CORRADO E’ SEMPRE IN TIRO E DOMANI PRESENTERA’ L’OFFERTA, MA SARA’ VINCOLATA. NE IMITERANNO LE MOSSE GLI YANKEE DI PIAZZA? L’INCOGNITA ADLER

(gmajo) – Al contrario di quanto diffondono altre fonti, a StadioTardini.it consta che Giuseppe e Giovanni Corrado siano sempre “in tiro”. Di più: domani, martedì 9 giugno, sembrano al momento gli unici che presenteranno una offerta competitiva dinnanzi al notaio Almansi, ove le buste saranno aperte allo scoccare del mezzogiorno. Secondo indiscrezioni raccolte da StadioTardini.it, tuttavia, l’offerta sarebbe vincolata ad alcune condizioni che lo staff legale del manager parmigiano avrebbero individuato al fine di proteggere il proprio cliente da eventuali ulteriori sorprese nel futuro, perché un conto è acquistare secondo la base d’asta (da 4.5 ml in su, si vocifera di offerte piuttosto sostanziose in fieri) più il debito sportivo determinato (22.2 ml), un conto è dovere un giorno andare a parare altre brutte sorprese tra quei 71 ml tagliati dalla magica scure dei CuraStars. Non solo: come evidenziato stamani dalla Gazzetta di Parma nella approfondita inchiesta pubblicata (a mio modo di vedere, in questa precisa data, un autogol del pusher, benché tra i più grandi sostenitori della serie B come Bologna, poiché è un prezioso assist offerto a chi continua a predicare quanto sia catartica e virtuosa la serie D come Domodossola…) anche il costo aziendale futuro sta facendo riflettere non poco i Corrado, benché siano quelli che da maggior tempo conoscono approfonditamente l’onerosa mole dei contratti futuri: è chiaro che una volta passata di mano la società, i poteri magici di Anedda & Curotto non passeranno al legittimo proprietario, il quale non potrà, a differenza della procedura fallimentare, mostrare troppo i muscoli. Un lavoro concavo e convesso – quello che dovrebbe fare il nuovo direttore sportivo – che dovrebbe esser affidato a qualcuno di provata esperienza nel mondo del calcio, che sappia come riuscire a trovare la quadra trasformando in opportunità quella che sembra essere una pesante spada di Damocle. Se qualcuno con il proprio ostracismo penoso (robe che a Parma, finalmente, dovremmo cercare di superare, se davvero vogliamo bene al nostro territorio) ha pensato di far gettare la spugna ai Corrado si è sbagliato di grosso, dal momento che certe palesi ingiustizie (pietoso il trattamento riservato all’ex presidente Fulvio Ceresini, neppure menzionato nella titolazione della Gazzetta di Parma, nell’articolo che riportava sì alcune sue dichiarazioni, ma con omesso il suo pensiero su Corrado…) hanno se possibile lo hanno caricato ancor di più. Ciò non toglie, però, che nessuno ha intenzione di rovinarsi per il Parma, al di là del palese amore, sicché il messaggio neppure troppo cifrato  ai curatori è: noi ci siamo, ma alle nostre condizioni, cioè senza rischiare di dover pagare un dazio troppo alto negli anni a venire, o già nei giorni a venire, qualora sul concetto di debito sportivo la FIGC dovesse esprimersi in modo più classico rispetto al passato e non moderno e audace rispetto all’ottica di CurEdda e CurOtto.

L’esempio – quello della offerta vincolata – potrebbe esser seguito anche dall’altra cordata, che la gran cassa sta pompando come favorita nel derby di domani (proprio per osteggiare l’altro competitor, più che per genuino sostegno), ma che a propria volta preferisce lasciare questo onere a chi si è mosso prima, appunto Corrado. Siccome anche Mike Piazza non è fesso non mi stupirei se pure lui, assieme alla cifra, nella busta mettesse i punti sulle i per pararsi da eventuali sgradite sorprese future, anche perché tutti i giorni ne salta fuori una…

Il classico terzo che gode potrebbe essere Adler, che, a dispetto dalla smentita affidata nei giorni scorsi a Teleducato, si è mantenuta, attraverso un proprio intermediario, in costante contatto con i senatori del Parma FC: secondo indiscrezioni che abbiamo raccolto, però, ancora non è stato dato il via libera per mettere la cifra nera su bianco da offrire, anche se da tempo è stata smobilizzata l’intera somma necessaria per procedere alla operazione.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

130 pensieri riguardo “CORRADO E’ SEMPRE IN TIRO E DOMANI PRESENTERA’ L’OFFERTA, MA SARA’ VINCOLATA. NE IMITERANNO LE MOSSE GLI YANKEE DI PIAZZA? L’INCOGNITA ADLER

  • 8 Giugno 2015 in 18:12
    Permalink

    majo quindi secondo lei è impossibile al 100% che NON si presenti nessun offerta domani???

    • 8 Giugno 2015 in 18:24
      Permalink

      Per quanto ho raccolto in questa giornata convulsa direi che al 99% almeno una offerta c’è, e sarà quella di Corrado, che però ha all’interno delle manleve. Sono piuttosto convinto che la faranno anche gli yankee. E, se non sono fessi, seguiranno l’esempio di Corrado a proposito di tutele… Della terza via Adler non ho dettagli. E le altre non le considero (anche se magari poi salta fuori un outsider…)

      Cordialmente

      Gmajo

      • 8 Giugno 2015 in 18:29
        Permalink

        interessante..soprattutto se poi dovessero giocarsela mercoledi alle 18 al rialzo!!

      • 9 Giugno 2015 in 00:06
        Permalink

        E di questo tal Meli che ne dici?

  • 8 Giugno 2015 in 18:16
    Permalink

    lei per chi tifa?

    • 8 Giugno 2015 in 19:29
      Permalink

      Io sono equidistante, come sempre: tuttavia, vedendo che Corrado è un po’ mediaticamente trascurato mi viene naturale simpatizzare per lui, pur potendo vantare ottimi rapporti con Gibo Gerali

      Cordialmente

      Gmajo

  • 8 Giugno 2015 in 18:18
    Permalink

    Non so a lei Direttore ma a me questo attaggiamento della GdP-Upi ha fatto venire il voltastomaco

    • 8 Giugno 2015 in 18:55
      Permalink

      Ci sono alcuni più realisti del re…

      A me, ad esempio, risulta che certi industriali con la I maiuscola che si erano imbrusiati per la esternazione di Corrado, trascorse 48 ore se la fossero fatta passare. Peccato, però, che poi i più realisti del re abbiano continuato a ignorare Corrado…

      Forse sarebbe il caso, finalmente, che cambiasse se non la trama, almeno gli attori principali…

      Cordialmente

      Gmajo

      • 8 Giugno 2015 in 19:29
        Permalink

        Esistono a Parma industriali con la I maiuscola? AHAHAHAHAHAH a parte la battuta è bastata una semplice frase di Corrado per far saltare parecchi muri, bene avanti cosi Corrado, hai una città e una tifoseria al tuo fianco.

        • 8 Giugno 2015 in 19:42
          Permalink

          Lui si sente un po’ trascurato… In effetti stampa potente e sistema Parma occhieggiano allo yankee…

          • 8 Giugno 2015 in 19:57
            Permalink

            Solo gli ultraottantenni ormai considerano la GdP un giornale che fa informazione. La GdP è diventata un semplice bollettino cittadino e l’UPi una combriccola al pari di Rotary o Club di bridge. E’ il momento storico di personaggi e industriali alla Corrado. Corrado Sindaco

  • 8 Giugno 2015 in 18:20
    Permalink

    A questo punto è possibile che anche la giornata di domani possa essere interlocutoria. Il timore è che, se non ci sarà uno scenario chiaro nei prossimi giorni in merito alle condizioni poste dagli offerenti, anche questi 2 soggetti potrebbero farsi da parte.. Ho la sensazione che siamo sul filo..

    • 8 Giugno 2015 in 18:39
      Permalink

      E’ una possibilità non remota: diciamo che si sta giocando a vedere chi ce l’ha più duro: chi ha il fardello da piazzare, o chi lo piglia?

      cordialmente

      Gmajo

      • 8 Giugno 2015 in 18:57
        Permalink

        dove lo piglia?

  • 8 Giugno 2015 in 18:20
    Permalink

    Direttore si parla tanto di costi futuri, ma io non capisco una cosa. Il debito sportivo è gravato da incentivi all’esodo e premi vari, questo è chiaro. Quello che non è chiaro è come possano questi premi gravare sul futuro del parma, mi spiego, questi incentivi all’esodo non dovrebbero essere una tantum che va saldata al momento dell’acquisto? Perché dovrebbero gravare anche sui bilanci futuri?

    • 8 Giugno 2015 in 18:32
      Permalink

      Perché ci sono una miriade di contratti in essere che durano anche nei prossimi anni: non ha letto l’edificante listone di stamani pubblicato dalla GdP?

      Cordialmente

      Gmajo

      • 8 Giugno 2015 in 18:44
        Permalink

        Mi scusi direttore ma essendo un fuori sede non ho avuto modo di leggere la gdP, almeno non sui siti che frequento di solito. Ma quindi gli incentivi sono spalmati su più anni? Hanno fatto veramente un disastro quei due disgraziati e hanno anche avuto il coraggio di difendersi… spero che ci sia un minimo di giustizia

    • 8 Giugno 2015 in 19:22
      Permalink

      Esempio a caso : calciatore ANTONIO JUAN 1988 attaccante in prestito alla
      Feralpi Salò Lega Pro 14 presenze e 1 goal, tornato al Parma con ancora un anno di contratto stipendio /anno 976.000,00 euro.
      Uno dei 104 a libro paga.

      • 8 Giugno 2015 in 19:32
        Permalink

        E’ evidente che Procura e GdF indagheranno su tutti questi contratti firmati dal magico duo di ******, ci puzza di “commissioni” lontano un miglio.

        • 8 Giugno 2015 in 19:42
          Permalink

          Io non trovo questa tipologia di contratto molto difforme da quelle abitualmente in uso nel calcio italiano. Tra l’altro oggi, chi si straccia le vesti, ha accettato ben volentieri quella tipologia di contratto a incentivo… Quei premi lì li incassavano gli stessi tecnici e giocatori, inclusi quei premi strani… Il Ghiro quei soldi avrebbe dovuto cacciarli, gli altri prenderli…

          Cordialmente

          Gmajo

      • 8 Giugno 2015 in 19:40
        Permalink

        Si wembley ma quello è lo stipendio e siamo d’accordo che vada elargito. Quello che mi non mi è chiaro è come possano figurare incentivi all’esodo anche nei bilanci futuri. Io penso che tutte le spettanze pregresse debbano essere saldate entro giugno e che sui prossimi bilanci debbano gravare solo gli stipendi e non ulteriori incentivi. FAaccio un esempio banale ma forse sbagliato: prendiamo Amauri; questo doveva prendere 2 milioni dal Parma allora gli si chiede di andare facendo figurare lo stipendio come incentivo all’esodo da saldare (risparmiando qualcosa ), ad oggi questo si dichiara creditore per 1,5mln che vanno nel deb. Sportivo. Bene se compro il parma pago il 75% del totale e poi non devo più nulla ad Amauri. Dovrebbe funzionare così ma, da quel che si legge, sembra che il credito di Amauri non si estigua con quel 25% saldato ma che continui a vantare credito anche da luglio.

        È una faccenda, quella dei premi&co, molto strana

        • 8 Giugno 2015 in 22:41
          Permalink

          Io penso che per il pregresso ,premi e incentivi, siano rientrati nel debito sportivo formulato dai curatori, chi non ha accettato e’ stato contestato sempre dai curatori, e come dici tu il nuovo compratore pagando i 22,2 ml. Chiude queste partite .

  • 8 Giugno 2015 in 18:21
    Permalink

    majo ci spieghi meglio i vincoli dell’offerta

    • 8 Giugno 2015 in 18:27
      Permalink

      Non so niente di più di quello che ho scritto nell’articolo. Tutele da debito sportivo “recondito” + costi futuri

  • 8 Giugno 2015 in 18:23
    Permalink

    un’offerta vincolata, quando si sa benissimo che la curatela deve necessariamente chiudere la partita domani, nel bene o nel male, è sostanzialmente una non-offerta, verosimilmente fatta giusto per salvare la faccia e poter dire “non è colpa mia, semplicemente non si sono verificate le condizioni”
    e, comunque, il raffreddamento di Corrado, da più parti ipotizzato, c’è tutto, altrimenti non si parlerebbe di vincoli per l’acquisto

    • 8 Giugno 2015 in 18:31
      Permalink

      Che la curatela “debba” chiudere la partita “necessariamente” domani è una necessità che si è autoimposta la curatela medesima battezzando quella di domani come ultima chance. Poi, però, se non la riuscissero a piazzare domani non mi stupirebbe se andassero a trattativa privata oltre. E’ vero che è una corsa contro il tempo, però l’iscrizione è al 30 di giugno.

      E poi è in corso una partita a scacchi tra chi vende e chi acquista: la spunterà chi ha maggiori interesse o acquisire o a piazzare?

      Io non leggo assolutamente come scusante il volersi tutelare con manleve, quanto a pararsi il culo. Anche se c’è il rischio di passare il testimone ad altri competitors. Poi se questi preferiscono correre dei rischi facciano pure loro…

      cordialmente

      Gmajo

      • 9 Giugno 2015 in 02:26
        Permalink

        A mia sensazione l’americano offrirà di più o mettera’ meno paletti. ..vedremo…speriamo cmq che la vendita vada in porto dopo tanti mesi di cose soltanto negative…
        Cmq non si può avere la botte piena e la moglie ubriaca, comprare il parma e non spendere nulla (o cmq rientrare subito della spesa ecc)…chi non risica non rosica e all uccellino ingordo crepa il gozzo…
        Insomma…mi sembra di avere citato abbastanza proverbi x dire che se non si è disposti a rinunciare a qualcosa e si sta a pensare troppo prima di fare “l’affare”, si finisce x non farlo o x farselo fregare da sotto il naso

  • 8 Giugno 2015 in 18:26
    Permalink

    signor majo percentuali sulla vendita del parma?ormai siamo vicini al giorno definitivo…sbilanciamoci dai…saluti

    • 8 Giugno 2015 in 18:38
      Permalink

      Resto sempre dell’idea che ci sia una sfida corrado-piazza domani, che si concluderà coi tiri dal dischetto mercoledì

      • 8 Giugno 2015 in 18:52
        Permalink

        Lei è troppo ottimista, Majo. un’offerta vincolata in pratica è una non offerta e Piazza gioca a nascondino. Forse il partito dell’Upi sta vincendo la sua partita e ha fatto buon uso del terrorismo mediatico.

        • 8 Giugno 2015 in 19:39
          Permalink

          Non sono d’accordo.

          1. Se Corrado avesse avuto voglia di uscire di scena lo avrebbe fatto da uomo diretto quale è e quale ha dimostrato di esserlo dichiarandolo urbi et orbi.
          2. Che quella di Corrado possa esser una mossa tattica della partita a scacchi ci sta
          3. Che Corrado intenda tutelarsi non solo ci sta, ma è doveroso (e c’è da rallegrarsi, anche in prospettiva futura, onde evitare spiacevoli sorprese successive)
          4. Piazza non gioca a nascondino: anzi mi riferiscono che parteciperà all’asta come scrivevo prima senza preservativo (cioè le manleve inserite nella propria offerta da Corrado)
          5. Io distinguerei il partito dell’Upi dai servitori più o meno sciocchi dell’Upi
          6. L’articolo di stamani della GdP, come ho scritto nel presente pezzo, non è terroristicamente voluto dal quotidiano Upi, quanto un autogol del pusher. Parlo di autogol poiché trattasi di persona che vorrebbe mantenere il Parma in B, ma che ha volontariamente scelto di dialogare non solo con una sponda evidentemente pro D, ma anche con un giornalista, molto indipendente, che però simpatizza per la catartica ripartenza, indipendentemente dalla linea editoriale. Quindi per me l’Upi non sta vincendo. Anche perché l’Upi non sa quello che vuole…

          Cordialmente

          Gmajo

          • 8 Giugno 2015 in 20:03
            Permalink

            ci credo majo che Piazza non mette le manleve nel contratto…se dietro ha veramente la jp morgan chase è abbastanza tranquillo…

          • 8 Giugno 2015 in 20:11
            Permalink

            Beh, non vuol dire… Pare, già, che la sua signora sia piuttosto inversa per l’investimento del maritino…

          • 9 Giugno 2015 in 02:31
            Permalink

            Ahah beh la moglie si arrangia….!!!! 😛

        • 9 Giugno 2015 in 02:28
          Permalink

          Dopo tanto ottimismo mi crolli proprio adesso e dai ragione a Ghirardello?!?!?!?!

  • 8 Giugno 2015 in 18:28
    Permalink

    Fa bene a far cosi, speriamo che l’offerta vincolata non rappresenti ciò che frega noi tifosi.
    Sul debito impossibile capire se e quanto siano questioni di diritto sportivo (natura di premi e incentivi, aver giocato o meno nel parma etc.) o diritto civile (contratti simulati, privi di data certa, in frode alla legge etc).
    Tavecchio aveva parlato di ammontare del debito concordato tra figc e curatori, ma ne dice tante

  • 8 Giugno 2015 in 18:29
    Permalink

    In quanto tempo poi il tribunale può accettare questi vincoli nelle offerte?

    • 8 Giugno 2015 in 18:35
      Permalink

      Immagino da subito. Il grosso rischio è che la curatela, per i vincoli posti, scarti l’offerta passando la palla all’altro…

      • 8 Giugno 2015 in 19:56
        Permalink

        Oppure l’accetti con riserva, passando la patata bollente a Tavecchio, il quale, per dare una speranza al “suo” alleato Corrado, controfirmerà il debito sportivo redatto dai curaStars, mettendo di fatto il Parma al riparo da sorprese.( in questo senso reputo ottima la mossa di M. Piazza, perchè mette Tav con le spalle al muro)

        • 8 Giugno 2015 in 20:13
          Permalink

          quale sarebbe la mossa di mike piazza che metterebbe con le spalle al muro il Tav?

          • 9 Giugno 2015 in 02:35
            Permalink

            Forse intende che se Piazza offre, devono x forza farlo anche loro x non uscire dai giochi…altrimenti avrebbero anche potuto puntare alla trattativa privata post asta

    • 8 Giugno 2015 in 18:43
      Permalink

      Questo è regolamentato nei documenti per il bando che noi non possiamo vedere, ogni altra risposta fantasia.

  • 8 Giugno 2015 in 18:30
    Permalink

    andema be, l’offerta vincolante sara’ vincolata ma vadano a veicolare ! circolare ! circolare !

  • 8 Giugno 2015 in 18:30
    Permalink

    H notato che la gazzetta di Parma POMPA per la serie D.È una mia sensazione o ho colpito nel segno dott. Mano?

    • 8 Giugno 2015 in 18:35
      Permalink

      Pompa discretamente per la D e per la B simpatizza chiaramente per Piazza, e ignora completamente corrado…

      • 8 Giugno 2015 in 18:40
        Permalink

        vabbè, ma il debutto di Corrado che nella intervista concessa a le ha attaccato apertamente gli industriali UPI, non è stata una mossa molto astuta, secondo me, nel senso che questo non gli ha certo garantito simpatie e appoggi (che magari in questa partita a scacchi, come la chiama lei, potevano anche tornare utili)

        • 8 Giugno 2015 in 19:49
          Permalink

          Forse che volesse ben far capire che queste cose van cambiate?

          Basta clientele, zio caienna. Ricordiamoci il comune pizzarottiano che ha fatto da banca al ghiro e le cene con Taci, colui che ha esploso il colpo finale…

      • 8 Giugno 2015 in 18:53
        Permalink

        Corrado ha avuto il torto di dire la verità sulla miserabile imprenditoria locale dell’Upi, manica di panzoni che vive di rendita.

        • 8 Giugno 2015 in 19:34
          Permalink

          Corrado Sindaco!

        • 9 Giugno 2015 in 02:39
          Permalink

          Su questo concordo. …e in questo mondo pieno di falsità non può succedere altro se non averne indietro bastoni tra le ruote…cosa che trovo profondamente ingiusta e scorretta

  • 8 Giugno 2015 in 18:34
    Permalink

    Mi scuso,volevo scrivere Mayo, non Mano

  • 8 Giugno 2015 in 18:35
    Permalink

    Cioe un offerta che non è un offerta ricevibile …..

    Non è una trattativa privata….

    Go Mike go …..

    • 8 Giugno 2015 in 19:51
      Permalink

      L’offerta non so se sia ricevibile o meno, però è anche giusto puntualizzare. Signori, qui uno acquista in base alle parole dei Curastars che nessuno osa metterebbe in dubbio, però poi chi caccia la pila fa bene a tutelarsi…

  • 8 Giugno 2015 in 18:39
    Permalink

    intanto anche folletto e’ scappato nel bosco, a gia’ tanto ci sponsorizza infront ..atte’ o sole mio

    figa ragass se qui non ci prende il catcher stiamo freschi freschi come i prodotti findus

  • 8 Giugno 2015 in 18:42
    Permalink

    Se Corrado non presenta un’offeta non è a causa di qualche ostracismo, una persona che fa un’operazione del genere non si tira indietro perchè L’UPI e la gazzetta sono cattivi, si tira indietro se l’operazione non è sostenibile. io magarti mi sono perso qualche pezzo, si sa chi glieli da tutti quei soldi a Corrado? è già noto?

  • 8 Giugno 2015 in 18:42
    Permalink

    Per cosa POMPA la Giusy invece velenoso?….lo sai?
    Majo sai nulla?….

    • 8 Giugno 2015 in 19:44
      Permalink

      Ho in serbo un qualcosina fatto oggi con la Rosy, ma n riparleremo nei prossimi giorni. Adesso stiamo concentrati perché siamo alla vigilia di partita e non possiamo avere pensieri peccaminosi (poi don gustavo ci bacchetta…)

  • 8 Giugno 2015 in 18:43
    Permalink

    Io spero solo che ci prenda qualcuno, poi ragioniamo sul resto (anche se i tempi sono stretti).
    P.s: cosa ha cucinato stasera per noi il buon Angella? 😀

  • 8 Giugno 2015 in 19:00
    Permalink

    direttore hai sentito Lucarelli? magari ti da qualche conferma…

    • 8 Giugno 2015 in 19:01
      Permalink

      Io sento sempre tutto e tutti. Ma non svelo le mie fonti

      • 8 Giugno 2015 in 19:05
        Permalink

        dimmi solo se il mio sogno di 2 mesi fa (il Parma in serie B)si avvererà… 🙂

        • 8 Giugno 2015 in 19:21
          Permalink

          speriamo, anche se fin che c’è la partita a scacchi tutto è possibile

  • 8 Giugno 2015 in 19:01
    Permalink

    Ma se un tribunale vende, E IN QUESTO CASO E’ LA CURATELA FALLIMENTARE E IL GIUDICE CHE VENDONO E STABILISCONO UN PREZZO, questo dovrebbe essere IL PREZZO FINALE senza sorprese garantendo la cifra finale anche perche’ il debito sportivo fa parte del prezzo d’asta anche se le due cifre sono state scorporate. Il Parma non si puo’vendere senza debito sportivo o viceversa per cui entrambi i debiti dovrebbero essere definiti senza la possibilita’che qualche figlio di troia di giocatore faccia il furbo altrimenti è una pagliacciata. Un’ultima cosa che avvalora la mia tesi di PREZZO FINALE SENZA SORPRESE.Se infatti questi calciatori potessero avvalersi sulla nuova proprietà e il giudice che incontreranno in tribunale, dovesse dargli ragione, i calciatori che hanno accettato il decurtamento della somma, sarebbe,ro stati dei fessi e presi in giro dal giudice e dalla Curatela. Qui ci vuole un chiarimento e Corrado fa bene a richiederlo.

    • 8 Giugno 2015 in 19:26
      Permalink

      E’ una materia molto complessa, perché si interseca il diritto fallimentare con le normative sportive. Partiamo dal presupposto che in diritto non esiste la figura di “debito sportivo” se non nelle Noif, cioè le normative interne federali. E non a caso Tavecchio se ne è avocato il diritto di sancirlo in accordo con altre componenti. Corrado fa bene a cercare di tutelarsi, però, da quanto mi è dato a sapere l’altra cordata, quella degli yankee, preferiscono far l’amore senza preservativo…

      • 8 Giugno 2015 in 19:36
        Permalink

        Non ne trovano per la taglia della loro mazza, per cui si adattano e vanno avanti lo stesso.

        • 8 Giugno 2015 in 19:53
          Permalink

          tu te ne intendi di mazze mi sa

          porcello

          • 8 Giugno 2015 in 20:21
            Permalink

            Certo che me ne intando, ho anche una discreta battuta che piace molto alle sorelle dei procioni per la sua lunga gittata.

          • 8 Giugno 2015 in 20:28
            Permalink

            te ne intandi ?

            peccato speravo piu’ per qualche fratello di procione pasiensia

          • 8 Giugno 2015 in 20:48
            Permalink

            Mi dispiace procione, la mia mazza è richiesta solo da mamme e sorelle procione, ma se vuoi per i fratelli dei procioni posso fare un’eccezione se proprio ci tieni,e anche ai fratelli dei fratelli che mi cercano e mi trovano. Un bel fuori campo non lo nego a nessuno se fa piacere.

          • 8 Giugno 2015 in 21:06
            Permalink

            Dai basta, su…
            Usiamo spazio commenti per cose costruttive. Grazie
            Gmajo

      • 8 Giugno 2015 in 19:47
        Permalink

        E questo si presta ad una duplice interpretazione:
        Caso A hanno talmente tanti soldi e sicurezza che non sono preoccupati da possibili sorprese
        Caso B se vedono cose sospette mollano tutto anche ad asta vinta (comportamento non propriamente americano)

      • 9 Giugno 2015 in 01:07
        Permalink

        Amauri sembra voler firmare ma è tardi ormai…

  • 8 Giugno 2015 in 19:06
    Permalink

    Quante possibilità da direttore che domani ci sia un nulla di fatto con trattativa privata?

  • 8 Giugno 2015 in 19:40
    Permalink

    Il ďirettore della gazzetta molossi non ha spiaccicato una parola sul futuro del parma calcio penso che lui e via caprazucca spingano per la d ma mi dispiace per loro domani o al massimo dopodomqni il parma tiene la categoria alla faccia di boni e di tutti i gufi del sito.

    SEMPRE FORZA PARMA

  • 8 Giugno 2015 in 19:43
    Permalink

    Caro Direttore, non crede che – se l’intenzione di Corrado e’ quella di formulare vincoli – lo stesso ne avrebbe gia’ parlato ai curatori per comprenderne la posizione ed i margini di manovra? Se le intenzioni di Corrado sono serie mi sembra illogico aspettare l’ultimo momento disponibile per sciogliere un nodo tanto importante. Ognuno fa il proprio interesse, ma il fallimento del Parma sarebbe in senso lato anche un fallimento dei curatori, che hanno tanto lavorato in questo senso.

    • 8 Giugno 2015 in 20:15
      Permalink

      Io penso questo: fino all’arrivo di Piazza, curastars e corrado filavano d’amore e d’accordo; poi il fascino yankee ha influenzato la curatela…

      • 8 Giugno 2015 in 20:33
        Permalink

        sperema, checche (senza accento) ne dicano

  • 8 Giugno 2015 in 20:18
    Permalink

    ma stasera visto che non c’è calcio e calcio vai a tv parma a trovare il tuo amico roseo o non ti hanno invitato?

    • 8 Giugno 2015 in 20:25
      Permalink

      Co dit?

      Calcio & Calcio c’è, eccome !

      Perchè non dovrebbe esserci?

      Ripeto: c’è stasera, domani e giovedì alle 21

      E forse pure mercoledì, ove si andasse ai rigori (e ove si riuscisse a organizzarsi dal punto di vista tecnico: ma lo staff giornalistico è preallertato)

      Cordialmente

      Gmajo

      • 8 Giugno 2015 in 20:35
        Permalink

        stasera guardo tv perma,al telefono ci saranno gli sfidanti

  • 8 Giugno 2015 in 20:20
    Permalink

    opsss non avevo letto…

    • 8 Giugno 2015 in 20:31
      Permalink

      nell’ultima puntata di giovedì avevo capito che calcio e calcio ci sarebbe stato martedì e stasera no, sono stato evidentemente disattento sarà colpa della tensione… o di boni che mi confonde con le sue urla 🙂

  • 8 Giugno 2015 in 20:37
    Permalink

    Boni lavati xche puzz icubetto

  • 8 Giugno 2015 in 20:52
    Permalink

    Ricordo a tutti che Parma ha un tessuto industriale di valore internazionale. Alimentare (distretto del pomodoro, pasta ecc.) impianti e macchinari per l’industria alimentare, auto da corsa, informatica, petroliere (già, non lo sapete in tanti ma a Parma c’è una società di armatori tra le prime, anche per qualità e sicurezza, in Europa) e ci sono degli sfigati che li definiscono “miserabili” perchè non sbattono 40 o più milioni nel cesso per il Parma mentre tutti sono d’accordo che col calcio, se si è onesti, ci si rimette? Ma offrite voi un quinto dello stipendio (io non lo faccio) e fate vedere cos’è l’amore per il Parma, non fate i piocioni con i pidocchi degli altri.

  • 8 Giugno 2015 in 21:06
    Permalink

    Ma il fatto che amauri ,adesso abbia accettato di ridursi del 75% non vi fa pensare che forse la curatela abbia ragione e questi se fanno causa non vedono un euro?? Io la vedo cosi…

    • 8 Giugno 2015 in 21:10
      Permalink

      Aggiungo che l’avvocato di amauri è calcagno…vicepresidente Aic…non so se mi spiego!

    • 8 Giugno 2015 in 21:16
      Permalink

      Diciamo che si è trattato di un consistente pressing

  • 8 Giugno 2015 in 21:12
    Permalink

    Direttore, stava meglio con la polo della Ralph Lauren 😀

  • 8 Giugno 2015 in 21:26
    Permalink

    Quindi secondo Pallini due professionisti seri come Anedda e Guiotto sono due incompetenti? Ma va là!

  • 8 Giugno 2015 in 21:43
    Permalink

    Majo il roseo ha escluso offerta vincolata x regolamento è vero?

      • 8 Giugno 2015 in 21:57
        Permalink

        Quindi?…..Mica Corrado avra fatto una offerta “pro forma” vincolante per poi farsela bocciare e uscire comunque “a testa alta”?….

          • 8 Giugno 2015 in 22:18
            Permalink

            si ma di fare offerte “vincolanti” (magari giustamente se vogliamo..) siam capaci in tanti…
            Compro solo “SE” mi garantisce il presidente dell’ONU con un comunuicato a reti unificate che non avro rogne legali future coi tesserati.
            Compro, “MA” esigo un comunicato stampa in conferenza di Draghi in cui afferma hce i 5 milioni di Tavecchio me li tengo e basta.
            Compro, “PERO'” esigo la prelazione su Collecchio e stabilirne io stesso medesimo il prezzo…e me lo deve garantire Mattarella per iscritto..
            Compro “a patto che” mi liberi di tutti i contratti non graditi e che riterro’ in esubero senza naturalmente sborsare un ulteriore quattrino…e lo deve dire Junker a Strasburgo..
            Insomma…a vincolare …siam capaci in tanti…hai voglia…

          • 8 Giugno 2015 in 22:30
            Permalink

            Corrado ha posto una sola condizione; Compro se poi Ghirardello si toglie dai coglioni insieme a Boni.

  • 8 Giugno 2015 in 21:52
    Permalink

    Caro Majo, il dettagliatissimo servizio della GdP sullo stato dei contratti del Parma (eccetera eccetera) e soprattutto la tempistica di pubblicazione esemplificano chiaramente il “sentiment ” del giornale : la catarsi della D (idea comunque rispettabile) . Almeno questa è la mia sensazione…
    Poi mi spiegherà la storia del pusher..

    • 8 Giugno 2015 in 22:24
      Permalink

      Di chi ha passato e spiegato il dossier… Molto intempestivo, colpa dell’infortunio occorso a paolo grossi, era roba che doveva uscire qualche settimana fa…

    • 9 Giugno 2015 in 00:34
      Permalink

      Più che rispettabile vergognoso, è il quotidiano cittadino, il più antico d Italia.. Stesso rinnovamento dell upi.

  • 8 Giugno 2015 in 21:54
    Permalink

    Pensa se vince il pres del matera..chi è sto qua?

  • 8 Giugno 2015 in 21:58
    Permalink

    Io tifo x boni …. Non ne ha centrata una! Vicenza in serie a …docet!

  • 8 Giugno 2015 in 22:00
    Permalink

    Non vorrei essere al posto di pallini..la maglia inzuppata di boni deve emanare un odorino..eau de fragrance s.ilario..

  • 8 Giugno 2015 in 22:03
    Permalink

    Direttore, non molli! Rimanga nella cordata pro-B 😀

  • 8 Giugno 2015 in 22:14
    Permalink

    Direttore ad inizio puntata ho capito bene che le hanno assicurato la partecipazione all’asta di Corrado?

    • 8 Giugno 2015 in 22:20
      Permalink

      Si. Anche se con riserva come spiegato nell’articolo

  • 8 Giugno 2015 in 22:18
    Permalink

    Direttore, a testa bassa contro Boni, che è arrivato persino a smerdare la storia di Parma. Vai a tifare reggiana, quadretto!

    • 9 Giugno 2015 in 00:07
      Permalink

      Ho goduto molto il direttore in quel momento!

  • 8 Giugno 2015 in 22:20
    Permalink

    Grazie Majo, grazie mille veramente, spero che durante la pubblicità gli hai tirato un cartone nei denti a quel maleducato sporco e unto di Boni. Che essere stupido e ignorante. Grazie Majo ma la prossima volta vai diretto col cartone!!!!!!!

  • 8 Giugno 2015 in 22:58
    Permalink

    Con Boni non mi stanco di ripeterlo….il troppo stroppia…punto.
    la famosa cordata per la D (ma non è più che disdicevole secondo Boni avere una cordata?) siamo così sicuri che si farà avanti? A me sembrano un pò indietro o mi sbaglio? avranno già in mente i circa 24 giocatori e tutto ma tutto il resto? Mi sa che anche loro devono darsi più che una mossa se devono arrivare in tempo per iscriversi. o no? Direttore grazie di tutto…davvero..

  • 8 Giugno 2015 in 23:11
    Permalink

    direttore se ho capito bene dietro a corrado c’e ricci e il fondo canadese grazie……….

  • 8 Giugno 2015 in 23:44
    Permalink

    direttore lo vedo disgustato da questi nomi ma lo capisco . vorrei tanto che ha spuntarla fosse giuseppe corrado cosi farebbe zittire tutti..

  • 8 Giugno 2015 in 23:45
    Permalink

    Mi sbilancio. ..Piazza favorito numero 1

  • 8 Giugno 2015 in 23:52
    Permalink

    Molossi vatla a tor in tal c…l ti e la to serie D.
    Ensema a Belle’, Azzali e la so pipa in boca, l’UPI e tut i piocion.
    Dallara piocion!!!!!!!

  • 9 Giugno 2015 in 00:00
    Permalink

    Pencroff si sono dei miserabili straccioni. Perché 1/5 del mio stipendio sono 300 euro. Non scherziamo. Gente miserabile che per la città non fa e non mai fatto un emerito cazzotti come insegna l’aeroporto e migliaia di altre cose. Salvo andare in tribuna a Maccagno ai tempi delle coppe di Tanzi. Poi parliamone di questi grandi imprenditori…il re del prosciutto cotto l’è mes fali, quelli dei sughi e delle tomacche sono finiti in galera x bancarotta e potrei andare avanti x ore.

  • 9 Giugno 2015 in 00:00
    Permalink

    Grande Majo..era ora che la cantasse a Boni. Non so come ha fatto a resistere fino ad ora! Un gran maleducato che non rispetta le opinioni altrui E non so neanche perché continuano ad ospitarlo in trasmissione dal momento che non lo supporta nessuno. Veramente un elemento di disturbo, che rovina un programma molto gradevole se non fosse x lui

  • 9 Giugno 2015 in 00:01
    Permalink

    Belle nador!

  • 9 Giugno 2015 in 01:30
    Permalink

    Direttore posti la puntata per un disperato

  • 9 Giugno 2015 in 01:36
    Permalink

    Direttore non vorrei che domani sera a calcio & calcio, Boni, dopo aver capito che e’ LO SCONFITTO NUMERO UNO e dopo che la serie D è sfumata ed è diventato lo zimbello di tutta Parma, faccia un gesto estremo e SI SUICIDI IN DIRETTA. Se restiamo in B, BONI CI HA GIURATO CHE NON SI FARA’ PIÙ’ VEDERE. Speriamo non sia uno SPERGIURO. Appunto per questo, con quella frase sibillina ” SE ANDIAMO IN SERIE B NON MI VEDRETE PIÙ’ ” potrebbe aver fatto capire con quella frase che per lui la delusione è talmente forte che SI E ‘SUICIDATO. Ecco perché durante la trasmissione dovete tenerlo d’occhio. Potrebbe improvvisamente tirare fuori una pistola e farsi saltare le cervella o un sacco di plastica per asfissiarsi E OVVIAMENTE PER FARE TEATRO, può farlo solo in diretta.

  • 9 Giugno 2015 in 08:51
    Permalink

    Buondi direttore ieri seguendo anche la tv concorrente ho sentito dire che le offerte di acquisto con dei vincoli non saranno prese in considerazione dalla curatela le risulta questa affermazione fatta dal giornalista professionista schianchi?

    • 9 Giugno 2015 in 09:33
      Permalink

      Può darsi. Si vede che aveva ripassato la legge fallimentare prima di andare in onda…

  • 9 Giugno 2015 in 08:55
    Permalink

    Buon lavoro Direttore….pendiamo dalle sue labbra…

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI