IL MAJO DESNUDO, lo spin-off dell’Ubi Majo: il Majometro dei crociati prima di Lazio-Parma

(Luca Savarese) – La Lazio del parmigiano Pioli e dell’ex crociato Parolo che sta lasciando un po’ tutti senza parole per una stagione vissuta ad altissimi livelli: in piena lotta per il secondo posto con i cugini giallorossi e con il Napoli e già in finale di Coppa Italia, dove se la vedrà contro la Juventus. Ma prima c’è il campionato che oggi oppone i biancocelesti al Parma, trafitto, colpito ed affondato per le note questioni societarie, ma più che mai disposto, fino alla fine, a non darsi per vinto, come i punti, raccolti nelle ultime uscite, dimostrano.

Lazio-Parma, partita di tanti doppi ex, noi ora però non ad un ex vogliamo pensare, ma ad uno che c’è e che è già pronto a darci le ultime dritte, in questa consueta chiacchierata pre-gara con lui. Gabriele Majo, quindi, linea e parola, a te.

A Roma col ponentino. Nell’ultima gara giocata al mercoledì, i crociati caddero a Genova. Ma se oggi i ragazzi saranno quella banda coraggiosa e convinta vista contro il Palermo…Insomma le Klose per la Lazio, non saranno poi così scontate?

“Almeno in questo finale di campionato i donadoniani ci stanno donando soddisfazioni: per par condicio dopo aver battuto la Juve dovrebbero far altrettanto con chi li tallona, sia pure a distanza di sicurezza, alias la Lazio. La faccenda è che gli uomini di Pioli mi paiono ancora molto in tiro, mentre i bianconeri stan cedendo proprio ora qualcosa. Come valori sulla carta non c’è partita, ma da quando è scattata l’alchimia anche sulle vette più invalicabili i nostri sono pronti a issare la bandiera crociata: peccato che la penalizzazione abbia vessato le ambizioni della Pazza Idea. E’ vero che l’ultima infrasettimanale, a Genova, non coincise con un risultato positivo, però ricordo ancora bene quanto i crociati stupirono a Roma, bloccando i giallorossi, dopo aver ripreso ad andare in campo..:”

Ti aspettavi il parmigiano Pioli così bravo non solo dal punto di vista tecnico, ma anche a non farsi schiacciare, al suo primo anno a Roma, dalla pressione mediatica, che, nella capitale, sappiamo non essere certo fioca?

“Stefano è stato bravo soprattutto sul campo a far rendere la Lazio oltre ogni benché lecita aspettativa. Ed è chiaro che il miglior alleato di Pioli, anche dal punto di vista mediatico, sono i risultati. Quando si vince – e quando si tiene alle spalle la Roma – anche le terribili radio romane a tinte biancazzurre sono abbordabilissime. Meno quanto le cose vanno male…”.

Ghezzal, Belfodil, Coda? Chi si fa preferire da te, di questi attuali uomini offensivi crociati?

“Il borsino attuale indica Belfodil, purché, come direbbe Donadoni l’algerino si metta anche ad ascoltare oltre che a sentire. Dopo essersi sbloccato a Empoli, il coach lo ha utilizzato part time anche col Palermo, magari sperando di nuovo nell’effetto positivo di un ingresso con gol. Al momento mi pare il più in forma del pacchetto avanzato. Il meno dotato è Ghezzal, mentre Coda si è visto bagnare le polveri dall’infortunio, anche se domenica, coi rosanero, ha colto quella gran traversa…”

Forza Parma!!!

Oggi, giocando a Roma, facciamo un salto nei Musei Vaticani. Diamo uno sguardo, anche se uno mica basta, alla Cappella Sistina e troviamo gli affreschi michelangioleschi, commissionati al pittore fiorentino da Papa Gulio II. Tra questi figura anche il profeta Isaia. Colto in tutta la sua ieraticità, autorevole, come questa stagione della Lazio, in lotta per il secondo posto. Anche in casa Parma, questo Isaia, potrebbe incarnare quel disco intitolato A testa alta, che fino al termine del campionato, ci auspichiamo il Parma, non possa più togliere dal suo giradischi.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

79 pensieri riguardo “IL MAJO DESNUDO, lo spin-off dell’Ubi Majo: il Majometro dei crociati prima di Lazio-Parma

  • 29 Aprile 2015 in 01:32
    Permalink

    Ma Palladino e` morto?

  • 29 Aprile 2015 in 12:01
    Permalink

    Majko volevo una tua opinione per quanto riguarda i punti restituiti a Reggina e Novara dopo la sentenza sugli incentivi all’esodo…alla fine aveva ragione il Bresciano?

      • 29 Aprile 2015 in 15:25
        Permalink

        è però non mi hai risposto cosa ne pensi di questa cosa?!?!

          • 29 Aprile 2015 in 16:20
            Permalink

            A proposito della continua decurtazione/restituzione di punti che coinvolge diverse squadre tra B e lega Pro (Reggina e Novara in primis) anch’io sono curioso di sapere se non ci sarebbero gli estremi per un ricorso, in modo da farsi restituire qualche punticino…almeno quello relativo ai famosi pagamenti irpef dell’anno scorso…

          • 29 Aprile 2015 in 17:10
            Permalink

            alla fine solo noi abbiamo pagato questa cosa degli incentivi all’esodo…non parlo di europa league ma del punto che ci hanno tolto…se questa sentenza farà da legge sulla storia degli incentivi all’esodo saremo l’unica squadra ad aver preso un punto di penalizzazione per questo.

            Anche perchè noi il ricorso lo avevamo fatto ed è decaduto dopo tanti mesi,mentre per reggina e novara hanno accettato il ricorso ad una sola settimana di distanza.
            Due pesi e due misure!

          • 29 Aprile 2015 in 17:12
            Permalink

            Amen. Non penso sia determinante quel punticino a sto punto. Poi sul principio…

          • 29 Aprile 2015 in 23:26
            Permalink

            Bè signor Maio è più che determinante.. Perché vorrebbe dire che la partecipazione uefa ci è stata negata ingiustamente.. Avremmo preso un po’ di soldi dall’uefa e qualche soldo in più dagli sponsor.. Il morale del bresciano sarebbe rimasto alto e forse un compratore si trovava più facilmente.. È cambiato tutto con quella sentenza…

  • 29 Aprile 2015 in 12:24
    Permalink

    nessuna cattiveria ma ,
    speriamo che non si presenti nemmeno a ritirare lo stipendio
    e se si presenta deve andare da chi da tre anni lo riconferma !!!!!!!!!
    balord

  • 29 Aprile 2015 in 13:38
    Permalink

    Intervistato dalla Gazzetta dello Sport, l’allenatore Davide Ballardini, ex vincitore del campionato Allievi nel 2004 sulla panchina del Parma, ha detto la sua sulla corsa per la salvezza, da cui la squadra crociata è però ormai esclusa: “Dietro direi che il Parma è irrimediabilmente staccato”. Anche se, ha aggiunto Ballardini, “le ultime prestazioni dimostrano che nonostante i tanti problemi societari, che non sono stati certamente risolti, questa squadra ha ottenuto meno di quanto potesse. Il discorso sugli stipendi non pagati regge, ma fino a un certo punto. Al giorno d’oggi ci sono migliaia di operai che lavorano 10 ore al giorno per imprese in crisi, ma non è che il rendimento sul lavoro debba calare per questo…”.

    GRANDE BALLARDINI…parole sante

    • 29 Aprile 2015 in 14:32
      Permalink

      infatti simone t…………..anch io la penso esattmente così…..e a me della testa alta, l orgoglio e del amore professato nei confronti della maglia, gente e città che è nato solo post fallimento, non me ne faccio niente…..si poteva e SI DOVEVA GIOCARE LE PARTITE A SUO TEMPO!!!! oltre alle colpe di taci …ERA OBBLIGATORIO GIOCARE DA PROFESSIONISTI NONOSTANE LA SITUAZIONE NON FOSSE FACILE,MA CI SI POTEVA SALVARE DAVVERO….un parma in serie A sarebbe stato appetibile, ora si sentono solo chiacchiere da bar che riempiono la bocca….e fanno girare le palle soprattutto

  • 29 Aprile 2015 in 14:07
    Permalink

    Un po mi dispiace x la salernitana!..hihi

  • 29 Aprile 2015 in 14:29
    Permalink

    Quante probabilità ci sono che il Carpi giochi al Tardini il prossimo anno?

      • 29 Aprile 2015 in 14:40
        Permalink

        Per evitare il “tototardinialcarpi” e relative percentuali di riuscita sarebbe sufficiente una chiara,netta ed esaustiva presa di posizione da parte del titolare dell’impianto…la municipalita’.

          • 29 Aprile 2015 in 14:48
            Permalink

            Allora basta dirlo…un bel comunicato e via…
            Si e’ sistemato il mondo…

          • 29 Aprile 2015 in 14:52
            Permalink

            Mi pare prematuro. Intanto perché non è l’unica opzione e poi perché se il parma dovesse restare in b si potrebbe anche evitare di alienare lo stadio o condividerlo

  • 29 Aprile 2015 in 14:33
    Permalink

    Secondo lei il pubblico di Parma sarebbe “coinvolto” dall’entusiasmo bianco-rosso?

      • 29 Aprile 2015 in 16:27
        Permalink

        Ciò che mi convince poco è il fatto che in caso di Domodossola e di Carpi in serie A al Tardini, in città sarebbero contenti solo i tifosi delle strisciate che avrebbero comunque il loro bello spettacolino e ci sarebbe quindi meno spinta, come dire, meno impulso, a far tornare il Parma in serie A…non dimentichiamo inoltre che in quel di Reggio l’avvento del Sassuolo ha portato molti sponsor del territorio a ridirezionare le proprie risorse sui modenesi a causa della loro maggior visibilità…pensiamo anche solo alla cartellonistica pubblicitaria all’interno dello stadio…

        • 29 Aprile 2015 in 17:14
          Permalink

          Volevo rispondere a te, e invece mi son sbagliato e ho indirizzato a federico… Perdonate l’arterio… Quindi trovi lì la risposta…
          Cordialmente
          Gmajo

          • 29 Aprile 2015 in 17:25
            Permalink

            Grazie. Spero vivamente che il mio sia un ragionamento tirato, ma dimenticarsi il passato ed assuefarsi rapidamente allo stato delle cose, accontentandosi di magrissime consolazioni è un tratto tipicamente parmigiano in ambito non solo calcistico sportivo.

          • 29 Aprile 2015 in 17:27
            Permalink

            Vero. Ma siamo orgogliosi e non ci piacciono i surrogati

  • 29 Aprile 2015 in 15:01
    Permalink

    Filippo 1968 la pensi esantamente come te..si parla ogni giorno di dignità e sinceramente sta cosa ha rotto veramente il cazzo. Bastava veramente pochissimo quest anno per salvarsi e nonostante le vicissitudini societarie che sicuramente non hanno aiutato, ad oggi dovevano almeno almeno essere in lotta x non retrocedere. Invece hanno inanellato prestazioni indecenti, facendo errori che nemmeno negli amatori. E ora tutti a battere le mani e a farli passare da eroi. Mi spiace ma gli unici eroi sono stati e sono i dipendenti non i calciatori… X il resto stendiamo un velo pietoso

    • 29 Aprile 2015 in 15:15
      Permalink

      Quoto in pieno.
      E aggiungo…guarda caso gli unici che non hanno mai parlato, che non sono mai (o quasi ) stati intervistati, gli unici che non si conoscono e nemmeno si sa co esattezza quanti siano…

  • 29 Aprile 2015 in 15:28
    Permalink

    direttore oggi un mio amico mi ha detto che il parma andrà ad un imprenditore di Modena che avrebbe a che fare con oli per motori…
    io ve la butto lì niente di ufficiale solo voci (molto probabilmente infondate )

      • 29 Aprile 2015 in 15:42
        Permalink

        Io ribadisco che ad un’asta vince chi offre di più…..

          • 29 Aprile 2015 in 15:49
            Permalink

            Questa inve l’hai fregata a Leonardi…il caffe’ lo paghi a lui…

          • 29 Aprile 2015 in 15:52
            Permalink

            Dovreste pagarmi voi per il servizio amplificazione. virale.
            Andiamocela a riprendere…

          • 29 Aprile 2015 in 16:28
            Permalink

            Assolutamente vero, il fatto è che purtroppo vedo che tutto sta andando in una direzione,che anche a lei poco piace….spero di sbagliarmi ma tutto questo mi sembra molto più che indirizzato…
            Ps: sperando di sbagliarmi soprattutto perché se no i dipendenti sarebbero i primi a risultare cornuti e maziati

          • 29 Aprile 2015 in 17:07
            Permalink

            Che ci possano essere reinvestimenti è pacifico, ma che questo significhi che si perda interesse per il ritorno in a del Parma mi sembra un po’ tirato…

    • 29 Aprile 2015 in 15:36
      Permalink

      ..scivolose direi…

    • 29 Aprile 2015 in 17:14
      Permalink

      ma esistono aziende di modena che fanno oli per motori?a me non ne viene in mente neanche una!

  • 29 Aprile 2015 in 15:32
    Permalink

    Io non ho capito una cosa. Domani ci dovrebbe essere il passaggio in merito all’esercizio provvisorio. Ma sto c..o di debito sportivo dopo che i curastars due settimane fa davano già come fatta la riduzione a non si sa quanto, che fine ha fatto?
    Penso sia una cosa non banale anche per chi volesse comprare.

    Saluti

    • 29 Aprile 2015 in 15:41
      Permalink

      Come immaginavo la presa di tempo di due settimane fa riguardava la riduzione del debito dello stesso esercizio provvisorio e non del consolidato stagionale (usato come scusa). Da allora ad oggi può anche darsi sia cambiato qualcosa, ma non è stato ufficializzato, anche se resta inquietante la testimonianza di rispoli cui non sarebbe ancora stato chiesto alcunché. Testimonianza avallata dall’agente fifa cataliotti che a calcio E calcio lunedi sera aveva a propria volta riferito che alcuni calciatori della pesca a strascico di sua conoscenza non sarebbero stati contattati. Speriamo non ci siano altre strane sorprese

      Cordialmente
      Gmajo

    • 29 Aprile 2015 in 15:50
      Permalink

      No. Quello mai. Io sono per il Tifo pro. Mai quello contro

      • 29 Aprile 2015 in 16:02
        Permalink

        Gia’…avra’ paura di incontrare me….

  • 29 Aprile 2015 in 16:02
    Permalink

    Infatti.. La dichiarazione di rispoli aveva lasciato perplesso pure me, e come al solito Majo è l unico che coglie certe cose, perché se aspettiamo quelli della gdp stiamo veramente freschi… Alla luce di quanto detto direttore, considerando che lei è più” dentro “le notizie di noi semplici tifosi, che idea si è fatto? a cosa allude quando parla di strane sorprese?

    • 29 Aprile 2015 in 17:16
      Permalink

      Che a regola di briscola, ai sensi di quanto era stato dichiarato dalla curatela due settimane fa a proposito del senso dell’ esercizio provvisorio finalizzato alla vendita, che ho molti dubbi ci siano i presupposti…

  • 29 Aprile 2015 in 16:02
    Permalink

    si ma se ci mettiamo nei panni di uno interessato, che c…o capisce della situazione?Secondo me son stati fatti dei comunicati stampa alla borsa di cane,tanto per farsi vedere e si è dato molto per scontato come se Albertini fosse il toccasana per i mali. Se oggi l’emiro del Gibuti volesse comprare sa quanto deve sborsare per iscriversi in b?Ed in teoria la settimana prossima c’è la prima asta.

    • 29 Aprile 2015 in 16:30
      Permalink

      L’emiro di gibuti deve entrare come ogni altro interessato al business deve accomodarsi nella dark room ove troverà tutto il necesario…

      • 29 Aprile 2015 in 16:39
        Permalink

        Un emiro gibutano in una dark room….
        Majo nemmeno nel porno casereccio amatoriale di infima categoria si vede certa roba….

        • 29 Aprile 2015 in 16:49
          Permalink

          Ah scusate, mi ero sbagliato… Intendevo nella virtual data room…

          • 29 Aprile 2015 in 16:55
            Permalink

            Se non ci fossi io a correggerti…scivoleresti su certe bucce di banana…

  • 29 Aprile 2015 in 16:09
    Permalink

    All’asta si presenteranno paperino e pippo……

  • 29 Aprile 2015 in 16:30
    Permalink

    La vera domanda è: Direttore, lei crede che ad una delle aste si presenterà qualcuno?

    • 29 Aprile 2015 in 16:52
      Permalink

      Alla quinta non lo escludo. Prassi comunque singolare, peraltro adeguata a tutto il resto…

  • 29 Aprile 2015 in 16:40
    Permalink

    ma il fondo canadese già è scomparso? i giocatori del parma sn stati proprio dei brocchi a credere a tavechio. nn vedo l’ora che finisca questo campionato nn se ne può più che schifo parma merita altro nn l’elemosina .

    • 29 Aprile 2015 in 16:59
      Permalink

      Caro Angelo il vecchio compianto Vujadin Boskov spesso ripeteva:-
      “testa di giocatore,…buona per portare cappello”…anche stavolta credo che la faccenda non sia stata smentita..

    • 29 Aprile 2015 in 17:09
      Permalink

      Non ce n’era bisogno ma ti segnalo che 10-15 gg fa uno dei fondi nominati dai media ha smentito.
      Al di là dei Canadesi preoccupa il fatto che pare non s stia facendo nulla per ridurre il debito sportivo, se il debito verso gli esodati rimane 20 il totale è un investimento da sceicco coraggioso

      • 29 Aprile 2015 in 17:27
        Permalink

        Quello e’ nella dark room assieme a Majo…piu’ coraggioso di cosi’…

          • 29 Aprile 2015 in 17:55
            Permalink

            Non faccio i salti di gioia, ma purche’ non..sodomizzato..potrebbe pure andarmi bene…

  • 29 Aprile 2015 in 17:36
    Permalink

    gabri,

    Il Parma non è stato condannato a morte da TACI come tu sostieni ma da quando sono stati nominati ANEDDA E GUIOTTO…incaricati dall’UPI perchè sia serie D…così il loro piano pubblicitario può iniziare….

    • 29 Aprile 2015 in 17:47
      Permalink

      Credo che per loro sarebbe un flop tremendo. Visibilità positiva ce l’hanno col salvataggio della b, obiettivo dichiarato. Se no è un notevole autogol comunicazionale. Cmq se i mandanti fossero quelli dell’upi avrebbero dovuto spiegar meglio loro la mission…
      Tornando al commento di stamani: come Ti è balzato in mente che l’upi o i cocoon possano rivolgersi proprio a me?
      Cordialmente
      Gmajo

    • 29 Aprile 2015 in 17:55
      Permalink

      il parma è stato inguaiato x prima da ghirardi e poi tutta la baracca a pressoperciò .nn credo che anedda e guiotto hanno condannato il parma loro stanno cercando in tutto il modo di salvare la serie b più di questo nn posso fare.

  • 29 Aprile 2015 in 17:54
    Permalink

    Lo so che sarai il nuovo addetto stampa del Parma in Lega Pro, così avrebbero il monopolio di tutto a livello di stampa…rimarrebbe solo il buon Fabris però troppo tifoso per certi versi per cogliere certe nefandezze.

    Ti dirò di più, penso che se Pietro avesse salvato la baracca, ti avrebbe fatto entrare in società, una volta che Tommasone fosse fuori dai giochi!!!!!

    • 29 Aprile 2015 in 18:40
      Permalink

      Non pensi che io sia poco inquadrabile? Magari faran spazio ai giovani come Fabris che non chiederebbero altro…

  • 29 Aprile 2015 in 19:24
    Permalink

    Direttore..no tardini no carpi!..ragazzi dobbiamo essere molti inglesi, ossia il tardini deve essere solo per il parma!..è un simbolo da cui può ripartire la seppur lenta rinascita..sarei cauto a darlo a qualche altro..non siamo reggio emilia!

      • 29 Aprile 2015 in 20:30
        Permalink

        Da quello che so io il Carpi avrebbe offerto soli 400.000€ all’anno per il Gardini…cifra molto bassa rispetto a quanto paghiamo noi…se devono venire qui pagsano il prezzo pieno!se no che vadano al braglia!

  • 29 Aprile 2015 in 20:41
    Permalink

    Ok..al limite la sfrutts la città..con lecaltre discipline..ma non altre società..majo serve x risalire da dove ci cacceranno! X noi tifosi è come la casa la ns. Casa dei parmigiani non dei carpigiani o altri ..

  • 30 Aprile 2015 in 01:09
    Permalink

    All’idea ne hanno in offerta…possono andare li a pigliarlo. Per loro andrà benone.

  • 30 Aprile 2015 in 08:55
    Permalink

    Ma Vai in via del Pallone Tuttologo Sapientone

    Ke ti Aspettono all’ Albergo va là !!!!

    Sai Bisogna essere più Consoni Felsinello !!!!

  • 30 Aprile 2015 in 12:26
    Permalink

    Felsinello è bellissimo..mortadello di più..ahahah

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI