CALCIO & CALCIO PIU’ EDIZIONE STRAORDINARIA / MAJO: "PIAZZA, LASCIATO SOLO DAVANTI ALLA RETE, HA SPARATO ALTO”. ANGELLA: “TRATTATIVE PRIVATE O INCIUCIO?”

(Evaristo Cipriani) – SENZA BONI – “Enrico Boni assente per un impegno… successivamente preso”... così il conduttore  Michele Angella ieri sera ha ironizzato in apertura della seconda edizione straordinaria di Calcio & Calcio Più  della settimana (clicca qui per vedere la web registrazione) sulla non partecipazione al programma del popolare Saltimbanco (il quale, a dire il vero, aveva già annunciato il suo forfait la sera prima). “Pare avesse già un impegno assunto da tempo – ha poi chiarito il giornalista – anche se non è da escludere che vista le rinnovate probabilità che il Parma resti in serie B, abbia già deciso di ritirarsi a vita da eremita in una località dell’Appennino reggiano”. L’opinionista di Sant’Ilario in realtà dovrebbe essere regolarmente al suo posto lunedì prossimo, per la gioia dei suoi tanti aficionado, che evidentemente non leggono StadioTardini.it, poiché a parte una sola eccezione, il nostro spazio commenti pullula di parole positive espresse per la trasmissione di ieri sera, finalmente di informazione e non il solito teatrino. In studio con il nostro direttore Gabriele Majo c’erano il giornalista dell’Espresso online e di Capital  Francesco Colonna e la new entry Andrea Concari, giovane curatore della rubrica  “Moontalk”   visibiole sulla piattaforma youtube oltre che su  stadiotardini.it. Siccome stasera, dopo le ultime straordinarie, Calcio & Calcio Più  riposa, e non sarà in onda come gli altri giovedì, Majo sta pensando di inserire in prima serata su StadioTardini.it, a beneficio di chi si trovasse in astinenza da talk show, una puntata speciale di Moontalk Save Parma, che ieri non era stata registrata dai fratelli Concari, proprio per via della presenza di Andrea a Calcio & Calcio Più al fine di non creare sovrapposizioni. Ma in effetti se venisse pubblicata stasera su StadioTardini.it alle 21 sarebbe proprio l’ideale. E poi Majo, venerdì 12 giugno, sempre alle ore 21,00 sarà live nella piazzetta di strada XX Settembre quale protagonista dell’ incontro dibattito: “… e parliamo di calcio: “IL PARMA”, intervistato da Fabrizio Pallini. Un’occasione per focalizzare la situazione del Parma e del suo futuro a poche ore dalla dead line per la consegna della cauzione di chi vorrà fare trattative dirette coi CuraStars per l’acquisto dell’azienda sportiva del Parma FC.

MINI ASTA? – Al telefono nella prima parte della trasmissione è intervenuto il commercialista Marco Pedretti, già ospite nell’arena di via Barilli nelle ultime settimane. Pedretti, parlando delle modalità relative alla trattativa privata, ha lanciato l’ipotesi di una mini asta tra i contendenti. Se non abbiamo inteso male quanto riferito dal professionista, il Giudice potrebbe cioè chiedere ai soggetti che entro domani dovranno versare la somma di 900mila Euro di cauzione, di presentare le proprie offerte economiche per aggiudicarsi il Parma, dando priorità a quella più alta. Pedretti ha sottolineato, inoltre, il deficit di trasparenza finora emerso nei gruppi riconducibili a Piazza e Corrado. Pur non criticando, democristianamente, la bontà del lavoro dei colleghi curatori lo stesso commercialista ha rimarcato come i potenziali acquirenti non si sentano con tutta evidenza tutelati dalla situazione sullo stato passivo.

TRASPARENZA – Trasparenza invocata anche dal giornalista Francesco Colonna: “Gli investitori escano allo scoperto, ci dicano chi sono, non è ammissibile questa situazione di incertezza e di scarsa chiarezza che alimenta tanti sospetti. Non mi permetto assolutamente di paragonare Piazza o Corrado a Taci o Manenti, però devono informare l’opinione pubblica se non sulle loro strategie e sui loro progetti, quanto meno sull’identità dei loro sostenitori”. Angella ha definito antipatica  la situazione che si è venuta a creare: “Non mi piace il fatto che dopo ben sei aste, di cui una straordinaria, adesso la cessione avvenga tramite trattative, trovo che non sia corretto, la trattativa mi fa venire in mente l’inciucio, inoltre – ha aggiunto l’anchorman – non mi piace il fatto che le istituzioni, ossia il Tribunale e i curatori, siano stati messi con le spalle al muro dai compratori e siano loro a dettare le condizioni”.

imageMAJO, PIAZZA E L’OCCASIONE SPRECATA – Secondo Gabriele Majo, Mike Piazza, che sta raccogliendo tanti consensi per via di quel milione di euro che avrebbe già versato (“uno specchietto per le allodole”, secondo il nostro direttore, poiché potrà riaverli indietro, come da lui richiesto, in caso di affare non concluso)  martedì ha sparato alto sopra la traversa un rigore a porta vuota, avrebbe cioè fallito una occasione clamorosa: Piazza poteva fare l’offerta lui e prendersi il Parma sapendo in anticipo che Corrado avrebbe presentato una proposta vincolata, e quindi non accettabile dai curatori; invece, ha preferito fare anche lui un passo indietro e spingere per la trattativa privata. La gente adesso – ha poi affermato il nostro direttore – è indispettita con Corrado per la mancata offerta, ed effettivamente questo è un autogol, però diciamo chiaramente che Piazza avrebbe potuto prendere indisturbato il Parma e non l’ha fatto”. Il nostro direttore, ieri sera in gran forma, anche perché non limitato da Boni, ha pure messo nel mirino in più punti la curatela fallimentare, che nonostante lo strenuo lavoro svolto, evidentemente non è riuscita a convincere nessuno dei due compratori. In particolare, Majo, ha perorato la tesi di Corrado (ma anche Piazza, immaginiamo, possa condividere) che vorrebbe che venissero rescissi dai Curatori tutti quei contratti che gli stessi hanno considerato non validi, poiché contro la legge, ai fini del loro taglio come debito sportivo. Cioè: se quei contratti non erano validi per loro, perché dovrebbero esserlo per i compratori?

CALCIO & CALCIO LUNEDI – La programmazione sportiva di Teleducato riprenderà lunedì 15 giugno 2015 alle ore 21 in diretta con Calcio & Calcio per commentare l’atto finale (stavolta speriamo proprio di si) della telenovela Parma FC. Evaristo Cipriani

CLICCA QUI PER VEDERE LA PUNTATA STRAORDINARIA DI CALCIO & CALCIO PIU’ DI MERCOLEDI’ 10 GIUGNO 2015

image

Stadio Tardini

Stadio Tardini

82 pensieri riguardo “CALCIO & CALCIO PIU’ EDIZIONE STRAORDINARIA / MAJO: "PIAZZA, LASCIATO SOLO DAVANTI ALLA RETE, HA SPARATO ALTO”. ANGELLA: “TRATTATIVE PRIVATE O INCIUCIO?”

  • 11 Giugno 2015 in 15:42
    Permalink

    Domanda, Come mai la cordata Corrado, tramite Levati, Melli e Lucarelli ha gia contattato i calciatori per discutere di tagli, rescissioni e bla bla bla, invece il gruppo Piazza no…….Scusate, poi all-ultimo momento prima dell asta si rendono conto che il rischio sarebbe troppo alto…..la questione non mi torna. Forse sono tardo io…..oppure anche il gruppo del giocatore di baseball ci ha gia provato e noi non lo sappiamo…

  • 11 Giugno 2015 in 16:08
    Permalink

    Majo come giudica l’articolo del suo amico VANNI??

    • 11 Giugno 2015 in 16:58
      Permalink

      La domanda non è ben formulata. Chi glielo ha detto a lei che sarei amico di wanny?
      Di solito ho altre letture, e avendo appreso che era una riciucciata sua ho optato per fare la lucertola al sole in splendida compagnia qui al river.
      Forse, senza volere, vz ha trovato il modo di rendere simpatici quelli della d che stavano sugli zebedei a tutti quelli ammaliati dalla d…
      Cordialmente
      Gmajo

      • 11 Giugno 2015 in 17:31
        Permalink

        veramente anch’io credevo che fosse amico di Wanny…

  • 11 Giugno 2015 in 16:14
    Permalink

    Direttore ma se prima i curatori non hanno potuto rescindere i contratti perché potrebbero farlo adesso,sono ottimista se penso al fatto che se è stata data l’occasione della trattativa privata un motivo ci sarà,dall’altra penso che sia impossibile trattare le richieste che hanno fatto i possibili acquirenti, come la vede direttore si potrà trovare un punto di incontro?

      • 11 Giugno 2015 in 16:59
        Permalink

        diretore scusi l’intromissione fuori luogo
        ma leggo con preoccupazione la mancanza di fondi alla sua emittente per continuare
        se veramente siamo tutti interessati perchè non facciamo uno sforzo?
        ricordo che una importante gruppo (wikipendia??)
        aveva chiesto una sottoscrizione per continuare a
        resistere,
        noi oltre alle parolacce non siamo disponibili a
        effettuare operazione di contributo?
        premetto che non conosco soluzione fiscale ma ci sarà un commercialista da farci trovare soluzione

        • 11 Giugno 2015 in 17:25
          Permalink

          Le situazioni in ballo sono due e totalmente diverse tra loro.
          Teleducato è una società che fa capo alla società telemec, il cui legale rappresentante ha rischiato la galera per operazioni ritenute illecite circa le peatiche per le provvidenze statali e penso che la possa salvare al momento il solo socio di minoranza che è pizzarotti, ma è più logico ritenere che ceda le frequenze all’upi di cui è associato per tv parma che ne avrebbe bisogno. E temo che altri salvataggi siano impossibili dopo gli scempi degli ultimi anni (tipo l’azzeramento della redazione rosa).
          Stadiotardini.it, invece, è una libera crwatura dello scrivente, alla quale in questi cinque o sei anni ho dato tutto me stesso, profondendo ogni risorsa economica e fisica, aiutato solo da un piccolo manipolo di sponsor che mi hanno un po’ allegerito le spese, ma non dato da vivere. Ed ora è giunto il momento che io torni ad avere un reddito. Del resto la mia missione, con la caduta degli dei, è ormai venuta meno. Certo salvare stadiotardini.it potrebbe essere decisamente più semplice anche con iniziative popolari o crowfonding. Io ho tirato avanti sino ad ora privilegiando la libera informazione al mio profitto. Purtroppo, però, non si campa di aria, e pur avendo un tenore di vita modesto debbo reinserirmi, riuscendoci nel mondo del lavoro dal quale ero volontariamente uscito il 30 06 2009 avendo rifiutato la proposta capestro di Ghirardi peraltro molto mal consigliato dai suoi diretti collaboratori pro tempore.
          Grazie per l’interessamento.
          Gmajo

          • 11 Giugno 2015 in 17:37
            Permalink

            mi scusi, signor Majo, sta dicendo che se il Parma dovesse precipitare, lei cesserebbe di far funzionare stadiotardini.it??

          • 11 Giugno 2015 in 18:41
            Permalink

            La scadenza che mi sono posto è il 30 giugno. Cambia poco se sia b o d, perché anche quest’ultima potrebbe esser comunque una opportunità.
            L’esperienza è stata esaltante ed emozionante, ma mi ha spremuto parecchio e soprattutto ho la impellente necessità di tornare a produrre un reddito regolare dopo sei anni di puro volontariato al di là del contributo di qualche sponsor che mi ha aiutato a sostenere le spese di gestione anche se il gettito è stato insufficiente per una indipendenza economica.
            È chiaro che se dovessero saltar fuori diverse opportunità sarei felicissimo di continuare, visto che questa è la mia vita e pur essendo andato oltre i limiti mi piacerebbe poterlo fare ancora.
            Comunque grazie
            Cordialmente
            Gmajo

          • 11 Giugno 2015 in 19:09
            Permalink

            Quindi Teleducato sparirebbe confluendo all’interno di TV Parma? Cioè propineranno i Bellè ed i Frigeri a reti unificate? Pietà di noi!

            Quanto a lei…è ufficiale quindi che il 30 termineranno le trasmissioni? Mi dispiace…anche se molte volte non sono stato d’accordo con lei il suo era comunque un punto di vista alternativo che scrutavo con curiosità.

            P.S. con la frase “Del resto la mia missione, con la caduta degli dei, è ormai venuta meno” ci sta dicendo che il suo obiettivo è sempre stato sin dal primo momento quello di svelare le magagne dell’ex proprietà…o sbaglio? 😉

          • 11 Giugno 2015 in 20:23
            Permalink

            Il 30.06 mi sono posto una dead line, che potrebbe coincidere con la fine delle trasmissioni, ma anche con una rifondazione. O magari tutto resta come prima. Ma una riflessione è necessaria.

            Beh: quella era diventata una missione di fatto

            In realtà anche seguire, qualsiasi essa sia, una nuova partenza potrebbe avere il suo fascino…

            Comunque vediamo un po’ cosa succederà.

            Teleducato: non sarebbe a reti unificate, ma nel caso sparirebbe con le frequenze a disposizione di Tv Parma e chiusura totale di Teleducato.

        • 11 Giugno 2015 in 17:34
          Permalink

          ma che proposta assurda è?

  • 11 Giugno 2015 in 16:28
    Permalink

    La rescissione dei contratti non validi ante vendita mi sembra una richiesta lecita.

  • 11 Giugno 2015 in 16:58
    Permalink

    Rescindere i contratti.Questa è la chiave per aprire la serie. B.Se non si fa questo tutto va a puttana.Finalmente BONI SE NE È ANDATO.Certo che se non se ne vuole andare,bisogna cacciarlo.

  • 11 Giugno 2015 in 17:03
    Permalink

    Majo non è che con la rosy sta nascendo una love story e se comprano il Parma non la fa più spogliare x gelosia?

  • 11 Giugno 2015 in 17:07
    Permalink

    Boni va dal barber!E fat na docià c’at si bsont mè un panen ad Walter!

    • 11 Giugno 2015 in 17:30
      Permalink

      dai che, a forza di dirlo, l’altra sera finalmente si è presentato docciato..

  • 11 Giugno 2015 in 17:25
    Permalink

    Caro maio a me risulta e ne parla anche qualche sito online che 25 mil di euro sono gia stati versati nella nuova societa’ di piazza dietro ha jp morgan come banca io preferisco gli yankees se si potesse fare come il bologna gestito dagli tacopina e saputo e raggiungere la serie a in un anno.
    Corrado ha 2 societa lombarde che non si sa’ che fatturato hanno, ci fosse dentro il fondo canadese di space cinema allora si potrebbe essere piu tranquilli.
    Il problema e’ quantificare il debito sportivo in modo che se uno aquista il titolo sportivo non vada incontro a spese extra che credo i curastar non possono garantire.
    Quindi se un soggetto e’ veramente interessato al parma e al suo futuro vuole conoscere i debiti reali per non trovarsi poi spiazzato.
    Credo che il tempo tecnico sia insufficente e anche se venisse depositata la caparra si slillera’ oltre il 19 giugno momento in cui si conoscera’ il debito del parma.
    Quindi la logica impone che per suddette somme da versare e garanzie accessorie ci sia il tempo di prorogare di una settimana la vendita del brand
    Se non sbaglio per iscriversi al campionato cadetto ce’ tempo fino al 28 giugno pero’ prima la lega dovra’ vericare con chiarezza la provenienza dei fondi e il controllo contabile delle societa’ interessate.
    Se ci fosse l ok della lega per spalmare i debiti sportivi come e’ stato concesso alla lazio di lotito e alla roma addirittura debiti spalmati in 25 anni allora non penso sussistano problemi per l’acquisizione del parma fc.

  • 11 Giugno 2015 in 17:32
    Permalink

    A ghè mel…sto aspettando con ansia la nuova proprietà solo per vedere la Rosy nuda e adesso ce la porta via??No no..mracmànd…

  • 11 Giugno 2015 in 17:33
    Permalink

    Quanta Gente Importante da Pepèn !!!!

    Tutti Affamati del Parma !!!! Ke Bofò

  • 11 Giugno 2015 in 17:35
    Permalink

    Direttore mi perdoni per la domanda un po’ in punta di diritto, ma d’altronde se vogliamo trovare un lato positivo in questa torbida stagione possiamo dire che stiamo diventando tutti esperti di diritto (fallimentare).
    Dunque la domanda tecnica è la seguente: considerando le aste deserte, le trattative private, l’accertamento dello stato passivo, i contratti in essere, i tagli del debito sportivo, le cauzioni richieste, i requisiti di rispettabilità e onorabilità, etc…
    Secondo lei la Rosy è naturale o rifatta? 🙂

  • 11 Giugno 2015 in 17:44
    Permalink

    Majo, secondo lei si sta cercando di rescindere dei contratti?

  • 11 Giugno 2015 in 17:52
    Permalink

    Quindi sig Majo si evince che in caso di acquisto da parte di Corrado lei sarebbe il Responsabile dell’ufficio stampa. Mentre già si sa che in caso di vittoria di Piazza il medesimo ruolo sarà di Michele Gallerani.

    • 11 Giugno 2015 in 18:33
      Permalink

      Non so in base a cosa lei possa esser giunto a tale risibile conclusione.
      Io, fino alla data odierna, non ho avuto alcun colloquio del genere con nessuno. Poi, qualora interessassero le mie prestazioni professionali, sarei ben lieto di approfondire.
      E questo ragionamento vale per qualsiasi nuovo compratore mi manifesti interesse.
      Che Gallerani ambisca (qualcuno asserisce lo sia già) a divenire portavoce di Piazza è risaputo e la chiacchiera è alimentata per via della sua passione per il baseball.
      L’attuale responsabile della comunicazione maria luisa rancati mi consta sia legata al Parma fc da un contratto a tempo indeterminato.
      Circa la caccia a quell’ambito posto mi diverte parecchio, pur provando pena x loro, i movimenti agitati di tutte le formichine che vorrebbero accasarsi, pur avendo già altri soddisfacenti posti di lavoro, inviando curricula e sfruttando conoscenze…
      Infine. Io ho avuto modo di parlare al telefono una sola volta in vita mia con Giuseppe Corrado, ricavandone la nota intervista esclusiva che tanto ha fatto discutere e solo una volta, sempre al telefono, informalmente con suo figlio Giovanni per aver chiarimenti sulla loro iniziativa al fine di poterla meglio capire ed esporla ai miei lettori e ai telespettatori di calcio e calcio. Così come con Gilberto Gerali, che conosco da una vita anche perché aveva sposato una mia stupenda vicina di casa, ho avuto, negli ultimi tempi, modo di conferire al telefono una sola volta e sempre al fine di conoscere meglio la cordata di Piazza.
      Con trasparenza, è tutto qui
      Cordialmente
      Gmajo

      • 11 Giugno 2015 in 18:52
        Permalink

        Dai Majo che presto ti avremo in societò con ovviamente stadiotardini,it

  • 11 Giugno 2015 in 18:03
    Permalink

    Direttore buonasera
    Ma ho una domanda a cui riesco a capire il motivo
    Si dice che il Parma avrà anche l anno prossimo un monte ingaggi superiore ai 20 mil.per tutti i giocatori sotto contratto
    Quello che non capisco ma i giocatori non in rosa non li dovrebbe pagare la squadra che li usa come prestiti ecc.
    O i 20 milioni si riferiscono sono alla rosa??
    Grazie Luca s

    • 11 Giugno 2015 in 18:14
      Permalink

      Molti tornano indietro, e si riferiscono all’insieme. Anche se i più dispendiosi sono in rosa

  • 11 Giugno 2015 in 18:09
    Permalink

    Se non abbiamo inteso male quanto riferito dal professionista, il Giudice potrebbe cioè chiedere ai soggetti che entro domani dovranno versare la somma di 900mila Euro di cauzione, di presentare le proprie offerte economiche per aggiudicarsi il Parma, dando priorità a quella più alta. Pedretti ha sottolineato, inoltre, il deficit di trasparenza finora emerso nei gruppi riconducibili a Piazza e Corrado. Pur non criticando, democristianamente, la bontà del lavoro dei colleghi curatori lo stesso commercialista ha rimarcato come i potenziali acquirenti non si sentano con tutta evidenza tutelati dalla situazione sullo stato passivo.

    Cioè, dovrebbero presentare le offerte già domani?

      • 11 Giugno 2015 in 18:24
        Permalink

        Infatti pensavo proprio a questo. Domani si sa già chi può vincere e poi si procede a una rapida trattativa.

  • 11 Giugno 2015 in 18:10
    Permalink

    Direttore se si pagassero 50 centesimi a intervento (di massimo 10 righe altrimenti Ghirardello ne farebbe uno al giorno di 10 pagine) anche StadioTardini.it potrebbe avere un futuro.
    Oppure abbonamenti mensili da 10 euros fino a 50 interventi e la MajoCard da 50 euros per interventi illimitati.
    Poi la BoniCard da 5 centesimi per sparare una cazzata all’anno

    • 11 Giugno 2015 in 18:12
      Permalink

      Vedo che la fantasia non manca…
      Cmq il problema è sul tavolo. Chi è interessato ad aiutarmi a risolverlo si faccia avanti. Anche a me dispiacerebbe buttar via anni e anni di duro lavoro, però sono al game over…

      • 11 Giugno 2015 in 18:19
        Permalink

        Majo in altri blog e forum (anche di tutt’altra tipologia e argomento)ci sono le coordinate per poter effettuare volontariamente se lo si ritiene un’offerta per il sostentamento.
        Cosa aspetti a fare altrettanto?
        Mi impegno a versare un obolo come giustamente suggerito dall’amico The celebration of the lizard.
        Resto in attesa.
        Cordialmente.

      • 11 Giugno 2015 in 20:02
        Permalink

        Direttore anche io ci pensavo oggi: potrebbe creare una app ad abbonamento. Magari a creare contenuti potremmo contribuire anche noi utenti. Secondo me è fattibile. Non so quanti visitatori abituali abbia stadiotardini e non conosco i costi di gestione, ma secondo me tutti i visitatori non avrebbero problemi a versare chessò 20-30-50€ all’anno per l’abbonamento…

        • 11 Giugno 2015 in 20:21
          Permalink

          L’importante sarebbe che ci fosse qualcuno che seguisse per me questi aspetti. Io curerei la parte giornalistica, ma mi servirebbe qualcuno per la parte commerciale…

  • 11 Giugno 2015 in 18:13
    Permalink

    Dimenticavo Direttore, la seguo da poco tempo ma credo che in pochi in questo paese venduto al miglior offerente facciano il suo lavoro meglio di lei.
    Davvero complimenti

  • 11 Giugno 2015 in 18:36
    Permalink

    Facciamo un brainstorming alla caxxo di cane:

    vendi ogni tanto sul blog delle magliette a 10€ che tu avrai pagato 2/3 all’ingrosso chiedendo a uno sponsor di aiutarti (chiaramente magliette un po’ originali in tema calcio/Parma/Tardini).

    proponi il blog come contenuto addizionale alla GdP online (si, venditi al potere, basta che paghi). Loro in questo momento sono il deserto in merito di informazione sportiva, il tuo blog ridinamizzerebbe le loro pagine che sembrano solo PDF statici e senza interattività

    Ogni tanto proponi la recensione e la vendita sul blog di articoli mirati dei tuoi sponsor che in cambio ti danno percentuali, ma devi markettare negozi di sport in primis, sapendo che la tua clientela è maschile al 90%. Esistono sistemi che ti permettono di verificare se i tuoi visitatori hanno acquistato sul sito X o Y cliccando da un link del tuo sito, oppure la vendita si fa direttamente sul tuo sito.

    Segui l’esempio dei moontalk (o vedi con loro) per iniziare anche un po’ di comunicazione (tele)visiva, se poi teleducato chiude allora per te diventa addirittura un’opportunità. Puoi integrare un lettore video direttamente sul blog e buttarci dentro notizie e reportage intermezzati da un po’ di pubblicità che non siano semplici banner pagati un tanto al clic o alla visualizzazione.

    Accetta di collaborare anche con i concorrenti se questi si dimostrano intelligenti e capaci, l’unione fa la forza di entrambe.

    Chi dice altro?

    • 11 Giugno 2015 in 18:49
      Permalink

      Tutto ottimo.
      Le immancabili cene del blog…come avete mangiato e brindato e karaokato a Parma quuest’anno (chissa’ perche’ poi…non c’era proprio una minchia da festeggiare…) non e’ stato fatto mai….per cui un motivo in piu’….
      Inviti anche la Rosy e il gioco e’ fatto…vengo anch’io…

      • 11 Giugno 2015 in 21:25
        Permalink

        Meglio la Festa del BFC in Comune

        Tutti a Leccare il Gnaù al Sindaco Zerola

        Quanta Gente ke Lavor mo mamahahahah

  • 11 Giugno 2015 in 18:53
    Permalink

    Bravo Mak.
    Si potrebbe anche pensare di lanciare un sondaggio alla settimana al quale si può partecipare mandando un sms dal cellulare.
    Credo che l’operatore accrediti la quasi totalità del costo.

  • 11 Giugno 2015 in 19:52
    Permalink

    Majo se tu fossi uno dei curastar cosa privilegi nella trattativa..chi ha più soldi, garanzie, provenienza dei soldi stessi..e in caso di parità o quasi, che faresti? Prova a ragionare da curastar

    • 11 Giugno 2015 in 19:55
      Permalink

      caro te, sarebbe lungo il discorso, e poi il Deca mi direbbe che farei troppe subordinate. Cmq cercherei di darla in mano ai più affidabili in base alla garanzie richieste e al progetto più convincente nella continuità.

      • 11 Giugno 2015 in 20:37
        Permalink

        Mi faccia sognare: se ci salviamo un’editoriale di 10.000 battute in un unico, lunghissimo periodo!

  • 11 Giugno 2015 in 20:09
    Permalink

    vedrai direttore che troverai la soluzione giusta per stadio tardini ….faccio il tifo per te e per chi è in grado di darti una mano

  • 11 Giugno 2015 in 20:12
    Permalink

    Credo che affidabilità economica e programma temporale serio anche non ambizioso..nel senso di rispettare la nostra vera dimensione, si proprio quella dimensione che la banda bassotti ci ha falsato..illudendoci tutti! Non voglio fare retorica parlando di emulare udine, chievo bla bla bla però voglio dignità nei conti e in campo e poi le soddisfazioni arriveranno! Voglio una società virtuosa nei conti non nei contratti faraonici!

    • 11 Giugno 2015 in 21:43
      Permalink

      Beh insomma, io voglio invece una società ricca e generosa, non sono mica il commercialista del Parma.

  • 11 Giugno 2015 in 20:26
    Permalink

    Scusi Direttore, ma rescindere cosa significa tecnicamente?
    Non sarebbe più corretto parlare di risoluzione dei contratti?
    Grazie. Buona serata.

    • 11 Giugno 2015 in 20:33
      Permalink

      Vabbè risoluzione, rescissione, ci siamo capiti, no? Scusate l’imprecisione e come dice bellè; esattezza, esattezza, esattezza, ma l’importante è capire il succo del discorso, poi le formule lasciamo a chi è strapagato o stracompensato per trovare una soluzione.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 11 Giugno 2015 in 20:33
    Permalink

    spero stadio tardini .it non chiuda sopratutto per il duro lavoro che ci metti è impieghi uno dei pochi parmigiani che ammiro anche perchè sei molto disponibile con i lettori in piu sopporti boni che è dura tal deg

      • 11 Giugno 2015 in 21:57
        Permalink

        però devi togliermela sta curiosita dove lo avete trovato?? perchè secondo me è troppo esaltato e urla troppo

        • 12 Giugno 2015 in 00:56
          Permalink

          era radiocronista di Radio Bruno. Poi il triangolo Gaiti-Ferraguti-Angella decise di arruolarlo…

  • 11 Giugno 2015 in 20:52
    Permalink

    Sono d’accordo, ma troppo spesso sento parlare di rescissione in ambito calcistico e pensavo che, tecnicamente, fosse un qualcosa di diverso da quello che si legge sul codice civile.
    Grazie comunque.
    Saluti

  • 11 Giugno 2015 in 21:14
    Permalink

    Majo novita?…(a quest’ora non credo..le avresti gia’ snocciolate..)..domani sara’ un’altra giornata campale di appostamenti fuori dagli uffici etc.
    Sai dirci cronologicamente cosa potra’ accadere, a che ora (se ci saranno ..) annunci etc.
    Immagino ti starai preparando la giornata..

    • 12 Giugno 2015 in 00:59
      Permalink

      No. Penso che domani sarò con la Rosy al River…

      Tanto il termine ultimo è a notte fonda.

      Largo ai giovani e ai maniaci…

  • 11 Giugno 2015 in 21:37
    Permalink

    Majo latiti..ops scusa sei a cena con la rosy..

  • 11 Giugno 2015 in 22:04
    Permalink

    Guarda che per la rosy ci vogliono i dindi sei gia pronto con l offerta ai curastars altrimenti rischi di bruciarti gli sponsor
    lunga vita a stadiotardini.it

      • 11 Giugno 2015 in 23:04
        Permalink

        direttore buonasera senzasioni x domani. corrado la verserà la caparrà? per quanto riguarda mike piazza già la versata giusto…………

  • 11 Giugno 2015 in 22:15
    Permalink

    Direttore ma e’ vero che la cordata degl industriali parmigiani per la seie D sarebbe andata a ramengo?ha notizie in merito?complimenti per il sito e in bocca al lupo..

    • 12 Giugno 2015 in 00:55
      Permalink

      Grazie.

      Sì, è vero: travolta dall’entusiasmo per la B la cordata per la D si è sostanzialmente sciolta. Ma non escludo possa riformarsi in caso di necessità. Resto tuttavia dell’idea che il più autorevole candidato in caso di D sia Baraldi con Zanetti

      Cordialmente

      Gmajo

  • 11 Giugno 2015 in 22:54
    Permalink

    Direttore ma oggi piazza e Corrado se la sono presa di festa?

  • 11 Giugno 2015 in 23:18
    Permalink

    Sarà anche amore puro, ma allora lei è un cuckold puro! 🙂

  • 11 Giugno 2015 in 23:19
    Permalink

    Majo con la Rosy vai a trattativa privata

      • 12 Giugno 2015 in 08:25
        Permalink

        Ma…l’hai versata la cauzione….?

  • 11 Giugno 2015 in 23:24
    Permalink

    Senta direttore, io la stimo molto sa? Apprezzo molto la sua competenza, il suo metodo di lavoro e anche i suoi modi. Ma…credo proprio che con la Rosy non abbia chance…detto con rispetto, s’intende….

    • 12 Giugno 2015 in 00:46
      Permalink

      grazie mille, ma l’importante è che non la pensi come lei la Rosy, ovviamente per quanto concerne le chance…

  • 12 Giugno 2015 in 07:00
    Permalink

    Salve sono un lurker ma oggi le scrivo perché mi mancherà questo blog.
    Esistono blog che si autosostengono ma hanno bisogno di risorse sia tecniche che strategiche. Per quanto riguarda la tecnica stadiotardini non è reattivo, ossia non si adatta automaticamente a smartphone e tablet, questo oggi è imprescindibile, non secondo me ma secondo le linee guida di google, solo apportare questa modifica e farla in modo professionale costa migliaia di euro se non ci si vuole affidare a “mioccuggino che è bravissimo con facebook” ma ad un professionista che renda il sito alla pari dei competitor in linea con le tecnologie attuali.
    Servono indicazioni da parte di chi sa come strutturare un testo online per far si che venga ottimizzato per i motori di ricerca, delle figure che mantengano i rapporti con i peer e con gli avventori e con i potenziali sulle altre piattaforme e tutto il lavoro di base che c’è per un sito web di successo. Queste sono professionalità che si pagano (care) ed elemosinarle non è possibile, fare un lavoro di successo necessita di azioni scientifiche, programmate, decise e serie.
    Sostenere che queste cose non sono importanti e che sono stupidate come molti in arrivo da altre forme di comunicazione fanno è come la storia della volpe e l’uva secondo me, come per fare uscire un giornale alla mattina od un telegiornale necessita di svariate professionalità oltre che a chi scrive gli articoli qui è un po’ la stessa cosa, ci vuole il giornalista ma anche l’omino che prende il carretto e porta di edicola in edicola il prodotto finale.
    Esistono un paio di figure in Italia che hanno aperto da soli blog su blogger senza nient’altro ed hanno molto successo ma erano già mediaticamente dei giganti nel loro settore, senza nulla toglierle signor Majo.
    Secondo me Signor Majo lei deve uscire dal pensiero “ io scrivo, il resto son minchiate e questo deve generare soldi dal blog”, si fidi di un coglione, questo non succederà mai.
    Entri in qualsiasi libreria e vedrà che ci sono decine e decine di libri su questi argomenti perché è una materia complessa e soprattutto…necessaria.
    Faccia un progetto e lo presenti a delle webagency che hanno tutte le professionalità per far fare il salto a stadiotardini e chieda di entrare in partnership, oppure speri in qualche benefattore che gli allunghi 3.000 euro al mese per il bene del blog.
    Fare da solo o con qualche ragazzino che per hobby gli sistema il sito o con qualche buon anima che gli da dei soldi per il servizio che fa alla comunità non gli garantiranno la continuità.
    P.S. Soprattutto deve allargarsi ad altri bacini, per essere ritenuto di successo e poter sopravvivere da solo un sito ha bisogno di centinaia e centinaia di migliaia di visite al giorno cosa che visto l’argomento non potrà mai succedere.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI