CALCIO & CALCIO PIU’ / I RETROSCENA SULLE CORDATE: CHI SOSTIENE CHI. BERTONCINI: “CHASE MANATTHAN BANK PROBABILE PARTNER DI PIAZZA”. DALLARA IN CAMPO CON ADLER?

20150604_205740(Evaristo Cipriani) – LA MAZZA DI BONI – Il Saltimbanco Enrico Boni con mazza, guantone e pallina da baseball (un ridicolo kit giocattolo) ieri sera in studio a Calcio & Calcio Più  su Teleducato (clicca qui per vedere la web registrazione della 38^ puntata). La popolare macchietta ha commentato con sarcasmo gli ultimi sviluppi della vicenda Parma: “Dopo Corrado e Mike (Piazza, nda), adesso mi aspetto che si faccia vivo Pippo Baudo, qui stiamo assistendo ad una presa per i fondelli continua nei confronti del pubblico di Parma”. Boni, agitando poi, la mazza, ha aggiunto. “La voce di Piazza è una bufala per fare pubblicità al mondo del baseball, martedì non si presenterà nessuno e sarà il mio trionfo oltre che la cosa migliore per il Parma che potrà ripartire dalla D con un progetto di rinascita e di crescita, senza la zavorra dei debiti”. Con il vulcanico opinionista e con il nostro direttore Gabriele Majo, nell’arena di Michele Angella, ieri sera c’era anche l’esperto di baseball Davide Bertoncini, che lavora per l’ufficio stampa della Federazione Italiana Baseball e Softball.

20150604_205735L’UOMO BASEBALL E PIAZZA  –  Proprio Davide Bertoncini, dopo aver fornito una serie di elementi sul profilo di Mike Piazza, ha fatto sapere che il progetto dell’ex campione prevede di costruire una dirigenza composta da personaggi di Parma, molto legata al territorio. Sempre secondo indiscrezioni raccolte da Bertoncini, Piazza sarebbe sostenuto dall’importante 20150604_205811banca d’affari americana Chase Manhattan. L’addetto stampa Fibs ha escluso che “Big Mike” si sia avvicinato al Parma per farsi pubblicità, ma non è apparso molto fiducioso sulla buona riuscita dell’operazione: “Non credo che ci siano i presupposti, anche se l’arrivo di personaggi che potrebbero portare la cultura sportiva e manageriale dello sport Usa nel calcio italiano è a mio avviso importante e da accogliere positivamente”.

20150604_205834CORDATE AI RAGGI X – Il conduttore Michele Angella ha proposto tre distinte grafiche identificative delle tre cordate in corsa (compresa quella napoletana di Scudieri). Per quanto riguarda il gruppo Corrado avrebbe come  partner un fondo americano, investitori italiani e si appoggerebbe su di una importante finanziaria internazionale con base italiana a Milano. A sostenere Corrado sarebbero all’interno del Parma il team manager Melli, capitan Lucarelli e il responsabile imagedelle relazioni esterne e uomo per tutte le stagioni Mirko Levati. La grafica ha sottolineato inoltre il “gelo” tra Corrado e il mondo degli industriali locali (“anche se nelle ultime ore ci sarebbe stato un chiarimento” ha specificato Majo). Per quanto riguarda il gruppo di Mike Piazza da rimarcare la presenza di partner Usa con il sostegno di una banca d’affari (forse proprio la Chase Manhattan). L’uomo-calcio e possibile futuro DG di Piazza sarebbe l’ex portiere e attuale agente Fifa Maurizio Franzone (piacentino, cresciuto nel Fidenza, poi Como, Cagliari imagee tante altre squadre minori in carriera), mentre l’uomo simbolo sarebbe Marco Osio. Inoltre la cordata ha già avuto contatti con Francesco Palmieri. Angella ha segnalato, infine, come i “Piazza Boys” abbiano ricevuto un’ottima accoglienza sia dalla curatela che dalla grande stampa (Gazzetta di Parma per intenderci). Menzionata, infine, l’ipotesi Adler Group, l’azienda con sede ad Ottaviano, in provincia di Napoli, che risponderebbe all’identikit fornito da Gabriele Majo lunedì scorso sempre dagli studi di imageTeleducato. Angella: “Abbiamo contattato i vertici di Adler e ci hanno smentito seccamente qualsiasi coinvolgimento nel discorso Parma, tuttavia potrebbe trattarsi di una smentita tattica, perché il nome Adler è fuoriuscito dallo spogliatoio del Parma ed è stato fatto ad alcuni senatori gialloblu o direttamente dalla curatela o da qualche dirigente”. Massimo Carpino, attualmente, nella società crociata si occupa di marketing. La grafica ha indicato il suo nome e anche quello di Donadoni (amicissimo dello stesso Carpino) come IMG-20150604-WA0010possibili sponsor della pista Adler. Adler che, occupandosi della produzione di componentistica per automobili, ha contatti professionali con la Dallara: la grafica non ha escluso che il contatto sia avvenuto proprio grazie ai rapporti con l’azienda di Varano. A tal proposito Majo ha rivelato: “L’ingegner Dallara dopo essere stato tra i promotori del progetto locale di ripartenza dalla D ora si starebbe convincendo dell’importanza del discorso B e quindi potrebbe essersi mosso in questo senso, anche se è da escludere un intervento della sua azienda”. Angella ha definito “lontana, al momento, la soluzione Fabio Giordano, visto che gli imprenditori americani a lui vicini erano disponibili solo in caso di trattativa privata”, mentre Majo ha escluso un inserimento di Massimo Zanetti, il quale, invece, sempre per il nostro direttore, potrebbe tornare in gioco per prendere la società in D.

TELEDUCATO TRIS – Angella ha annunciato nel corso della diretta di ieri sera l’impegno di Teleducato nel seguire, attraverso le proprie trasmissioni, la fase decisiva del futuro del Parma. La prossima settimana Calcio & Calcio sarà in onda oltre che lunedi e giovedì anche martedì, sempre in diretta e sempre con inizio alle ore 21

CLICCA QUI PER VEDERE LA 38^ PUNTATA DI CALCIO & CALCIO’ PIU’

image

CLICCA QUI PER VEDERE LA FOTOGALLERY AMATORIALE DAL BACKSTAGE

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

108 pensieri riguardo “CALCIO & CALCIO PIU’ / I RETROSCENA SULLE CORDATE: CHI SOSTIENE CHI. BERTONCINI: “CHASE MANATTHAN BANK PROBABILE PARTNER DI PIAZZA”. DALLARA IN CAMPO CON ADLER?

  • 5 Giugno 2015 in 15:48
    Permalink

    Dallara piociòn!Co fet a Napoli?At compri le LuisVitton tarocche?

    • 5 Giugno 2015 in 16:07
      Permalink

      Caro Davide, il sito stratosferico di Majo è visto anche in EUROPA PER CUI NEL RISPETTO DI TUTTI ITALIANI, PARMIGIANI E NON dovrestiXCesporre le tue idee in italiano o se non vuoi farlo, mettere almeno la traduzione altrimenti…..siamo proprio di provincia.

      • 5 Giugno 2015 in 17:59
        Permalink

        Velenos, a té propria spaché al bali, tí e i tó coment ch’in servón a étor che fér ed la confusió. Sat piés miga al dialét pramzán prova la andér’tla far sbator in tal cul…
        _TRADUZIONE_
        Velenoso, sono stanco di te e dei tuoi commenti che non servono a nulla se non a fare confusione. Se non ti piace il nostro dialetto puoi pure andare altrove.

        • 5 Giugno 2015 in 20:19
          Permalink

          Vedo che con educazione hai tradotto. Bravo pramzan (parmigiano)A me il dialetto piace e lo capisco ma se questa roba la legge un romano pensi che capirebbe qualcosa? Io fuori dalle balle non ci vado perché questo sito di Majo mi piace un sacco e poi è una persona intelligente e con le persone intelligenti io sto bene.

        • 5 Giugno 2015 in 20:30
          Permalink

          a me la traduzione non sembra completamente corretta 🙂

          • 5 Giugno 2015 in 20:49
            Permalink

            che ghe gnan d’avis

    • 5 Giugno 2015 in 17:42
      Permalink

      Ahahahahahah Davide!

  • 5 Giugno 2015 in 15:59
    Permalink

    Si puo` tranquillamente dire il vero nome di Chase Manhattan: JP Morgan Chase. JP Morgan+Chase Manhattan=JP Morgan Chase 😉

    • 5 Giugno 2015 in 16:27
      Permalink

      credo che al massimo siano gli advisor….

      • 5 Giugno 2015 in 17:33
        Permalink

        Chiaro.

  • 5 Giugno 2015 in 16:26
    Permalink

    Grande stampa Gazzetta di Parma è serio o ironico? hanno scritto di piazza due giorni dopo il resto del mondo

    • 5 Giugno 2015 in 16:43
      Permalink

      È chiaro che la grande stampa specializzata, per la tempistica, è nettamente penalizzata rispetto ai pirati del web, ma da loro ci sarebbe da aspettarsi quello che don marchi chiamava il poce’,
      Servilismo e scarsa propensione all’approfondimento di inchiesta e indagine mi paiono due problemi maggiori…
      Cordialmente
      Gmajo

      • 5 Giugno 2015 in 17:14
        Permalink

        Servilismo e pigrizia da passacarte ben pasciuti… direi

  • 5 Giugno 2015 in 16:39
    Permalink

    Dallara piocion è universale, la capiscono anche in Tibet.
    Ma anche Bellè e Schianchi nador.

  • 5 Giugno 2015 in 17:34
    Permalink

    Non e’ stata svolta da alcuno una seria e dettagliata analisi sulla interessante cordata Nucilli e sulla mai del tutto raffreddata pista Scaccia.
    Elementi che invece meritano grande attenzione.
    Tasselli che purtroppo mancano per serieta’ e completezza di informazione.
    Majo non credi sia il caso di raccogliere elementi e fare una sintesi?

    • 5 Giugno 2015 in 17:45
      Permalink

      Assolutamente no.
      Queste opzioni non meritano il mio tempo.
      Cordialmente
      Gmajo

      • 5 Giugno 2015 in 17:53
        Permalink

        Ahahahahah ma allora sto tipo pesantisimmo è anche veramente fuori come una rotonda sul mare. Nucilli & Schianchi casomai saranno presto i prossimi proprietari del Bologna se col Pescare non iniziate a giocare a calcio.

      • 5 Giugno 2015 in 17:53
        Permalink

        ue’ Majo…stavo a scherza’….non s’era capito?…

      • 5 Giugno 2015 in 17:55
        Permalink

        oh oggi ho visto kodra a parma !

        va be devo aspettare martedi’ per vedere le vostre facciazze da ….

  • 5 Giugno 2015 in 17:40
    Permalink

    Alla Testa d’ Erbazzone e Testa d’ Asinello

    Mandiamoli pure Fuori dal Paesello

    Attenzione al Cancello va là

    Tuttologi Moralisti del Nullahahahah

  • 5 Giugno 2015 in 18:02
    Permalink

    Premesso che chiunque farà un’offerta valida il 9 e chiunque sarà aggiudicatario è per me degno di immenso rispetto, ammirazione e gratitudine (e la città dovrebbe avere lo stesso sentimento), dovendo diciamo per gioco fare una scommessa andrei contro le previsioni più accreditate, le dichiarazioni tattiche e punterei tutto su Mike Piazza vincente. Offerta ben più alta della base d’asta (circa il doppio) e piano industriale quinquennale supportato da Jp Morgan. Anche perchè nessuno costituisce una società in regola con i disciplinari d’asta…parcheggia 7 avvocati e un membro del board di una banca d’affari a 12 ore di volo dalla propria città per non fare nulla…
    Ma in ogni caso comunque andrà un grazie anche al grande Corrado.

    • 5 Giugno 2015 in 18:31
      Permalink

      Minkia, il grande corrado deve cacciare fuori un deca per cercare di mantenersi in corsa?
      Cordialmente
      Gmajo

      • 5 Giugno 2015 in 19:10
        Permalink

        Corrado e’ out majo restera’ col cerino in mano e meno male mi stava gia’ sul …..

        • 5 Giugno 2015 in 19:12
          Permalink

          Perché, cosa ti aveva fatto, povero? Non dimenticate mai che dietro ha il fondo di tavecchio, non so se mi spiego…

          • 5 Giugno 2015 in 19:49
            Permalink

            il fondo…schiena

            ti spieghi ti spieghi

            in questo blogghetto, che sei un nemico del parma,che ci scrivono su due o tre sfigati

            ma…povra italia

    • 5 Giugno 2015 in 18:51
      Permalink

      Ohhh….questa poi….
      E perche’ non l’ha pigliata alla quinta asta in beata solitudine allora?….la va a pigliare alla sesta offrendo il doppio di base d’asta per sbaragliare la concorrenza….
      Quando si dice il fiuto degli affari….

      • 5 Giugno 2015 in 20:29
        Permalink

        Alla 5a asta il debito non era quantificato, può comunque dargli qualche lezione di youtube in vista di martedì

      • 5 Giugno 2015 in 20:30
        Permalink

        perché tra la quinta e la sesta ballano una decina di milioni di debito sportivo. E’ inutile che gufi tanto, Ghirardello, ti va male… anche perché James è molto ben informato

    • 5 Giugno 2015 in 19:59
      Permalink

      Scusa James, cosa ti fa pensare che Mike Piazza piazzerà (ahahah) un offerta doppia rispetto alla base d’asta?

    • 5 Giugno 2015 in 20:05
      Permalink

      James grazie per info, progetto interesante.

    • 5 Giugno 2015 in 20:24
      Permalink

      Magari, parliamo sul nulla ma preferirei lui come profilo

      • 5 Giugno 2015 in 20:52
        Permalink

        o come profilattico

        • 5 Giugno 2015 in 21:40
          Permalink

          ahahahah..te se peggio di me hahaha
          di sicuro..

  • 5 Giugno 2015 in 18:08
    Permalink

    Direttore mi corregga se sbaglio…amauri non ha accettato la decurtazione;giusto?complimenti per il sito.buon lavoro..

    • 5 Giugno 2015 in 18:24
      Permalink

      Direi di no stando stando alla relazione dei curastars,
      Grazie
      Cordialmente
      Gmajo

      • 5 Giugno 2015 in 18:30
        Permalink

        Quindi non becca nada giusto? Salvo lanciarsi in improbabili diatribe giudiziarie con gli avvocati di JPMorgan 😛

        Chi troppo vuole….

  • 5 Giugno 2015 in 18:44
    Permalink

    majo e’ vera la cosa di gp morgan?

  • 5 Giugno 2015 in 18:47
    Permalink

    Amauri bacia la maglia…mo va a cagher caval pacio’..ridicolo.NO AL CALCIO MODERNO

  • 5 Giugno 2015 in 20:26
    Permalink

    Ragazzi ora lo sappiamo, dopo GHIRARDI E LEONARDI cè una nuova entrè tra i NEMICI del Parma. AMAURI, giocatore che quest’anno nel Torino in campionato non ha segnato nemmeno una minchia di gol. QUESTO NON PRENDERA’ NEMMENO IL 20 O IL 25%, POTRà SPENDERE DELLE BELLE CIFRE IN AVVOCATI E POI PERDERA’ LA CAUSA. SE POI NON CI SARA’ NESSUNO CHE PARTECIPERà ALL’ASTA sapremo nei secoli dei secoli che lui è un traditore e saremo contenti perchè non prenderà lo stesso, nemmeno un euro.

  • 5 Giugno 2015 in 20:35
    Permalink

    Amauri ho un amico che ha dimestichezza con i riti voodoo. Vi posso dire anche come si chiama così se qualcuno pensa sia uno scherzo viene segato. Il suo nome è DAJT MASCI ed è albanese E e molti probabilmente a Parma lo conoscono. Ha circa 39 anni e abita a Ponte Taro..Lo voglio chiamare sul cellulare perchè mi dice sempre, “Quando hai bisogno chiamami e io farò tutto il possibile per accontentarti. “Io non gli ho mai chiesto niente ma mi sa che quando lo chiamerò, gli chiederò un favore. Gli chiederò UNA MACUMBA per AMAURI. Non sto scherzando,. Su questo vi terrò informati. ORMAI SE LìE’ CERCATA NON ALLINEANDOSI CON GLI AMICI DEL PARMA.

  • 5 Giugno 2015 in 20:38
    Permalink

    E questo columella ora chi è????

      • 5 Giugno 2015 in 21:01
        Permalink

        majo ci parli di columella

        • 5 Giugno 2015 in 21:14
          Permalink

          Cosa è una interrogazione? Sembra Brandonisio quando mi diceva ci parli della carpa…
          Cmq bisogna che interroghi nelle aule di via mantova. Questa è una loro primizia…

  • 5 Giugno 2015 in 20:38
    Permalink

    Ragazzi, avete comperato i sali che vi avevo consigliato? Se non l’avete fatto siete dei PIRLA allo stato puro. Lunedì molto probabilmente in farmacia i sali saranno esauriti per cui….sveglia.

    • 5 Giugno 2015 in 20:55
      Permalink

      Velenoso guarda premesso che hai una arroganza di Leonardiana memoria, te lo dico con il cuore compra tu una cosa : la Vaselina perché un bel prolasso emorroidario a te, Boni e compagnia cantante non ve lo toglie nessuno.

      Tornando a noi direttore ha letto l’articolo della Rosea? Dice che qualcuno potrebbe aspettare il 19 Giacche il debito sportivo potrebbe ulteriormente scendere e discuterne con Dott.Rogato, per me è una inesattezza e falsità piuttosto grave, poiché o si fa il 09/06 o se no D,lei cosa ne pensa?

      • 5 Giugno 2015 in 20:58
        Permalink

        Che è una corbelleria enormissima
        Poi quel roseo fa lui le pratiche di iscrizione in due giorni. E poi più tagliato di cosi il debito sportivo co voion? Già hanno usato la scure magica…

  • 5 Giugno 2015 in 20:46
    Permalink

    Info di servizio. Con lo smartphone (iphone) l’avviso dei cookie non scompare quando viene cliccato il pulsante accetta e il sito diventa praticamente inleggibile perché gran parte dello schermo e’ occupato dall’avviso..

    • 5 Giugno 2015 in 20:56
      Permalink

      Grazie. Segnalo al web master incluso i coleri di rito per gli inventori…

  • 5 Giugno 2015 in 20:48
    Permalink

    Sembra che columella sia il presidente del Matera…il quale ha dichiarato che probabilmente farà un offerta assieme a dei partner… Non giudico non conoscendo

  • 5 Giugno 2015 in 21:18
    Permalink

    USA FOR SAVE PARMA FC

  • 5 Giugno 2015 in 21:26
    Permalink

    Direttore Columella è una frottola? A me a pelle non piace lei non sa niente

    • 5 Giugno 2015 in 22:00
      Permalink

      Io ero a farmi un aperitivo con la rosy… Decisamente meglio che pensare al columnist…

      • 5 Giugno 2015 in 22:19
        Permalink

        Ma decisamente meglio che pensare anche a ste’ vaccate….

      • 5 Giugno 2015 in 22:30
        Permalink

        Un aperitivo??????! Un aperitivo o…

        …..

  • 5 Giugno 2015 in 22:22
    Permalink

    Colummella smaltisce i rifiuti in alcune regioni d’Italia,ultimamente i patron dei rifiuti,vedi Lanciano e Crotone,sono alla guida di squadre di calcio,si vede che il settore tira,a Parma avrà pure l’inceneritore per smaltirli, perfetto! W Colummella!!

    • 5 Giugno 2015 in 23:20
      Permalink

      Non mi esprimo, ma chi opera nel settore dello smaltimento dei rifiuti, non mi convince del tutto. Così come non mi convincono i cinesi che stanno cercando di irrompere nel mondo del calcio: alla storiella dell’orientalizzazione del brand e dell’espansione ad est del giro di affari, io non ci credo; temo, invece, che dietro ci sia l’obiettivo di centrifugare…

      • 5 Giugno 2015 in 23:48
        Permalink

        A parma, come già ricordato da altri, abbiamo un modernissimo inceneritore… (nonostante prima di accenderlo siano passati sul corpo di Capitan Pizza…)

  • 5 Giugno 2015 in 22:22
    Permalink

    Amauri maiale gobbo.majo ma con la Giusy c’e’del dolce?!occhio direttore perché le da un infarto!!!!

  • 5 Giugno 2015 in 22:47
    Permalink

    Osio il grande sindaco ci dà già morti…. Io non ci capisco nulla, ma se lo dice uno che è nel giro mi preoccupo molto….

    • 5 Giugno 2015 in 23:21
      Permalink

      Se c’e’ uno fuori dal giro secondo me e’ proprio Osio

      • 5 Giugno 2015 in 23:48
        Permalink

        Non credo, Alfredo: per gli americani Osio è il nuovo Melli…

        • 6 Giugno 2015 in 18:02
          Permalink

          Sara’…ma ci credero’ quando lo vedro’

  • 5 Giugno 2015 in 22:48
    Permalink

    Intanto, e perdonatemi il fuori pista, Reggio Emilia si porta sul 2-2 contro Venezia nella semifinale scudetto del campionato di basket. Prestazione eccezionale da parte di Kaukenas, ma anche di Mussini, Silins e Della Valle. Reggio Emilia e Venezia, due società che qualche campionato fa di certo non si giocavano l’accesso alla finale scudetto. Segno che nel basket non si ha paura del blasone di certe piazze (Treviso, Fortitudo, Pesaro, Caserta, Siena e Roma…chi per ragioni economiche, chi per lacune tecniche, dove sono finite?) e si tende a premiare le formazioni costruite meglio, al di là di bacini di utenza e albi d’oro.

    p.s. Nell’altra semifinale Sassari comanda 3-1 su Milano ed è ad una sola vittoria da una storica finale scudetto! Ripeto: Sassari! E’ come se il Cagliari arrivasse all’ultima giornata di serie A ancora in corsa per lo scudetto…certo, come no!!!

    • 5 Giugno 2015 in 23:12
      Permalink

      Russo ma che paragoni del c***o sono?!?! Nel basket esistono i PO che forse rendono tutto molto più interessante è molto più divertente perché in base ad accoppiamenti ci sono squadre che spendono di più ma si accoppiano male e in una serie di 5/7 partite tutto è in bilico; ma in regular Season tutto funziona come nel calcio.
      All’opposto per quanto li odi (pero ogni giorno che quei delinquenti degli Agnelli finiscano in galera) la juve quest’anno in coppa campioni si gioca una finale di Champions League (tipo eurolega) con i fatturati a confronto Barcellona con 484mln e Juve 279mln quindi anche nel calcio succedono queste cose.
      Il vero reale problema della serie A è il format ed il numero di squadre una serie A a 16 squadre avrebbe tutt’altro livello.

      • 6 Giugno 2015 in 06:09
        Permalink

        Non ho capito quale parte del mio discorso non ti piace.

        Comunque ai playoff non ci si arriva per diritto divino…ma solo se termini la stagione nelle prime otto posizioni. Se Sassari ci è arrivata è perché ha disputato una buona stagione, cosa che peraltro gli sta riuscendo anche nella serie contro Milano. Poi sei discutiamo di Eurolega, ti confesso che il meccanismo non mi piace: nelle coppe non ci si deve andare su invito o per ‘merito’ di un contratto. Ma questo è un altro discorso. Torniamo a noi. Ai playoff non ti invitano e non ci vai solo perché ti chiami Juventus, Roma, Lazio, Fiorentina, Napoli, Inter o Milan; ci vai se hai costruito un buon quintetto base e se hai buone rotazioni, una buona difesa e una vasta gamma di soluzioni offensive. E ci vai anche se ti chiami Enel Brindisi. Quel che succede nei playoff è la diretta conseguenza di ciò che succede in stagione regolare. Poi che i playoff possano stravolgere certi equilibri, ci sta. Ma è anche vero che giocando le serie non su una partita ma al meglio delle cinque o sette gare, alla fine viene premiata sempre la formazione messa meglio in quel momento. Detto questo, nel basket, e parlo di campionato italiano, c’è un continuo ricambio al vertice. Certe piazze storiche sono sparite dalle categorie che contano per ragioni economiche. Certe altre, che pure sono ancora in A, non mietono più i successi di qualche anno fa. Pesaro, per fare un esempio, per anni è stata una specie di Fiorentina del calcio, e adesso vedi che fine ha fatto. La stagione della Virtus Bologna si commenta da sola; e lo stesso dicasi per quella di Caserta. Allo stesso tempo, realtà prima che navigavano in serie inferiori, adesso lottano per lo scudetto: Reggio Emilia (finora vero esempio di società gestita in modo virtuoso), Venezia e Sassari. La stessa Olimpia, che pure è una delle poche realtà storiche della pallacanestro italiana che riesce a tenere botta, prima di tornare a vincere, ha dovuto spendere e in molti casi sprecare un bel po’ di soldi. E già stasera, in gara 5 contro Sassari, rischia di dover togliersi dalla canotta lo scudetto ottenuto dodici mesi fa ai danni di Siena, poi scomparsa dai radar. Nella serie A italiana di calcio, da quando è che non c’è un vero ricambio al vertice? Forse esagero, ma io dico da sempre! Salvo rarissime eccezioni – tipo il Parma di Scala, il Chievo di Del Neri, l’Udinese dei Pozzo e talvolta le due liguri – le prime sei o sette posizioni finiscono in appalto sempre alle stesse sei o sette società. Alcune piazze che sarebbero dovute fallire, sono rimaste al loro posto. Altre, invece, sono sparite ma poi spinte di nuovo in A dal sistema a furia di aiutini sul campo e milioni di euro nel minuto in cui c’era da dividere la torta dei diritti televisivi. L’ultimo scudetto out of the box l’ha vinto la Sampdoria nel 1991. Ma forse non sarebbe nemmeno questo il giusto termine di paragone, perché anche nel basket vincono sempre le stesse. Il punto è che nel basket riescono a divertirsi, a turno, anche le altre. E non sempre le solite note.

    • 5 Giugno 2015 in 23:18
      Permalink

      vero Luca Russo Almeno nella mia città uno sport ci dà delle soddisfazioni comunque tornando al vero discorso secondo me se fossi un imprenditore è avessi delle personi capaci al mio fianco ad operare spenderei anche 50 m ripartendo dalla B in un anno ritorna gia in A e recuperi i soldi spesi Ma Da reggiano mi darebbe sui maroni per tutte le società che sono fallite è sono ripartite dai dillettanti , comunque se fossi piazza comprerei

  • 5 Giugno 2015 in 22:51
    Permalink

    Direttore hai letto l’intervista di Osuo? È pre tattiva?

  • 5 Giugno 2015 in 22:54
    Permalink

    Se lo dice Osio pure io mi preoccupo

    • 5 Giugno 2015 in 23:49
      Permalink

      Dai, stai buonino… Ormai manca poco a momenti…

  • 5 Giugno 2015 in 22:56
    Permalink

    Intanto, e scusatemi la ripetizione, Zenga ospite a Condò Confidential su Gazzetta TV…che spettacolo! L’avrei voluto sulla panchina del Parma, magari anche in sostituzione di Donadoni o prima che arrivasse Donadoni…ma ho la sensazione che sia un po’ inviso al Sistema. Sensazione personale eh…comunque, non vedo l’ora di vederlo all’opera alla Sampdoria.

  • 5 Giugno 2015 in 23:00
    Permalink

    Direttore, Columella.

  • 5 Giugno 2015 in 23:21
    Permalink

    Le dichiarazioni di Osio in effetti hanno colpito pure me. Un pessimismo molto marcato,in un momento come questo fa tornare veramente con i piedi x terra.. Majo hai letto o si ancora con rosy??

    • 5 Giugno 2015 in 23:47
      Permalink

      Ho letto, ho letto… Anche quando sono con la Rosy non vi trascuro…

      Però non interrompo un aperitivo con la Rosy per parlare del columnist…

      • 6 Giugno 2015 in 09:05
        Permalink

        Occhio al cuore Majo……in tutti i sensi.

  • 5 Giugno 2015 in 23:23
    Permalink

    Io sono a Boston e qui l’ESPN(notissimo canale sportivo) ogni ora batte il tamtam su Piazza e il Parma. Qui negli USA la notizia ha fatto gran rumore.
    Meglio

    • 5 Giugno 2015 in 23:27
      Permalink

      Magari vedi se riesci a documentarcelo con foto e video grazie

    • 6 Giugno 2015 in 00:02
      Permalink

      Ohhhh Alfredo, anche lei è internazionale… E che cosa ci fa a Boston? Il manager dei Red Socks? Oppure lavora alla JP Morgan della città? O ancora, è inviato a Boston (Massachussets) della Cnn? Ohhh ma che onore, qui tutti internazionali, mica dei poveracci come me, Assioma e Ghirardello…

      • 6 Giugno 2015 in 01:18
        Permalink

        Son qui per lavoro testa di calcio ma grazie alla rete mi tengo aggiornato sul nostro parma

        • 6 Giugno 2015 in 14:27
          Permalink

          Scusi Alfredo ma mica l’ho offeso, sa, abbiamo avuto anche un tizio che progettava astronavi e viveva in California, volevo capire quanto fosse internazionale il blog. Certo che si sentirà importante a stare a BOSTON invece che a Corcagnano come Assioma.

          • 6 Giugno 2015 in 18:08
            Permalink

            Da Boston saluto tutte le teste di calcio Assioma e Boni in primis perche’ quando tornero’ il nostro Parma sara’ saldamente in B.
            PS: per Gustavo secondo te uno puo’ sentirsi importante perche’ e’ a Boston a lavorare? Mah

  • 5 Giugno 2015 in 23:51
    Permalink

    Direttore se per gli Americani Osio e il nuovo Melli stiamo rovinati perché ha detto che è molto pessimista

    • 6 Giugno 2015 in 00:01
      Permalink

      Ha anche detto di non esser stato ancora contattato…

      • 6 Giugno 2015 in 00:10
        Permalink

        Majo stai giocando con i nostri nervi spiegati meglio

          • 6 Giugno 2015 in 09:19
            Permalink

            l’antesiniano di marzullo

  • 6 Giugno 2015 in 00:06
    Permalink

    direttore ultimamente a parma gira sempre la parola pessimista, nn la sopporto prorio veramente…….

      • 6 Giugno 2015 in 09:15
        Permalink

        io preferisco …cum grano salis

        ci sono dei baldi giovani che sono anni che a certi personaggi fanno cum sperma sale …scusi il francesismo non vorrei mi pigliassero per spagnolo

  • 6 Giugno 2015 in 00:39
    Permalink

    direttore scusi teleducato ha rivelato che domani mike piazza è pronto per tornare a parma e ha partecipare all’asta e cosi ….

  • 6 Giugno 2015 in 13:07
    Permalink

    Direttore non la preoccupa il fatto che i papabili nuovi acquirenti (Corrado e Piazza), da quel che ho capito, non si presenteranno “personalmente” o con i rispettivi gruppi, ma abbiano alle spalle degli investitori “oscuri”? Visto soprattutto il recente passato non c’è il rischio che questi rimangano tali con la possibilità di alzare i tacchi non appena le cose inizino ad andare per il verso sbagliato senza pagarne alcuna conseguenza?

    • 6 Giugno 2015 in 13:09
      Permalink

      Non è che abbiamo molta possibilità di fare gli schizzinosi…

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI