CALCIO & CALCIO / MAJO: “STOP ALLA DIFFIDENZA SULLA CORDATA LOCALE (CHE AVEVA GIA’ CONTATTATO GIUNTOLI)”. ANGELLA: “ANCHE CORRADO IN CORSA PER LA D”. BONI: “IO INSULTATO, MA AVEVO RAGIONE”

image(Evaristo Cipriani) – BONI SENZA SPACCONATEIl Parma non lo prenderà nessuno, il futuro è la serie D. Enrico Boni lo ripeteva da mesi e mesi su Teleducato, senza alcun dubbio. I fatti, purtroppo, gli hanno dato ragione. Ma chi pensava e temeva che ieri sera a Calcio & Calcio (con ospite in studio, insieme al nostro direttore Gabriele Majo, l’avvocato Massimiliano Germi) il Saltimbanco desse sfoggio della consueta “sbruffoneria” e facesse il bullo, si è invece trovato di fronte un atteggiamento stranamente equilibrato (clicca qui per vedere il video della 39^ puntata): “Quando dicevo che il Parma sarebbe finito dritto in D e che nessuno alla fine lo avrebbe comprato non era perché io volessi il male del Parma o godessi di questa eventualità, era perché ritenevo che fosse lampante la gravità della situazione e dei conti, purtroppo quasi tutti invece si sono voluti illudere e hanno prestato fiducia a situazioni poco chiare”. Lo stesso Boni ha poi aggiunto, togliendosi qualche sassolino dalle scarpe: “Ho ricevuto ogni tipo di insulto, sono stato accusato di parlare così perché sono reggiano, quando sì vengo da Sant’Ilario d’Enza, ma mi sento molto più vicino a Parma, molta gente mi ha capito, ma molti altri non hanno compreso che io ho sempre parlato perché lo scenario che avevo prefigurato lo consideravo inevitabile e credevo che fosse doveroso programmare prima la D”. Boni ha anche chiarito di avere fatto ricorso spesso a gags o provocazioni per spiegare le faccende crociate per cercare di sdrammatizzare una situazione dai contorni avvilenti.

CURASTARS SOTTO ACCUSA – Molti sms letti in studio hanno preso di mira il lavoro dei curatori Angelo Anedda e Alberto Guiotto e soprattutto del loro uomo di fiducia Demetrio Albertini. Su quest’ultimo qualche perplessità la ha esposta anche il conduttore Michele Angella: “Non ho ancora capito che tipo di interventi abbia compiuto Albertini, non riesco a vedere la sua impronta sulla vicenda Parma, credo che si dovesse puntare su di una figura di profilo e di carisma diversi”. Boni: “I curatori hanno perso tempo”.

CORDATA LOCALE –  Per il futuro, dopo un periodo di attesa, ha ripreso a muoversi la cordata di imprenditori locali che già aveva messo in piedi un progetto ad inizio aprile presentandolo al tifo organizzato. Majo ha rivelato in proposito come il progetto in questione sia destinato a rafforzarsi e possa godere di un impegno più forte rispetto all’idea originaria di alcuni big del mondo economico parmense: “Purtroppo la cordata locale paga un po’ di diffidenza da parte dei tifosi che accusano gli imprenditori parmigiani di non essersi impegnati per la B e di non volere investire adeguatamente, ma alla fine i fatti hanno dimostrato che sono stati lungimiranti nell’intravvedere la mancanza di sostenibilità del progetto di salvataggio del professionismo. Purtroppo da parte di questo gruppo è stato compiuto qualche errore di comunicazione, magari mandando avanti figure non proprio appropriate e ormai datate. Ora però – ha ammonito il nostro direttore – se questa cordata c’è va sostenuta e bisogna mettere da parte dubbi e diffidenza, se no si rischia di non potersi iscrivere nemmeno alla D”. Boni: “Entro 48 ore deve essere convocata una conferenza stampa da parte della cordata locale per spiegare nel dettaglio il progetto”.

imageGIUNTOLI – Gabriele Majo ha rivelato come il progetto messo in piedi già da alcuni mesi dagli imprenditori locali, per la D, avesse individuato la figura di Cristiano Giuntoli come direttore sportivo. Giuntoli è l’artefice del miracolo Carpi e sarà il nuovo uomo mercato del Napoli. “So per certo che Giuntoli era stato contattato per affidargli il piano di ricostruzione sportiva del Parma dalla D e lui aveva dato un assenso di massima, questo a testimoniare che la cordata locale faceva sul serio e non procedeva con approssimazione o piocioneria…”.

imageCORRADO PER LA D? – Michele Angella ha reso noto che il gruppo guidato da Giuseppe Corrado sarebbe pronto a rilevare il Parma in D (magari puntando ad un ripescaggio immediato in Lega Pro): “Dall’entourage di Corrado filtra l’indiscrezione secondo cui se ci fossero una richiesta da parte della città, lo stesso gruppo che si era coagulato per la B potrebbe decidere di proseguire il cammino per la D”. Una ipotesi che ha incontrato l’opposizione di Majo e Boni. Il direttore: “A me chi cerca di prendere le scorciatoie piace poco, ne abbiamo già avuto abbastanza con Taci”. Boni: “Corrado e Piazza hanno chiuso, via”. Per il fiuto del Saltimbanco, invece, un ruolo decisivo potrebbe giocarlo in questa fase “la volpe” Luca Baraldi.

LEGA PRO – L’avvocato Massimiliano Germi ha spiegato l’ipotesi ripescaggio in Lega Pro già illustrato ieri nell’articolo pubblicato su stadiotardini.it a firma del suo collega Paolo Malvisi. La strada che porterebbe in Lega Pro dovrebbe prevedere una revisione delle normative federali. Ad incidere in questo senso sarebbero le condizioni di gravi difficoltà finanziarie di molte società della vecchia serie C, le quali sarebbero impossibilitate ad iscriversi al torneo. Situazione analoga anche in D. Evaristo Cipriani

CLICCA QUI PER VEDERE IL VIDEO DELLA 39^ PUNTATA DI CALCIO & CALCIO

image

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

143 pensieri riguardo “CALCIO & CALCIO / MAJO: “STOP ALLA DIFFIDENZA SULLA CORDATA LOCALE (CHE AVEVA GIA’ CONTATTATO GIUNTOLI)”. ANGELLA: “ANCHE CORRADO IN CORSA PER LA D”. BONI: “IO INSULTATO, MA AVEVO RAGIONE”

  • 23 Giugno 2015 in 18:59
    Permalink

    Accetteremo la D, ma almeno dica ad Angella di risparmiarci Boni nella prossima (sperando ci sia) stagione televisiva. Entrambe le cose non sono sopportabili.
    Grazie di cuore per il grande lavoro svolto e poichè i grazie non bastano a tirare avanti, le confermo il mio appoggio anche concreto per continuare la vita di questo sito ormai diventato un riferimento insostituibile.
    Termino dicendo che non sono d’accordo con lei invece per quanto riguarda il possibile coinvolgimento in D di Piazza o (più presumibilmente) di Corrado: io non la vedrei come una furbata o una scorciatoia ma solo la conferma che l’interesse era sincero e concreto.

    • 23 Giugno 2015 in 19:10
      Permalink

      Io non mi lascio incantare, invece: e se parlo è perché mi sono fatto determinate convinzioni. E le furbate mi stanno in cima agli zebedei. Specie se fatte da chi aveva da ridire prima.

      Grazie per il suo sostegno e per le sue parole

      Gmajo

      • 23 Giugno 2015 in 20:56
        Permalink

        Come sai, alla fine la tua fiducia in Corrado mi aveva “contagiata” e non lo vedevo male neanche x la D.
        Però prendo atto delle tue parole…mi pare che tu sappia qualcosa che non ci dici (x ovvia riservatezza delle persone interessate) a proposito della cordata Corrado, la quale sicuramente aveva attaccato troppo presto l upi quando lui aveva ancora tutto da dimostrare…a posteriori un abbaiare alla luna tutt’altro che costruttivo (vista come è andata a finire la faccenda ).
        Quindi do fiducia come sempre al tuo intuito e speriamo che gli ex cocoon presentino presto un bel progetto per il nuovo parma… Forza Parma sempre!

  • 23 Giugno 2015 in 19:03
    Permalink

    Urlanden ieri sera era più felice al telefono che dopo aver vinto la coppa UEFA. Meno mel che non c’entra nulla coi brucomela…(cordata brancapiocione è geniale complimenti a chi l’ha coniata).
    La serietà di Corrado (piocion) si vede dalle informazioni che ha chiesto su Collecchio inco dop mesdi…
    Secondo me il piocione ha intravisto sabato la possibilità di un ripescaggio in lega pro su indicazione dello stesso che gli aveva detto di non versare alcuna caparra e di presentare quella ridicola pseudo offerta il 9 giugno…
    E quindi ha detto..ma perché non imitare i piocioni del posto?
    Tanto i pramsan sono dei coglioni gli facciamo vedere scala gli diciamo che si fa la d al tardini e sono tutti scodinzolanti.

    • 23 Giugno 2015 in 19:09
      Permalink

      Ribadisco a chiare lettere che col progetto Orlandini non c’entra una benedetta mazza.

  • 23 Giugno 2015 in 19:11
    Permalink

    Che montare in sella al cavallo pazzo Parma fosse economicamente poco sostenibile, lo si sapeva; ma non sono d’accordo con Boni quando sostiene che avremmo dovuto programmare in anticipo la D: bene han fatto coloro che, annusando la possibilità di restare aggrappati alla B, le hanno provate tutte affinché questa opzione si traducesse in realtà. È meglio vivere con qualche scottatura di troppo che di rimpianti.

    • 23 Giugno 2015 in 19:50
      Permalink

      intanto ci siamo fatti sputtanare in tutta la galassia,bravo

      e a non programmare seriamente quello che ci spettera’ adesso si rischia di andare a vedere la virtus san lazzaro come prima squadra cittadina ,ne parliamo fra un mesetto

  • 23 Giugno 2015 in 19:49
    Permalink

    continuo a sperare in Piazza.

  • 23 Giugno 2015 in 19:52
    Permalink

    Buonasera direttore non ho mai scritto quanto ma volevo solo farle una domanda Ma secondo lei provare ad iscrivervi alla lega Pro che si saprà dopo il 26 vero ma provando a tenere qualche primavera è una cosa fattibile secondo lei?visto che un giovane potrebbe essere tentato è il nostro patrimonio non andrebbe in fumo dopo tutto questo lavoro grazie

    • 24 Giugno 2015 in 00:19
      Permalink

      Non si riescono a trattenere i giovani poiché con la D il settore giovanile sparisce. E anche in caso di ripescaggio non si recupera il perduto (o magari poca parte se qualcuno ha fiducia).

      Cordialmente

      Gmajo

  • 23 Giugno 2015 in 19:58
    Permalink

    majo e da censurare anche da noi a reggio lo prendiamo per i fondelli e un poveretto

  • 23 Giugno 2015 in 20:03
    Permalink

    In verità, la maggior parte dei tifosi è per Piazza. Basta andare sulla sua pagina FB.
    P.s: il termine ultimo per l’iscrizione alla D è il 6 luglio alle 14.

    • 24 Giugno 2015 in 00:17
      Permalink

      Non mi pare che sia uno strumento di indagine utilizzato dal censis

      • 24 Giugno 2015 in 11:20
        Permalink

        Lo so. Era per dire che comunque una buona parte dei tifosi sta con lui e Corrado.

  • 23 Giugno 2015 in 20:15
    Permalink

    Direttore, sono lo stesso Luca che le ha scritto qualche giorno fa, al quale lei ha chiesto di aggiungere un segno al mio nome per farmi distinguere.
    Mi perdoni se mi permetto di non essere d’accordo su quanto lei pensa a proposito di un eventuale interessamento per la D di Piazza o Corrado. Lei afferma che le scorciatoie non sono belle, e sono d’accordissimo, però per me una scorciatoia sarebbe stata se loro se ne stavano fermi senza far niente e si prendevano il Parma una volta fallito. Invece mi pare che abbiano fatto di tutto per non farlo fallire, e quindi – secondo il mio modesto parere – non si tratterebbe assolutamente di scorciatoia. Questo secondo il poco che so io, sicuramente lei è molto più informato di me.
    Però io sinceramente continuo a sperare di avere uno tra Piazza o Corrado come proprietario, con loro sarei certo al 100% che l’obiettivo è tornare in A nel più breve tempo possibile. Gli industriali che si stanno costituendo invece, come faccio a sapere che obiettivi hanno per il Parma? Magari il loro obiettivo è (non so, sparo a caso) portarci a stare al massimo in serie B? E’ questo che mi mette paura tutto qui

    • 24 Giugno 2015 in 00:17
      Permalink

      Io non vivrei di luoghi comuni. Né mi pare che i passi mossi da Corrado e Piazza per salvare il Parma siano di garanzia per questa comodosa e risparmiosa partenza dalla D, con vista C.

      Non ho mai simpatizzato per l’Upi, come noto, ma in questa storia, pur con i mille limiti che vedo nel loro progetto, mi sento più vicino a loro. Magari mi sbaglio. O comunque massimo rispetto per gli altri se dovessero prendere loro il Parma. Ma questo approccio non mi è piaciuto per nulla.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 23 Giugno 2015 in 20:18
    Permalink

    Direttore buona sera. Ho letto ora ora un intervista a Corrado, lei ha sempre sostenuto che Corrado o Piazza chicchessia non avrebbero dovuto a rigor di logica proporsi per la d. Io leggendo questa intervista, ho capito che nn é certo una scorciatoia quella che eventualmente prenderebbe la banda corrado’s ..lei che ne pensa? Ha rivisto la sua posizione? Grazie mille per tutto. Nella tristezza ho comunque dimenticato di ringraziarla per tutto quello che ha fatto e che sono certo farâ ancora per noi tifosi.

    • 24 Giugno 2015 in 00:14
      Permalink

      Grazie a te, Manuel.

      Come avrai letto anche in altri commenti non ho affatto cambiato idea dopo aver letto l’intervista di Corrado. Anzi, se possibile le ho ulteriormente consolidate. Per me hanno intrapreso una scorciatoia e a me la cosa non piace. E immagino non piaccia anche a chi ha perso il lavoro o la propria squadra due giorni fa.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 23 Giugno 2015 in 20:21
    Permalink

    Non capisco direttore perché le darebbe così fastidio un coinvolgimento di piazza o corrado x la D. Non la vedo come una furberia, ma reputo sensato non concludere l operazione x le truppe incognite e i troppi rischi,mentre x la D non sarebbe più una situazione proibitiva e quindi degna di essere percorsa.. Lo trovi logico e corretto.. Perché no?

    • 23 Giugno 2015 in 20:31
      Permalink

      Per me è una furbata e una scorciatoia. E ho già spiegato il perché e la rapida fuga ha una chiara spiegazione ora perché non hanno comprato dopo tre mesi di manovra. Mi spiace ma il mio no è incondizionato

      • 23 Giugno 2015 in 21:03
        Permalink

        Per favore direttore… Io veramente non riesco a comprendere la differenza tra chi realmente si è adoperato e ha mostrato interesse per la salvezza del Parma salvo tirarsi indietro a conti fatti e chi, invece, quei conti non li ha voluti neanche fare (soprattutto se tra questi ultimi ci sono soggetti ben più facoltosi dei primi).
        Meglio “furbi” che sciacalli…

        • 23 Giugno 2015 in 23:48
          Permalink

          Non sono sciacalli e le ragioni per cui non si erano impegnati per la B sono gli stessi tirate poi fuori dagli altri quando si sono ritirati. E comunque, ripeto, non si può esser di bosco e di riviera. Poi se godete tanto Corrado fate pure. Io l’ho sostenuto durante la corsa per la B apprezzandone il lavoro e l’impegno, ne ho fatto anche “pompe” televisive portandone avanti le ragioni. Ora, però, questo cambio non l’ho apprezzato perché mi puzza di scappatoia, di fuga, per di più su ispirazione federale. Pur non simpatizzando particolarmente per l’Upi preferisco il tentativo degli industriali.

          Saluti

          Gmajo

          • 23 Giugno 2015 in 23:55
            Permalink

            Secondo me caro Majo stavolta ti stai barricando in una specie di ideologismo incomprensibile. Adesso te lo dico io calma & gesso e valuta bene le cose con pragmatismo perchè ho veramente l’impressione che stai sbiellando (ci sta la cosa dopo la botta che abbiamo preso). Pronta guarigione anche a te. W Piazza o Corrado

          • 24 Giugno 2015 in 00:06
            Permalink

            Senti, caro, io non sto sbiellando. E quando prendo posizione è perché mi sono ben informato dei fatti. A me certe cose non piacciono. E quindi lo dico o lo scrivo chiaro e tondo. Tanto mica serve il mio consenso a corrado (o piazza) per prendersi il Parma. Ma la successione dei fatti non mi fa affatto simpatizzare per queste soluzioni che si stanno profilando. e per quanto concerne il mio ideologismo incomprensibile ci sono abituato: pensavate così anche quando facevo – da solo – le pulci ai vostri amati Ghirardi e Leonardi.

            io la mia valutazione l’ho già fatta. Giusto o sbagliato che sia, io non sto con Corrado. C’ero stato per la B. Ma per la D no.

          • 24 Giugno 2015 in 08:28
            Permalink

            Tentativo che ci farà giocare a Colorno. …

          • 24 Giugno 2015 in 08:33
            Permalink

            Colorno un par de balle.

            Indipendentemente da quel che scrive la gdp (la mano destra non sa quel che fa la sinistra) lo stadio designato dalla Fenice è uno solo. L’ennio tardini di parma,
            Cordialmente

          • 24 Giugno 2015 in 10:57
            Permalink

            Habemus papam. …emenentissimum ac reverendissimum dominum, dominum gregorium XVII

      • 23 Giugno 2015 in 21:24
        Permalink

        Son d’accordo sulla questione scorciatoia/furbata. Ma se poi dovesse capitarci di non avere altra alternativa che Corrado?

        • 23 Giugno 2015 in 23:44
          Permalink

          A beh, se non c’è altra alternativa… Ma siccome l’alternativa c’è io scelgo l’altra

      • 23 Giugno 2015 in 21:48
        Permalink

        Direttore ha la mia stima per la coerenza con i suoi ideali.
        Anche a discapito di un possibile guadagno.
        Chapeau

      • 23 Giugno 2015 in 22:01
        Permalink

        Ha sempre sostenuto che era illogico un azzardo rilevare il parma in B dunque se uno c ha provato e ha visto che era veramente troppo procedere tra 1000 incertezze ed ora si rede disponibile x la D nn la vedo una scorciatoia ma un opportunita x il parma e parma e magari anche x chi c prende e ha come obbiettivo la serie A. Diversamente lei dice che la cordata locale nn ritiene opportuno aderire ad un eventuale ripescaggio vule dire che nn hanno i soldi x la LegaPro….. perche’ la storiella del passo piu’ lungo della gamba nn la vedo in modo diverso meglio 2 campionati in LegaPro che tentare la doppia promozione tuttaltro che facile….

        • 23 Giugno 2015 in 23:21
          Permalink

          Primo: l’impressione che nn vogliano fare il passo più lungo della gamba è mia e non una certezza o verità rivelata

          Secondo: è vero che ho illustrato mille volte l’insostenibilità dell’investimento con tesi che ora, a mo’ di scusa, sono utilizzate da chi non lo ha fatto, ma il sospetto della pia illusione di un ripescaggio a me puzza di scorciatoia. E la gente intanto ha perso il lavoro, incluso chi si sta dando da fare per mostrare la bontà del loro interesse per la D. Io non mi lascio incantare. Voi fate pure…

          • 24 Giugno 2015 in 00:21
            Permalink

            La gente ha perso il lavoro tanto per colpa di Piazza e Corrado quanto per colpa degli industriali DEL TERRITORIO…

          • 24 Giugno 2015 in 00:26
            Permalink

            No, caro. La gente ha perso il lavoro per la gestione virtuosa di Ghirardi e Leonardi. Però, visto che c’è stato uno come Corrado che per tre mesi ha lavorato gomito a gomito con calciatori che si fidavano di lui (e mi pare continuino a fidarsi di lui tuttora…) e con i curastars le condizioni estreme in cui si trovava il club crociato avrebbero dovuto conoscerle senza pretendere le trattative dirette (con manco una offerta presentata) dopo ben 6 aste di cui una straordinaria e un taglio dei debiti su misura vidimato dal Tribunale.
            Gli industriali avevano fatto una analisi precedente optando per la ricostruzione dalla D.

            Salute

            Gmajo

          • 24 Giugno 2015 in 13:16
            Permalink

            Sicuramente una LegaPro da piu posti d lavoro di una D poi uno puo sempre dire che era meglio la A e fare le coppe….
            qui si ragiona x impresdioni e cosi facendo tutte le tesi sono valide anche le piu’ assurde

          • 24 Giugno 2015 in 13:39
            Permalink

            Le impressioni che esprimo professionalmente sono il frutto di una laboriosa raccolta di info

      • 23 Giugno 2015 in 22:56
        Permalink

        Direttore non facciamo troppo gli schizzinosi…se Corrado ci prende in D va bene lo stesso, non penso che con tutti i soldi spesi in avvocati e consulenti in questi 2mesi vada messo sullo stesso piano di Taci! Non capisco perché dobbiamo ora affidarci a chi non ha neppure provato a salvarci!! Poi che garanzie possono dare degli industriali che 7anni fa non hanno mosso un dito quando eravamo in amministrazione controllata??non capisco proprio il suo ostracismo e le dico che a me Corrado e Piazza vanno bene anche in D….anzi sarebbe grasso che cola…..i

        • 23 Giugno 2015 in 23:08
          Permalink

          Ognuno è libero di avere le opinioni che vuole. Io ho espresso la mia, lei la sua. Però mi permetto di aggiungere che voi tifosi vi fate abbindolare facilmente. Contenti voi… E il ragionamento di sette anni fa non vuol dire niente, perché nel tempo la gente può anche cambiare. Poi che la cordata industriale abbia punti che mi lasciano perplesso è un altro discorso, ma a me fa letteralmente schifo pensare che c’era della gente (in primis i dipendenti) in attesa che qualcuno salvasse il Parma, ciò non è avvenuto, la gente ha perso il lavoro, i calciatori i soldi, e compagnia bella, e adesso tutti a sbavare dietro a questi qua. Contenti voi, contenti tutti. Ma io non mi faccio incantare.

          Cordialmente

          Gmajo

          • 23 Giugno 2015 in 23:20
            Permalink

            Abbindolare? No perché il fantomatico progetto di chi finora non ha mosso un dito cosa sarebbe? I motivi per cui piazza e Corrado hanno rinunciato sono identici e mi sembra non si possa imputare loro nulla. Però solo perché loro ci hanno provato, a salvare i dipendenti, vanno eliminati. Invece chi non ha fatto nulla ora va benissimo. Chi sarebbe dei due che ha preso la scorciatoia?

          • 23 Giugno 2015 in 23:41
            Permalink

            Non ha fatto nulla chi? Lei ha elementi per dire che non hanno fatto nulla? Ma cosa ne sa?

            Le ragioni espresse da entrambe le cordate a me puzzano di scusa, visto che le problematiche erano arcinote anche da prima, e scappare davanti ai 22,6 ml di debito sportivo sancito da Rogato non depone a favore di chi è scappato.

          • 23 Giugno 2015 in 23:21
            Permalink

            Guardi sono 2 giorni che ho il magone. .ormai non credo più a nessuno e devo dirle che non mi faccio abbindolare dall’ ultimo arrivato come non voglio assolutamente che ci prendano quelli che non hanno mai mosso un dito da anni!! Le ripeto hanno speso soldi per 2 mesi e poi non è automatico che pizzarotti scelga Corrado o piazza, , anzi ho il timore che vada incontro ai suoi industriali che passerebbero come i salvatori della Patria! Se proprio devo scegliere,a livello di potenzialità economiche sto dalla parte del duo….

          • 23 Giugno 2015 in 23:39
            Permalink

            Le potenzialità economiche di barilla fanno una pippa a tutti…

          • 23 Giugno 2015 in 23:44
            Permalink

            Direttore capisco il tuo punto di vista in effetti ci sono delle cose davvero poco chiare, che stridono e molto …questa intervista di Corrado poi è ” un lisciapelo” che mi ha dato una sensazione sgradevole che non ho saputo spiegarmi..così come quella di proporsi di pagare per i Giovanissimi alle f8 senza informarsi e sapere così che non ne avevano bisogno..mi è sembrata una ruffianata
            ora posso solo aspettare e cercare di stare attenta… non voglio essere preda di alcun tipo di entusiasmo..ho già dato

          • 24 Giugno 2015 in 00:02
            Permalink

            “Le potenzialità economiche di Barilla fanno una pippa a tutti…” si ok, ma chi garantisce che il suo “impegno” (suo come per dire quello di altri membri di cui non conosco l’identità) si mantenga in linea con i vari salti di categoria e non si limiti alle “poche” centinaia di migliaia di euro (Dio mi perdoni) dei dilettanti…!?
            “Il mio investimento nel calcio l’ho fatto… Con l’abbonamento a Sky”…

          • 24 Giugno 2015 in 00:32
            Permalink

            Non si mettono insieme 12 industriali per stare in D a vita

  • 23 Giugno 2015 in 20:25
    Permalink

    Io voglio Corrado, ho appena letto che la sua cordata è’ pronta a prendere il Parma e partire dalla D. Io voglio ripartire da lui perché di soldi ne ha e anche ambizione, nel giro di poco potremo risalire. Spero solo che il sindaco non faccia puttanate e non la dia in mano ad altri imprenditori parmigiani solo per giadagnarci dal punto di vista politico. Sarebbe D a vita. Corrado vi da la speranza di risalire ed anche in tempi decenti

    • 24 Giugno 2015 in 00:12
      Permalink

      Che con corrado si vinca facile e con gli altri sia d a vita mi pare un assioma senza fondamento. E comunque si è visto come corrado ha salvato il parma in b.

      • 24 Giugno 2015 in 14:41
        Permalink

        no ma co sit dre discutor ancora con chilor ?

        ian sgagne’ na bela merda adesa le dura molerla

        eh chera ti e le miga ancora fnida ,ricomincia il tiro al piccione Majo si e’ riaperta la stagione della cacca,etor che le nostre discussioni su manenti

  • 23 Giugno 2015 in 20:42
    Permalink

    Corrado si è appena candidato ufficialmente. Ha disponibilità economica e un progetto che vuole riportarci in alto. Non capisco per quale consequenzialità logica dovremmo dire di no a lui, che ha spiegato i motivi della rinuncia alla offerta per la B, mentre dovremmo accettare a scatola chiusa una misteriosa cordata locale in cui devono mettersi insieme in 10 per ottenere i soldi della iscrizione. Da che parte vogliamo remare? No perché vorrei capire…

    • 24 Giugno 2015 in 00:00
      Permalink

      Lei remi un po’ dove le pare, a me non servono dei vogatori. Sono abituato a dir quel che penso e continuo a farlo adesso. Le motivazioni addotte per la fuga dalla B non mi convincevano prima, men che meno dopo l’improvvisa voglia di D di chi prima la schifava.

      Saluti

      Gmajo

      • 24 Giugno 2015 in 08:00
        Permalink

        ba trovo grottesco che stia ancora parlando,dopodiche’ se adesso vuol riesumare la salma……visto che il funerale ,nonostante il manager con la m maiuscola ,c’i sia gia’ stato…occhio che ci salta fuori un frankestein

  • 23 Giugno 2015 in 20:43
    Permalink

    Ho appena letto l.intervista a corrado. Praticamente sostiene che il debito verso l estero è stato quello che l ha fatto rinunciare.. Possibile? Era corso alto direttore? Mi sembra molto strano

    • 23 Giugno 2015 in 23:58
      Permalink

      I debiti vs estero, opportunamente sistemabili nel giro di qualche anno e non immediatamente, visto che il Tribunale aveva sancito il taglio degli ScureStars a 22.6 milioni, per me sono una banale scusa per giustificare l’uscita. Certo sommata a tante altre cose poco chiare, per carità, ma che erano a forte rischio fin dall’inizio. A me questa duplice fuga non è piaciuta e questa immediata apertura per la D (vista la possibilità di ripescaggi) mi ha fatto capire quello che potrebbe essere stato il motivo dell’incredibile abbandono dopo ben 6 aste (di cui una straordinaria) e le vendite dirette dove manco è stata fatta un’offerta. A momenti momenti mi piacerebbe che ci mostrassero un bene fondi di 22 ml…

      Cordialmente

      Gmajo

      • 24 Giugno 2015 in 00:24
        Permalink

        Majo secondo te anche Piazza ha difficoltà a trovare 22 milioni? Calma & gesso

        • 24 Giugno 2015 in 00:52
          Permalink

          Che mostrassero il bene fondi, dai… Sia l’uno che l’altro… Dai…

          • 24 Giugno 2015 in 01:19
            Permalink

            Vabbé è inutile, le valvole sono saltate.

  • 23 Giugno 2015 in 21:52
    Permalink

    Proprio ora ho letto una intervista di Corrado. Si e’ detto disponibile ad occuparsi del Parma in D. Ora io penso che tutti coloro che sono veramente interessati a riproporre un progetto serio debbano essere presi in considerazione.
    L’unione fa la forza

    • 23 Giugno 2015 in 23:26
      Permalink

      L’unione fa la forza? Ma quale unione? Non si può esser sempre di bosco o di riviera indifferentemente. Io non sono affatto convinto da quel progetto, che mi puzza di furbata e via di fuga, anche se vorrei non star qui a creare degli sterili muro contro muro che non mi piacciono, ma non trovo credibile che chi avversava la D ora si candidi per farla, magari dopo rassicurazioni federali.

      Saluti

      Gmajo

  • 23 Giugno 2015 in 22:05
    Permalink

    Io il Parma lo tiferó sempre e comunque però, se posso scegliere, preferisco chi ha sempre pensato al progetto D piuttosto che chi li denigrava per questo salvo poi prendere la stessa direzione magari anche perché ingolositi da eventuali “soffiate” di ripescaggio. Coi furbi avrei giá dato…detto questo, da chi ci sará desidero solo chiarezza e idee, un progetto sostenibile per risalire. Se sará in fretta, tanto meglio

  • 23 Giugno 2015 in 22:34
    Permalink

    Per quanto mi riguarda non ho pregiudizi di sorta, ben venga chiunque ha un progetto chiaro volto a riportare il Parma nel calcio che conta e per farlo (purtroppo) ci vogliono le risorse finanziarie, per cui personalmente tifo chi ha più disponibilità da spendere, e ribadisco che a mio parere tra tutti è Piazza.

  • 23 Giugno 2015 in 22:52
    Permalink

    La mia preoccupazione relativa alla cordata locale e’ che il loro progetto sia a scadenza. Troppo difficile mettere d’accordo troppe teste e non scordiamoci che a loro del Parma Calcio non e’ mai fregato niente, nemmeno quando le cose andavano bene e senza wuesta crisi. Ho paura che per la D e la lega pro ok ma quando si dovranno fare investimenti maggiori per la B e la A non ne abbiano la voglia. Allora meglio Corrado che sicuramente non si tirerebbe indietro ma visto che sara il Sindaco a decidere il finale e’ scontato. Spriamo bene.

    • 23 Giugno 2015 in 23:11
      Permalink

      Chi mai ha detto che il loro progetto sia a scadenza? E allora fidiamoci di chi è stato dietro tre mesi a un progetto e poi non l’ha concluso. E poi che decida il sindaco… Boh… Con le noif che cambiano in continuazione ci sto capendo ben poco

  • 23 Giugno 2015 in 22:52
    Permalink

    Mah…io mi ricordo che nessuno di parma lo comprò da Bondi, alle condizioni in cui era e in serie A. Ricordo la paura di allora e il sollievo quando arrivò Ghirardi accolto come salvatore della patria e in fondo in quel momento lo era davvero.. tutti ci ricordiamo bene i fatti. Non sto a ripetere il calvario vissuto anche allora…(quest’anno è vero che ci siamo superati)
    Ora davvero questi sono pronti in un momento congiunturale peggiore, in serie D a spendere più o meno le stesse cifre di allora per arrivare in lega pro? Insomma la paura, l’incertezza è tanta.

    • 24 Giugno 2015 in 00:15
      Permalink

      Io invece non sono d accordo, è giusto ricordarlo ma la situazione mi pare molto diversa: si doveva subentrare in serie a, in una società già fatta, con un predecessore che aveva vinto e a tratti incantato

  • 23 Giugno 2015 in 22:59
    Permalink

    Come le dicevo prima dei movimenti di oggi pomeriggio del Corra…am sa che ad pajas è pien al mond
    Brancapiocioni contro nuovi piocioni…
    Gliel’ho detto che sabato da bravi piocioni hanno nasato la furba di farsi la lega pro spendendo una miseria..e han detto ma noi siamo più scemi degli industrialoni con la I?
    E noi qua da bravi idioti già a sbavare per le D.
    Me no parche av dig d’ander in cesa a fer l’elemosna.
    Piocion ad l’uni, Dallara (piocion) e Corrado.

    • 23 Giugno 2015 in 23:13
      Permalink

      @Davide caccia tu i soldi.
      che pretese hai?
      Ognuno fa quello che si sente se pensi d saper fare neglio c metti i soldi e fai quello che altri nn possono
      Corrado ha fatto un discorso serio e coerente e vorrei tanto c fosse x la D magari assiwme a chi gia si sta muovendo ma anxce solo .

    • 23 Giugno 2015 in 23:38
      Permalink

      Dopo piu di 24 ore,finalmente, mi sto riprendendo dallo shock! Sono ancora distrutto ma almeno adesso sta iniziando la fase di elaborazione del lutto e piano piano sto cominciando a pensare al futuro! Al momento, vista la situazione, mi accontenterei di chiunque..basta abbia buone disponiblità finanziarie e un buon progetto da cui ripartire! Non è la D a farmi paura…ma rimanere stabilmente nei bassi fondi del calcio italiano….

  • 23 Giugno 2015 in 23:07
    Permalink

    Forza Corrado

  • 23 Giugno 2015 in 23:17
    Permalink

    Majo io nn capisco xke sei contro Corrado e piazza dovevano andare nella cacca loro con le aziende per salvare il Parma? Con lui si può fare un progetto serio e valido e con più soldi! Cmq 2+2 fa4 decide il sindaco a Parma comanda l UPI se il sindaco va contro l UPI cade quindi è già scontato a chi va il Parma

    • 23 Giugno 2015 in 23:43
      Permalink

      Il sindaco non cade e non c’è niente di scontato. Comunque, ripeto, ognuno è libero di pensare quel che ne ha voglia. Per quanto mi concerne sono contrario, per le motivazioni che ho già esposto, ai tentativi di chi non ha salvato il Parma prima. Le scorciatoie non fanno per me.

      Saluti

      Gmajo

  • 23 Giugno 2015 in 23:27
    Permalink

    Io mi rifiuto di credere che si arrivi a tacagnare per far la serie d.. Per me sarebbe inconcepibile.. Noi dobbiamo pensare a smaltire e ripartire con entusiasmo perché per un rilancio, oltre che i soldi, serve che sia tutto l ambiente a spingere, gli schizzinosi o i nostalgici meglio che si prendano una pausa

    • 23 Giugno 2015 in 23:39
      Permalink

      Il problema è che oltre agli industriali, a corrado, a piazza, forse anche a baraldi, per la D potrebbero aggiungersi una fila di bidoni di quelli che già abbiamo conosciuto, visto che fare la D non costa una mazza.

      Io non sono né skizzinoso, né nostalgico: ma non mi convince chi aveva un obiettivo fino all’altro ieri e poi si è convertito, magari inseguendo miraggi di ripescaggi.

      Poi se qualcuno gode a farsi incantare, come già spesso era accaduto, faccia pure. Io non mi faccio incantare. Perché c’era qualcosa che mi sfuggiva nell’improvvisa fine dell’interesse, guarda un po’ coincidente con spifferi federali su supposti ripescaggi. No, non mi va di creare dei muro contro muro, che non servono a una benedetta mazza, perché servirebbe unità, ma non raccoglie il mio favore chi ha cambiato obiettivo in corsa, specie dopo aver espresso il proprio parere sulla D. Per quanto mi riguarda non offro il mio appoggio. poi ognuno è liberissimo di farsi incantare come meglio crede.

      Saluti

      Gmajo

      • 23 Giugno 2015 in 23:57
        Permalink

        Parliamoci chiaro. Incantare, abbindolare cosa? Nessuno e dico nessuno ha imputato a Corrado e Piazza qualcosa per la loro rinuncia. Ci hanno provato. Se la sente lei di criticarli alla luce dell’incertezza del debito futuro? Non credo, nessuno può dire nulla. Ora però questi decidiamo che si sono bruciati, punto. Anche Boni che invoca la D ora li esclude. Però invece vanno bene solo coloro che già puntavano alla D, dei quali si sa che non hanno fatto nulla in concreto per salvare dipendenti, giovanili e squadra facendo offerte ai curatori. Non so chi siano, ma se sono tante teste come si dice non mi sembra abbiano una gran disponibilità. E per ora ufficialmente non esistono, a stasera esiste solo l’offerta Corrado, ma l’importante è schifare chi aveva fatto offerte e ha quindi presumibilmente una buona disponibilità economica. Vogliamo il bene del Parma o stiamo semplicemente facendo a pezzi la logica? Non capisco. E anche se per caso avesse ragione lei, che Corrado ha nasato la possibilità di lega pro a basso costo, anziché devastare le proprie finanze con un acquisto incauto per tappare i buchi altrui, che male ci sarebbe? Se questo fosse il bene del Parma, non è una mossa sensata, piuttosto che fallire dopo un anno sommersi dalle cause intentate da società estere e giocatori?

        • 24 Giugno 2015 in 00:03
          Permalink

          Nella vita ci vuole coerenza: chi schifava la D adesso deve stare fora dai bali. Specie dopo aver nasato l’affare grazie a ispirazioni.

          Comunque, ripeto, a me non piacciono i muro contro muro, né mi interessa convincerla. Vuole Corrado? Se lo tenga. Io ne faccio a meno. E penso di esser libero di esprimere la mia idea, come lei la sua. Sempre nel lecito, checché se ne dica

          • 24 Giugno 2015 in 00:15
            Permalink

            Ovvio che ognuno la possa pensare come vuole. Sono pronto a cambiare idea senza problemi come ho fatto in passato su Ghirardi. Mi piacerebbe avere dei validi motivi per dubitare di Corrado e mi sembra lei non sia in grado al momento di fornire argomenti solidi per farlo, ma solo supposizioni. Corrado ha dichiarato proprio a voi che avrebbe fatto di tutto per salvare il Parma dalla D, la morte del calcio. Così come Piazza, non c’è riuscito e trovo umano e rispettabile aver voglia di recuperare il disastro che si è creato, almeno tanto quanto quelli che da sempre si muovono per recuperare i cocci della D. Non vorrei mai finire nel limbo della D per decenni solo perché finiamo in mano a gente senza disponibilità m economica.
            Alla prossima.

          • 24 Giugno 2015 in 00:22
            Permalink

            Mi scusi, ma il solo Barilla ha decisamente molta più disponibilità economica dei suoi miti. Per cui è lei che mi dovrebbe dimostrare per quale motivo con loro sarebbe la morte eterna in D, mentre con i suoi miti saremmo in a, o in champions league in poche settimane. Solo perché hanno amici in federazione?

          • 24 Giugno 2015 in 00:46
            Permalink

            Ah, un’altra cosa. Lo sappiamo tutti che il solo Barilla (ma anche altri industriali parmigiani) hanno un sacco di soldi. Il problema però è che non hanno nessuna voglia di metterli nel Parma, se non le briciole. Il problema è questo, non faccia finta di non saperlo, ché a Parma sia io che lei ci viviamo da quando siamo nati.

          • 24 Giugno 2015 in 00:48
            Permalink

            Può anche essere che nella vita ci siano delle svolte. Solo gli imbecilli non cambiano idea. Poi stia pur tranquillo che se il progetto dovesse essere diverso da come mi aspetto che sia non lesinerò critiche. Ma lo stupido processo alle intenzioni non fa parte del mio Dna

          • 24 Giugno 2015 in 01:20
            Permalink

            Si sta cercando di organizzare un funerale dignitoso siccome il paziente – nonostante i mesi di mirabolanti cure – é morto. A me questa sembra coerenza.
            Non si possono chiamare piocioni i protagonisti di questa vicenda perché ognuno fa quel che vuole con i propri soldi salvo poi chiamare codardo e furbetto chi sceglie la via economicamente vantaggiosa. Questa non mi sembra coerenza, cosí come non mi sembra coerente sponsorizzare l’aiuto del diavolo per la B salvo poi rinnegarlo per la C.

          • 24 Giugno 2015 in 01:29
            Permalink

            io non ho mai sponsorizzato l’aiuto del diavolo

            E reputo furbetto chi ha fatto la fuga dalla dispendiosa b per la comodosa e risparmiosa d dopo aver illuso giocatori, dipendenti e tifosi

        • 24 Giugno 2015 in 00:27
          Permalink

          90 minuti più supplementari di applausi ad Antonio.

      • 24 Giugno 2015 in 00:43
        Permalink

        Ah quindi Majo, credere ai patetici industriali parmigiani che fanno una cordata di 10 per la d (!) è legittimo, invece dare fiducia a Corrado che ha trattato per mesi e almeno i soldi per consulenti, avvocati e commercialisti li ha spesi (senza contare l’enorme lavoro svolto, parole di Fulvio Ceresini) significa farsi abbindolare. Curioso concetto eh! Fa prima a dire che preferisce la cordata parmigiana per qualche sua ragione personale, è molto più onesto.

        • 24 Giugno 2015 in 00:46
          Permalink

          Lei con le mie presunte ragioni personali mi ha rotto i coglioni. Sono provocazioni che non accetto e che da lei tollero da troppo tempo. Le sue insinuazioni d’ora in poi le farà altrove perché anche la mia pazienza ha un limite. E non si permetta di impartirmi lezioni di onestà.

          io trovo più patetico che per tre mesi si illuda la gente, i dipendenti e i calciatori, salvo poi scegliere la comoda serie D.

          • 24 Giugno 2015 in 00:51
            Permalink

            Se vuole mi censuri, io le sono affezionato ma quando sostiene l’insostenibile non posso che pensar male. Lei è troppo intelligente per pensare davvero certe corbellerie e addirittura bocciare Corrado e dargli del falso. A proposito, che cosa ne pensa di questo suo giudizio il suo amico Ceresini?

          • 24 Giugno 2015 in 01:03
            Permalink

            Il mio amico ceresini (a parte che non so se ceresini mi consideri amico o meno, ma mi fa piacere che mi tenga in considerazione e mi onora quando mi manda le lettere aperte) non è d’accordo con me su questo punto. Ma penso che non sia un problema.

            Io ho bocciato Corrado e non ho bisogno di nasconderlo, ma non gli ho dato del falso. E la diffido dal mettermi in bocca affermazioni che non faccio.

            Poi lei è libero di pensare che io scriva corbellerie, per carità, ma se mi riconosce intelligenza o forse perspicacia, anziché genuflettersi prono dinnanzi a chi non è il Signore, si faccia venire qualche dubbio. Anche perché i segnali che non sto sparando cazzate sono abbastanza evidenti. Basta aprire gli occhi.

            Buonanotte

  • 23 Giugno 2015 in 23:38
    Permalink

    le posso fare una domanda dopo i fatti di oggi c’e un modo per pulire sto calcio marcio che ormai è corrotto a 360 gradi

    • 23 Giugno 2015 in 23:54
      Permalink

      non sarebbe male se saltasse l’intera pedata. Ce ne sarebbe bisogno di una ripartenza da zero su tutti i fronti. Il pallone è scoppiato, ma continuano a esserci i Tavecchio e i Brunelli…

      • 24 Giugno 2015 in 01:19
        Permalink

        guarda io sono sincero il parma è fallito ma la colpa è anche di chi sta in alto come è fallito il padova è altre a me sta sui maroni pero’ che societa con debiti superiori a societa’ minori stano beate in serie a ha ragione lei il calcio è scoppiato , noi non impareremo mai ogni giorno il calcio mi fa sempre piu schifo ieri non ha vinto nessuno ha perso il calcio

  • 23 Giugno 2015 in 23:55
    Permalink

    Il direttore ha sempre avuto fiuto l’ha dimostrato e quindi mi fido…solo mi viene da fare un ragionamento…

    In fondo era giusto pagare le emerite schifezze combinate dal cicciobello? Col rischio tra l’altro che ogni giorno saltasse fuori una magagna…io ci ho sperato davvero da tifoso …ma obiettivamente sarebbero stati dei polli…

    Sportivamente parlando va bene così…

    Ora…come dicevo mi fido di Majo, ma faccio una domanda…al fine di non finire nella melma dell’anonimato provinciale…non sarebbe meglio esser parte di un progetto ambizioso fin da subito? Lei ha impressione che qualcuno abbia questa intenzione (Corrado Piazza Orlandini o chi altri)?

    • 24 Giugno 2015 in 00:11
      Permalink

      A me non piacciono le scorciatoie o i miraggi di ambizioni a breve. Io ho avuto di vedere sommariamente il progetto Fenice (di cui Orlandini non mi risulta esser elemento fondante, e non capisco perché si ostinino a chiamarlo, o se lo mandano è un autogol comunicazionale) e non mi pare non ambizioso. anzi, forse è anche troppo strutturato per una semplice serie D. E sono perplesso sul mettere insieme troppe teste, ma ogni progetto innovativo porta incertezze.

      La mia avversione a chi si presenta in D – dopo averla schifata – dopo non aver portato a termine la B, è motivata col tradimento di gente che si era tagliato lo stipendio, di chi ha perso il lavoro (e non penso che basti salvare il posto a Levati per aver la coscienza a posto) e di migliaia di tifosi che hanno pianto per la morte del Parma.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 24 Giugno 2015 in 00:32
        Permalink

        Tradimento? No ma qui stiamo scherzando vero? Hanno cercato in tutti i modi di trovare una soluzione ma se i due ************* del passato hanno lasciato una situazione impossibile (come ha detto anche Rogato) e 120 brocchi non sono scesi a trattative, con un Tavecchio che nasconde la mano e i club di mezza Italia e mezza Europa che minacciano azioni legali, lei Majo parla di tradimento da parte di Corrado o Piazza? Ma le parole hanno ancora un senso oppure siamo arrivati alla fase ad-minchiam e ognuno spara quello che vuole. Cazzo ma sveglia, i traditori sono coloro che anche 10 anni fa si sono rifiutati di aiutare il Parma e adesso fanno gli eroi con tanto di cortigiani e lacché che da mesi preparano il tappeto rosso.

        • 24 Giugno 2015 in 01:00
          Permalink

          Veramente i lacché sono in servizio permanente effettivo per il suo mito.

          Io non ho dato dei traditori a nessuno: ma rimane il fatto che siano stati traditi coloro che speravano di salvare il proprio posto di lavoro, o la squadra del cuore. E soprattutto averlo fatto dopo aver nasato la possibilità della scorciatoia D+ripescaggio.

          Se 10 anni fa gli industriali non salvarono il parma non sono certo io a negarlo e ho fatto anni e anni di battaglie (e ne sono una vittima visto che poi è arrivato ghirardi col quale persi il mio posto di lavoro): ma se dopo un certo ricambio, o un insieme di situazioni (magari anche il figlio campioncino) cambiano le condizioni trovo che sia da imbecilli fare il processo alle intenzioni infarcendosi la bocca di luoghi comuni senza che manco uno si sia presentato.

          Poi rogato non ha detto che era un caso impossibile. Lo disse Balestrazzi e lui annuì. E comunque se non hanno acquistato – attaccandosi a situazioni che erano arcinote anche prima – con 22.6 ml di debito sportivo dopo che erano 71 voleva dire che c’era sotto qualcosa. E quel qualcosa era prenderlo in D + ripescaggi (mettendolo in quel posto alle persone sopra citate, oltre che a certi giocatori che però se lo meritano anche).

          Comunque non ho voglia di procedere oltre con questa sterile discussione, perché mi devo alzare presto domattina che devo partecipare a un corso lontano e mi devo svegliare all’alba. Tanto per lei Corrado è un Dio mentre per me no. Libero lei di genuflettersi di fronte al suo simulacro, libero io di restare in piedi.

          Buonanotte

          • 24 Giugno 2015 in 01:25
            Permalink

            Idolo? No io sono un pragmatico e come lei resto in piedi, lei in piedi davanti ai magnifici 12 io davanti a Corrado o a Piazza che qualche migliaio di euri gli hanno già spesi solo per dare un occhiata ai conti mentre per altri non c’era nemmeno bisogno di farlo o di provare a cercare soluzioni. La differenza è tutta qui, gli idoli lasciamoli a chi non ha argomenti.

      • 24 Giugno 2015 in 07:17
        Permalink

        Lei nn mi sembra coerente. Corrado ha solo detto prima di dare x morto il parma proviamo a salvarlo se poi va male alloea possiamo pensare alla D. Questo ragionamento stava bene anche a lei ora nn piu’ ……
        Logica 0 xhi si e’ tagliato lo stipendio cercaca di ottenere qualcosina investendo su futuro nn aderendo a quel progetto sarebbe stata comunque D …..
        esce co frasi tipo scorciatoie senza motivare nulla e dire xche’ sarebbe un male….

        • 24 Giugno 2015 in 07:29
          Permalink

          Motivato ho motivato anche troppo. A me ste cose nn piacciono. A te si? Buon per te. Non ho voglia di polemizzare oltre.

  • 24 Giugno 2015 in 00:01
    Permalink

    So che quello che scrivo non corrisponde a realtà ma a me piacerebbe una società fatta al 90% da Barilla e un 10% da parmalat con tanto di main sponsor sulle maglie! Tornando alla realtà, non conosco le potenzialità di piazza e corrado , so che Barilla è un colosso ma è anche vero che partecipa come tanti altri e quindi bisogna vedere quanto sia disposto ad investire!

  • 24 Giugno 2015 in 00:11
    Permalink

    Majo a questo punto la penso come lei.. Corrado fora dal bali. In effetti mettendo insieme i vari tasselli risulta davvero strana l uscita di scena dei due contendenti prima dell ultima possibilità di offerta, dopo che addirittura il giudice aveva cristallizzato il debito a soli 22,6 milioni. Hanno avuto paura di debiti vedo l estero? Per me non regge… Come dice lei hanno nasato la possibilità di accaparrarsi il bottino con molto meno, magari partendo dalla lega pro. Ebbene lo trovo molto scorretto nei confronti di noi tifosi, ma soprattutto di dipendenti che si sono fatti abbindolare da questi due x essere poi stati traditi poco prima del traguardo.. Io non ci sto

    • 24 Giugno 2015 in 00:30
      Permalink

      Esatto. E’ la mia stessa tesi. Che magari per antonio sarà campata per aria, ma a me istintivamente viene da pensarla così. E lo dico dopo aver sostenuto il più possibile, nel rispetto dell’equidistanza, Corrado fin che correva per la B. Ma questa evoluzione non mi è piaciuta per niente. Dopo di che se si aggiudicherà il Parma lui lo rispetterò come rispettavo Ghirardi, pur non essendo palesemente d’accordo.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 24 Giugno 2015 in 00:39
        Permalink

        Oddio l’evoluzione non ti è piaciuta per niente? majo riguardati la penultima edizione di calcio & calcio e ascolta quello che dicevi. Ebbene anche i legali e i consiglieri di Piazza o Corrado sono arrivati loro malgrado alle tue stesse conclusioni e non erano semplici questioni di lana caprina. L’evoluzione è stata piuttosto la constazione di sbattere a 200 all’ora contro un muro e si puo’ anche capire chi decide di schiacciare il freno all’ultimo minuto, avendo sperato che il buon senso e la sportività di tutti avessero almeno creato una breccia. Certo che sono addirittura sorpreso di doverlo spiegare proprio a lei caro direttore, immagino quello che deve bersi il parmigiano medio che si abbevera solo dalla GdP… che pena.

        • 24 Giugno 2015 in 00:43
          Permalink

          Poche balle: se da ambienti federali ti mettono su un piatto d’argento l’ìpotesi di un ripescaggio, anche la serie D che schifavi ti fa comodo e ti piace…

          Anche perché fino a poche ore dalla fine ti predicavano che comunque si poteva fare, malgrado le palesi difficoltà.

          Comunque non c’è problema: tu godi il tuo Corrado o il tuo Piazza? Fai pure, non sono preoccupato. Per quanto mi concerne il loro interesse per la D non trova il mio gradimento. Siamo in democrazia e ognuno è libero di esprimere il proprio voto.

          Saluti

          Gmajo

  • 24 Giugno 2015 in 00:15
    Permalink

    Parma in d con barilla

  • 24 Giugno 2015 in 00:16
    Permalink

    Forza Corrado…prendi il Parma e riportalo nei pro……!!!!

  • 24 Giugno 2015 in 00:18
    Permalink

    Perché non mette l’intervista di Beppe Corrado su Parmazine

    • 24 Giugno 2015 in 00:20
      Permalink

      Perché non sono un ripetitore o un copia incolla. Chi è interessato la può leggere lì. Ma vedo che lo avete già fatto in tanti

  • 24 Giugno 2015 in 00:21
    Permalink

    L’importante è che il progetto preveda investimenti e risalita alle serie superiori. Se veramente Barilla avesse intenzioni serie bene altrimenti non vedo perché Corrado non possa partecipare. Spero Stadio tardini continui . Magari ridimensionato ma prosegua.

    • 24 Giugno 2015 in 00:30
      Permalink

      No, ridimensionato non mi piace per niente. O ben strutturato, o meglio chiudere…

      Comunque grazie

      Gmajo

  • 24 Giugno 2015 in 00:23
    Permalink

    Certo è che la diffidenza verso il gruppo locale di cui non sappiamo assolutamente niente .. niente!! è esagerata.. se davvero c’è anche Barilla..cmq quando ne sapremo di più potremo parlarne
    aspettiamo senza farci prendere da facili entusiasmi..
    Corrado.. piazza
    e poi? Continueremo?.. avanti che c’è posto!!…
    e sì che ci siamo appena passati…si presentavano personaggi persino quando avevamo una montagna insormontabile di debiti..figurarsi ora..
    Teniamo gli occhi aperti e attenzione alle “sirene”..

  • 24 Giugno 2015 in 00:35
    Permalink

    Corrado **********. Hai masturbato i numeri per 4 mesi. Sapevi tutto e sei scappato come Kodra quando sabato ti hanno spifferato che ci sarebbe stato un casino e forse forse con 4 borri arrivavi in lega pro. Lo stesso che ti ha consigliato quella ridicola scena dell’offerta senza caparra e senza offerta…
    ********** te e *********** i piocioni UPI. Io se proprio devo vorrei uno che non sia Corrado e non sia Barilla Dallara o soci. Dove cazzo eravate nel 2007????Parlare coi pollastri che è meglio.

  • 24 Giugno 2015 in 00:54
    Permalink

    L’omino col sorriso luciferino ci ha messo lo zampino…facciamo contento il Brescia e infront…tu spendi un cazzo e fai magari la lega pro..magari prendi Collecchio a straccia mercato visto che Piazza Vincenzo senza parma calcio o ci va a prendere il sole o la da via per nulla…
    E domenica salta fuori la diarrea prima dell’esame..
    Signori i debito Vs estero sono una scusa. Erano i debiti più negoziabili del mondo basta dire che il city aveva come avvocato uno sfigato di Napoli che manco sapeva dire bojinov.
    Piocion!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Va con Dallara va

  • 24 Giugno 2015 in 01:35
    Permalink

    Salve Direttore, complimenti per la copertura della crisi del Parma: stadiotardini.it ha catalizzato talmente la mia attenzione che mi sono perso quasi tutti i movimenti di calciomercato di A.

    Innanzitutto condivido la posizione su Corrado: non puoi rispuntare come se nulla fosse dopo che il Tribunale ha fatto gli straordinari pur di fartelo comprare (per quale azienda fallita si fanno 6 aste, un taglio “audace” del 80% del debito e una trattativa privata fino all’ultimo giorno utile per comprarla?). Ora lasci lo spazio a chi non se l’è sentita fin da subito di prenderla in B. Se vuole dare un vero aiuto disinteressato faccia un bel contratto di sponsorizzazione con la nuova Società e la sua catena di cinema.

    Ma ne volevo approfittare perchè nei commenti si lascia scappare dettagli che non direbbe in trasmissione: a cosa si riferirebbe Boni con “Baraldi sta per metterci lo zampino”? Diventerebbe l’uomo del progetto “Fenice” o sta preparando una società con Zanetti? E di Nevio Scala e la sua dichiarazione su Radio24? L’ha buttata li o c’è altro?

    Grazie per l’attenzione

    • 24 Giugno 2015 in 01:39
      Permalink

      Salve,

      Baraldi potrebbe inserirsi con Zanetti, ma è out con Fenice, il cui presidente designato mi risulta possa essere Nevio Scala

      Cordialmente

      Gmajo

      • 24 Giugno 2015 in 10:38
        Permalink

        Ho letto della Fenice (sempre che sia lo stesso progetto di cui parla la gazzetta) e mi sono fatto la convinzione che stanno facendo di tutto per allontanare gli sportivi dal Parma…
        Al di là del misero milioncino che questa “potentissima” cordata vorrebbe investire, vivo con grande frustrazione l’idea che il Parma non giochi più al Tardini…
        Passi l’umiliazione della serie D, passi l’idea del ridimensionamento, passi di marcire nelle serie minori, ma l’idea che per seguire il Parma mi debba prender su e andare a Colorno non esiste, neanche nei peggiori libri di fantascienza.
        Se questa è la cordata che vorrebbe acquistare il Parma, se ne vada pure affanculo…

        • 24 Giugno 2015 in 11:07
          Permalink

          Purtroppo c’è una pessima informazione che fa danni incalcolabili, al di là di errori palesi di comunicazione degli interessati.
          Vi posso garantire personalmente che per la fenice l’unico stadio è il tardini e al contario dei blablabla ha già fatto i suoi passi formali per la concessione del suo utilizzo. Colorno non c’entra una benedetta mazza.
          Saluti
          Gmajo

  • 24 Giugno 2015 in 03:03
    Permalink

    Rispetto moltissimo la sua opinione, ed anzi penso che molte volte il mio pensiero sportivo venga ampiamente influenzato dalle sue riflessioni.
    Ho letto con attenzione quanto ha scritto, e mi trovo d’accordo, perchè in ogni caso trattasi di una mancanza di rispetto, coerenza e capacità di mantenere la parola data.

    Detto questo, possiamo aspettare ad esprimere il nostro gradimento in base a chi si presenterà con un’offerta concreta per fare la serie D? Sarebbe bellissimo poter esprimere una preferenza tra diverse opzioni.

  • 24 Giugno 2015 in 04:08
    Permalink

    Scusate peró basta…. Prima c’era la guerra serie d o b , poi corrado o piazza , ora addirittura siamo in D e stiamo li a vedere industriali si corrado no etc etc…. Basta diamoci un taglio e parliamo piuttosto di come sarà strutturato il Parma (se ci sarà) del futuro!!!

  • 24 Giugno 2015 in 08:11
    Permalink

    Ragazzi, il contraddittorio è il sale di ogni blog o spazio commenti, quindi le varie correnti di pensiero, possibilmente ragionate, non possono che contribuire ad elevare l’interesse e l’informazione.
    Detto ciò, pur senza un ostracismo a oltranza verso Corrado, anch’io preferisco il “pool” locale. È vero che negli anni scorsi hanno fatto poco o nulla ma, come dice Majo, le cose possono anche cambiare. Ricordo a tutti che Parmalat, reduce da anni di sponsorizzazioni vittoriose su vari fronti sportivi (F1, baseball, volley, sci, ecc) solo nell’86 (se non ricordo male) ha fatto il suo timido ingresso nel Parma calcio di Ceresini per poi rilevare, nel ’90, tutta la società. Lasciamo da parte il tema della bancarotta del 2004 che esula da questo ragionamento, ma era per dire di non schifare a priori chi, anche con grandi potenzialità, decide oggi di contribuire con un investimento “contenuto”. Se le cose sono fatte bene, e personaggi di quel livello sono abituati a farle bene, poi subentra anche la passione e i risultati arrivano.

  • 24 Giugno 2015 in 09:18
    Permalink

    Non capisco i sostenitori di corrado… Come fate a dire che corrado ha un programma ambizioso e che sia una proprietà solida?nessuno a cui ha dietro e che disponibilità economica abbia e tutti a osannarlo..Mah.

  • 24 Giugno 2015 in 09:19
    Permalink

    Buongiorno direttore,
    volevo farle avere il mio appoggio a proposito del discorso che sta tenendo banco al momento riguardante le preferenze per il nuovo corso, ma anche per dirle di “portare pazienza” con tutti quei tifosi che schifano i 12 e inneggiano a corrado e piazza, perché effettivamente al tifoso ferito il primo ragionamento che viene da fare, di pancia e senza informazioni più approfondite come aveva lei a disposizione, è “evviva quelli che almeno ci hanno provato e vade retro a chi in passato se ne è sbattuto”. E io infatti ero tra quelli, e non riuscivo proprio a capire il suo punto di vista. Poi, continuando a leggere le sue spiegazioni in merito al suo pensiero al riguardo, ho capito le sue motivazioni e mi sono convinto anch’io. A questo punto, anche se per vari motivi mi convince poco una cordata composta da così tanti soggetti, ben vengano e speriamo che chi tra di loro ha maggiore disponibilità economica, decida di aprire un pò le corde del borsellino per aiutarci davvero a risalire in alto al più presto. A tal proposito, speriamo davvero che in caso di effettiva possibilità di ripartire dalla C (preferisco continuare a chiamarla così, lega pro non si può sentire) non si tirino indietro e anzi aumentino ancora di più il loro impegno. Perché sarebbe veramente un ulteriore colpo inferto a noi tifosi rinunciare alla possibilità di ripartire almeno da un gradino più su.
    Buona giornata e buon lavoro direttore

    • 24 Giugno 2015 in 15:01
      Permalink

      Ottimo contributo davvero. Sottoscrivo
      Cordialmente
      Gmajo

  • 24 Giugno 2015 in 09:48
    Permalink

    Barilla e’ un uomo della vecchia imprenditoria ….una famiglia che al Parma calcio non ha mai dato nulla….prende in mano ora e perché?perche’ e’ un business e poi quando ci sara’ da scalare le varie categorie by by……..no Corrado tutta la vita…ha impiegato tempo e danaro in questi mesi ed ora e li’ che vuole fare un grande progetto….no non deve andare bene….mahhhhh

    • 24 Giugno 2015 in 12:39
      Permalink

      Lei è libero di aver le preferenze che vuole, io però mi ritengo altamente deluso dall’operato dei corrados nell’abortito salvataggio del parma in,b.

  • 24 Giugno 2015 in 10:19
    Permalink

    Direttore ma Piazza e’ out ?

  • 24 Giugno 2015 in 10:29
    Permalink

    Scusate ma il Direttore a differenza di molti è semplicemente coerente. Avrebbe dato il suo sostegno a chi avesse rilevato il Parma in B e aveva detto a chiare lettere che qualora nessuno dei due si fosse impegnato doveva andare FORA DAL BALI. Quindi, essendo totalmente d’accordo con il Direttore, sarebbe bello parlare di un parmigiano o di un gruppo di parmigiani che riproveranno a portare in alto il Parma. Grande Direttore!!!! La coerenza vince (quasi) sempre.

  • 24 Giugno 2015 in 10:47
    Permalink

    Con un progetto serio fatto da persone serie e con patrimoni solidi (famiglia Pozzo su tutte) si può riuscire a fare business anche nel calcio.

    • 24 Giugno 2015 in 13:32
      Permalink

      Ecco bravo leggi il progetto “serio” dei parmigiani sulla Gazzetta di Parma di oggi e poi inizia a piangere.

      • 24 Giugno 2015 in 13:36
        Permalink

        Come già specificato l’articolo di oggi della gdp non espone affatto la linea di parma calcio 1913. Soprattutto non corrisponde affatto al vero la notizia falsa e tendenziosa che le partite si disputeranno a colorno, dal momento che si giocheranno allo stadio ennio tardini

  • 24 Giugno 2015 in 11:13
    Permalink

    Alla fine, a ben vedere, sarebbe stato da sciocchi (parlando da imprenditori) acquistare il Parma in B dovendo pagare milioni di debiti fatti da altri…

    Qui c’è la concreta possibilità che iscrivendosi alla D si vada direttamente in Lega Pro visto il fallimento di altre squadre… e alla fine in un annetto si recupererebbe tutto se fatto nella maniera giusta.

    E’ vero, si è perso il settore giovanile, ma considerati i soldi che andavano sperperati probabilmente immettendoli in un nuovo e fresco Parma ne usciremo più forti di prima.

    Poi dispiace per i dipendenti del Parma ma credo che potranno tornare pure loro in Lega Pro, o sbaglio? Gente esperta di questo mondo serve sempre.

    • 24 Giugno 2015 in 11:26
      Permalink

      Non tutti.
      Io resto contrario alle scorciatoie. E per tre mesi corrado ha lavorato sulla b, salvo poi convertirsi alla d perché figc gli ha fatto capire del ripescaggio…
      Saluti
      Gmajo

      • 24 Giugno 2015 in 11:41
        Permalink

        Secondo Lei il ripescaggio quanto è possibile da 1 a 10?

        • 24 Giugno 2015 in 12:21
          Permalink

          Numericamente non so, ma è probabile e non solo possibile

          • 24 Giugno 2015 in 13:48
            Permalink

            A meno che non ci “aiutino” di nuovo e ci lasciano in D
            .. amara ironia… vado a prendere un caffè
            Te ne offrirei uno proprio oggi..se potessi.. perchè te lo meriti

            Direttore stai all’erta come sempre.. ci contiamo…ma vorrei anche te dentro quel nuovo parma per perpetrare quella continuità sentimentale che cerco..

          • 24 Giugno 2015 in 14:11
            Permalink

            Oggi niente caffè perché sono a un corso a Bologna. Ma quando vuoi a disposizione

            Io all’ ufficio stampa? Poi arriva un genio come antonio a darmi del venduto o del traditore di Corrado.
            Io lo avevo sostenuto di cuore fin che mi convinceva, poi da uomo libero se non mi convince più voglio poter essere libero di esprimerlo.
            Cmq grazie mille

      • 24 Giugno 2015 in 11:43
        Permalink

        Majo non sarebbe opportuno fare chiarezza (per quanto possibile con tutti sti’ casini che stanno capitando..beninteso..) con sta’ faccenda dei ripescaggi…?
        Mi pare ci sia gente che dopo la grande illusione di essere pigliati da qualcuno ora si consola con st’altra minchiata….
        Fatto salvo che ognuno si consola e si illude come meglio crede, corretta informazione vorrebbe fosse meglio spiegare come stanno le cose.

        • 24 Giugno 2015 in 12:20
          Permalink

          Abbiamo ospitato giusto ieri un dotto intervento dell’avv prof malvisi su questa tematica

          • 24 Giugno 2015 in 12:21
            Permalink

            Dal quale non e’ che si sia capito’ granche’….

          • 24 Giugno 2015 in 12:28
            Permalink

            Quindi se è probabile, la fenice deve farsi trovare pronta…

        • 24 Giugno 2015 in 15:12
          Permalink

          Caro dott Ghirardello
          Trovo assai ingenerose le sue parole circa lo scritto dell’avv.prof. Malvisi. Il prof. ha prodotto un pezzo unico, mai banale ed assai efficace. Ha saputo informare i tifosi senza farsi travolgere dal solito cumulo di informazioni mal trangugiate proprie della moderna comunicazione mediatica. Leggendolo ci si diverte imparando e questa è una dote che ne fa un uomo, oltre che giurista, statuario e meritevole di rispetto.
          Ossequi
          Anna

          • 24 Giugno 2015 in 17:09
            Permalink

            Squisita Anna era da un po che non ti sentivo, la tua mancanza preoccupava, sono quindi felice di ritrovarti,pimpante,attenta ed accorta come ai tempi migliori.
            Raccolgo quindi prontamente il tuo pertinente invito, corro a rileggere con piu’ attenzione l’intervento dell’ottimo Malvisi,esimio giurista che pure io trovo di eccellenza assoluta.
            Sara’ stata la fretta cara Anna, la concitazione di questi drammatici momenti col loro carico di emotivita’ che non mi ha fatto cogliere la profondita’ dell’intervento dell’esimio prof in tutta la sua finissima tecnicita’.
            Sono certo che in un secondo mpmento con piu’ calma e sangue freddo ne sapro’ cogliere davvero ogni sfumatura.
            Ti abbraccio quindi salutandoti calorosamente e augurandomi di non dover attendere un tuo nuovo intevento cosi’ a lungo.
            Cordialmente.

  • 24 Giugno 2015 in 13:23
    Permalink

    Vusto che NN HO ELEMEMTI x giudicare spero che chi avra la forzave l’onore di prendere il parma lo riporti al piu presto ai vertici del calcio che conta …..
    ma nella legspro e rifondazione del settore giovanile c speto e c conto

    Ultima cosa speto che facciano bene le cose anche x la D nn e’ x nulla facile ds e allenatore sono fondamentali x costruire una scuadra vinvente piu’ dei soldi in D

  • 24 Giugno 2015 in 22:22
    Permalink

    Anna & Ghiradino, c’è posta per voi

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI