LUCARELLI A STADIOTARDINI.IT: “TAVECCHIO PORTERA’ LE NOSTRE RICHIESTE IN CONSIGLIO il 26, MA LE SOCIETA’ LE ACCETTERANNO? QUAGLIARELLA? UNA SCENEGGIATA INCREDIBILE”

(gmajo) – La partita durata circa 90’ giocata dal poker del Parma – Lucarelli, Gobbi, Mirante, Galloppa – con Alessandro Tavecchio giocata a all’Hilton Rome Airport di Fiumicino pur essendo stata interlocutoria – ogni decisione è rinviata al consiglio federale di giovedì 26 marzo – è giudicata soddisfacente dai nostri portacolori, in questi minuti a bordo di un treno alta velocità che li sta riportando in città, che non solo hanno visto accolte tutte le proprie richieste di garanzia, ma hanno pure trovato interessanti anche altre innovazioni proposte da Carlo Tavecchio. Quest’ultimo, poi, ha rassicurato i giocatori scesi in missione nella capitale circa la reale esistenza di un fondo americano, per la precisione canadese, interessato ad entrare come capo-cordata nel nuovo Parma, assieme a soggetti del nostro territorio, con la finalità di mantenere la serie B. A intessere i rapporti un importante studio legale (anche se non abbiamo conferma che si tratti di quello di Fabio o Pasquale Giordano,  mentre Lucarelli si sente di garantire che Taci non avrebbe nulla a che fare con quel fondo), anche se poi i rappresentanti stessi a breve avranno un incontro già richiesto con i curatori fallimentari.

Ecco la trascrizione delle dichiarazioni raccolte telefonicamente da StadioTardini.it nella conversazione con Alessandro Lucarelli di ritorno dall’incontro con il presidente federale, presenti anche il Dg della Lega Marco Brunelli e il presidente dell’AIC Damiano Tommasi.

 

“Il 26 Marzo saranno discusse le modifiche alle attuali normative tra cui quelle da noi richieste per i controlli preventivi per scongiurare l’indebitamente delle società. Esisteva già qualcosa del genere quella prima del 2007, ma poi venne tolto e questo fatto ad esempio ha portato il Parma a poter esser iscritto poiché appariva a norma nonostante avesse 50 milioni euro di debiti fuori. Con questo provvedimento, invece, la cosa sarebbe scongiurata. Poi abbiamo richiesto che sia prevista una garanzia di 12 mesi da presentare a inizio stagione che appunto garantisca che ci siano le possibilità economiche per concluderla; quindi che ci siano ricavi superiori ai costi di esercizio, pena il blocco del mercato. Noi, ad esempio, pur nella situazione in cui eravamo abbiamo preso a Gennaio tre giocatori dagli stipendi altissimi: chi non paga non potrà più far mercato.

Inoltre abbiamo chiesto che ci siano garanzie patrimoniali che per chi deve acquistare delle società d calcio: praticamente chi compra una quota superiore al 10% non deve avere subito condanne superiori a 5 anni, e una solidità finanziaria certificata da un istituto di credito di primaria importanza, che attesti appunto che ci sono le risorse finanziarie, cosa, ad esempio, che non era successa con Manenti.

Tra l’altro non si è trattato solo di nostre proposte, anche lo stesso Tavecchio si è adoperato a risolvere il problema con idee sue, venendo incontro alle nostre richieste.

Insomma, oggi c’è stato questo proficuo scambio di vedute in attesa del fair play finanziario la cui entrata in vigore è programmata per il 2018. Ma intanto con queste soluzioni si tolgono già gram parte dei problemi”.

A proposito del potenziale acquirente, queste le parole di Alessandro Lucarelli a StadioTardini.it:

“Oggi abbiamo avuto conferma che i rappresentanti di questo fondo incontreranno i curatori fallimentari. Appunto si tratta di un fondo canadese, ma con all’interno persone italiane. Si sono rivolti ad un importante studio legale di Roma che a propria volta ha interpellato Tavecchio, il quale, ora che non c’è più Manenti, li ha messi in comunicazione con i curatori che sono persone credibili prima di uscire di scena, perché non è che lui vogli sistemare il Parma in tutti i modi. Questo fondo dovrebbe fungere da capo cordata assieme a degli imprenditori parmigiani, che sarebbero anche come garanzia sul territorio. Ho visto dei messaggi per cui so che tra poco chiameranno i curatori: se dovesse essere una bufala lo si saprebbe a breve. Mi parrebbe strano che si inventasse una cosa del genere, ma il tempo è sovrano”.

Si torna alle innovazioni da apportare per evitare nuovi casi Parma:

“L’ostacolo non è certo Tavecchio che ha deciso di portare avanti questo discorso, ma potrebbero esserlo le stesse società che magari sapendo di non avere i criteri, visto che gran parte sono indebitate, potrebbero far resistenza. Ma a quel punto ritorniamo in gioco noi, nel senso che se le società non dovessero accettare di apportare queste riforme noi torneremmo a fermarci e allora sì che il campionato sarebbe falsato.

Noi pretendiamo che queste modifiche vengano deliberate subito, anche se sappiamo bene che si dovrà dare il tempo alle società di mettersi a posto. Ci saranno, però, norme da applicare subito, entro giugno, tra cui quella della copertura dei 12 mesi di esercizio per garantire l’intera stagione. E chi vuole acquistare una società dovrà dimostrare la garanzia patrimoniale del compratore”.

 

All’abboccamento era presente anche il presidente dell’AIC, il sindacato dei calciatori, Damiano Tommasi:

“Sì, era presente anche Tommasi, per l’AIC, in vista dell’accordo collettivo, poiché c’era da aggiungere anche qualche altro punto che non riguardava il Parma. E’ stato chiesto che anche per la serie A venga previsto come per B e Lega Pro un fondo di garanzia, perché la A è l’unica categoria che ancora non ce l’ha per cui chiedono che venga messi nell’accordo collettivo”.

 

Il DG della Lega Serie Marco Brunelli ha specificato il sistema di erogazione dei famosi 5 milioni stanziati per il Parma.

“Brunelli, il direttore generale della Lega Serie A, parlando dei 5 milioni ha specificato che vengono erogati di volta in volta: sarà il curatore ogni volta a segnalare le esigenze prima di una trasferta o di una gara o per pagare gli stipendi. Noi abbiamo richiesto che siano garantiti in toto al 100% i dipendenti e il settore giovanile. Il resto ce lo divideremo noi. Comunque in base alle esigenze della società indicate dai curatori, la Lega provvederà volta per volta”.

 

Nel frattempo il giudice sportivo ha ufficializzato la squalifica di tre turni per Lucarelli

“Ho sentito al telefono Di Taranto per vedere se ci sono le possibilità di fare ricorso. Non ho letto il dispositivo, però immagino che sia un turno perché ero in diffida e due per il cartellino rosso. Io avevo protestato sulla prima ammonizione, e anche rivedendola in tv non c’era. Era stato Quagliarella a saltare e ha fatto una sceneggiata incredibile. Apposta io, sbagliando, ho protestato in modo forte e veemente, dicendogli che cazzo mi ammonisci. Ma va considerato anche lo stato d’animo particolare, le tensioni e il nervosismo. Da mesi stiamo vivendo questa situazione, cui si sono aggiunti discutibili episodi arbitrali nelle ultime quattro partite. Per questo prima della gara al quarto uomo avevo fatto un appello: siamo ultimi e falliti, portateci rispetto. Ma non mi sembra proprio che le cose siano andate così, e quindi, uscendo, sono andato a dirglielo: Cosa ti avevo detto prima? E pari pari si è rivelato… Io l’arbitro non l’ho offeso, anche se ho sbagliato. Gli ho solo detto cazzo mi ammonisci?, anche se con altri fanno finta di niente, mentre con noi mostrano il rosso diretto. Questo dimostra la superficialità con cui ci stanno arbitrando ultimamente”.

 

Prima della partita Parma-Torino Alessandro Lucarelli aveva auspicato una maggiore risposta di pubblico proprio per dimostrare a tutti che non era fallito il Parma…

“Sì, speravo in una maggiore risposta del pubblico. Quando avevo fatto quella intervista dicendo che non era fallito il Parma, ma Ghirardi, era proprio per richiamare tutta la città a stringerci insieme, Per dimostrare che Parma non falliva sarebbe stato bello vedere lo stadio pieno a mostrare a chi ci ha messo in ginocchio o in queste condizioni che noi non falliamo. Ma questo mio appello non è stato ascoltato, anche se quelli che sono venuti vanno ringraziati, perché stanno passando una stagione a dir poco disatsrata o disatsrosa. Quelli che sono venuti vanno solo che ringraziati”.

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

LUCARELLI, GOBBI, MIRANTE E GALLOPPA IN MISSIONE A ROMA PER INCONTRARE TAVECCHIO E CHIEDERE IMMEDIATE GARANZIE. E CASSANI, IERI: “NON ABBIAMO DATO GARANZIE DI CONTINUARE A GIOCARE”

LUCARELLI A STADIOTARDINI.IT: “NON ABBIAMO ACCETTATO ELEMOSINE DA NESSUNO, NE’ SIAMO SCESI A COMPROMESSI. LO ABBIAMO FATTO PER I DIPENDENTI” – video intervista di G.Majo

LUCARELLI A STADIOTARDINI.IT: “ANCHE SE L’ESERCIZIO PROVVISORIO E’ STATO CONCESSO PER I 5 MILIONI DATI DALLA LEGA NOI SIAMO PRONTI A NON GIOCARE SE NON CAMBIANO LE REGOLE” video

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

51 pensieri riguardo “LUCARELLI A STADIOTARDINI.IT: “TAVECCHIO PORTERA’ LE NOSTRE RICHIESTE IN CONSIGLIO il 26, MA LE SOCIETA’ LE ACCETTERANNO? QUAGLIARELLA? UNA SCENEGGIATA INCREDIBILE”

  • 23 Marzo 2015 in 19:43
    Permalink

    Ci voleva solo del buon senso. Quando i boys hanno urato di ritirare la squadra, tutto lo stadio ha applaudito. Questo cosa significa ? Significa che il vaso è pieno e basta un niente per farlo tracimare. Ci mandano arbitri che hanno solo arbitrato in serie B, CI SNOBBANO MA PREVEDO CHE ORIMA O POI CI SCAPPERA’ A PARMA IL FATTACCIO TIPO RITIRO DELLA SQUADRA O COSE SIMILI.

    • 24 Marzo 2015 in 00:24
      Permalink

      Si, ritiriamo anche la squadra che non ci siamo già fatti ridere dietro abbastanza

      • 24 Marzo 2015 in 11:25
        Permalink

        Aspetta aspetta L’ 11- 04- 15 !!!!

        Guardiamo ki è ke Ride o Piange !!!!

        Sempre ke la Lega e il G.O.S. Dice OK !!!!

        Evviva la Trasparenza de noi altri !!!!

        BIDI BODI BUM !!!! ER SOLARIUM !!!!

        Tolasùdolsa Capitano delle 3 Giornate !!!!

  • 23 Marzo 2015 in 19:44
    Permalink

    Direttore ma chi manda sti messaggi a Tavecchio che fanno leggere a Lucarelli? Ahhahahahahaha direttore se è una bufala sta storia del fondo Tavecchio sta preparando uno scherzo per
    scherzi a parte ahahhahahaha

  • 23 Marzo 2015 in 19:45
    Permalink

    Diretore non lo so ma e la mia sensasione, ma piu info si sa del fondo americano piu ragione do a mat.
    Lucarelli dice che vogliono italiani legati al teritorio e in fatti e quello che diceva mat.
    non ti sembra strano??
    Lo so che lei non ti sta simpatico.

    • 23 Marzo 2015 in 19:54
      Permalink

      No, non mi sta simpatico Mat e Taci ancor di meno essendo colui che ha esploso il colpo di grazia al Parma.

      Lucarelli assicura che Taci non c’entra, ma non mi ha saputo dire se lo studio fosse quello dei Giordano.

      Peraltro Giordano, non avendo ricevuto il pagamento da Taci, non è che lo stia godendo molto…

      Boh. Vedremo

      MA, E LO SCRIVO IN MAIUSCOLO, QUALORA FOSSE AMMESSO TACI O IL SUO BOARD ALL’ASTA FALLIMENTARE DEL PARMA SAREBBE UNO SCANDALO DI IMMANI PROPORZIONI.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 23 Marzo 2015 in 20:09
        Permalink

        Però va anche detto che alla piazza Taci è risultato sempre assai gradito…per la serie: i soldi di Manenti non ci stanno bene, quelli del petroliere invece sì…

        Insomma, non mi stupirei se la piazza riaccogliesse Taci con lo stesso entusiamo di novembre…

        • 23 Marzo 2015 in 21:34
          Permalink

          Russo sei pesantissimo.

          • 23 Marzo 2015 in 23:15
            Permalink

            Ma chi te lo ha ordinato di leggere i miei commenti? Lasciami perdere…semplice, no?

        • 24 Marzo 2015 in 09:36
          Permalink

          Lo escludo proprio! Non siamo cosi stupidi dai!!! Vabbe un po’ la memoria corta ma spero non fino a questo punto.
          Se mai Taci è stato gradito penso sia dovuto alla gioia iniziale di essersi liberati di ghirardi e la speranza di un futuro x a squadra (magari mantenendo la categoria). …questo riferito ai tifosi,mentre upi e sindaco sono un discorso a parte.
          manenti è stato male accolto dal tifo perché si veniva già dalla delusione Taci venuta dopo la maxi delusione ghirardi… Il comportamento di upi e sindaco e la tavola apparecchiata li conosciamo già

        • 24 Marzo 2015 in 11:56
          Permalink

          Non ci vuole tanto a capire che Taci aveva sulla carta un’ altra presentabilità a livello imprenditoriale (nonostante la sua storia con parecchie zone d’ombra), ed inoltre la gente sperava nel famoso socio russo. E comunque poteva avere agganci e conoscenze visto il campo in cui opera. Normale non metterlo sullo stesso piano di un pezzente nullatenente conclamato, che tra l’altro è arrivato pure dopo, e la gente era già scottata dal bidone di Taci. Mi sembra normale che al primo acquirente si dia fiducioa, un pò meno al secondo dopo che è andata buca la prima…
          Se per assurdo dovesse tornare Taci, andrebbe bene comunque. Va bene chiunque porti i soldi che servono per l’asta (basta che non siano rubati con le carte clonate ovviamente…).

          Per tutti questi motivi, mi sembra normale che si desse più credito a Taci piuttosto che al barbone. Ma è altrettanto naturale che ora, col sennò di poi, ci siano molte persone che Taci non vorrebbero più rivederlo in ogni caso, se tornasse, causa bidone precedente.
          Speriamo che tu e Majo lo capiate, visto che ho avuto la pazienza di spiegarvelo.

          • 24 Marzo 2015 in 12:21
            Permalink

            Se non ci fosse una mente illuminata come te saremmo al buio.

          • 24 Marzo 2015 in 22:24
            Permalink

            Taci sembra abbia tasse arretrate in albania e dovrebbe venire qui a far rinascere il parma?! Con quali soldi? Quelli che deve al fisco albanese?
            è stato solo capace di svincolare giocatori come fosse un regalo x i tifosi ,svendere paletta e raccontare 4 balle x prendere rodriguez e company in prestito…..se questo è il patron che vuoi, sei di bocca molto buona…..taci non sa un cavolo di calcio… ci porterebbe nella stessa situazione attuale in men che non si dica….non cherziamo dai…..

        • 24 Marzo 2015 in 12:43
          Permalink

          e allora non continuate a menarla sul perchè o il per come la gente desse fiduciaa taci e non a manenti, dato che i motivi sono chiarissimi

          • 24 Marzo 2015 in 17:09
            Permalink

            Io ho sempre supposto che la provvista di denaro di difficile traduzione fosse sempre la stessa, e cioè quella del misterioso socio occulto, sia per Taci che per Manenti. Per cui non mi lasciavo suggestionare dal colore che tanto ha fatto breccia in altri più superficiali e propensi a giudicare solo in base alle apparenze.

            E poi essendo a conoscenza di certi movimenti che ritenevo interessanti (e che non raccontassi cannelle lo testimonia la dichiarazione di oggi di Riccobene, membro del consiglio sindacale, che a proposito dell’incontro con Manenti ha riferito: “era accompagnato da un alto funzionario di Mps e questo ci tranquillizzò”) pensavo fosse corretto concedere un minimo di credito.

            Poi alla fine ho sbagliato poiché manenti non aveva alle spalle il mitico socio russo di taci, ma soldi frutto di truffe informatiche (se ovviamente la cosa sarà confermata). Però il mio ragionamento iniziale e in buona fede era: perché se vi stavano bene i soldi di Taci quelli di Manenti vi fanno schifo, posto che la provvista fosse la stessa?

            Cordialmente

            Gmajo

        • 24 Marzo 2015 in 12:45
          Permalink

          poi quando saremo in B o in Pro, vediamo chi è che ha le teorie illuminate..

      • 23 Marzo 2015 in 21:28
        Permalink

        Scusa Majo e come fai a sapere chi fosse il suo board?!?!sempre se ci fosse…

          • 23 Marzo 2015 in 21:51
            Permalink

            Ah be certo…pensavo che parlassi del mitizzato socio occulto!

          • 23 Marzo 2015 in 21:55
            Permalink

            doca&kodra i prestanomi
            board e tuttaltro .

      • 24 Marzo 2015 in 09:29
        Permalink

        Infatti. ….Taci è già stato qui abbastanza….dato che la regola di non accettare ex proprietari c’è, spero venga rispettata e non trovino il modo di aggirarla!Ormai mi aspetto di tutto….
        Mi fa piacere se Giordano non viene pagato…cosi impara a dar credito e ad aiutare simili tragattini…
        spero ricevano lo stesso trattamento anche gli eminenti professionisti di Manenti

        • 24 Marzo 2015 in 10:45
          Permalink

          sulla carta taci non era proprietario di niente…infatti ieri sera a calcio e calcio ho mandato l’sms più interessante della serata ma non me l’hanno letto.
          il testo era questo:”PUO’ Taci partecipare all’asta ?”

          • 24 Marzo 2015 in 12:03
            Permalink

            si vede che sei antipatico a Fava come Luca… 🙂

            In realtà di fatto ti avevo già risposto nel momento in cui ho ricordato come Taci, sebbene non apparisse ufficialmente in alcun documento, ci sono ampie prove e provate che fosse il dominus della situazione, per via della sua presenza dal notaio, per le dichiarazioni di diverse parti che lo hanno indicato quale patron dietro la Dastraso, per il ringraziamento espresso da Lila, per la sua presenza nei locali del calciomercato etc.

            Per cui, ribadisco, se Taci dovesse in un qualche modo tentare di partecipare all’asta bisognerà che chi di dovere intervenga.

            Con Parma e con il Parma questo elemento non deve più aver nulla a che fare.

            Saluti

            Gmajo

          • 24 Marzo 2015 in 13:03
            Permalink

            se è quello che porta più soldi è il benvenuto.
            Prima ha provato a mantenere la squadra in A (con relativi diritti tv …) con qualche acquisto, poi svanita ogni possibilità se l’è squagliata, magari ora torna col piatto alleggerito… alla finese con 20 milioni si porta a casa tutto, era più o mneo quanto doveva cacciare per le scadenze di febbraio, e sarebbe stato praticamente a fondo perduto data la certezza della retrocessione.

          • 24 Marzo 2015 in 16:57
            Permalink

            Reputo lo stesso la cosa ripugnante. Intanto che si faceva i suoi due calcoli, noi siamo morti tra le mille tribolazioni. Questo deve starsene lontano da Parma.

        • 24 Marzo 2015 in 12:41
          Permalink

          ok però questa è una tua ipotesi..ed usi sempre il condizionale…io volevo che ieri sera mi rispondesse l’ ospite con un secco si o no! Io non ho chiesto se sia moralmente corretto…io ho chiesto se a livello legislativo taci possa presentarsi o meno!

  • 23 Marzo 2015 in 20:05
    Permalink

    Majo volevo sapere due info quello che hanno detto i giocatori a tavecchio per cambiar delle regole se gli altri club dicono si e poi la legge non cambia la prende nel c.. il Parma e se il fondo canadese si rivela un bidone un altra presa nel c..
    MA NON E’ MEGLIO NON GIOCARE PIU’ E RIPARTIRE DALLA D?

    poi volevo chiedere ma tavecchio non ha parlato dei cinque milioni oggi come mai, non arrivano piu’?

    • 23 Marzo 2015 in 21:37
      Permalink

      Cioè, esiste qualche piccola possibilità di salvare la categoria (con il fondo o con altri possibili interessati che possono presentarsi da qui a maggio-giugno) nel pieno del rispetto delle regole vigenti e ancora sento gente che non vuole giocare e condannare così il Parma alla D sicura (se non si gioca PER REGOLAMENTO si riparte dai dilettanti)? Ma siete matti o siete dei perdenti nati?

  • 23 Marzo 2015 in 20:24
    Permalink

    Io apprezzo tantissimo quello che sta facendo il capitano x il Parma. È veramente fantastico. Se riuscissimo ad essere acquistati da questi italo canadesi e restare in b sarebbe veramente il caso di fargli un monumento in piazza. Certo tutto questi ha un prezzo. Per esempio dopo Lugaresi oggi è stato il turno di Corsi a lamentarsi per gli aiuti che sta ricevendo il Parma dalla Federazione su un possibile salvataggio. E questo è solo uno degli ultimi che si sono lamentati. Se vi dovessimo salvare penso che non saremo ben visto come capitava una volta. Infine volevo fare solo un osservazione sul discorso pubblico allo stadio. Capisco la delusione del capitano, ci mancherebbe. Io non ho paura ad ammettere che sono tra quelli rimasti a casa. Se la squadra dimostrasse di poter competere con le altre e magari vincere qualche partita sono convinto che la gente tornerebbe agli stladio.ma andare al lo stadio sapendo che saremo sistematicamente umiliati non c’è Los faccio.

    • 24 Marzo 2015 in 09:49
      Permalink

      Condivido…
      A proposito di Lucarelli, rischia una punizione esemplare e mi dispiace x lui…non lo merita…però dalle sue parole si evince sincerità ma anche una ingenuita’ insolita x uno della sua età. ..è ovvio che se ti scaldi nei confronti dell arbitro,sei in trasferta (essere in casa talvolta aiuta) e ci piazzi pure la parolaccia, se trovi l’arbitro permaloso ti commina espulsione e squalifica. …se poi sei un giocatore del Parma in questo momento la sanzione è esemplare..
      cmq è ingiusto sanzionare una frase al pari di una gomitata o di un fallo cattivo/di reazione a un giocatore…La giustizia nel calcio latita sempre più e non c’è stata elasticità nei confronti di un giocatore che non vince mai una partita (anche a causa degli arbitri) ,ha la squadra fallita e non prende soldi da mesi (ok che non è un poveraccio ma vorrei vedere Quagliarella o l’arbitro in questione se non venissero pagati…)

  • 23 Marzo 2015 in 21:30
    Permalink

    Direttore, notizie più stringenti su questo presunto fondo americano?

    • 23 Marzo 2015 in 21:33
      Permalink

      Non sono tavecchio… E manco Lucarelli… E neppure Giordano…
      🙂

      • 24 Marzo 2015 in 12:39
        Permalink

        Eppure a volte spara dei bei scoop 😀

  • 23 Marzo 2015 in 22:14
    Permalink

    io dico che chi ama questa maglia allo stadio ci va sempre e comunque,qualsiasi cosa succeda
    come si dice? al cuore non si comanda !!
    il destino del nostro campionato è segnato da molto tempo ma lasciare le curve e le tribune vuote non è giusto
    non molto tempo fa ci piaceva dire che il nostro pubblico era il dodicesimo giocatore in campo ma se il dodicesimo uomo in campo non da l’esempio magari anche gli altri undici faranno fatica ad arrivare in fondo a questo disgraziato campionato

  • 23 Marzo 2015 in 22:38
    Permalink

    Il fondo americano/canadese non esiste!!!! Devono far credere alla squadra che c’è la luce in fondo al tunnel altrimenti tornano indietro e scoppia la bomba!!!! ….e questo per Tavecchio significherebbe poltrona che traballa!!!! Pensano solo ai loro interessi e del Parma non frega niente a nessuno. Quando ve ne renderete conto sarà troppo tardi

  • 23 Marzo 2015 in 22:40
    Permalink

    Albanian fans…perchê mat non si fa piu vivo? Ê a Tirana con il board Taci??? Ma per favore….avete stufato…o date qualche nome o elemento importante…o state zitti!!!!!!!!

    • 23 Marzo 2015 in 23:24
      Permalink

      Axi mat non lo conoscio, ho letto tutte comenti di mat e in generalle aveva info e li do 51 % fiducia.
      Zitto non resto perche ho il parma nel cuore.

  • 24 Marzo 2015 in 01:43
    Permalink

    Alessandro Lucarelli ha ragione ma purtroppo meno conti più ti sottovalutano Quagliarella andava ammonito per la sua’ sceneggiata’ o ‘commedia’ che dir si voglia e non Lucarelli che comunque avrebbe dovuto e forse anche potuto, anche se con molto impegno, controllare i nervi in quel momento ….Alessandro ( Lucarelli) resti sempre ed al di la di questo episodio umanamente ed empaticamente oltremodo una bella persona e ti sono vicino col cuore da tifoso…

  • 24 Marzo 2015 in 01:52
    Permalink

    Majo, credo che all’asta personaggi facenti parte o vicini a precedenti proprietà non possano partecipare..ho sempre letto questo almeno. .

    • 24 Marzo 2015 in 02:41
      Permalink

      Sì, ma siccome ci sono degli estimatori di Taci che asseriscono che lui o il suo board possano presentarsi all’asta, invito alla massima attenzione e prudenza

      Cordialmente

      Gmajo

      • 24 Marzo 2015 in 10:06
        Permalink

        Majo per precisione io non sono un estimatore di Taci ,
        fin d’ainizio non volevo che passase dal parma, solo in certe fase li do ragione a mat.

      • 25 Marzo 2015 in 01:11
        Permalink

        Stia tranquillo Direttore.. Taci non si presentera’ all’asta perche’ non e’ un vigliacco ma nemmeno uno sprovveduto. Inoltre i soldi suoi non potevano avere gli stessi fonti di quelli di Manenti (sconosciuto quest’ultimo fino alla cessione) anche se lei non perde occasione a screditarlo o ad infangarlo appena ha la possibilita’. Visto che ha sostenuto Manenti sin dall’inizio non puo’ ora metterli sullo stesso piano per giustificarsi. Questo, glielo ripeto, non e’ un atteggiamento da professionista e continuare a calunniare senza prove alcuna rischia davvero delle denunce. Non si puo’ creare panico tra tifosi in questo modo e io sono convinto che un professionista e persona come Taci rimpiangerebbe non solo Parma ma qualunque citta’ italiana. Dispiace solo non ci sia stata la possibilita’ e le condizioni per dimostrarlo con il suo operato. Grazie e cerchi di fare (bene) il suo lavoro.

        • 25 Marzo 2015 in 03:10
          Permalink

          calunniare senza prova alcuna?

          Ma non sia ridicolo. Ho già elencato più volte quelli che ritengo essere capi di accusa basati su dati di fatto. A iniziare dalla inadempienza di novembre, il primo colpo di grazia del killer.

          Rischiare una denuncia? Da Taci. Ma non sia ridicolo. Che se ne stia lontano da Parma.

          • 25 Marzo 2015 in 09:29
            Permalink

            Inadempienza di novembre? Ma lei e’ cosi’ sicuro che formalmente aspettava a Taci pagare..? Ripeto..e’ cosi’ sicuro? La calunnia invece lo puo’ prendere per le insinnuazioni secondo i quali i soldi di Taci sarebbero stati di dubbia provenienza e dagli stessi fonti di Manenti.
            Ci dia le prove di questi due fatti e saremmo tutti tranquilli.

          • 25 Marzo 2015 in 09:50
            Permalink

            Che i soldi di manenti potessero essere gli stessi di taci non l’ho mai affermato perentoriamente come verità assoluta, ma solo ipotizzato cercando di dare una logica razionale alla successione dei fatti visto che si parlava di soci russi. Ovviamente non mi riferivo ai soldi provenienti dalle truffe informatiche che hanno inchiodato Manenti che nulla c’entrano col mio pensiero esposto ben prima che scattasse l’operazione della gdf romana (che nulla ha a che vedere con quella parmigiana sulla bancarotta del Parma fc.
            Che taci dovezse cacciare la pila il 10 novembre lo ha più volte dichiarato Ghirardi con la conferma dello stesso avvocato giordano peraltro mai smentiti da taci o dalla sua compagnia di prestanome. La dastraso venne fondata ad hoc il 7 novembre, ma poi il suo rezart il 10 bidono’ il ghiro non dandogli i soldi con cui sarebbero state saldate le pendenze in scadenza il 16. La scusa addotta per quella inadempienza era la troppa pubblicità all’evento che avrebbe violato il patto di ririservatezza, secondo me, però, è stata la mossa per mettere in ginocchio ghirardi che fino a quel giorno aveva l’ardire di pretendere una buona uscita pari alall’investimento.
            Saluti
            Gmajo

  • 24 Marzo 2015 in 03:20
    Permalink

    Secondo me Taci non si rifara’ piu’ vedere. E meglio cosi. Spero in questa cordata canadese/italiana.

  • 24 Marzo 2015 in 13:36
    Permalink

    Lucarelli si sta facendo infinocchiare da Tavecchio…”sta dalla nostra parte”…
    Tutte favole Lucarelli…Tavecchio sta dalla sua di parte…sta solo aspettando che passi la nottata.
    Cioe’ che si giochi il campionato regolarmente punto e basta…dopodiche’ i bla bla su possibili cordate quatariota-canadesi,ciociaro-armene e quant’altro si scioglieranno come neve al sole, Il Parma andra’ al suo destino e lui restera’ dov’e’ dicendo che ha fatto pure piu’ del dovuto…

    • 24 Marzo 2015 in 17:29
      Permalink

      Fi Profesor dei Gatti il Genio Pappardello

      Continua corri ecco il Cancello !!!! Kiudilo

      Butta la kiave !!!! e sali sulla Nave !!!!

      Buon Viaggio Spara Cazzate Multiple !!!!

  • 25 Marzo 2015 in 12:54
    Permalink

    Caro Direttore.. A me risulta che Ghirardi avesse dichiarato di aver pagato lui Novembre ma non che non le spettasse. Anche se avesse dichiarato comunque il contrario non proverebbe che avesse ragione. Cosi’ come anche la dichiarazione di aver citato in giudizio Taci non prova la reale avvenuta della citazione in giudizio. Qui’ tutti dichiarano quello che vogliono perche’ ne Taci e ne Kodra possono confermare o smentire visto che le accuse sono rivolte a Taci in persona e lui non risulta formalmente da nessuna parte. Ogni sua dichiarazione sarebbe insensata e ingiusta.

    • 26 Marzo 2015 in 00:31
      Permalink

      Le risulta male: Ghirardi ha mostrato di aver pagato i dipendenti sino a dicembre, e in effetti quelli sono gli ultimi soldi che hanno preso, poiché il suo connazionale non ha cacciato un euro per loro.

      Per quanto riguarda le mensilità dei giocatori bucate a novembre l’inadempienza nel rispetto del contratto da parte di taci ha messo in difficoltà ghirardi che se avesse avuto i soldi disponibili avrebbe pagato, come aveva sempre fatto fino a quel momento i giocatori. Se c’è rimasto dentro è per lo scherzetto tirato da taci.

      Saluti

      Gmajo

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI