BRUNO PIZZUL HA SVELATO A “PALLA IN TRIBUNA” DI NON AVER VOLUTO FARE LA TELECRONACA DELLO SPAREGGIO PARMA-BOLOGNA: “MI DISPIACEVA CHE UNA DELLE DUE FOSSE CONDANNATA ALLA B”

image(gmajo) – Nel corso di  Palla in Tribuna, la striscia quotidiana dedicata allo sport di  Radio Parma in onda dalle 14 alle 15 (e in replica alla sera, meno oggi, vista la concomitanza con Parma-Udinese, kick off alle ore 18.30) è intervenuto il popolare l’ex telecronista azzurro della Rai Bruno Pizzul, già cantore delle principali gesta dei gialloblù ai tempi dei grandi trionfi degli anni 90, scelto dal conduttore Marco Balestrazzi (che come direbbe Anna Fanerani non è mai banale e non offre spunti triti e ritriti) poiché friulano di nascita e dunque perfettamente calzante con il prepartita odierno. Durante la conversazione Pizzul, pensando all’attuale condizione del club crociato, ben distante dalla grandeur tanziana, si è ricollegato al famoso derby fratricida col Bologna che avrebbe sancito il declassamento in serie B di una delle due arrivate appaiate a quota 42 (assieme alla Fiorentina, messa meglio nella classifica avulsa) al termine della regular season. Il racconto dello spareggio del Dall’Ara del 18 giugno 2005 0-2, sarebbe toccato al principe dei telecronisti, ma questi non se la sentì, consigliando al selezionatore di pescare un altro collega. Pizzul, infatti, non avrebbe voluto sancire l’inferno né per l’una né per l’altra delle due squadre emiliane per quello che hanno rappresentato nella storia del calcio. Un aneddoto gustoso che merita di esser segnalato.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

11 pensieri riguardo “BRUNO PIZZUL HA SVELATO A “PALLA IN TRIBUNA” DI NON AVER VOLUTO FARE LA TELECRONACA DELLO SPAREGGIO PARMA-BOLOGNA: “MI DISPIACEVA CHE UNA DELLE DUE FOSSE CONDANNATA ALLA B”

  • 8 Aprile 2015 in 16:21
    Permalink

    Dopo Pizzul il deserto in Rai.

  • 8 Aprile 2015 in 17:22
    Permalink

    Majo, notizie del cinquantello?

  • 8 Aprile 2015 in 17:32
    Permalink

    L’unico cinquantello di cui si ha notizia e’ quello che le mignotte et simila chiedono sui viali….
    E di questo anche Manenti (la faccia non puo’ mentire) sara senza dubbio consapevole.

  • 8 Aprile 2015 in 17:40
    Permalink

    Beh NON esageriamo col Deserto va là ke è Meglio

    Galeazzi è Stato uno dei Migliori

    Certo Mazzocchi fa Venire il Latte al Culo

    Fac-simile di Civoli

  • 8 Aprile 2015 in 17:57
    Permalink

    Io ricordo ancora con che professionale compostezza annunciò il brasile campione del mondo al termine dei rigori. Altro che Caressa e gli altri sbraioni cabarettisti

    • 8 Aprile 2015 in 18:15
      Permalink

      E dire che in confronto a martellini a me sembrava uno sbraione lui…

      • 9 Aprile 2015 in 09:31
        Permalink

        Martellini a me sembrava un dilettante allo sbaraglio rispetto a Nicolò Carosio, ma voi giovani, caro Majo, cosa volete sapere….

    • 8 Aprile 2015 in 18:23
      Permalink

      Caressa non si sopporta….

      • 8 Aprile 2015 in 19:19
        Permalink

        Sono d’accordo con Ghirardello. Caressano…

  • 9 Aprile 2015 in 10:27
    Permalink

    Sempre goduto tantissimo le sue telecronache, meritava di ‘vincere’ il mondiale ’94. Unico mondiale a cui io sono veramente affezionato.

I commenti sono chiusi.