ACCORDO TRA LE CURATELE DI PARMA F.C. ED EVENTI SPORTIVI: CHI COMPRA L’AZIENDA SPORTIVA AVRA’ PRELAZIONE SUL CENTRO SPORTIVO. CANONE DI LOCAZIONE ABBASSATO A 30 MILA EURO AL MESE

image(Comunicato Stampa) – Il dott. Angelo Anedda ed il dott. Alberto Guiotto, curatori fallimentari di “Parma FC S.p.A.”, ed il dott. Vincenzo Piazza, curatore fallimentare di “Eventi Sportivi
S.p.A.”, debitamente autorizzati, hanno concluso oggi un accordo quadro riguardante
il centro sportivo di Collecchio.
In particolare, i curatori hanno concordato la riduzione del canone di locazione ad euro
30.000,00 mensili. L’importo stabilito, che varrà anche per il futuro acquirente, è pari
al 30% di quanto originariamente stabilito ed è considerato in linea con gli attuali
valori di mercato.
Le procedure hanno inoltre determinato che il futuro acquirente della squadra ducale
possa godere di un diritto di prelazione sull’acquisto del Centro Sportivo di Collecchio.
Il diritto potrà essere fatto valere, a parità di prezzo, nelle prime tre aste che saranno
indette dal fallimento Eventi Sportivi – secondo le scadenze da stabilirsi a cura del
Giudice Delegato dott. Pietro Rogato – e con ribassi del 25% per ciascuna gara
successiva alla prima.
Le due curatele manifestano soddisfazione per l’accordo raggiunto e auspicano che
esso, unitamente alla pluralità di manifestazioni di interesse sinora ricevute, possa
agevolare la cessione dell’Azienda Sportiva nel corso del presente mese di maggio
nonché quella del Centro Sportivo nei mesi successivi.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

51 pensieri riguardo “ACCORDO TRA LE CURATELE DI PARMA F.C. ED EVENTI SPORTIVI: CHI COMPRA L’AZIENDA SPORTIVA AVRA’ PRELAZIONE SUL CENTRO SPORTIVO. CANONE DI LOCAZIONE ABBASSATO A 30 MILA EURO AL MESE

  • 4 Maggio 2015 in 17:48
    Permalink

    Quindi chi prende il parma potrà prendere collecchio in esclusiva a 5,5 milioni senza che nessuno possa alzargli l`asta…a meno che uno si presenti prima e lo prenda a una cifra più alta cosa che dubito!

    Più o meno è come se avessero fatto un pacchetto unico…ma con la differenza che uno può scegliere se prenderlo o meno…se però con 5 milioni uno prendesse tutto collecchio senza mutui ne niente sarebbe un affare!

    • 4 Maggio 2015 in 18:17
      Permalink

      Dice chiaramente, il comunicato, “Il diritto potrà essere fatto valere, a parità di prezzo”; se qualcuno offre di più il diritto di prelazione decade.

    • 4 Maggio 2015 in 19:55
      Permalink

      Io non l’ho letta proprio cosí: se chi compra il parma offre 5,5 e un pincopallino qualsiasi offre lo stesso valore collecchiello va ai nuovi proprietari del parma, ma se pincopallino offre 5,6 collecchiello se lo aggiudica pincopallino.
      Al buon Majo l’arduo compito di tradurre per noi e giá che ci siamo vorrei sapere cosa gli dice il suo proverbiale naso. C’é qualcosa da leggere tra le righe che ci sfugge?

      • 4 Maggio 2015 in 20:04
        Permalink

        ma tu pensi veramente che ci sarà qualcuno che offre 6,5 milioni per prendere collecchio se non il proprietario del Parma?!?!

      • 4 Maggio 2015 in 20:06
        Permalink

        Non penso proprio che Collecchiello possa interessare a qualcuno che non sia il Parma Calcio. Serve solo a quello.

  • 4 Maggio 2015 in 17:49
    Permalink

    più predisposto di cosi….

  • 4 Maggio 2015 in 18:03
    Permalink

    Diciamo che ora manca solo l’acquirente. Il resto è tutto pronto.

  • 4 Maggio 2015 in 18:04
    Permalink

    i curatori stanno facendo veramente un lavoro straordinario, fanno di tutto per rendere appetibile il parma più di questo penso nn si possa fare è una buona notizia credo…

  • 4 Maggio 2015 in 18:05
    Permalink

    Ho letto anche di “pluralità di manifestazioni di interesse sinora ricevute”.
    Se è così lo zio di telefonate ne ha fatte per salvare il nipote.

  • 4 Maggio 2015 in 18:15
    Permalink

    Molto interessante questa parte “unitamente alla pluralità di manifestazioni di interesse sinora ricevute” significa che in diversi si sono fatti avanti.

      • 4 Maggio 2015 in 22:31
        Permalink

        I curatelli sono pur sempre pubblici ufficiali, non possono mentire e nemmeno raccontare le bugie bianche. 😉

      • 4 Maggio 2015 in 22:40
        Permalink

        Non faccia il Ghirardello, Majo. Non penso che i curatori si inventino le manifestazioni di interesse. Altrimenti sarebbero dei bugiardi. Vuole insinuare questo?

      • 5 Maggio 2015 in 23:25
        Permalink

        Adesso anche Capitan Pizza dice che sono in diversi che lo hanno contattato. Ole’

        • 5 Maggio 2015 in 23:37
          Permalink

          Settimana scorsa nessuno… E il bello è che questo video lo hanno registrato prima della gara con la lazio… Cmq se ripenso a come i municipali si erano fatti irretire da taci e al credito cardio concesso al ghiro cui avevan fatto da banca…

  • 4 Maggio 2015 in 18:18
    Permalink

    direttore ottima notizia

  • 4 Maggio 2015 in 18:32
    Permalink

    “pluralità di manifestazioni di interesse sinora ricevute” ?!?!?!?!

    • 4 Maggio 2015 in 21:43
      Permalink

      Confermo: ci sono più manifestazioni di interesse: questo, però, non significa che faranno offerte…

      • 4 Maggio 2015 in 21:55
        Permalink

        È già qualcosa che qualcuno si sia interessato 🙂

  • 4 Maggio 2015 in 18:34
    Permalink

    Le due curatele onestamente stanno facendo il massimo per il club. Se qualcuno lo vorrà’ acquistare più’ di così direi proprio non si può . Se non ci sarà nessuno beh allora Parma, i suoi industrial-commenda e compagnia briscola se la possono tranquillamente oggi, domani e sempre andarsela a riprendere nel lato B

    • 5 Maggio 2015 in 02:27
      Permalink

      Concordo in pieno con te Alfredo!

  • 4 Maggio 2015 in 18:51
    Permalink

    scusa maio ma c’è scritto Le due curatele manifestano soddisfazione per l’accordo raggiunto e auspicano che
    esso, unitamente alla pluralità di manifestazioni di interesse sinora ricevute, possa
    agevolare la cessione dell’Azienda Sportiva , CHE SIGNIFICA CHE CI SONO GIA CORDATE INTERESSATE AL PARMA FC?

  • 4 Maggio 2015 in 19:12
    Permalink

    Majo io credo di dire cautamente che sti curastar stiano ptedisponendo una certa appetibilita ai possibili compratori..bisogna dargliene atto..o no!

  • 4 Maggio 2015 in 20:02
    Permalink

    ” unitamente alla pluralità di manifestazioni di interesse sinora ricevute”…questo passaggio lo reputo importante!

    • 4 Maggio 2015 in 20:10
      Permalink

      Esatto questa e’ una notizia molto interessante che dovrebbe far rizzare il naso al direttore e le antenne ai suoi hacker talponici

  • 4 Maggio 2015 in 20:04
    Permalink

    Si ma..chi ha interesse al centro di collecchio se non chi ha in mano il Parma??? Io la leggo più come una mossa all’italiana x far cascare il centro nel pacchetto Parma… Seppur giuridicamente sarebbe appartenente ad un altro soggetto…

  • 4 Maggio 2015 in 21:00
    Permalink

    Che altro avrebbero potuto fare i curatelli? Dicano gli scettici ed i sospettosi, cosa avrebbero fatto al loro posto?

  • 4 Maggio 2015 in 21:56
    Permalink

    Predisposto un cazzo porta sfiga si e detto per taci e per manenti speriamo non sia nulla predisposto

  • 4 Maggio 2015 in 22:43
    Permalink

    “che altro avrebbero potuto fare i curatelli?” Cul cui cavi negar n’al so miga, c’letor bianc ander dal barber.E anca alla svelta.

    • 4 Maggio 2015 in 22:55
      Permalink

      Scoop. Ghe bele ande’ dal barber. Sabato scorso…

  • 4 Maggio 2015 in 22:45
    Permalink

    Praticamente direttore dobbiamo solo vedere a quanto ammonterà il debito sportivo visto che sarà quella l’unica cifra da mettere dato che centro sportivo più parma fc costerà più o meno quanto il paracadute,giusto?

    • 5 Maggio 2015 in 02:40
      Permalink

      Il paracadute piu’ o meno dovrebbe essere intorno ai 10 mln se non erro , in pratica ti copre la spesa per l’acquisto del titolo sortivo e collecchio, se il debito lo si riesce ad abbassare intorno 23 mln basta vendere I “big’ che abbiamo in rosa e, in parte se non quasi tutto questa operazione ti riesce a coprire anche il costo del debito.. Io non capisco sinceramente come si possa dire che sia una spesa folle acquistare il Parma.. Chi lo afferma fa solo disinformazione. Ci saranno anche delle spese di gestione ma cavolo se acquisti una squadra di calcio un po di soldi li vuoi cacciare o no????

  • 4 Maggio 2015 in 23:46
    Permalink

    Direttore mi scusi in un suo commento conferma che ci sono degli interessati al parma in altri parla di pubblicità,volevo sapere a lei risultano questi interessi?

    • 4 Maggio 2015 in 23:51
      Permalink

      Se lo hanno dichiarato loro… Ciò non toglie che sia pubblicità progresso…

  • 5 Maggio 2015 in 00:01
    Permalink

    a volte Majo non la capisco…alterna situazioni di ingiustificato ottimismo, come quando parlava di salvezza ancora possibile,a situazioni come questa in cui si intravede un piccolo spiraglio di luce, ed ecco che tira il freno a mano parlando di pubblicità progresso…una via di mezzo?

    • 5 Maggio 2015 in 00:22
      Permalink

      Apposta che faccio da calmiere, o in un senso o nell’altro per portare equilibrio.

      Comunque dire “pubblicità progresso” non significa tirare il freno a mano…

  • 5 Maggio 2015 in 00:26
    Permalink

    Mi scusi ma ho interpretato la pubblicità progresso come un modo pacato di far capire che non crede a tali affermazioni. Mi sono sbagliato?

    • 5 Maggio 2015 in 00:29
      Permalink

      Non è che non ci creda, ma è chiaro che la comunicazione è sempre fatta per portare l’acqua al proprio mulino, dunque è bene far la tara…

  • 5 Maggio 2015 in 01:04
    Permalink

    Ma se la Eventi Sportivi è fallita, il canone di 30 mila euro mensili a chi andrebbe pagato…?

      • 5 Maggio 2015 in 17:34
        Permalink

        Certo che il bresciano faceva arrivare a se stesso 100000€/mese dal Parma calcio. Questa si che è progresso anche senza pubblicità

        • 5 Maggio 2015 in 18:22
          Permalink

          Il Parma Calcio non ha pagato una briciola di imposte (l’Iva era di gruppo, quindi pagava, in teoria, Eventi): dipende sempre da che parte si guardano le cose.

          E comunque Eventi Sportivi era una società di Ghirardi come lo era il Parma FC: quindi erano soldi (credo virtuali) che passavano da una parte all’altra…

          • 5 Maggio 2015 in 23:22
            Permalink

            Un monopoli che a lume di naso ha impinguato qlc panza. Lasciamo lavorare i procuratori e poi vedremo se tutte le panze sono sane

  • 5 Maggio 2015 in 02:31
    Permalink

    Chi spende tutti quei soldi per una squadra di B e’ un pazzo!? Questo per me se uno ha voglia di entrare nel calcio e’ un vero e proprio affare! Chi dice il contrario ha scheletri nell’armadio.. Ripeto I big dell’indutria di Parma se si vogliono rendere utili devono solo cercare di trovare un acquirente serio e con moneta per il Parma.. Per il resto come ho scritto prima ha ragione Alfredo!!
    Parma = affare calcistico.

    • 5 Maggio 2015 in 17:37
      Permalink

      I big(o forse pig) dell’industria di Parma offrono 350000€ per il settore giovanile? Capito? La Fiorentina compra giocatori al costo di 2-3 mln l’uno per il settore giovanile.
      Questi sono i big(pig) di Parma

  • 5 Maggio 2015 in 14:04
    Permalink

    si dice CURATELLA!!!

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI