Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

16 pensieri riguardo “TAVECCHIO, PIZZAROTTI E BRUNELLI PRESENTANO: “IL PIANO SALVA PARMA” – Il video integrale della conferenza in Municipio

  • 6 Marzo 2015 in 22:32
    Permalink

    Mi pare di aver capito che Tavecchio sarebbe pronto a darci una mano per quanto riguarda i debiti sportivi.

    • 7 Marzo 2015 in 01:47
      Permalink

      No, sui debiti sportivi Tavecchio non può darci una mano: quelli sono rimasti e dovrò esser bravo il curatore ad abbassarli il più possibile rinegoziandoli. Anche se col cavolo si possono raggiungere le cifre che sognano i sognatori

      Cordialmente

      Gmajo

  • 6 Marzo 2015 in 22:48
    Permalink

    Lo ritiene un piano Salva-Parma, Majo? Io non capisco bene…a me pare un piano salva-campionato.

    Ps: Gallerani le ha tolto la parola. Guai a chi tocca il mio simpatico topolone.

    • 7 Marzo 2015 in 01:45
      Permalink

      E’ un piano salva campionato, che però salva il Parma, anche perché agli occhi di tutti passeremo per quelli salvati (per la seconda volta in 11 anni). Bastava vedere zona 11 per capire l’atmosfera

      • 7 Marzo 2015 in 07:57
        Permalink

        Certo.
        Ma ci vuole sempre un mezzo scoppiato che si pigli sta patata bollente in mano (inB) per un mucchio di soldi….
        Per quanto rimodulati,rinegoziati,agevolati,riparmigianizzati, riquelchevipare, rimarrebbro un sacco di soldi per fare la B……c’e’ gia’ il pazzo o bisogna cercarlo col lanternino?

      • 7 Marzo 2015 in 08:28
        Permalink

        Majo e’ un piano salva due partite….dopo il 19 torna tutto in discussione….
        Dopo a tuo parere che accadra’?

        • 7 Marzo 2015 in 10:18
          Permalink

          Forse non le è chiaro che questo piano entrerà in vigore tra due partite, se nel frattempo il parma sarà fallito qualora Manenti non fosse riuscito a dimostrare che il Parma è solvente.
          Cordialmente
          Gmajo

  • 7 Marzo 2015 in 01:00
    Permalink

    La b con imprenditori parmigiani seri si con manenti assolutamente no

    • 7 Marzo 2015 in 11:49
      Permalink

      aspetta e spera…;)
      non so se abbiamo piu’ possibilita’ con imprenditori parmigiani o con Manenti…secondo me NON siamo neanche vicini …cmq…magari..
      ;

  • 7 Marzo 2015 in 01:54
    Permalink

    Nessun imprenditore locale, ancorché non da solo ma in gruppo con altri, si farà avanti per l’acquisto del Parma con il fardello dei debiti sportivi.
    Anche che fossero (stornati i 5 donati dalla Lega) solo (!!!) 15/20 milioni di euro, servirebbero poi altri 10 milioni per affrontare il campionato di B.
    Operazione molto, troppo, onerosa!
    Concordo pienamente con il direttore: si doveva rifiutare l’elemosina e mantenere la posizione! Invece, accettando l’obolo, abbiamo finito per parare il sedere a FGCI e Lega che se l’erano vista brutta. Chissà come si saranno sfregati le mani Tavecchio e Brunelli, dopo questa giornata, per averla sfangata anche stavolta!

    • 7 Marzo 2015 in 02:01
      Permalink

      In effetti bastava vederli in faccia in conferenza, Specie Brunelli

  • 7 Marzo 2015 in 09:05
    Permalink

    il piano SALVATE MILANO !

  • 7 Marzo 2015 in 09:29
    Permalink

    sì solidarietà…perché non dicono che 5 milioni sono meno di 50 milioni che si beccherebbe la lega. pizzarotti nador anche te

  • 7 Marzo 2015 in 11:16
    Permalink

    NO AL RAZZISMO dello Speedy Pizza ke discrimina i soldi del PRES Manenti xkè sn slovakki e invecje gli piacevano quelli di Taci ke erano albanesi-ciprioti-russi.
    Ke allora torniamo ai tempi degli avtobus separati ke i soldi di Manenti salgono dietro e quelli di Taci davanti? VERGOGNA!
    Ke se lo Speedy è andato a mangiare la pizza al trancio cn Taci adesso dovrebbe mangiarla cn Manenti, o preferiamo fare i razzisti e pikkiare i NERI xkè “nn sappiamo da dove vengono”????
    Ke poi adesso ci arrivano 300 africani a Parma. E se tra loro c’è anke un qualke soldo slovakko ti da fastidio? I neri si e gli slovakki no???? Allora dillo ke li odi!!!!

    #ioStoConManenti
    #ManentiAssumimi
    #FaròTantaParmigjanitàPerLaNostraGjente

  • 10 Marzo 2015 in 09:38
    Permalink

    Scusatemi, ma mi sono perso nei 5 milioni della lega: Diretur, mi illumina? Mi pare di aver capito che verranno versati solo per e dopo un eventuale fallimento e che serviranno a coprire solo l’operatività futura. Ovvero le spese delle partite post fallimento, cosi come gli stipendi dei giocatori e dei dipendenti fino a fine campionato. Giusto?

    Se é cosi sono piu deluso di prima: i giocatori avrebbero potuto rinunciare ad una parte dei loro ingaggi a beneficio dei dipendenti (stipendi ante fallimento) o di qualche fornitore conl’acqua alla gola.

    infine, quanto avrebbe dovuto pagare in penali la Lega a Sky per l’inadempienza contrattuale? A naso direi piu di 5 milioni.

    Grazie in anticipo a chi mi illuminera!

    • 11 Marzo 2015 in 01:49
      Permalink

      Per quanto concerne la prima parte del ragionamento credo abbia azzeccato tutto.
      Le penali a sky sarebbero ben maggiori rispetto all’elemosina.
      Comunque ribadisco come già ho fatto in televisione che spetta al curatore decidere come spartire la provvidenza, anche se questa immagino possa esser vincata alle disposizioni del donatore.
      Cordialmente
      Gmajo

I commenti sono chiusi.