NUOVO PARMA: ECCO TUTTI I PUNTI SALIENTI DEL COCOON PIANO ILLUSTRATO IERI SERA DA ORLANDINI AL CENTRO CIVICO DI MEDESANO

cocoon(gmajo) – Ricordate il film di 30 anni fa  “Cocoon, l’energia dell’Universo”, pellicola nella quale gli anziani protagonisti avevano riacquistato le forze della giovinezza grazie alle abluzioni in una piscina miracolosa? Beh, a me è tornato alla mente nel vedere in azione gli attempati protagonisti (Giorgio Orlandini ed Ermes Foglia, già primattori in analoghe circostanze dopo il fallimento del 1968) che si stanno dando da fare per la nascita del nuovo Parma, progetto che secondo gli arzilli nonnini, anzi papà, troverebbe la propria realizzazione con la serie D. StadioTardini,it, attraverso l’indefesso lavoro di intelligence dei propri talponi, che hanno utilizzato un sofisticato sistema di cimici per le intercettazioni ambientali, è in grado di svelare nei dettagli i punti salienti del programma illustrato iersera da Giorgio Orlandini (che aveva richiesto la massima discrezione,,,) nella sala civica del comune di Medesano, nell’incontro delle ore 18,30 al quale hanno assistito molti imprenditori della zona – radunati dall’indefesso Sandro Squeri, anima con Nello Mendi del locale Parma Club, nonché fornitore e sponsor, attraverso G sport del Parma F.C., oltre al vice sindaco Giovannelli, per la senior compagine c’erano anche Foglia e l’avvocato Piva, in cui si è trattato l’argomento della cordata parmigiana.

Come dicevamo, la cordata è interessata solo alla ripartenza dalla D: ci sarà una società A in cui ogni socio (saranno 12) verserà 140.000 € a titolo personale per capitalizzarla. Ogni socio, poi, a livello aziendale farà una sponsorizzazione. Dell’importo non si è parlato. Non hanno fatto nomi specifici (e questo lo aveva detto anche se non proprio in un modo convincente, anche Chiapponi del Parma Club Happy Life di Felino nella intervista esclusiva che ci ha rilasciato nottetempo), ma hanno di fatto confermato i nomi usciti poche ore prima su StadioTardini.it e pronunciati lunedì sera al Casino Petitot durante l’assemblea con gli aderenti alla omonima associazione e cioè Chiesi, Dallara, Parmalat, Pizzarotti e Barilla, anche se quest’ultimo a titolo personale e non aziendale sarebbe interessato a finanziare solo il Settore Giovanile.

Poi ci sarà la società B in cui i partecipanti acquisteranno quote del valore di 500€ o multipli.
Il denaro raccolto sarà versato alla società A.

Si è parlato anche di tutelare i dipendenti ed il settore giovanile.

E’ stato chiesto se ci sarà spazio per il progetto di azionariato popolare avanzato dalla pagina Facebook "azionariato popolare parma Calcio – il parma siamo noi" e la risposta è stata positiva, nel senso che potrebbero essere acquistate quote tramite l’associazione senza scopo di lucro che i promotori della pagina sui social andranno o a creare. Costoro In pratica cercheranno di far convogliare nella futura associazione tutti i tifosi che non possono versare i 500€, ma che vogliono comunque partecipare al progetto.

Stasera nuova replica di Cocoon, con proiezione al Centro di Coordinamento Parma Clubs, alle 21, nella sala cinematografica di via Minghetti.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

74 pensieri riguardo “NUOVO PARMA: ECCO TUTTI I PUNTI SALIENTI DEL COCOON PIANO ILLUSTRATO IERI SERA DA ORLANDINI AL CENTRO CIVICO DI MEDESANO

  • 1 Aprile 2015 in 09:47
    Permalink

    Che tristezza ragas….

  • 1 Aprile 2015 in 09:50
    Permalink

    Massimo Rispetto x il Dott. Orlandini !!!!

    Persona Competente e Seria !!!

    Altro ke Balle !!!! Con il Cuore si Vince !!!!

    Onore a Màt Sicuri !!!! Ritorneremo Stòpaj !!!!

    Paganè tira Fora i Biadè dai Là !!!!

  • 1 Aprile 2015 in 09:59
    Permalink

    E lei direttore che ne pensa?

    • 1 Aprile 2015 in 11:32
      Permalink

      Io penso che ci siamo fatti prendere per il culo da tavecchio & c. con la storia dell’elemosina che poi vogliono perfino indietro. Con questa hanno ottenuto un esercizio provvisorio utile solo per far stare in vita il morto fino a quando loro fa comodo: dunque se questo esercizio provvisorio non viene sfruttato per mantenere la b (come lo stesso tavecchio aveva affermato nella conferenza stampa con capitan pizza e brunelli) cosa abbiamo accettato da fare? La b è difficile da mantenere, indubbiamente, ma non penso che la via migliore sia mettere insieme una cooperativa come quella che hanno in mente coloro che abusano di gerovital…

  • 1 Aprile 2015 in 10:03
    Permalink

    scusa Gabriele, ma Orlandini non si è detto possibilista per la B? NOn ha parlato di fondo americano/canadese? Come avevi riferito te tra questi imprenditori c’è una componente che vuole B, componente che forse ne sa più di calcio.
    Se sarà D prepariamoci a 900 persone allo stadio (se va bene!)

    • 1 Aprile 2015 in 11:27
      Permalink

      Non so se ci saranno 900 persone e basta o di più. Certo il primo anno potrebbe esserci maggiore entusiasmo per via di questa (non so quanto giustificata) voglia di catarsi.

      Orlandini mi pare di aver capito abbia in testa la D e veda meno di buon occhio la B. almeno questa è l’impressione che ne ho ricavato dai feed back di ieri. Forse, per quanto riguardava il report del Petitot, la mia fonte, più affezionata alla B, ha fatto riferimento a quella possibilità in correlazione al fondo. Ma l’idea è che quelli della tavola imbandita smanino per la D… Riverginità-catartica…

  • 1 Aprile 2015 in 10:07
    Permalink

    Parlando del medesimo argomento con presupposti ben diversi, hai letto Majo stamane Paolo Grossi su “stadio”?
    Interessante articolo nel quale afferma la centralita’ dei prossimi 15 giorni per il futuro(o meno..) della stagione.
    Che ne pensi, che idea ti sei fatto?

    • 1 Aprile 2015 in 11:05
      Permalink

      Non l’ho letto, mi spiace. Ma che il 15 aprile sia fondamentale (proseguirà o no l’esercizio provvisorio) lo sappiamo già dal giorno 19 marzo, essendo che era scritto sulla sentenza del tribunale o dalla prima conferenza dei curatori stars…

      Cordialmente

      Gmajo

      • 1 Aprile 2015 in 12:03
        Permalink

        Quindi in ipotesi se i curatori il 15 aprile dovessero constatare che sono venute meno(a proposito le tue sensazioni e un pronostico) le condizioni per l’esercizio provvisorio… boba le’…campionato finito..
        Ho capito male?
        E poi udienza fallimentare ugualmente per la eventuale aggiudicazione del titolo sportivo…e se dovesse andare deserta quella societa’ proprio morta e se polta e unica ipotesi serie D con altri..
        Ho capito male anche stavolta?

        • 1 Aprile 2015 in 15:14
          Permalink

          Se viene meno l’esercizio provvisorio (il mio pensiero è che non avrebbe neppure dovuto esser concesso, considerate le condizioni, ma visto che lo si è voluto a tutti i costi lo si farà andare avanti, pur senza che ci siano i presupposti fondanti) si ferma l’attività. il che significa che non si gioca più. e si va dritti in d. Senza aste.

          Cordialmente

          Gmajo

    • 1 Aprile 2015 in 10:58
      Permalink

      Non mi esprimo se no viene Stefano Bardini a dirmi che faccio autogol facendo pubblicità a fondi inesistenti…

      Comunque, al di là di tutto, preferisco non partecipare alla caccia al tesoro, manco ci fosse quale premio… Tra gente che prende dei granchi, tra altri che formulano ipotesi più o meno realistiche credo che vi sia già un ampio ventaglio senza bisogno che entri in gioco io. Anche perché quando lo faccio, di solito, è perché ho delle certezze da comunicare. Nel caso specifico non ne ho.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 1 Aprile 2015 in 11:49
        Permalink

        ecco fatto…scritta ieri sera e già la gente sogna…Mat arriva oggi?

  • 1 Aprile 2015 in 10:36
    Permalink

    Questo è un autogol per lei, deve essere bello dare pubblicità a personaggi come Scaccione, ad inesistenti fondi Canadesi, che anche Lucarelli lo sa che è una cazzata, lui lo fa per non danneggiarsi e salvare la faccia, lei lo fa perchè sta tirando gli ultimi respiri prima di dover commentare una stagione di serie D (ottimisticamente) a cui non frega un c. a nessuno.
    Ma dov’è l’autogol? l’autogol sta nel fatto che montate tutte queste storie inventate sfruttando la passione dei tifosi quando la realtà è che non è la B ad essere a rischio ma la serie D, per mettere insieme due milioni ci vogliono 12 persone, io non sono sicuro che si trovi qualcuno che ci metta i soldi per fare la D. lei davvero crede che Dallara, la Parmalat e pizzarotti lasciano in mano la cordata ad uno che non si sa nemmeno se passa il prossimo inverno?
    Qesto è un autogol caro sciacallo.

    • 1 Aprile 2015 in 10:55
      Permalink

      Sciacallo sarà lei, imbecille.

      io non sto sfruttando nessuna passione dei tifosi: io sto solo svolgendo il mio compito di giornalista di informare chi segue StadioTardini.it di tutto ciò che accade attorno al Parma.

      Se lei non fosse un minus habens o uno schifosamente prevenuto nei miei confronti (ed è anche recidivo) noterebbe come il mio approccio al tentativo degli ottuagenari sia piuttosto ironico. E poi non è che parlando di una determinata situazione significa dare appoggio incondizionato.

      Per quanto concerne gli “scaccioni” – se per questi intende l’ex presidente del Frosinone o anche quell’altro impresentabile soggetto di cui non faccio il nome – lei dovrebbe ben sapere che qui, al contrario di altrove dove li amplificano in modo acritico, non hanno trovato spazio. Uno manco menzionato, l’altro, scaccia, lo abbiamo anzi criticato attraverso una ricostruzione delle sue opere e una analisi del sito.

      Per quanto concerne i fondi canadesi la mia posizione è altamente dubbiosa sulla esistenza e l’ho anche detto e rimarcato più volte. Ma lei, evidentemente, non sa leggere o è solo ottusamente prevenuto.

  • 1 Aprile 2015 in 10:59
    Permalink

    Ma dai direttore….non perda tempo a rispondere a dei cretini…

    • 1 Aprile 2015 in 11:34
      Permalink

      Siccome, per spirito libertario, non mi piace cestinare le stronzate alla fine mi tocca di rispondergli come meritano…

      Anzi mi scuso con te e con gli altri lettori se talora perdo il mio proverbiale aplomb per adattarmi alla stupidità di qualcuno…

      Cordialmente

      Gmajo

  • 1 Aprile 2015 in 11:07
    Permalink

    VERGOGNA Lla massima aspirazione che hanno i grandi industriali di Parma è la serie D. Al mio 3 un gran pernacchio da parte di tutta la città !

    PS “dailà” seppure hai ragione sull’infondatezza di certi personaggi e cordate, il tuo intervento mi fa capire non capisci una sega di questo blog, il tuo intervento sembra più di rivalsa nei confronti di majo (che approfitto per mandare a quel paese per par condicio ) piuttosto che di logica e conoscenza. In pratica hai fatto un intervento che poteva essere interessante ma rovinato dalla tua coglionaggine.

  • 1 Aprile 2015 in 11:13
    Permalink

    con questa cordata non vedremo mai nemmeno la C

  • 1 Aprile 2015 in 12:00
    Permalink

    c’è il caso che le quote e le sponsorizzazioni aumentino con il salire di categoria…è ovvio che per la D non puoi mica raccogliere 5 milioni all’anno che poi non usi…

    Facendo i conti 140.000€ x 12 =1.680.000 + una decina di sponsorizzazioni arriverai sui 2.500.00€.

    Quanti soldi pensate che ci vogliano per vincere la D? 5 milioni?

    Non vorrei ripetermi ma l’anno che i crociati vinsero(anche i scioltezza) la serie D spesero meno di 1 milione(750.000€ circa).

    Per il primo anno quelle cifre potrebbero andare bene…dopo è ovvio che bisognerà aumentarle ma anche la in lega pro per una squadra di vertice ci vorranno 4/5 milioni all’anno, non di più…che senso avrebbe che tirassero fuori una decina di milioni se ne servono molto meno?

  • 1 Aprile 2015 in 12:29
    Permalink

    Non capisco il senso di organizzarsi con tanto anticipo per una semplice Serie D, che nelle altre città è sempre stata una soluzione di ripiego per la quale ci si organizza in piena estate solitamente con buoni risultati. Ora la prorità dovrebbe essere solo ed esclusivamente salvare la B.

    • 1 Aprile 2015 in 15:09
      Permalink

      Sì, certo. Ho scritto che la possibilità è remota poiché i creditori chirografari vengono in sottordine rispetto ai privilegiati. Ma qualora ci fossero delle bricioline i 5.000.000 messi dalla Lega da restituire vanno a pesare decisamente sugli altri chirografari.

      E poi è una questione di principio: se uno ti fa una domanda precisa e uno ti risponde non deve contare delle balle. Specie se non si tratta di inezie, ma di discorsi fondamentali che ti vanno a cambiare le carte in tavola o i possibili ragionamenti. Io, ad esempio, dopo aver saputo che era a fondo perduto, avevo rimodulato il ragionamento anche del debito sportivo. Cosa che è diversa per la restituzione della somma.

      Saluti

      Gmajo

  • 1 Aprile 2015 in 12:57
    Permalink

    Mayo, non insistere con Taçi
    E poi è inutile che chiami l’avv. Giordano

    • 1 Aprile 2015 in 13:14
      Permalink

      Con Taci insisto perché è il killer del Parma in A.

      Secondo: con Giordano come con chiunque altro parlo fin che ne ho voglia (o messaggio…)

      • 1 Aprile 2015 in 13:25
        Permalink

        Scusate se m’intrometto nei vostri cazzeggi criptati ma ripeto la mia domanda a MAT : A proposito, ma il vero “padrone” del Parma non doveva essere quel tipo in macchina con Manenti ?

        Perchè se non risponde a questa domanda è anche inutile che dia consigli altezzosi su chi chiamare o chi tirare in ballo.

      • 2 Aprile 2015 in 00:06
        Permalink

        Va la Direttore, il killer del Parma in A e’ solo ed esclusivamente Ghirardi e nessun’altro. Sfido chiunque (oltre a lei ovviamente) a sostenere il contrario. Che a lei e’ scocciato che Taci non ha proseguito e’ un altro discorso. A quanto pare nessuno riesce a farsi carico del peso creato dall’unico creatore.. Non vedo perche’ Taci doveva essere piu’ cattolico del Papa nel momento in cui si e’ reso conto della situazione.
        Cordiali saluti.

        • 2 Aprile 2015 in 00:22
          Permalink

          Senta mi sono stancato di ripetere le stesse cose. Taci ha dato il colpo di grazia e ho già spiegato il perché. Ciò non toglie che ghirardi abbia le sue colpe.

    • 1 Aprile 2015 in 14:46
      Permalink

      Mat io ho capito…è lukoil tramite il fondo canadese aberdeen GEM…è lampante la cosa!

    • 1 Aprile 2015 in 17:45
      Permalink

      Sai Mat qua sei l’unico che scrive Rezart Taçi con la c con la coda!

  • 1 Aprile 2015 in 13:22
    Permalink

    e’ fantastico. I maggiori industriali di Parma si mettono insieme per rilevare una squadra in serie D. Lo fanno in pool ( per una serie D vincente bastano 2,5 milioni) e poi ” aprono ” all’azionariato popolare ovvero chiedono soldi ai tifosi.
    Ma facciano il loro dovere e mettano quello che serve, visto che è così importante la parmigianità

  • 1 Aprile 2015 in 13:31
    Permalink

    Ho capito tutto. Il prossimo anno saremo come il FIDENZA in SERIE D con lo scopo primario di “MANTENERE LA CATEGORIA”. Condivido, quello che ha detto Dallà al di la delle offese gratuite fatte al buon Majo che NON SI MERITA ASSOLUTAMENTE anche perché Majo è l’opposto di uno sciacallo . Per tirar fuori il denaro che ci vogliono per fare la D come Domodossola, occorrono UDITE UDITE 14 PERSONE, che investono 140.000 euro cadauna (non 150 per fare cifra tonda, ma 140 il che uno pensa che QUESTA GENTE guarda pure GLI SPICCIOLI ed è tutto dire……) il futuro non solo è nero ma è una presa per il culo fatta a tutti i tifosi. In serie D, che vivacchia, e ogni anno fa l’impresa di salvarsi, abbiamo già il FIDENZA. A questo punto LASCIAMO PERDERE. Meglio non iscrivere nemmeno la squadra ai campionati dilettantistici. MEGLIO UN INFARTO SECCO CHE VIVERE NON SAPENDO NEMMENO DI ESSERE AL MONDO e questa SECONDA IPOTESI è la fine che si vuol fare al Parma. Staccate le macchine dal Parma Calcio e finiamola con questo accanimento terapeutico, il Parma è morto e i morti non possono resuscitare.Chi vuol, capire capisca e chi invece non lo fa, si arrangi ma il Parma che è stata l’ultima squadra italiana a vincere l’Europa League, vecchia Coppa Uefa, non si merita una fine ipotizzata da quel branco di industriali locali che hanno soldi da investire sul Parma Calcio come ne possono avere dei clochard. Poi volevo dire una cosa. Il sindaco Pizzarotti non può fare come città lesa, un azione legale contro Ghirardi per essere risarcito dai danni morali e materiali CHE SONO INGENTI, fatti da Ghirardi alla città o paga sempre il solito PANTALONE, in questo caso Fabrizio Corona?

  • 1 Aprile 2015 in 13:44
    Permalink

    Mat dai raccontaci qualcosa di importante…lascia stare il direttore. Rispondi a MAK intanto…

    • 1 Aprile 2015 in 14:28
      Permalink

      Dai non alimentiamo questo fenomeno da baracconi…

  • 1 Aprile 2015 in 13:45
    Permalink

    Mi scusi direttore ma questo MAT..sa anche che lei scrive o telefona a Giordano o Taci? chi cazz è?

    • 1 Aprile 2015 in 14:22
      Permalink

      E’ semplicemente un lettore molto attento dello spazio commenti…

      Oppure ha commesso la mossa fatale per farsi squattare…

      Visto che non l’avevo detto a molti di un mio contatto con Giordano…

  • 1 Aprile 2015 in 14:12
    Permalink

    Dato per scontato che a Parma gli imprenditori non sono mai stati interessati al Parma, in questo momento bisogna fare ed agire in un’altra direzione e dimensione. Causa le malefatte del duo Ghirardi e Leornardi, del veloce passaggio diTaci e del galeotto Manenti, oggi Parma città è sulla bocca di tutti come una città del malaffare, ed ha perso buona parte della sua credibilità e rispettabilità. Oggi quello che bisogna fare è RIPARTIRE da zero con gente parmigiana sana, onesta e trasparente ricreando un futuro al calcio partendo da basso per poi, pian piano ritornare a livelli adeguati alla città. Per fare questo e far recuperare valore alla città oltre agli imprenditori ci vuole il coinvolgimento di tutti ed è per questo che ai cittadini viene chiesta una partecipazione che di fatto è una mera “DONAZIONE” al Parma Calcio. L’impostazione può essere o non essere condivisa ma è necessario fare un totale ripulisti e ripartire senza debiti e sani, se poi dovesse arrivare Babbo Natala che ci salva in serie B benissimo ma deve essere un Babbo Natale onesto e trasparente.

  • 1 Aprile 2015 in 14:30
    Permalink

    Si ma c’è da dire che certe cose tipo Lukoil, governo Kazako, porto, presidente porto, una volta dice Alekperov, una volta Garrone…ho seguito tuta la vicenda da dicembre…o ha una fantasia assurda…oppure qualcosa sa…sicuramente a breve sapremo se è un cazzaro totale… i primi di maggio ci saranno le aste….e vediamo un po’…

    • 1 Aprile 2015 in 14:39
      Permalink

      non mi pare che si sia concretizzato proprio nessuno dei tanti scenari fantasiosi paventati

  • 1 Aprile 2015 in 14:43
    Permalink

    A me il piano COJOON piace molto, ke Orlandini avrà 2000 anni e qnd secondo me è la persona giusta, ke magari è un Highlander o un vampiro tipo Dra-culà (ma qui Majo ne sa di più). Ke io mi metto già a disposizione x fare della Parmigjanità in serie D, ke se c’è da CATTARSI io sn il primo e anke se c’è da CATTARE-SU della pila ai tifosi, anke delle 500 euro, o le autoradio, o il rame, o le biciclette incustodite. O anke andare in casa delle tifose vekkie dicendogli ke siamo quelli del gas. #Cojoon #CattarsiInSerieD #SiamoQuelliDelGAS #DacciDeiSoldiKePoiSalviamoIlParma

  • 1 Aprile 2015 in 15:03
    Permalink

    Organizzarsi per la D! Ma fatemi il piacere.. addirittura per la serie D c’e’bisogno di una cordata. Ma si comprassero I crociati nooceto., si deva fare tutto il possibile per la B ! Questi piadi per me sono patetici

  • 1 Aprile 2015 in 15:29
    Permalink

    Mi pare un progetto buono solo per la D. In caso di rapida risalita in B questi se la darebbero a gambe.

  • 1 Aprile 2015 in 15:58
    Permalink

    Beh Majo al di là delle fantasia di Mat, il fatto che il nome di.giordano graviti attorno al Parma a cosa è legato? Le ha detto qualcosa il.buon avv?

    • 1 Aprile 2015 in 16:33
      Permalink

      Nulla di rilevante. Non si sbilancia… A parte che non sono cosi convinto che ci sia effettivamente alle spalle lui.
      Cordialmente
      Gmajo

      • 1 Aprile 2015 in 16:51
        Permalink

        E questa di per se’ non e’ affatto una cattiva notizia.

  • 1 Aprile 2015 in 16:33
    Permalink

    “Attento lettore” in che senso, Mayo?
    Avevi già scritto sul blog del contatto con giordano ?
    In ogni caso non stressare quella buon anima a cui hai confessato le tue mosse , sarebbe inutile.
    Non c’è molto da dire, ho scritto in passato prima ancora che Leonardi decidesse di mettere il Parma in mano a manenti per evitare che la dastraso facesse l’unica cosa logica e necessaria (portare i libri in tribunale ) dopo aver capito che il PARMA lasciato da ghirardi e Leonardi era una bomba ad orologeria.
    Maggio si avvicina e anche tu Mayo, alla luce sic quanto accadrà , dovrai rivedere un po le tue convinzioni.
    Magari poi ti servirà recuperare i miei scritti di quest’inverno

    • 1 Aprile 2015 in 17:29
      Permalink

      Secondo me lo avevo scritto quando axi, se non ricordo male, mi chiese se avevo cercato di intercettare Taci per una eventuale intervista come da sua richiesta.

      Ma che lo avessi scritto o meno conta fino lì, nel senso che, come è normale che sia, ho contatti con molti dei protagonisti di questa vicenda, sentendo i quali spesso riesco ad aggiungere qualche tassello alle mie conoscenze allo scopo di avere un puzzle sempre più vicino alla realtà dei fatti.o

      E i contatti con Giordano vanno in quella direzione, al di là di quando mi scrive lui non contento per il trattamento, a suo dire, che io o i lettori gli riserveremmo sul sito.

      Sulla storia del passaggio dastraso-manenti, sotto l’egida di leonardi (che avrebbe voluto evitare a tutti i costi il fallimento, del resto medesima finalità della cessione di Ghirardi a Taci) mi sono già espresso più volte, così come più volte ho esposto la mia teoria sulla esplosione del colpo di grazia da parte del killer taci al parma (basti ricordare come tenne tutti in scacco durante il mercato aperto, decretando la perdita della massima serie e con essa i 40 milioni di diritti tv, vero motivo, a mio modo di vedere, della sua fuga, al di là della balla già scritta da tempo immemorabile della diversa situazione dei conti economici che avrebbe trovato).

      Se quando arrivato maggio ci dovesse essere qualcuno collegato a Taci che subentrerà nel Parma troverà il massimo della mia opposizione, proprio perché è vero che è legittimo che uno tenti di fare l’affare migliore, ma in questo caso si è giocato sulla pelle dei tifosi del Parma. La schifosa speculazione di Taci, qualora si tratti di speculazione, nel senso che non sono affatto convinto che ci sia una strategia di questo tipo, per cui un eventuale compratore subentrerà dopo il lavoro sporco fatto prima, non merita di esser in alcun modo avallata. Taci aveva in mano la possibilità di salvare il Parma e non lo ha fatto. E lui e chi lo ha mandato sapeva a perfezione in che condizioni era il Parma. Così come non va mai dimenticata l’inadempienza del mese di novembre. Tutti giochi per pagare il parma il meno possibile o niente e strapparlo a ghirardi.

      Resto dell’idea che sulla scena di questo dramma Taci sia uno degli elementi peggiori che sono passati.

      Quindi accadrà anche che a maggio qualcuno collegato a taci acquisti il Parma, ma la mia opinione su questa squallida schifezza, peraltro avallata dai poteri forti e dal sistema calcio, continuerà a farmi ribrezzo come prima.

      Saluti

      Gmajo

      • 1 Aprile 2015 in 19:25
        Permalink

        Oltre a non capire la logica di aver “venduto” a Manenti che avrebbe anche potuto avere i soldi e quindi far cappottare i piani dell’albanese, ricordo che per Mat il “vero” patron del Parma era in auto con lo sdentato (attendo risposta!!!!), quasi a far credere che fosse tutta una manovra da esperto scacchista. I fatti hanno provato che il Manenti si è rivelato completamente sconnesso da Taçi. Bello inoltre, leggere che per MAT adesso il mese “cruciale” sarebbe maggio (bella scoperta) quando fino a qualche settimana fa ci propinava “entro il 30 MARZO saprete tutto”. Ci siamo appena sbarazzati di un mitomane ed eccone spuntare (o rispuntare) un’altro, forse ancor più riconoscibile dell’originale oggi in galera.

  • 1 Aprile 2015 in 18:11
    Permalink

    Ma non si era detto che vecchi proprietari o ad esso “collegati” non possono rilevare alcunche’ dai curatori fallimentari?
    E allora…Taci e’ proprio (fortunatamente) impossibilitato a ri-giocare nella vicenda un nuovo ruolo. Se era questo il suo obiettivo, cioe’ speculare al massimo per pagare il Parma pochissimo direi che e’ miseramente fallito assieme al Parma stesso.
    In quanto all’ineffabile avvocato capitolino Giordano, orgoglioso di far parte della nutrita schiera di coloro i quali gli riservano sul sito trattamento poco gradito.

    • 1 Aprile 2015 in 18:51
      Permalink

      Non abbiamo l’assoluta certezza che non possa ripresentarsi…avendo fatto le cose da “furbetto”..

      • 1 Aprile 2015 in 18:53
        Permalink

        Avrà anche fatto le cose da furbetto, ma al calciomercato c’era lui, dida ha ringraziato lui, dal notaio posio c’era lui…

        • 1 Aprile 2015 in 19:22
          Permalink

          Certo certo…bisogna vedere se ha firmato qualcosa però…se no di prove non se ne hanno… Non credo che un post di lila su FB abbia molto valore giuridico!

          • 1 Aprile 2015 in 19:48
            Permalink

            La presenza dal notaio si. L’arrivo di cipolla e varenne pure… Chi fa troppo il saltafossi si fotte con le sue mani.
            A parte la famosa cena upi.
            Taci e la sua band debbono starsene lontani da questo territorio.

          • 1 Aprile 2015 in 19:56
            Permalink

            Mah…te sei cosi convinto…io un po meno! Chi vivrà vedrà…

  • 1 Aprile 2015 in 18:47
    Permalink

    Advisor
    Akin Gump Strauss Hauer & Feld

    • 1 Aprile 2015 in 19:46
      Permalink

      Mat facci un bonifici!

    • 1 Aprile 2015 in 20:01
      Permalink

      Advisor smentito da questa interessante intervista a Alfred Lorence Fishermann (PDG della Casale Viva, fondo franco-canadese che investe anche nella Lukoil) che tu MAT dovresti conoscere http://gcasale.free.fr/viva.htm

      • 1 Aprile 2015 in 23:40
        Permalink

        Occhio che c è un trojan nell allegato

  • 1 Aprile 2015 in 19:50
    Permalink

    Mat non significa niente metter l’advisor…ne posso metter uno anche io dopo che l’ho cercato…puoi fare meglio…dai su…giocherellone….

    • 1 Aprile 2015 in 20:30
      Permalink

      Beh certo capisco che per chi segue le nuove cordate in formazione per la serie D o per chi continua a dileggiare senza alcuna prova l’operato della Dastraso, possa anche dire poco. Magari potrà dire qualcosa in più tra qualche settimana

      • 1 Aprile 2015 in 21:28
        Permalink

        Ma senza alcuna prova un paio di balle!!!!!!!!!!

        la Dastraso ha ucciso il Parma. L’ha portata alla canna del gas. Poche balle.

        • 2 Aprile 2015 in 01:27
          Permalink

          Pero’ direttore a fine gennaio Taci voleva portare I libri in tribunale e se non era per Leonardi che ha messo in mano la societa’ a un povero delinquente come Manenti (e questo e’ stato il vero colpo di grazia) si sarebbe guadagnato 1 mese e mezzo e non e’ poco. Il parma e stato portato in fin di vita e ucciso da I signori Ghirardi e Leonardi .

          • 2 Aprile 2015 in 01:48
            Permalink

            Non è vero che il vero colpo di grazia sia stato cedere il Parma a Manenti (operazione peraltro conclusa dalla Dastraso che deteneva la proprietà e non certo dall’Ad) quella, semmai, è stata la mossa della disperazione.

            Per colpo di grazia intendo l’immobilismo in pieno mercato (quando è arrivato MapiMan la sessione era chiusa) dell’albanese che ha tenuto in scacco tutti, senza provvedere mai a quanto promesso e senza potenziare la squadra che avrebbe avuto le potenzialità ancora di salvare persino la serie A. (basti pensare all’exploit del Cesena).

            In fin di vita c’è stato portato senza dubbio da Ghirardi e Leonardi, ma lo ha ucciso Taci. Manenti è stato ininfluente.

            E Taci – già inadempiente il 10 novembre – ha poi perso del tempo inutile. E quando Ghirardi diceva che i parmigiani lo avrebbero ringraziato per aver ceduto a Taci non diceva una balla, secondo me era convinto di essersi tolto il peso con uno che gli risolvesse i problemi… e invece…

            Saluti

            Gmajo

    • 1 Aprile 2015 in 20:24
      Permalink

      Per forza,ha tirato in ballo uno dei più grossi ed importanti studi di avvocati specializzati in operazioni finanziarie del mondo!

      È ovvio che tra i loro clienti ci siano aziende di quel calibro…sarebbe più strano se ci fosse il nome di Majo tra i suoi clienti!Anche se dubito…

  • 1 Aprile 2015 in 20:24
    Permalink

    il tempo parlera

    • 1 Aprile 2015 in 23:18
      Permalink

      Quindi dietro a Ferrero c’è la lukoil?!?! Ecco dove trovava tutti quei soldi!mistero svelato!

  • 1 Aprile 2015 in 20:34
    Permalink

    ciao a tutti certo che se serve una colletta per fare la D siamo fritti

  • 1 Aprile 2015 in 20:50
    Permalink

    Ma manenti è ancora presidente del parma o è stato esautorato atutti gli effetti

    • 1 Aprile 2015 in 21:26
      Permalink

      Il Parma è fallito, per cui lì è esautorato. Ma, fin quando non fallisce, eventi sportivi manenti lì è presidente

  • 1 Aprile 2015 in 22:01
    Permalink

    Ad ogni modo Mat..to o no, Mat Sto arrivando! Qualcosa

  • 1 Aprile 2015 in 22:02
    Permalink

    Ok Mat…lo studio internazionale é di Padova…la notizia é del 2008, Fedun lo avevi giâ menzionato altre volte….ma…una domanda….quindi????????

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI