CALCIO & CALCIO PIU’, EDIZIONE STRAORDINARIA SULLA AUTORIZZAZIONE DEL GIUDICE ALLE TRATTATIVE DIRETTE PER LA CESSIONE DELL’AZIENDA PARMA F.C. – Il video della trasmissione

CALCIO & CALCIO PIU’, EDIZIONE STRAORDINARIA SULLA AUTORIZZAZIONE DEL GIUDICE ALLE TRATTATIVE DIRETTE PER LA CESSIONE DELL’AZIENDA PARMA F.C.

Il video della trasmissione

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

122 pensieri riguardo “CALCIO & CALCIO PIU’, EDIZIONE STRAORDINARIA SULLA AUTORIZZAZIONE DEL GIUDICE ALLE TRATTATIVE DIRETTE PER LA CESSIONE DELL’AZIENDA PARMA F.C. – Il video della trasmissione

  • 11 Giugno 2015 in 03:17
    Permalink

    ma il ragazzo di youtube lo avete tenuto li x farlo stare zitto?

    • 11 Giugno 2015 in 07:21
      Permalink

      All’esordio è difficile giocare una gara intera…

      • 11 Giugno 2015 in 07:51
        Permalink

        Appunto…pero’ effettivamente poteva essere coincolto da Angella (che da le carte un po’ di piu’…) non ha la tracotanza (fortunatamente) di Boni che prende la parola anche se gli viene data.

        • 11 Giugno 2015 in 11:22
          Permalink

          Ho qualche colpa anch’io avendolo interrotto alcune volte, ma poi angella avrebbe dovuto ripartire da lui, e invece ha dato la linea a uno degli altri…

          • 11 Giugno 2015 in 13:26
            Permalink

            anche xk è uno abituato ad avere a che fare col pubblico avendo il canale (ho visto che anche lei è stato suo ospite) la parlantina ce l’ha il ragazzo

      • 11 Giugno 2015 in 13:25
        Permalink

        si ma non gli avete fatto domande…è uno abituato a mostrarsi in pubblico e non penso si sarebbe impaurito

    • 11 Giugno 2015 in 16:50
      Permalink

      Ringrazio tutti, spero di esser stato “utile alla causa”, non essendo il mio “mondo” sono entrato in punta di piedi e mi sono attenuto agli spazi assegnati da Angella, a cui tra l’altro voglio fare i complimenti per il grande lavoro che riesce a portare avanti con grande professionalità nonostante le difficoltà del periodo.
      Mi fa davvero piacere il vostro apprezzamento ed è stata una bella esperienza.
      Grazie e alla prossima puntata del Moontalk!
      Andrea

  • 11 Giugno 2015 in 06:42
    Permalink

    Tutti a Miami Paga Brillantello il Bello

    Partenza dal Marconi o dal Fellini

    Per info Kiedere al Felsineo Tuttologo

    Ki lù lè propria un Traghetè etòr ke Canelì !!!!

    Gurdati ki l’ha Visto Sufrìt fàt Mèl dai làhahahah

  • 11 Giugno 2015 in 07:10
    Permalink

    Secondo la Gazzetta di Parma la curatela non avrebbe confermato il versamento del milione di euro da parte di Piazza. E i sospetti aumentano….per me questo giocatore di basket ci prende tutti per il culo!!!

    • 11 Giugno 2015 in 07:20
      Permalink

      Non ha confermato non significa che abbia negato

      • 11 Giugno 2015 in 07:59
        Permalink

        Si ma anche questa faccenda della “caparra” comodamente ritirabile da parte di chi la versa quando lo vorra’ fa un po’ ridere….majo non trovi?…
        Hai mai sentito di una faccenda del genere in transazioni private?…

        • 11 Giugno 2015 in 10:26
          Permalink

          In effetti io pensavo, erroneamente, che le da parte venissero comunque trattenute, anche se effettivamente richiedere di concorrere buttando via un milione è penalizzante per i concorrenti. I mitizzati 7.5 intascati da Bondi a Sanz erano differente fattispecie giacché per 6.5 corrispondenti a caparra confirmatoria a fronte di proposta inderogabile di acquisto controfirmata dall’acquirente che non aveva rispettato i tempi risultando inadempiente
          Qui invece è solo quanto richiesto per trattare…
          Cordialmente
          Gmajo

      • 11 Giugno 2015 in 09:47
        Permalink

        e non e’ neppure un giocatore di basket, ma Maio quanti minuti dormi a notte?

  • 11 Giugno 2015 in 07:24
    Permalink

    Non avevo mai visto il programma privo di Boni, devo dire che senza di lui, con quattro persone intelligenti ed educate il programma è totalmente di un’altra categoria.

    • 11 Giugno 2015 in 12:08
      Permalink

      totalmente d’accordo

    • 11 Giugno 2015 in 13:30
      Permalink

      a me piacciono tutti….quando c’è anche boni la trasmissione è al completo…..mi piacciono molto come giornalisti e conduttori

  • 11 Giugno 2015 in 08:21
    Permalink

    Penso sia stata la prima volta che ho seguito la trasmissione per intero… Strano, non c’era il reggiano e tutto scorreva in modo piû fluido e comprensibile. Majo sempre interessante, Colonna bravo e “moontalk” seppur in compagnia di due vecchie volpi si ritaglia il suo spazio con onore, chiaramente diamogli tempo. Eppure ieri non era facile a distanza di 24h dalla puntata precedente e con poche notizie filtrate dagli interessati.

  • 11 Giugno 2015 in 08:28
    Permalink

    Finalmente una puntata sui contenuti, liscia e scorrevole senza le interruzioni di Boni ogni 2X3.

  • 11 Giugno 2015 in 08:30
    Permalink

    E cosa ha scritto la gazzetta di parma?? e con quale firma??

  • 11 Giugno 2015 in 08:36
    Permalink

    Se avesse pagato che problema avrebbe avuto a confermare, visto che era stato affermato anche dalla stessa parte in causa?? È evidente che non ha pagato. Piazza s’è belle che defilato !!! E credo che anche Corrado stia cercando una via d’uscita. Corrado potrebbe peró tornare buono in caso di serie D

    • 11 Giugno 2015 in 10:50
      Permalink

      Mi perdoni ma lei ha scritto una marea di corbellerie, purtroppo malguidato dalla diffusa tendenza a credere a baggianate e luoghi comuni, ma anche da certi cronisti un po’ così…
      Intanto, dal momento che la curatela, tranne le società correlate a Corrado, non ha mai riferito ufficialmente i nomi degli altri concorrenti, per cui perché mai avrebbe dovuto ufficializzare di aver percepito somme a qualsiasi titolo pervenute da questi?
      Secondo: essendo stato fissato un termine comune per tutti i concorrenti al 12 giugno per versare minimo 900.000 euro è chiaro che comunicheranno tutti insieme i partecipanti allo scadere del tempo concesso.
      Terzo. Nessuno dei due seri competitor in lizza ha deciso di mollare, come da dichiarazioni e comunicati stampa di ieri. Eviti di fare perniciose illazioni,
      Quarto: dopo aver chiaramente sostenuto in più occasioni che il suo progetto è tenere il calcio professionistico a Parma sarebbe altamente contraddittorio se poi in qualche modo lavorasse per la d. Per cui la escludo.
      La ringrazio perché per replicare ai suoi spropositi ho avuto occasione di fare chiarezza, ma il mio suggerimento è sempre il solito e cioè di mettere il cervello in posizione on quando ci si accinge a postare commenti nell’apposito spazio che vi metto a disposizione.
      Cordialmente
      Gmajo

  • 11 Giugno 2015 in 08:43
    Permalink

    Ma che bella è stata la puntata di ieri senza Boni?Spero che Angella se ne sia accordo….

  • 11 Giugno 2015 in 08:44
    Permalink

    Buongiorno Direttore,
    secondo lei le 2 cordate hanno più o meno lo stesso potenziale economico?
    leggendo oggi la rosea si evince come i nuovi patron del Bologna hanno chiuso i debiti (lo scorso anno erano circa 30milioni), puntino a rinnovare lo stadio, creare una squadra solida per gli anni a venire, etc etc.
    Insomma tuttoquello che vorremmo succedesse al ns piccolo grande parma…

    Secondo lei, i 2 progetti in ballo (Piazza e Corrado) potrebbero aprire a scenari simili?

    • 11 Giugno 2015 in 11:12
      Permalink

      Secondo me, sia pure molto diverse, entrambe le soluzioni alla porta sono di varanzia. Corrado, però, mi sembra meno americano di Piazza…

  • 11 Giugno 2015 in 08:49
    Permalink

    ciao gabriele volevo sapere a che ora domani si sapranno i nomi dei potenziali acquirenti ciao

    • 11 Giugno 2015 in 10:18
      Permalink

      Penso sia più facile nella (prima) mattinata di sabato 13, giacché immagino che il 12 uno abbia tempo sino alle 24. Banche, home banking e fattorini permettendo
      Cordialmente
      Gmajo

      • 11 Giugno 2015 in 11:35
        Permalink

        quindi tecnicamente devono aspettare le 24 di venerdi’ in tutti i casi,quindi sabato e domenica invece di andare al cine o su una spiaggia di miami hanno 2 giorni di tempo barra tre per cercare di fare non so che cosa che non siano riusciti fare in tre mesi, a meno che il centinaio di giocatori sotto contratto presi da un raptus di amore mandino una lettera liberatoria di tutte le loro pendenze passate e future

        buon weekend

        • 11 Giugno 2015 in 14:19
          Permalink

          Solo in trattativa privata puoi chiedere garanzie su alcuni adpetti….
          all asta o prendevi il pacchetto cosi come era senza poter chiedere nulla…..

  • 11 Giugno 2015 in 09:07
    Permalink

    Majo a quando uno scoop, magari un’intervista a qualche pretendente all’asta in anteprima?Peppe Corrado o qualche suo emissario non riesce a raggiungerlo?Col Mano ci regalava interviste in anteprima!

    • 11 Giugno 2015 in 09:48
      Permalink

      Corrado sono stato primo e unico… Cmq sr vogliono parlare (vale anche per Piazza) io sono qui. Ma non pietismo attenzione. Loro e il loro staff se desiderano illustrare progetti e quant’altro sanno che stadiotardini.it è a disposizione.
      Cordialmente
      Gmajo

  • 11 Giugno 2015 in 09:10
    Permalink

    Be dipende da come lo scrivi, si potrebbe appurare direttore No perché su questa mossa,che concordo con lei non ha nessun significato realmente importante, si è scatenato un tentativo di sputtanamento verso Corrado.

  • 11 Giugno 2015 in 09:18
    Permalink

    Majo sinceramente lei crede che vada a finire bene? Piazza o corrado trovano l accordo oppure sarà tutta fuffa? Intanto entro donani sapremo se avranno versato la cauzione?

    • 11 Giugno 2015 in 11:07
      Permalink

      Lo sapremo, credo, sabato mattina.
      Non capisco perché dovrebbe essere tutta fuffa. Qualora i curastars lo avessero pensato ieri rogato avrebbe potuto comodamente staccare la spina.
      Cordialmente
      Gmajo

  • 11 Giugno 2015 in 09:43
    Permalink

    ma una fusione delle 2 cordate è infattibile?

    • 11 Giugno 2015 in 10:16
      Permalink

      Si.
      Io l’avevo buttata lì perché una completava l’altra, ma è evidente che siamo due progetti diversi impossibili da fondere

  • 11 Giugno 2015 in 09:49
    Permalink

    Poi si è capito anche dalle parole di Gerali a radio parma prima che Piazza non compra. Chiaramente non lo può dire direttamente !!

    • 11 Giugno 2015 in 13:58
      Permalink

      Non mi pare una interpretazione corretta delle parole di Gerali

  • 11 Giugno 2015 in 09:51
    Permalink

    Complimenti per la trasmissione di ieri sera sia a Majo che a Colonna! Finalmente una puntata ricca di ragionamenti intelligenti e senza urla da dementi. Ora possiamo solo stare a vedere se le parti in concorso per l’acquisizione fanno sul serio.

      • 11 Giugno 2015 in 10:37
        Permalink

        Spero solo che nella prossima puntata possiate finalmente disquisire della nuova proprietà e non più per ipotesi.
        Spero che la prossima puntata si stappi champagne per un motivo importante e non per far i ridere …

        Grazie per essere sempre sul pezzo!

  • 11 Giugno 2015 in 09:59
    Permalink

    Ieri sera hai accennato che ti risulta che Corrado stia lavorando anche per il futuro. Non ti chiedo nomi ma credi che abbia già accordi con qualcuno per la parte strettamente sportiva?
    Diverse persone parlano di proproga dell’esercizio provvisorio, a mio parere è improbabile, l’occasione più consona era ieri è non c’è stata alcuna decisione in tal senso.
    Per quanto concerne invece la cauzione di Piazza Schianchi dice che è stata versata.. immagino che scaduto il primo termine ufficializzeranno chi ha i requisiti per trattare

    • 11 Giugno 2015 in 10:38
      Permalink

      Non sono a conoscenza dei nomi, ma per quanto ne possa sapere io il progetto Corrado è avanzato anche dal punto di vista sportivo con organigrammi già formati. Viceversa mi risulta che sia opposta la strategia di Piazza che sarebbe dell’idea prima di aggiudicarsi il fardello e poi di contattare le professionalità ritenute idonee

      Cordialmente

      Gmajo

      • 11 Giugno 2015 in 11:39
        Permalink

        se l’organigramma di Corrado prevede il figlio come presidente, non mi piace molto…e non sto parlando del fatto che sia juventino…

        • 11 Giugno 2015 in 12:33
          Permalink

          Indubbiamente c’è il rischio di ritrovarsi dinnanzi a un Ghiro2.0, però lasciamo perdere la juventinità che non vuol dire una benedetta mazza. Chiaro che certe espressioni nel proprio profilo facebook personali non sono il massimo per un candidato alla presidenza del Parma. E forse, prima ancora di scendere in campo, avrebbe fatto bene a far sparire traccie che un domani potrebbero essere oltremodo imbarazzanti, anche se sarebbe più patetico ancora disconoscere il proprio passato o la fede calcistica.

          Cordialmente

          Gmajo

        • 11 Giugno 2015 in 12:55
          Permalink

          forse che si sente spesso con l’amico Leonardi ?

          e chisnifrega basta ca vensa al perma

          • 11 Giugno 2015 in 14:00
            Permalink

            Non credo che l’amicizia con Leonardi Jr possa esser determinante nella valutazione

        • 11 Giugno 2015 in 13:14
          Permalink

          Se dovessi tirare fuori tu i circa 65 mln che servono, alle condizioni attuali, per rilevare il Parma, ti assicuro che la tua juventinità verrebbe messa nel cassetto per un bel po’..

      • 11 Giugno 2015 in 11:57
        Permalink

        Majo, lo so che è una domanda che lascia il tmepo che trova ma a pelle ti sembra più ambizioso il progetto d Piazza o Corrado?
        Rumours che non so se ti sono giunti, tutti da verificare, parlano di progetti molto ambiziosi di Piazza., e lo dicono persone che a Parma sono credibili.

        • 11 Giugno 2015 in 12:24
          Permalink

          Ognuno tira l’acqua al suo mulino. Mi pare che Piazza voglia fare un po’ troppo l’americano. E capisco che questo faccia sognare molto i nostalgici della Grandeur…

          • 11 Giugno 2015 in 13:53
            Permalink

            PIazza E’ americano, Majo, e un americano ricco e famoso. E per gente così è molto facile negli Usa trovare finanziatori di peso, come potrebbe confermarci da Boston (Massachussets) il grande Alfredo.

  • 11 Giugno 2015 in 10:31
    Permalink

    Domanda Gabriele, in caso di Serie D (facendo i dovuti scongiuri) il tuo sito e calcio & calcio continueranno ad esistere? Vivendo all’estero siete la mia unica fonte di informazione diretta sul Parma e ne sono molto grato.

    • 11 Giugno 2015 in 13:57
      Permalink

      Grazie mille.

      StadioTardini.it e Calcio & Calcio sono due strumenti informativi che hanno collaborato intensamente tra loro essendo il trait d’union il sottoscritto.

      In questi anni, completamente a titolo gratuito, il sottoscritto, nella sua veste di direttore responsabile di StadioTardini.it ha trovato ospitalità a Calcio & Calcio che appartiene alla società Telemec che purtroppo ora versa in pessime condizioni, in virtù dell’operato del rimosso legale rappresentante, indagato con gravi accuse per via delle pratiche fatte per ottenere i previsti contributi statali per l’informazione.

      Teleducato rischia seriamente di sparire dai teleschermi, e, al di là di Calcio & Calcio, sarebbe l’ennesima mazzata alla pluralità di informazione di questa città malata. Non so se Pizzarotti, socio di minoranza, avrà il buon senso e gli attributi di tenerla in vita, smenandoci di suo per il rilancio, piuttosto che non dare le frequenze ai suoi amici dell’Upi, risolvendo problematiche della da loro controllata Tv Parma.

      Stadiotardini.it penso abbia ormai esaurito la sua missione di controllo e libera informazione dalla base: ma più che altro è il suo tenutario che dopo sei o setta anni di servizio volontario per la comunità crociata, in cui ha dato tutto sé stesso e di più, senza ricavarci da vivere e pagando a fatica le spese di gestione, torni a far parte attiva del mondo del lavoro, sperando di trovare una opportunità.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 11 Giugno 2015 in 15:22
        Permalink

        vaffanculo Majo, non fare il pessimista e inizia a pensare al blog 2015/2016

        • 11 Giugno 2015 in 15:30
          Permalink

          Penso che il 30.06 ci sarà da tirare una riga…

          • 11 Giugno 2015 in 15:55
            Permalink

            Ecco bravo, drogati e poi ci rivediamo in settembre. Cioé vuoi buttare per aria tutto quello che hai costruito? Ma sei scemo? Adesso devi capitalizzare, trovare soci e sponsor, muovi il culo e inizia a suonare campanelli dicendo “signori, io vi porto in dote X tifosi e spettatori, co femia?” anziché fare il figo con la Rosy al River dailà.

  • 11 Giugno 2015 in 10:35
    Permalink

    Secondo lei Donadoni in serie B rimarrebbe? Non ha più panchine dove andare

    • 11 Giugno 2015 in 13:49
      Permalink

      Io sarei per una totale discontinuità col passato. Anche tecnica.

      Non faccio parte di coloro che hanno concorso alla beatificazione di San Donadoni, dal momento che lo ricordo molto aziendalista, visto che era lui che ha sempre parlato di scelte condivise con Ghirardi e Leonardi, ovviamente ai tempi del Mulino Bianco. E l’ex pres e ad avevan fatto di tutto e di più per accontentare i suoi desiderata. La sua gestione tecnica di quest’anno, al netto delle note complicanze, è comunque nettamente insufficiente, dal momento che il Parma era virtualmente già retrocesso a novembre (ben prima che deflagrasse la crisi societaria).

      Per me il suo ciclo avrebbe dovuto chiudersi con la conquista, sul campo, della EL, poi persa per le note questioni. Lì avrebbe dovuto avere gli attributi di salutare la compagnia, e non tornare indietro dopo non essersi trovato con Lotito.

      Se uno dà una occhiata al “Progetto di stato passivo relativo al Debito Sportivo” alla voce Donadoni, penso si possa rendere conto di quanto Donadoni facesse parte integrante del sistema Parma, a propria volta specchio del non edificante sistema del calcio italiano:

      Richiesta di ammissione come creditore con privilegio: euro 1.613.062,35
      Proposta di pagamento dei creditori: 212.684,00 come credito privilegiato + 181.995,00 come credito chirografario
      Totale taglio: 1.218.383,35
      Nota a margine: “Si ammette limitatamente all’importo risultante dalla scrittura privata sottoscritta tra il tesserato e il fallimento in data 09/05/2015. L’ammissione di tale importo, risultante da rinunzia del tesserato, è risolutivamente condizionata alla mancata cessione dell’azienda sportiva e alla mancata
      iscrizione per la stagione sportiva 2015/2016 al campionato di serie B. In chirografo per quanto attiene al credito relativo al contratto di cessione dello sfruttamento dei diritti di immagine del tesserato in quanto non qualificabile come credito di lavoro. Si esclude la quota dei contributi previdenziali a carico del lavoratore in quanto il credito è riconosciuto direttamente in capo all’istituto di previdenza”.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 11 Giugno 2015 in 10:39
    Permalink

    Direttore potrebbe anche essere che domani sera non ci sia nessun possibile acquirente, nel senso che nessuna cordata avrebbe dato le garanzie richieste secondo lei?

    • 11 Giugno 2015 in 11:04
      Permalink

      Capisco l’ansia, ma queste domande non hanno senso. Io credo che le società partecipanti alla competizione abbiano quel minimo di requisiti richiesti e che non siano dei buffoni. Fino a prova contraria.
      Cordialmente
      Gmajo

  • 11 Giugno 2015 in 10:40
    Permalink

    Majo, ma secondo lei, su quali basi potrà essere portata avanti la trattativa con i soggetti interessati?

    E’ facile immaginare che verrà chiesto ai curatori di cristallizzare il valore del debito sportivo. Ma in merito ad altre questioni quali il prestito della Lega e soprattutto il valore dei contratti in essere futuri, che tipo di garanzie diverse potranno fornire i due curastars?
    Semmai, non dovrebbero richiedere la partecipazione alla trattativa di Albertini e Tommasi?

    Sui contratti, il nuovo proprietario potrà trattare individualmente con i singoli giocatori e apportare una strategia di gestione futura degli stessi (cessioni, prestiti, rescissioni, spalma ingaggi, etc.) ma mi sembra difficile possa richiedere al venditore (la curatela) particolari garanzie in tal senso.

    Che idea si è fatto direttore?

    PS.
    Senza Boni la trasmissione acquista di serietà e di interesse. Complimenti

    • 11 Giugno 2015 in 13:31
      Permalink

      Grazie.

      Penso che le garanzie i compratori non possano che chiederle al venditore, il quale, a propria volta le dovrebbe avere dagli altri soggetti terzi (FIGC e LEGA) che hanno dimostrato in molteplici occasioni di essere molto ondivaghi e poco affidabili.

      Albertini e Tommasi hanno due ruoli completamente diversi. Ma l’onere di rendere appetibile il club tocca ai curastars. Gli altri possono solo collaborare.

      Sul discorso del costo aziendale futuro, la richiesta, secondo me assai legittima di Corrado è quella che i curastars rompano i tanti ontratti che hanno ritenuto non conformi alla legge quando li hanno esclusi dal debito sportivo. Se non erano conformi alla legge per abbassare il debito sportivo, perché poi dovrebbero valere per il compratore?

      Non dimentichiamoci, poi, che da mesi, avevamo riportato il rumors di un pacchetto contenente 28 giocatori e basta da offrire chiavi in mano al compratore: probabilmente inizialmente venditore e compratore su questo punto si erano trovati d’accordo, ma poi, forse, sono cambiate le carte in tavola.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 11 Giugno 2015 in 10:53
    Permalink

    Vado controcorrente! A me la trasmissione ieri è piaciuta ma senza Boni è un cimitero!

    • 11 Giugno 2015 in 13:21
      Permalink

      Se le interessa lo spettacolo vada a teatro.

      Io intendo le trasmissioni come strumento per fare informazione e opera di divulgazione. Cosa impossibile, o molto difficile da fare, con un Saltimbanco che interviene a sproposito dicendo degli spropositi.

      Pur riconoscendo ad Enrico il merito, negli anni, di aver catalizzato molto pubblico (dal punto di vista quantitativo, soprassiederei sul qualitativo) con le sue performance, io credo che in questa disgraziata stagione sia stato il vero valore sottratto: la televisione, finalmente, aveva ripreso il ruolo chiave di informare e divulgare nel periodo più difficile della recente storia del Parma, e Boni, purtroppo, in più di una occasione ha vanificato il tutto mandando in vacca e creando stupidi e perniciosi dualismi tipo quella tra B e D davvero senza senso. Toccando il fondo stappando la bottiglia. Cosa offensiva per qualsiasi telespettatore tifoso del Parma.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 11 Giugno 2015 in 15:28
        Permalink

        Quotone per Majo, inoltre Angella stava riducendosi a diventare la triste spalla del reggiano, avevo dimenticato il suo ruolo di giornalista e opinionista.

  • 11 Giugno 2015 in 10:59
    Permalink

    X me è probabile che il 15 si riuniscano giudice, creditori e curatela x prolungare di una settimana l’esercizio provvisorio , così da arrivare alla sentenza sul debito sportivo prevista x il 19; che ne dite?

    • 11 Giugno 2015 in 13:16
      Permalink

      Non so quanto possa centrare la tanto decantata data del 19. Ma ovviamente l’esercizio provvisorio potrà esser proseguito solo se entro quella data alla curatela sarà pervenuto non solo il milioncino, ma anche le altre cosette (onorabilità, tracciabilità) richieste quando hanno rivoltato la frittata, assieme a Rogato, mettendo loro i compratori dinnanzi le proprie responsabilità pur accontentandoli con l’andare a trattativa privata.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 11 Giugno 2015 in 11:05
    Permalink

    Mi perdoni allora sig. Majo se ho proferito “corbellerie”, ovviamente faccio solo deduzioni (prendo atto che siano sbagliate..) cercando di interpretare dichiarazioni e fatti. In ogni caso io vorrei solo che la gente di Parma non si lasciasse andare a facili illusioni, “ubriacata” da certa stampa (non mi riferisco ovviamente a lei che ha sempre mostrato equilibrio nei suoi discorsi) che si lascia forse un po’ troppo prendere la mano dall’euforia del “tifo”……

  • 11 Giugno 2015 in 11:06
    Permalink

    Ma Scaccia e Nuccilli saranno tra i soggetti che andranno a trattativa privata? 🙂
    Direttore poi sarebbe favoloso chiamare Albertini (quello vero non l’utilissimo coadiutore della procedura Demetrio) per avere news sul suo amico strajé svisor.

  • 11 Giugno 2015 in 11:11
    Permalink

    Infine volevo farle una domanda: ora sappiamo se non direttamente i nomi delle persone, almeno i nomi delle società che stanno dietro a Corrado, mentre di Piazza sappiamo solo che c’è questa società creata ad hoc con Gerali (che mi sembra una persona seria) come amministratore unico e che a garanzia c’è JP Morgan, ma non sappiamo quali siano le altre persone coinvolte. Secondo lei di chi può trattarsi? Chi possono essere i soci italiani ai quali faceva riferimento Gerali ieri? Può essere che ne faccia parte il presidente del Parma baseball Rossano Rinaldi o è fantascienza? Pare che questo soggetto fosse presente ad una cena con Piazza e Gerali a Parma l’altra settimana….solo amicizia baseballistica?

    • 11 Giugno 2015 in 12:52
      Permalink

      Non sono un agente del fisco, ma credo che Rinaldi non possa minimamente pensare di entrare in partnership importante con Piazza. Di altri non saprei

  • 11 Giugno 2015 in 11:16
    Permalink

    grandi langella e di majo

  • 11 Giugno 2015 in 11:34
    Permalink

    direttore majo secondo lei non è proprio da tenere in considerazione una terza cordata a sorpresa?…anche se sono d’accordo con il capitano lucarelli…meglio poche cordate altrimenti tempo per ufficializzare la cessione del parma non c’è.saluti

    • 11 Giugno 2015 in 12:51
      Permalink

      Spero proprio di no. Anche perché il tempo delle bidonate dovrebbe esser da tempo terminato.

      Ci sono due cordate non perfette, ma comunque con lati positivi in entrambe. Si lavori su queste senza distrazioni. Tempo non ce n’è. E si astengano millantatori, che purtroppo, in questa epoca decadente con il trionfo della superficialità, trovano albergo con le loro millanterie persino su vetusti quotidiani stampati.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 11 Giugno 2015 in 11:37
    Permalink

    Direttore, nella malaugurata ipotesi che nessuno alla fine la spunti e ci dovremo accontentare della serie D, come si sceglie chi può fondare la nuova squadra? quali sono i passaggi eventuali? spero non si verifichi questa ipotesi, ma se piazza/corrado/meli/altri non riescono a trovare l’accordo con in curatori, e ci fossero 2 o più gruppi che vogliono rilevare la squadra in serie D non riesco a capire in base a cosa si possa decidere chi può e chi no

    • 11 Giugno 2015 in 12:48
      Permalink

      Tocca al sindaco, a fronte di più candidati solidi e seri distribuire la eredità sportiva del “decuius”

  • 11 Giugno 2015 in 11:40
    Permalink

    Non capisco.. è in questi 2 giorni che si fa la trattativa privata? Con i curatori? Ma sul debito sportivo non dovrebbe entrarci (semplifico) Tavecchio?
    Dopo di che le offerte le fanno entro il 15 e poi grossomodo si sceglie la maggiore? Insomma mi sembra che ci sia così poco tempo ammesso che che sia così come dico (ovvio che sono ignorante su questo e mi scuso ancora anche perchè probabilmente le risposte nci sono già qui sul blog ma ho una connessione lentissima in questi giorni che solo scorrere le pagine è una impresa) grazie

  • 11 Giugno 2015 in 11:44
    Permalink

    Se gli interessati versano la cauzione, lunedì il giudice potrebbe prorogare l’esercizio provvisorio. almeno con una concreta dimostrazione d’interesse la proroga sarebbe più giustificata

    • 11 Giugno 2015 in 12:30
      Permalink

      Penso anch’io, anche perché trovo che sia una bella pretesa quella di forzare la mano e concludere la trattativa in appena 48 ore. Spero che il braccio di ferro venditori/compratori non si concluda nel peggiore dei modi, poiché tutti sarebbero sconfitti.

  • 11 Giugno 2015 in 11:47
    Permalink

    Dichiarazioni di Gerali a Sky

    “Mike è molto interessato ed è già al lavoro per trovare una soluzione coi curatori: già prima nel weekend era in procinto di fare una offerta ma all’ultimo momento i legali hanno visto delle incertezze nel debito sportivo e gli hanno suggerito di aspettare un attimo. La proposta era seria e doveva esserci, a testimonianza del suo interesse. Chi c’è dietro Piazza non posso rivelarlo, ha scelto un profilo basso e la massima riservatezza: posso dire che ha dietro dei partner importanti, ma sarà lui a specificare meglio, credo sarà in Italia nei prossimi giorni”.

    • 11 Giugno 2015 in 12:34
      Permalink

      Lo attendiamo.

  • 11 Giugno 2015 in 11:57
    Permalink

    Direttore comunque facciamo il pieno di interviste che promettono mari e monti ma poi alla fine non dicono niente, io ormai mi sono stufato di questo teatrino. Chi viene deve dire chi ha dietro o da dove provengono i soldi, punto e basta…

    • 11 Giugno 2015 in 12:23
      Permalink

      Mi trovi abbastanza d’accordo. E’ il momento dei fatti. Inoltre al sottoscritto le dichiarazioni interlocutorie non interessano una benedetta mazza, preferisco l’approfondimento, per cui se i candidati alle elezioni hanno piacere di confrontarsi io sono a disposizione, ma non mi metto a pietire interviste.

      cordialmente

      gmajo

  • 11 Giugno 2015 in 12:10
    Permalink

    Ok….ho trovato sufficienti risposte qua e là qui e sul web. 😉

  • 11 Giugno 2015 in 12:19
    Permalink

    Direttore complimenti ! Puntata esaustiva che spero abbia dipanato in gran parte gli ultimi dubbi di noi tifosi. Senza il buffone reggiano è tutta un’altra trasmissione , in senso positivo naturalmente. Che vada a fare danni dalla parte sbagliata dell’Ente! Saluti e avanti così. Majo sei a mio parere l’unica fonte di informazione di qualità riguardo il nostro Parma! !

  • 11 Giugno 2015 in 12:24
    Permalink

    Direttore vede possibile la riuscita di una trattativa già lunedì 15?

    • 11 Giugno 2015 in 12:47
      Permalink

      Mi pare pretenzioso. Però è pur vero che a prolungare l’esercizio provvisorio senza che i vari pretedenti avessero versato la restituibile quota di partecipazione sarebbe stato controproducente. A parte che quel cavolo di esercizio provvisorio avrebbe dovuto, senza tante balle, esser fissato fino al 30 giugno da principio.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 11 Giugno 2015 in 12:25
    Permalink

    Majo propongo mortadello al posto di boni..tanto sono uguali..anzi boni parla meglio l’italiano!

  • 11 Giugno 2015 in 13:47
    Permalink

    Secondo me ci sta che al momento gli interessati non dicano quasi nulla sulla cordata, sui nomi i capitali etc etc…perchè dovrebbero farlo pubblicamente prima di acquistare? L’importante che lo sappiano i curatori , poi chi vincerà DOVRA’ spiegare chi è, cosa fa, da dove vengon i soldi per rendere tutto trasparente.
    Che lo dicano prima in maniera preventiva senza sapere se riusciranno a comprare il club, non ne vedo il motivo…per noi tifosi che ci facciamo delle seghe mentali ad ogni indiscrezione? mah

  • 11 Giugno 2015 in 13:50
    Permalink

    La mia sensazione è che avrà la meglio Piazza, perché lo vedo più centrato e sul pezzo, anche basandomi sulle parole dei suoi collaboatori che parlano con estrema cognizione di causa e senza sviare come solo gli americani sanno fare. Credo però anche che se si insedierà lui, come è quasi certo, ci sarà uno stravolgimento totale negli uffici del Parma, una riorganizzazione totale con inserimenti di manager americani. Se invece subentrerà Corrado, ma a parte le parole vedo che il suo è un approccio più italiano, più a parole e meno scientifico di corsa netta verso l’obbiettivo che invece hanno gli americani, ci sarà maggior conservazionismo. Vedo più fatica da parte di Corrado anche probabilmente per la generale difficoltà finanziaria italiana, invece gli americani quando fissano l’obbiettivo mettono in moto tutto un ineccepibile meccanismo per arrivare esattamente ad ottenere ciò che vogliono.

  • 11 Giugno 2015 in 13:55
    Permalink

    Beh la differenza rispetto all’asta è che qui entro il 15 si ricevono le proposte d’acquisto, se ritenute degne di nota vengono utilizzate come base di una trattativa che per forza di cose dovrá essere lampo, non escluderei che una delle proposte d’acquisto non sia già ritenuta valida dal principio..Ma da che ho capito, entrambi sono sulla stessa linea..faranno più o meno le stesse mosse..per cui sarà una valutazione più che una trattativa…ammesso e non concesso che le proposte siano ritenute degne di nota appunto…

  • 11 Giugno 2015 in 14:06
    Permalink

    Direttore le consiglio di leggere Il Giornale di ieri..c’è un bellisimo articolo sul Parma Calcio in cui i piocioni miserabili dell’UPI e la loro idea di cordata millepiedi (io direi più da donazione Telethon) sono presi bellamente per il culo. Ne sono felice, ormai sono sputtanati anche fuori Parma.

  • 11 Giugno 2015 in 14:14
    Permalink

    Ho messo il cervello su ON.
    Per me un investitore SERIO non butta via milioni di euro, lo sanno tutti che le imprese del Calcio sono tutte in perdita almeno che si parli di piazze enormi, tradizionali e importanti (e Parma non lo è, già solo per bacino), quindi o i Piazza & Corrado non sono seri oppure tra le loro condizioni vi è quella di spesarsi tutto con il paracadute (impossibile!): cosa che si genererà in NIENTE…e sia serie D! Bla bla bla…

    • 11 Giugno 2015 in 15:38
      Permalink

      Cazzata, i grandi CLUB sono pieni di debiti mentre i piccoli (vedi Carpi) hanno i conti a posto. Ma anche il mio discorso vale come il due di bastoni, chi si “lancia” nel calcio non lo fa tanto per un ritorno economico diretto quanto per mille altre ragioni non ultimi gli stadi e la visibilità. Comunque una gestione finanziaria accorta riesce a far quadrare i conti anche in realtà non metropolitane e una gestione sportiva di livello puo’ raggiungere traguardi ambiziosi (tutti prendono ancor oggi spunto dall’Ajax). Rimetti quindi il cervello su OFF tanto il risultato non cambia.

  • 11 Giugno 2015 in 14:16
    Permalink

    Se Corrado non farà nulla dopo mesi a masturbare numeri, a fare accordi, a parlare con giocatori, curatori, dopo la sua bella intervista contro l’UPI che lo aveva fatto diventare il mio idolo, dopo le dichiarazioni di ieri sera, ma soprattutto dopo la pagliacciata di martedì mattina spero sarà trattato come Kodra. E sarà il secondo piocion dopo Dallara.
    Perchè come era una cazzata la scusa del clan Taci che i numeri alla prova dei fatti erano diversi da quelli illustrati, la stessa cosa vale per Corrado. Con l’aggravante che è ben più sicuro comprare dal Tribunale che dall’Innominabile e dai suoi “consulenti” (ricordo sempre Schinelli celebrato come gran manager ma ridicolizzato da questa vicenda a seguito della quale spero cambi mestiere e vada a vendere noci di cocco in spiaggia)

  • 11 Giugno 2015 in 14:17
    Permalink

    Purtroppo no lo avevo in cartaceo non so se sul sito si vede

        • 11 Giugno 2015 in 15:51
          Permalink

          Le solite stronzate di Zagnoli sulla Parmalat. Ma perchè non parla cosi quando lo invitano su TV Parma?? Lo dico da anni, parla a seconda di chi sono i committenti e gli ascoltatori. Non so se mi fa piu schifo o pena

          • 11 Giugno 2015 in 17:02
            Permalink

            Non ho letto l’ultima evacuazione di wanny, ma sulla faccenda che Calisto si sarebbe rovinato per colpa del calcio ho avuto modo di dirgli personalmente e di svriverlo qui che è una boiata falsa. Ma tant’è. La cosa triste sono le testate importanti che ospitano queste corbellerie mettendo in giuoco la propria credibilità.
            Cordialmente
            Gmajo

  • 11 Giugno 2015 in 14:23
    Permalink

    ricopio estratto:

    “…da un anno, però, dalla ricca provincia ducale arrivano segnali da calcio dilettantistico, con importanti imprenditori parmigiani che magari metterebbero 100mila euro a testa, per arrivare in 40/50 ai 4-5 milioni per garantire una buona serie D…”

    tutto l’articolo è ironico

  • 11 Giugno 2015 in 14:33
    Permalink

    Finalmente sono riuscito ieri sera a gua4dare tutta la trasmissione….senza scappare mai. Continuate cosi’. Basta Boni!!!!

  • 11 Giugno 2015 in 14:35
    Permalink

    Andedda va dal barber e am racmandi….taja un pò ad giocador acsé Corrado al compra.

    • 11 Giugno 2015 in 15:48
      Permalink

      Vanni va a scurze in tla farėna paiaz

    • 11 Giugno 2015 in 16:46
      Permalink

      a be se lo dice vanni Zagnoli siamo a posto…ma mi dig, i reggiani polen mia guarder la reggiana e farsi i cazzi propri?!?!?!

  • 11 Giugno 2015 in 15:01
    Permalink

    Un articolo pieno di astio e scritto con la convinzione che vada a finire male.

    • 11 Giugno 2015 in 17:02
      Permalink

      da una testa quadra di Reggio…purtroppo non possiamo aspettarci di meglio..

  • 11 Giugno 2015 in 15:47
    Permalink

    ….anche impreciso.secondo me.

  • 11 Giugno 2015 in 15:54
    Permalink

    Da uno che si chiama Vanni che vuoi aspettarti sprazzi d’intelligenza?

  • 11 Giugno 2015 in 15:58
    Permalink

    Vanni Zanioli è riuscito a dire più stronzate di boni, e non è facile.

  • 11 Giugno 2015 in 15:58
    Permalink

    una curiosità e sicuramente una domanda stupida
    se il Parma ha la metà di Defrel se Qualcuno lo vuole comprare dal cesena non dovremmo prendere la nostra metà…;)

    • 11 Giugno 2015 in 17:06
      Permalink

      Se c’è passaggio di proprietà logicamente sì, viceversa alla fine dell’esercizio provvisorio si perde immediatamente l’affiliazione alla figc con svincolo automatico di tutti i giocatori
      Cordialmente
      Gmajo

      • 11 Giugno 2015 in 18:53
        Permalink

        ne abbiamo altri allora in comproprietà vero? Chissà quanti… sarebbero soldi che possono entrare nelle casse insomma cerco di…ottimizzare…uahu…mi viene da rabbrividire ottimizzare era il verbo usato 3 su 3 da leonardi Ricordate?.

  • 11 Giugno 2015 in 16:40
    Permalink

    E’ un articolo ridicolo. Scritto da un personaggio che ormai fa sempre meno per apparire credibile.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI