BELLE’: “IL PARMA TORNATO AL TARDINI HA CANCELLATO I DUE CROLLI CON LAZIO E CAGLIARI. SE L’ING. DALLARA SI ACCOLLASSE I DEBITI PER AFFRONTARE LA SERIE B GLI TOGLIEREI IL SALUTO…”

BELLE’: “IL PARMA TORNATO AL TARDINI HA CANCELLATO I DUE CROLLI CON LAZIO E CAGLIARI. SE L’ING. DALLARA SI ACCOLLASSE I DEBITI PER AFFRONTARE LA SERIE B GLI TOGLIEREI IL SALUTO…”

VIDEO INTERVISTA DI GABRIELE MAJO

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

75 pensieri riguardo “BELLE’: “IL PARMA TORNATO AL TARDINI HA CANCELLATO I DUE CROLLI CON LAZIO E CAGLIARI. SE L’ING. DALLARA SI ACCOLLASSE I DEBITI PER AFFRONTARE LA SERIE B GLI TOGLIEREI IL SALUTO…”

  • 10 Maggio 2015 in 22:08
    Permalink

    Direttore quanto è vera la voce di un nuovo interessamento da parte di Zanetti?

    • 10 Maggio 2015 in 22:17
      Permalink

      Baraldi continua a smentirmela piuttosto chiaramente. Quindi direi che non sia vera. Del resto razionalmente direi che è impossibile visti i precedenti ricordati anche da Bellé

      • 11 Maggio 2015 in 09:35
        Permalink

        Baraildi spero stia lontano il piu’ possibile dal Parma calcio. Basta e avanza quello che ha fatto al Parma A.C. , non mi pare dal processo sia uscito pulito.

  • 10 Maggio 2015 in 22:17
    Permalink

    Non sa un cazzo, lotta per la D, spara cifre e numeri alla cazzo. Ma come hai fatto Majo a mantenere la calma senza dirgli che ormai é completamente OUT ? Che pena!

    • 10 Maggio 2015 in 22:27
      Permalink

      Sulle cifre, in effetti, lui che aveva il motto “precisi, precisi, bisogna essere precisi” (manco fosse Volonté nel mitico Cittadino al di sopra di ogni sospetto) è stato impreciso. Però il ragionamento di fondo non cambia: alla fine per portarsi via il Parma ai poco più di 6 milioni dell’ultima base d’asta bisognerà aggiungere il famigerato debito sportivo, che si conta di ridurre fino a circa 25 ml. Ma il vero nodo, come rimarcato già settimane addietro sia da Tommasi che da Albertini, sono i contratti in essere: cioè in pratica l’eventuale acquirente dovrebbe accollarsi “la cambiale” di un nuovo debito sportivo pluriennale. E quei contratti non si riescono a cancellare con la bacchetta magica…
      Cordialmente
      Gmajo

  • 10 Maggio 2015 in 22:22
    Permalink

    Majo..non capisco queste dichiarazioni arrembanti e giustizialiste!..tutti che vogliono estremamente bene al parma vedo!

  • 10 Maggio 2015 in 22:36
    Permalink

    Totale 31 milioni. Se in cambio oltre alla proprietà del parma ottieni anche che Bellé ti si leva di torno per sempre, potrebbe essere un buon investimento

    • 10 Maggio 2015 in 22:52
      Permalink

      A parte che 31 non è proprio uno scherzo (con meno compreresti le quote di Lotito alla Lazio…) ribadisco che il problema più insormontabile è che ti trovi sul groppone per un altro tot di anni tutti i contratti pluriennali.

      A parte che i curastars e chi per loro cura così efficacemente la comunicazione sono molto bravi a cercare di rendere appetibile il prodotto attraverso il continuo ricordo del paracadute, dei tagli effettuati, etc, etc. ma non dei lati negativi. Ad esempio chi pagherà il mese di giugno degli stipendi? E’ un bell’omaggino per il nuoco compratore…

      Cordialmente

      Gmajo

      • 10 Maggio 2015 in 23:08
        Permalink

        Per levarmi Bellé di torno ne spenderei anche 40 (se ce li avessi)

      • 11 Maggio 2015 in 01:06
        Permalink

        Scusi Majo ma un eventuale nuovo proprietario non può prendere un DS libero e dargli il compito durante l’estate di cedere la maggior parte dei 120 giocatori o prestarlo in giro?!?! Ma parlo di uno che faccia solo quello…ce la caverà a venderne almeno una 50ina no?

          • 11 Maggio 2015 in 02:21
            Permalink

            Ne il Leo la scorsa estate non aveva solo quello come compito mi pare.. Anzi…aveva parecchi cazzi per la testa!

            E comunque non mi pare che il Parma abbia 120 giocatori in rosa..sono quasi tutti in giro in prestito!

  • 10 Maggio 2015 in 22:37
    Permalink

    I debiti sportivi saranno meno di 20 milioni alla fine, se i miei calcoli non sono sbagliati. Comunque Bellè che tifi Toro e lasci perdere il Parma, nadaro lui e Dallara.

  • 10 Maggio 2015 in 22:42
    Permalink

    Tanto a lui che gli frega? Tiene il Toro.

    Questa è la gente (di m) che popola la tribuna centrale del Tardini…entra a sbafo e fa il pugnetto quando segnano le loro squadre…etor che forza Parma!

  • 10 Maggio 2015 in 22:47
    Permalink

    Majo a distanza di anni possiamo svelare le trame che il buon Bella ha cercato di ordire con Gaetano Valenza per diventare responsabile della comunicazione del Parma calcio?
    Ecco da personaggi del genere io non accetto morale e imposizioni.
    Chiunque dica D sta dicendo eresie! D è morte e la B con calciatori in essere tv sponsorizzazioni cessioni non è la cifra mostruosa invalicabile.

    • 10 Maggio 2015 in 22:48
      Permalink

      A parte Bellè, ricordo che la buonanima di Tano irretì altri candidi…

    • 10 Maggio 2015 in 23:01
      Permalink

      Federico puoi essere più preciso?

  • 10 Maggio 2015 in 22:52
    Permalink

    direttore secondo lei quante possibilità ci sono che il parma possa essere acquistato e quindi ripartire dalla b?

      • 11 Maggio 2015 in 14:33
        Permalink

        La penso come te…e quindi a maggior ragione, la frase di Belle’ su Dallara è vergognosa!!! Balla sul nostro cadavere…che pena… Se lo conoscessi, il saluto glielo toglierei io…non so come si permetta di dire certe cose! !! cmq con Dallara puo’ stare tranquillo. .non togliera’ il saluto a lui e a nessun parmigiano…

  • 10 Maggio 2015 in 22:53
    Permalink

    Bellè e Dallara sono come quelle persone che vanno davanti ad una concessionaria di auto lussuose a lamentarsi che costano troppo… ma se Dallara non può permettersi il Parma in serie B, si faccia da parte, che nessuno la chiamato in causa, anzi l’Upi potrebbe cercare qualche investitore serio, anzichè avventarsi sulla carcassa del Parma per passare come salvatore della patria.

  • 10 Maggio 2015 in 23:00
    Permalink

    Belle’ l’è ora c’al vaga in pensio. E c’al vaga a la casa protetta ensama a cul piocion dal menga dal so amig Dallara. Sifton!

  • 10 Maggio 2015 in 23:02
    Permalink

    Dallara e Belle ien chi omet vec cul capel in testa chi ien sempar dee guader i canter e criticher chi è dre lavurer.

  • 10 Maggio 2015 in 23:03
    Permalink

    Che la cordata di dallara intervenga sulle macerie è troppo comodo!..per poi dire..non voglio che mi si dica grazie! Grazie noi tifosi ve lo diremmo in mille maniere..partire dalla B..vuol dire curva nord piena!..e più entusiasmo..in D tutto più difficile!

  • 10 Maggio 2015 in 23:07
    Permalink

    Dallara piocion sta a ca tua!

  • 10 Maggio 2015 in 23:07
    Permalink

    Vabbè, mi pare che Bellè sia sempre stato favorevole alla D. Spero di fargli rimanere la lettera in gola.

    • 11 Maggio 2015 in 09:58
      Permalink

      Sei troppo buono con lui. “Vabbé” non va bene. Bisogna incazzarsi!!! Quello lì ha avuto il privilegio di raccontare wembley e tutte le altre coppe. Come Nando Martellini in Spagna 82. Tempi diversi, uomini MOLTO diversi.

  • 11 Maggio 2015 in 00:34
    Permalink

    Belle’ è semplicemente fuori di testa. Invece di due che a dallara farebbe un monumento se si accollasse il debito sportivo, viene a dire che gli toglierebbe il saluto.vergognati caro mio… Tu si che noi vuoi il breve del Parma…

    • 11 Maggio 2015 in 14:36
      Permalink

      Esatto. ..poverino che nn si rende nemmeno conto della figura che fa….

  • 11 Maggio 2015 in 00:58
    Permalink

    A bellé non frega niente del parma. Gliene frega solo di passare per il più furbo, quello che può dire “io ve l’avevo detto”. Su 187.000 abitanti di Parma, lui è senz’altro il più indegno di tutti. Trovatemi un uomo peggiore di lui a Parma, a chi riesce a convincermi che il suo candidato è peggio di bellé pago una cena dove vuole.

  • 11 Maggio 2015 in 01:02
    Permalink

    Bellè era quello che difendeva la juve di Moggi…… era quello che di fronte alle innegabili nefandezze arbitrali dell’era della triade sosteneva che lamentarsi era provincialismo, un mediocre giornalista un mediocre uomo, il cavallo di battaglia giusto del ministero della cultura popolare che l’UPI ci ha imposto da decenni. BASTA! Certa gente non deve avere più spazio in una città che deve cambiare strategia per sopravvivere.

  • 11 Maggio 2015 in 02:04
    Permalink

    Tutti uniti per la B!! Fuori dallle scatole chi vuole la D!! In caso di B voglio vedere se questi signori in primis Boni continueranno a seguire il Parma o se andranno a vedere il Brescello ?Cosi come dicono ora.

  • 11 Maggio 2015 in 08:53
    Permalink

    Caro Majo ,Beiie ‘ è un suo collega ma che differenza con lei.BELLE ‘ è un giornalista datato che dice sempre le stesse cose sempre contrarie al Parma, vecchio come il cucc.Lei nonostante abbia la testa dura come il granito e glissa come un serpente in un bosco è un signor giornalista giovane con idee giovani e si vede lontano un miglio che a differenza di Belle ‘ questo lavoro lo fa con passione.

    • 11 Maggio 2015 in 09:06
      Permalink

      Grazie per il giovane. Magari è lo spirito perché ormai ho varcato i 50… Bellè, quando era ancora in servizio, aveva una bella passione a propria volta…

    • 11 Maggio 2015 in 12:42
      Permalink

      … quoto in pieno velenoso!!!!!

  • 11 Maggio 2015 in 09:12
    Permalink

    “Trovatemi un uomo peggiore di lui a Parma, a chi riesce a convincermi che il suo candidato è peggio di bellé pago una cena dove vuole”

    Urlanden, C. Azzali.

    Però Luca ad ghe ragion anca ti, Bellè al fa schifo.E pò al gariss d’ander dal barber anca lu, al ga na cioma c’al per un nid ad picion.

    • 11 Maggio 2015 in 09:56
      Permalink

      Bellé è peggio, perché mentre quelli lì sono coerenti (vanno a cena con De Paolini, ecc) lui invece fa il furbo, e c’è una schiera di piccoli aspiranti giornalisti (alcuni ormai sessantenni) che si piega a 90 davanti a lui. Guardi Bar Sport. Quando c’è lui ospite, quando prende la parola cala il silenzio. Magari parla per 3 minuti. 3 minuti di cazzate ovviamente. Ma in quei 3 minuti nessuno osa contraddirlo (tranne ampollini qualche volta, e lo studio fa in modo di metterlo subito in minoranza e di farlo apparire come uno sfigato). L’anno scorso ha fatto tutte le puntate di aprile e maggio bullandosi di sapere già che in europa league ci sarebbero andate milan e torino, facendo frasi sibilline e da furbetto e col sorrisino di quello che ti considera un essere inferiore come ad esempio “è inutile che sognate, il parma non ci può andare perché le squadre che lottano sono 3 e oltre al milan c’è solo un posto”. La verità è che un incapace e arrogante come lui, se non avesse avuto i parenti giusti, sarebbe finito a pulire i cessi all’autogrill di cortile san martino. Ma purtroppo questo mondo prevede anche quanto descritto in questo simpatico video: https://www.youtube.com/watch?v=QAM2e5bQAUE

  • 11 Maggio 2015 in 09:21
    Permalink

    Direttore razionalmente mi riesce a spiegare questa idiosincrasia incarnata da Bellè, che riflette cmq il pensiero di (per fortuna) una minoranza di c.d. uomini della Parma che conta nei confronti della serie B?Non capisco come ci si possa augurare una sventura. Perchè i loro commenti non sono “sarà difficile ma speriamo…”. No loro dicono “ci vuole un imbecille a comprare”. Ma va cagher Bellè, Dallara, Baraldi, Orlandini!

    • 11 Maggio 2015 in 09:39
      Permalink

      No, razionalmente non lo so spiegare perché non sono nelle loro teste. Mi consola, però, sapere che non ci sono solo i cocoon o solo i moralizzatori, coloro, secondo cui, Parma che ha vissuto calcisticamente un po’ troppo oltre debba ridimensionarsi tornando nei campionati conosciuti fino a 25 anni fa, ma persone che, appunto razionalmente, stanno cercando di darsi da fare per farsi trovare pronti qualora serva, ma che sarebbero i primi a godere se saltasse fuori qualcuno che cacciasse fuori la pila necessaria per salvare il calcio professionistico a Parma.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 11 Maggio 2015 in 10:09
    Permalink

    Bellé è ora che si sgasi. Crede che per gli altri il suo saluto valga così tanto da fargli cambiare idea su un investimento da 30 milioni di euro. La verità è che varrebbe la pena di spenderli quei 30 milioni, perché se ne vada in pensione in Tibet senza più farsi vedere

  • 11 Maggio 2015 in 10:53
    Permalink

    Bellé non piace a nessuno. Mentre altri giornalisti e presunti tali, vedi Schianchi, Gallerani, Boni, e altri dividono il pubblico, creando estimatori e detrattori, Bellé ha il 100% di non gradimento.

  • 11 Maggio 2015 in 11:00
    Permalink

    Se andema in serie B tut davanti alla Dallara con un bel Ape pien ad sisso e con la foto ad Bellè in cima al muc ad merda.

  • 11 Maggio 2015 in 11:07
    Permalink

    Certo che definire Boni, Schianchi e Gallerani giornalisti..

    🙂

    • 11 Maggio 2015 in 11:12
      Permalink

      Tutti e tre figurano nelle file dell’ordine: il primo come pubblicista, gli altri due come professionisti…

    • 11 Maggio 2015 in 11:33
      Permalink

      leggi bene cosa ho scritto: “giornalisti e presunti tali”

  • 11 Maggio 2015 in 11:09
    Permalink

    Capitolo Bellè: figlio di un arbitro e come tale…entraturenel sottobosco puzzolente della politica calcistica e non occorre aggiungere nulla.
    Capitolo UPI: lo ripeto da tempo, hanno lasciato scomparire nel nulla la pallavolo maschile a Parma, che in città vantava tradizione ed appassionati non dico come gli anolini, ma almeno quanto il caval pist!! Con un budget ridicolo rispetto le cifre del calcio avrebbero potuto salvarla, (nella sua ultima stagione era quarta a termine campionato)…..Sperare in un loro aiuto è utopia……Anche Baraldi credo che a Parma abbia fatto il suo tempo.

  • 11 Maggio 2015 in 11:18
    Permalink

    Se quei 3 li sono giornalisti io sono il barbiere di Anedda (mort)

    • 11 Maggio 2015 in 11:34
      Permalink

      E allora mi sa che sei il barbiere di Anedda, poiché i tre citati figurano tutti e tre nelle file dell’ODG: pubblicista il Saltimbanco, professionisti gli altri due

  • 11 Maggio 2015 in 11:34
    Permalink

    Direi che dopo questa pagina di commenti, Bellé sale al primo posto nell’indice di gradimento, staccando nettamente Schiroli e Dall’Olio!

  • 11 Maggio 2015 in 11:37
    Permalink

    🙂
    infatti sono messo male economicamente…non viene mai

  • 11 Maggio 2015 in 11:50
    Permalink

    Solidarieta x Gianfranco Bellè Persona Seria e Competente

    Altro ke Balle !!!! La Verità fa Male certe Volte !!!!

    Bisogna nella Vita anke Essere Obiettivi e Umili !!!!

    RISORGEREMO CROCIATI !!!! FORZA PARMA !!!!

    • 11 Maggio 2015 in 12:27
      Permalink

      “Bisogna nella Vita anke Essere Obiettivi e Umili !!!!” : insegnalo al tuo amico Bellé.

      • 11 Maggio 2015 in 13:35
        Permalink

        Insegnalo tu Visto ke sei Laureato alla Bocconi

        Dopo vedrai ke ti Brillanti di Meno !!!!

        • 11 Maggio 2015 in 14:03
          Permalink

          Bene, vedo che concordiamo sul fatto ke (con la k come scrivi tu) qualcuno glielo debba insegnare.

  • 11 Maggio 2015 in 14:22
    Permalink

    e’ bello vedere che chi fa il tiro al piccione contro Dallara o Belle’,era lo stesso della litania “se non ci fosse ghirardi chissa’ dove saremmo” oppure “Leonardi e’ bravo a far le nozze coi fichi secchi” ahahahahah,intendiamoci non e’ che io sia molto contento delle dichiarazioni sia dell’uno che dell’altro ma un bricolo di amor proprio ce l’ho ancora.
    speriamo di non dover rimpiangere ne l’uno ne l’altro che senza
    quei tifosi che capiscono meno della meta’ di nulla chissa’ dove saremmo ora 😀

    • 11 Maggio 2015 in 14:33
      Permalink

      Ma parliamo dello stesso Belle che difendeva gli arbitri durante Calciopoli?Compreso Paresta…

    • 11 Maggio 2015 in 14:39
      Permalink

      Mi dispiace x te ma ciò che penso di Dallara lo pensavo pure di Ghirardi e da subito. .mica siamo tutti sciocchi o ingenui….

    • 11 Maggio 2015 in 16:18
      Permalink

      io dico queste cose di Bellé dal più di 20 anni. quindi scantati e piantala di insultare sempre tutti come se tu fossi il più furbo e gli altri fossero tutti coglioni.

  • 11 Maggio 2015 in 15:22
    Permalink

    paragonare Dallara a Ghirardi e’ sciocco a prescindere,io ti qurelerei :-), Michele che salti fuori adesso con Belle’ rafforza sempre di piu’ la mia idea che o ci si arriva prima o si cavalca l’onda dell’indignazione a prescindere,non ho mai condiviso nulla di cio’ che ha scritto dai tempi di Sereni,qundi e’ inutile sparare sul piccione vecchio adesso,sul giornalismo di Parma potremmo aprire un dibattito lungo anni,ma sempre un dibattito resterebbe se poi si scende nel turpiloquio vuol dire che come piazza siamo alla frutta ….di Alessanfdro Dondi

    • 11 Maggio 2015 in 16:20
      Permalink

      come ho già detto, Bellé è il peggiore dei 187.000 abitanti di Parma. Quindi non sei tu l’ultimo. Consolati.

      • 11 Maggio 2015 in 16:55
        Permalink

        eh bruto mond diagnosi di una profondita’ intellettuale grandiosa e di una precisione chirurgica,complimenti a lei che conosce tutti i 187000 abitanti di parma,ps lavora all’anagrafe ?
        o spara supercazziole ad libitum ?

  • 11 Maggio 2015 in 15:54
    Permalink

    Bellè ha sulla mia psiche un effetto devastante. Mi ipnotizza, risveglia in me una passione masochista per l’orrido.

    penso che Bellè stia sui coglioni pure a sua madre con quell’aria da gufo malefico. In confronto Schiroli sembra Mel Brooks.

    • 11 Maggio 2015 in 17:03
      Permalink

      non dirlo a me che del suo “e’ troppo presto per dare giudizi aspettiamo 5 o 6 partite per dire dove arrivera’ il parma” ne ho il disgusto dal 1974, ma che cazzo volesse aspettare non l’ho mai capito ,dopo son buoni tutti a parlare,le cagate bisogna intravederle prima e porvi rimedio in tempo ove possibile e purtroppo qui a parma non era possibile quest’anno,lasciamo perdere il discorso che l’arbitro fa parte del gioco come se facesse il centravanti di una o dell’altra squadra ma di lavor

      • 11 Maggio 2015 in 17:51
        Permalink

        prima scrivi che rimpiangeremo bellé e poi scrivi che sei d’accordo con chi ne parla male. mettiti d’accordo con te stesso e facci sapere

  • 11 Maggio 2015 in 19:07
    Permalink

    ma sai l’esperienza mi ha insegnato che quelli che se ne vanno sono sempre i migliori,eppoi di solito chi viene dopo e’ sempre un tantino peggio dei 187 mila abitanti di parma

  • 11 Maggio 2015 in 19:46
    Permalink

    Bellè imbariegh

    • 11 Maggio 2015 in 20:43
      Permalink

      pensavo che il saluto di Dallara fosse ….vroooom !

  • 11 Maggio 2015 in 20:50
    Permalink

    “Lavuret”‘ , “sta a cà tua”… fuga Davide, ma come cuzzu parli?!

  • 11 Maggio 2015 in 21:36
    Permalink

    Caro Majo, ieri allo stadio diversi tifosi dicevano che se il Parma va in D si giocherà a Noceto. Le risulta?

      • 12 Maggio 2015 in 10:35
        Permalink

        anche qui non ne sarei molto sicuro piu’ facile a brescello che fa rima con partite di cartello sempre che il sindaco peppone dia il consenso

  • 11 Maggio 2015 in 21:45
    Permalink

    Vi dico la verità, sentire Dallara insultato da 4 ignoranti che non sanno cos’è un’auto da corsa , un telaio o l’aerodinamica, che non sanno che a Varano ci sono dei valori mondiali, mi fa incazzare. Vero è che quest’uomo vincente nel mondo, corteggiato dall’Audi come si corteggia una Diva, dice delle cazzate sul Parma e sul calcio, con una vision degna della briscola sotto l’ombrellone piazzato nei sassi del Ceno. Meglio sarebbe che stesse zitto, se gestisse le auto come mostra di gestire il calcio sarebbe ancora lì ad aggiustare dei Dobló col fil di ferro. E’ vero, ma occorre rispetto per questo grande parmense che alleva ingegneri, non esterni di calcio. Pioció at sarè ti Davide, l’insgner al dà da lavorare ad un sac ed genta e al vensa, ti co et mei vens, chera al mè trol?

    • 12 Maggio 2015 in 09:18
      Permalink

      e’ un po che gli dico di darci un taglio,che la corda a forza di tirarla poi si spezza e gli tocca andare a vedere il parma sul campo della virtus assieme agli altri piocioni….

  • 11 Maggio 2015 in 22:39
    Permalink

    Majo..nuccilli ha fatto i suoi slogan..mi ha ricordato vagamente manenti..noi siamo..i soldi li metteranno in tanti..non vi dico chi siamo e quanti soldi abbiamo!..ci risiamo?

    • 12 Maggio 2015 in 00:06
      Permalink

      Ma da dove salta fuori?

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI