Guarda “Lucarelli: con la sampdoria giochiamo perché siamo persone serie. Corrado? Non lo dico neanche sotto tortura…” su YouTube

Guarda “Lucarelli: con la Sampdoria giochiamo perché siamo persone serie. Corrado? Non lo dico neanche sotto tortura…” su YouTube

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 56 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

27 pensieri riguardo “Guarda “Lucarelli: con la sampdoria giochiamo perché siamo persone serie. Corrado? Non lo dico neanche sotto tortura…” su YouTube

  • 30 Maggio 2015 in 21:31
    Permalink

    Giocano perché sono dei polli.L’hanno presa in quel posto ma non se ne sono accorti.BRAVI POLLI

  • 30 Maggio 2015 in 23:49
    Permalink

    Vabbè, ormai è uscito allo scoperto. Non occorre più tenerlo nascosto 😀

  • 31 Maggio 2015 in 09:11
    Permalink

    Giocano perche’ sono brave persone …..
    I club che nn volevono aiutare il parma x motivi diversi sono i primi che tifano x lo sciopero….
    I calciatori hanno x quel che possibile rilanciato l’ immagine del parma .
    Mi raccontano che all estero ha lasciato sconcertati la notizia del fallimento del Parma e che il fstto di continuare a giocare ha riscosso molte simpatie…..
    Veniamo al fardello dei calciatori sotto contratto….. nn penso io come alcuni addetti ai lavori che sia un problema anzi….

    • 31 Maggio 2015 in 13:46
      Permalink

      Bravo cevols, sottoscrivo ogni frase.

  • 31 Maggio 2015 in 09:39
    Permalink

    Giocano perché sono persone corrette….I polli sono altri….. e poi non so se lui si riferisce a Corrado ……

    • 31 Maggio 2015 in 10:25
      Permalink

      No Cinzia non sono persone corrette. Giocano per mettersi in mostra, giocano perché così questa sera andranno in ferie subito mentre non giocando, avrebbero dovuto rimanere a disposizione, giocano perché non hanno rispetto per i tifosi che li hanno pregati di non giocare, giocano perchè sono dei polli ALLO STATO PURO. Giicando, cosa hanno ottenuto finora? Hanno ottenuto un c – – – o.

  • 31 Maggio 2015 in 09:46
    Permalink

    giocano perche’ e’ il loro mestiere ! e lo fanno anche male mi sembra,basta con la retorica retrogada e rettale

    • 31 Maggio 2015 in 10:19
      Permalink

      “Retrograda & rettale” mi piace moltissimo…non la conoscevo per nulla.
      Penso che la adottero’ in circostanze simili e non solo in futuro.
      Grazie.

  • 31 Maggio 2015 in 09:56
    Permalink

    Buongiorno direttore, oggi su un quotidiano nazionale si riferiva che tra i 9 soggetti interessati ci siano anche cinesi ed arabi. Volevo chiederLe : è possibile che i fondi di questi soggetti confluiscano nel progetto di Corrado, tramite la finanziaria del figlio?

  • 31 Maggio 2015 in 10:16
    Permalink

    Adesso vi dico perché purtroppo il Parma non verrà venduto e le probabilità che il prossimo anno si giochi in serie B, sono uguali allo 0,1%.ad essere molto ma molto ottimisti.Primo, la squadra CON QUEL DEBITO SPORTIVO non vale quattro milioni e mezzo di euro ma solo un euro che è poi la cifra che era stato pagato in precedenza infatti non si può acquistare la squadra del Parma senza pagare il debito sportivo e quindi volente o nolente il prezzo del Parma attualmente è di 27 più 4 milioni e mezzo che fanno 31 milioni e mezzo di euro. Sono due cifre che vanno unite infatti non si può acquistare il Parma senza debito sportivo o viceversa.Troppi decisamente troppi.Secondo, il Parma per me, non verrà venduto perché il debito sportivo è troppo alto. Molti giocatori tra il prendere poco e il non prendere niente, preferiscono non prendere niente ( certi giocatori hanno il cervello di una gallina) e oltre a far fallire la squadra, avranno sulla coscienza il fatto che tante famiglie che lavorano nel Parma, perderanno il loro posto di lavoro. Se c’è un Dio, son certo che queste persone SARANNO MALEDETTE. Terzo, se non c’è certezza sul debito sportivo nessuno acquisterà una squadra senza sapere quello che deve pagare. Per questo, verso il 12 o il 13 di giugno propongo una nuova asta dopo quella del 9 che sarà deserta in cui il prezzo del Parma dovrà essere giocoforza di sole qualche decina di euro altrimenti vendere è UTOPIA ALLO STATO PURO. In quanto ai giocatori che vogliono giocare con la Sampdoria perché dicono di essere persone serie ( e io aggiungo anche degli emeriti polli D.O.C.), lo fanno per andare più velocemente in ferie non avendo capito che la Lega ha tutti gli interessi affinché il Parma giochi per la regolarità del Campionato e poi sparisca dal calcio professionistico e vada via dalle loro palle infatti, i 12 milioni del paracadute per la B, se andassimo nei dilettanti la Lega li terrebbe nei propri forzieri e se invece ci salviamo CE LI DEVE DARE.Ma possibile che questo non l’ha capito nessuno? CARI CURATORI, DATEVI UNA MOSSA, AVETE FATTO TANTO E DI QUESTO VE NE VIENE DATO MERITO ma se nessuno compra il Parma, il vostro lavoro è stato inutile.Per vendere ci vuole un miracolo caro Majo altro che dire in un recente post che il Parma è già venduto al 95%….

    • 31 Maggio 2015 in 11:19
      Permalink

      sottovaluti il fatto che c’e’ gente di fuori parma che ama il parma,e si che ne abbiamo visti parecchi da ghirardi a giordano passando per taci e manenti certi amori non finiscono e televideo e’ l’anello di congiunzione fra noi e il mondo

    • 1 Giugno 2015 in 14:54
      Permalink

      Velenoso, come al solito non capisci una mazza!

  • 31 Maggio 2015 in 11:15
    Permalink

    Amare,disincantate e forse pure troppo perentorree parole che ho comunque ascoltato con attenzione trovandoci spunti condivisibili altri molto meno specialmente nella chiosa finale.
    “Certi giocatori hanno il cervello di una gallina” sostieni….ora attendo che l’amico Mak (che saluto con calorosa simpatia) si faccia puntualmente vivo ricordanto che la “testa di commentatore e’ buona per portare concom”….senno’ non vale…

    • 31 Maggio 2015 in 11:35
      Permalink

      Ribdisco i dissidenti, hanno il cervello di una gallina e chiedo scusa alla gallina per averla offesa.Sono ingordi. Prendiamo Modesto, modesto di nome e di fatto e come persona molto modesta, non cala di un euro. Per voi qusta è intelligenza? E’0 riconoscente alla piazza che l’ha lanciato?Non ha capito che se il debito non cala di altri 7 milioni tutto va a puttana e il suo 75% serve per fargli avere almeno il 25%?

      • 31 Maggio 2015 in 11:49
        Permalink

        Si, ma non vorrei che tutta questa vicenda si risolvesse (quanti ne ho sentiti fare in questi giorni…molto spesso a sproposito) con un freddo calcolino ragionieristico.
        Se non c’e’ una profonda riflessione su quel che e’ successo e perche’ e su cosa davvero fare in fututo e come, diventa tutto inutile.

  • 31 Maggio 2015 in 12:05
    Permalink

    Se qualcuno pensa che TAVECCHIO ci aiuterà A SALVARCI DAI DILETTANTI, è proprio un EMERITO FRESCONE e oserei dire anche un emerito imbecille. Quando Tavecchio ha capito che qualcuno voleva acquistare il Parma, per far fallire la trattativa, ha buttato sul tavolo dei curatori fallimentari la richiesta di quei 5 milioni che dovevano essere a fondo perduto secondo la sua parola di Giuda. Lui tifa perchè spariamo dal calcio professionista.MA QUESTO EMERITI FRESCONI, NON L’AVETE ANCORA CAPITO? La lega s”intascherebbe così i 12 milioni di euro del paracadute per la B che non ci darebbe più. Questa evenienza Majo non l’ha preso in considerazione, ci volevo io ad aprirle dott. Majo e ad aprirvi gli occhi, popolo del forum?Concludendo Lucarelli e Co. hanno calato le braghe. Vorrei sapere cosa hanno ottenuto da Tavecchio giocando in tutti questi mesi, salvandogli il culo. NON HANNO OTTENUTO NIENTE, solo inutili parole per tenerli buoni e fargli finire il campionato e poi vedrete, da lunedì, un bel gesto dell’ombrello Tavecchio sono certissimo ce lo regalerà a piene mani ridendo con la pancia in mano per averci preso per il culo e aver fatto credere ai nostri polli fresconi giocatori che lui era la fata turchina delle favole. Tavecchio ha fatto un capolavoro, s’è salvato il culo grazie ai nostri polli, che era già nel cesso e ci ha affossato senza che nessuno ( Majo compreso) se ne è accorgesse anzi il Lega e a Sky è osannato come un Dio per aver fatto finire il campionato al Parma raccontando balle su balle ai nostri emeriti polli giocatori e avergliele fatte credere e per aver intascato ciliegina sulla torta, i 12 MILIONI DEL PARACADUTE.Un abile giocatore di scacchi questo Tavecchio. CHAPEAU.

    • 31 Maggio 2015 in 13:20
      Permalink

      Cambia spacciatore

      • 31 Maggio 2015 in 15:57
        Permalink

        e tu cambia mangime

    • 31 Maggio 2015 in 16:16
      Permalink

      Certo che siete di coccio! I 12 milioni vanno in tasca a cagliari e cesena, se falliamo. La Lega e FIGC non guadagnano nulla da questa vicenda, a parte una reputazione ancora più bassa sia in caso di salvataggio che nell’altro. Se non ci salva passa per bugiarda, mentre se lo fa passa per quella che tifa Parma. Se proprio si volesse fare dietrologia spicciola si potrebbe dire che il parma era promesso sposo di Infront (una volta ripulito a dovere) ma con Corrado e soci per Infront si fa dura e per questo potrebbe aver fatto pressioni sulla lega per riavere i 5 mln e scoraggiare gli altri. Ma stiamo veramente raccontando favole.

    • 31 Maggio 2015 in 17:52
      Permalink

      Velenoso e’ un conto pessimista e denigratore e’ un altro io,da tifoso spero che il parma venga comprato e che tu possa piantarla di essere polemico, secondo te che i giocatori giochino o non giochino una partita cambia le intenzioni di investitori e i piani della lega. Scantot

  • 31 Maggio 2015 in 13:51
    Permalink

    Aiuto! Majo è un record, questo é il topic con la % di commenti e rispostine ai commenti più assurdi di sempre. Da tenere nello storico del “betisier”.

  • 31 Maggio 2015 in 14:37
    Permalink

    velenoso fa la gara con assioma, chi spara la cazzata piu grande. sempre foooorza PARMA.

  • 31 Maggio 2015 in 15:09
    Permalink

    figa velenoso quante ne sai!!!
    tu sai gia come andra’ a finire e noi poveri scemi siamo qui a sperare che tutto si risolva per il meglio
    ma cavolo hai aspettato fino ad oggi per aprirci gli occhi ….solo oggi ti sei degnato di scendere sulla terra e di illuminarci con parole di verita’
    se solo tu queste le avessi dette un paio di mesi fa ci avresti tolto giorni e giorni di vana speranza e di inutili parole
    magari avresti evitato pure che due curatori di basso livello professionistico perdessero inutilmente il loro tempo usandolo magari per andare da un barbiere visto che per alcuni questa cosa sembra essere essenziale
    di questo ti rimprovero….hai aspettato troppo ma ad ogni modo ti ringrazio di esistere

  • 31 Maggio 2015 in 16:12
    Permalink

    Mortadello..ma parla potabile o almeno tricolore!..cosa avevi in italiano?..vai alle serali o li a bologna vi dicono di andare direttamente a lavorare..

  • 31 Maggio 2015 in 18:12
    Permalink

    Velenoso sei solo polemico

    • 31 Maggio 2015 in 23:45
      Permalink

      Velenoso SVILUPPATI!!!!!!!!!!!

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI