PARMA EUROPA – LA WEB REGISTRAZIONE DELLA PUNTATA “CHE NE SARA’ DEL PARMA CALCIO?” CON OSPITI DEL DIRETTORE FERRAGUTI: BARALDI, MARANI, IOTTI E MANFREDINI

PARMA EUROPA – LA WEB REGISTRAZIONE DELLA PUNTATA “CHE NE SARA’ DEL PARMA CALCIO?” CON OSPITI DEL DIRETTORE FERRAGUTI: BARALDI, MARANI, IOTTI E MANFREDINI

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

CHE NE SARA’ DEL PARMA CALCIO? UNO SPECIALE “PARMA EUROPA” SU TELEDUCATO. OSPITI DEL DIRETTORE FERRAGUTI: BARALDI, MARANI, IOTTI E MANFREDINI

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

36 pensieri riguardo “PARMA EUROPA – LA WEB REGISTRAZIONE DELLA PUNTATA “CHE NE SARA’ DEL PARMA CALCIO?” CON OSPITI DEL DIRETTORE FERRAGUTI: BARALDI, MARANI, IOTTI E MANFREDINI

  • 25 Marzo 2015 in 05:39
    Permalink

    Scusi direttore ma questo signor Baraldi e’ lo stessi che ha patteggiato una condanna per aver rubato 4 mln e piu’ al parma a.c. o sbaglio persona?

    • 25 Marzo 2015 in 08:01
      Permalink

      Non so se abbia patteggiato o meno, comunque è lui

      • 25 Marzo 2015 in 08:09
        Permalink

        Qualita’ degli ospiti di livello.. 🙂

        • 25 Marzo 2015 in 08:17
          Permalink

          Beh è indubbiamente uno dei maggiori esperti dell’argomento

      • 25 Marzo 2015 in 08:23
        Permalink

        E invece di vergognarsi come un ladro ed evitare di presentarsi viene (colpevolmente) invitato e si presenta con la consueta faccia di bronzo come se nulla fosse..?….
        Roba da chiodi….

  • 25 Marzo 2015 in 08:41
    Permalink

    Scusi direttore, il grande volta gabbana di MANFREDINI domencia cosa va a fare a carpenedolo la solita mangiata come ai bei tempi??
    Mi scusi ma certe situazioni io non le capisco, spiegatemi l’utilità di andare a carpenedolo…..

    • 25 Marzo 2015 in 10:39
      Permalink

      Nessuna utilità, solo smania di protagonismo. E, sinceramente, che adesso Manfredini voglia parlare a nome della città intera…beh…almeno mandiamoci uno che sappia parlare. Sarebbe già un passo avanti. Quanti smemorati, quanti voltagabbana.

    • 25 Marzo 2015 in 10:40
      Permalink

      Non mi pare che Manfredini sia l’unico voltagabbana dalle parti di Parma.

  • 25 Marzo 2015 in 10:11
    Permalink

    Insomma, Baraldi ha detto che Ghirardi ha messo solo 4 mil nel Parma.

    • 26 Marzo 2015 in 07:56
      Permalink

      Deve essermi sfuggito. Però è una sensazione che ho anch’io. Poi capiremo meglio quando la magistratura avrà fatto luce.
      Cordialmente
      Gmajo

  • 25 Marzo 2015 in 10:45
    Permalink

    Comunque, per la D è tutto apparecchiato. E Baraldi è il grande regista, nemmeno tanto oscuro. Ne vedremo delle belle, nel caso in cui nessuno dovesse aggiudicarsi il Parma all’asta…

    • 25 Marzo 2015 in 10:57
      Permalink

      Non ho la stessa sensazione: secondo me Baraldi non è tra i commensali. Anche perché credo che quella faccenduola del patteggiamento per i 4 ml per l’accusa di bancarotta fraudolente non è roba trascurabile.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 25 Marzo 2015 in 11:35
        Permalink

        Ma non era faccenda questa da rinfacciargli al primo intervento?…non era cosa da risottolineare nuovamente almeno da parte dei rappresentanti dei tifosi?…
        Ma perche’ deve sempre finire tutto in cavalleria in sto’ paese di minchia…perche’ dopo 3/4 anni si cancella tutto e avanti come prima…
        Dopo una faccenda del genere, professionalmente (e non solo) a Parma sto’ signore non dovrebbe avere piu’ la possibilita’ di combinare una fava….
        Lo chiamano in televisione come fosse un guru dal quale apprendere chissa’ cosa….
        vi risparmio cosa si pensa e dica a Bologna di Baraldi…i disastri combinati nella breve permanenza come direttore sportivo…
        Da brividi….

        • 26 Marzo 2015 in 07:27
          Permalink

          Capisco che lei sia forcaiolo, ma per l’ennesima volta le ribadisco di piantarla di fare il gay col mio deretano.
          Per quella vicenda, di cui baraldi si è sempre dichiarato innocente e di cui ha fornito convincenti spiegazioni alla pm dal monte che è una avvezza a concedere sconti, i suoi avvocati avevano scelto come strategia il patteggiamento per snellire i tempi e limitare i danni il più possibile al cliente che però ha dovuto di fatto ammettere una colpa.
          Specificato questo resta da dire che baraldi, indipendentemente da quella vicenda (non mi pare che gli abbiano trovato una lira non sua nei conti) resti uno dei più qualificati specialisti della materia.
          Certo qualcuno poteva rinfacciargli il prossimo patteggiamento (per altro non passato in giudicato) ma perché godete sempre le arene e i duelli rusticani?
          Io preferisco le trasmissioni divulgative dove ci sia qualcosa da imparare, non risse e zuffe dove rinfacciarsi accuse.
          Cordialmente
          Gmajo

      • 25 Marzo 2015 in 11:47
        Permalink

        allora perchè ce lo troviamo in tutte le salse

      • 25 Marzo 2015 in 11:51
        Permalink

        Cosa godrei perché all’asta si presentasse qualcuno con dei soldi che lo mettesse in quel posto a tutta questa gente! Dall’upi a Baraldi passando per lo scaccia(tragattino e speculatore) …perché non c’è giustizia al mondo,ma se ci fosse…

      • 25 Marzo 2015 in 15:00
        Permalink

        Credo di poter andare oltre le semplici sensazioni.

  • 25 Marzo 2015 in 10:57
    Permalink

    Si va a Carpenedolo non per mangiare ma per protestare.SE POI QUALCUNO VUOLE ANDARE A CARPENEDOLO PER MANGIARE OVVIO CHE SI È IMBORGHESITO e quindi è inutile alla causa del Parma e per questo è meglio che SE NE STIA A CASA.

    • 25 Marzo 2015 in 17:10
      Permalink

      Io, però, non vorrei affatto digiunare. Va bene fare uno sgarro al Ghiro, ma come si fa ad andare a casa sua e tornare con la panza vuota? 😛

  • 25 Marzo 2015 in 11:46
    Permalink

    Baraldi fra un pò me lo trovo anche sul balcone, a dire che la D e la polisportiva gialloblù sono stupende

  • 25 Marzo 2015 in 11:54
    Permalink

    io spero che i CURATORI con un po di palle comincino a rescindere quei contratti con calciatori che avendo messo in mora il Parma e a fine stagione se ne vanno…..
    spero lo facciano subito , o rinunciate alla rescissione in caso di asta positiva o ve ne andate subito
    e spero anche che si scremi un po di contratti inutili tra quei claciatori sparsi x l’italia

  • 25 Marzo 2015 in 11:56
    Permalink

    Majo ha novità l’ispettore angella? Cosa darei perché quel fondo canadese fosse vero e fosse proprio quello di Angella!

    • 25 Marzo 2015 in 12:16
      Permalink

      No, oggi l’ispettore ha rivolto le sue attenzioni sul fronte giudiziario. News interessanti nel TG delle ore 14, che noi impagineremo per le 14,15 ringraziando l’autore per la concessione a riprendere il testo.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 25 Marzo 2015 in 12:00
    Permalink

    Direttore…vedere e sentire Baraldi..e sentire ancora il nome di Orlanden (sosia ti Tavecchio tra l’altro) mi provoca un prolasso intestinale. Orlandini basta!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Vai all’ospizio o a dare da mangiare ai tuoi maiali.Baraldi basta!!!!!!!!!!!!!!Ma sarà anche a Palla in tribuna oggi?

  • 25 Marzo 2015 in 12:05
    Permalink

    Solidarietà x il Grande Manfredini

    Alla Faccia di ki Specula sui Tifosi

    Grande Adunata !!!! Grande Mangiata !!!!

    FORZA PARMA !!!! RISORGEREMO !!!!

  • 25 Marzo 2015 in 12:14
    Permalink

    Perche’ ci sono ospiti che dicono cazzate senza sapere do cosa parlano….????

    • 25 Marzo 2015 in 12:17
      Permalink

      A chi si riferisce in particolare? E’ così difficile far riferimenti precisi, motivando le proprie affermazioni?

  • 25 Marzo 2015 in 12:24
    Permalink

    il Parma finanziariamente non vale molto basti pensare che Paletta è stato ceduto a 1 milione. Chissà quanti sciacalli saranno pronti a scippare i pochi giocatori di valore del Parma. Auspico un pronto è deciso intervento della magistratura per dimostrare le responsabilità dei dirigenti e vedere risarcito integralmente il danno patrimoniale. Non mi interessa vedere gente in galera (a carico della collettività) ma piuttosto in mutande!!!!!

  • 25 Marzo 2015 in 12:45
    Permalink

    Ciao majo,

    secondo me diretta e indirettamente Scaccia e Baraldi hanno gia fissato la base dell asta.

    Scaccia ha detto che “2 milioni, come per il Bari”
    Baraldi ieri ha detto, “beh con 6-7 milioni si va da D in B, se tutto va bene..”

    Che sia questo il prezzo massimo della cordata guidata da Baraldi?

    • 26 Marzo 2015 in 00:32
      Permalink

      La base d’asta la fissano i periti del tribunale non i candidati acquirenti.

      Comunque Baraldi nel caso pensa alla D, non certo alla B subito.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 25 Marzo 2015 in 18:06
    Permalink

    Baraldi quando ha parlato della sua permanenza a Bologna mi ha fatto rabbrividire.
    Da tifoso bolognese lo ricordo come una sciagura.
    E inoltre denigra la tifoseria, quando ricordo bene diceva ben altre cose ai tempi.
    Personaggio falso,ipocrita, di una doppiezza incredibile.
    Per fortuna ce lo avete voi a Parma…anzi non ce lo avete ancora..
    Vi auguro non arrivi.
    Uno che di calcio non capisce una fava.
    A Bologna fece in tempo a fare poche operazioni…la piu’ clamorosa fu o scambio (proprio col Parma) Valiani per Pasi e Pisanu…
    Valiani gioco’ ancora a lungo in serie A, Pasi e Pisanu mai, e ora sono Pasi al Sant’Arcangelo in C1 e Pisanu a Malta….
    Fate un po’ voi se sto’ qua ci capisce di giocatori….

    • 25 Marzo 2015 in 18:16
      Permalink

      In realtà, secondo me, è un bravo professionista. Che fa anche lui i suoi errori per carità, tipo quello di parlare un po’ troppo…

      A Bologna fu quello che lo tradì, e là i tifosi non sono cheti come da noi. Per cui alcune uscite un po’ infelici, che io se fossi stato in lui avrei evitato, furono alla base di quel masochistico ostracismo che portò a far uscire di scena Zanetti, l’unico decente della “cooperativa”, se mi passate il termine, che gestì il Bologna dopo Menarini.

      Per me i tifosi rossoblù furono molto autolesionisti. E anche l’atteggiamento ostracistico di molti giornalisti (ero presente all’evento che documentai per l’allora stadiotardini.com) mi parve esagerato: appunto più da tifosi che da obiettivi, ma tant’è.

      Sul patteggiamento per il crac Parmalat, poi, c’è anche da dire che alle volte i legali scelgono per i propri assistiti strade processuali più indolori anche se costano l’ammissione di colpe che magari uno non si sente di avere, pur di liberare col minore dei mali e nel più breve tempo possibile chi hanno in cura.

      Cordialmente

      Gmajo

    • 25 Marzo 2015 in 18:54
      Permalink

      Ma te sei sempre qui e tifi bologna?… giorni di rivelazioni…ieri il torinista almerindo,oggi tu….Sei sempre critico ma se non sei parmigiano e tifi altro non vale….Grazie che ci ridai Baraldi…….. Diludendo, direbbe un noto chef…

  • 25 Marzo 2015 in 18:28
    Permalink

    Quello che dici puo’ esser vero..so come va il mondo.
    Ma potrebbe pure non esserlo.
    4 milioni di euro sono 4 milioni di euro anche a casa di Baraldi, non solo a casa mia o tua.
    In ogni caso tornando alla competenza professionale io questo lo valutop per quel che ha combinato (certo e’ nel calcio da un sacco non puo’ aver fatto solo minchiate), ma quella di Valiani (che certo non era un fenomeno..ma un giocatore di livello per la categoria si, lo dice il fatto che tuttora a Latina, nonstante l’eta’ sia ancora uno dei meglio sempre) andarlo a scambiare con l’astro nascente Pasi (che non combina una fava a Sant’Aracengelo in C1) e Pisanu che ha giocato da allora solo mezzo campionato a Montreal (grazie a Di vaio che trovo’ posto in squadra a lui e a quell’altro fenomeno di Paponi che ora sta facendo ridere ad Ancona in C1)e ora gioca nello Sliema a Malta, fu una delle operazioni piu’ sciagurate che si ricordino recentemente.
    Ma e’ il pupillo di Zanetti e allora….va avanti cosi’…
    Zanetti che comunque non ne azzecca una da mo’….che ancora non ha deciso che fare da grande…
    Questo 4 anni fa si candido per fare il sindaco a Treviso (sua citta’ natale)con una lista civica (in passato fu senatore, col governo Dini), spese una fortuna in campagna elettorale e raccolse un misero 11 per cento lontanissimo dal ballottaggio….
    Tanto per dire….
    Zanetti ora (secondo le sue aspirazioni di allora beninteso) dovrebbe essere il sindaco di Treviso…
    Insomma mi sembra che il ragazzo sia un po’ sconclusionato e ondivago.

    • 25 Marzo 2015 in 18:56
      Permalink

      Zanetti tirchio ma poi butta i soldi nelle campagne elettorali…mah….

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI