CALCIO & CALCIO PIU’, EDIZIONE STRAORDINARIA SULLA MANCATA CESSIONE DELL’AZIENDA PARMA F.C. ALLA SESTA ASTA FALLIMENTARE – Il video della trasmissione

CALCIO & CALCIO PIU’, EDIZIONE STRAORDINARIA SULLA MANCATA CESSIONE DELL’AZIENDA PARMA F.C. ALLA SESTA ASTA FALLIMENTARE – Il video della trasmissione

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

126 pensieri riguardo “CALCIO & CALCIO PIU’, EDIZIONE STRAORDINARIA SULLA MANCATA CESSIONE DELL’AZIENDA PARMA F.C. ALLA SESTA ASTA FALLIMENTARE – Il video della trasmissione

  • 10 Giugno 2015 in 01:09
    Permalink

    Grazie per la disponibilità che offre sempre ai suoi lettori e per la professionalita non mi stancherò mai di dirlo
    GRANDE MAJO

  • 10 Giugno 2015 in 02:36
    Permalink

    cosa succede se in serie d nessuno prende la squadra?

    • 10 Giugno 2015 in 08:27
      Permalink

      Ci sono fiori di industriali con la i maiuscola pronti a prendere il parma in d. Oltre a Baraldi con Zanetti…

      • 10 Giugno 2015 in 10:19
        Permalink

        “Fiori di industriali con la i maiuscola”…eh già, gente che bene che vada tirerà fuori 100.000 euro a testa per vivacchiare in serie D. Su Zanetti e il suo compare preferisco glissare, visto quello che mr. coffee ha combinato a casa sua (Treviso) e a Bologna: zero assoluto

  • 10 Giugno 2015 in 03:51
    Permalink

    quando Boni ha perso il controllo della bottiglia ho riso mezz’ora

    • 10 Giugno 2015 in 08:31
      Permalink

      Ci sarebbe da piangere per questo infimo teatrino di bassa tacca. E anche Angella si è bevuto il cervello a presentarlo come vincitore. Trovo fuori luogo alimentare i muro contro muro

      • 10 Giugno 2015 in 10:26
        Permalink

        Così imparate a chiamare in studio una testa quadra che gode come un riccio a vedere come siamo messi: complimenti a Teleducato per la sagacia! D’altronde son certo che anche oltr’Enza avranno il loro ospite fisso parmigiano che brindava a champagne dopo l’esito della partita di Bassano, sì sì…solo noi a Parma sappiamo eccellere in questi teatrini penosi e pure offensivi nei confronti di una tifoseria che non mi pare meriti di essere sbeffeggiata dal primo imbecille di turno, qual è il “signor” Boni. Se costui è felice per come è finita la telenovela vada pure a festeggiare ma abbia la decenza di farlo a casa sua

        • 10 Giugno 2015 in 11:08
          Permalink

          Boni in studio non lo chiamo certo io, quindi è fuori luogo quel “chiamate”. Io a teleducato vado ospite quale direttore di stadiotardini.it

      • 10 Giugno 2015 in 11:16
        Permalink

        Boni non può essere tifoso del parma e gioire di come sta andando. …..infiltrato ignorante da quattro soldi

      • 10 Giugno 2015 in 11:26
        Permalink

        posso vedere questa parte?

  • 10 Giugno 2015 in 08:14
    Permalink

    Grazie ancora e complimenti. Sempre interessante seguire il suo sito e soprattutto sentirla parlare in trasmissione a Teleducato : chiaro, competente ed onesto.

    CP

  • 10 Giugno 2015 in 08:58
    Permalink

    Io mi chiedo perchè Angella continua ad invitare in studio quel cafone. Oltre che ad essere uno che spara le cose a casaccio e per culo a volte ci becca, si permette pure di bere in studio, offendere il conduttore e parlare sopra agli altri…non credo ci sia qualcuno che apprezzi il suo fare e rimango sempre più allibito nel vedere che si continua ad ospitarlo. Tra l’altro manca anche di rispetto a tutti i tifosi del Parma quando festeggia per la disgrazia sportiva che ci sta capitando…vergogna davvero!

  • 10 Giugno 2015 in 09:04
    Permalink

    Gentile Direttore,
    mi unisco al coro dei complimenti, meritatissimi, che i suoi lettori continuano a dispensarle in quanto lei rappresenta realmente una delle rarissime eccezioni al tristissimo panorama giornalistico di questa città.
    Passando alle altrettanto tristi vicende di nostro interesse, vorrei dirle che sono piuttosto disorientato dallo svolgersi della vicenda perché non riesco proprio a capire quali siano le garanzie o rassicurazioni che gli acquirenti possano ottenere dai curatori e/o dal giudice fallimentare.
    Questo non tanto perché non condivida le perplessità dei loro legali rispetto alla scomposizione del debito sportivo, ma perché, come peraltro già rappresentato da un paio di altri lettori, non credo che sia nei poteri del tribunale escludere la possibilità che qualche soggetto escluso possa intentare azioni legali o istanze di risarcimento, così come è ancora più improbabile che i curatori possano lavorare sulla riduzione del parco giocatori e conseguentemente dei costi futuri.
    Ciò premesso, vorrei quindi chiederle quali siano i temi e gli argomenti su cui possa essere intavolata la discussione durante la trattativa privata (es garanzie rispetto all’ allocazione della restituzione del prestito della Lega/FIGC ?) e se essi possano essere sufficienti per sbloccare la situazione.
    Grazie , cordiali saluti

    • 10 Giugno 2015 in 09:22
      Permalink

      Intanto grazie per i complimenti. Circa le trattative private è palese che non possano discostarsi più di tanto dal punto in cui si è arrivati, ma il compratore qualche certezza in più potrebbe spuntarla. Il Parma è un carrozzone in cui ogni giorno ne salta fuori una e c’è pure un po’ di tendenza a fare i furbini…
      Cordialmente
      Gmajo

      • 10 Giugno 2015 in 09:55
        Permalink

        la tendenza da parte di chi? di chi compra o di chi vende?

  • 10 Giugno 2015 in 09:25
    Permalink

    Finalmente una vellutata,profumata,delicata e soffice critica all’operato dei curatori (e non da parte mia…che senno’ arrivano i soliti fenomeni a chiedermi se ne so di piu’ io..) da parte di un altro addetto ai lavori avvocato Germi….
    Visti i risultati forse forse era opportuno operare in altra maniera….ma a Parma costoro sono stati santificati a dismisura…sono diventati personaggi da jet-set…interviste (con tanto di uffici stampa ad hoc), copertine, conferenze stampa…
    Per non parlare poi dell’utilissia ed essenziale figura di Albertini col suo straordinario ed impagabile operato….qualcuno ne ha avuto notizia?…
    Ecco i risultati.
    Situazione che era difficilissima e i risultati magari i medesimi anche operando in altro modo, ma noi abbiamo conosciuto questi e di questo parliamo.

    • 10 Giugno 2015 in 13:55
      Permalink

      Tuttologo Paga la Cenahahahah

      NON aspettare Troppo dai là

      Tra qualke Mese Peggio Sarà !!!!

  • 10 Giugno 2015 in 09:26
    Permalink

    Io vorrei essere ottimista, però Majo, sorvolando la grama figura fatta dal Corrado il quale dopo aver mostrato i muscoli con la famosa intervista si è limitato al ruggito di un topolino alla prova dei fatti (tra l’altro la sceneggiata della busta consegnata dal figlio è favolosa, visto che bastava una Pec e la sua manco era un’offerta ma una manifestazione di interessi palesemente contro il disciplinare di gara e quindi inutile), vorrei sapere come secondo lei la curatela può accontentarlo.
    Non tanto sulla certificazione del debito, ma sui tagli che il leone pretende dei vari Santacroce, etc.
    Non siamo qui a dire da mesi che i tagli unilaterali non sono possibili?
    Quindi lui ha pistapocciato mesi sui numeri per chiedere la mattina dell’ultima asta delle ultime aste una roba nei fatti impossibile? A me sa tanto di altri signori che hanno detto che i numeri non erano quelli che pensavano, che i debiti erano più alti, che.. etc. etc. etc.

    • 10 Giugno 2015 in 10:29
      Permalink

      È evidente che su alcuni punti Corrado non potrà esser accontentato, ma su determinate rassicurazioni i curastars debbono assumersi le proprie responsabilità. Manca la chiarezza e per quel che è possibile è giusto offrirla.

  • 10 Giugno 2015 in 09:40
    Permalink

    qui tutti hanno paura della serie d ma vista la serietà di certi non sarebbe meglio ripartire dal basso con uno tipo zanetti? dopo tutto in serie b non ti regalano niente e una promozione al primo anno non sarebbe così scontata, vedi bari e catania.

    • 10 Giugno 2015 in 10:40
      Permalink

      Fin che c’è una flebile speranza di b va perseguita fino in fondo.
      La serie b ci era stata promessa in pompa magna nella sala di rappresentanza municipale dai vertici del calcio e dal sindaco. E io ora la voglio.
      Se la serie d era bella doveva esser rifiutata allora è non scendere a patti con il diavolo federazione e lega serie a. Se lo stesso rogato aveva avallato allora la tavola apparecchiata non può tirarsi indietro ora, perché già prima non c’erano le condizioni per esercizio provvisorio, basato su elargizione lega. Quindi ora anche lui deve andare fino in fondo concedendo le trattative dirette.

      • 10 Giugno 2015 in 11:16
        Permalink

        e cosa cambia con la tante invocate (adesso) trattive private? I problemi sul tavolo restano gli stessi e i curatori non possono certo garantire che il debito sarà cristallizzato, quindi non vedo che differenza ci potrebbe essere.
        Comunque, a latere, meno male che da mesi i soliti ben informati giuravano che tutto fosse apparacchiato!!!

        • 10 Giugno 2015 in 11:31
          Permalink

          Ma in effetti tutto è apparecchiata. Diciamo che l’ultima avvenente pulzella yankee, intromessasi tra i promessi sposi sta facendo saltare il banchetto predisposto

      • 10 Giugno 2015 in 11:19
        Permalink

        Tutto quel che c’era da dire di importante l’hai detto tu in questa risposta! Bravo Majo

      • 10 Giugno 2015 in 11:45
        Permalink

        a me sapeva di pagliacciata prima, con il sindaco in testa, e ancor più adesso. manenti tra un po’ lo uccidevano, poi i fatti hanno detto che era un buffone, ma questi non sono da meno

  • 10 Giugno 2015 in 09:42
    Permalink

    Comunqu ad oggi Boni e’ uno dei pochi che aveva ragione!

    Ps Direttore , Germi le somiglia tantissimo

    • 10 Giugno 2015 in 10:33
      Permalink

      Che germi mi somigli la prima a dirmelo è stata Silvia Serena legale del Parma ghiroleonardiano e compagna di Ciccio Melli.
      Boni ha ragione? Ma lasciAmo perdere le buffonate peraltro offensive. Ha scritto bene uno prima: né dice tante che ogni tanto di culo qualcuna la becca. Comunque è da poverini averlo a riferimento.
      Cordialmente
      Gmajo

      • 10 Giugno 2015 in 12:34
        Permalink

        io non ce l’ho a riferimento, constato solo che aveva ragione!

        • 10 Giugno 2015 in 12:35
          Permalink

          aveva ragione un paio di balle, dai. Cazzo, come siete ridotti male a dar retta a un capopopolo siffatto… Ma ragione cosa? Dailà. parliamo di cose serie.

          • 10 Giugno 2015 in 13:03
            Permalink

            Pero’ e’ simpatico dai!! Con lui la trasmissine e’ vivace.

  • 10 Giugno 2015 in 09:54
    Permalink

    Direttore buongiorno; questa attesa è snervante…è riuscito a scoprire qualcosa di più su Meli? Lui se non ricordo male in un intervista dichiara che i suoi partner appartengono all’area mediorientale. Dal petrolio al food & beverage.
    Grazie mille.

    • 10 Giugno 2015 in 10:14
      Permalink

      Non sono interessato a saperne di più di meli. Mi bastano già gli altri due

  • 10 Giugno 2015 in 09:55
    Permalink

    Se dovessimo andare a trattativa privata, meglio Piazza di Corrado. Che delusione quest’ultimo.
    P.s: non commento neanche Boni.

    • 10 Giugno 2015 in 10:12
      Permalink

      Non capisco perché gonfiate piazza più di Corrado a fronte di analoga strategia.

      • 10 Giugno 2015 in 10:14
        Permalink

        Almeno Piazza ha versato una caparra. Comunque quando si sapra` qualcosa?

        • 10 Giugno 2015 in 11:16
          Permalink

          Solo i superficialotti si lasciano incantare da una caparra messa li, peraltro con richiesta di restituzione. E che la tifoseria sia piena di superficialotti mi rendo conto sia fisiologico. Ma in questa community mi piacerebbe che si usasse il cervello senza lasciarsi incantare da specchietti per le allodole.
          I fatti dicono che ieri entrambi i possibili compratori, pur adottando strategie diverse, hanno mandato ai curastars lo stesso messaggio: non ci fidiamo delle vostre parole.
          E se c’è uno dei due che più si è tirato indietro quello è piazza che a porta vuota e senza avversari ha sparato alto

          • 10 Giugno 2015 in 12:11
            Permalink

            Però deve ammettere che Corrado ha molto deluso dopo le pa role dei giorni scorsi.

          • 10 Giugno 2015 in 12:25
            Permalink

            Indubbiamente, e penso di averlo anche esposto. Ma ritenerlo peggiore di piazza è sbagliato. E farsi incantare dal milioncino da allodole

          • 10 Giugno 2015 in 12:42
            Permalink

            Non sono per nulla incantanto. Entrambi vorrebbero spendere giusto il minimo indispensabile (altro che progetto milionario per ritornare grandi). Semplicemente rimango super deluso da una persona che credevo affidabile.

      • 10 Giugno 2015 in 10:37
        Permalink

        ascolta majo ognuno gonfia chi gli pare siamo in democrazia,anche tu per un periodo hai gonfiato manenti anche se solo a 0,1 atmosfere per la verita’,io ne avrei di gente da gonfiare….
        ho comprato un compressore da rossetti all’uopo

        • 10 Giugno 2015 in 10:58
          Permalink

          Piantiamola lì con gli stupidi luoghi comuni. Ho già spiegato mille volte la razionalità del mio modestissimo sostegno a Manenti in quanto a conoscenza dei suoi movimenti con importanti dirigenti bancari. E non mi pento affatto di quel che ho detto e scritto in piena coscienza e adottando il mio abituale metodo di lavoro soppesando tutti gli elementi di mia conoscenza.

      • 10 Giugno 2015 in 11:12
        Permalink

        Piazza non ha offeso nessuno e soprattutto ha messo i pippi come dice la signorina Silvani, ricordiamoci che da mesi e mesi nessuno aveva esposto un euro se non qualche sponsor.

        • 10 Giugno 2015 in 11:42
          Permalink

          Ma ha messo i Pippi per cosa, che tanto gli tornano indietro, come da richiesta, se non va a buon fine? Se non li avesse voluti indietro, al di là di richiederli, avrebbe dovuto fare una offerta vera secondo il disciplinare, cosa che non ha fatto. Era solo a porta vuota e ha sparato alto e voi superficiali allodole pensate allo specchietto di un milioncino.
          E poi corrado non ha offeso nessuno, ma detto le cose come stanno

  • 10 Giugno 2015 in 09:58
    Permalink

    forse non hai capito che c era da tagliare di brutto in maniera poco ortodossa, per avere qualche chance. Se non lo facevano non si arrivava neanche a questo punto

    • 10 Giugno 2015 in 10:10
      Permalink

      Claro. Però giustamente senza certezze uno di buon senso non fa un salto nel vuoto…
      Se i tagli li reputano incontestabili lo certifichino. Sia loro che lega e Figc, le cui promesse di marinai sono lampanti…

  • 10 Giugno 2015 in 09:59
    Permalink

    Boni da Delirio ieri sera…chissa Fabris dove lo porterà a mangiare.
    Scherzi a parte. Grande Direttore!!!

  • 10 Giugno 2015 in 09:59
    Permalink

    Su Albertini concordo, totalmente inutile. Ma che ci fosse stato o meno cambiava poco, essendo appunto né utile né dannoso, solo inutile

  • 10 Giugno 2015 in 10:27
    Permalink

    Non smetterò MAI di ringraziare Ghirardi per tutto questo…

  • 10 Giugno 2015 in 10:31
    Permalink

    tranquilli oggi arriva lo sceicco e glielo regalano (cit)

    per la cronaca all’udienza di oggi non mi risulta si presentera’ nessuno dei possibili interessati,ah gia’ c’e la PEC siamo nell’era di internet , pec canta villan dorme ,verba volant e-mail manent

    • 10 Giugno 2015 in 11:00
      Permalink

      Oggi non si devono presentare i presunti compratori per il semplice fatto che si trovano i curatori, il giudice delegato e il comitato dei creditori che accoglieranno quanto pervenuto ieri

      • 10 Giugno 2015 in 11:09
        Permalink

        bravo spiegaglielo ai minus habens che oggi son li in tribunale a sperare che si presenti lo sceicco,tanto poi ad andare a lunedi’ c’e tempo
        vedrai in 3 giorni come arrivano le garanzie richieste dagli inteessati.
        dopo 6 aste infilate una dietro l’altra cosa vuoi che siano i paletti …messi dai grandi amatori di parma

  • 10 Giugno 2015 in 10:52
    Permalink

    Majo ho visto la trasmissione ieri sera, le faccio i complimenti per il suo modo di argomentare. Quello che però mi deve spiegare è come fa a “resistere” a Boni, a non cadere mai nelle provocazioni di questo “pagliaccio di corte”. Le faccio veramente i complimenti, io non ne sarei davvero capace.

    • 10 Giugno 2015 in 11:52
      Permalink

      Grazie. In effetti la sera prima, pur non essendo nella mia indole, son caduto nella provocazione reagendo. Cosa di cui mi scuso perché uno non dovrebbe scadere. Ma alle volte le provocazioni travalicano i miei limiti di sopportazione.
      Grazie ancora.
      Cordiali saluti
      Gmajo

  • 10 Giugno 2015 in 11:00
    Permalink

    Ieri non ho seguito la puntata e non ho tempo di riguardarla.

    two fast questions:

    1) quanto ci perde a livello economico la Lega/Figc in caso di fallimento del Parma???

    2) il paracadute viene riconosciuto, anche in caso di fallimento, ai creditori di quello che fù il Parma Fc??

    • 10 Giugno 2015 in 11:47
      Permalink

      1. Almeno i famosi 5 ml e gli altri crediti ammessi
      2. Secondo l’avvocato germi si (anche se non mi ha mai dimostrato in base a quale,principio) secondo me no

      • 10 Giugno 2015 in 12:26
        Permalink

        Sul punto 1 sono in totale 11.5 milioni i soldi che perderebbe la lega, ovvero i 5 milioni prestati + i 6.5 milioni di debito contenuti nel debito sportivo.

  • 10 Giugno 2015 in 11:06
    Permalink

    A mio parere l’unica cosa che si può spuntare nella trattativa privata è la certificazione del debito sportivo, che già non sarebbe poco, ma sulla garanzia delle eventuali cause future penso che ci sia poco da fare. Più che far vedere nel dettaglio le motivazioni che hanno portato i curastars a fare determinati tagli non possono. Sicuramente ci dovrà essere l’intervento della FIGC che metta nero su bianco il debito sportivo necessario per l’iscrizione alla B e la questione dei 5ml. Cosa ne pensa basterebbe?

  • 10 Giugno 2015 in 11:06
    Permalink

    Caro Direttore, volevo farti i miei sinceri complimenti per l’opera che hai svolto, stai svolgendo e svolgerai, mettendo a disposizione questo blog, vivace e bello anche graficamente. Unico problema: ma li devi proprio leggere preventivamente i post? Ne soffre l’immediatezza.

    • 10 Giugno 2015 in 11:44
      Permalink

      Caro te, ne va a discapito della immediatezza, ma rischiare denunce o provvedimenti disciplinari per omesso controllo non mi va.
      Del resto il problema si crea solo in occasioni straordinarie…

  • 10 Giugno 2015 in 11:13
    Permalink

    Diciamo che se Corrado sabato sapeva di non fare offerta poteva risparmiarsi il comizio elettorale che gli aveva garantito anche il mio sostegno e ora gli torna indietro come un boomerang…
    Non è stato molto furbo, come non furba è stata la mossa di non versare cauzione che cmq gli sarebbe stata restituita ma avrebbe dato alla sua mossa un briciolo in più di serietà.

    Saluti

    • 10 Giugno 2015 in 11:39
      Permalink

      Intendiamoci. La mossa di corrado ha lasciato perplesso pure me. Ed ero perplesso sin da quando mi era stata illustrata il giorno prima e anch’io trovo indifendibile la non inserzione dei conquibus. ma su questo dettaglio, peraltro insignificante se non per il popolino delle allodole, bisognerà chiedersi chi è perché è con quali interessi ha consigliato corrado a muoversi così.
      Io, prima di esprimere un giudizio preferisco farmi una opinione valutando tutti gli indizi
      Cordialmente
      Gmajo

  • 10 Giugno 2015 in 11:15
    Permalink

    poi scusa,qualcuno mi deve ancora spiegare che significato ha mettere un udienza il giorno 19 (la famosa cristallizzazione del debito sportivo) 4 giorni dopo la fine dell’esercizio provvisorio
    se mi son perso qualcosa chiedo venia

    • 10 Giugno 2015 in 11:33
      Permalink

      Ricordo che è stato anticipato di un mese rispetto a quando sarà cristallizzato tutto (20 o 21 luglio, non ricordo bene)

      • 10 Giugno 2015 in 11:52
        Permalink

        Il 19 giugno è l’esame delle passività rilevanti per il debito sportivo.Ed è necessario perchè entro il 30 se vuoi iscriverti alla serie B questo debito sportivo devi garantirlo e quindi conoscerne l’ammontare.
        Il 20 luglio invece è la verifica dello stato passivo di tutto il fallimento di Parma Fc.

        Un appunto,in trasmissione l’avvocato chiamato in trasmissione continua a sostenere che secondo le sue fonti oppure a modifica delle normative,il paracadute spetti alla società fallita in ogni caso.Bisogna che facciate presente che non è così,e mi pare che il naso Majo l’abbia storto.Il paracadute spetta ad ogni squadra retrocessa dalla A alla B e non al fallimento.La nuova società acquisterebbe il ramo sportivo della fallita e si sostituirebbe a questa ed è a questa che spetterebbe il paracadute.

        • 10 Giugno 2015 in 11:56
          Permalink

          Eh, infatti. L’avvocato Germi in questo specifico caso si è affidato a una musa ispiratrice che secondo me lo sta portando fuori mano. Più di una volta non gli ho nascosto le mie perplessità. E lui del resto non mi ha mai portato prove provate convincenti della bontà del suo assioma. Lui parla di regole cambiate un anno fa, ma io non ho trovato niente al riguardo.
          Cordialmente
          Gmajo

          • 10 Giugno 2015 in 12:12
            Permalink

            I curatori stessi hanno affemato che il paracadute non spetterà a loro ma sarà nella disponibilità di chi acquista.
            La Lega stessa con comunicato del 28 febbraio(quindi più recente di così) cita:”…paracadute retrocessione…lo stesso sarà, per definizione e per sua natura, certo, liquido ed esigibile solo nel momento in cui: a) le società saranno ufficialmente retrocesse, b) le stesse saranno ufficialmente ammesse e parteciperanno effettivamente al campionato di Serie B, c) saranno note tutte le società retrocesse e l’ammontare monetario sarà di conseguenza quantificato”

  • 10 Giugno 2015 in 11:17
    Permalink

    Per me Corrado e Piazza sono sullo stesso piano, entrambi NON hanno fatto offerte, a Piazza dò un punto in più se è vero che ha versato una caparra.
    Non so cosa ce ne verrà fuori dalle trattative private, sono quasi dell’avviso che non me ne frega più niente, facessero i loro porci comodi, se finiremo in Serie D mi dispiace solo per i dipendenti, di cui non oso immaginare lo stato d’animo e mi dispiace per lo sforzo del Capitano e la squadra nel tentare di rendere appetibile il club. Per il resto ne ho le palle piene!!!

  • 10 Giugno 2015 in 11:23
    Permalink

    ma avete visto ieri che culo il bologna ieri allucinante odio più bologna di modena zio vaca

    • 10 Giugno 2015 in 11:44
      Permalink

      Caro reggiano,
      non so te ma noi in questi giorni abbiamo altro da pensare che al culo dei bolognesi…

    • 10 Giugno 2015 in 11:47
      Permalink

      tu dovresti essere lor amico in teoria. Nel tutti contro tutti emiliano c’è solo l’amicizia tra bolognesi e reggiani

      • 10 Giugno 2015 in 13:02
        Permalink

        IO personalmente li odio

  • 10 Giugno 2015 in 11:28
    Permalink

    Temo un colpo di scena…ho paura che da oggi saremo nelle mani dell’UPI o di Zanetti

  • 10 Giugno 2015 in 11:44
    Permalink

    Il brescia ha alle spalle infront quindi la lega calcio e la figc penso stiano lavorando per ripescare il brescia tutto ai danni del parma attenzione a questi personaggi che hanno rovinato il calcio italiano

    • 10 Giugno 2015 in 12:00
      Permalink

      Se è per quello anche il parma di favori, certo molto interessati, ne ha avuti da lega e Figc. E tuttora potrebbe averne. Quindi è meglio tacere

  • 10 Giugno 2015 in 11:47
    Permalink

    Amesso e non concesso che oggi ci sia il via libera (sarebbe una giustificata ulteriore forzatura) mi chiedo come si possa fare a chiudere una trattativa entro il 15 (escludo a priori una ulteriore proroga) quando le garanzie richieste sono tante e riguardano per lo più questioni di competenza delle istituzioni sportive, che non brillano sicuramente per celerità.
    Grossi interrogativi anche riguardo alla scelta dell’interlocutore, sono almeno due e, oggettivamente, non mi pare che uno di questi abbia fatto qualcosa di cosi tangibile da meritare di essere in prima fila.
    Gli interessati chiedono comprensibilmente garanzie perchè le cose poco chiare sono diverse ma, arrivati a un certo punto, se un operazione la vuoi fare ti devi assumere anche dei rischi

  • 10 Giugno 2015 in 11:47
    Permalink

    DIRETTORE BUONGIORNO
    INTANTO LE FACCIO I COMPLIMETI PER LA PROFESSIONALITA’.
    MA COSA MI DICE PER IL SETTORE GIOVANILE? SE FINISSIMO IN D, NON C’E’ MODO DI TUTELARE ALMENO QUELLO?

    • 10 Giugno 2015 in 11:58
      Permalink

      Purtroppo no. E i giovanissimi manco potranno andare a Chianciano. Avrei voluto fare un pezzo al riguardo ma sono col pc in pronto soccorso…

      • 10 Giugno 2015 in 12:44
        Permalink

        So che si tratta di due situazioni assolutamente differenti, ma dal 2012 la Benetton Basket Treviso, dopo che i suoi proprietari han deciso di mandare in pensione la prima squadra, è operativa solo a livello di squadre giovanili. Di fatto la società trevigiana non è mai fallita, pur avendo avuto qualche problemino economico prima che si prendesse una decisione del genere, e l’aver scelto di intraprendere questa strada le ha consentito di convertirsi in una realtà con la chiara vocazione di lavorare sui giovani. Capisco che i curatori abbiano per la testa altri pensieri e problemi in questo momento, capisco che il Parma sia una società dichiarata fallita, pertanto in una situazione diversa da quella dei trevigiani; ma proprio per non rubare un sogno alle nostre giovanili, si dovrebbe trovare un qualche cavillo o appiglio legale e permettere al Parma di separare le sorti della prima squadra da quelle delle giovanili e fare fino al 30 giugno ciò che la Benetton Basket Treviso fa da tre anni.

  • 10 Giugno 2015 in 11:49
    Permalink

    il 30 giugno scade il termine per iscriversi in serie b. mi chiedo a cosa sia servita questa buffonata dell’asta – chiamarla asta è improprio, un’asta a manifestare l’interesse – si andava subito a trattativa privata e bona lì.

    • 10 Giugno 2015 in 12:05
      Permalink

      Sulla interpretazione audace dei curastars mi ero ampiamente espresso in tempi non sospetti pur a costo di esprimi agli strali del prof avv malvisi. E poi ieri sera un genio ha pensato bene di scrivermi che io prima esaltato i curastars per poi attaccarlo ora. Io ho sempre mantenuto la stessa coerenza spiegando le cose nelle mie analisi in tempi non sospetti…
      Cordialmente
      Gmajo

    • 10 Giugno 2015 in 12:19
      Permalink

      Bella scoperta visto che Calcagno è anche procuratore di Amauri,lo stesso Amauri che non ha accettato decurtazioni,a cui sono stati stralciati 2ml di incentivo,salvo poi arrivare con 1 giorno di ritardo pronto a rinunciare all’80%.Troppi interessi in ballo che si intrecciano.

      • 10 Giugno 2015 in 12:19
        Permalink

        Calcagno avvocato di Amauri pardon

  • 10 Giugno 2015 in 11:56
    Permalink

    ma solo a me non me ne frega un cazzo se ci prende corrado o Piazza?!?!?!Basta che qualcuno ci compri…Oramai non ne posso più!

    E voi state qui a preferire l’uno piuttosto che l’altro? mah

  • 10 Giugno 2015 in 12:05
    Permalink

    CHE BELLO IL CALCIO MODERNO, INTANTO INDAGATO LOTITO PER ESTORSIONE E ALTRI 5 PER SCOMMESSE.
    DAVVERO LO SPECCHIO DELLA NOSTRA SOCIETA’ QUESTO CALCIO INFAME CHE RIESCE A CANCELLARE ANCHE I SOGNI DEI PICCOLI NON SOLO QUELLO DEI GRANDI
    IN BOCCA AL LUPO DIRETTORE SPERO NON SIA NULLA DI GRAVE

    • 10 Giugno 2015 in 12:07
      Permalink

      Non sono io al pronto soccorso, quanto il computer che è in assistenza. Era un pronto soccorso figurato
      Grazie per interessamento e chiedo scusa per l’equivoco

  • 10 Giugno 2015 in 12:07
    Permalink

    Mi si è bloccato il video……su un frame in cui boni stava delirando su pizzarotti…..la faccia di majo che lo ignorava completamente come se non esistesse neanche è F A N T A S T I C A!!!che pazienza che ha direttore, io gli avrei tirato la bottiglia in testa…ma chi pensa di essere il muggini dei poveri???

    • 10 Giugno 2015 in 12:08
      Permalink

      Non difendiamo Mughini, che sarà juventino ma che è di cultura e intelligenza ben superiore alla media

  • 10 Giugno 2015 in 12:12
    Permalink

    Direttore qual e la sua sensazione?

    • 10 Giugno 2015 in 12:18
      Permalink

      Sono in attesa, pronto a tutto. Ma con una unica speranza

  • 10 Giugno 2015 in 12:20
    Permalink

    Majo mi dica se la mia interpretazione potrebbe essere corretta.
    Non pensa che se oggi il giudice Rogato concederà la possibilità di andare alle trattative private, ci saranno buone possibilità di chiusura di queste? Questo lo deduco dal fatto che, siccome ormai i curastar conoscono le richieste dei papabili, sanno se poterle o meno accontentare, se non in toto almeno in parte. Di conseguenza se danno il via alle trattative private vorrebbe dire che quasi sicuramente possono andare incontro agli acuirenti, altrimenti secondo me i giochi finiscono direttamente oggi alle 13:30. Ma il prolungamento comunque dell’agonia potrebbe essere un ottimo segnale…che ne pensa?

    • 10 Giugno 2015 in 12:23
      Permalink

      I giochi o si chiudono male oggi oppure si prolunga la telenovela di qualche giorno. Che finisca bene oggi ho molti dubbi

  • 10 Giugno 2015 in 12:21
    Permalink

    Direttore gli umors sono di GAME OVER.
    Tanto qusti 4 giorni allungherebbero solo l’agonia il Parma calcio è INVENDIBILE!

    • 10 Giugno 2015 in 12:27
      Permalink

      Io non la penso così. E il suo mi sembra un risibile pessimismo scaramantico, senza un briciolo di razionalità

  • 10 Giugno 2015 in 12:21
    Permalink

    Salve amici parmigiani, pur essendo contento per voi, che mi siete simpatici anche prchè il mio concittadino Scala ha fatto furori da voi, non sopporto che in Italia le regole siano sempre interpretate per gli amici (e in questeo caso definite di buon senso) e applicate peri nemici.
    La curatela ed il giudice hanno fatto e faranno di tutto pur di salvare il titolo sportivo di Parma, sullo stile che fece l’Agenzia delle entrate per la Lazio decenni fa o altri casi analoghi.
    Semplicemente vorrei che, almeno in futuro, che una squadra non vivesse sopra le proprie possibilità per anni, a scapito di squadre che rispettano i canoni finanziari e magari retrocedano, eppoi, voilà, falliscono, si riduce il debito sportivo a scapito dei fornitori e , belli come il sole, si svende la categoria.
    In Spagna e Francia Elche e Lens sono retrocessi per debiti e ,col fallimento ripartono dalla categoria inferiore.(il lens dalla 3)
    Questo ragionamento non è contro il Parma, visto che molte altre società ne hanno beneficiato in passato (Bari,Bologna,Verona etc)
    Cmq in attesa che l’italia sia più ferrea nelle sue leggi e che passi il principio di far riparire da una categoria inferiore le società fallite e comperate all’asta, per rispetto ai club che si impegnano a non far passi più lunghi della gamba, brinderò al buon esito (vedrete il palazzo farà di tutto che accada) del Parma.

  • 10 Giugno 2015 in 12:28
    Permalink

    Aspettare l’ultima asta di 6!!!!! per manifestare interesse è una presa per i fondelli anche al giudice che non prevedeva trattative private.qui stiamo scherzando cosa vogliono contrattare col tribunale? Immagino solo il prezzo perchè su quello che faranno le decine e decine di calciatori in futuro nessuno può garantire niente mi pare lapalissiano..quindi? Ci hanno preso in giro e basta. Con la morte nel cuore mi preparo per il funerale del parma. certa che con la D non sarà mai il parma che ho amato e con cui ho camminato in questi lunghi anni..il parma di ceresini, di sacchi, di zeman, di scala..il parma di wembley ….questo parma di 101 anni è morto. Al neonato se nascerà gli auguro tanta fortuna

  • 10 Giugno 2015 in 12:32
    Permalink

    Majo non ho ben capito una cosa…quale sarebbe il vantaggio per Corrado/Piazza di andare a trattativa privata?

    L’unica cosa che capisco è che probabilmente il titolo sportivo si potrebbe prendere ad una cifra minore rispetto ai 4mln dell abase d’asta di ieri, ma oltre a quello?che garanzie vogliono ? mi pare che la tavola sia apparechiata e più di cosi non è possibile fare..

    • 10 Giugno 2015 in 12:33
      Permalink

      Potrebbero ottenere qualche garanzia in più e comunque meglio chiarirsi rispetto alle formalità di rigide procedure scritte

      • 10 Giugno 2015 in 12:35
        Permalink

        Gabriele, ma a trattativa privata può andare anche Mike Piazza oppure i curatori danno priorità a Corrado che inviato il plico con la manifestazione d’interesse?

      • 10 Giugno 2015 in 12:36
        Permalink

        Pensarci prima no vero? Ma dai….6 aste…cavolo

  • 10 Giugno 2015 in 12:33
    Permalink

    Però direttore non ha risposto alla mia domanda. Il fatto che attribuirei al presunto prolungamento di oggi, una elevata probabilità di chiusura non le sembra corretto? X i motivi sopracitati ovviamente

    • 10 Giugno 2015 in 12:36
      Permalink

      elevata probabilità no. Possibilità ancora per una oretta sì

  • 10 Giugno 2015 in 12:36
    Permalink

    Marco Bellinazzo: “Il vero ostacolo per le possibili trattative con i due pretendenti però non sembra più essere il debito sportivo in quanto tale. Inizialmente si era parlato di 74 milioni. In realtà, dopo le verifiche i curatori si sono accorti che la somma era di 88 milioni. Ciò nonostante sono riusciti ad abbassarla fino a 22,2 milioni. Ma in entrambe le manifestazioni di interesse l’acquisto del Parma viene condizionato,oltre alla garanzia dell’intangibilità del clacolo avvenuto, alla risoluzione della maggior parte degli 80 contratti stipulati dal club. Tuttavia, non è nei poteri giuridici dei curatori quello di tagliare in maniera drastica la rosa come Corrado e Piazza desidererebbero. Semmai è un onere che ricadrebbe sulla nuova proprietà”.

  • 10 Giugno 2015 in 12:38
    Permalink

    Credo che ancora non mi sono spiegato e chiedo scusa. Se sarà prolungamenti = elevata probabilità di chiudere una trattativa…

    • 10 Giugno 2015 in 13:16
      Permalink

      Secondo me non è automatico…
      trattative..trattative con 3 (almeno2) parti?
      .uhhhh…mi viene la pelle d’oca

  • 10 Giugno 2015 in 12:38
    Permalink

    Sono pessimista. E a questo punto mi viene da pensare che Corrado e Piazza non dovevano neanche provarci, se poi ora si cercano manleve, garanzie eccetera. Invece in questo modo magari si sta creando una corrente di pensiero (anzi si è già creata) dove i “curatori sono andati giù troppo duri , che non dovevano prendere certe posizioni eccetera ” .. Se i curatori non si fossero mossi in questo modo , il debito sportivo non si sarebbe mai ridotto a 22 mln . Questa non è una normale azienda ; ci sono normative che toccano il diritto dello sport.

  • 10 Giugno 2015 in 12:42
    Permalink

    Comunque se non si vende voglio vedere Rogato come risponde ai creditori per:

    1) non aver dichiarato il fallimento a gennaio quando anche i cani sapevano che c’erano i presupposti, con questa mossa peggiorando lo stato passivo del Parma caricandolo di altri due mesi di debiti;
    2) aver concesso un esercizio provvisorio senza verificare che la natura della somma che avrebbe dovuto rendere sostenibile tale esercizio (rivelatasi poi nella migliore delle ipotesi una passività chirografa)
    3) avere con questo esercizio provvisorio di fatto accumulato ingenti costi in prededuzione a ulteriore danno dei creditori

    Io penso che il primo a scottargli il culo in caso di mancata vendita sia lui e farà di tutto per agevolarla.

    Saluti

  • 10 Giugno 2015 in 12:45
    Permalink

    Però Gabriele, devi ammettere che Boni ha ragione su Ghiro, Leo e company. Si è taciuto troppo su di loro quando sono stati la causa dei nostri guai… altro che Taci e Manenti. Sai spiegarmi il perchè di questo?

    • 10 Giugno 2015 in 12:56
      Permalink

      ma non diciamo cazzate. chi cazzo è che se li era tatuati sul petto? Chi aveva fatto le maglie celebrative? Chi ha steso tappeti rossi all’uno e all’altro.

      E chi è che – tra l’ostracismo di tutti, bollato come nemico del Parma – da unico in modo documentato aveva acceso la spia d’allarme?

      • 10 Giugno 2015 in 13:22
        Permalink

        Oh che cavolo…confermo… Boni lo abbiamo visto tutti quando diceva Leonardi santo subito o frasi del genere… grazie direttore anche se purtroppo la sua voce non è stata sufficiente..

    • 10 Giugno 2015 in 13:35
      Permalink

      La memoria corta tipica del tipico tifoso italiano.

  • 10 Giugno 2015 in 12:45
    Permalink

    Intanto a tutti quelli che scrivono ancora che c’è stato solo un manifesto di interesse da parte di Corrado vorrei precisare che sono stati i curatori a definirla così alle 16 del pomeriggio contraddicendo ciò che loro stessi avevono detto a mezzodì “pervenuta offerta d’acquisto” …oltretutto leggetevi le ultime mews in cui si conferma che il cosidetto manifesto di interesse non è altro che una vera offerta di acquisto d 4,6 milioni di euro!!!!! per cui basta con questa storia!!!! l’unica pecca e non da poco è il non aver versato la caparra….ma come dice il direttore versare una caparar sapendo che sarebbe stata rigettata per via dei vincoli….e da coglioni!

  • 10 Giugno 2015 in 12:46
    Permalink

    Mi tocca dare ragione a Boni..che vadano a comprare il Carpi…è anche in serie A….bagoloni…1

  • 10 Giugno 2015 in 12:59
    Permalink

    Io caro ANDREA2 sto col direttore. Majo è oltre ad essere una persona informata sui fatti e colta, sicuramente una persona coerente. Diverse volte ha ammesso di aver sbagliato su alcune cose, ma per me tutta la vita MAJO.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI