COPPA AMERICA / DI NUOVO POCHE RETI, MA ANCORA UNA VOLTA UN PIZZICO DI SORPRESA…

(Luca Russo) – Di nuovo poche reti, ma ancora una volta condite da un pizzico di sorpresa. La Coppa America, fin qui tutt’altro che generosa quanto a palloni indirizzati in fondo al sacco (se si esclude la notte di Bolivia-Ecuador e Cile-Messico), però assai esuberante in termini di emozioni, continua a navigare lungo le rotte già battute nel corso di questa prima settimana: spettacolo col contagocce, colpi di scena a catinelle. Copione, quello appena illustrato, che non è stato tradito nemmeno dalla seconda giornata del gruppo C. Dopo lo sgambetto della Colombia ai danni del Brasile (in gol l’insospettabile difensore neo interista Murillo), nella notte si è consumato lo scherzetto del Perù al Venezuela, rimasto in inferiorità numerica alla mezz’ora di gioco per il rosso rimediato da Amorebieta. E così le vincitrici del primo turno si sono trasformate nelle vinte del secondo. A Valparaiso, il Venezuela, penalizzato dall’uomo in meno, beneficia di una sola occasione, in apertura di contesa, ma la sciupa con Rondon; per il resto è costretto a giocare di rimessa. È il Perù a comandare e a dettare i ritmi del match. Però di chiare e vere opportunità ne crea pochine, se si considera che gioca in superiorità numerica per almeno un’ora abbondante. Tocca all’intramontabile Claudio Pizarro risolvere il rebus e regalare tre preziosissimi punti agli Incas: davvero imparabile per Baroja la sua conclusione vincente a venti giri di lancette dal triplice fischio; un sinistro (deviato da Rincon) che si abbatte sulla traversa prima di terminare al di là della linea di porta. E adesso la situazione del girone è non solo interessante ma anche parecchio ingarbugliata: quattro squadre appaiate a quota tre punti, nessun verdetto e ancora una giornata da disputare. Mettetevi comodi in poltrona, perché tra Brasile-Venezuela e Colombia-Perù ne vedremo delle belle. Luca Russo

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

COPPA AMERICA / I GIOCOLIERI BRASILIANI SOCCOMBONO AI DOMATORI COLOMBIANI

COPPA AMERICA / A SUO MODO ANCHE IL SECONDO TURNO DEL RAGGRUPPAMENTO B HA FORNITO ELEMENTI PER TRASCORRERE UNA NOTTE CALCISTICA ALL’INSEGNA DEL DIVERTIMENTO

COPPA AMERICA / DORMITE DIFENSIVE, REALIZZAZIONI SPETTACOLARI, LEGNI A GO GO, DECISIONI ARBITRALI DISCUTIBILI E PARTITE CON PUNTEGGI TENNISTICI E IN BILICO FINO ALLA FINE

LA COPPA AMERICA DELLE SORPRESE

EL CEBOLLA RODRIGUEZ, CON UN SINISTRO IN MISCHIA, SANCISCE LA VITTORIA DELL’URUGUAY SULLA GIAMAICA IN COPPA AMERICA

3 pensieri riguardo “COPPA AMERICA / DI NUOVO POCHE RETI, MA ANCORA UNA VOLTA UN PIZZICO DI SORPRESA…

  • 19 Giugno 2015 in 12:10
    Permalink

    Bella questa coppa cosi` equilibrata.

    • 19 Giugno 2015 in 15:18
      Permalink

      Non è per il gioco che esprimono, a dire il vero fin troppo arido anche per un contropiedista nato come il sottoscritto, ma io ho un debole per la Bolivia. Mi piace molto anche il Cile, che, al di là del fatto che sia padrone di casa, considero seriamente favorito per la vittoria finale. Argentina e Brasile per ora non mi hanno stupito. E le considero un po’ al palo. La Colombia è rimandata, di certo ha smarrito quelle caratteristiche che fino agli anni novanta ne facevano una formazione sì indisciplinata ma divertente da vedere (eccezion fatta per l’eccellente mondiale disputato l’anno passato in Brasile). Tra le altre, son meravigliato dal rendimento del Venezuela e non mi spiego il fallimento dell’Ecuador. L’Uruguay colme al solito è tosto. Attenti al Messico, che starà anche utilizzando la Copa America come ‘allenamento’ per la Gold Cup,…però…se registreranno i meccanismi difensivi e miglioreranno sotto porta, la Coppa potrebbero vincerla anche loro. La Giamaica è solo volontà, voglia di fare e poco altro. Perù e Paraguay? Le mine vaganti…

      Quindi, ricapitolando, per la vittoria finale vedo bene Bolivia, Cile e Messico. Perù, Paraguay e Venezuela possibili sorprese. Colombia e Uruguay punti interrogativi. Brasile e Argentina rischiano di restare al palo.

      Naturalmente, non pretendo di diffondere verità assolute.

      • 20 Giugno 2015 in 05:44
        Permalink

        Fuori una. Una delle mie favorite…

I commenti sono chiusi.