PARMA EUROPA, IL VIDEO DELL’APPROFONDIMENTO DI TELEDUCATO SUL DISASTRO PARMA CALCIO CON BARALDI, PIZZAROTTI, APOLLONI E MARTINI – web registrazione a cura di Alex Bocelli

PARMA EUROPA, IL VIDEO DELL’APPROFONDIMENTO DI TELEDUCATO SUL DISASTRO PARMA CALCIO CON BARALDI, PIZZAROTTI, APOLLONI E MARTINI – web registrazione a cura di Alex Bocelli

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

13 pensieri riguardo “PARMA EUROPA, IL VIDEO DELL’APPROFONDIMENTO DI TELEDUCATO SUL DISASTRO PARMA CALCIO CON BARALDI, PIZZAROTTI, APOLLONI E MARTINI – web registrazione a cura di Alex Bocelli

  • 4 Marzo 2015 in 10:05
    Permalink

    Direttore e ora con l ingresso del curatore cosa succede?
    Oggi ci deve dare novità importanti!
    Attendiamo sue notizie!

    • 4 Marzo 2015 in 11:51
      Permalink

      Il curatore speciale non ha niente a che vedere con la figura del curatore fallimentare. Come ha ben specificato stamani la Gazzetta di Parma (che io menziono sempre anche se a loro fa ribrezzo citare stadiotardini.it, visto che le notizie che diamo noi appaiono per caso) questo curatore non inficia in alcun modo i poteri tutt’oggi del legittimo proprietario che è Manenti. Il curatore speciale è stato nominato su istanza del socio di minoranza Energy T.I. a seguito di azione di responsabilità nei confronti degli amministratori.
      Cordialmente
      Gmajo

      • 4 Marzo 2015 in 13:10
        Permalink

        Praticamente è una sorta di tutore di Manenti.

        • 4 Marzo 2015 in 13:45
          Permalink

          Ripeto: cerco di avere un punto di vista alternativo rispetto ai luoghi comuni e alla superficialità. certo è rischioso, come era rischioso in altri contesti. Poi, siccome il personaggio è in effetti un po’ inquietante e particolare, l’apertura di credito che gli concedo è minima.
          Saluti
          Gmajo

  • 4 Marzo 2015 in 10:26
    Permalink

    Direttore Buongiorno,
    mi tolga una curiosità,nel caso di fallimento e ripartenza dalla serie D l’ipotesi più probabile è che la società venga acquistata all’asta dal duo Dallara/Zanetti (sempre che si aggiudichino l’asta).
    Potremmo avere garanzie in fase d’investimento per ritornare almeno in serie B nel giro di 3 anni?
    quello che le chiedo è il fatturato di queste due persone.
    Zanetti se non sbaglio fà un miliardo all’anno,Dallara non saprei…ci può cortesemente illuminare?
    Nonostante tutta la sciagura che ci stà capitando se ripartissimo da questi due elementi potremmo essere ottimisti per il fututro?

    • 4 Marzo 2015 in 10:58
      Permalink

      Intanto bisognerà vedere se la sinergia tra i due sarà possibile, anche se la credo piuttosto probabile.

      Non so dirle cifre precise sui fatturati, anche perché per risponderle compiutamente dovrei fare ricerche approfondite che mi porterebbero via tempo che in questo momento non riesco a dedicare.

      In ogni caso, qualsiasi fosse la potenzialità economica di questa compagine, nessuno potrebbe offrire garanzie di successo per il ritorno in B nel giro di tre anni, perché la palla è rotonda e si può cercare di indirizzarla, appunto con risorse, e magari con organizzazione e piani affidati alle persone giuste, ma rimane sempre l’imponderabile. In questi giorni, per esempio, ho spesso fatto l’esempio della Cremonese, la quale, pur avendo una proprietà solida e seria, non è ancora riuscita a salire di categoria.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 4 Marzo 2015 in 11:05
        Permalink

        …swi potrebbe pure aggiungere che non hanno combinato una fava o quasi in questi anno dopo varie vicissitudini fallimentari in regione:-
        -Rimini
        -Ravenna
        -Spal
        -Reggiana
        -Piacenza
        Altrove
        -Ancona
        -Messina
        -Treviso
        -Venezia
        …e credo haime’ si possa continuare….
        Cioe’…bisogna vedere come si faranno le cose dopo…con quali energie,professionalita’,dedizione e attenzione…
        Non pensiate comunque di infilare3 promozioni in 3 anni…nella storia del calcio faccenda questa che si e’ verificata pochissime volte.
        Un l’azzecchi e magari l’anno dopo ti sfugge per jella ai play -off o qualcosa del genere…
        Insomma bisognera’ fare le cose per bene (ma bene) e avere pazienza (ma tanta)….

  • 4 Marzo 2015 in 11:15
    Permalink

    Direttore, sbaglio o il finanziere sospeso è quello intervistato da lei?

  • 4 Marzo 2015 in 11:48
    Permalink

    Le speranza quindi di non ripartire dalla serie D (ma dalla B)si riconfermano all’ 0,1%. Ma mi domando spesso in questi giorni,quando il direttore da fiducia a Manenti all’0,1%,quanto in verità ci crede?Cos’è lo 0,1% probabilità utilizzata spesso nel mondo del calcio che comunque ottimismo ne dà…
    Esempio 1 http://sportemotori.blogosfere.it/post/166601/mourinho-ce-lo-01-di-possibilita-che-vada-al-real-madrid-questione-di-punti-di-vista )mourinho dichiara che allo 0,1% quando era all’inter andrà al Real Madrid,e poi ci va…
    Esempio 2 http://www.tuttonapoli.net/le-interviste/zazzaroni-al-momento-c-e-lo-01-di-possibilita-che-benitez-resti-al-napoli-218593 Zazzaroni dichiara che Benitez allo 0,1% resta al Napoli,cosa secondo me fattibile.
    Allora questo 0,1% per me vale ad oggi più di una speranza 🙂
    Lo 0,1% vale e si potrebbe anche dire che la possibilità al 99,9% che Manenti riesca nella sua impresa,è confortante….

    • 4 Marzo 2015 in 11:49
      Permalink

      Scusate volevo che dire che la possibilità al 99,9% che Manenti NON riesca nella sua impresa è confortante….

I commenti sono chiusi.