MANENTI ARRESTATO: AUTORICICLAGGIO CON L’AGGRAVANTE DEL METODO MAFIOSO

image“Il presidente del Parma Giampietro Manenti è stato arrestato dagli uomini della Guardia di finanza nell’ambito dell’operazione, coordinata dalla Procura di Roma. L’accusa nei confronti del patron è di reimpiego di capitali illeciti.  Assieme a manenti sono state arrestate altre 21 persone. Tra i reati contestati agli arrestati ci sono peculato e autoriciclaggio con l’aggravante del metodo mafioso”. Questo il dispaccio diramato da parma.repubblica.it con la notizia, dunque, dell’arresto di Giampietro Manenti a poco più di 24 ore dall’udienza pre-fallimentare di domani, 19 marzo. La prima riflessione che mi viene fisiologico fare è: dunque i capitali ce li aveva, alla faccia dell’aspetto da clochard che tanto ha fatto chiacchierare. Dubbi sulla provenienza della provvista da reinvestire nel Parma era lecito averli, date le circostanze, del resto, lo abbiamo sempre rimarcato quando, senza voler calunniare nessuno, dicevamo che si trattava di “capitali di difficile traduzione”, penso che i fatti di stamani abbiano spiegato il perché, anche se i dettagli saranno decisamente più chiari dopo la conferenza stampa che la Guardia di Finanza ha fissato per le ore 11 a Roma. (gm)

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

213 pensieri riguardo “MANENTI ARRESTATO: AUTORICICLAGGIO CON L’AGGRAVANTE DEL METODO MAFIOSO

  • 18 Marzo 2015 in 09:19
    Permalink

    Ahahahahahahahahahahahaha

  • 18 Marzo 2015 in 09:20
    Permalink

    Direttore ma il nfatto che sia successo proprio il giorno prima dell’udienza fallimentare è solo una coincidenza? O qualcosa ci sfugge?

    • 18 Marzo 2015 in 09:27
      Permalink

      Penso sia solo una coincidenza: diverso se la cosa fosse partita da Parma, ma in questo caso è la GdF di Roma

    • 18 Marzo 2015 in 09:42
      Permalink

      paolo svegliot …che cavolo dici ancora poteri forti che c e l hanno con manenti fai ridere

  • 18 Marzo 2015 in 09:21
    Permalink

    Certo che FIGC e LEGA non si so fatti mancare niente. Tutta la malavita a Parma, pure i metodi mafiosi

    • 18 Marzo 2015 in 09:25
      Permalink

      Che c’entrano FIGC e Lega? Non mi pare avessero in alcun modo avallato Manenti…

      • 18 Marzo 2015 in 09:29
        Permalink

        Che idea ti sei fatto Majo?
        Dalle prime lanci che ho letto pare che sto’ fenomeno avesse contatti o in qualche modo fosse la testa di ponte di sti malavitosi con cospicua cassaforte che hanno cercato di impossessarsi del Parma in questa difficile fase, ma che poi non sia effettivamente riuscito a sbloccare questi fondi, ad eludere le norme antiriciclaggio e a farli arrivare ripuliti…
        Mi sto sbagliano o potrebbe essere plausibile la cosa?
        In questo caso sto’ pezzente rischia pure non poca gabbia….

        • 18 Marzo 2015 in 09:53
          Permalink

          Penso che la sua ricostruzione possa aver fondamento

      • 18 Marzo 2015 in 18:06
        Permalink

        Gabriele, Figc e Lega c’entrano nel momento in cui non hanno mai predisposto una vigilanza su chi entra nei club professionistici di serie A. In premier league hanno fatto tanti controlli su Cellino, in Italia si consente ad un bandito di comprare il Parma.

    • 18 Marzo 2015 in 09:30
      Permalink

      E perché dovrebbe dimettersi Donadoni? Non ne capisco la logica.

      Che domenica non si scenda in campo è ancor più probabile. Sempre ammesso che l’arresto non dia la definitiva accelerazione al tanto amato “fallimento pilotato”.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 18 Marzo 2015 in 09:34
        Permalink

        perché Donadoni ha sempre detto aspettiamo il 19 poi ognuno trarrà le conseguenze. il 19 è inutile aspettarlo dato che lo 0,1% è andato a farsi fottere, ergo che senso ha continuare a guidare una barca definitivamente affondata? in più si ritroverà senza mezza rosa. come vede non è difficile trovare una logica alle dimissioni. lei ora mi trovi una logica perché non dovrebbe dimettersi

        • 18 Marzo 2015 in 10:34
          Permalink

          Perché adesso è spianata la strada per il fallimento pilotato, con esercizio provvisorio, e l’elemosina della Lega

      • 18 Marzo 2015 in 09:34
        Permalink

        Credo sia un’accellerazione al fallimento e basta.
        Concordo con le non dimissioni di Donadoni…francamente se non si e’ dimesso fin’ora.
        Poi…che si giochi o meno mi par poco rilevante a sto punto.
        In ogni caso di presidenti che hanno fatto un giro in gabbia ne abbiamo visti parecchi negli ultimi 20 anni nel calcio italiano…
        Anche in Germania (che fan tanto gli sboroni) c’e’ ne’e’ uno molto importante in sto momento mi pare e ci deve stare pure parecchio…

      • 18 Marzo 2015 in 09:37
        Permalink

        Secondo me ora che hanno arrestato Manenti, la FIGC e la Lega avranno le mani libere per poter finalmente fare quello che vogliono con il Parma….

  • 18 Marzo 2015 in 09:32
    Permalink

    dunque capitan Pizza aveva ragione?

    • 18 Marzo 2015 in 09:52
      Permalink

      Non penso ci volesse Einstein per capire che si trattava di soldi non potabili. Però l’uscita di Pizzarotti era inutile, nel senso che se la provvista (che c’era alla faccia di tutti quelli che non ci credevano) fosse stata potabile (cioè se avesse superato le rigide norme antiriciclaggio) non erano certo le sue starnazzate a cambiare il quadro. Vieppiù che gli andava bene Taci.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 18 Marzo 2015 in 10:23
        Permalink

        non ci voleva Einstein ma è l’unico ad averlo detto chiaramente, che per lei sia inutile non alimentare false speranze nei tifosi del Parma spiega bene la sua posizione pro-superMapi. Taci è un personaggio molto discutibile sono daccordo con lei e se il sindaco lo ha appoggiato ha sbagliato ma un errore commesso non significa non potersi più esprimere, o no?

        Cordialmente

      • 18 Marzo 2015 in 12:03
        Permalink

        Dai direttore stavolta fa autogol , se lei dice “Non penso ci volesse Einstein per capire che si trattava di soldi non potabili” perche’ lei gli dava fiducia ? Non dica che al sindaco andava bene Taci ,altrimenti possiamo dire che a lei andava bene Manenti o dava se pur lo 0,1% di fiducia a uno arrestato per reati gravissimi se comfermati.

        • 18 Marzo 2015 in 12:13
          Permalink

          Guardi, rendere potabili soldi non potabili mi pare un esercizio che alla malavita, che è la più forte industria del Paese, di solito riesca piuttosto facilmente.

          Io non potevo certo accusare qualcuno di riciclaggio o auto-riciclaggio.

          Io ho concesso una possibilità su mille che riuscisse a rendere potabili quei soldi, che appunto a me, per le testimonianze raccolte, risultava ci fossero, sia pure di difficile traduzione.

          Quando io ho concesso il mio 0,1% il signor Manenti era ancora illibato rispetto alle gravi accuse mosse oggi, che poi vedremo se saranno confermate dopo i canonici tre gradi di giudizio.

          Cordialmente

          Gmajo

          • 18 Marzo 2015 in 12:37
            Permalink

            Avevi ragione che almeno una parte di soldi ci fossero ma a sto punto il fallimento pilotato (se mai ci sara’) non è una schifezza più grossa di quella che avrebbe fatto manenti…ci mancavano solo i fondi della mafia nel calcio parmigiano e poi le avevamo viste tutte…. Con questo non dico che Taci non fosse simile ma x garantismo aspetto eventuali movimento giudiziari prima di parlare

  • 18 Marzo 2015 in 09:32
    Permalink

    Majo, sempre 0,1%? #siskerza

  • 18 Marzo 2015 in 09:32
    Permalink

    Bene, forse il cerchio ora si è chiuso. Non un mitomane, non un pagliaccio, ma un probabile (lo dirà la giustizia) delinquente che riciclava soldi. Tutto questo tempo evidentemente per cercare un appoggio trasparente per far entrare quei benedetti soldi (che cmq penso non siano 100 milioni).
    Spero che nel piano di ristrutturazione che avrebbe dovuto depositare non vi fossero indicati i personaggi coinvolti e non solo la provenienza ma anche e soprattutto come li avrebbe reperiti (i soldi).
    Ora finalmente un pò di serenità e attendiamo fiduciosi un percorso normale di ricostruzione.
    Buona giornata Direttore

    • 18 Marzo 2015 in 09:42
      Permalink

      Intervento che quoto. La ringrazio per averlo postato

      Cordialmente

      Gmajo

      • 18 Marzo 2015 in 09:54
        Permalink

        Lo facciamo in due allora.
        In sostanza era quel che avevo ipotizzato io poco piu’ sopra.

      • 18 Marzo 2015 in 12:03
        Permalink

        Io sinceramente non quoto al 100%, perché in Italia ci sono modi molto meno clamorosi (e forse più redditizi) per riciclare denaro…che i soldi siano puliti o sporchi servono comunque 100mln per ripianare i debiti…e poi?
        Secondo me il Manno da questa storia uscirà indenne, ovvero con l’accusa di essere un arraffone e prestanome.

  • 18 Marzo 2015 in 09:32
    Permalink

    Però quando Pizzarotti disse di non voler aver più nulla a che fare con MapiBurla e che se quei soldi si fossero materializzati lui non ne avrebbe voluto saper nulla, mica si sbagliava. E tu, al tempo, e stizzito come al solito, tirasti fuori la fola degli apparecchiatori, della scheggia impazzati antisistemica, dei poteri forti contro il povero Maennti. Sempre della stessa opinioni o, diciamolo, Pizzarotti disse una grossa verità dimostrandosi non proprio un fesso? (io non apprezzo il lavoro della giunta, per esser chiaro)

    • 18 Marzo 2015 in 09:41
      Permalink

      La frase di Pizzarotti era semplicemente inutile, come dimostrato dai fatti: nel senso che se i soldi di Manenti fossero stati “potabili” non erano certo le starnazzate del primo cittadino a cambiare le cose; giustamente trattandosi di provvista sporca (ma la provvista c’era, dunque…) la giustizia ha fatto il suo corso.

      Poi che ci siano gli apparecchiatori non è affatto una fola: il suo Capitan Pizza, che ha fatto da banca a Ghirardi, era a cena con il duplice ergastolano mancato e l’Upi per il passaggio del Parma a Taci, senza che si turasse il naso per la provenienza dei capitali dell’operazione…

      Saluti

      Gmajo

      • 18 Marzo 2015 in 09:50
        Permalink

        mi permetta, non sono di Parma e non sono pentastellato quindi non posso giudicare l’operato del vostro sindaco nel governo cittadino, ma la sua faziosità contro di lui è talmente evidente da risultare imbarazzante

        • 18 Marzo 2015 in 10:22
          Permalink

          Lei si sbaglia: io non sono affatto fazioso, perché non faccio valutazioni in base a simpatie personali o colori politici.

          Io valuto i fatti ed espongo le mie opinioni in base a quello. Che Pizzarotti sia pentastellato è un dettaglio ininfluente. Così come se ci fosse stato al suo posto uno di un altro partito che si fosse comportato nello stesso modo avrei detto le stesse identiche cose.

          Se a me fa schifo che un sindaco vada a cena con un duplice ergastolano mancato, assieme ai poteri forti della città, che acriticamente accoglievano Taci lo dico. E i partiti non c’entrano.

          Saluti

          Gmajo

          • 18 Marzo 2015 in 10:27
            Permalink

            Prendo atto che la sua avversione verso capitan Pizza non ha motivazioni politiche ma mi sembra lei lo attacchi a prescindere qualsiasi cosa dica o faccia. Sulla cena nulla da eccepire.

            Saluti

          • 18 Marzo 2015 in 10:40
            Permalink

            Guardi che io l’ho attaccato per la cena e per aver fatto da banca a Ghirardi. O al limite per le frasi inutili sui soldi di Manenti.

            Saluti

            Gmajo

        • 18 Marzo 2015 in 16:11
          Permalink

          L’albanese di dubbia reputazione però gli andava bene!!!
          Ed il buco causato nelle casse comunali dai mancati proventi della concessione dello Stadio???
          Dormiva o era connivente????
          Comunque sia ne esce male,,,,,

      • 18 Marzo 2015 in 09:53
        Permalink

        evidentemente quelli di Taci potevano essere di diversa provenienza (qualora fossero mai arrivati…).
        Giochino stupido paragonare le due cose. Ripeto per l’ennesima volta che Taci qualcosa ha, sia a livello imprenditoriale che di conoscenze, e nel calcio qualcosa aveva già dato, nonostante il passato e il presente con tante zone d’ombra. Mentre era chiaro che uno spiantato assoluto e nullatenente come Manenti avrebbe potuto recuperare soldi solo in maniera palesemente irregolare.

        • 18 Marzo 2015 in 09:56
          Permalink

          Non è un giochino stupido menarla con Taci, ed è da sempliciotti pensarlo.

          Pensa, forse, che la provvista sarebbe stata di molto differente?

          Cordiali Saluti

          Gmajo

          • 18 Marzo 2015 in 09:59
            Permalink

            c’erano le basi per almeno sperare che la fosse. Mi sembra assurdo mettere a paragone i due soggetti in questione

      • 18 Marzo 2015 in 09:56
        Permalink

        La cosa puo’ pure essere condivisibile, ma non credo che un primo cittadino di una qualunque citta’ d’italia possa o debba mettersi a richiedere estratto del casellario giudiziario a tutti i suoi vari commensali…..se ne vedrebbero delle belle…

        • 18 Marzo 2015 in 11:15
          Permalink

          Per sapere chi è De Paolini non serve il certificato del casellario. specie se sei il sindaco di Parma.

          Ricordiamoci bene l’intercettazione di De Paolini, e guardiamo quando si è scatenato il finimondo.

          Saluti

          Gmajo

      • 18 Marzo 2015 in 09:57
        Permalink

        Il “mio” Capitan Pizza una fava! Di quella cena, da te tanto mitizzata, non sappiamo, e non sai, nulla. Aspetterei un attimino prima di arrivare a conclusioni sconclusionate. Tanto presto arriveranno pure gli arresti della Procura di Parma e forse capiremo se Taci è stato imbrogliato da Ghiradi o se pure lui era mosso da secondi fini. Io su Taci, e son sincero, ci ho capito poco.
        Al tempo dell’uscita di Capitan Pizza sugli eventuali soldi di Manenti in tanti hanno sperato che quei soldi si materializzassero, per metter in difficoltà il sindaco (di cui, ti ripeto, non sono un fan, non l’ho votato e lo trovo, nel complesso, deludente). L’ergastolano era a piede libero, non ti dichiari sempre un garantista?
        Però ho sbagliato pure io: non credevo ai soldi di MapiBurla (infatti lui non ha un cazzo) per il semplice motivo che mi sembrava irreale che un’associazione criminale si appoggiasse ad un simile buffone come prestanome (di solito utilizzano professionisti irreprensibili,per non dar nell’occhio. Ed era impossibile che sponsor “puliti” utilizzassero una barzelletta d’uomo come MapiBurla). Quì siamo a livello di operetta, infatti son stati legati nel giro di poche settimane. Dei geniacci!
        Aspettiamo la conferenza stampa delle 11.00 per capirne di più e festeggiamo il fatto che quell’essere insulso sia finito in Via Burla. Speriamo siano iniziate le pulizie primaverili.
        Saluti

  • 18 Marzo 2015 in 09:33
    Permalink

    0,0000000000000000….00000001%

  • 18 Marzo 2015 in 09:33
    Permalink

    Se lo scarcerano entro le 17 può ancora andare in banca a far partire il bonfico.

  • 18 Marzo 2015 in 09:34
    Permalink

    Sig. Majo, possiamo quindi dire con certezza che il “Manenti föra da i ball” auspicato da Boni lunedi’ sera in apertura tramissione si è verificato già oggi ? Manenti definitivamente fuori dal Parma calcio?

    • 18 Marzo 2015 in 10:35
      Permalink

      lascerei perdere boni, ma direi che manenti è definitivamente fora dal bali dal Parma Calcio

  • 18 Marzo 2015 in 09:34
    Permalink

    Direi che in quel famoso 16 febbraio i bonifichi erano stati semplicemente bloccati dall’antiriclaggio, altro che vendetta di Pizza e di Tavecchio.

    • 18 Marzo 2015 in 10:33
      Permalink

      Io non ho mai scritto che quei soldi il 16 febbraio fossero stati bloccati da Pizza o Tavecchio, né ho mai parlato di vendette di costoro.

      Poi che costoro avessero (e abbiano) un loro piano e manenti fosse di ostacolo è un altro discorso.

      Poi se antiriciclaggio ha bloccato ha fatto il proprio dovere

      Saluti

      Gmajo

      • 18 Marzo 2015 in 12:46
        Permalink

        Ma lei non le è venuto il sospetto che Manenti avesse denunciato la cosa solo un mese dopo? 😉

  • 18 Marzo 2015 in 09:36
    Permalink

    Aggiungo: meno male che non solo Lei Direttore ma soprattutto la GdF di Roma ci ha messo il naso!

  • 18 Marzo 2015 in 09:38
    Permalink

    BRAVO MAJO LEI HA AVALLATO MANENTI LEI E’ UN GRANDE PROFESASIONISTA …..PER 2 MESI HA ROTTO DIFENDENDO MANENTI DICENDO CHE TUTTI CE L AVEVANO CON LUI ILLUDENDO GLI STOLTI LEI NON SEGUIVA IL GREGGE….LEI DAVA LA COLPA A TACI A IL SINDACO ALL UPI ….ERANO LORO CHE HANNO AMAZZATO IL PARMA NON MANENTI ERA DIVERTISSMENT COSI LO CHIAMAVA MANENTI NON COMPRNDENDO CHI ERA , I SUOI TALPONI LEI CHE INDAGA ECCCC SU MAENNTI NULLA SOLO DIVEERTISSMENT INTANTO CI HA FATTO PERDERE 2 MESI E LA SERIE B PERCHE’ ORMA E IMPOSSIBILE FARE QUALSIASI COSA
    ORA CAPISCO PERCHE’ DA ANNI NESSUNO LA FA LAVORARE COME GIORNALISTA MA CIBBI RIMARRA SUA FEDELE LETTRICE

    • 18 Marzo 2015 in 10:28
      Permalink

      Anche lei è un fedele lettore. E nella mia bontà ospito anche i suoi spropositi contro di me.

      Dimentica, comunque, che non sono stato io a cedere il Parma a Manenti: io ho solo cercato di offrire analisi che tenessero in considerazione più punti di vista.

      Saluti

      Gmajo

    • 18 Marzo 2015 in 13:11
      Permalink

      Vorra’ dire che se restero’ l unica Majo mi assumerà ( a 0) come vice grillo parlante. se pensi di trovare informazioni piu veritiere altrove sei libero di andare…Bye bye

    • 18 Marzo 2015 in 13:16
      Permalink

      A differenza dei bastian contrari io leggo, rispetto chi mi dà questo spazio e poi mi faccio la mia libera idea che sicuramente nessuno mi inculca,ne tu ne Majo (che peraltro non mi pare uno che voglia inculcare le sue idee a chicchessia ma difende semplicemente le sue). Se tu preferisci critiche sterili a un onesto confronto costruttivo, continua cosi oppure leggi e commenta altrove

  • 18 Marzo 2015 in 09:40
    Permalink

    Sig. Majo io non capisco come si possa schifare il fallimento pilotato : è l’unica possibilità di sopravvivenza del calcio a parma, dato che se si va in serie D non si risale più, soprattutto con il notorio piocionismo degli imprenditori parmigiani.
    detto questo la notizia di oggi è un’altra, ovviamente, e noto che è la Procura di Roma (che ha anche parecchio altro da fare), non quella di Parma ad essere arrivata prima. Se qualcuno ha dei dubbi sul livello di apatia (omertosa) in cui si è lasciata placidamente e tragicamente cullare la nostra città, qui ne ha una prova abbastanza evidente.
    Auguri a tutti e sempre forza Parma
    Cordialmente
    Vecchioalle

    • 18 Marzo 2015 in 10:43
      Permalink

      Schifo il fallimento pilotato con l’asta sportiva per la serie B non la voglio perchè non voglio le scappatoie italiche, le leggine ad hoc, etc..Parma non ha onorato i debiti e deve fallire. La legge dice che deve ripartire dalla D e si riparta da li, come hanno fatto Siena e Padova, che stanno già risalendo in C..Usciamo da questa situazione con dignità….la B, alla faccia dei debiti non onorati verso i fornitori e banche non la voglio….

      • 18 Marzo 2015 in 11:57
        Permalink

        schifo il fallimento pilotato perché adesso è meglio azzerare tutto e tutti. Meglio la dignità che farsi compatire

      • 18 Marzo 2015 in 13:09
        Permalink

        La LEGGE dice che con il falliemnto pilotato se trovi uno che paga I debiti sportive mantieni la categoria che ti spettia , in caso di retrocessione la B.

  • 18 Marzo 2015 in 09:41
    Permalink

    BHE ADESSO MANENTI NON PUO’ PAGARE ENTRO IL 19 NON E’ COLPA SUA E’ COLPA DI CHI L HA ARRESATTO VERO MAJO

    • 18 Marzo 2015 in 10:25
      Permalink

      Alle provocazioni stupide preferisco non replicare

  • 18 Marzo 2015 in 09:45
    Permalink

    Sposo il primo commento del Direttore Majo…i soldi c’erano. Ne aggiungo un altro…qualcuno sosteneva che i soldi fossero gli stessi rispetto al gruzzolo che doveva arrivare in piena (breve) era Taci…che con l’arrivo di Supermapi sarebbe cambiata solo la scatola in cui metterli…quindi?

  • 18 Marzo 2015 in 09:46
    Permalink

    l ergastolano come lo chiama lei era ed e’ un agente segreto si svegli majo invece manenti metodo mafioso lei e’ sicilaino di origini ? dove riconescerli e non dico altro …..

  • 18 Marzo 2015 in 09:46
    Permalink

    Comunque ammetto di essermi sbagliato,Manenti i soldi seppur sporchi un po ne aveva….

  • 18 Marzo 2015 in 09:49
    Permalink

    finalmente …la verita’ e’ venuta fuori …..altro che mapidivertissment….lei majo ha toppato

    • 18 Marzo 2015 in 10:24
      Permalink

      Ho toppato solo una cosa: quando dicevo che tanto non cambiava nulla. Il fatto che sia stato arrestato come presidente del Parma getta fango sul Parma stesso, ma per il resto penso avessero toppato quelli che non pensavano ci fossero dietro i soldi. Poi che questi fossero di difficile traduzione ve l’ho scritto mille volte.

      Saluti

      Gmajo

      • 18 Marzo 2015 in 13:15
        Permalink

        Questi soldi chiamiamoli con il loro vero nome, Soldi sporchi. Ed se vogliamo parlare un’altra volta del sindaco ricordo che disse che se Manenti avrebbe portato I soldi la procura avrebbe dovuto investicare perche’ sarebbero stati di dubbia provienienza, Bhe Pizzarotti ci ha visto benissimo con Manenti. Bisogna dargliene atto.

        • 18 Marzo 2015 in 21:40
          Permalink

          Secondo me pizzarotti dopo aver fatto da banca a ghirardi e benedetto taci ha fatto l’uomo addosso a manenti di conseguenza. Io resto sulla mia solita logica e cioè che se come si è dimostrato i soldi erano sporchi venivano fermati dall’ antiriciclaggio o da chi di dovere al di là delle sue starnazzate, viceversa fossero arrivati avrebbe significato che erano puliti o che comunque avevano superato i rigidi controlli dell’anti riciclaggio.
          Saluti
          Gmajo

  • 18 Marzo 2015 in 09:50
    Permalink

    bravo majo da 2 m2si difendeva manenti appena uno lo accusava lei si stizziva ora sppiamo chi aveva ragione e chi torto ma immagino dira’ che e’ tutto contro manenti

    • 18 Marzo 2015 in 10:06
      Permalink

      Cavoli: con tutti i problemi che ha il Parma il problema era quella possibilità su mille che concedevo a Manenti. Che fenomeni che siete…

  • 18 Marzo 2015 in 09:50
    Permalink

    majo scusi l ignoranza..quindi ora manenti non è piu proprietario del parma? quindi si può fallire tranquillamente domani? è un bene o un male?

    • 18 Marzo 2015 in 10:05
      Permalink

      Diciamo che si snellisce la strada per il fallimento. Che sia un bene o un male dipende dai punti di vista: quello collettivo propende per il bene

  • 18 Marzo 2015 in 09:51
    Permalink

    majo piu che professionista e’ un dilettante lei saluti

    • 18 Marzo 2015 in 10:04
      Permalink

      Dilettante? Ha ragione: sono costretto a lavorare per diletto

  • 18 Marzo 2015 in 09:52
    Permalink

    Secondo me da domani, la fila che fino a ieri si era formata per acquisire il Parma, non ultimo il signor Scaccia, di colpo sparirà….non so perchè ma ho questa netta sensazione!!! Che ne pensa direttore?

      • 18 Marzo 2015 in 10:13
        Permalink

        Si, pulluleranno ancora e non e’ affatto detto e matematicamente incontrovertibile che chi ti piglia in D (come Domodossola) sia “pulito” e lo faccia con capitali di lecita provenienza…
        Chi lo ha detto?…chi lo stabilisce?…
        Pensate che le societa’ dilettantistiche (specie al Sud) siano tutte in mano a campioni di legalita’?…
        Puoi ritrovarti in mano ad un tragattino nuovamente…

        • 18 Marzo 2015 in 13:21
          Permalink

          Perfetta analisi….al peggio non c’è mai fine se sei in mani sbagliate…
          sperema ben….

  • 18 Marzo 2015 in 09:52
    Permalink

    Nemmeno adesso un po’ di autocritica da parte sua per aver dato credibilità e spazio a quel personaggio

    Peccato si era costruito una buona credibilità che ad occhi d tanti ha perso per il gusto d fare il bastian contrario

    Poteva tranquillamente cavalcare il disgusto per la manovra lega figc upi ecc senza avallare sto coglione

    Rifletta….

    Saluti

    • 18 Marzo 2015 in 10:03
      Permalink

      L’unica autocritica che in coscienza mi sento di fare riguarda la considerazione “tanto non cambia niente”: in effetti che sia stato arrestato Manenti con la carica di presidente del Parma è indubbiamente un danno di immagine per il club, quindi la cosa è influente.

      E’ totalmente ininfluente, invece, sull’esito delle cose, dal momento che fallito il Parma lo era già dopo il colpo di grazia inferto da Taci.

      La storia del bastian contrario è una stupida etichetta che i sempliciotti e gli invidiosi mi appiccicano addosso, tanto come a suo tempo quella di nemico del Parma.

      La mia credibilità non risulta affatto scalfita agli occhi di chi ha una testa pensante, dal momento che il mio 0,1% era appunto connesso alla possibilità che Manenti potesse dimostrare che i soldi che aveva fossero puliti. Ma i soldi ce li aveva.

      Io non ho affatto avallato Manenti: semplicemente non gli ero contro.

      Saluti

      Gmajo

      • 18 Marzo 2015 in 10:26
        Permalink

        Caro Majo non me ne voglia, ma la percezione che si è avuta con la sua percentuale dell’1 per mille è del tipo, io ci provo, se mi va bene ho solo da guadagnare, se mi va male era solo l’un per mille…..

        • 18 Marzo 2015 in 10:41
          Permalink

          E cosa mi veniva in tasca a farlo?

          Ripeto: io sono uno che cerca di avere uno specchio di visuale il più ampio possibile.

          Saluti

          Gmajo

  • 18 Marzo 2015 in 09:52
    Permalink

    E complimenti a tutti quelli che da 40 giorni continuavano a ripetere “aspettiamo, vediamo cosa accade, diamo lo 0,001 % di possibilità”: a volte basterebbe dar retta all’evidenza e al buon senso, invece di voler a tutti i costi ergersi a bastian contrari e poi fare figure barbine.
    L’arresto di questo delinquente patentato (e dire che Corioni ci aveva subito messo in guardia…) è la prima vera buona notizia dopo 3 mesi di prese per i fondelli

    • 18 Marzo 2015 in 09:58
      Permalink

      Di possibilità ne davo una su mille per il semplice fatto che mi risultava avesse soldi di difficile traduzione.

      Non ho fatto alcuna figura barbina, e non faccio il bastian contrario a prescindere perché non sono un imbecille, semplicemente mi piace tenere aperti tutti gli scenari anche quelli trascurati dai pecoroni che si basano solo sulle apparenze.

      Saluti

      Gmajo

      • 18 Marzo 2015 in 10:26
        Permalink

        ma si rende conto di quello che dice? Non credo, perché continuare ad affermare che le “RISULTAVA AVESSE SOLDI DI DIFFICILE TRADUZIONE”, cioè SPORCHI ha veramente dell’incredibile! Se lei sapeva questo avrebbe dovuto, a maggior ragione e con tutte le forze, OSTACOLARLO anziché dargli lo 0.01%!!! Sono sempre più allibito

        • 18 Marzo 2015 in 10:44
          Permalink

          Mi scusi, eh, ma io non faccio il finanziere, e non posso muovere accuse o calunnie non provate.

          Che i soldi di Manenti potessero non esser limpidi io l’ho scritto con la famosa frase “di difficile traduzione”. Il mio 0,1% verteva su quello, a maggior ragione quando pareva che avessero superato i rigidi controlli dell’antiriciclaggio. Cosa evidentemente non avvenuta.

          Saluti

          Gmajo

  • 18 Marzo 2015 in 10:00
    Permalink

    La cosa piu’ grave e’ questo ne e’ un esempio lampante e’ come sia ormai diventato un gioco da ragazzi per la malavita inseriirsi nei luoghi del ‘potere’, gli ultimi arresti tra grandi opere expo etc. rivelano un ‘sistema’ Italia totalmente marcio fino al midollo, Parma e’ oggi e domani sara’ qualcun altro.. a noi ci rimangono le chiacchere da bar, non sono un tifoso del Parma e nemmeno di Parma ma ho seguito la vicenda fin dall’inizio credo ( e i tifosi non me ne vogliano) che un fallimento che faccia pulizia e rifaccia partire la squadra con una societa’ pulita’ e con la testa alta sia la cosa migliore a questo punto, rimane l’amarezza di vedere il Ns. sistema in mano a certa gente e la consapevolezza che alla fine come sempre nessuno paghera’ dazio… un vecchio proverbio Toscano recita: Tutti Bravi, ma il cacio Manca.

  • 18 Marzo 2015 in 10:00
    Permalink

    “dunque i capitali ce li aveva” fa sbellicare dal ridere.
    100 milioni? Cioè vuole riciclare 100 milioni illeciti e compra il Parma piuttosto che immobili, oro e gioielli? Ma come si fa a credere a queste cazzate?

    • 18 Marzo 2015 in 11:02
      Permalink

      Mi pare che stiamo commentando la notizia dell’arresto di Manenti con il capo di accusa di autoriciclaggio con l’aggravante del metodo mafioso.

  • 18 Marzo 2015 in 10:01
    Permalink

    Direi che è scorretto dire che “aveva i soldi” , i soldi li poteva avere chi ha una storia imprenditoriale, questo non ha nulla.. mi par di capire che si è offerto a fare da prestanome per organizzazioni mafiose.. ma quelle cifre sembrano comunque fuori luogo, e sarà curioso sapere chi è l’ organizzazione che si affida a uno sdentato con la stessa giacca per un mese e i capelli unti.. che racconta palle su palle.. che suscita clamore perchè presidente di una squadra e nullatenente.. finisce sulle prime pagine di giornali e tg.. ideale per un’organizzazione criminale per passare inosservata.. dei geni anche loro .. sarà interessante sapere chi gli paga gli avvocati .. almeno letto e pasti caldi assicurati.. a spese della comunità ovviamente !

  • 18 Marzo 2015 in 10:04
    Permalink

    Pizzarotti 1 – Majo 0… palla al centro! 😉

    • 18 Marzo 2015 in 10:20
      Permalink

      Capisco che lei stia giocando, ma intanto non c’è alcuna partita tra me e pizzarotti. E nel caso non vedo che gol mi avrebbe segnato.

      Io per non calunniare nessuno ho sempre parlato di soldi di difficile traduzione: e i fatti, per l’ennesima volta, mi han dato ragione.

      Era evidente che se i soldi fossero stati ritenuti puliti dall’antiriciclaggio non ci sarebbe stato bisogno di ulteriori controlli da parte del sindaco, a mio avviso ridicolo nel dire che quei soldi non li avrebbe voluti lo stesso. Ma se avessero superato i controlli voleva dire che erano a posto.

      Poi che i soldi potessero esser sporchi penso che non ci volesse Einstein a capirlo

      Saluti

      Gmajo

      • 18 Marzo 2015 in 10:33
        Permalink

        Bene quindi era giusto essere neutrali nei confronti di chi – senza avere una storia imprendioriale e un euro di tasca sua.. avrebbe provato a proporsi come prestanome a organizzazioni mafiose ?

        • 18 Marzo 2015 in 10:38
          Permalink

          Sì. Perché fino a oggi il soggetto non aveva quella accusa (per la quale dovrà esser giudicato) che gli penzolava sul capo

  • 18 Marzo 2015 in 10:04
    Permalink

    non mettiamo il carro davanti ai buoi.
    non è stato ancora condannato.
    magari si dimostrerà estraneo alle accuse mosse.
    mi fa strano comunque che una persona che da 1 mese sta nelle cronache e la gdf o chi per loro hanno già prove, accuse etc etc.
    non mi pare che in Italia i garanti della giustizia siano veloci e impeccabili.
    mah.

  • 18 Marzo 2015 in 10:06
    Permalink

    Se dobbiamo essere precisi e puntigliosi l’arresto odierno non dimostra affatto che manenti avesse danaro sporco, ma che fosse semplicemente un prestanome utilizzato da altri per riciclare..per quel che mi riguarda rimane un clochard che ha vissuto una quarantina di giorni da “persona importante”..

    • 18 Marzo 2015 in 10:25
      Permalink

      Esatto…che e’ la cosa piu’ probabile.

  • 18 Marzo 2015 in 10:07
    Permalink

    Dedicato a tutti quelli che “non fanno lavorare Manenti, gli sono tutti contro”

  • 18 Marzo 2015 in 10:09
    Permalink

    Fiorenzo Alborghetti, raggiunto dalla nostra Redazione, ha commentato l’arresto di Manenti: “Ho sentito la notizia mentre mi recavo a lavoro. Non me l’aspettavo, avevo la sensazione che si trattasse di una persona che al massimo millantasse di avere dei capitali senza però avere niente in mano, ma da quello che traspare non è così. La moglie fa la badante, vivono con la pensione della madre… Però meglio così: ce lo siamo tolti di mezzo“.

    • 18 Marzo 2015 in 10:21
      Permalink

      Che squallore d’uomo “tranches” Alborghetti. Prima dice: “pagheremo tutti”. Poi si presenta, con il figliolo, a scroccare nella sky box presidenziale per Parma Atalanta. Ora ci informa che, secondo lui, MapiBurla non aveva un euro e campa con la pensione della madre. Dovrebbero metter dentro pure questo quì.
      Che tristezza!

    • 18 Marzo 2015 in 10:30
      Permalink

      Fiorenzo Alborghetti (in arte Filini..) farebbe meglio a tacere…ste’ cose le sapeva pure prima…

  • 18 Marzo 2015 in 10:12
    Permalink

    Spero che la prossima persona che si interesserà al Parma, se ci sarà, non sia interessata solo a pulire i propri affari sporchi coprendosi con la ns squadra. Non ci ha provato solo Manenti, ma anche quelli che lo hanno preceduto nel recente passato e lo vorrebbero fare anche quelli che si stanno facendo avanti ora.

  • 18 Marzo 2015 in 10:12
    Permalink

    Visto che parli di illazioni, potresti mostrare a noi pecoroni quali prove hai in mano per affermare che i soldi di taci sarebbero stati di provenienza illecita?

    • 18 Marzo 2015 in 10:15
      Permalink

      Io non ho detto che erano di provenienza illecita: ho solo detto che gli stavano bene acriticamente. E comunque non doveva arrivare il mitico socio russo di Taci? Si è materializzato? No? Chissà mai perché.

  • 18 Marzo 2015 in 10:17
    Permalink

    Majo guarda che stai continuando a fare brutta figura. Primo: non era da pecoroni criticarlo e non fidarsi ma solo da persone che ragionano. Io mica lo conoscevo di persona, mi basavo solo su fatti successi negli ultimi anni. Secondo: i soldi non li ha e non li ha mai avuti. La cifra che tentava di riciclare era talmente illecita da non permettergli di acquistare un’auto e una giacca. Avere soldi sporchi bloccati = non averne. Ultima cosa: a me personalmente taci non piaceva e non ci credevo, ma sicuramente era molto più credibile di questo. Secondo te corioni, pigna, pro Vercelli, ecc sarebbero scappati così a gambe levate se avessero avuto possibilità di monetizzare? Insomma… Ultimissima: avevo molta paura che avresti collegato l’arresto con i poteri forti ecc ecc, sollievo che non lhai fatto. Però vedo che c’è qualche illuminato lettore che lo fa 🙂

    • 18 Marzo 2015 in 11:01
      Permalink

      Il mio 0,1% era legato alla possibilità che quei soldi che aveva potessero superare l’antiriclaggio (cosa che a un dato momento sembrava persino avvenuta). Del resto nel calcio ma non solo mi pare ci siano situazioni altrettanto imbarazzanti.

      Che Taci fosse più credibile è questione di punti di vista.

      Saluti

      Gmajo

  • 18 Marzo 2015 in 10:17
    Permalink

    Majo perché non crede a Tavecchio? ricopre un ruole istituzionale non può permettersi di parlare a vanvera

    • 18 Marzo 2015 in 10:57
      Permalink

      Beh, Dio, di gente che parla a vanvera pur ricoprendo ruoli istituzionali ce n’è un bel campionario…

      Io non gli credo perché reputo che a lui interessi evitare rogne con le tv, e chiudere il campionato, e non salvare il Parma. Per me il fondo è solouno specchio per le allodole. E comunque fossi in una qualsiasi delle affiliate mi indignerei per un presidente federale che fa da procacciatore per un’altra…

      Cordialmente

      Gmajo

  • 18 Marzo 2015 in 10:17
    Permalink

    Tieni duro, Majo, non fare autocritica che in Italia saresti uno dei pochissimi.

    • 18 Marzo 2015 in 10:54
      Permalink

      Farei autocritica se avessi da farla. L’unica cosa, come dicevo, è il non aver tenuto in considerazione questo epilogo, cioè che lo arrestassero, anche se forse era la cosa più logica, perché è come Sansone domenica, o ti ammoniscono per simulazione o ti danno il rigore a favore con espulsione del portiere. Io sono stato troppo ottimista nello sperare sul lieto fine, ma datosi che effettivamente la provvista era di difficile traduzione dovevo pensare che Manenti potesse finire al gabbio, cosa che in effetti non è ininfluente. Il mio ragionamento verteva sul “tanto non cambia nulla”, ma il fatto che sia stato arrestato con la carica di presidente del Parma indubbiamente è penalizzante per il club, peraltro già sputtanato per i fatti immediatamente precedenti.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 18 Marzo 2015 in 10:19
    Permalink

    Direttore non deve giustificarsi di aver dato una possibilità su 1000 a manenti. Chiunque avesse a cuore fornitori e dipendenti aveva il diritto di farlo. Ora, con la data di domani, si spera si chiuda questo capitolo e, nel caso qualcuno voglia prenderci in B, sarà un professionista serio che analizzerà gli eventuali conti dei pretendenti. In caso fosse serie D saranno contenti Boni and co e ripartiremo da zero, sperando che questo annus horribilis non si ripeta mai più, per nessuna squadra

  • 18 Marzo 2015 in 10:20
    Permalink

    Aspettare la conferenza stampa delle 11 no?… credo che sarà interessante sapere che facevano questi… l’avvocato di Manenti stamattina ha detto che viveva con la pensione della madre e che la moglie fa la badante… Truffatori da 4 soldi o da milioni di euro? Ecco, aspettiamo la conferenza stampa… forse così si evitano figuracce…

  • 18 Marzo 2015 in 10:22
    Permalink

    Oddio, devo ammettere che è sempre meglio uno come te che non ammette di aver sbagliato piuttosto che un voltagabbana come Alborghetti che solo adesso dice che Manenti era un poveraccio.anche lui senza un minimo di autocritica. Ma assolutamente spregevole se paragonato a te

  • 18 Marzo 2015 in 10:27
    Permalink

    Ragazzi è futile stare li a dire baggianate, Manenti, data la situazione pregressa, era l’UNICA SPERANZA per uscire dalle grinfie (altrettanto sporche e forse più) di lega,Upi e istituzioni malate…e comunque ritengo più dignitoso quello che ha fatto Mapi che quello che hanno fatto Krodino, Razart,Gabibbo Leonardi, e Ghirardi…
    Ora c’e da guardare al futuro ovvero vendere la dignità e accettando carità e sperando nella più classica delle sporcaccionate all’Italiana e ripartire dalla B, o altrimenti è D.
    Ora caro Mat cosa ne dici?

  • 18 Marzo 2015 in 10:28
    Permalink

    Complimenti, dopo avermi insultato pubblicamente e minacciato privatamente per essermi permesso di criticare Manenti pubblicherò su tutti i siti e pagine facebook i 56 insulti che ha fatto qui pubblicamente nei commenti a poveri lettori del blog che si azzardavono a criticare questo delinquente, può negarlo se vuole perchè tanto lei pensa “chivuoi che si vada parendere la briga di cercare in mezzo a migliaia di commenti le mie offese”, ecco io l’ho fatto perchè con la giost tecnica ci ho messo 40 minuti, mi ha minacciato privatamente e pubblicherò anche quella mail senza problemi e la mando anche alla polizia perchè lei credeva che io non violassi la legge che impedisce di pubblicare le mail private ma è qui che ha sbagliato, io scenderò sempre un gradino più in basso di lei, cestini pure questo commento caro pompinaro di Manenti, oggi su tutte le pagine FB relative al Parma ma anche quelle nazionali relative allo sport pubblicherò i suoi 56 insulti a chi criticava Manenti e le minacce fatte a me via mail per indurmi a non dire che Manenti avrebbe portato al fallimento il Parma.
    Adesso che Manenti è in carcere a chi lo ciucci?

  • 18 Marzo 2015 in 10:30
    Permalink

    Aspettando lumi dalla conferenza stampa nulla è chiaro.Come un disoccupato sia diventato presidente del parma,l’esistenza o meno di capitali stranieri di dubbia provenienza,i nomi degli altri 21 arrestati etc.etc. L unica cosa certa è che alla domande degli investigatori il Manenti risponderà: Domani,parlo domani…

  • 18 Marzo 2015 in 10:30
    Permalink

    Buono anche Alborghetti, un ottimo slalomista

  • 18 Marzo 2015 in 10:33
    Permalink

    non ho capito, ma qui ora il problema è majo che dava lo 0,1% di fiducia a manenti? state proprio messi male allora……

    majo, possibilità di vedere il dinamico duo in via burla?

    • 18 Marzo 2015 in 10:37
      Permalink

      I fatti di oggi sono scollegati alle dinamiche del dinamico duo

    • 18 Marzo 2015 in 11:16
      Permalink

      Concordo. I commenti di Gabriele non potevano essere equivocati. La difficoltà nello spostare i capitali poteva dipendere dal fatto che l’ipotetico socio russo fosse uno degli oligarchi finiti nella black list dopo le sanzioni che Unione Europea ed Usa hanno elevato a seguito della guerra in Ucraina. Da qui lo 0,1% . Solo a non saper leggere lo si poteva ritenere un endorsement …

  • 18 Marzo 2015 in 10:33
    Permalink

    Posso dire una sciocchezza?
    Almeno chi capisce puó comprendere il suo 0,1%
    Era credere a un personaggio che aveva una disponibilitá poco chiara.
    Ora la parte piu triste sara vedere tutti quelli che invocavano i soldi di qualsiasi provenienza fare i moralizzatori.
    Il debito accumulato é talmente alto per quello che é il calcio oggi che un imprenditore sano ci pensa mille volte.
    Chi ha i soldi e se li é sudati non butta via 100 o anche fossero 50 milioni. Per farlo in scioltezza dovresti avere dieci o venti volte la cifra come patrimonio.
    Peró a noi tifosi non interessa, servono i giocatori, i nomi.
    Buon padre di famiglia ….. un buon padre di famiglia puó spendere piú di quello che incassa o ha in previsione di incassare?
    No
    Il buon padre di famiglia fa parte degli usi e consuetudini e fa parte della giurisprudenza, ne é una delle basi e a volte interviene dove non c’é normativa o di dubbia applicazione.
    Complimenti direttore

  • 18 Marzo 2015 in 10:40
    Permalink

    vomitevole quello che leggo le accuse lanciate al direttore…..
    spesso non sono in accordo con Majo ma accusarlo di cose senza logica e senso è veramente il colmo
    Per quanto riguarda la situazione attuale penso che il 19 sara’ decretato il fallimento con maggio velocita’
    incrocio le dita e spero in un asta riuscita

    • 18 Marzo 2015 in 12:50
      Permalink

      celvos scantot vuoi negare che offenda appna uno dice idee a lui opposte oppure e’ stato corretto su taci e il sindaco oppure non continuava ad avvalorare la causa manenti addirittura facendo balenare che le banche avessero fatto qualvosa di strano ai danni di manenti ? non mi sembra che le critiche siano ingiuste ma giustissime

  • 18 Marzo 2015 in 10:41
    Permalink

    Consolatevi….ieri e’ stao arrestato (per ben altre faccende) pure un altro presidente.
    Gozzi dell’Entella.
    Come avevo scritto in precedenza la lista di presidenti che in carriera hanno conosciuto intimamente la gabbia e’ mica corta…proprio per nulla.

  • 18 Marzo 2015 in 10:42
    Permalink

    mi dispiace lo’ molto seguita,
    in quanto e’ sempre sul pezzo…
    io pure non sono di Parma,
    e non sono del M5S…
    solo che lei si e’ troppo schierato contro il sindaco…

    lei dice che non si e’ tappato gli occhi,
    vedendolo partecipare a quella cena…

    pero’ perche’ no ha fatto la stessa cosa con manenti ?
    perche’ non ha scritto le stesse cose, di chi si capiva,
    lontano 300 km da parma, che voleva far del riciclaggio ?

    si ricordi di essere superpartners….

    perche’ per quello che scrive come informazione e’ un grande…
    ma lo schierasi, non mi piace da parte di nessun organo di stampa !!!

    le scriva, noi leggiamo, e ci facciamo un idea…
    non me la fornisca lei per primo…
    grazie

    • 18 Marzo 2015 in 11:12
      Permalink

      Guardi che io passo per essere pro Manenti solo perché ero uno dei pochi, se non l’unico, che non gli era contro.

      Io ho concesso e motivato lo 0,1%.

      Penso sia in malafede chi mi sta facendo passare come sostenitore di Manenti.

      Per il sindaco ho già chiarito altrove: non me ne frega se è 5S o PD, se ho qualcosa da ridire lo dico, sempre nel lecito, checché se ne dica.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 18 Marzo 2015 in 11:24
        Permalink

        Le do del tu come se la conoscessi…Majo ten dur! Il mondo è pieno di imbecilli, ma ci sono anche persone che sanno usare il rimanente 99% della loro testa!
        Buona giornata
        Saluti

  • 18 Marzo 2015 in 10:44
    Permalink

    come scritto in precedenza sottolineo nuovamente che buona parte dei tifosi ha perso le staffe.
    il problema sembra essere Majo adesso.
    se questi sono i veri tifosi Parma la serie D sarebbe anche troppo!

    • 18 Marzo 2015 in 13:34
      Permalink

      Eh ma a parma c’è solo bella gente e va tutto alla perfezione. ..il problema è Majo 😐

    • 18 Marzo 2015 in 13:41
      Permalink

      Più facile a prenderselo con lui oa piuttosto che guardare altrove….cioè a chi ha messo la società in questa situazione.

  • 18 Marzo 2015 in 10:45
    Permalink

    L’impressione è però che Manenti sia stato arrestato a prescindere dalla vicenda Parma…

    Ora noi ne siamo travolti (quasi con piacere) perchè nel frattempo costui s’è proclamato capo supremo del parma calcio…

    Pizzarotti ha detto le sue…avendoci parlato a quattrocchi ha poi voluto esternare un parere..e non ci vedo niente di male…alla luce dei fatti si capisce cosa intendesse…

    Non per questo Majo ha sbagliato a prendere in considerazione l’idea che potesse saltare fuori il miracolo di turno, considerare l’improbabile è un mestiere difficile, ma è ciò che finisce per salvarti le braghe quando poi quell’imponderabile si verifica in maniera negativa…

    Direttore continui a parlare con equilibrio (come sa fare) e lasci perdere le polemiche da bar..tanto qui non c’è da capire chi ha torto e chi ragione, c’è solo da aspettare e sperare in un nuovo scoop che porti buone notizie..

  • 18 Marzo 2015 in 10:52
    Permalink

    Alla fine quando parlai di mafia non avevo tutti i torti caro majo!..il quaquaraqua in manette non mi ha stupito..me lo aspettavo..spero paghino tutti anche per casi extra parma..me lo auguro!

  • 18 Marzo 2015 in 10:57
    Permalink

    Ecco perche’ I soldi erano di difficile transazione.

  • 18 Marzo 2015 in 10:59
    Permalink

    Tornando indietro con il mapi-elemento ricordo di aver contestato da subito Majo per quel famoso 0,001% e soprattutto per alcuni suoi commenti che sembravano piuttosto di Mapi-parte… ma da questo a sentire, anzi a leggere certi post, che vorrebbero far intendere una qualche forma di servilismo prezzolato, ce ne passa di acqua sotto ai ponti. Per quello che serve, quindi, direttore le inoltro la mia piena solidarietà…
    Ps: “nn condivido quello che dici, ma lotterò con tutto me stesso perchè tu possa continuare a dirlo”… Qualche lettore dovrebbe capire che i forum hanno questa massima nel motore!

  • 18 Marzo 2015 in 11:00
    Permalink

    Che tristezza vedere quelli che “non ci interessa da dove arrivino i soldi, basta che arrivino” fare adesso i moralizzatori con Manenti.

    A proposito di Manenti: uno come lui ci sarebbe stato benissimo nel nostro calcio, considerando la caratura dei personaggi che ne fanno parte…

  • 18 Marzo 2015 in 11:02
    Permalink

    Io c’andrei ancora cauto a dire che i capitali ce li aveva… Aspettiamo la conferenza stampa della Procura anche se non è detto faccia chiarezza.
    Non sarebbe la prima volta, infatti, che nella rete rimangano impigliati anche pesciolini invendibili. E qua il pesciolino potrebbe chiamarsi Manenti che ha il “pregio” di essere il presidente di una società di serie A e sappiamo bene quale cassa di risonanza abbia il calcio in Italia. Non per niente la notizia è finita sulle prime pagine di tutti i media. Se non ci fosse stato di mezzo Manenti?
    Io penso che un soggetto come Manenti è sicuramente inadeguato non solo per essere prestanome o testa di legno per soldi leciti ma anche per soldi illeciti. Anche la criminalità organizzata (qualora sia questa l’accusa) si serve di personaggi ben più presentabili.
    Majo, probabilmente Manenti ha/aveva le mani in pasta in qualche affare poco pulito ma da qui a dire che aveva anche disponibilità di capitali, ripeto, ci andrei molto cauto.
    Staremo a vedere.

    • 18 Marzo 2015 in 11:08
      Permalink

      Beh, penso che a Manenti sia stato fatale l’esser il presidente del Parma: ma per esser arrestato con l’accusa di autoriciclaggio qualcosa avrà cercato di auto-riciclare. E immagino si tratti della famosa provvista, di cui molti degli aventi diritto avevano visto la consistenza estera non traducibile in Italia.

      Comunque ha ragione: per un quadro complessivo meglio attendere la conferenza.

      Anche perché le prime ricostruzioni (tipo il già citato articolo de La Stampa, mi lasciano un po’ perplesso).

      Cordialmente

      Gmajo

  • 18 Marzo 2015 in 11:02
    Permalink

    Io penso che il direttore non abbia fatto altro che riportare dei fatti e non cadere nel criticismo a prescindere. Anche perché ne sono state dette di ogni e adesso tutti dicono che l’avevano detto. In realtà tutti dicevano che non aveva i soldi, che era un mitomane, che aveva comprato il parma per rivenderlo o per farsi pagare per andarsene. Tutti questi si sono sbagliati. Gli unici che possono dire “io l’avevo detto” sono quei pochi (quasi nessuno) che hanno detto che lui era un delinquente mandato da qualcuno a riciclare dei soldi sporchi. Gli altri ci hanno preso meno del direttore, perché il direttore non si è mai sbilanciato in teorie strane, anzi ha sempre detto che Manenti aveva dei soldi e non riusciva a farli arrivare, cosa rivelatasi vera. Quindi alla fine possiamo dire che è quello che ci ha preso più di tutti.

    • 18 Marzo 2015 in 11:05
      Permalink

      Grazie. Attestato che mi fa piacere anche perché Luca abbiamo avuto punti di vista contrastanti in molteplici occasioni. Però ha azzeccato in pieno il mio punto di vista e il mio spirito.

      Cordialmente

      Gmajo

    • 18 Marzo 2015 in 11:11
      Permalink

      Si ma anche l’esercizio del “io lo avevo detto”..poco risolve,poco spiega,poco importa a sto’ punto…
      Ora bisognerebbe che tutta la citta’ si desse da fare per trovare una soluzione saggia,sanacredibile, con un progetto degno di questo nome anche se in categorie “umili”….
      Credo che si debba trovare la maniera di salvare il vivaio e il centro tecnico unitamente all’utilizzo del Tardini.
      Questo sarebbe davvero il successone dell’operazione. La categoria a sto’ punto a parer mio verrebbe dopo.

  • 18 Marzo 2015 in 11:06
    Permalink

    E adesso a Bisoli chi glielo dice che l’anno prossimo no viene più a Parma?.

    • 18 Marzo 2015 in 11:20
      Permalink

      be’…e’ il piu’ piccolo dei problemi francamente…

  • 18 Marzo 2015 in 11:07
    Permalink

    e adesso aspettiamo tutti il buon Mat a dirci qualche nuovo “scoop”….

  • 18 Marzo 2015 in 11:08
    Permalink

    gentile dott. Majo,

    in una mattinata così drammatica, segnata dalle notizie in merito all’arresto del dott. Manenti, la tifoseria del Parma, già ampiamente disorientata e costretta da mesi a trangugiare un cumulo di informazioni, è di nuovo obbligata a digerire un insieme di concetti triti e ritriti, detti e ridetti. A ben guardare, a mio avviso, servirebbe un articolo di approfondimento del prof. Malvisi, una di quelli entusiasmanti analisi in cui, come solo lui sa fare, dare uno spazio di luce alla tifoseria, illustrando in maniera mai banale i concetti di autoriciclaggio (reato se non erro nuovo nel codice di procedura penale) e metodo mafioso.
    Sono sicura che il prof. Malvisi saprà così scaldare i cuori degli appassaionati tifosi del Parma, in questo momento prigionieri del mondo mediatico che costringe loro a trangugiare le solite notizie, trite e ritrite.

    Ossequi

    Anna

    • 18 Marzo 2015 in 11:38
      Permalink

      Concordo in pieno con la signora.
      L’occasione è propizia per un dotto editoriale dell’avvocatissimo Malvisi.

  • 18 Marzo 2015 in 11:10
    Permalink

    Caro Majo ieri ti avevo detto cosa sarebbe successo oggi.Tu mi hai scritto “niente” Io già lo.sapevo dalla Francia.A buon intenditor…Potevo dirti lo scenario odierno ma non mi avresti creduto e nemmeno pubblicato e allora ho deciso giocare come fa il gatto col topo e per questo ti chiedo scusa.Non ti sei mai chiesto perché le probabilità che MANENTI onorasse i suoi impegnii per me SOLO PER ME erano lo 0,0000000%……….

    • 18 Marzo 2015 in 11:15
      Permalink

      Sì certo, Velenoso sapeva ieri che oggi arrestavano Manenti…

  • 18 Marzo 2015 in 11:16
    Permalink

    Adesso Taçi, anzi Kodra, dovrà restituire 1€ per la vendita?

  • 18 Marzo 2015 in 11:17
    Permalink

    Figa Velenoso che do bali…

  • 18 Marzo 2015 in 11:18
    Permalink

    Direttore, la leggo sempre con piacere e la stimo. Sono tuttavia dell’idea che affermare che “i soldi c’erano” insieme a “non erano potabili” sia una contraddizione, un po’ per dire “visto? avevo ragione!”. Ma è una forzatura linguistica, perché se gli unici soldi che ci sono non sono potabili, allora i soldi non ci sono.
    I migliori auguri al Parma ed alla sua tifoseria di un pronto ritorno agli antichi fasti.
    Saluti e in bocca al lupo da Torino.

    • 18 Marzo 2015 in 11:20
      Permalink

      Grazie,

      ma il suo sillogismo non regge alla luce del fatto che io avevo sempre detto che i soldi c’erano, ma di difficile traduzione, cosa, appunto, che si è verificata. Non sono forzature linguistiche o altro. Solo l’evidenza dei fatti.

      Saluti

      Gmajo

  • 18 Marzo 2015 in 11:21
    Permalink

    Direttore , se il Parma si ritira e non gioca più fino alla fine del campionato il prossimo anno B o D si parte con punti in meno alias penalizzazioni o da zero?

    • 18 Marzo 2015 in 12:26
      Permalink

      Se il parma si ritira dal campionato l’anno prossimo non figura tra i professionisti e riparte dai dilettanti, credo senza alcun tipo di penalizzazione, trattandosi di nuova entità

  • 18 Marzo 2015 in 11:22
    Permalink

    Direttore,il suo 0.01% era condiviso da molti ai quali sta a cuore il Parma. La percentuale é talmente ridicola che non capisco ora le accuse e critiche alla sua persona.Quando tutti massacravano il Manenti ,lei ha preso una posizione centrale di chi aspetta le prove prima di accusare qualcuno in via definitiva.Aperto al contraddittorio che é segno di professionalità.

    • 18 Marzo 2015 in 11:34
      Permalink

      Il mio era uno 0,1% per esser precisi, ma poco cambia.

      Grazie per le sue parole

      Cordialmente

      Gmajo

    • 18 Marzo 2015 in 11:58
      Permalink

      Infatti….

  • 18 Marzo 2015 in 11:23
    Permalink

    Grazie, ora ho capito meglio il suo punto di vista.
    Buon lavoro! 🙂

  • 18 Marzo 2015 in 11:29
    Permalink

    Non ci voleva certo un genio per capire che si trattava di un pagliaccio.

  • 18 Marzo 2015 in 11:53
    Permalink

    Non sono d’accordo con Barney.

    Gabriele, tu hai difeso Manenti apertamente fin dall’inizio proprio perchè lui era il tuo scoop (faccio riferimento al passaggio proprietà lampo Taci-Mapiman da te svelato).

    Inoltre hai sempre mantentuto nei suoi confronti una posizione molto morbida rispetto ai colleghi giornalisti che spesso e volentieri hanno sfiorato l’alterco pur di aver risposte da questo delinquente.

    Questo mi ha fatto pensare, congiuntamente alle numerose telefonate da amico a lui fatte, che forse speravi un qualche tipo di “premio” da parte sua nel caso i soldi fossero arrivati alla fine.

    Un impiego in società forse? E questo che volevi?

    • 18 Marzo 2015 in 12:25
      Permalink

      Io sono una persona dai valori morali ben più alti dei suoi o di chi insinua eventuali secondi fini.

      E non aggiungo altre spiegazioni perché sono superflue. Inutile dialogare con gente prevenuta come lei, solo capace di insinuare e credere a secondi fini.

      Io a Manenti non ho fatto alcuna telefonata da amico, anche perché non lo è: e ho sempre riferito a miei lettori il contenuto delle stesse, ove giornalisticamente rilevante.

      Sui colleghi che hanno sfiorato l’alterco preferisco non pronunciarmi: il comportamento di certi colleghi mi dà il voltastomaco.

      E lo scoop non c’entra una benedetta mazza, poiché io avevo annunciato (con gioia) la fine dell’era taci, ma non avevo scritto che era manenti, anche perché in quel frangente era un tassello che mi mancava, dal momento che nomi non mi erano stati scuciti.

      Gmajo

  • 18 Marzo 2015 in 11:56
    Permalink

    io sono contento almeno ha vitto alloggio gratis ‘è non deve piu elemosinare una branda ahah

  • 18 Marzo 2015 in 12:00
    Permalink

    Majo, ma come cavolo si fa a dire “Penso sia solo una coincidenza” riguardo quello che è successo!!
    è chiaro che la finanza è intervenuta proprio per prevenire ed evitare quanto sarebbe potuto accadere domani !!!!! NON E’ UNA COINCIDENZA, non diciamo fesserie.

    • 18 Marzo 2015 in 12:15
      Permalink

      Non mi pare si tratti di una indagine specifica sul Parma Calcio. Quando l’ho scritto non conoscevo (e tuttora debbo meglio leggere i report) i contenuti della conferenza stampa della Gdf.

      “Inquirenti di Parma: operazione distinta dalle nostre indagini”, come riporta parma.repubblica.it

      Saluti

      Gmajo

  • 18 Marzo 2015 in 12:06
    Permalink

    Premesso che Mapi ha le colpe minori in tutta questa vicenda, smettiamola di difendere chi è indifendibile con la scusa dei poteri forti, che pure esistono (a Parma, ma non solo).
    Manenti manco l’aveva, il piano.
    Ha fatto perdere due mesi di tempo preziosissimo con le sue baggianate, ha fatto aumentare il passivo del Parma (due mesi di stipendi non pagati ed interessi passivi in più, sul groppone del fallimento), non ha ricapitalizzato o messo in liquidazione come obbligo da codice civile.
    Adesso è arrivato scantanàdor, e finalmente ce lo siamo tolti dai piedi per sempre.
    Fallito per fallito, se almeno i libri li portavano in Tribunale gli albanesi, avremmo guadagnato due mesi preziosissimi di tempo.
    Questo senza nulla togliere alle responsabilità altrui, quelle ENORMI di Ghirardi & Leonardi, ed anche quelle di Taci.
    Che, perlomeno, due fornitori il 27 gennaio li aveva pagati, evitando la prima volta il fallimento. Con quali soldi, poi, non so…

    • 18 Marzo 2015 in 12:08
      Permalink

      Più o meno hai scritto le stesse cose in un altro commento: tuttavia, come ti ho risposto pure lì, secondo quanto emerso dalla conferenza stampa il piano mi sa che ce l’avesse…

  • 18 Marzo 2015 in 12:07
    Permalink

    Mi rifaccio al commento perfetto di “GALLINA VECCHIA FA BUON BRODO” per sottolineare che in questa situazione solo uno come manenti o simil-manenti poteva investire denaro in una situazione del genere. L’alternativa “pulita” poteva venire solamente da un magnate estero che, naturalmente, non ha alcun interesse nell’Italia e tantomeno in Parma.
    Anche se doloroso dirlo, occorre davvero, con serenità retrocedere in serie D (come Domodossola) e ricostruire con grande professionalità la dirigenza per risalire non con tanti soldi ma con competenza calcistica.
    Il Parma, a differenza di tutte le altre società delle serie minori, ha un patrimonio di ex calciatori, ex bravi dirigenti, ex osservatori, che, sposando la causa, con investimenti oculati , un pò di fortuna ma tanta competenza si può presto risalire.
    Io penso ai vari Scala, Melli, Crespo, Apolloni, Minotti ecc…
    E’ un patrimonio eccezionale.
    Dai Direttore, dai a tutti i tifosi, ripartiamo, rifondiamo e basta con i finti imprenditori!

  • 18 Marzo 2015 in 12:20
    Permalink

    Notizie di MAT?
    Nel suo scenario era prevvisto l’arresto di Manenti?
    “Il vero proprietario del Parma si conoscerà fra gennaio e marzo” era uno dei suoi mantra, richiamandosi alle parole di quell’altro galantuomo cristallino dell’avvocaticchio Giordano.
    Siamo al 18, mi pare che sia tempo di rivelarsi, o no?

    • 18 Marzo 2015 in 12:27
      Permalink

      Purtroppo Mat ha scritto le sue cazzate qualche minuto fa. Condendole di balle come al solito. Vuol persino far credere che a vendere a manenti sia stato leonardi. Peccato che il padrone fosse Taci e la sua simpatica compagnia di giro

  • 18 Marzo 2015 in 12:38
    Permalink

    Caro Direttore,

    Non sto di certo a criticarla per lo 0,1% ma ad onor del vero non ricordo aver letto da parte sua che si trattasse di soldi sporchi, non cerchi di prendersi meriti di questo “scoop” per difendersi da chi l’attacca perchè comunque non ne ha bisogno. Saluti.

    • 18 Marzo 2015 in 12:40
      Permalink

      Ho sempre parlato di soldi di difficile traduzione.

      Pur pensando che non si trattasse di provviste pulite non potevo certo calunniare qualcuno insinuandolo. Ho utilizzato gli strumenti che la lingua mi concede per cercare di farmi capire. E come sempre l’ho fatto con estrema onestà.

      • 18 Marzo 2015 in 12:47
        Permalink

        L’inchiesta sembra confermare i dubbi che i tifosi e i cittadini di Parma avevano sul patron, uno con un curriculum di rispetto, secondo quanto si legge nelle carte: precedenti per lesioni, possesso di armi, bancarotta semplice, violazione degli obblighi di assistenza familiare e tentata estorsione.

      • 18 Marzo 2015 in 14:16
        Permalink

        Infatti s’e’ pure visto…
        Erano di cosi’ difficile “traduzione” che avevano pure pensato di farli transitare con carte di credito clonate attraverso il pos della biglietteria dello stadio…
        Fantasiosi….

  • 18 Marzo 2015 in 12:47
    Permalink

    non cosi su taci che continua ad attacare in maniera indebita molto onestamente portava i libbri in tribunale non e’ certo obbiettivo sul sindaco( tante societa’ di calcio hanno debiti pregressi con il comune anche milan ed inter ) sapesse quante cene fanno i politici se tutte le foto che lo ritraggono con un mafioso chissa quant dovrebbero smettere di fare politica ad iniziare da poletti preso con il capo carminati di roma mafia …..non capisco perche’ lei prende di mira alcuni e altri le beatifica e lei deve sempre avere ragione e gli altri pecore e cose affini …..se pensa di essere piu’ intelligente si sbaglia visto i racconti dei suoi ex compagni di classe

    • 19 Marzo 2015 in 00:36
      Permalink

      I racconti dei miei ex compagni di classe? Molto divertente… E che ingrati, per come li facevo divertire…

      Vedo che c’è gente dalla pelle sottile se si offende per l’espressione “pecore”. Chi ragiona come in gregge come lo definisce? Chi non pensa con la propria testa ma con quello che gli inculcano come lo definisce?

      Taci lo attacco in maniera indebita perché ha esploso – indisturbato, anzi coccolato e vezzeggiato, se non protetto e benedetto – il colpo di grazia al Parma. E il Sindaco anziché andare a cena (molto calzante il suo esempio su poletti e carminati) con Taci, De Paolini, e il gotha dell’upi, dopo aver concesso infinite linee di credito a Ghirardi, avesse pensato ad amministrare meglio la cosa pubblica evitando questi inciuci.

      Io prendo di mira alcuni, e motivo anche il perché, mentre mi piacerebbe sapere chi ho beatificato. Manenti, forse? Non mi pare avendo concesso lo 0.1% di fiducia. E che fosse stato osteggiato era un palese dato di fatto. Semplicemente io non gli ero contro, ma questo non bastava a chi ce l’aveva contro.

      Saluti

      Gmajo

  • 18 Marzo 2015 in 12:54
    Permalink

    Manenti qui, Manenti là, Manenti su, Manenti giù…
    Se fosse riuscito ad eludere l’antiricliclaggio ed avesse così portato soldi nelle casse del Parma, in quanti – dei tanti che oggi si scandalizzano del personaggio – si sarebbero fatti scrupoli sulla provenienza di quel denaro? In quanti invece – sempre tra quelli – lo avrebbero osannato sostenendo che l’importante era la salvezza del club e che il calcio oggi è questo e chi si fa delle domande è un guastafeste?
    Come del resto sostenuto da Claudio Raimondi che, con disinvoltura, il 16 febbraio scorso a Calcio & Calcio, affermava: “O questi soldi arrivano e va bene così oppure si fallisce e addio calcio di un certo livello a Parma, i tifosi devono capire che questa è l’unica soluzione”…. Bella roba! Aggiungo io!

  • 18 Marzo 2015 in 13:54
    Permalink

    Alla luce dei fatti di oggi, saranno in grado le “istituzioni” della città a vigilare richiedendo trasparenza, onesta ed etica nei confronti di chi verrà a gestire il parma calcio? Potremo mai esibire di essere paladini di un calcio pulito per non trovarci ciclicamente a scandalizzarci di quanto accade nel mondo del calcio? E, ahimè, un po ovunque. Dopo il peccato è il momento della redenzione e della rinascita in nome di sani presupposti

  • 18 Marzo 2015 in 13:55
    Permalink

    Scusa Majo, sono a lavorare e leggo le news un po’ a pezzi….ma Manenti avrebbe messo 4,5 milioni nel Parma facendoli arrivare da carte di credito clonate e conti correnti hackerati o ho letto male?

  • 18 Marzo 2015 in 14:10
    Permalink

    Oh..ma son io che ho capito male..o i soldi non c’erano per nulla… era solo un tentativo di furto informatico in diretta..anzi, tanti tentativi che non sono riusciti. Cosa questa ben diversa da soldi sporchi. Sarebbero stati sporchi se fossero arrivati. Che arrivi un documento è un conto, perchè come spiegato in conferenza stampa (sempre se ho capito bene), poi ci sono le verifiche prima della vera transazione. Questi hanno fatto tanti tentativi sperando che qualcuno andasse in porto.

  • 18 Marzo 2015 in 14:21
    Permalink

    pero’ lei su taci continua ad insinuare non mi sembra molto corretto ……lei e’ indefemdibile come manenti …..ancor non capisce che due mesi di differenza possono essere vitali per il parma calcio si poteva trattare con i giocatori fare le aste eccc tutto entro giugno e lei ancora non comprende la differenza a lei del parma calcio non gli importa nulla basta difendere le sue stupide poszioni ……

    • 18 Marzo 2015 in 14:33
      Permalink

      Il 28 gennaio, in piena epoca manenti, ci fu una udienza prefallimentare: ma siccome lì c’era Taci, il salvaghirardi con la benedizione di tutti, nessuno aveva da sostenere il fallimento a tutta velocità come adesso.

      Manenti sarà giudicato per i reati che ha commesso, come è giusto che sia. Ma sul fatto aver tardato a portare i libri in tribunale non si può muovere alcune accusa. poiché lui, sia pure con mezzi illeciti, per i quali come ripeto, pagherà, il suo modo di far qualcosa per evitare il fallimento lo aveva fatto. Del resto se aveva compiuto la pazzia di metter le mani sul Parma non è che dovesse dopo due giorni portare i libri in tribunale come volevano tutti quello che si sono svegliati con questa mania dopo aver benedetto Ghirardi e Taci.

      Io indifendibile? Ma da cosa? Dailà siamo seri!

      Cordialmente

      Gmajo

  • 18 Marzo 2015 in 14:38
    Permalink

    #IoStoCnManenti
    #LibertàPerIlPRES
    #Garanzismo
    #NoinceneritoreSIriciclaggio
    #ManentiPrigionieroPolitico

    Ke i soldi di Taci andavano bene e quelli di Manenti no, ke è comodo fare i forti cn i deboli e invece a Ghirardi, ke era bello grosso, nessuno gli ha mai detto bau
    #NessunoGliHaMaiDettoBAU
    Ke tt dicevano ke Manenti nn aveva la pila, e invece è stato arrestato xkè i suoi soldi nn piacciono. E questa è x me una forma di razzismo. Cosa siamo nel Medio Lanum? Ke discrimini un soldo dall’altro? Quello albanese si (ke nn ce ne fregava un cazzo da dove saltavano fuori) e quello mafioso no? Ke i terroni sn persone tali e quali a quelli normali, e nn li puoi mettere in un cantone solo xkè danno fastidio.
    #NoAlRazzismo
    Ke poi ci arrivano con le pezze al culo da tt il mondo cano e x una volta ke uno ci porta della pila fai lo schifiltoso????? Quel soldo qui nn mi piace…. quel soldo qui si vede ke è già stato usato e quindi è riciclato…. Dai là spajot. Ke dobbiamo riciclare delle cazzo di bottiglie sporke e la verdura ke puzza ke tarnega dentro dei bidoni granata e i soldi no????? Fai delle piste RICARICABILI e nn ci fai ricaricare i soldi in biglietteria???? Poi Speedy Pizza kiediti xkè nn ti hanno spento l’inceneritore. Kiediti xkè ti buttano il rudo x strada. E #StoppaLeBuke.

    #TogheGranata
    Ke proprio il giorno del salvataggio arrivano le toghe granata e ci arrestano il PRES. E allora si potrebbe parlare di ingiustizia ad orologeria e di RELLITO PERFETTO DEL SISTEMA parte II, ke prima ci rubano la EL conquistata nel campo (di grano profezia di un amore del sovrano) e poi ci portano via il PRES cn la camionetta.
    Ke io nn sono un ultrà ma ho letto delle scritte dei Boys in giro x la città ke dicono
    “Digos Boia”, ke immagino di solidarietà al PRES ke è stato arrestato. Ke io nn ce l’ho cn la Polizia (ke leggievo anke la Poliziotta) ma mi sembra evidente ke il PRES nn ha mai fatto striscioni offensivi o della violenza, neanke domenica anke se eravamo a Peggio Emilia. E questa nn vorrei ke fosse PERQUISIZIONE giudiziaria e ke Manenti sia un prigioniero politico perseQuitato xkè la Lega e la Figc odiano il Parma e fanno la politica dei magnafiga delle grandi squadre.
    #PARIopportunità
    #MagnaFiga
    Ke se lo Speedy Pizza dice ke nn ci sn spazi + spazi x i disonesti, ke però allora io dico facciamo del turnover ke nn è giusto tenere fuori la gente ke noi abbiamo il dovere dell’accoglienza. Ke se i posti sn tt occupati almeno facciamo un pò x uno, ke nn fa male a nessuno. Ke cm abbiamo accolto Ghirardi è giusto accogliere Manenti. Ke se uno ci ha fatto un pacco di debiti, all’altro bisognerebbe consentirgli di farne almeno un pò. Ke ci abbiamo sempre avuto degli spazi x i disonensti, ke se adesso si vogliono tagliare anke quelli, dopo gli ESILI e gli spazi ASOCIALI o ASCOLANI (ke dir si voglia), sarebbe veramente un danno grosso. Ke dopo i disonesti stanno x strada e magari vanno a dare fastidio a ki vende la droga e peggiora il servizio.

    Ke il Ghiro ci ha fatto un pacco di debiti;
    ke Giordano – Doca – Kroda – Taci nn ci hanno dato una mazza;
    e l’unico ke ci voleva portare della pila in tt i modi lo mettete in gaioffa??????

    BOFFONI!
    QUESTO E’ UNO STATO DI PULIZIA!

    MANENTI SARAI SEMPRE IL MIO PRES!

    MANENTI SINDACO
    #SpeedyPizzaTziNisò

  • 18 Marzo 2015 in 14:43
    Permalink

    Egregissimo direttore

    Lei è e rimane un dei più grandi.

    Se ci potrebbe dare i numeri del lotto che non veranno estratti secondo la Sua opinione, cosí li possiamo giocare tranquillamente.

  • 18 Marzo 2015 in 14:47
    Permalink

    Gabriele io l ho sempre pensata come te..e chi ti attacca e perché ha semore e solo avuto una visione unilaterale…..

  • 18 Marzo 2015 in 14:49
    Permalink

    Complimenti Majo!!!!!!HAHAHAHAHAHAHAHAHAAH!!Finalmente sei stato sbugiardato una volta e per tutte!!!!!!Tu che non solo sei stato l’unico giornalista ha dar credito a quel buffone di manenti!Ma anche l’unica persona sulla faccia della terra ad averlo fatto!!!Se esistesse una legislazione per le cazzate che dicono i giornalisti tu probabilmente prenderesti l’ergastolo!!!!!!!HAHAHAHAHHAHAHAHAH

    • 18 Marzo 2015 in 15:03
      Permalink

      No comment. Per le corbellerie che lei dice, magari dopo aver osannato ghirardi sette anni, intanto che io svolgevo attaccato da tutti la mia funzione di grillo parlante e magari mi attaccava, si qualifica da solo.

  • 18 Marzo 2015 in 15:27
    Permalink

    Questa menata secondo cui Majo avrebbe sostenuto l’impresa di Super Mapi è coerente con l’incapacità di leggere le notizie o di sostenere delle sensazioni. Tutti i giornalisti che hanno dato del pagliaccio o dell’inaffidabile a Manenti non hanno mai portato una sola prova per poterlo dire. In effetti tra il 16 e il 17 qualche trasferimento è stato tentato come stiamo imparando ed anche successivamente ci sono stati altri maldestri tentativi. Quindi Majo ha continuato a leggere una situazione con relative prove a diposizione, niente di più.

    • 18 Marzo 2015 in 16:54
      Permalink

      Ma piantale di fare ruffianate da 4 soldi!Le prove le portava manenti stesso per autodichiararsi un pagliaccio!tutti i suoi atti di pagliacceria erano all’ordine del giorno!Quindi evita di dire cretinate!

      P.S. ne cito solo alcune…Mapi fashon,mapi channel stufe a pellet,parmigiano reggiano,CRO FALSI,promessi mai manetenute,PAGO DOMANi,fermo amministrativo C3 oer 2000 euro di multe mai pagate,Ho un piano(si èvisto che bel piano),ci sono dei problemi tecnici,ho rifatto il manto erboso del tardini(lo ha rifatto per intero la lega)Con genoa e udinese si poteva giocare perchè ho presentato alla procura un comunicato per pagare gli stweuart(smentito pochi minuti dopo dalla stessa procura)Secondo te queste non sono prove per definirlo un pagliaccio?????Ma scantati,FAI RIDERE!

    • 18 Marzo 2015 in 16:54
      Permalink

      Ma piantale di fare ruffianate da 4 soldi!Le prove le portava manenti stesso per autodichiararsi un pagliaccio!tutti i suoi atti di pagliacceria erano all’ordine del giorno!Quindi evita di dire cretinate!

      P.S. ne cito solo alcune…Mapi fashon,mapi channel stufe a pellet,parmigiano reggiano,CRO FALSI,promessi mai manetenute,PAGO DOMANi,fermo amministrativo C3 oer 2000 euro di multe mai pagate,Ho un piano(si èvisto che bel piano),ci sono dei problemi tecnici,ho rifatto il manto erboso del tardini(lo ha rifatto per intero la lega)Con genoa e udinese si poteva giocare perchè ho presentato alla procura un comunicato per pagare gli stweuart(smentito pochi minuti dopo dalla stessa procura)Secondo te queste non sono prove per definirlo un pagliaccio?????Ma scantati,FAI RIDERE

      • 18 Marzo 2015 in 18:43
        Permalink

        se dovessi mai arruffianarmi qualcheduno non lo farei certo per 4 soldi e sicuramente non con chi dei ruffiani non sa di che cosa farsene. Comunque spero che continui a ridere. quelli che hanno sempre ragione ne hanno ben donde.

  • 18 Marzo 2015 in 16:18
    Permalink

    Caro Direttore,
    mi può, per favore, commentare questo trafiletto tratto da altra testata giornalistica?
    “L’inchiesta sembra confermare i dubbi che i tifosi e i cittadini di Parma avevano sul patron, uno con un curriculum di rispetto, secondo quanto si legge nelle carte: precedenti per lesioni, possesso di armi, bancarotta semplice, violazione degli obblighi di assistenza familiare e tentata estorsione.”
    Lei, che sembra molto informato su Manenti, era al corrente di che tipo di personaggio ci eravamo tirati in casa?
    Non voglio polemizzare, ma vorrei solo capire che tipo di giornalismo state facendo a Parma negli ultimi mesi a riguardo del Nostro Parma Calcio e la sua disgrazia….
    La verità è così difficile da scrivere?

    • 18 Marzo 2015 in 16:24
      Permalink

      Guardi quando la verità la so io l’ho sempre scritta. Pagandone personalmente le conseguenze.
      Saluti
      Gmajo

  • 18 Marzo 2015 in 16:28
    Permalink

    Non ha risposto al quesito principale….
    Mi scusi se insisto ma sono curioso.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI