NUOVO DEFERIMENTO DELLA PROCURA FEDERALE PER IL PARMA F.C.: IN ARRIVO LA PENALIZZAZIONE PER LE OBBLIGATORIETA’ NON OTTEMPERATE IL 16 FEBBRAIO

(ITALPRESS) – Nuova tegola per il Parma, in arrivo altri punti di penalizzazione. Il procuratore federale della Figc, Stefano Palazzi, a seguito di segnalazione della CO.VI.SO.C., ha deferito al Tribunale Federale Nazionale Sezione Disciplinare i legali rappresentanti pro-tempore del Parma, Giampietro Manenti e Pietro Leonardi, e la società per responsabilità diretta. La procura federale contesta alla vecchia dirigenza la mancata documentazione agli organi federali competenti l’avvenuto pagamento degli stipendi dovuti ai tesserati, lavoratori dipendenti e collaboratori addetti al settore sportivo per le mensilità di luglio, agosto, settembre, ottobre, novembre e dicembre 2014, oltre al mancato pagamento delle ritenute Irpef e dei contributi Inps relativi allo stesso periodo. Tale deferimento potrebbe dunque portare ad una nuova penalizzazione in classifica rispetto ai 3 punti già inflitti al club ducale (uno è relativo alle vicende della mancata Licenza Uefa della scorsa stagione, due per le “obbligatorietà” di novembre, nota di stadiotardini.it), attualmente ultimo in classifica con 9 punti.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

37 pensieri riguardo “NUOVO DEFERIMENTO DELLA PROCURA FEDERALE PER IL PARMA F.C.: IN ARRIVO LA PENALIZZAZIONE PER LE OBBLIGATORIETA’ NON OTTEMPERATE IL 16 FEBBRAIO

  • 25 Marzo 2015 in 17:30
    Permalink

    Cazzo, quindi direttore la zona UEFA si allontana.

    • 25 Marzo 2015 in 17:32
      Permalink

      Eh sì… Ve l’ho sempre detto che la nostra dimensione è un’altra 😛

  • 25 Marzo 2015 in 17:33
    Permalink

    Io invece volevo chiederti questo già da un po: se non erro alla scadenza successiva ad aprile, in caso di inadempimento, la penalizzazione può riguardare anche il campionato successivo. Nel caso del Parma l’intervenuto fallimento antecedente a tale prossima scadenza ha qualche effetto o il rischio c’è comunque? grazie

    • 25 Marzo 2015 in 17:37
      Permalink

      Non “può” riguardare il campionato successivo, sicuramente, ai sensi dell’art. 52 noif, riguarda il campionato successivo.

      però la “curatella” è tenuta ad onorare ogni impegno preso, sicché immagino avranno già rimodulato il debito sportivo di questo trimestre facendo sì che i calciatori si ritengano soddisfatti di tutto quanto dovuto.

      Anche se le mie sono solo ipotesi fatte col buon senso, senza il conforto di legali che confermino la bontà del mio assunto.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 25 Marzo 2015 in 17:45
        Permalink

        In sostanze tenderesti a escludere una eventuale penalizzazione in caso di B il prossimo anno mi pare di aver capito..
        Mentre per la D direi che la cosa e’ proprio impossibile, perche’ si tratterebbe proprio di sparizione avvenuta di “questo” Parma e nascita di un Parma nuovo con altra denominazione, societa’ etc.
        Ho capito bene?

        • 25 Marzo 2015 in 17:46
          Permalink

          Esatto.

          Però se per la seconda parte della risposta sono certo, per la prima dipende da come i curatori, con la regia di tavecchio e della lega, hanno transato o transeranno le obbligatorietà di questo trimestre di loro pertinenza.

          Cordialmente

          Gmajo

          • 25 Marzo 2015 in 18:31
            Permalink

            Quindi se si riparte in D addio coppe? Mama……

          • 25 Marzo 2015 in 18:47
            Permalink

            In parte sì in parte no. Sarò più chiaro in un articolo che avrei in mente di proporre nei prossimi giorni. Ma, come spiegavo iersera a Calcio & Calcio, l’esempio del Padova è quello più vicino a quello che potrebbe accadere a noi, salvo miracoli.

            Cioè: col fallimento e nessuno che si aggiudica la squadra all’asta, si estingue la società e con essa titolo sportivo e coppe.

            Abrogato il lodo Petrucci il Sindaco avrà ancora una parte preponderante perché sarà lui a scegliere quale squadra della città, eventualmente tra più candidate, sarà degna di raccogliere l’eredità sportiva del Parma. Per cui, come si legge in Wikipedia per i patavini: l’anno di fondazione resta il 1913, ma poi il 2015 determinerà la rifondazione.

            Cordialmente

            Gmajo

      • 25 Marzo 2015 in 18:04
        Permalink

        Ok, perfetto, grazie anche della correzione, non ricordavo bene la norma.
        Altra curiosità riguarda l’ultima penalizzazione, quella di 2 punti per novembre: è stato chiarito se sia stata, o meno, applicata la recidiva in relazione alla precedente penalizzazione per il campionato scorso? A giudicare dai 2 punti inflitti sembra di no ma non ho mai letto nulla di esplito al riguardo.
        In termini pratici non conta e non cambia nulla, solo curiosità mia

        • 25 Marzo 2015 in 18:10
          Permalink

          Secondo me non è stata applicata la recidiva perché i punti, appunto, sono stati due, cioè la tariffa minima. Viceversa, stavolta la recidiva mi sa che non ce la toglie nessuno.

          Cordialmente

          Gmajo

      • 25 Marzo 2015 in 19:36
        Permalink

        Aggiungo che c’è un altro fatto che mi porta a credere, come lei, che in B non avremmo punti di penalizzazione: il titolo sportivo del vecchio Parma e quello del nuovo sarebbe lo stesso, ma i due soggetti giuridici sarebbero comunque chiaramente differenti.

    • 25 Marzo 2015 in 18:32
      Permalink

      Salve a tutti, io tifo Bologna ma non per questo ho dei personali godimenti a guardare la situazione del Parma. Anche perché non piu di tre anni fa e di nuovo questa estate il Bologna ha rischiato di sparire in maniera altrettanto brusca (ma con molto meno eco mediatica dell’attuale caso Parma). Abbiamo avuto dei Rezart Taci, poi il nostro Manenti (Porcedda) etc…non ci siamo fatti mancare nulla; a questo giro ci è andata di lusso con il canadese Saputo, che ha già appoggiato sul banco quasi 40 milioncini per sistemare e programmare. Tutta questa premessa per dire che se i canadesi salvassero il Parma sarebbe un derby doppio, speriamo. Ps:I punti di penalizzazione che abbiamo noi in serie b, sono per irregolarità dell’anno scorso. Dai…speriamo in un derby emiliano – canadese.

      • 25 Marzo 2015 in 18:42
        Permalink

        Speriamo.

        E complimenti per la sua sportività

        Cordialmente

        Gmajo

  • 25 Marzo 2015 in 17:36
    Permalink

    È come se piovesse su una zona alluvionata.

  • 25 Marzo 2015 in 17:48
    Permalink

    Eh vabbè, finiremo sotto zero 😀

  • 25 Marzo 2015 in 17:52
    Permalink

    Per carità Majo, basta col termine “curatella” anche se usato con ironia ed umorismo.
    Mi fa venire in mente Giuli, uno che fa l’amministratore delegato ma non sa mettere insieme una frase di senso compiuto in lingua italiana (ma fallire sì…ed altro ancora).

      • 25 Marzo 2015 in 18:33
        Permalink

        Giuli pensa molto al culatello……te lo dico io! 🙂

        • 25 Marzo 2015 in 18:41
          Permalink

          Secondo me alla “coratella”. E’ più delle sue parti…

  • 25 Marzo 2015 in 17:55
    Permalink

    Il fallimento è avvenuto il 19 marzo, quindi rimane ancora scoperto il periodo 1 gennaio-19 marzo.
    Credo che per non incorrere in penalizzazioni, nell’eventualità della serie B, i tesserati devono dichiarare di rinunciare a quelle mensilità.

    • 25 Marzo 2015 in 18:00
      Permalink

      In effetti è una giusta osservazione.

      Cordialmente

      Gmajo

    • 25 Marzo 2015 in 18:10
      Permalink

      Si insomma…allora se si prospetta pure una serie B penalizzata oltreche’ costosissima come abbiamo visto direi proprio che un eventuale investitore se gia’ prima era titubante ad arrivare potrebbe non esserlo proprio per nulla e non arrivare affatto..

      • 25 Marzo 2015 in 18:40
        Permalink

        Non so con precisione: ma secondo me con il gioco delle riduzioni del debito sportivo penso si riuscirà ad evitarle.

        Cordialmente

        Gmajo

  • 25 Marzo 2015 in 18:17
    Permalink

    sdrammatizzando : Certo che finire “sottozero” la stagione calcistica sarebbe davvero un primato… seppure in negativo. Credo mai accaduto da quando esiste il campionato di calcio e della massima serie. Chissà perché mi viene in mente – vista anche l’impietoso meteo di oggi – la vecchia canzone di Nada…”ma che freddo fa, ma che freddo fa” 🙂

  • 25 Marzo 2015 in 18:36
    Permalink

    Direttore ma non si sa niente di Mapiman? è ancora in gaiba?

    • 25 Marzo 2015 in 18:41
      Permalink

      Penso di sì. Non ho letto lanci con annunci della sua scarcerazione. e al cellulare risulta non raggiungibile…

  • 25 Marzo 2015 in 20:12
    Permalink

    Io comunque per la B anche con 5 punti di penalizzazione metterei un “firmone” lungo da qui a Collecchio

    • 25 Marzo 2015 in 20:27
      Permalink

      Beh, diciamo che come ben spiegato anche da Arcobaleno è piuttosto impossibile. E poi con 5 punti di penalizzazione ti complichi la corsa per la serie A… E ti semplifichi quella per la C…

      • 25 Marzo 2015 in 20:34
        Permalink

        direttore il mio era una specie di augurio di salvare quella categoria poi magari il futuro compratore fa uno squadrone e ritorniamo su vincendo il campionato come 5 punti di vantaggio che sarebbero stati 10 senza la penalizzazione… sarò un sognatore eh? 😉

I commenti sono chiusi.