martedì, Luglio 23, 2024
NewsVideogallery Amatoriale

DONADONI E IL RISCHIO DELLA FINE DEL “PARMA-PRIDE”: “E’ RIDUTTIVO NEI CONFRONTI DEI NOSTRI TIFOSI PENSARE CHE CI STIANO VICINO SOLO QUANDO ARRIVANO I RISULTATI…” (video)

image(gmajo) – Sentirmi dire proprio da Roberto Donadoni che non devo star nel mezzo, ma ogni tanto schierarmi, perché se no è comodo e si fa come le banderuole che vanno dove va il vento l’ho trovato davvero molto divertente. Come se io fossi un giornalista che non si è  mai schierato su posizioni scomode, e come se lui non fosse un allenatore che a proposito di Ghirardi e Leonardi aveva per lunghi anni parlato di scelte condivise (da cui la mia famosa definizione di Mulino Bianco…). Che io di tifosi non capisca niente, specie degli ultras, i Boys me lo hanno fatto capire da anni, e in tanti curvaiolo anche qui su StadioTardini.it non mancano di rimarcamelo a ogni piè sospinto, dunque può anche darsi che la mia considerazione odierna non fosse pertinente: però, a mio modo di vedere, dopo aver toccato l’apice con la vittoria sulla Juventus – che per i supporters del Parma è sempre l’apoteosi, immaginarsi da derelitti falliti quali siamo – l’aver perso con il Genoa, l’arrivo della nuova penalizzazione, e se vogliamo pure le ultime vicende societarie come la valutazione monstre dei periti e la non prevista nuova data di verifica dell’esercizio provvisorio, immagino che abbiano fatto affievolire quel poco di entusiasmo che si era ricreato, nonostante la stagione indecente che è stata vissuta sia per le mancate soddisfazioni dal campo, che per il dramma societario. Ma il mio ragionamento, da parte del tecnico, è ritenuto “riduttivo nei confronti dei nostri tifosi. Non credo ragionino in questo modo perché se no sarebbe solo una questione di risultati: la squadra va bene e fa risultato e allora noi siamo dei grandissimi tifosi, la squadra non va bene e non ottiene il risultato e quindi la snobbiamo…”.

LA TRASCRIZIONE DEL BOTTA RISPOSTA MAJO-DONADONI

Indubbiamente la vittoria sulla Juventus aveva fatto nascere la “pazza idea” della remuntada, visto che si trattava del terzo risultato utile in serie positiva; d’accordo: arrivare penultimi potrebbe essere un altro obiettivo, ma io credo che la bella atmosfera che si era creata anche di vicinanza con i tifosi non so se potrà riuscire a proseguire… Voglio dire: vuoi siete professionisti e avete trovato delle grossissime motivazioni, però i tifosi che erano arrivati all’apice con la partita clou della stagione…

“Non credo che i tifosi ragionino in questo modo, perché se no, allora, è solo una questione di risultati: la squadra va bene e fa risultato e allora noi siamo dei grandissimi tifosi, la squadra non va bene e non ottiene il risultato e quindi la snobbiamo…”.

Quindi diciamo che l’orgoglio, il “pride” del Parma deve proseguire nonostante non ci siano più speranze?

“E’ una domanda che faccio io a lei..:”.

A me? Io sto in mezzo…

“Beh: ogni tanto bisogna schierarsi da qualche parte. E’ troppo facile stare sempre nel mezzo, anche perché a seconda poi di dove soffia il vento uno si appoggia… E’ comodo, così… Ogni tanto bisogna prendere delle posizioni…”

Bella questa…

“… e le posizioni vanno prese nella misura in cui si ritiene che un discorso sia ragionevole oppure no. Detto così come mi ha posto la domanda lei è semplicemente dire, e mi ripeto, il Parma va bene e ha qualche chance, allora lo supporto e faccio il tifo; la squadra, invece, mi accorgo che, malgrado l’impegno, malgrado tutto però non ottiene il risultato, allora non me ne frega più nulla. Mi sembra un po’ riduttivo nei confronti di un tifo e nei confronti di gente che io ho anche avuto modo di conoscere personalmente che mi sembrano tutto fuorché questo”.

IL VIDEO INTEGRALE DELLA CONFERENZA STAMPA, UPLOAD BY COMeSER TECHNOLOGY

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 60 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 a Dicembre 2023 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società. Dal 2010, a conferma di una indiscussa poliedricità, ha iniziato un percorso come attore/figurazione speciale di film e cortometraggi: l'apice l'ha raggiunto con il cammeo (parte parlata) all'interno del pluripremiato film di Giorgio Diritti "Volevo Nascondermi" (con presenza nel trailer ufficiale) e partecipazioni in "Baciato dalla Fortuna", "La Certosa di Parma", "Fai bei sogni" (del regista Marco Bellocchio), "Il Treno dei bambini" di Cristina Comencini, "Postcard from Earth" del regista Darren Aronofsky, "Ferrari" del regista Michael Mann. Apparizioni anche nei cortometraggi nazionali "Tracce", "Variazioni", "L'Assassinio di Davide Menguzzi", "Pausa pranzo di lavoro"; tra i protagonisti (Ispettore Majo) della produzione locale della Mezzani Film "La Spétnèda", e poi nei successivi lavori "ColPo di Genio" e "Franciao".

55 pensieri riguardo “DONADONI E IL RISCHIO DELLA FINE DEL “PARMA-PRIDE”: “E’ RIDUTTIVO NEI CONFRONTI DEI NOSTRI TIFOSI PENSARE CHE CI STIANO VICINO SOLO QUANDO ARRIVANO I RISULTATI…” (video)

  • Suvvia mister, e` logico porre domande del genere dopo una settimana cosi` brutta.

  • Caro Majo, pensa che martedì in udienza Manenti presenterà il CINQUANTELLO?

    • Davvero spiritoso…

      Comunque ricordo a te e a tutti gli altri furbacchioni che c’è mancato davvero solo un attimo che il cinquantello arrivasse… E magari, pur frutto di frodi, erano più puliti di altri di gente incravattata…

      Comunque non credo che Manenti abbia l’interesse di evitare il fallimento di Eventi, dal momento che eventi non controlla più il Parma e l’unica attività che esercitava era quella…

      Saluti

      Gmajo

      • Ah beh, adesso facciamo l’apologia di reato.
        Ma complimentoni Majo! Ma su, ma come si può dire che “ci è mancato poco” che arrivassero se questi soldi erano nei conti correnti di altre persone e non sono manco stati capaci di hackerarli. Non solo delinquenti, ma pure incapaci!
        E se anche fossero arrivati quei soldi, secondo lei non li avrebbero mai beccati? Ma su Majo, non difenda l’indifendibile, era più probabile il fantomatico socio russo di Taçi dei soldi di Manenti. E lo dico io che non sono tra i “furbacchioni” ma tifavo per Manenti.

        La mia era tra l’altro una battuta non cattiva, una pura spiritosata ma lei come al solito l’ha presa per una puntura di spillo (che non era).

        • puntura di spillo o spiritosata, rimane il fatto che la scheggia impazzita, pur avendo addosso la rogna, faceva meno schifo di tante altre schifezze di sta grande storia ignobile… E i suoi soldi hackerati, forse, erano meno rognosi di tanti altri apparentemente lindi…

          Io non ho fatto alcuna apologia di reato: dire che c’è mancato poco non è una apologia di reato, ma un dato di fatto.

          E poi parla lei? Si vada a rivedere certi commenti da confessionale… Fui io stesso a dirle che avrebbe dovuto pentirsi per come le sarebbe andato bene chiunque…

          • Ha ragione Majo… dissi pure che mi andava bene pure Totò Riina…

    • Ghirardello

      Gustavo, in altri post gia’ avevo scritto dove Manenti presenta cinquantelli. …Alle signorine in attesa nei viale delle stazioni…e basta.

      • Ghirardello, lei aveva ragione. Anche se lo diceva per il gusto di gufare…

        • Ghirardello

          “Con chi credo di parlare”…caro Gustavo, come vedi con gente che ne sa, se ne intende, mi consiglia location ben precise (via Malcontenti) ed io (sempre sul pezzo come dovresti ben sapere) aggiorno gli interessati con qualcosa veramente all’avanguardia in questo senso, un forum specifico che gli interessati potranno consultare e iscrivendosi intervenire scambiandosi opinioni.
          Altro che la via Malcontenti di Vekkia Maniera….

      • Vekkia Maniera

        Vedo ke se ne Intende Mortadello

        Alla Faccia del Canale delle Moline

        Se ne Vada in Via Malcontenti

        Ke bel Posto !!!! Unico !!!!

          • Con chi crede di parlare, Ghirardello?

      • Vekkia Maniera

        Per andare in Via Piella passate da Sapientello

        Adesso interagiamo con te x girare il Paesello

        Ma x Favore ma Scambiati le Palle dai là

        Tutti a Granarolo dalle Barbiabetole

        E forse il Centro Tecnico bfc NON si fahahah

        Lupo de Lupis

  • La pazza idea veramente non l’aveva quasi nessuno…quello che importa è che la squadra faccia del suo meglio.

    • Beh, io non mi vergogno di aver avanzato la “pazza idea” anche perché in fondo la ritenevo nelle corte dei donadoniani: almeno che una volta tanto un record portasse qualche frutto rispetto agli sterili record del passato. Purtroppo, però, mi sono dovuto risvegliare dal sogno… Però mi chiedo quali motivazioni si potranno mai avere, senza prender una ghinea, coi curatori che manco loro sanno se chiudono baracca e burattini il 30 aprile (e allora che cazzo è servito l’esercizio provvisorio prima ?!?!?) e sei già seppellito? Arrivare penultimi? Sticazzi, che obiettivo!

      Cordialmente

      Gmajo

  • dai ancora un paio di mesi e sparira’ dall’orizzonte crociato anche lui,a meno che non vada ad allenare la correggese.
    non si preoccupi che al parma saro’ piu’ vicino di lui da qui in avanti,grazie comunque per la sponsorizzazione di questo devo dargliene atto

  • Assio,
    Peccato che sarà serie D, seno’ con un Camillo Ciano in questa forma vincevamo il campionato di serie B a mani basse…

    • se e con galeazzo ciano vincevamo la campagna di etiopia

  • Por diaul d’un bargamasc! Per rispetto alla sua pacatezza (forse troppa) ed alla sua mancanza di entusiasmo (non da ora e forse pure troppa) sarebbe opportuno che non le rivolgesse più domande siffatte perché viene il dubbio: risponde senza capire quel che dice oppure non ha ancora capito come “ragiona” il mondo del cosiddetto tifo. Anche i più sprovveduti sanno benissimo che se la squadra non gira (in tutte le categorie, dai professionisti ai dilettanti) nel migliore dei casi la maggior parte non va a vederla, mentre spesso nelle attuali becere mode i tifosi oggi arrivano a ben peggio.
    Mah! Diamogli atto che forse in una stagione come questa comunque la dignità non gli è mancata. Per il resto stendiamo velo…

  • Ragazzi e direttore avete visto a varese e cagliari..a noi dopo tutto quello che abbiamo passato non sarebbe mai venuti in mente di fare tutti quegli atti vandalici e quant’altro! ..parma e i tifosi del parma x me non retrocedono..signori d’animo si nasce! Un applauso a tutti noi!..bella lezione a tutt’italia

  • È proprio questo che non riesco a capire è vero che ci vogliono i soldi per la b ma facciamo caso ci vogliono 40 45 milioni saranno anche tanti ma hai comunque un patrimonio dove puoi vendere per recuperare soldi oltre al paracadute e in più hai una rosa già pronta per la b aggiungendo magari alcuni prestiti da squadre di serie a se invece parti dalla d all’inizio non paghi niente ma comunque non avendo appunto niete dovresti investire per ritornare nel calcio che conta questo per concludere mi fa pensare che chi vi vuole in d non ha nessun progetto di riportarci in a perché alla fine per tornare sempre quei soldi ci vogliono(10 paracadute Mauri defrel mirante belfodil non li prendiamo altri 10 ancora)

  • Il problema è che la Parma che conta vuole la D…tutti degli industriali accattoni che non han mai messo un euro nella squadra della loro città …di che comprino la Reggiana.
    Purtroppo ormai per la B non ci sono più i tempi, ritiriamo sta squadra intanto che siamo ancora in tempo!, e facciamo un po’ di casino in serie A

  • Direttore, oggi per la prima volta ho visto su sky la nota trasmissione “alza su la testa”, devo dire che nelle precedenti puntate mi sono rifiutato di vederla per una questione di principio, rifiutando fin dall’inizio di ricevere un pseudo aiuto da un sistema corrotto fin dall’inizio. Comunque tornando al reality, il titolo esatto dovrebbe essere “abbassa la testa”, e di reality non c’e’ assolutamente nulla, quando vedo interviste dall’allenatore attraversando dirigenti poi massaggiatori, magazzinieri e fino ad arrivare all’ultimo dei custodi, ho solo voglia di ridere, tutti santarelli truffati e ingannati dal duo ghiro & leo (ma nessuno dichiara che anche il leo era uno stipendiato e anche lui forse non ha percepito gli stessi stipendi), tutti non sapevano, tutti fino al 15/11 vivevano e lavoravano come le scimmie sopra un albero di banane incuranti e senza sapere cosa accadeva sotto l’albero….ma che ridere…ma pensano veramente che tutti noi (anche se la percentuale e’ alta) siamo un bel gruppo di coglioni ?? Che stiamo credendo a tutto e tutti ?? Poi per non parlare delle singole interviste…tutte seguono lo stesso monologo Melliano, e posso permettermi allora di dire che i veri allocchi che hanno abboccato a tante cazz… Melliane sono proprio i protagonisti del reality che si sono fatti lavare il cervello dalla persona piu’ interessata che il Parma continui ad esistere e solo per i propri interessi come ho gia’” scritto altre volte. Poi parlare del fuo curatori intervistati (con alle spalle inquadrato sempre il falso eroe…ma solo per i boys), che rilasciano dichiarazioni come star del cinema. Chiudo dicendo direttore che prima la criticavo ma la sua sempre equilibrata espressivita’ mi ha fatto ricredere, le chiedo umilmente scusa e mi auguro che si incominci ad indagare anche sul burattinaio del centro sportivo di collecchio. Mi auguro a differenza del secondo eroe (tra pochino lo diventera’ anche palladino) alessandro lucarelli che augura un anno per ogni punto tolto che la giustizia faccia velocemente il suo corso…magari anche per altre cose. E sull’affermazione del capitano sarebbe stato opportuno allora dichiarare che per il debito sportivo tutti i giocatori dovrebbero decurtarsi 50 mila euro per ogni partita e punto perso quando dal 30/8 al 15/11 erano in ferie facendoci vergognare per le loro prestazioni.
    Di nuovo direttore grazie
    Matteo b

  • Il problema è che l’unico industriale locale che potrebbe prendere il Parma, senza alcuna difficoltà finanziaria (ogni anno mette a bilancio 300 milioni per pubblicità), non è assolutamente appassionato di calcio, anzi lo considera anche un po’ diseducativo per i giovani.
    Mentre gli altri pensano che partendo dalla D con un costo minimo si possa risalire spendendo meno che prendere il Parma oggi dal fallimento, opinione condivisa anche da alcuni tifosi.
    Mentre al primo non contesto nulla perché ognuno è libero di spendere i propri soldi come meglio crede e di avere le proprie idee.
    Agli altri, comprendendo anche i tifosi, dico solo di verificare un attimo quanto il sig. Vigorito ha investito nel Benevento, da quando lo ha rilevato, con l’obiettivo di fare la serie B (se aspettava e prendeva il Parma avrebbe speso molto meno) ed è ancora in Lega Pro ed anche quest’anno la promozione sarà difficile.

  • Quindi dottor MAJO lei preferirebbe il MILLEPIEDI a giocare in serie D con parrucchieri, idraulici, studenti, falegnami come giocatori che a una B con TACI.Io rispetto la sua opinione ma mon la condivido.In serie D sarebbe uno smacco totale.Sarebbe fallimento EFFETTIVO e nessuno prenderebbe più un euro. inoltre il suo sito che reputo semplicemente eccezionale con un giornalista come lei di gran classe e competenza verrebbe chiuso,lo stadio Tardini sarebbe anch’esso chiuso per le spese che una squadra di D,non riuscirebbbe a pagare,e con il Cooconn come dice lei o con il.MILLEPIEDI come dico io IL CALCIO A PARMA SAREBBE FINITO.ln quanto a GHIRARDI io sono una persona per bene ma appunto per questo mi auguro che la giustizia lo colpisca come va colpito.Io CHIEDO SOLO CHE SE C’È BANCAROTTA FRAUDOLENTA LA GIUSTIZIA FACCIA IL SUO CORSO e non venga tutto insabbiato perché se hai soldi hai una giustizia,se non ne hai,ne hai un’altra. SE GLI DARANNO MENO DI SEI ANNO EFFETTIVI DI GALERA,sarebbe palese,la giustizia italiana non funzionerebbe questa sarebbe la prova.Se fossi un giudice gli mangerei SE COLPEVOLE,tutte le proprieta’Si SONO UN FORCAIOLO E ME NE VANTO MA SOLO PER GHIRARDI.NON LO NASCONDO.DOPO QUELLO CHE GHIRARDI HA FATTO AL PARMA VOGLIO VENDETTA e non porgero’ mai l’altra guancia,Se la giustizia lo riducesse a clochard,sarei il piu felice del mondo.

    • Allora: se lei mi chiede se preferisco la B o la D le rispondo senza dubbio la B.

      Ma se lei mi pone la domanda tra la B con Taci e la D con i Cocoon le rispondo la D.

      Sul suo forcaiolismo (e sul forcaiolismo di tanti altri) mi sono già espresso: la vendetta (del resto come il dente avvelenato) non rientrano nel mio modo di pensare.

      cordialmente

      Gmajo

      • eh no, quando e’ ora di infierire nessuna pieta’ che siano scafisti o circonventori di incapaci

  • The Return

    secondo me vi siete solo fraintesi, non ne farei un caso

    • Mah: alla fine mi avrà frainteso lui… O forse mi ero espresso male io… Comunque nessun caso, ci mancherebbe altro. Ma trovo ridicolo che chi condivideva tutto con Ghirardi e Leonardi oggi venga a dire a me (proprio a me) di prender posizione…

      Cordialmente

      Gmajo

  • Signori non rivanghiamo il passaro se pur recente..la B pare lontana purtroppo..la D molto probabile anche perché inevitabile! La B la vorrebbe chiunque è ovvio, ma se non con persone ben visibili e soprattutto con soldi puliti è meglio lasciare stare!Io non vorrei l’ennesimo accanimento terapeutico, e passare tutta la prossima stagione a capirecse i soldi li cacciano o no! I

  • Quando capirete che in serie D con il MILLEPIEDI rimmarremo con il Fidenza una vita,allora capirete che è meglio non iscrivere la squadra al prossimo campionato.

    • Come se non iscrivere la squadra al campionato cambiasse qualcosa rispetto al fosco scenario da lei ipotizzato…

      • Non iscrivendo la squadra al prossimo campionato di série D, cambierenbe la nostra dignità. MEGLIO L’AUTANASIA che non sapere neanche di essere al mondo.

  • Scusi direttore, le chiedevo se poteva chiedere ai suoi esperti se quello che probabilmente succederà a Padova potrebbe succedere anche al Parma nella malaugurata ipotesi della serie D
    Le riporto il link della notizia
    http://mattinopadova.gelocal.it/sport/2015/04/08/news/ora-e-possibile-da-biancoscudati-si-tornera-ad-ac-padova-1910-1.11195758
    Anche se il vecchio Padova non è ancora fallito, come pure il Siena nonostante si continui a dire che sono fallite, ed il Padova è ancora affiliato alla FIGC, mentre il Parma purtroppo è già fallito.
    Grazie.

    • Interessante segnalazione. Ne parlo con gli esperti e vediamo cosa ci rispondono…

      (anche se ci sono alcuni passaggi che non mi convincono, circa l’attuale normativa: il paragone con la Florentia e la Fiorentina non sta in piedi per via della abrogazione del Petrucci…)

      Cordialmente

      Gmajo

  • io voglio andare un po controcorrente e dico che la B non è impossibile
    giorni fa si diceva che i veri interessati all’acquisto sono quelli che non si espongono e rimangono nell’ombra
    allora voglio pensare che questo silenzio che sembra calato intorno alla societa’ sia di buon auspicio…voglio pensare che qualcuno il giorno dell’asta esca fuori e ci faccia la sorpresa
    almeno fino a quel giorno pensiamo positivo …

  • Majo,
    Okay che Taci non sarà uno stinco di santo, però chiunque piuttosto di questi industriali di Parma vergognosi…vogliono mettere 150mila euro a testa???? Ma non si vergognano????
    Non devono azzardarsi a comprare il Parma!!! Di che vadano a Reggio a fare delle porcate del genere!!!!

    • Anch’io voglio fortemente la B e non è che simpatizzi parecchio per i cocoon o per le tavole apparecchiati da sistemi forti o poteri, tuttavia, visto che la domanda di velenoso verteva se preferivo taci o i “millepiedi”, come li chiama lui, ho scelto questi ultimi turandomi parecchio il naso. Il perché non mi va Taci l’ho spiegato in tutte le salse.

      Cordialmente

      Gmajo

  • Io non voglio che questi spilorci figurino come i salvatori della città…non hanno mai fatto niente per la loro città…
    Sul ridurre il debito del 70% mi sembra difficile, ci sono giocatori nella rosa attuale che storcono il naso figuriamoci i Cassano, Pozzi, Felipe etc se accetteranno di rinunciare ad 1 euro di quello che gli spetta…il Parma doveva smettere di giocare dopo la partita pareggiata a Roma!

  • Direttore secondo lei con questa cordata locale partendo dalla d avrebbero poi la forza per tornare in A?io credo proprio di no per i motivi che ho elencato in un mio commento precedente volevo sapere una sua opinione

  • Gabriele, ti chiedo due cose forse hai già risposto, non so:
    -la perizia può essere riformulata. E’ stata fatta da gente che di calcio non capisce un tubo, zero assoluto. Ci può essere qualcuno che dica ai due presidentini che il Parma vale molto meno?
    -Nel caso fosse tenuta buona la perizia la base d’asta parte da quella cifra?

    • Potrebbero eccepire gli stessi Curatelli committenti o il giudice rogato (anche se avrebbe forse dovuto approfittare della riunione del 15 aprile) o il comitato creditori di cui fa parte lucarelli.
      Penso che il giudice non possa discostarsi molto dal valore peritale (peraltro molto impreciso: mai visto un range così…) per fissare il prezzo base.
      Ciao
      Gmajo

      • gabriele, però da reminiscenze universitarie il prezzo di vendita deve tenere conto dei debiti, del mol, ecc ecc Se tu hai asset per 25 e debiti per 30, e una società in b che incasserà poco dalla pay tv il prezzo d’asta, a sentimento, non può essere sopra i 10 mln, ma neanche per idea, per me deve essere sui 5 massimo. Il prezzo di vendita non può tenere conto solo degli asset.

    • scusa eh stiamo parlando di calcio o di fallimento di una societa’ con tanto di forma giuridica no cosi ‘ visto che stai dicendo che di calcio non capiscono un tubo ,lei invece di cosa si intende scusi di figurine panini ?

      • Quando il Parma fallì durante il crac parmalat venne chiamato come tecnico per la perizia Pecci, qui è stata chiamata gente che non sa nulla di calcio.
        Stai calmo assioma, leggi bene, non mi riferisco a Guiotto e Anedda, ma chi ha fatto la perizia degli asset

        • dunque bimbo io sono calmissimo te piuttosto stai dando dell’incompetente a pubblici ufficiali e poi mi porti l’esempio della parmalat si vede che sei esperto nei paragoni improponibili o quantomeno non sei un creditore privilegiato o anche chirografaro altrimenti parleresti diversamente,che se devo prendere dei soldi dal parma fc per pagare le bollette o i miei dipendenti sai dove te la puoi mettere la tua competenza calcistica ? cosi eh in amicizia

          • e se vuoi ti aggiungo anche il milione e due che deve prendere il comune che poi fa i tagli all’assistenza ai disabili mo reva gli oc

          • Ciccio, modera i toni. In qualsiasi caso per fare le perizie si chiamano degli ESPERTI TECNICI. Non me ne frega niente dei creditori, in genere si mandano dei tecnici come nel caso di Eraldo Pecci. Qui han mandato a fare la perizia gente che non viene dal mondo del calcio.

  • cioe’ quando gli fa comodo gli cioccano dentro di tutto a ste cazzo di societa’ calcistiche per gonfiarne il valore in maniera fittizia,poi quando e’ ora di chidergli il conto cosa facciamo diciamo che stavamo scherzando ? mo di lavor compagni a perma

    • Ghirardello

      In soldoni e’ cio’ che sta emergendo…..
      Un po’ come chi traffica con le automobili…
      Quando te la vai a comprare e’ un affare sicuro, un assegno in tasca che sempre incasserai…
      Te la vai a riconsegnare (allo stesso concessionario) un anno dopo…no,adesso il mercato e’ cambiato ne ho gia’ due “dentro” di colore diverso che nessuno mi chiede…
      Cosi’ funziona…

  • Buongiorno a tutti,
    la situazione è veramente incredibile chi prima era un “pirla” ora è diventato un eroe.
    Per mesi si è detto di tutto a giocatori, staff tecnico e compagnia cantando, Io compreso, oggi questi sono diventati i paladini della giustizia, gli eroi del calcio italiano e tutti adesso si accorgono che a Parma c’è un problema. Prima nessuno sapeva nulla? Lunedì a Bar Sport Mauri, beata gioventù, ha detto che dentro sapevano ciò che stava accadendo.
    La querelle B/D nasce unicamente perchè da parte di molti c’è la voglia di ricominciare da capo dopo tutto quello che è successo. Questo dal punto di vista morale sarebbe corretto, poi è evidente che ripartire dalla D vorrebbe dire dare l’addio al calcio professionistico per molti anni.
    Una cosa però mi infastidisce molto e cioè che si continua a dare degli spilorci agli industriali di Parma perchè non sono interessati a salvare il Parma in B: credo che ognuno deve essere libero di fare ciò che ritiene senza sentirsi in obbligo di farlo perchè gli altri lo esigono.
    Sinceramente se fossi un industriale di Parma farei 2 conti e se salvare il Parma può mettere in ginocchio la mia azienda penso proprio che non mi interesserebbe questo salto nel buio.
    Le critiche ai curatori che non sanno nulla di calcio mi sembrano un pò fuori luogo i curatori devono cercare di trovare il modo per mandare avanti la società, che non ha soldi in cassa e neppure entrano visto che è stato tutto girato alle banche, e di verificare se esistono le possibilità per vendere la società calcio incassando il più possibile.

    Tutto questo mi ricorda il buon Lotito che salvò la Lazio del crac Cirrio ma è stato contestato da sempre perchè poco propenso a spendere soldi, noi invece abbiamo avuto un presidente che ci ha illuso con qualche anno decente e adesso paghiamo tutto questo.

    Si continua a pensare che il calcio sia un mondo a parte dalla vita reale dove si dice che a Dybala, classe 1992, verrà proposto un aumento di stipendio perchè prende solo 800.000 euro (Paolo Bargiggia Sport Mediaset).

    Se qualcuno serio prende il parma in B bene altrimenti sarà serie D o quello che sarà. Non so se avete una idea di quanti sport a Parma non esistono più e prima erano sport dove Parma vinceva scudetti.

    Per chiudere il cinquantello di Manenti era impossibile che arrivasse hackerato o non perchè esiste una legge sull’antiriciclaggio e se non si sèpiega da dove arrivano i soldi il bonifico viene rifiutato soprattutto se questi soldi venivano spesi immediatamente.

    Scusate la lunghezza.

  • Giorgio condivido in toto, anzi e’ stato anche leggero.

I commenti sono chiusi.