COPPA AMERICA / POVERO BRASILE, CHE TRISTESSA MI FAI…

(Luca Russo) – AAA cercasi Brasile. Disperatamente. Perché quello che ho ammirato (per modo di dire, eh!) in Cile, non è più la nazionale che in passato faceva tremare tutto il globo. E che la Copa la utilizzava a mo’ di riscaldamento in vista dei mondiali. I tempi son cambiati. E di brutto, per i brasiliani. Che adesso fan fatica perfino a gestire e superare un avversario come il Paraguay – tignoso finché volete, ma pur sempre…Paraguay – e a infilarsi tra le prime quattro del Sudamerica. Già, è esattamente come state pensando: nell’ultimo quarto di finale in scaletta, la Selecao è stata eliminata dall’Albirroja. Addirittura ai rigori, che fino a qualche anno fa erano la specialità della formazione carioca. Un verdetto per certi versi sorprendente, se si considerano i trascorsi e le bacheche delle due rappresentative, ma sostanzialmente giusto. Poca garra, pochissima tecnica e altrettanta propensione a far gruppo, da parte dell’undici di Dunga. Al contrario, quello allenato da Ramon Diaz, pur non essendo imbottito di stelle, di buona volontà ce ne ha messa parecchia. Di disciplina tattica, idem. E la partita non è stata che il riflesso, nemmeno tanto timido, di quel che vi ho appena scritto. Il Brasile, grazie ad una deliziosa invenzione del duo Dani Alves-Robinho, è finito in gol di fatto al primo (e quasi unico) tiro indirizzato verso lo specchio della porta difesa da Villar. Altre occasioni, però, non è riuscito a crearne. Il Paraguay, da par suo, non si è perso d’animo. E – anche senza scoprirsi eccessivamente – il pari ha iniziato a cercarlo subito dopo essere finito sotto. Ma trovandolo, su calcio di rigore, solo in prossimità del fischio finale. Ingenuo il fallo di mano in area di Thiago Silva. Perfetta l’esecuzione di Gonzalez, 21 anni e coraggio da vendere. 1-1 e strada spianata alla lotteria dei penalty. Tutti si aspettavano il Brasile. È invece è stato il Paraguay a raccogliere quanto di buono aveva seminato durante i tempi regolamentari. Per la delusione dell’Argentina, che in semifinale avrebbe preferito incrociare una Selecao alla deriva piuttosto che un’Albirroja col vento in poppa. Luca Russo

2 pensieri riguardo “COPPA AMERICA / POVERO BRASILE, CHE TRISTESSA MI FAI…

  • 28 Giugno 2015 in 17:20
    Permalink

    Brasile non ha ancora smaltito la debacle dei mondiali ma occhio a Paraguay perche e gia andato in final in Argentina 4 anni fa

  • 28 Giugno 2015 in 18:52
    Permalink

    Anche se non sono un simpatizzante dell’Argentina, dubito che questo Paraguay abbia nelle sue corde uno scherzetto a Messi e soci. Lo spero, ma non ci credo più di tanto. Però allo stesso tempo non son così convinto che l’Albiceleste possa avere vita facile in un’eventuale finale contro il Cile (squadra di cui sono innamorato, almeno limitatamente alla Coppa America in corso).

I commenti sono chiusi.