ROGATO HA FISSATO IN 20 MILIONI IL PREZZO DELLA BASE D’ASTA CON OFFERTE VINCOLANTI SINO AL 6 MAGGIO. NE SONO PREVISTE ALTRE 4 CON BASE INFERIORE DEL 25% SULLA PRECEDENTE

image(Comunicato Stampa) – In data odierna il Giudice Delegato dott. Pietro Rogato, con il parere favorevole del comitato dei creditori, ha autorizzato i curatori fallimentari dott. Angelo Anedda e dott. Alberto Guiotto a procedere con la vendita dell’azienda sportiva del Parma FC.
La vendita, che avverrà con procedure competitive, prevede la raccolta di offerte vincolanti entro il 6 maggio 2015.
Il prezzo base di gara è stato fissato in euro 20 milioni.
Qualora, entro il termine indicato, non venissero presentate offerte valide, nuove procedure di gara potranno essere effettuate – in successione – nei giorni 12 maggio 2015, 18 maggio 2015, 22 maggio 2015 e 28 maggio 2015.
Per ciascuna gara successiva alla prima, il prezzo base sarà inferiore del 25% rispetto al precedente.
Le manifestazioni d’interesse potranno essere presentate da società di capitali italiane o estere.
Le modalità di presentazione delle offerte e i dettagli della procedura di vendita sono descritte nel Disciplinare di Gara che sarà consegnato ai soggetti interessati. Ai medesimi soggetti saranno messe a disposizione la documentazione e le informazioni rilevanti mediante la predisposizione di una virtual data room, il cui accesso sarà disciplinato da specifico regolamento.
L’invito a manifestare interesse sarà pubblicato sul sito internet ufficiale di Parma FC www.fcparma.com.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

86 pensieri riguardo “ROGATO HA FISSATO IN 20 MILIONI IL PREZZO DELLA BASE D’ASTA CON OFFERTE VINCOLANTI SINO AL 6 MAGGIO. NE SONO PREVISTE ALTRE 4 CON BASE INFERIORE DEL 25% SULLA PRECEDENTE

  • 21 Aprile 2015 in 16:19
    Permalink

    Per me questa è una buona notizia…

      • 21 Aprile 2015 in 16:41
        Permalink

        Be’ insomma…alla quarta son 10 milioni….poi va aggiunto mi par di capire il debito sportivo (opportunamente rimodulato) ma in assenza del centro sportivo (sul quale la faccenda e’ ancora da chiarire e Manenti sta cercando di allungare il brodo…..), Majo in soldoni stanno cosi’ le cose?

        • 22 Aprile 2015 in 00:14
          Permalink

          Scusa il ritardo nella moderazione, ma penso che tu abbia trovato risposta nell’articolo.

          Buonanotte

          Gmajo

      • 21 Aprile 2015 in 20:27
        Permalink

        Putost che i catarioti di parrucca Tedeschi …il giorno giusto e’ il 28

  • 21 Aprile 2015 in 16:28
    Permalink

    Facendo due conticini:

    6 maggio 2015 -> 20 Milioni
    12 maggio 2015 -> 15 Milioni
    18 maggio 2015 -> 11,25 Milioni
    22 maggio 2015 -> 8,4375 Milioni
    28 maggio 2015 -> 6,328125 Milioni

    Quindi direttore secondo la stima spannometrica gli acquirenti “seri” si paleseranno solo all’ultima?

      • 21 Aprile 2015 in 17:30
        Permalink

        Non è che all’ultima asta si potrebbe presentare quella giovane coppia di imprenditori parmigiani non UPI? Ne parlò un paio di settimane fa a Calcio&Calcio.

        • 21 Aprile 2015 in 18:14
          Permalink

          Quella coppia di giovani imprenditori parmigiani – Marco Ferrari (che però era socio di Eventi Sportivi) e Del rio – fanno parte integrante, anzi sono i veri promotori, della cordata parmigiana poi emersa per via delle riunioni dei Cocoon. Come ho detto diverse volte a Calcio & Calcio i giovani e i vecchietti sono espressione dalla stessa cosa. E alla riunione Upi di qualche giorno fa c’erano pure loro. Almeno Ferrari. E comunque loro sono sempre tra quelli che vogliono la D sana con totale interruzione col passato. Mentre mi pare claro che se si va avanti ci sono aiuti notevoli da parte del sistema calcio.

          Saluti

          Gmajo

  • 21 Aprile 2015 in 16:31
    Permalink

    In buona sostanza al 28 maggio il prezzo a base d’asta scenderà a 8,5 mln. Se a questi ci sommiamo i debiti sportivi rimodulati al 70% che sono 22,2 mln. viene fuori un investimento complessivo al 30 giugno 2015 di 30,5 mln.

    Dal 1 luglio 2015, l’acquirente può recuperare 12,5 mln dal paracadute, può vendere 2 o 3 cartellini che ancora hanno un valore recuperando una cifra che stimo di almeno 5/6 mln., ed incassare i soldi della stagione di serie B (TV, sponsor botteghino) che stimerei al ribasso in circa 7/8 mln. per un totale di circa 25 mln.

    A settembre quindi, chiunque compra il Parma ripartirebbe in serie B con una rosa pressochè fatta, ed un deficit di circa 6 mln.

    Che ne dice direttore, troppo ottimistico come bilancio?

    Saluti

    • 21 Aprile 2015 in 16:44
      Permalink

      Io non sono un gran ragioniere… Sbizzarritevi pure voi. Io, da Grillo Parlante, vi ricorso solo una cosa: serve uno che cacci la pila, al di là che i curatelli (e il sistema calcio) stia facendo di tutto per far mantenere il calcio professionistico a Parma.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 21 Aprile 2015 in 17:16
        Permalink

        Questo è chiaro. Si sta facendo di tutto e di più, ma alla fine qualcuno che caccia deve palesarsi.
        Ovviamente, le possibilità che ciò accada sono inversamente proporzionali rispetto all’ammontare del “danno”.
        Più basso è il costo, maggiori possibilità ci sono.

    • 21 Aprile 2015 in 23:03
      Permalink

      @Markness
      Restano ancora 15-20 mln da tirare fuori per giocarla questa serie B: stipendi, spese di gestione, fornitori, ecc.

      Visto che i diritti TV, sponsor e botteghino li hai già “impegnati” a ridurre l’esborso iniziale, rimane il fatto che ci vuole uno con un bel po’ di pila disponibile a tirala fuori all’occorrenza.

  • 21 Aprile 2015 in 16:33
    Permalink

    Scusi direttore il parma verrà venduto a 6.3 milioni di euro il 28 maggio cioè utlima asta.
    Mettiamoci anche pure 20 milioni di debito sportivo per me non sarebbe una cifra pazzesca, considerando anche il paracadute…

    • 21 Aprile 2015 in 16:42
      Permalink

      Così a occhio…

      Dai… Corri a fare la tua offerta… Scarica il modulo da fcparma.com…

  • 21 Aprile 2015 in 16:39
    Permalink

    Se lo avessero regalato sarebbe stato meglio….Questo lo sapevo anche io…

    • 21 Aprile 2015 in 17:17
      Permalink

      non è un’ipotesi da scartare. Anzi, nel caso nessuno si presenti avverrà proprio quello

  • 21 Aprile 2015 in 16:46
    Permalink

    entro quando ci si deve iscrivere al campionato di B?

  • 21 Aprile 2015 in 16:55
    Permalink

    Majo non ti “leggo” molto convinto… in fondo sintetizzato da Simone caberti e puntualizzato da markness le ciffre non sono ppoi cosi’ impossibili da non crederci… si lo so prima preferisci metterci il naso… ma è il tuo titubare che mi lascia perplesso. Vorrei leggere una tua opinione completa su questo primo step giudiziario e sapere se non pensi che questo potrebbe essere un primo invito a cena per la nostra preda orientale.

    • 21 Aprile 2015 in 20:35
      Permalink

      La nostra preda orientale è troppo legnosa per i miei gusti…
      Per l’analisi datti una letta, se nel frattempo non lo avevi già fatto, dall’articolo di analisi delle 18.
      Cordialmente
      Gmajo

  • 21 Aprile 2015 in 17:00
    Permalink

    Direttore non capisco il suo umorismo.
    Chiaro che ci voglia qualcuno con le spalle larghe, ma se si vuole fare la serie B i costi sono questi…….
    Cosa pensa che anche se ripartiremo dalla D ci vorrà meno di 25 milioni per arrivare in serie B????
    Forse allora è meglio ritirare la squadra….

    • 21 Aprile 2015 in 17:25
      Permalink

      E’ solo per ricordare che serva chi pochi o tanti ce li metta. Tutto lì.

      • 21 Aprile 2015 in 17:48
        Permalink

        Buongiorno parmigiani, direi che per come si era messa a fine febbraio, le cose non vanno malissimo….Ovviamente le offerte arriveranno (eventualmente) solo dopo l’ultima del 28.05 con 6,5 mln a questi si aggiungerà il debito sportivo che credo arriverà,dopo la trattativa a non più di 25 mln….Ultimo problema bisognerà vedere quanti saranno i contratti che l’acquirente sarà costretto a portare avanti, se saranno un centinaio sarà dura, se saranno ridotti a non più di 25/30 si potrà fare..
        Considerando che avranno i 12,5 mln del paracadute, direi che con 26-30 mln di offerta +debito c’è qualche speranza. di ripartire dalla B. In caso contrario, digitando da PD, vi dico che vincere la serie D con un budget di 3 mln è molto probabile, poi con altri 5 e si avrà uno squadrone in C…..Cmq attendiamo il 28.05 e in bocca al lupo!

        • 21 Aprile 2015 in 17:51
          Permalink

          Grazie mille, altrettanto. Comunque la sua mi pare una buona analisi. Ma resta il problema che qualcuno il 28 metta sul piatto pecunia vera…

          Cordialmente

          Gmajo

          • 21 Aprile 2015 in 17:57
            Permalink

            Ma certo che resta quel problema, del resto le squadre di calcio professionistico se le può permettere chi ha soldi veri, a zero le compra solo Manenti.

          • 21 Aprile 2015 in 18:08
            Permalink

            Analisi che (ancora grossolanamente, non conosciamo tutto) puo’ essere pure condivisibile, ma come la mettiamo con Collecchio?…Le aste si faranno prima dei due mesi che il tribunale ha di tempo per rispondere a Manenti sullo spostamento del processo da Parma a Brescia….insomma mi pare che abilmente stia tentando di inserirsi come interlocutore (almeno per il centro sportivo) coi futuri compratori…

          • 21 Aprile 2015 in 20:09
            Permalink

            Mi pare che stai facendo un po’ di confusione. I sessanta giorni chi li ha sanciti? Nessuno. Men che meno per questioni geografiche (lo spostamento a Bs).

            Sono due richieste diverse. Comunque la mia sensazione è che Eventi Sportivi verrà dichiarata sportiva, ma con curatori diversi dai Curastars. Forse il compromesso è quello…

    • 21 Aprile 2015 in 17:29
      Permalink

      bhe invero dalla D alla B ce la fai con meno. Il problema è che non te lo garantisce nessuno e potresti spenderne anche 30 e restare sempre in lega pro.

  • 21 Aprile 2015 in 17:13
    Permalink

    Caro Mayo , ti sento un po intristito. Forse l’evidenza che la strategia dell’abbattimento del debito iniziata quest’inverno e con la necessità di portare il libri in tribunale prima della forzatura di Leonardi per la vendita a manenti, ti ha portato a qualche riflessione? Oppure ti sei reso conto che non serviranno 70/80 milioni per acquistare il Parma come qualcuno sosteneva intensamente? Oppure ti dispiace il fatto che l’unico che al momento ha evidenti problemi con la giustizia italiana è proprio la persona che è stata accolta come “compratore serio”?

    A parte l’ennesimo dannoso tentativo effettuato da manenti (dobbiamo ringraziare chi lo “sponsorizzato” presentandolo alla dastraso) mi sembra che le cose stiano prendendo una piega non proprio negativa.

    Ci risentiamo da metà maggio in poi.

    • 21 Aprile 2015 in 18:19
      Permalink

      A Mapi Group ha venduto Dastraso. (Poi sarebbe anche bello un giorno venire a sapere chi ha fatto andare proprio quel giorno Manenti da Leonardi, perché questa coincidenza, come ogni coincidenza, potrebbe essere una casualità come no).

      Non sono per nulla intristito.

      E da parte mia non ho mai sponsorizzato Manenti per venditore serio. Del resto tu resti un cazzaro calunniatore.

      E pur con tutti i guai che ha, e malgrado non abbia goduto la mossa di oggi, lo reputo molto meglio dell’albanese.

      E se anche avessero attuato una strategia per abbattere il debito e ripresentarsi (stavolta chissà con quale prestanome) mi farebbe più schifo ancora.

      TACI FORA DAL BALI.

      Gmajo

  • 21 Aprile 2015 in 17:28
    Permalink

    Buona notizia secondo me direttore …poi se non si presenterà nessuno giusta la D di Domodossola ma a almeno 8-10 ml il “nuovo” li deve tirarli fuori
    Ps STO PARACADUTE ce lo daranno si o no??

    • 21 Aprile 2015 in 18:14
      Permalink

      Pare di sì, stando a quanto dichiarato dalla curatela…

  • 21 Aprile 2015 in 17:37
    Permalink

    P.s: e se il 28 maggio ci comprasse una cordata Angella-Boni?

  • 21 Aprile 2015 in 17:38
    Permalink

    Direttore secondo lei Collecchio che fine farà? ?
    potrebbe tornare di proprietà del parma fc se venisse salvato il titolo??

    • 21 Aprile 2015 in 18:11
      Permalink

      Non mi sembrano due situazioni da mettere in correlazione.

  • 21 Aprile 2015 in 17:48
    Permalink

    wow, è tornata la “data room” dopo 10 anni… ed è anche virtual!

  • 21 Aprile 2015 in 18:04
    Permalink

    A fronte di questa procedura di vendita i giocatori hanno un termine per comunicare definitivamente e irrevocabilmente a quanto rinunciano?
    Rimane anche il problema grosso delle eventuali risoluzioni (ammesso siano fattibili), ereditare più di cento pluriennali..

    • 21 Aprile 2015 in 20:10
      Permalink

      Credo che sia fissato per domani incontro sul tema indicato. Ma non credo che c’entri la procedura di vendita indicata oggi

  • 21 Aprile 2015 in 18:17
    Permalink

    ….”Giovanni Albanese grande esperto di diritto sportivo….”scrive un sito…grande amico di Baraldi e company…tifoso della D, aggiungo io.

  • 21 Aprile 2015 in 18:26
    Permalink

    Direttore,
    è possibile sapere quanti giocatori e chi sono hanno messo in mora la società?
    In pratica tutti fanno i conti e dicono vendiamo un paio di giocatori e il nuovo proprietario rientra subito di parte di quanto sborsato.
    Ma siamo sicuri che i vari Mauri, Cerri, Defrel, Belfodil e compagnia non si svincolino?
    Che poi da un lato sarebbe meglio perche calerebbe il debito sportivo dall’altra non hai giocatori da vendere/scambiare.
    Attendo rispoata.
    Grazie

    • 21 Aprile 2015 in 20:07
      Permalink

      Non credo che la messa in mora c’entri qualcosa, a questo punto. Anche perché non credo che il collegio arbitrale (che deve sancire lo svincolo dopo la messa in mora, a parte che nessuno ha chiesto lo svincolo) si metta contro una procedura fallimentare.

      Comunque erano quasi tutti, tranne la vecchia guardia.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 21 Aprile 2015 in 18:35
    Permalink

    Mayo, ti invito a moderare i toni. Termini come “cazzaro” e “calunniatore” non li ritengono termini su cui soprassedere in eterno. Tra l’altro mi hanno comunicato che nell’ultimo periodo hai tirato in ballo più e più volte a sproposito la figura di Taçi , io non ero in Italia e non ho avuto tempo di verificare , ma nel caso in cui tu sia in possesso di informazioni che possano confermare le tue teorie putative (mi è stato detto che le definisci in questo modo ) che ti portano a scrivere di fantomatici obblighi di ghirardi nella vendita del Parma, sei pregato di renderle pubbliche o di presentare esposto in procura (se ritieni ci siano estremi per illeciti) in caso contrario sono a chiederti cortesemente di evitare di lanciare accuse sulla base di tue supposizioni o verità putative.
    Grazie

    • 21 Aprile 2015 in 18:44
      Permalink

      Io sto dando del cazzaro e del calunniatore (peraltro a buon diritto) a una figura virtuale che non esiste fisicamente, visto che non ha il coraggio di esporsi con un nome e un cognome.

      Non ho bisogno di fare alcun esposto in Procura sull’obbligo di Ghirardi a vendere a Taci per il semplice fatto che il bresciano aveva una proposta inderogabile d’acquisto con l’albanese.

      Poi non mi pare che tu sia l’avvocato di Taci: se quest’ultimo ha qualcosa da dire si servirà semmai dei suoi legali e non certo di un leone da tastiera su uno spazio web.

      Arvedres

      • 21 Aprile 2015 in 19:17
        Permalink

        Certo che stipulare una proposta di acquisto senza prevedere penali per la parte inadempiente è una bella sciocchezza..

  • 21 Aprile 2015 in 18:54
    Permalink

    Sì ma io non ho ancora capito se la proposta inderogabile Ghirardi l’ha firmata lui o un suo sosia o lui sotto minaccia. Perché se la firmata lui di sua sponte è lui che si è obbligato a vendere a quel soggetto.

    • 21 Aprile 2015 in 20:06
      Permalink

      Certo: ma una volta che l’ha firmata (e il perché lo saprà ben lui: ma io resto dell’idea che fossero stati i vari poteri forti del calcio e cittadini ad indirizzarlo in quella direzione) l’ha firmata…

      E ricordatevi che la data di morte del Parma calcio resta il 16 moveembre allorché vennero bucate le obbligatorietà.

      Ghirardi – e glielo dico io che ero da lui accusato di essere un suo nemico e quindi del Parma – non aveva più la possibilità di tirare avanti, e quindi ha cercato di disfarsi del fardello in tempo perché non saltasse la baracca. Ma con quella inadempienza (per futilissimi motivi, tipo una presunta rottura del patto di riservatezza) Taci ha fatto saltare il Parma. Se si fossero pagate quelle obbligatorietà il giochino andava avanti (certo, continuando a indebitarsi, ma questo è un altro discorso).

      Saluti

      Gmajo

      • 21 Aprile 2015 in 22:28
        Permalink

        Mayo dai,
        Sappiamo bene che il Ghiro non ha pagato perche’ le banche non lo cagavano neanche di striscio e la signora Madre non ha scucito sghei.
        La storia di Taci e’ na palla

        • 21 Aprile 2015 in 23:39
          Permalink

          Vedi alfredo, io non mi permetto di venire in ospedale a dirti che come medico non sai fare le diagnosi: dunque rispetta il lavoro di altri che dedicano ore e ore di studio e approfondimento e soprattutto non si basano su stupidi luoghi comuni da bar.

          Che Ghirardi non avesse più soldi (sempre ammesso ne avesse messi o da mettere prima) e che la siura Gabriella fosse propensa a tener chiusi i rubinetti lo sappiamo tutti: ma proprio quella è stata la causa della cessione del Parma a Taci, per cui tu sbagli, stoltamente, a definirla una balla.

          Ho già spiegato a noia la successione dei fatti secondo la mia ricostruzione e sarebbe ora che ci meditaste su invece di avere presuntuose convinzioni senza alcune cognizione di causa.

          Saluti

          Gmajo

  • 21 Aprile 2015 in 18:58
    Permalink

    Una cosa la devo ammettere: è troppo divertente immaginare chi sta dietro ad ogni nick. Stadiotardini è un cult, tutti vengono qui ad annusare l’aria che tira…proprio tutti. C’è chi come me ha sempre scritto con un nome, e poi lo cambia cambiando anche stile di scrittura e c’è chi scrive con più nick. Però questo è uno spazio unico. Qualche tempo fa dicevo che merito di questo sito rispetto ad altri sono le ricche fotogallery..ebbene ho notato un incremento anche negli altri siti di foto…incredibile come si riesce ad influenzare chi legge e a crearsi una “reputazione” virtuale. Mi divertirei un sacco, Majo, se lei riuscisse ad indovinare chi sono… vediamo se ha riconosciuto…il mio stile…

    • 21 Aprile 2015 in 19:56
      Permalink

      Sarà che sono un po’ stanchino e debbo scender giù dal bottegaio prima che chiude bottega… Mi scriva in privato e me lo sveli…

      Grazie per l’apprezzamento

      Cordialmente

      Gmajo

      (PS: però secondo me è donna…)

  • 21 Aprile 2015 in 19:00
    Permalink

    Se Markness (leggi sopra) ha fatto i conti giusti… non sarebbe davvero un’impresa per qualcuno rilevare il Parma. A garanzia del debito residuo (domando) sarebbe poi ancora possibile sottoscrivere le c.d. fidejussioni di un tempo ? Ieri sera avevo formulato la domanda per sms alla trasmissione di Angella e Boni… ma non mi hanno preso per nulla in considerazione.

    • 21 Aprile 2015 in 19:54
      Permalink

      Strano, anche perché la domanda mi sembrava pertinente. Però io posso rispondervi per quel che succede qua. Io a TD sono solo un ospite

      Comunque credo che per il debito possano andare bene le fideiussioni.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 21 Aprile 2015 in 19:13
    Permalink

    Direttore suvvia porti rispetto a colui che vede lungo. Aveva visto in arrivo a Collecchio Marchionni e lisandro lopez oltre ad un nuovo compratore. Magari sono ancora in viaggio… chissà…

  • 21 Aprile 2015 in 19:19
    Permalink

    Mat sei un cazzaro e mitomane e adesso contatta pure il mio studio legale. Prima pero’ rispondi alla mia domanda riguardante il futuro padrone del parma che era in auto con manenti! Cazzaro va!

  • 21 Aprile 2015 in 19:56
    Permalink

    Majo se la tesi di Mat si verifacano a Maggio, sono curioso di vedere (sentire) cosa diresti a Mat???
    Mat ha datto le info , la confermato anche Velenoso, che non sono la stessa persona.

    • 21 Aprile 2015 in 20:01
      Permalink

      Siamo a posto: Velenoso che conferma le cazzate di Mat…

      Se a maggio dovesse finire il Parma in mano a uno della combriccola di Taci farò il diavolo a quattro. E avrò trovato nuovi stimoli per la mia missione…

      TACI FORA DAL BALI

      • 21 Aprile 2015 in 22:33
        Permalink

        Se Taci o chi per lui compra con soldi veri (non credo sia possibile) puoi fare il diavolo con pentole e coperchi ma nessuno ci fara’ caso

        • 21 Aprile 2015 in 23:27
          Permalink

          Nessuno ci farà caso salvo poi, a cose fatte, venir da me a dirmi che avevo ragione…

          Non penso proprio che ce ne sarà bisogno, ma se dovesse succedere quella ipotesi penso che eserciterò una strenua opposizione. Sempre nel lecito. Checché se ne dica

  • 21 Aprile 2015 in 19:58
    Permalink

    Ragazzi.. Ma non vedete che c’e’ qualcosa che suona strano? A me si’ per esempio. Se qualcuno prova a sperare in un ritorno di Taci viene “massacrato” da Majo cercando in tutti i modi di spiegare e convincere di come Taci era ed e’ l’unico male di Parma. Poi se qualcuno critica Manenti, Majo subito si irrita faccendo paragone e tirando in ballo sempre Taci (anche quando non e’ citato o non c’entra con il contesto)? Come fa’ ad essere credibile un giornalista del genere che va avanti solo per simpatie o antipatie personali (per non dire altro che non so). Il massimo e’ quando allude di essere noi pagati da Taci per diffenderlo (come se ne avesse bisogno) e di non firmarci col nostro nome. Dimostraci il contrario Direttore e tutti le darebbero ragione.
    Dall’altra parte mi piacerebbe che il giudice dia a Manenti il concordato oppure si presentasse all’asta del 28 maggio per far vedere a tutti ma soprattutto a Majo quanto vale. Sarei curioso di vedere quali saranno le sue posizioni e quanto bravo sara’ con le parole (perche’ lo e’) a continuare a diffendere le sue indiffendibili argomenti.
    In bocca al lupo a lei e al Parma.

    • 21 Aprile 2015 in 20:31
      Permalink

      La mia credibilità la dimostro pubblicando dei commenti da maalox tipo il Suo, peraltro come al solito zeppo di menzogne e calunnie, anziché cestinarlo come meriterebbe.
      A me di manenti non frega una benedetta mazza, solo mi da fastidio la superficialità di coloro che lo attaccano stupidamente per i denti quando nella morte del parma non c’entra nulla, Mentre taci inadempiente a novembre con ghirardi ha di fatto ucciso il parma prendendoci tutti per il culo a gennaio senza aver mai pagato nessuno.
      E mi sarei anche rotto i coglioni di ripetere la stessa cosa in continuazione.
      Taci fora dal bali.

      • 21 Aprile 2015 in 22:12
        Permalink

        Non credo che lei se la prende solo quando si parli dei denti o della giacca di Manenti ma anche quando agli altri non sembra credibile e francamente i fatti parlano da soli. Lei in un certo senso sostiene che anche se i soldi erano quelli che erano lui per lo meno ha cercato di fare qualcosa e chi fa’ sbaglia.. Mi dica se sbaglio.
        Ecco perche’ se anche dopo tutto quello che e’ successo non ha portato lei a dire Manenti fora dal bali.. vorrei che Manenti (contro il quale non ho nulla da eccepire in quanto ha fatto quello che ha potuto e sembrato giusto) rimanesse ancora in scena per convincerla meglio..
        P.s. Se Ghirardi nella sua “ingenuita” e “buona fede” pensava di aver messo Parma in buone mani, perche’ non avrebbe dovuto succedere anche a Taci con Manenti ma si hanno due pesi e due misure..?

        • 21 Aprile 2015 in 23:53
          Permalink

          Senta non mi faccia ripetere le cose 100.000 volte che divento antico. Tanto comunque gliela dico lei resta della sua idea. Per cui non mi faccia perder del tempo.

          Del resto ho già spiegato che mi sta sul cazzo la stupidità ignorante di chi canta Manenti è senza denti, che peraltro sono gli stessi che per anni hanno osannato Ghirardi, salvo ora dargli del gosino.

          Mi sta sul cazzo l’ignoranza della gente che se la prende con l’ultimo arrivato, che è stato il minore dei mali, e non si accorge di chi ha fatto ben peggio.

          Tutte queste cose conducono a pensare che io difendessi Manenti: ma io non è che intendessi difendere uno indifendibile (come ho sempre scritto e sottolineato, ma la gente in malafede viene a scrivere calunnie ben diverse dalla realtà), semplicemente reagivo perché non c’è niente che mi faccia stizzire come la presuntuosa stupidità degli ignoranti che pensano o agiscono in branco.

          Io non ho mai scritto – e la diffido dall’attribuirmelo – che “per lo meno Manenti ha cercato di fare qualcosa e chi fa sbaglia”. Primo chi fa sbaglia l’ho detto per Pedretti e la sua previsione fallace; non certo di Manenti. Di Manenti avevo solo detto che gli attribuivo una possibilità su mille di farcela poiché ero al corrente di certi suoi movimenti interessanti, che solo a posteriori avrei capito non esser leciti. Ma fin che tutti gli davano del tso o si lasciavano distrarre dalla C3, io cercavo di capirne di più su quel che tentava di fare. E alla fine se uno si riguarda la conferenza stampa indecente che fece con Alborghetti, si accorgerà che, comunque, aveva detto esattamente quel che poi avrebbe fatto.-
          Manenti fora dal bali non lo dico per il semplice fatto che lui fora dal bali c’è già. E manco torna, o può tornare al di là dell frasi senza senso del suo avvocato. Perché è palese che non possa per leggere esser ridato a chi è fallito il Parma. E per dirla tutta lo stesso discorso vale per Taci e la sua compagnia di prestanome: ma dal momento che Mat viene qui a dire che sta per tornare io dico che deve star fora dal bali.
          Infine l’ultima sua frase è proprio risibile: ma che cazzo scrive di due pesi e due misure? Io spero solo che la magistratura faccia il suo corso.
          E comunque se io ho specificato che a vendere a Manenti è stata la dastraso è perché c’è mat che si ostina a dire che ha venduto leonardi…
          E mo’ basta che di parlare di Taci mi sono rotto i coglioni. Anche perché sono stufo, ribadisco, di dire le stesse cose che tanto poi le capite come volete rigirando sempre la frittata.
          TACI FORA DAL BALI.

  • 21 Aprile 2015 in 20:29
    Permalink

    Albnians svegliati ! Mat Ad oggi non ne ha azzeccata una che sia una… Anzi ha cazzato praticamente su tutto, riporta notizie del 2008 per avallare teorie assurde e si crede il deus ex machina che sa ma non svela! Io ho già scritto che esiste l’1 per cento che T aci ci acquisti et Mat ha le stesse possibilità di azzeccarci quanto il sottoscritto quindi se questa ipotesi si avvera anch’io divento un eroe ? Ma per favoreeee !

  • 21 Aprile 2015 in 21:08
    Permalink

    quando una società fallisce i beni vanno ad asta, se va deserta ne viene indetta un altra con relative pubblicazioni. la norma e la prassi sarebbe questa, per garantire i creditori che venga realizzato il miglior prezzo possibile.
    Fissare un asta, con le eventuali successive aste a distanza di una settimana mettendole già in calendario è un invito per le ultime, a danno dei creditori.
    Dopo l’aiuto della lega ora l’aiuto dello stato nella figura del tribunale, certo che di santi in paradiso ne avete ….. passerete dalla maglia crociata alla prossima che sarà strisciata …..
    Per favore non replicate, fate più bella figura ….

    • 22 Aprile 2015 in 00:38
      Permalink

      Per favore non scrivere più baggianate simili, i creditori sono tutelati proprio per il fatto di far di tutto per vendere, se non si presenta nessuno si spartiscono la giacca di manenti

  • 21 Aprile 2015 in 21:18
    Permalink

    Mak io e tutti tifosi sperano in un salvatagio del parma e serie B, e non mi importa chi lo prenda all asta per me e un salvatore. E rimangano a lui le responsalida per i succesivi anni o come voglia chiamarsi dai tifosi.
    Solo ho fatto una domanda a Majo se la tesi di Mat si conferma.

    • 22 Aprile 2015 in 11:40
      Permalink

      albanian tu mi sei simpatico perchè tifi Parma pur non essendo (da quel che mi sembra di leggere) originario di questi territori, quindi “chapeau mon ami” !

      Contrariamente a Majo, a me non farebbe schifo un eventuale ritorno di Taçi in quanto lo giudichero’ in base al progetto e a quello che ferà realmente (non come l’ultima volta).

      Nessun preconcetto quindi, se Taçi arriva e ci salva dal baratro gli stendo il tappetto rosso. Permettimi pero’ di dirti che MAT sono mesi che si millanta un “pezzo grosso” che sa le cose ma fino ad oggi non ne ha azzeccata una (ma davvero una sola non l’ha azzeccata mai !!!!). Il suo modo di scrivere un po’ spocchioso e pretestuoso si basa su teorie che se leggi bene si reggono sul nulla. E’ chiaro che a forza di dire che prima o poi piove uno magari alla fine ci azzecca (anch’io ad esempio penso che Taçi possa ripresentarsi), ma questo non vuol dire che io o MAT abbia la ragione di chi la sa lunga.
      Non venga qui a dire “io lo avevo detto”! Lui aveva detto un sacco di cazzate sulle date, i nomi e i personaggi di tutta questa faccenda… punto e basta ! Un cazzaro come lo apostrofa giustamente Majo. Se realmente sapesse le cose non scriverebbe come Nostradamus per versetti che vogliono dire tutto e il loro contrario a seconda delle interpretazioni, ma starebbe zitto oppure farebbe chiarezza una volta per tutti (magari anche in privato con Majo). Saluti

      • 22 Aprile 2015 in 11:50
        Permalink

        Io non stendo alcune tappeto rosso a Taci e a nessuno di quella combriccola, ivi inclusi eventuali mandanti, essendo (a mio giudizio) i killer del Parma. Basta guardare i fatti. Taci fora dal bali. Altro che tappeto rosso.

        • 22 Aprile 2015 in 18:09
          Permalink

          Majo qualunque che prende all asta parma , indiratamente ha aprofitato dell fallimento.
          Allora tu saresti contro a tutti investitori( teoricamente).
          Saluti.

  • 21 Aprile 2015 in 21:28
    Permalink

    1 – d’accordo con majo: chiunque arrivi è qualcuno che deve tirare fuori della pila. sembra un discorso scontato ma non lo è: guadagnare nel calcio non è possibile, a meno che non si sia trafficoni nel senso brutto del termine
    2 – d’accordo con majo: taci non va neanche preso in considerazione, a costo di cambiare squadra.
    3 – in totale disaccordo con majo: pervader majo basta difendere manenti, anzi basta parlarne. dovresti bandire il nome dal sito. ho letto una tua risposta sopra che parla dei suoi denti. ma scusa non è stato sufficiente. ringrazia non si sa chi che ancora ti leggiamo nonostante il tuo 0,1 fino alla morte. e questo consideralo un consiglio da parte di uno che ti stima, non una critica. manenti dovrebbe sparire dal mondo, non solo da questo sito. non ha la dignità di essere nominato, neanche per pronunciare la frase che sottolinea che i problemi del parma non siano da attribuire a lui.
    dammi ragione

    • 22 Aprile 2015 in 00:04
      Permalink

      No, non ti do ragione perché anche se mi stimi hai fatto un ragionamento del cazzo che non tiene per nulla conto della mia reale posizione su Manenti. Che peraltro mi soono stancato di ripetere. Anche perché sono mesi che dico e ripeto le stesse cose, salvo che capite quel cazzo che vi pare.
      Quante straminchia di volte ho detto che lo 0,1% (non 100.000.000. ma 1 su mille!!!!!!!!!!!!!!) era perché ero a conoscenza di certi suo movimenti interessanti, testimoniati anche da altri addetti ai lavori, che i superficiali stupidi e ignoranti trascuravano tutti presi dalla C3 e dai denti e dalla giacca di Manenti? Ho già detto che la mia non era affatto una difesa di uno indifendibile, ma il mio fastidio per vedere l’ignoranza becera da branco prendersela con l’ultimo arrivato che è quello più incolpevole di tutti di questo schifo. E dirlo non significa difenderlo ma è un dato di fatto.
      Io non ho proprio da ringraziare né te né nessun altro perché mi leggete, magari dovreste esser voi a ringraziarmi perché scrivo. E perché al contrario di altri non vi racconto mai canelle, specie quando vi dico quel che non vorreste sentirvi dire.
      Saluti
      Gmajo

  • 21 Aprile 2015 in 22:49
    Permalink

    Curioso che “mat” “albanian fans of parma” e “Luan” appaiano sempre insieme a supportarsi l’uno con l’altro.
    C’è una nota ostAria dalle parti di Vigheffio che andrebbe bene come metafora.

    • 22 Aprile 2015 in 17:49
      Permalink

      Io tifo Parma e Luan e Albanese come me.
      Majo devi ringraziare perche quando parla Mat e boom di commenti.

  • 22 Aprile 2015 in 08:15
    Permalink

    Caro Mayo, tu hai annunciato su queste pagine:

    – la sanitaria borromeo
    – qatariori
    – cordata parmense
    – e adesso stai facendo crede che ci siano sotto interessamento dalla cina.

    io non sto scrivendo che il parma verrà acquistato da Taçi come non ho mai scritto che il parma è stato di Taçi, anzi sei tu che l’hai sempre tirato in ballo a sproposito parlandone come se fosse il proprietario del Parma quando invece il pacchetto di maggioranza era semplicemente in mano alla Dastraso.
    Leonadi aveva in mano la carta Manenti già da diverse settimane (era pronto a giocarsela in ultima istanza nel caso in cui la dastraso avesse portato i libri in tribunale). Questa informazione non è arrivata alla tue talpe?

    E se ti dicessi che verso metà maggio potrebbe presentarsi, ade sempio, una società come la Lukoil? tu cosa fai, il diavolo a quattro solo per fare il bastian contrario.

    Ti voglio poi fare presente l’ultima cosa:
    essere quello che “denuncia” (su un blog) il modus operandi delle, anzi di una sola, società di calcio non ti farà certo vincere il premio Pulitzer. Fai un po la figura di quello che attacca il disco “nel ciclismo sono tutti dopati” e che quando ne prendono uno se ne esce con “ecco, avete visto…io ve l’ho sempre detto”.
    Ti ripeto: se hai delle prove, vai in procura e denuncia

    La maggior parte delle società di serie a è in piedi grazie alle banche che coprono buchi enormi (altro che parma) e questa cosa la sanno tutti (non serve un blog). Non servere esser veggenti e non serve avere particolare coraggio ed acume per sostenere che più di mezza serie A è sul filo del rasoio per cui basta un nulla per vedere i fuochii d’artificio.

    • 22 Aprile 2015 in 09:51
      Permalink

      Mi sono stancato di replicare alle tue falsità e cazzate. Sei un cazzaro bugiardo. Se la lukoil si fosse servita di taci e della sua compagnia di prestanome per mettere le mani sul parma a prezzo più basso creando tutto questo casino, cosa che io non ritengo affatto possibile o veritiera, riceverebbe da parte mia lo stesso identico trattamento Che riserverei a taci.
      Io non ho fatto alcun annuncio di quelli che tu hai citato. Ti ho già spiegato che sanitaria borromeo è un nome di fantasia che io avevo scelto per indicare che potevano esserci capitali romani dietro la dastraso, visto chi la rappresentava illo tempore, e non fantomatici russi che poi non si sarebbero in effetti mai m
      materializzati. I qatarioti ho spiegato. in questi giorni chi erano e ricordo che se non ci fosse stata sottoscritta una proposta inderogabile d’acquisto con taci, o una delle sue mille facce alternative, ghirardi avrebbe potuto dialogare con loro. Della pista cinese degli ultimi giorni ne avevo riferito sapendo di certi contatti che però posso ora dire essere sfumati. Sottolineo che di queste ipotesi non ho mai fatto articoli, ma solo accennato nello spazio vommenti, quindi sempre in modo informale. Articoli, invece, ne avevo giustamente dedicati alla cordata parmigiana perché di quella avevo la certezza visto che erano venuti allo scoperto attraverso le riunioni organizzate dai cocoon.
      Siccome mi sono rotto i coglioni di perder del tempo per spiegartelo sappi cbe d’ora in poi, pur essendo contrario a igni forma di censura, cestinero’ ogni tuo ulteriore commento reiterativo di questi argomenti triti e ritriti.
      Addio
      Gmajo

      • 22 Aprile 2015 in 12:06
        Permalink

        Come ho già detto ad albanians, questo MAT parla per quartine alla Nostradamus. In pratica dice tutto e il contrario di tutto, “smentisce la smentita smentodola” direbbe qualcuno. Adesso apsettiamo la Lukoil per fine maggio… cioé la stessa Lukoil di febbraio… poi di marzo… poi quella in auto con Manenti… poi quella citatta in un articolo del 2008… MAT scusa eh, se LUKOIL arriva veramente ci avrai semplicemente azzeccato come un cazzaro qualunque, come ci azzeccherà chi ha detto UPI se arrive l’UPI, GEM per chi crede in GEM e Pincopallino per chi sostiene Pincopallino. Io a Taci (e quindi se vuoi alla lukoil do sempre il mio 1%), il resto è puro culo.

        • 22 Aprile 2015 in 12:46
          Permalink

          Io non devo portare prove , non faccio il giornalista di professione. Ho parlato di lukoil fin dal principio inoltrando (anche in privato a Mayo) alcuni link importanti per capire alcune sfumature dell’oil business. Quella di Taçi proprietario del Parma oppure intressato ad acquistare al Parma non è farina del mio sacco ma storpiature forse create ad arte. Ho sempre parlato di lukoil fin dal principio senza andare dietro ad altre improbabili soluzioni. Una volta per tutte voglio poi anche rispondere per la questione della vendita di manenti . Manenti negli ultimi giorni di libertà ( prima di finire ai domiciliari ) ha cercato di vendere il Parma (è un dato di fatto) come è un dato di fatto che il board della dastraso ha fatto proposte a balotelli, gilardino , lisandro lopez ed anche a marchionni (si può sempre sentire marchionni stesso se non volete credere a me).

          • 22 Aprile 2015 in 15:54
            Permalink

            Su questo non ho niente da eccepire.

            Sul fatto che Leonardi conoscesse Manenti da prima, come scritto in altro tuo commento, invece direi che non è vero, poiché per esperienza diretta so che Manenti era sconosciuto a Leonardi sino al pomeriggio di Milan-Parma quando lo incontrò assieme a Galimberti e a un altro tizio (nel giro dell’oil business). Leonardi, sentito Taci, gli disse che non se ne faceva niente perché, appunto era interessato taci ad andare avanti. Salvo all’1 mandargli Kodrino dopo la sconfitta per dirgli che doveva portare i libri in tribunale entro tre giorni, oppure vendere.

            Saluti

            Gmajo

    • 22 Aprile 2015 in 10:00
      Permalink

      AveVcela…….

    • 22 Aprile 2015 in 11:55
      Permalink

      Toh, ieri ho guzzato una reggiana… mi ha detto di ricordarti che oggi non devi dimenticarti il latte. Ciao testina

  • 22 Aprile 2015 in 14:43
    Permalink

    Mi sa che l’unico che dira’..ve l’avevo detto..saro’ io.. Ne Taci e nessun’altro si presentera’ ad acquistare il Parma con questi prezzi.
    Buona giornata a tutti.

    • 22 Aprile 2015 in 15:12
      Permalink

      Non sono d’accordo (del resto come sempre…).

      Alla sesta asta il prezzo del Parma è ok, come direbbe Iva Zanicchi. E il debito è abbattibile. In più hai tra i 10 e i 12.5 ml di paracadute. E una rosa già fatta per la B. Io non sono eccessivamente ottimista, però il business si potrebbe tentare. Va anche aggiunto, però, che con la stessa cifra uno potrebbe aggiudicarsi, come ha rimarcato Pedretti, il controllo della Lazio…

      Cordialmente

      Gmajo

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI