COPPA AMERICA / NEPPURE ALLA TERZA ED ULTIMA USCITA IL GRUPPO B HA SAPUTO OFFRIRE EMOZIONI

(Luca Russo) – Niente da fare. Ci abbiamo sperato praticamente fino alla fine, ma il gruppo B non ha voluto affatto saperne di darsi una mossa e offrirci emozioni degne della Coppa America. Nemmeno alla sua terza ed ultima uscita. Che, proprio perché assai avara quanto a spettacolo, si è limitata al minimo sindacale: e cioè a farci sapere chi va al livello successivo e chi invece deve considerare conclusa l’avventura al di là dell’oceano. L’Argentina passa da prima, il Paraguay chiude al secondo posto, l’Uruguay sarà ripescata come una delle due migliori terze (in questo senso, per l’Ecuador, ieri vittorioso al cospetto del Messico, calano ulteriormente le probabilità di accedere ai quarti) e la Giamaica torna a casa con l’auspicio di fare una figura migliore alla Gold Cup in programma negli States dal 7 al 26 luglio. Ma vediamo nel dettaglio come è andata la terza giornata di questo raggruppamento.
Paraguay ed Uruguay non sono riuscite a spingersi oltre un pari cucinato male e servito peggio, e che però ha qualificato entrambe. Poco fioretto e molta garra a La Serena. La Celeste, come al solito incapace di divertirci e farci spellare le mani dagli applausi, è andata in rete ed in vantaggio con l’ormai consueta rete di un difensore, Gimenez nella fattispecie. Ma poi non ha combinato molto altro. Cavani, tanto per fare un nome a caso, si è visto poco e lo abbiamo visto male. Dove è finito l’attaccante che a Napoli segnava una domenica sì e l’altra pure? Ma anche i suoi compagni non hanno reso come ci si aspettava. Al momento ci pare francamente difficile che i ragazzi di Tabarez possano replicare l’exploit del 2011. Dall’altra parte l’Albirroja è stata la solita Albirroja: volenterosa, combattiva, tignosa, sempre sul pezzo e mai fuori dai giochi. Non ci stupisce che con Lucas Barrios abbia trovato la seconda rimonta in questa Copa, dopo quella, dai contorni clamorosi, consumata ai danni della truppa di Messi. Ci meraviglia il fatto che non sia riuscita a qualificarsi come prima. E sì che avrebbe potuto, dal momento che l’Argentina fin qui non è stata l’Argentina che noi tutti ci immaginavamo alla vigilia del torneo, fatta eccezione per lo splendido primo tempo disputato proprio contro i paraguaiani.
E veniamo all’Albiceleste. Che contro i Reggae Boyz ha sì controllato il gioco dal principio alla fine del match, ma non ha convinto del tutto. Messi, alla sua centesima presenza con la maglia della nazionale, non ci è dispiaciuto, però da uno come lui ci si aspetta un tocco risolutivo, un guizzo vincente, non una partita di ordinaria amministrazione. Di Maria, al quale è bastato respirare l’aria del Sudamerica per mettersi alle spalle le peripezie vissute al Manchester United, è stato una furia che i giamaicani mai son riusciti ad arginare – sebbene ci abbiano provato con ogni mezzo possibile -, ma il gol lo ha solamente sfiorato. Così alla fine la matassa è stata dipanata da Gonzalo Higuain. Ed è a lui che va consegnata la palma di man of the match. Ci è voluta una sua rete per superare la formazione caraibica, a dire il vero avversario tutt’altro che proibitivo, rispedire il Paraguay al secondo posto e arrivare alla fase degli incontri senza domani da leader del gruppo. Ma l’Argentina, che finora ha giocato col freno a mano tirato, dovrà dare e fare molto di più dai quarti di finale in giù, se non intende restare a bocca asciutta anche a ‘sto giro. Del resto, con un Brasile ridotto ai minimi termini, lontano dall’essere lo squadrone invincibile di qualche anno fa, e il solo Cile in grado di far saltare i pronostici, per l’Argentina sarebbe un peccato – un peccato ai limiti dello spreco – non riuscire a rimettere le mani su quella Coppa che gli manca dal lontano 1993. Luca Russo

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

COPPA AMERICA & TERREMOTO

COPPA AMERICA / DI NUOVO POCHE RETI, MA ANCORA UNA VOLTA UN PIZZICO DI SORPRESA…

COPPA AMERICA / I GIOCOLIERI BRASILIANI SOCCOMBONO AI DOMATORI COLOMBIANI

COPPA AMERICA / A SUO MODO ANCHE IL SECONDO TURNO DEL RAGGRUPPAMENTO B HA FORNITO ELEMENTI PER TRASCORRERE UNA NOTTE CALCISTICA ALL’INSEGNA DEL DIVERTIMENTO

COPPA AMERICA / DORMITE DIFENSIVE, REALIZZAZIONI SPETTACOLARI, LEGNI A GO GO, DECISIONI ARBITRALI DISCUTIBILI E PARTITE CON PUNTEGGI TENNISTICI E IN BILICO FINO ALLA FINE

LA COPPA AMERICA DELLE SORPRESE

EL CEBOLLA RODRIGUEZ, CON UN SINISTRO IN MISCHIA, SANCISCE LA VITTORIA DELL’URUGUAY SULLA GIAMAICA IN COPPA AMERICA

2 pensieri riguardo “COPPA AMERICA / NEPPURE ALLA TERZA ED ULTIMA USCITA IL GRUPPO B HA SAPUTO OFFRIRE EMOZIONI

  • 21 Giugno 2015 in 10:30
    Permalink

    A Martino ha dimostrato con il Barca di non saper gestire tanti campioni. Vedo bene il Cile.

  • 21 Giugno 2015 in 11:18
    Permalink

    Intanto Berta pare aver soffiato Jackson Martinez al Milan…….

I commenti sono chiusi.