CALCIO & CALCIO PIU’ / BONI A LUCARELLI: “UNO DI NOI DUE E’ DI TROPPO”. FILIPPETTI DEL “SOLE 24 ORE” VEDE BUIO, MA ANGELLA, COLONNA E MAJO PENSANO POSITIVO. L’IPOTESI CORRADO E LE PARTITE NEI CINEMA…

(Evaristo Cipriani) – IL SOLE E IL BUIO – Sarebbe potuta essere la puntata dedicata allo sbarco della nuova proprietà crociata e invece, quella di ieri sera, di Calcio & Calcio Più su Teleducato (clicca qui per vedere la web registrazione) è stata un’altra trasmissione caratterizzata da dubbi, incertezze, punti interrogativi, ipotesi, slanci di ottimismo da un lato e considerazioni pessimistiche dall’altro. In studio con il conduttore Michele Angella e gli ospiti fissi Gabriele Majo ed Enrico Boni (che incurante del diabete ha ingurgitato in diretta sei crostatine alla nutella artigianali per “festeggiare” la quinta asta andata a vuoto), c’era anche il giornalista dell’Espresso online e di Capital Francesco Colonna, specializzato imagein temi economici, tifosissimo gialloblù. Al telefono in apertura è intervenuto il redattore de “Il Sole 24Ore”  Simone Filippetti, che proprio ieri aveva firmato un articolo dedicato alle vicende del Parma. La posizione del giornalista del prestigioso quotidiano finanziario è stata poco incoraggiante per il Parma: “Penso che i tifosi che si sono lasciati andare ad un po’ di sconforto per l’asta andata deserta abbiano ragione e credo che facciano bene a preoccuparsi. Se sono andate a vuoto ben cinque aste image– ha aggiunto – io non credo che alla sesta si presenterà qualcuno. I curatori a mio avviso hanno deciso di insistere, chiedendo al Giudice una nuova asta, come estremo tentativo per evitare di portare subito i libri in Tribunale, è un gesto estremo. Solo un miracolo può salvare il Parma, anche se tutto è possibile e non escludo categoricamente che l’operazione possa andare in porto tramite trattativa privata”. Majo, tuttavia, oltre a rimarcare al collega, che il problema imagenon era certo il prezzo della base d’asta, quanto il debito sportivo che, non essendo del tutto livellato, ha ancora tenuto lontano i candidati compratori, ci  ha tenuto a precisare che “non ci saranno dopo il 9 giugno trattative private: sicché o si presenta qualcuno  all’ultima asta o si chiude, questo mi è stato riferito dall’ufficio stampa della curatela fallimentare”. Richiesto di un parere sul possibile coinvolgimento di Giuseppe Corrado, il giornalista del “Sole” ha affermato: “E’ un manager che conosco bene, credo che per il suo profilo di imprenditore del settore entertainment possa vedere positivamente l’affare Parma, però i debiti del Parma sono molto pesanti e non so se vorrà fare questo passo”.

imageCOLONNA PENSA POSITIVO (MAJO E ANGELLA PURE) – Il pessimismo di Filippetti ha raccolto il plauso del catastrofista Boni, mentre il nostro direttore Majo, il timoniere Angella e Francesco Colonna hanno dato una lettura positiva di quanto accaduto ieri: “Penso che se è stata indetta una nuova asta è perché i curatori hanno aperto un dialogo con uno o più soggetti interessati – ha rimarcato proprio Francesco “Loredano” Colonnase no sarebbe già stata fischiata la fine della partita, è evidente che c’è un accordo che non è ancora stato raggiunto e non è detto che possa essere raggiunto di qui al 9 imagegiugno, però l’asta andata deserta non ha un significato funereo”. Colonna ha anche aggiunto: “Qui siamo davanti a gente che ha un budget e che da importanza al denaro, si sta cercando di calibrare la trattativa nel migliore dei modi”. Una tesi osteggiata beffardamente da Boni: “A parte che secondo me non c’è nessuno che ci vuole e siamo di fronte ad un bluff – ha detto il Saltimbanco in ogni caso mi pare che se c’è qualcuno questo tira e molla sulle cifre è indicativo del fatto che di soldi ce ne sono pochi, se chi vuole comprare fa tutte queste manfrine allora siamo messi malissimo!”.

imageUN PARMA DA CINEMA? – L’ipotesi Giuseppe Corrado, l’uomo del gruppo “The Space Cinema”, la cui proprietà è in mano ad una holding inglese, a suo volta controllata da due fondi di investimento canadesi, è stata ampiamente esaminata nel corso della diretta. “Inizialmente pensavo – ha detto Majoche ci potesse essere una partnership tra Corrado e il gruppo di imageGiordano, ma sentendo anche lo stesso Giordano (clicca qui per leggere l’intervista esclusiva) credo che siano due strade distinte”. Angella: “Un addetto ai lavori mi ha parlato del fatto che Corrado potrebbe essere interessato ad entrare nel mondo del calcio per aggiudicarsi l’ok a trasmettere i grandi match di A e B nel circuito delle sale The Space in tutta Italia, una soluzione che avrebbe anche il sostegno di Infront. Già nel 2010 alcune partite dei Mondiali in Sudafrica erano imagestate proiettate nelle multisale targate The Space”. Majo: “Certo sarebbe un altro duro colpo inferto agli stadi, però sempre meglio la visione collettiva al cinema che non quella domestica”. Colonna: “Tutto fa pensare che il fondo canadese a cui aveva fatto riferimento a suo tempo Tavecchio sia proprio quello con Corrado di mezzo, inoltre giudico molto interessante il discorso delle partite trasmesse nei cinema”.

imageBONI SFIDA LUCARELLI – Nel corso della puntata è stata proposta una parte dell’intervista esclusiva concessa ieri da Alessandro Lucarelli al nostro direttore Gabriele Majo a Collecchio. Intervista in cui il capitano dichiarava di conoscere personalmente uno dei due soggetti interessati al Parma, definendolo molto affidabile e in grado di far dormire sonni tranquilli ai tifosi crociati image(“Purtroppo – ha specificato MajoLucarelli non mi ha voluto rivelare l’identità del possibile nuovo padrone, né io ho voluto insistere troppo oltre per non metterlo in difficoltà”). Boni ha sfidato pubblicamente il calciatore livornese: “Io credo che i giocatori stiano subendo una grande presa in giro, però dico che se Lucarelli ha ragione io non mi presenterò mai più in tv, ma se ho ragione io e cioè non ci compra nessuno, io Lucarelli a Parma non lo voglio più vedere!”.

imageFABRIS SFIDA BONI – Provocazione chiama provocazione, duello chiama duello. E così il responsabile di parmafanzine.it Nicolò Fabris è intervenuto al telefono per lanciare la sua sfida a Boni: “Enrico se il Parma finisce in D ti pago una cena in un ristorante a tua scelta e mangi quello che vuoi, ma se accade il contrario tu non ti fai più vedere in giro per un po’ di tempo…”. Proposta accettata dalla popolare macchietta. Evaristo Cipriani

CLICCA QUI PER VEDERE LA WEB REGISTRAZIONE DELLA 37^ PUNTATA DI CALCIO & CALCIO PIU’

image

 

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

94 pensieri riguardo “CALCIO & CALCIO PIU’ / BONI A LUCARELLI: “UNO DI NOI DUE E’ DI TROPPO”. FILIPPETTI DEL “SOLE 24 ORE” VEDE BUIO, MA ANGELLA, COLONNA E MAJO PENSANO POSITIVO. L’IPOTESI CORRADO E LE PARTITE NEI CINEMA…

  • 29 Maggio 2015 in 14:27
    Permalink

    E’ vero…mi ero dimenticato della farse di Boni! Chi sarà mai quello di troppo? Niente…non mi viene

  • 29 Maggio 2015 in 14:30
    Permalink

    ma boni…non e meglio che si dedichi a cure psichiatriche….vai al mapei stadium a seguire la reggiana che e meglio…

  • 29 Maggio 2015 in 14:36
    Permalink

    Filippetti sifton!!!!!
    Baggio sifton!!!!!!!
    Dallara piocion!!!!!!!!!!!!!!

    S’andema in B av voj vedar in snoc a dmander scusa

  • 29 Maggio 2015 in 14:50
    Permalink

    ho letto una notizia che l’olbia calcio la sta comprando gruppo del qatar ma mi chiedo l’olbia e meglio del parma anche se ha i debiti? mah

    • 29 Maggio 2015 in 14:58
      Permalink

      Il gruppo del Qatar ha comprato mezza costa smeralda ,ed è provabile che gli vogliano rifilare anche l’Olbia.

  • 29 Maggio 2015 in 14:53
    Permalink

    Boni nador!

  • 29 Maggio 2015 in 14:55
    Permalink

    Boni sa già che il prossimo anno non sarà più a tele ducato e ha trovato questa scommessa per giustificare la fine della sua collaborazione con la tv.

    • 29 Maggio 2015 in 15:02
      Permalink

      sperando ci sia ancora la tv, visti gli episodi da cronaca nera che non hanno niente da invidiare alle vicende del Parma…

      • 29 Maggio 2015 in 15:11
        Permalink

        infatti secondo me alludeva ben a quello!

      • 29 Maggio 2015 in 15:22
        Permalink

        Gia’…non ci dici nulla a proposito di codeste?….
        Sempre nello spirito liberale,liberista, libertario, libertino che ti contraddistingue …i forcaioli,giustizialisti e consimili li mandiamo a Guantanamo …con Manenti,Ghirardi&Leonardi….
        Insomma si continua o si fan su le gnacchere?

  • 29 Maggio 2015 in 15:08
    Permalink

    Speriamo ci sia ancora la tv perche’ vedere quei patetici di tv parma schianchi e c mi fa’ venire il caghetto

  • 29 Maggio 2015 in 15:18
    Permalink

    Uno scappellotto ogni tanto potresti tirarglielo a Boni, Gabriele…. O forse è proprio quello che vuole per farsi mantenere visto il suo stato di nullatenente?

  • 29 Maggio 2015 in 15:22
    Permalink

    tranquilli con RADIOSTADIOTARDINI.IT il parma in diretta da tutti i campi del girone D radiocronista giancarlo Ceci per la gioia dei piu’ piccini e piccinini 🙂

    • 29 Maggio 2015 in 15:23
      Permalink

      sciabolata ! non va !

    • 29 Maggio 2015 in 19:49
      Permalink

      Va al ricovor va ti, Ceci e tuti i nador

      • 29 Maggio 2015 in 20:46
        Permalink

        at ven a cater coi partugal , arterio ahahahah

  • 29 Maggio 2015 in 15:43
    Permalink

    ma com’è che Corrado, dopo i giornali e le voci di oggi, non si fa sentire? Non smentisce?

      • 29 Maggio 2015 in 15:55
        Permalink

        mi aspettavo comunque la smentita di rito, anche se ormai si è capito che c’è lui dietro tutto, perchè magari queste voci possono dar fastidio. Mi aspetto sicuramente che lei o qualche suo collega provi a contattarlo, e per questo, una smentita ( anche se finta) può servire a distogliere l’attenzione da lui. Non trova direttore?

    • 29 Maggio 2015 in 16:23
      Permalink

      quando qualche pensionato canadese lo verra’ a sapere la smentita sara’ d’obbligo…..ma come si dice ringraziamo chi ci salvera’ anche se si trattasse di un taglialegna ottantenne inconsapevole di ottawa

  • 29 Maggio 2015 in 15:54
    Permalink

    Direttore pensa che qualche big ci aiutera???
    Riusciremo ad abbassare questo debito a 20 milioni?

    • 29 Maggio 2015 in 18:25
      Permalink

      Speriamo. Se no non avrebbe avuto senso che l’arbitro rogato decretasse i supplementari

  • 29 Maggio 2015 in 16:05
    Permalink

    A Boni più che una cena bisognerebbe dare un voucher per il barbiere ed un negozio di abbigliamento.
    Basta che si tolga dai maroni. Per sempre.
    Se poi uno vuole rovinarsi, anche una clinica psichiatrica, ma costerebbe tanto davvero…meglio limitarsi a barba capelli e vestito.

  • 29 Maggio 2015 in 16:07
    Permalink

    Un silenzio assordante, in senso positivo, quello di Corrado. Certo però che se spera di tirar su dei soldi proiettando le partite del Parma al cinema… spero che questa sia solo una sparata giornalistica, altrimenti sembra una roba alla Mapi Channel…

    • 29 Maggio 2015 in 16:40
      Permalink

      Magari a trasmettere le strisciate è diverso…
      Io faccio un piacere a te e tu uno a me

      • 29 Maggio 2015 in 16:50
        Permalink

        Ci può stare, ma lasciargli proiettare le partite delle strisciate sarebbe un favore MOLTO grosso…tanto più che quel favore glielo dovrebbe la lega, che deve già grossi favori a Sky…non so, vedremo…

      • 29 Maggio 2015 in 18:04
        Permalink

        Ma perché per trasmettere le partite al cinema occorre avere una squadra?
        Un po come quello che ha un po di appetito e allora si compra un ristorante. …mahhh. …
        Guardate che già lo fanno da mo’ con la lirica e la classica…e non è che possiedono orchestre o teatri.

        • 29 Maggio 2015 in 19:45
          Permalink

          Rieccolo il Tuttologo Felsineo !!!!

          Del resto hanno L’ Università

          Più Vekkia al Mondo !!!!

          Qualcosa Vorrà Dire !!!!

          NON x Stradello Però !!!!

          Ke Lavor !!!! Ke Cioldò !!!!

          Siete già in Serie Ahahahah !!!!

  • 29 Maggio 2015 in 16:20
    Permalink

    Direttore ci stiamo annoiando…ci dia qualche chicca!

      • 29 Maggio 2015 in 16:53
        Permalink

        direi che te lo sei guadagnato, poche chiacchiere da bar e spogliatoio e informazione mirata e documentata.
        Domani però devi essere in forma coi curatori, è dura stare a bagnomaria sino al 9

      • 29 Maggio 2015 in 17:02
        Permalink

        quale? Taro?

  • 29 Maggio 2015 in 16:33
    Permalink

    A Boni pagherei un biglietto di sola andata per l’Antartide 😀

    • 29 Maggio 2015 in 16:36
      Permalink

      nel periodo invernale pero’ 😉 costa meno

      • 29 Maggio 2015 in 18:59
        Permalink

        Ovvio 😉

  • 29 Maggio 2015 in 16:44
    Permalink

    a proposito ho in mente una cosa,se qualcuno fosse interessato a fondare un parma club “sviolinata gialloblu” accetto iscrizioni.
    cerchiamo di battere sul tempo le schiere di tifosi che dal 9 giugno cominceranno a suonare i violini al nuovo proprietario

    che se non ci fosse stato lui chissa’ dove saremmo

    errare ,,,un magnum est… noi andiamo di corona

  • 29 Maggio 2015 in 16:46
    Permalink

    A Boni ag saris da pagher un barber, d’i vistì e dal scherpi.

  • 29 Maggio 2015 in 16:59
    Permalink

    Boni ha ragione. Indovinate …chi dei due è di troppo?

  • 29 Maggio 2015 in 17:03
    Permalink

    io la butto li…una cosa che nessuno ha mai detto dunque sarà una pazzia…ma fare un cinema allo stadio come succede al mapei? …il problema in italia e che gli stadi costano molto e sopratutto si usano poco…..the space potrebbe spostare (discorso di lungo periodo) il cinema dal barilla al tardini…idea pazza?

      • 29 Maggio 2015 in 18:14
        Permalink

        Ma non assurda in caso di rifacimento del Tardini. Con 10 euro segui la partita sul grande schermo direttamente al Tardini. Invogli la gente ad andarci anziché rimanere davanti alla TV e se poi vuoi vivere l’emozione dal vivo la volta dopo compri il biglietto per la tribuna o la curva. Attiri più facilmente le famiglie e potresti fare pacchetti tutto compreso, dallo stadio+cinema al cinema+stadio (il passo è letteralmente breve) e seconda dei momenti e delle partite. Una partita in serie A, in uno stadio + accogliente e con una squadra decente attirerebbe dalle 20/25 mila persone che “giostri” tra la tua sala cinema e il campo. Studiata bene la cosa (anche con abbonamenti mirati) potrebbe diventare interessantissima e mi sorprenderei che Corrado non l’abbia già in mente… sempre que la banda dei “vogliotutto” arrivi a più miti consigli.

  • 29 Maggio 2015 in 17:31
    Permalink

    Beh la questione the space in realtà…potrebbe essere più ampia del Parma in sè…

    mi spiego meglio…

    se fosse che tavecchio avesse avuto a che fare con Corrado per un progetto riguardante i diritti TV della serie A…per magari progettare di fare concorrenza a SKY e MEDIASET…trasmettendo le partite direttamente sui grandi schermi dei multisala…creando anche un surrogato di stadio quindi (che potrebbe essere anche divertente..per chi come me tifa il parma da solo in soggiorno da sempre…quanta voglia di tardini avrei…)..

    In questo caso il Parma diventerebbe un club che si finanzia sul giro d’affari della Serie A…una sorta di Team SKY del motomondiale o del giro…

    che ne dice Direttore? Fantascienza? o se la brevetto prima io divento milionario e mi compro il parma entro 10 giorni? (magari qualcuno già pensa di farlo ahahha)

    poi non dica che non lo avevo detto eh!…

    in ogni caso…mi sa che qui… il pranzo è servito…

    • 29 Maggio 2015 in 18:03
      Permalink

      Infatti a me come esperimento non dispiacerebbe. Speriamo che la tavola apparecchiata non sia un miraggio…

    • 29 Maggio 2015 in 19:48
      Permalink

      non per niente lo presentava corrado

  • 29 Maggio 2015 in 17:47
    Permalink

    per punizione sono stato io a fare annuvolare

    • 29 Maggio 2015 in 18:01
      Permalink

      Eh, apposta. È stato bello esattamente fino a poco prima che arrivassi qua… Quindi debbo ringraziare te?

  • 29 Maggio 2015 in 18:15
    Permalink

    Direttore che aspetti a entrare nella Dark room con l’addetto stampa dei curatori e chiederle (tra le altre cose) di sta faccenda della conferenza stampa loro e di Albertini di domani?

    • 29 Maggio 2015 in 18:19
      Permalink

      Sono già entrato nella virtual data room con la curatella e apposta penso che domani nn verrà rivelato nulla di clamoroso, ma spero di raccogliere dettagli importanti

  • 29 Maggio 2015 in 18:33
    Permalink

    Direttore la sento un po’ giù è cambiato qualcosa?

    • 29 Maggio 2015 in 18:39
      Permalink

      Ma no… Sarò giù nel senso che sono sdraiato a godermi il sole…

  • 29 Maggio 2015 in 18:37
    Permalink

    Su tele ducato però non hai risposto (ti sarà sfuggito, non so. .) Come stanno le cose? Si continua o si vende tutto a Giordano?

  • 29 Maggio 2015 in 18:53
    Permalink

    Direttore passa a moontalk! Il futuro della TV è online!!!

  • 29 Maggio 2015 in 18:58
    Permalink

    Gentile dottor Majp,visto che la sanità in Italia funziona male non sarebbe bene che consigliasse a BONI UN P.S.V e cioè un trattamento sanitario volontario visto che il T.S.O. e cioè il trattamenro sanitario OBBLIGATORIO non glielo vogliono fare?Quello è fuori come in balcone,è il VERO NEMICO DEL PARMA.O BONI o LUCARELLI? 1,000,000,000,000 di volte ll nostro CAPITANO.

  • 29 Maggio 2015 in 19:28
    Permalink

    Direttore nell’intervista che le ha rilasciato LUCARELLI ho sentito dire che con questi 10 giorni il possibile acquirente potrebbe scendere direttamente in campo per cercare di trattare quei contratti che per la b sarebbero eccessivi ma soprattutto potrebbero cercare loro stessi di trattare con i dissidenti, la vede possibile questa cosa?E vero che è entrato nella data rom?se si non può dirci niente?

    • 29 Maggio 2015 in 19:35
      Permalink

      Lucarelli ha detto che conosce uno di quelli entrati nella data room e che è uno serio. Lui ha posto determinate condizioni per l’accquisto che se dovesse ottenere vorrà dire che acquisterà

  • 29 Maggio 2015 in 19:55
    Permalink

    Fuori dal faceto: e’ vero che la TV del futuro e’ quella online;le generaliste sono agli sgoccioli per cui non sarebbe male pensare a un canale online

  • 29 Maggio 2015 in 20:09
    Permalink

    Ma i debiti sportivi perchè non li paga il carpendolese?

  • 29 Maggio 2015 in 20:14
    Permalink

    Direttore ma è’ vero che i dissidenti devono decidere entro il 31/5 altrimenti saluti e baci? Nel senso o abbassiamo il debito sportivo entro il 31/5 oppure siamo in . E quindi a cosa servirebbe l’asta al 9 giugno??

    • 29 Maggio 2015 in 20:17
      Permalink

      Cosi entro il 5 si sa quanto è e il 9 si vende

  • 29 Maggio 2015 in 20:23
    Permalink

    Quindi entro domenica bisogna convincerli??

    • 29 Maggio 2015 in 20:25
      Permalink

      Loro entro domenica debbono insinuarsi per quel che ritengono di avere. I tagli sono possibili anche dopo

  • 29 Maggio 2015 in 20:29
    Permalink

    E’ sicuro che se si insinuano al 100% il taglio, succesivamente sarà totale

  • 29 Maggio 2015 in 20:29
    Permalink

    Majo ok ora è quasi apparecchiato! Ma alla fine chi paga il crac? Ossia i due artefici la passeranno liscia come l’olio o tra un po il parma fc potrà richiedere i danni penalmente e prendere qualche euro che servirebbero come oro!

    • 29 Maggio 2015 in 20:41
      Permalink

      Un conto sono le revocatorie, un conto è il penale. Gli eventuali proventi delle prime serviranno a ristorare i creditori del fallimento, e non certo a finanziare la nuova società sportiva.
      Cordialmente
      Gmajo

  • 29 Maggio 2015 in 21:03
    Permalink

    Quella del canale online infatti non era una battuta…YouTube offre già molti spunti al riguardo.. Però non sarebbe male vederlo al cinema…non so se ci capiamo ahah 😉

  • 29 Maggio 2015 in 21:44
    Permalink

    La lega ha richiesto al parma la restituzione dei 5 mil di euro che subito sembravano fossero a fondo perduto ed ora andrebbero a gravare sul debito sportivo maio puoi informarti in merito pls l articolo e su parmafanzine questo sotto pressioni del brescia calcio che se kl parma fallisse sarebbe ripescato non hanno fatto abbastanza danni i bresciani a parma?

  • 29 Maggio 2015 in 21:45
    Permalink

    La Lega rivuole indietro la pila.
    Arriverà anche il 9 giugno maremma maiala

  • 29 Maggio 2015 in 21:53
    Permalink

    Direttore ha sentito la storia che rivogliono i 5 milioni indietro? Ora che sembrava fatta….

  • 29 Maggio 2015 in 21:55
    Permalink

    Boni deve seguire le gesta della sua squadra la reggiana e lasciare le gioie e i dolori a noi tifosi der Parma. Però se tutta si avvera un’altra bruciata .

  • 29 Maggio 2015 in 22:05
    Permalink

    direttore,su parmafanzine c è la notizia che la lega calcio su pressione del brescia vuole indietro i 5milioni.avrebbero gia mandato la lettera ai curatori. si parla di un possibile sciopero domenica.ha qualche info in piu?non si riesce a stare mai sereni..

  • 29 Maggio 2015 in 22:08
    Permalink

    MAIO DOVE CAZZO SEI? TIENICI INFORMATI SUI 5 MILIONI DI TAVECCHIO

    • 30 Maggio 2015 in 02:03
      Permalink

      Ragazzi, alle volte anche a me capita di avere una vita privata. Però, Dio Bono, non possono manco rovinarmi la serata così. Dico solo che questa è una roba schifosa. Già avevo denunziato la presa per il culo il 31 marzo scorso, ma la cosa indegna è l’inserimento nel debito sportivo. Roba da far girare davvero i coglioni.

  • 29 Maggio 2015 in 22:19
    Permalink

    Direttore è vera la notizia che la lega voglia inserire i 5 milioni nel debito sportivo?

  • 29 Maggio 2015 in 22:25
    Permalink

    Gabriele cos’è la missiva mandata da Tavecchio riguardante i 5mln di euro che anziché essere a fondo perduto risultano, da oggi, a dover essere sommati al debito sportivo?
    Ti risulta o sono panzanate? Seconda cosa potrebbe esserci lo zampino del Brescia?
    Ps: dopo il bresciano obeso che ci ha fatto fallire,ora pure la società Brescia potrebbe fare in modo di farci morire (sportivamente parlando) .

    • 30 Maggio 2015 in 02:01
      Permalink

      Ho dedicato un editoriale alla questione: non so se dietro ci sia il Brescia, ma gli accordi presi vanno rispettati. E la gente di Parma non va presa per il culo né da Tavecchio, né da Brunelli e men che meno dal Sindaco Pizzarotti, il quale, dopo questa porcata vera e propria, dovrebbe intervenire a piedi uniti anziché perdere tempo con inutili lettere prima dell’asta che non servono a un cazzo. Ricordandosi che aveva promesso la B, con quei due signori (signori si fa per dire, o con la S maiuscola) seduti al fianco il 6 marzo.

  • 29 Maggio 2015 in 23:17
    Permalink

    Direttore buonasera, cosa pensa della richiesta della Lega calcio di considerare i 5 mln erogati come debito sportivo?

    • 30 Maggio 2015 in 01:58
      Permalink

      Che mi han fatto incazzare come una biscia per questo schifoso voltafaccia.

    • 30 Maggio 2015 in 07:01
      Permalink

      abbiamo avuto l’occasione x far saltare il banco, non l’abbiamo colta ed ecco il risultato. La lega ha capito di che stoffa andiamo vestiti e ci ha presi x il c…!!
      Ora cari calciatori non serve piú a nulla scioperare, i giochi sono fatti e noi siamo fuori!

  • 29 Maggio 2015 in 23:20
    Permalink

    Direttore, cosa ne pensa dell’ultimo articolo di Parmafanzine? Confusione su confusione. Serve il parere di Malvisi.

    • 30 Maggio 2015 in 01:56
      Permalink

      L’avvocato Malvisi tiene famiglia, e a quest’ora è irraggiungibile. A me, invece, stanno facendo venir da vomitare le sia pure ottime pietanze della cenetta romantica che avevo consumato al Gatto Gambarone. Che schifosa insinuazione. Ma non si vergognano? Non si approfittino della gente di Parma!

  • 29 Maggio 2015 in 23:51
    Permalink

    Ma è meglio andare in B facendo una stagione uguale a questa o finire in D, soffrire per 2 anni, e ritornare verso l’alto con una società sana alle spalle?
    Io non vi capisco: piuttosto che tenermi in giro a Parma certa gente io cancellerei la società con una bomba atomica.
    Capisco la solidarietà ai dipendenti (che se sono bravi, trovano sicuramente posto in altre realtà) ma c’è un limite a tutto. Figa siamo ancora dietro a credere a Mr Temperatura!!!!

    • 30 Maggio 2015 in 10:33
      Permalink

      grande Marcello ,ci scommetto che qualcuno ti ha anche detto di andare a vedere la reggiana,comunque sappi che a parma ci sono parechie persone che pensano che questo sia football,se lo andassero a vedere loro 😉

  • 30 Maggio 2015 in 01:38
    Permalink

    Chi non si vuole accordare È UN IMBECILLE.Rischiano di prenderla nel culo.Non è per caso che i dissidenti sono gay e non aspettamo altro? DON MAIO.MI RISPONDA.Grazie.

    • 30 Maggio 2015 in 01:53
      Permalink

      Stanotte abbiamo un tema ancora più grave, la schifosa insinuazione della Lega nel Debito Sportivo. Il colpo di grazia.

  • 30 Maggio 2015 in 08:49
    Permalink

    Majo sono d’accordo..spero che non si giochi a genova!..ora ad insinuare saremo noi!

  • 30 Maggio 2015 in 08:51
    Permalink

    Questi maiali non ci vogliono mai rimettere! Sono delle banche svizzere! Tavecchio la persona più ignorante a capo di una lega lotitizzata!!..

  • 30 Maggio 2015 in 10:51
    Permalink

    le partite al cinema verrebbero trasmesse solo a parma o in tutti gli soace conema? se solo a parma non vedo l’utilità e anzi la trovo una cagata enorme

    • 30 Maggio 2015 in 11:31
      Permalink

      Tutte quante, ovviamente. Ma è solo una ipotesi giornalistica

  • 30 Maggio 2015 in 10:53
    Permalink

    hi cavalca l’onda boni lo fa per mettersi in risalto a sua volta

  • 30 Maggio 2015 in 11:03
    Permalink

    direttore stia tranqui, se tavecchio rivuole i soldi è perché sa che il compratore è facoltoso e vuole pararsi il culo. lei non legge i commenti della gente, tutti vogliono il parma in D, si chiedono perché dev’essere aiutato mentre siena erc le hanno lasciate fallire. credo che gli unici a prendersela dovrebbero essere i calciatori che hanno fatto il “”sacrificio”” ma cadono in piedi anche loro. lasci fare e stiasereno

    • 30 Maggio 2015 in 11:44
      Permalink

      Si Tamarindo, analisi che se vogliamo e’ pure condivisibile…
      Non foss’anche pero’ che l’ultimo assai famoso che doveva star sereno abbiamo visto com’e’ finito…

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI