è cosa peggiore che vedere fallire la società che si amministrava, in quanto primo responsabile della gestione. E ci credo benissimo pure al degrado del suo stato di salute: avere sulla coscienza un fallimento-scandalo come questo non è cosa da poco..
    Io penso che leonardi, negli ultimi 2-3 anni, si sia fatto prendere un po’ la mano; probabilmente ad un certo punto si è sentito onnipotente e si è fatto sfuggire di mano la situazione in virtù anche dell’appoggio dell’azionista anch’esso, nel frattempo, sempre più avvolto dal rutilante circo della serie A e desideroso di avere il suo spazio nell’Olimpo pallonaro. Probabilmente pensavano che, in un mondo come la serie A, pieno di squadre indebitate, anche la loro mal gestione potesse sopravvivere nell’indifferenza.

  • 5 Marzo 2015 in 09:02
    Permalink

    Vecchio adagio recita che “a pensar male si fa peccato…però spesso ci s’azzecca”. E’ chiaro che se nella Dirigenza della Società “qualcosa” non ha funzionato (tanto per usare un eufemismo), non vedo come qualcuno che sapeva o poteva sapere, possa tirarsi fuori solo adesso…glissando qualsiasi responsabilità.

    • 5 Marzo 2015 in 09:58
      Permalink

      Il fatto è che se anche uno si tira fuori adesso non glissa alcuna responsabilità

  • 5 Marzo 2015 in 09:13
    Permalink

    Un’altra cosa vorrei dire riguardo le accuse di omertà a tutti coloro che sapevano e non parlavano.
    Qua gli unici che sapevano veramente lo stato delle cose erano il Gatto e la Volpe, alias ghiro&leo. Tutti gli altri, a partire dai calciatori x arrivare ai fornitori, sicuramente non potevano essere felici di essere pagati in ritardo ma nessuno poteva immaginare il baratro che si sta aprendo ora. Succede anche nelle grandi multinazionali che i fornitori vengano pagati in ritardo e questi stanno zitti xche non vogliono perdere un cliente prestigioso. Uno spera sempre di essere pagato, che le cose si sistemino, anche perché lavorare con e per un club di serie A da appunto prestigio e visibilità ed a maggior ragione non pensa minimamente all’ipotesi crack.
    Melli forse poteva anche risparmiarsi l’intervista ma sono sicuro che 9 su 10, al suo posto, si sarebbero comportati come lui.
    Lugaresi poi che dice che Donadoni doveva denunciare prima…ma denunciare cosa? Lo sapevano anche i sassi che era stata bucata la rata di novembre…
    Vedo molta ipocrisia da parte di tutti

    • 5 Marzo 2015 in 15:06
      Permalink

      Paolo G potresti in parte anche aver tagione in riferimento alle difficolta’ che un dipendente o un fornitore possa sapere e non parlare per paura o perche magari non conosceva bene la situazione, pero’ e nella vita esiste sempre un pero’ la compagna del sig Melli era componente del CDA del Parma e quindi anche firmataria dei bilanci depositati e non posso pensase che la stessa non sapeva nulla e non credo che la stessa non parlava con il suo compagno a casa prima di addormentarsi o mangiare una cosa intorno il proprio tavolo, e per questo trovo vile denunciarlo ora facendo credere che dormiamo tutti sopra un albero di banane, io penso che il comportamento di tale gente e’ solo per “pulirsi” la coscienza nei confronti dell’opinione pubblica e questo lo trovo scorretto. Stare in silenzio e guadagnare fin che le cose vanno bene e poi fare il santo quando le cose vanno male. Lo trovo un comportamento da traditori. Tutto qui

  • 5 Marzo 2015 in 09:49
    Permalink

    Majo, il Mapi PRIMA versa i soldi (quelli veri, non del Monopoli) a sufficienza, POI ottiene la desistenza ed evita la dichiarazione di fallimento; non il contrario.
    Con le semplici promesse, la Procura/Tribunale gli fa una pernacchia.
    Il 12 o dentro o fuori: il tempo delle balle è finito.
    In un senso o nell’altro.
    Finalmente.

  • 5 Marzo 2015 in 09:51
    Permalink

    Trovo scandaloso che fino a ieri fosse ancora in carica a tutti gli effetti un losco figuro del genere…che da un punto di vista “formale” l’incarico fosse ancora ricoperto da lui insomma…
    Che le manette si avvicinino mi pare scontato e non c’e’ da far tanto i garantisti vecchia maniera…questi sono gaglioffi di quarta serie…mica eletti dal popolo con chissa’ quali funzioni.
    L’iperattivismo di questi giorni vi sorprende? Avete poca memoria a Parma.
    Ve lo ricordate il caso Parmalat?…prima il silenzio..poi’ scoppio’ il bubbone e ogni 3 ore succedeva qualcosa da parte dei vari enti e organi dello stato…
    Ovvio e anche in parte inevitabile che succeda…
    Siccome non credo alle favole e ho gia’ abbastanza primavere sulle spalle per sapere come va il mondo anche stavolta credo (ma mi auguro il contrario) hce quantomeno la gabbia non la vedranno….provate a pensare quanti fallimenti di soieta’ di calcio abbiamo avutto in questi anni,quanlte malversazioni,presidenti scappati etc……quanti di costoro hanno visto il sole a quadretti?….
    Certo se si volesse invertire la tendenza e dare un bel segnale forte a tutto l’ambiente sarebbe cosa buona e giusta a parer mio.
    Doveroso ed auspicabile.

  • 5 Marzo 2015 in 10:56
    Permalink

    Cibbi, il mio commento sulla immensa fortuna era ironico.
    Hai veramente creduto che Mapi-Tso posso averla accumulata con la vendita di olive su E-Bay ?
    Suvvia…

  • 5 Marzo 2015 in 11:08
    Permalink

    Gentilissimo Dott.Majo, è con estremo rammarico che tra tutte le disgrazie che si ipotizzano ci sia anche la chiusura di questo spazio, mi scusi, sebbene tifoso del Toro, nutro una sincera ammirazione per il suo modo di fare giornalismo e una simpatia per il Parma calcio, trovo tutta questa faccenda veramente scandalosa e incredibile, mi auguro veramente si risolva tutto anche in virtù di quello che la squadra ha dato al calcio in Italia, spero non nella elemosina della figc ma in una soluzione che magari coinvolga tutte le squadre, ripartendo dalla B consentendovi di salvaguardare il lato sportivo e i dipendenti e i fornitori che magari potranno essere pagati in un futuro prossimo. Purtroppo ma, me lo conceda, anche per fortuna perché siete una piazza civile, non oso pensare se tutto quello che state passando fosse successo da qualche altra parte, probabilmente vedremmo l’esercito in azione. Visto con obiettività e non troppo coinvolto emotivamente, il manenti sembra veramente un matto ma vi auguro di cuore che arrivi con una paccata di milioni e risolva tutto. Un in bocca al lupo a tutti i tifosi che stanno giustamente in ansia. Cordiali saluti

    • 5 Marzo 2015 in 11:34
      Permalink

      Grazie mille. Speriamo di trovare una soluzione anche noi. Io in questi cinque anni ho profuso tutte le mie risorse – fisiche ed economiche – e con questo epilogo direi che la mia missione di moralizzatore possa sostanzialmente anche esser terminata. Certo sarebbe bello poter documentare anche la ricostruzione ed esser sempre presente e vigile, ma se finora ho tirato dritto privilegiando sempre l’aspetto informativo, per puro spirito di servizio e come idealista missione di vita, trascurando di curare l’aspetto commerciale, è chiaro che con le risorse azzerate, se non di più, non si va lontano. Per cui dopo sei anni dal mio addio al Parma penso che debba maturare il mio ritorno nel mondo del lavoro. A meno che non venga il cavaliere bianco a salvare stadiotardini.it …

      Cordialmente

      Gmajo

      • 5 Marzo 2015 in 12:22
        Permalink

        Me ne avevi gia’ parlato..seppure con minimi cenni.
        Sei gia’ certo che questo spazio chiudera’ o hai altre opzioni?
        Non hai in mente sottoscrizioni, iniziative atte a raccogliere fondi o altro?
        Rispetto in ogni caso e ritengo pienamente legittime le tue conclusioni (si ha tutto il diritto di stancarsi di cio’ che si vuole e mettersi a fare altro), semplicemente mi parrebbe corretto esserne informato.
        Mi spiacerebbe da un momento all’altro e senza avvisaglia alcuna trovare il sito chiuso.
        Questo si.

        • 5 Marzo 2015 in 12:27
          Permalink

          Guarda, abbandonare il figlioletto è l’ultimo dei miei desideri, ma arrivati in fondo alla corsa io stesso debbo pure pormi delle domande. In questi anni non ho mai considerato dove stavo andando a finire, proprio perché anch’io ero troppo preso da questa missione. Comunque al momento non ho ancora pensato che tipo di svolta dare. E’ chiaro che questo progetto ora ha anche dei numeri importanti e il patrimonio non andrebbe dilapidato. Ma le mie risorse sono esaurite: anzi, già adesso non nascondo le mie difficoltà. Peccato perché basterebbe anche poco.

          Cordialmente

          Gmajo

  • 5 Marzo 2015 in 13:03
    Permalink

    Premesso che è interesse del sistema calcio far giocare il Parma fine alla fine del Campionato, non potrebbe presentarsi la fattispecie della RADIAZIONE in caso di persistente difficoltà a mandare in campo la squadra ?

    Ho visto in passato squadre radiate (specie in D ) per la loro impossibilità di mantenere fede al calendario e senza atleti da mettere in campo ?

    Qualcuno mi potrebbe dare delucidazioni in proposito chiarendo cosa dicono le CARTE FEDERALI ?

  • 5 Marzo 2015 in 13:21
    Permalink

    I soldi arrivano domani!!!! Incredibile pensare che in Italia questi personaggi siano a piede libero e sopratutto ci sia gente che li sostiene!

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI