LUCARELLI: “IO SPERO IN QUALCOSA DI IMPREVISTO E DI BELLO, CIOE’ CHE MANENTI TIRI FUORI QUESTI SOLDI VERAMENTE. NON MI SONO PIACIUTE LE PAROLE DEL PRESIDENTE DEL CESENA LUGARESI”

LUCARELLI: “IO SPERO IN QUALCOSA DI IMPREVISTO E DI BELLO, CIOE’ CHE MANENTI TIRI FUORI QUESTI SOLDI VERAMENTE. NON MI SONO PIACIUTE LE PAROLE DEL PRESIDENTE DEL CESENA LUGARESI”

Video intervista di Gabriele Majo dal minuto 4.20


VIDEO – ALTRE DICHIARAZIONI DI ALESSANDRO LUCARELLI DOPO PARTITELLA ODIERNA

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

23 pensieri riguardo “LUCARELLI: “IO SPERO IN QUALCOSA DI IMPREVISTO E DI BELLO, CIOE’ CHE MANENTI TIRI FUORI QUESTI SOLDI VERAMENTE. NON MI SONO PIACIUTE LE PAROLE DEL PRESIDENTE DEL CESENA LUGARESI”

  • 1 Marzo 2015 in 23:15
    Permalink

    Se Lucarelli pensa che un pagliaccio tiri fuori i soldi, allora devo rivedere il mio giudizio che avevo del Capitano. Lugaresi ha detto cose condivisibili e sensate.

  • 1 Marzo 2015 in 23:31
    Permalink

    Certo cose sensibili e sensate….peccato che però si dimentichi di dire che se si fa i giustizialisti con il Parma, dopo a ruota bisogna farlo a tutte le società che hanno anche solo 1euro di debito..

  • 1 Marzo 2015 in 23:34
    Permalink

    Lugaresi è convinto che stiamo andando in giro a fare la carità. No, non vogliamo nessun aiuto, ma solo chiarezza.

    • 1 Marzo 2015 in 23:39
      Permalink

      Beh, in realtà stiamo chiedendo (o ricevendo) la carità. Apposta che dovremmo rifiutare ogni tipo di aiuto (peraltro di difficile giustificazione) e che Figc e Lega si arrangiassero a vedersela con Sky. Tanto ci fan finire la stagione e poi siamo lo stesso in D…

      • 1 Marzo 2015 in 23:58
        Permalink

        Non mi pare che stiamo chiedendo soldi.

        • 2 Marzo 2015 in 00:04
          Permalink

          Ah no? Non stiamo chiedendo soldi? Sì, certo, ce li stanno offrendo… E con la finalità di farci chiudere il campionato per evitare a FIGC e LEGa (soprattutto) problemi coi broadcaster.

          Lei come chiama i soldini che ci darebbero per proseguire la stagione? Io elemosina…

          • 2 Marzo 2015 in 00:23
            Permalink

            Majo, che li offrano è una cosa, che li stiamo chiedendo un’altra.

          • 2 Marzo 2015 in 00:23
            Permalink

            Concordo…x chiudere il campionato e far felici gli altri (che tanto x noi sarebbe già una manna la B) non bisogna accettare neanche un euro (che poi li rivogliono pure indietro!). Molto meglio l attuale atteggiamento di Lucarelli e Donadoni che accendono i riflettori sul nostro problema e magari a qualcuno viene in mente che il parma si potrebbe anche provare a salvare (un investitore italiano o straniero è fondamentale x salvare la società e provare a sperare ancora nella B)

      • 2 Marzo 2015 in 00:18
        Permalink

        Spero di sbagliarmi….veramente spero di sbagliarmi, ma ho paura che siamo in una situazione che qui definirebbero “damned if you do, damned if you don’t”. Se si accetta l’elemosina dalla Lega/Federazione probabilmente ce la faranno poi pagare per generazioni. Se non si accetta l’elemosina e si fa saltare il banco probabilmente ce la faranno poi pagare per generazioni (un po come nei film di Bud Spencer dove lui tira il pugno in testa alla stessa parsona, anche se a provare a menarlo sono altri). Spero veramente di sbagliare ma da straje’ super lontano dall mia provincia che aspetta le partite del Parma in streaming alla domenica mattina presto per cominciare bene la giornata, tutto sembra cupo.

        • 2 Marzo 2015 in 00:38
          Permalink

          Io penso che bisogna avere il coraggio delle proprie azioni. Se facciamo saltare il banco non credo ce la faranno pagare, per il semplice fatto che si spera che una volta che il banco è saltato finisca finalmente la dittatura dei soliti noti.

          Se non abbiamo gli attributi è un altro discorso.

          • 2 Marzo 2015 in 00:40
            Permalink

            Majo, il banco non salta.. Al massimo si dimettono Beretta e Tavecchio e al loro posto arrivano altri ue tromboni.

          • 2 Marzo 2015 in 00:42
            Permalink

            Io penso che se si vuole cambiare bisogna tirare fuori gli attributi e non cedere ai ricatti. Abbiamo una opportunità, sfruttiamola. Almeno sto cazzo di disastro sarà servito a qualcosa di utile

  • 1 Marzo 2015 in 23:40
    Permalink

    Mah Lugaresi poteva risparmiarsi la lamentela x il quarto d’ora di ritardo nell’inizio della partita di oggi ma x il resto non ha detto cose sbagliate. ..ci sono stati poco coraggio e molta omertà anche da parte di calciatori, Donadoni e Melli. Problemi di sudditanza psicologica che buttano qualche ombra sui nostri eroi che x il resto sono encomiabili…

  • 2 Marzo 2015 in 00:58
    Permalink

    Io vorrei andare contro corrente: diamo per scontato che Manenti non mette i soldi (non suoi) e questo e’ del tutto lecito dopo le 1000 dichiarazioni fatte e bonifici promessi e mai arrivati, pero’ e nella vita esiste sempre un pero’ se invece smentisce tutti cosa facciamo poi ? Quale articoli troveremo scritti sui giornali ? Che ha sbloccato il fermo amministrativo ?? E poi i vari Melli e Levati dove andranno a nascondersi dopo aversi lavato la coscienza in modo meschino e vile..e per finire invece, sento dichiarazioni di Lucarelli che afferma che da Novembre nello spogliatoio si parla solo della situazione economica, poi vedo foto dei tifosi a Collecchio insieme ai giocatori e allora penso, anche i giocatori e allenatore hanno iniziato a pulirsi la coscienza ? Forse la tanta gente con poca memoria dovrebbe ricordarsi che il campionato e’ iniziato ad Agosto e che a Novembre (mese che afferma Lucarelli) eravamo ultimi con 6 punti e con diverse figure di merda fatte in quasi tutti i campi di calcio e che tutti fino all’arrivo di Taci tiravano merda a tutti i giocatori e allenatore, ora ???? Bisognerebbe ricordarsi che da Agosto a Novembre in campo non andava Ghirardi, Leonardi, Taci, Doca e chi ne ha piu’ ne metta, ma andavano i giocatori e a tirar su il cartellone (bel lavoro per 70.000 euro l’anno) Melli e Allenatore e allora adesso si stanno creando tutti un bel alibi costruendosi un costume addosso degli eroi e salvatori della patria, allora se voglio far qualcosa per il Parma, domani perche’ non vanno in sede e rinunciano a tutti gli stipendi maturati fino ad oggi ??? E per quanto riguarda il “pentito” falso di Mello e compagna colpevoli quanto Ghirardi e Leonardi visto le sue (compagna) presenze nel consiglio d’amministrazione facciano la stessa cosa e via dalle Palle, non vogliamo piu’ nessuno perche’ tutti sono colpevoli e non per sudditanza nei confronti di un datore di lavoro ma sono colpevoli perche era loro interesse personale ed economico rimanere e stare in silenzio. Direttore cosa ne pensa ?

    • 2 Marzo 2015 in 01:16
      Permalink

      D’accordissimo: i giocatori hanno fatto pena da subito (e con loro il mister, con scelte suicide tipo un centrocampo di pesi piuma con Lodi e Jorquera assieme) e non c’entra nè il calciomercato (rosa scarsina, ok, ma non così scarsa da non fare quasi mai punti) nè gli stipendi. Ci hanno messo anche del loro, altroché… Col Pama salvo, poi, magari Taçi, per quanto poco serio, non se ne sarebbe lavato le mani.

    • 2 Marzo 2015 in 01:24
      Permalink

      C’è del vero in questo discorso…
      Come allenatore Donadoni non lo terrei (tanto più che non ero mai stata una sua sostenitrice) e cmq non rimarrebbe mai…Scala lo prenderei subito a occhi chiusi! Melli lo vedo inutile se non dannoso x la passata cortigianita’ nei confronti di Ghiro e Co…Ben venga invece che rimangano Lucarelli e qualche altro giocatore che ha attaccamento alla maglia (se ce ne sono)

  • 2 Marzo 2015 in 10:11
    Permalink

    Il destino ci chiama. Siamo gli eletti.ABBIAMO IL PRIVILEGIO DI POTER CAMBIARE IL CALCIO. Avanti così con le palle,

  • 2 Marzo 2015 in 10:38
    Permalink

    Si Majo…sara’ servito a qualcosa di utile…
    Ma non pensare che “il palazzo” non stia pensando ad una strategia, a concertare qualcosa con le tv anche per finire la stagione in 19 squadre….come gia’ ti ho detto magari pure con l’interessamento di Berlusconi in persona che di squadre, emittenti e diritti televisi qualcosa ne sa.
    Non e’ che siano proprio stupidi sai…..
    Corrotti,filibustieri,mafiosi finche’ si vuole ma non stupidi (anche se mi rendo conto quardando Tavecchio questa affermazione suona un po’ azzardata..).
    Certo la faccenda rappresenta un fastidio per il sistema..ovvio…ma non siate cosi’ presuntuosi da pensare che senza il Parma succeda chissa’ che cosa…che si possa innescare chissa’ quale effetto domino….
    Succedera’ che andranno avanti senza il Parma.
    E basta.

  • 2 Marzo 2015 in 12:00
    Permalink

    Lugaresi è venuto a Parma dopo aver VENDUTO giocatori per far quadrare i suoi conti. Il Parma in quel periodo (già ampiamente schiantato economicamente) ha RINFORZATO la squadra. Poi il Cesena ha vinto, ok, ma il problema sta a monte, Lugaresi ha 100% ragione, senza regole il campionato è falsato. Tavecchio a casa e Parma in promozione. Ripartire please!

  • 2 Marzo 2015 in 13:03
    Permalink

    #SaveParmaWithMarcello-della-parmigjanità
    #NOallaDvogliamoLAterzaCategoria
    #soldixnessuno
    #vuoiLOstipendio?ahahahaha

    #piano-di-rientro-by-Marcello

    ke è giusto ke ai nostri giUocatori e anke al Misterday ci venga dato lo stipendio, ke kn tt i punti ke hanno fatto fare agli altri, è giusto ke glielo paghino.
    Ke io dividerei le spese in base ai punti ke hanno dato via e ai gol ke hanno preso. Per cui tipo la Juve dovrebbe pagare di +, dato ke gli abbiamo dato 6 punti e ciappato 10 gol, qui ecco secondo me dovrebbero pagargli anke il bonus, ke il malus o maalox, ke dir si voglia, lo abbiamo già beccato noi.

    #morite-di-fame
    #spero-nn-bekkerete-neanke-un-biadino

  • 2 Marzo 2015 in 16:12
    Permalink

    Lugaresi mi è andato su per una braga.
    Mi ricorda Gazzoni Frascara quando era presidente del Bologna, che faceva il moralista a giorni alterni a seconda della convenienza.
    Il prossimo a saltare è proprio lui.
    Gli costerebbe meno darci una mano a finire le partite, anziché pagare pro quota le penali di Lega alle tv e agli scommettitori.
    Io la sua elemosina non la voglio, come non voglio quella degli altri.
    Il 19 falliamo, niente esercizio provvisorio, ritiriamo la squadra e poi se la vedrà Lugaresi & c. a pagare penali a tv e scommettitori.
    Che si fotta.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI