UN UOMO IN DUE MAGLIE / GIOVANNI SORCE (CON INTERVISTA) TRA PARMA E PALERMO

(Luca Savarese) – “L’uomo in due maglie”  di oggi è nato, il 4 luglio del 1969, ad Agrigento, città della Valle dei Templi. Nel tempio, anzi dentro al santuario del Parma di Scala, ci è passato anche lui, e questa, è una sorta di benedizione che ti accompagna in tutta la carriera (“Ricordo l’entusiasmo che c’era”, ci racconta). Giovanni Sorce, professione bomber, esordì, proveniente dal Licata, non in una partita come le altre, ma nella prima, nel Battesimo dei Crociati nella massima serie, il 9 settembre del 1990, quando rilevò, al minuto numero 47’, Brolin. E proprio accanto allo svedese Sorce posa nella schierata della formazione ducale per l’annata 1993-94, immortalata dall’album Panini, quando ritornò a Parma per una veloce parentesi, dopo un periodo tra Lucchese e Messina. Ha vissuto anche le emozioni imagedella sponda rosanera palermitana, dove giocò un’intensa stagione, come la definisce lui stesso, 1998-99, con un gran campionato di C in cui, per un soffio, non arrivò la B. Poi militò anche ad Aosta, Marsala, Spal, Avezzano, Catanzaro, Sciacca, Paternò, Akragas, e Vittoria. Ascoltiamolo, ringraziandolo per la sua disponibilità, dopo averlo sentito telefonicamente.

Dai gialloblù del Licata ai gialloblù del Parma al loro primo anno di serie A. Stagione 1990-91, esordio contro la Juve alla prima di campionato, 23 presenze ed una rete: Parma-Genoa, ventottesima giornata, entri al 63’ al posto di Catanese e segni un gol decisivo, quello del 2 a 1?

“Si, tra l’altro in un momento particolare della stagione perché venivamo da due sconfitte consecutive, se non ricordo male, avevamo perso in casa contro il Pisa, che era quasi retrocesso e contro il Cagliari a Cagliari all’ultimo secondo per uno a zero, quella partita contro il Genoa era importante, era uno scontro diretto, perché anche il Genoa era in corsa per un posto in Europa. Vincemmo e quel gol lì, fu pesante e ci diede anche una bella spinta, perché poi vincemmo anche a Bologna, la partita successiva, ed in casa contro il Cesena e riuscimmo a qualificarci”.

Cosa hai provato a far parte di una squadra mitica?

“Un’ enorme soddisfazione, ricordo l’entusiasmo che c’era, il primo anno di A, l’armonia del gruppo, gli stranieri, poi essere riusciti al primo anno a centrare la qualificazione in Uefa, a scapito della Juve, che restò fuori, cosa rara, e le facemmo una sorta di sgambetto, fu una grande gioia, quindi ricordo con grande affetto quella stagione e quella squadra”.

Nevio Scala: un maestro, un papà, un amico?

“Un po’ tutto questo; era preparatissimo, come un maestro, ma con noi giocatori era molto paterno, ti capiva, ti faceva sentire bene, non faceva sentire la pressione, ti metteva nelle condizioni migliori di poterti esprimere ed infatti, i risultati che sono arrivati dopo a Parma, sono in gran parte merito suo”.

Palermo, stagione 1998-99: un gran campionato di C1, dove i rosanero sono sconfitti solo nel play-off dal Savoia. Cosa ricordi dell’ambiente palermitano e dello stadio?

“Fu un’annata un po’ strana, siamo partiti benissimo, stando quasi sempre in vetta, poi pareggiammo le ultime partite casalinghe, fummo scavalcati dalla Fermana, in seguito noi vincemmo in casa l’ultima la Fermana perdeva, ma riuscì a recuperare. Si passò dall’essere già quasi in B al fare il play-off, ed arrivammo così mentalmente scarichi, perdemmo entrambe le sfide contro il Savoia, fu una enorme delusione. Bè anche Palermo è stata una bellissima esperienza, è anche Palermo una grande piazza, sta dimostrando che può stare nell’èlite del calcio italiano stabilmente, intendo la serie A, poi anche dello stadio ho un gran bel ricordo, lo stavano ristrutturando ed infatti giocammo alcune gare al velodromo, poi tornammo alla Favorita ed io segnai il primo gol contro l’Ancona, è una piazza calda, purtroppo, quello vissuto da me, dopo un anno intenso e di grandi prospettive, la fine, con la B, sfumata all’ultimissimo, fu piuttosto amara”.

Oggi la squadra di Iachini è una delle realtà più sorprendenti del campionato; pur essendo una neopromossa, sta facendo bene. Te lo aspettavi?

“Non sono completamente stupito, anche nel recente passato si era comportato bene il Palermo, sfiorando la qualificazione in Champions che poi ottenne la Sampdoria, nel 2010. Lavorano bene, è una società abbastanza solida, forse quest’anno è andato un po’ al di là delle aspettative iniziali, ma tutto sommato, me lo aspettavo”.

Il Parma di oggi invece, non è certamente quello apprezzato e vissuto da te. Però, il fatto di continuare a giocare, nonostante ogni tipo di bufera, da parte di Donadoni e dei suoi ragazzi, credi possa essere un esempio, in un calcio, dove molto spesso, vince il dio-denaro?

“Assolutamente si, stanno mostrando grandissima professionalità e dignità e stanno onorando al meglio il campionato, perché, dopo tutto quello che è successo, qualcuno poteva pensare che incontrare il Parma voleva dire incontrare una cenerentola del campionato, con tre punti quasi scontati, ora nell’ incontrare il Parma, più di prima, bisogna sudarsela, quindi bravi perchè non è per niente facile, in condizioni di questo tipo, riuscire a giocare”.

Per chi tiferà domenica pomeriggio Giovanni Sorce?

“Sono molto legato ad entrambe le piazze, mi affezionai ad entrambe, spero in un pareggio, anzi spero che vincano tutte e due (e se la ride) ma non è possibile… Speriamo sia una bella partita, comunque stanno dimostrando di essere, il Palermo per un verso ed il Parma, pur con quello che sta vivendo, due bei gruppi”.

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

AMARCORD di Alessandro Dondi / QUEL GOL LAMPO DI SORCE CHE NEL ’91 FRUTTO’ LA VITTORIA DEL PARMA DI SCALA SUL GENOA DI BAGNOLI

LE PRECEDENTI PUNTATE DI  UN UOMO IN DUE MAGLIE

1. MASSIMO AGOSTINI TRA CESENA E PARMA (30.08.2014)

2. FEDERICO GIUNTI TRA PARMA E MILAN (13.09.2014)

3. MATTEO BRIGHI TRA CHIEVO VERONA E PARMA (20.09.2014)

4. FABIO SIMPLICIO TRA PARMA E ROMA (24.09.2014)

5. SALVATORE MATRECANO TRA UDINESE E PARMA (27.09.2014)

6. VALERIANO FIORIN TRA PARMA E GENOA (04.10.2014)

7. ROBERTO BORDIN TRA ATALANTA E PARMA (18.10.2014)

8. MARCO GIANDEBIAGGI (CON INTERVISTA) TRA PARMA E SASSUOLO (25.10.2014)

9. RAFFAELE LONGO TRA TORINO E PARMA (29.10.2014)

10. ADRIANO LEITE RIBEIRO TRA PARMA E INTER (01.11.2014)

11. MARCO MARCHIONNI TRA JUVENTUS E PARMA (08.11.2014)

12. DAVIDE MATTEINI (CON INTERVISTA) TRA PARMA ED EMPOLI (22.11.2014)

13. GIANLUCA TRIUZZI (CON INTERVISTA) TRA PALERMO E PARMA (28.11.2014)

14. FABIO VIGNAROLI (CON INTERVISTA)  TRA PARMA E LAZIO (06.12.2014)

15. GIANPIETRO PIOVANI TRA PARMA E CAGLIARI (13.12.2014)

16. ENZO GAMBARO TRA NAPOLI E PARMA (18.12.2014)

17. ALESSANDRO ORLANDO TRA PARMA E FIORENTINA (06.01.2015)

18. FABRIZIO CAMMARATA (CON INTERVISTA) TRA VERONA E PARMA (10.01.2015)

18.bis UN UOMO IN DUE MAGLIE DI COPPA ITALIA (CON INTERVISTA) / MASSIMO BRAMBILLA TRA PARMA E CAGLIARI (14.01.2015)

19. PATRIZIO SALA TRA PARMA E SAMPDORIA (17.01.2014)

20. AUGUSTO GABRIELE TRA PARMA E CESENA (24.01.2015)

20.bis UN UOMO IN DUE MAGLIE “LIGHT” DI COPPA ITALIA / MARCO DI VAIO TRA PARMA E JUVENTUS (28.01.2015)

21. MAURIZIO GANZ TRA MILAN E PARMA (31.01.2015)

22. SIMONE BARONE TRA PARMA E CHIEVO (10.02.2015)

23. GIOVANNI CERVONE TRA ROMA E PARMA (14.02.2015)

24. DAVIDE ZANNONI (CON INTERVISTA) TRA PARMA E UDINESE (22.02.2015)

24 bis. FRANCESCO GUIDOLIN, UN ALLENATORE IN DUE MAGLIE TRA PARMA E UDINESE (07.04.2015)

25. STEFANO ROSSINI TRA PARMA E ATALANTA (07.03.2015)

26. GIANLUCA PEGOLO TRA SASSUOLO E PARMA (14.03.2015)

27. ALESSANDRO ROSINA TRA PARMA E TORINO (20.03.2015)

28. HERNAN CRESPO TRA INTER E PARMA (03.04.2015)

29. GIUSEPPE OSCAR DAMIANI TRA PARMA E JUVENTUS (10.04.2015)

30. GAETANO GRIECO TRA GENOA E PARMA (14.04.2015)

31. GIANLUCA BERTI TRA EMPOLI E PARMA (18.04.2015)

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

8 pensieri riguardo “UN UOMO IN DUE MAGLIE / GIOVANNI SORCE (CON INTERVISTA) TRA PARMA E PALERMO

  • 25 Aprile 2015 in 00:41
    Permalink

    Direttore, entro non molto le manderò l’articolo, però ho cambiato l’argomento per renderlo più pertinente al blog 😉

  • 25 Aprile 2015 in 11:18
    Permalink

    Libertà è Partecipazione !!!! Grande Gaber

    RISPETTO x ki ha COMBATTUTO !!!!

    Viva il 25 Aprile !!!! Viva gli ALPINI !!!!

  • 25 Aprile 2015 in 14:17
    Permalink

    Più vedo giocare Pellè, più mi rendo conto che la stragrande maggioranza dei tifosi del Parma di calcio ne capisce pochino…

    • 25 Aprile 2015 in 17:21
      Permalink

      ci sei già tu che ne capisci tanto… gli che capiscono poco compensano…

      • 25 Aprile 2015 in 17:54
        Permalink

        Due gol, gioca per la squadra…insomma, un bidone. Come Candreva, per intenderci…

  • 25 Aprile 2015 in 18:30
    Permalink

    Mettiamoci anche Okaka così chiudiamo il cerchio… 🙂 Però quando uno gioca male si vede dai come potevi dire quando giocava nel Parma che Pellè era un giocatore di calcio? faceva 10 colpi di petto tutto lì… ha fatto se non sbaglio un solo gol… È ovvio che adesso è di un altro spessore, ma forse sarà anche il campionato italiano che gli è indigesto

    • 26 Aprile 2015 in 07:52
      Permalink

      Mettiamola così: negli altri campionati si gioca a calcio. Un calcio che sa anche un po’ di basket: perché se io passo la palla ad un mio compagno, dopo mi smarco e attacco il primo spazio libero nel tentativo di creare superiorità numerica e farmela ripassare. Così ha giocato il Barcellona per un bel po’ di anni: un gioco con meno tatticismi di quelli che cercano di inventarsi dalle nostre parti e in cui l’unica filosofia vincente era quella di attaccare lo spazio. Sempre. Accade lo stesso anche in Inghilterra. Dalla A alla Premier non credo sia cambiato il calcio di Pellè, piuttosto è Pellè che si ritrova in un paese nel quale si fa un calcio diverso dal nostro. I dieci colpi di petto che faceva qua, Graziano li fa anche oltremanica. Con una differenza: lì non si trasformano in prediche nel deserto, ma vengono impreziositi dall’incursione di qualche suo compagno di squadra. Andate a rivedervi il primo gol che ieri il Southampton ha mollato agli Spurs.

  • 26 Aprile 2015 in 11:33
    Permalink

    Ma Vattene in Inghilterra terra….terra !!!!

    Altro ke Pellèrossa dai là !!!!

    Salutami la Reginahahahah !!!!

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI