“… E PARLIAMO DI CALCIO: IL PARMA”: STASERA ALLE 21 MAJO OSPITE DI PALLINI NELLA PIAZZETTA TRINITA’ DI STRADA XX SETTEMBRE. GUEST STAR HENRY ROTELLI, REGIA DI EGIDIO TIBALDI

(Evaristo Cipriani) – Gabriele Majo, direttore responsabile di StadioTardini.it, questa sera venerdì 12 giugno 2015, alle ore 21,00 sarà live nella piazzetta Trinità (angolo con strada XX Settembre) quale protagonista dell’ incontro dibattito: “… e parliamo di calcio: “IL PARMA”, intervistato da Fabrizio Pallini, presidente dell’Associazione I Nostri Borghi, con la regia di Egidio Tibaldi, guest star l’Armstrong parmigiano  Henry Rotelli. Un’occasione per focalizzare la situazione del Parma e del suo futuro a poche ore dalla dead line per la consegna della cauzione di chi vorrà fare trattative dirette coi CuraStars per l’acquisto dell’azienda sportiva del Parma FC. L’evento è inserito nella locandina di “Vivere nei Borghi”. Siete tutti invitati a partecipare.

VnB

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

119 pensieri riguardo ““… E PARLIAMO DI CALCIO: IL PARMA”: STASERA ALLE 21 MAJO OSPITE DI PALLINI NELLA PIAZZETTA TRINITA’ DI STRADA XX SETTEMBRE. GUEST STAR HENRY ROTELLI, REGIA DI EGIDIO TIBALDI

  • 12 Giugno 2015 in 02:16
    Permalink

    Pallini non e` pro-D?

      • 12 Giugno 2015 in 04:42
        Permalink

        Niente, me lo ricordo nella trasmissione di lunedì. Tutto qua.

  • 12 Giugno 2015 in 06:40
    Permalink

    Grande Dottore almeno si Sbatte x Parma e NON solo

    Queste sono Iniziative Importanti fatta nei Borghi Storici

    Trà qualke giorno poi Mitica Tortellata Grande Beccata

    Complimenti e FORZA PARMA !!!!

    Tgnèmmos Vìsst

  • 12 Giugno 2015 in 08:34
    Permalink

    Direttore si guardi le spalle che via xx settembre la sera pullula di trans più che il Brasile

    • 12 Giugno 2015 in 08:56
      Permalink

      Nn sono stati debellati da pallini?
      Cmq aspetto te e i naviganti di stadiotardini.it …

  • 12 Giugno 2015 in 08:57
    Permalink

    Pallini no vi prego Pallini no…
    Basta Pallini, basta tutta quella gente li. Ma chi rappresentano?Chi li ascolta?Chi li vuole????

    Pallini va in pensio e scasa mia al bali!

    • 12 Giugno 2015 in 09:07
      Permalink

      Ma pallini è in veste di intervistatore, non di opinionista…

  • 12 Giugno 2015 in 09:02
    Permalink

    Direttore non hai qualche scoop da dare tipo l intervista a Corrado senior che l avevi solo tu?

  • 12 Giugno 2015 in 09:04
    Permalink

    Direttore, un borsino della giornata (decisiva o quasi..)? Io direi che in queste ore Corrado ha superato Piazza, che dall’sms a Grossi sembra di leggere tra le righe voglia fermarsi….

      • 12 Giugno 2015 in 09:45
        Permalink

        di che sms stiamo parlando?

  • 12 Giugno 2015 in 09:06
    Permalink

    L’associazione di Pallini ha mai ottenuto risultati concreti e tangibili?

    • 12 Giugno 2015 in 09:27
      Permalink

      Beh l’aeroporto è salvo e i borghi sono sufficientemente bonificati da derive malavitose degli extracomunitari

      • 12 Giugno 2015 in 10:01
        Permalink

        Beh Majo, non dica eresie su 😉
        I borghi “salvi” sono quelli di via Farini e non certo grazie a Pallini, ma grazie alla tanto vituperata movida.
        Quelli dell’oltretorrente invece devono avere qualche problema ad essere individuati dal gps di Pallini…
        Quanto all’aeroporto poi mi sembra azzardato dire che sia stato salvato grazie a Pallini…che poi salvato…per ora si è prolungata l’agonia, per salvarlo serviranno idee e progetti. Vediamo se “dottor melenso” riuscirà ad andare oltre i semplici slogan da sciovinismo provinciale.

        • 12 Giugno 2015 in 11:13
          Permalink

          Come dicevo anche nella risposta a Davide il territorio d’azione di Pallini sono i borghi attorno a Via XX Settembre. L’Oltretorrente come Via Saffi esulano.

          Circa l’aeroporto indubbiamente il pallone è stato gettato più in là dall’Upi, a ma a tirare per la giacchetta l’upi ci ha pensato il “dottorino musicale”, il quale, in effetti, riconosco essere un po’ affetto da sciovinismo provinciale…

      • 12 Giugno 2015 in 11:42
        Permalink

        Confermo, ho il negozio in via Cavallotti a 30 metri dall’associazione di Pallini e la situazione negli ultimi anni e’ stra migliorata. Non toccatemi i Trans
        che sono dei gran clienti con i loro tacchi da cambiare ogni 3×2

        • 12 Giugno 2015 in 12:03
          Permalink

          Se hai un negozio potresti contribuire al sostentamento di StadioTardini.it attraverso l’acquisto di un banner…

          Tanto con tutti i trans che servi le risorse non ti dovrebbero mancare…

          Cordialmente

          Gmajo

          • 12 Giugno 2015 in 12:16
            Permalink

            Contribuisco piu’ che volentieri. Mandami via mail il tutto.

          • 12 Giugno 2015 in 12:25
            Permalink

            Magari sentiamoci al telefono che facciamo prima… Squillami al 335.8400142, oppure se hai aperto in orario trans, prima o dopo che mi sono servito dei medesimi lì in zona (hanno tutti il “visto” di qualità bollati dal Pallo) provo a fermarmi 🙂

            Intanto grazie mille

            Cordialmente

            Gmajo

          • 12 Giugno 2015 in 12:34
            Permalink

            Poi se ci fosse qualcun altro che vuol seguire l’esempio di andrea m e acquistare uno spazio commerciale su stadiotardini.it può contattarmi al 335.8400142

            Per la cronaca il giorno 9 giugno abbiamo toccato il nostro vice-record con 43.955 pagine viste in 24 ore (il precedente erano circa 48.000 il 17 febbraio) con ben 5.253 utenti unici. Numeri che ci danno soddisfazione e che rendono bene l’idea della validità di stadiotardini.it per veicolare anche informazioni pubblicitarie…

            Cordialmente

            Gmajo

  • 12 Giugno 2015 in 09:12
    Permalink

    Scusate cosa avrebbe scritto nell’sms a grossi??

  • 12 Giugno 2015 in 09:20
    Permalink

    Lo scopriremo si spera entro domattina. Certo che se Piazza non viene in Italia come fa a prendere parte alla trattativa, eventualmente? Non si era detto che deve comparire direttamente la persona fisica che guida la cordata? E di conseguenza dovrebbe essere l’unico autorizzato a trattare…

    • 12 Giugno 2015 in 11:11
      Permalink

      Chiedi a Mak te lo spiega lui….

      • 12 Giugno 2015 in 14:32
        Permalink

        Si ti spiego io Ghirardello, prima pero’ mi dici dove hai letto che deve comparire fisicamente la persona che guida la cordata. Ah ma è vero, tu sei entrato in dark… bene, adesso vedi di uscire dalla room.

  • 12 Giugno 2015 in 09:42
    Permalink

    Ritengo che i curatori avrebbero dovuto avvalersi di un consulente legale in grado di garantire in modo inoppugnabile i potenziali compratori. Non so se hanno avuto la presunzione di poterlo fare loro ma rimane il fatto che ad oggi ci sono troppe zone d’ombra e giustamente chi sarebbe disposto ad investire nel Parma teme di dover affrontare “costi” imprevisti.

    • 12 Giugno 2015 in 10:23
      Permalink

      Si appoggiano ad uno dei migliori studi italiani, almeno come fama

  • 12 Giugno 2015 in 09:45
    Permalink

    Dell’sms ne parla Grossi sulla gazza odierna. Non si capisce in realtà se l’ha inviato a lui o se gli è stato riferito…”Siamo sempre molto interessati, pur consapevoli che il tempo stringe. Dobbiamo costruire una trattativa che sia ragionevole per me e i miei partner. Con il cuore vorremmo che tutto fosse già sistemato, ma la testa ci impone di fare mosse logiche e sensate”

  • 12 Giugno 2015 in 09:47
    Permalink

    Ma Gerali e Franzone tra l’altro non avevano detto che Piazza sarebbe venuto in Italia etc. etc. etc.?Tra le cazzate sparate da questi qui, Corrado che secondo me è affidabile e di parola come il culo di un bambino piccolo (voglio vedere se ha versato la cauzione che poi cauzione non è visto che è meramente un deposito temporaneo) a sema a post!
    Cmq sicuramente il figlio di Corrado conosce bene Levati in quanto frequentatori degli stessi locali della movida parmigiana.

    • 12 Giugno 2015 in 10:04
      Permalink

      Ieri avevo letto un commento, intanto che lo postavo, ma non avevo fatto in tempo a chiosare, secondo cui l’approccio degli uomini di Piazza sarebbe stato all’americana, cioè con fatti, al contrario di quello dei collaboratori di Corrado che sembrava più all’italiana, cioè più chiacchiere. Io, dico la verità, non ho notato tutta questa differenza…

      Cordialmente

      Gmajo

  • 12 Giugno 2015 in 09:50
    Permalink

    Beh sul fatto che i boirghi siano bonificati ag sris quel da dir..
    venite in zona laterali di Via Saffi dopo le 22 e ne parliamo.
    Ma cmq cosa c’entra poi Pallini col calcio a parte siftare dai tempi di Tanzi quando andava a Bar Sport con Bellè.
    Quando ci libereremo di quella gente li da tv, radio e giornali?
    Li andremo a intervistare anche all’ospizio?

    • 12 Giugno 2015 in 10:02
      Permalink

      La zona controllata dal podestà Pallini è quella circoscritta a Via XX settembre e obiettivamente, al di là di qualche deriva, è sostanzialmente la più “bonificata”.

      Pallini, ai tempi di Tanzi, non andava a Bar Sport con Bellè, ma era a Calcio & Calcio con Ugo Ferri. E prima ancora si distingueva per radio per i suoi mitici notturni…

      E visto che tra un paio di giorni festeggio il mio 40° di attività, pur essendo leggermente più giovane di Pallini, dovrei forse andare in pensione anch’io?

      Cordialmente

      Gmajo

      • 12 Giugno 2015 in 11:19
        Permalink

        Sarebbe uno scandalo…un cosi’ aitante giovanotto che se la spassa con la Rosy…a proposito com’e’ andata…dicci un po’ di cose (visto che sul fronte trattative non succede na’ fava..) cos’avete mangiato e dove, com’e’ stata la serata….se c’e’ stato un picante dopo cena…un po’ di cose insomma….
        Anche se non sono vere va bene lo stesso…tanto….cosa c’e’ stato di vero a Parma in questi anni…
        Per restare in tema gossipparo ,stadio stamane in prima pagina pubblica la favvenda di mirante-higuain e la bella Chiara….sai nulla?…
        Hai cenato pure con questa?…

        • 12 Giugno 2015 in 11:33
          Permalink

          No con Chiara no, però questi gossip li godo (quando riguardano gli altri… Per quanto concerne i gossip su di me non svelo proprio nulla…)

      • 12 Giugno 2015 in 13:47
        Permalink

        Abbiamo anke BrillaDigos il Felsiello

        Leggere Sotto mo mamahahahah !!!!

  • 12 Giugno 2015 in 09:56
    Permalink

    E piazza sembra che stia mettendo le mani avanti per una retro… Brutto segnale

  • 12 Giugno 2015 in 10:02
    Permalink

    Game Over.

  • 12 Giugno 2015 in 10:45
    Permalink

    Finita ragazzi zero trattative, stasera alle 24 è finita…

  • 12 Giugno 2015 in 10:58
    Permalink

    Scusa Gabriele (non il Direttore) intendevi dire che la procedura fallimentare si appoggia a uno dei principali studi italiani oppure i compratori? Sai come si chiama lo studio legale?
    Ritengo, a mio modesto parere, che nel caso del fallimento del Parma Calcio il Tribunale avrebbe dovuto conferire l’incarico ad un avvocato (cosa abbastanza frequente presso tanti altri Tribunali italiani) e non a dei commercialisti. E’ evidente che le problematiche legali prevalgono su quelle economico-finanziarie.

    • 12 Giugno 2015 in 11:48
      Permalink

      L’usanza di accoppiare commercialisti nelle curatele più impegnative è una prerogativa tipica del Tribunale di Parma: altrove, a mio avviso giustamente, mettono insieme un commercialista e un avvocato. Anche se non so quanto questo dettaglio possa esser significativo in un fallimento complesso come quello del Parma F.C.

      Cordialmente

      Gmajo

    • 12 Giugno 2015 in 13:40
      Permalink

      Fu il sito specializzato TopLegal.it a riferire che i curatori fallimentari del Parma Angelo Anedda e Alberto Guiotto avevano nominato lo studio “Bonelli Erede Pappalardo” quale proprio consulente legale

  • 12 Giugno 2015 in 10:59
    Permalink

    Direttore ha scritto “sala’ ” o “sarà “

  • 12 Giugno 2015 in 11:05
    Permalink

    Direttore fai un regalo a tutti i tuoi sostenitori e stasera taglia in riporto a Pallini.

  • 12 Giugno 2015 in 11:21
    Permalink

    Intanto ci siamo divertiti per 25 anni. Abbiamo fatto piangere le grandi, abbiamo vinto tanto! Sono emozioni che porteremo dentro e nessuno potrà togliercele. Ci sentiremo sportivamente più poveri ma dentro siamo ricchi! Il solo e semplice fatto che due personaggi di questo calibro abbiano anche solo pensato al Parma calcio e alla città ci deve riempire di orgoglio e darci la consapevolezza di ciò che valiamo. Che sia uno stimolo a crescere, migliorarci e portare questo territorio fuori da questa crisi. Li ringraziamo comunque entrambi. Grazie a Piazza si è parlato per giorni di Parma in tutto il mondo. Va bene così. Magari in futuro avremo di nuovo l’occasione per sognare anche con il calcio, chissà. Per ora Addio, anzi….Arrivederci.

    • 12 Giugno 2015 in 11:45
      Permalink

      Il de profundis lo celebriamo dopo il decesso. O lei è forse un industriale con la I maiuscola?

  • 12 Giugno 2015 in 11:31
    Permalink

    Certo che se il progetto Corrado (a parte il figlio movidaro e gobbo ma tant’è ormai i figli nador sono dazi che dobbiamo pagare storicamente qui a Parma) riparte dai vari Levati, Di Taranto, Preti e compagnia cantante possiamo iniziare a toccarci i maroni

  • 12 Giugno 2015 in 11:32
    Permalink

    Il primo pagliaccio si è ritirato vediamo ad andare a sera in quanti rimangono…per me zero…

    • 12 Giugno 2015 in 11:39
      Permalink

      Non confondiamo lo sterco con lo stufato o col cioccolato

    • 12 Giugno 2015 in 11:46
      Permalink

      Ufficialmente?…c’e’ un comunicato?

      • 12 Giugno 2015 in 14:36
        Permalink

        SI, e dice di levarti dai coglioni.

        • 12 Giugno 2015 in 14:56
          Permalink

          Meno male che sei tornato MAK, quando manchi INNOMINANABILEDELLO si allarga troppo.

          • 12 Giugno 2015 in 16:33
            Permalink

            Vi do carta bianca, approfittatene anche voi alla fine ci si diverte pure e lui magari ci gode anche. Povret.

  • 12 Giugno 2015 in 11:32
    Permalink

    Fuori Meli

    • 12 Giugno 2015 in 11:39
      Permalink

      Ho già detto che qui parliamo solo di cose serie.

      Non mi ero occupato prima di questa ipotesi – e il mio naso per l’ennesima volta non mi aveva tradito – sicché non vedo perché dar spazio adesso.

      Vi ho sempre detto: partita a due Corrado-Piazza e quella per me è la gara.

      Poi se i copia-incollatori e altri godono il delirio di chi cercava solo le luci della ribalta è un problema loro.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 12 Giugno 2015 in 11:48
    Permalink

    Majo, Meli parla di un solo concorrente. Semplice errore o significa che potrebbe essere tutto apparecchiato per Corrado?

      • 12 Giugno 2015 in 12:08
        Permalink

        Decisamente tranchant 🙂

        Non glielo nominerò più 😉

    • 12 Giugno 2015 in 12:39
      Permalink

      Meli ha confessato di non essere mai entrato in data room dopo aver fatto richiesta…ti sembra uno affidabile?

  • 12 Giugno 2015 in 11:58
    Permalink

    A parte che non la trovo da nessuna parte la notizia del ritiro di Meli…..chiunque dei tre sarebbe stupido a comunicare adesso il ritiro. Siccome il giudice deciderà lunedì, anche chi si ritira aspetterà sicuramente quel giorno per comunicarlo. Ma basta leggere tra le righe per intuire……

    • 12 Giugno 2015 in 12:05
      Permalink

      La notizia del ritiro di Meli è rintracciabile su un sito “copia incolla” di cui qui non ospito i link vista la scorrettezza da loro più volta avuta nei confronti di stadiotardini.it

      • 12 Giugno 2015 in 12:17
        Permalink

        Non citano quasi mai niente, solo da loro circuito.

        • 12 Giugno 2015 in 12:23
          Permalink

          No, no… Copiano incollano che è un piacere, ma siccome sto sul cazzo al loro direttore per una bacchettata che gli diedi per una qualche corbelleria combinata, da allora il sottoscritto per loro non esiste. E piuttosto evitando di dare una notizia per non prenderla da me, salvo poi riprenderla da Teleducato, quando è Angella che mi ripete, o dopo giorni…

          Un esempio lampante: per loro Giuseppe Corrado non ha mai parlato…

          E quindi se non esiste stadiotardini.it per loro, figurarsi se esistono loro per me…

          Cordialmente

          Gmajo

  • 12 Giugno 2015 in 12:01
    Permalink

    Grande Lizard!!!!

    Pallini taja il riport!!!!!!!!!!

  • 12 Giugno 2015 in 12:03
    Permalink

    W il parma mo va a cagher…. Reggiano come boni!!!

  • 12 Giugno 2015 in 12:36
    Permalink

    Ma vi rendete conto che in questo momento di tensione epocale la gazzetta di Parma on-line ha pubblicato un articolo su una reporter americana attaccata da uno sciame di cicale??? Direttore lei è il nostro Bravehart, andiamo ad attaccare la Gazzetta con delle arnie

  • 12 Giugno 2015 in 12:42
    Permalink

    Qual’è l’orario fissato come scadenza per r depositare la cauzione e la richiesta di trattativa?

      • 12 Giugno 2015 in 13:09
        Permalink

        anche questa…..e dove la si deposita una cauzione alle 23 di venerdi’(ipotesi) a Parma….
        mahhhh….

        • 12 Giugno 2015 in 13:53
          Permalink

          Esiste l’home banking…Manenti docet…

          • 12 Giugno 2015 in 14:40
            Permalink

            Esiste anche il fuso orario!!

        • 12 Giugno 2015 in 14:05
          Permalink

          In una delle Tue Ville Mortadello

          Sparse nel Mondo e in Italiahahahah

          Ke Festeggiamenti evvivahahahah

          Attenzione al BrillaDigos !!!!

        • 12 Giugno 2015 in 14:57
          Permalink

          anche le banche ci vogliono aiutare,siamo proprio dei privilegiati

        • 12 Giugno 2015 in 15:35
          Permalink

          In via XX Settembre ,suonare Lolita.

  • 12 Giugno 2015 in 12:56
    Permalink

    Majo il suo naso cosa fiutato? Almeno uno dei due ci acquistera’?

  • 12 Giugno 2015 in 13:15
    Permalink

    Io invece vi dico che se entro le 18 chi sarà interessato dovrà presentare quello che i curatori chiedono. Dopo le 18 anche se il tempo è fino alla mezzanotte chi ha intenzione di presentare richiesta di trattativa privata lo farà prima delle 18, dopo non la presenterà più nessuno. Ora come ora, il rigore prima dato a Piazza ora l’avrà Corrado. Siamo però al 120°. Se viene sbagliato anche questa volta la partita è finita.

    • 12 Giugno 2015 in 13:28
      Permalink

      Quindi gia’ dopo le 18 potrebbe filtrare dalle austere mura tribunalizie qualcosa di importante….
      Certo se chi dovrebbe raccoglierle se ne sta al sole del river con la rosy….vero Majo?….

      • 12 Giugno 2015 in 13:47
        Permalink

        Esatto…

        Comunque non è vero che sono al river. Conto di andarci dopo (peraltro si è annuvolato)

  • 12 Giugno 2015 in 13:20
    Permalink

    Dott Majo che ripercussioni potrebbero avere le lettere inviate a lega e FIGC da parte del Brescia?

    • 12 Giugno 2015 in 13:27
      Permalink

      Sono le solite schermaglie di terzi ampiamente interessati. Io credo che noi la b ce la siamo… conquistata sul campo, mentre loro l’hanno persa sul campo.
      Cmq non cambia i termini della questione e che ci fossero problemi in vista su fronte lega figc su elargizione straordinaria ve l’avevo scritto. E che quei 5 milioni prestati o regalati che siano, siano un pericoloso precedente non ce lo eravamo mai nascosti…
      Cordialmente
      Gmajo

      • 12 Giugno 2015 in 16:00
        Permalink

        Ma mi scusi il Brescia è arrivato dopo l’Entella.Se ci fosse un ripescaggio dovrebbe usufruirne i’Entella o sbaglio?

        • 12 Giugno 2015 in 17:08
          Permalink

          chiedo la consulenza ai tanti tifosi del brescia che in queste ore ci stanno seguendo con attenzione… Purtroppo non ho seguito finora il calcio minore…

  • 12 Giugno 2015 in 13:21
    Permalink

    Co volel comprer da ster a Maiemi?

  • 12 Giugno 2015 in 13:24
    Permalink

    Direttore crede che il comunicato del brescia possa condizionare o sara preso dalle istituzioni e cestinato ?

    • 12 Giugno 2015 in 13:28
      Permalink

      Leggi risposta data ad altro utente che aveva formulato analoga domanda
      ..
      Cordialmente
      Gmajo

      • 12 Giugno 2015 in 13:34
        Permalink

        Che avrebbe scritto sto’ Brescia….qualcosa di ufficiale lo si ha?…

        • 12 Giugno 2015 in 13:54
          Permalink

          Il Brescia va all’attacco. Non si limita ad aspettare e sperare nella possibilità di essere ripescato in Serie B: chiede che al Parma non siano riservati trattamenti di favore nel momento in cui prova a darsi un nuovo proprietario per evitare il fallimento e la discesa in Serie D. Esige giustizia, il Brescia, e adesso lo fa anche formalmente, con una lettera inviata a tutti i massimi organi del mondo del calcio: Figc con tutti i consiglieri federali, Covisoc, Lega di A e di B. Non è una semplice protesta, come avvenuto in maggio nei confronti del presidente federale Carlo Tavecchio; è una diffida vera e propria, visto che i destinatari sono avvertiti chiaramente delle intenzioni che animano la società biancazzurra, pronta ad esercitare ogni azione contro eventuali provvedimenti lesivi dei suoi interessi.In sostanza, il Brescia si aspetta che non si consenta ai curatori fallimentari di fissare il debito sportivo in 22,2 milioni di euro, cifra che potrebbe invitare all’acquisto gli imprenditori rimasti in pista, quando nei fatti quel debito avrebbe ben altra portata. Le conseguenze di una determinazione dell’importo inferiore a quello reale agevolerebbe il salvataggio del Parma oggi, ma scatenerebbe una sequela infinita di azioni legali e rivendicazioni. Il Brescia si è mosso in anticipo, così da far capire agli organi tenuti a vigilare e governare, ma anche ai potenziali nuovi acquirenti del Parma, che è davvero concreto il rischio di commettere uno sbaglio grave (l’esatto importo del debito sportivo emiliano è la chiave dell’intera vicenda) per poi doverlo pagare a caro prezzo. Nella lettera, firmata dall’amministratore delegato e direttore generale Rinaldo Sagramola, si sottolinea come la Federazione debba sempre essere sovrana in merito ai rapporti fra i suoi associati in quello che resta un ordinamento sportivo. Perciò, se rinunciasse al potere di determinare il debito sportivo del Parma nel suo complesso, concedendo questa prerogativa ai curatori fallimentari, commetterebbe un illecito. Sarebbero violate le norme che regolamentano il trasferimento del titolo sportivo (articolo 52 delle Noif), stabilite in passato nell’interesse generale di tutti i club. Il Brescia non è solo, in quest’opera di contestazione e monitoraggio; a voler verificare con attenzione ogni cosa sono anche molte altre società, le 7 sorelle di Serie A che si sono piazzate dall’undicesimo al diciassettesimo posto e avrebbero dunque diritto a spartirsi il «paracadute» di 12 milioni lasciato vacante dal fallimento parmigiano.PER IL BRESCIA sono discutibili le premesse sulle quali si baserebbero alcune affermazioni dei curatori: la promessa del presidente federale di escludere il finanziamento dell’esercizio provvisorio disposto dal Tribunale fallimentare da parte della Lega, 5 milioni di euro, come i dubbi relativi ai contratti e alla data stabilita dalla Lega per il visto di esecutività.Particolare non di poco conto: la gestione dei curatori fallimentari, a giudizio del Brescia, deve essere considerata come sottoposta alle regole dell’ordinamento federale, visto che questa gestione ha preso parte al campionato di Serie A, disputando mezza stagione proprio grazie al finanziamento ricevuto dalla Lega. Consentire ai curatori di determinare il monte dei debiti sportivi è come concedere la possibilità di quantificare il proprio debito alla società che cede una sua azienda. Insomma, non possono essere i debitori a definire la natura dei debiti (sportiva o non sportiva?), in un caso come quello del Parma. La patata bollente passa alla Federcalcio. Che ieri è stata formalmente avvisata. COPYRIGHT
          Gian Paolo Laffranchi (www.bresciaoggi.it)

          http://www.bresciaoggi.it/stories/461_brescia_calcio/1204717_il_brescia_avvisa_tavecchio_vigila_bene_sul_parma/

      • 12 Giugno 2015 in 13:37
        Permalink

        Ah: che i curatori non possano determinare il debito sportivo, come sostenuto da Sagramola mi pare tesi assai risibile, ciò non toglie che Stadiotardini.it abbia in effetti sempre ritenuto piuttosto audaci le interpretazioni dei curastars dell’art 52 delle Noif.

        Cordialmente

        Gmajo

  • 12 Giugno 2015 in 13:46
    Permalink

    Ma Brescia oltre ad aver dato i natali all’innominabile ed alla sua genitrice che altre disgrazie può ancora causarci?Ma non si vergognano?

  • 12 Giugno 2015 in 14:03
    Permalink

    secondo me dopo questo comunicato del brescia a Piazza e Corrado hanno cominciato a tremare i polsi 🙂 ma che comunicato è? ma nemmeno manenti sarebbe stato capace di tanto… 🙂

  • 12 Giugno 2015 in 14:14
    Permalink

    boh, secondo me i bresciani hanno molte ragioni…..però sono bresciani e quindi…..

  • 12 Giugno 2015 in 14:19
    Permalink

    Direttore questa storia del brescia incidera sulla vendita??
    Comunque ogni qual volta sembra possano mettersi a posto le cose esce qualcosa che ci fa tornare nella fossa….

  • 12 Giugno 2015 in 14:28
    Permalink

    ma le dichiarazioni del Brescia non sono da querela da parte della Curatela? Questi sostengono che abbiano nascosto dei debiti…

    • 12 Giugno 2015 in 14:57
      Permalink

      Senti nostalgia di Leonardi? Le querele lasciamole perdere…

  • 12 Giugno 2015 in 14:30
    Permalink

    Signor Majo prima di dire inesattezze meglio documentarsi il Brescia non ha perso la categoria sul campo stando al quale avrebbe raggiunto una sofferta salvezza ma pur sempre salvezza ma per punti di penalizzazione per ritardi nei pagamenti (saldati oltretutto dopo poco tempo) di cifre ridicole al confronto dei debiti del Parma e comunque probabilmente basterebbe che le regole fossero uguali per tutti e non servirebbero lettere di diffida da parte delle società’ . Grazie è buona giornata

    • 12 Giugno 2015 in 14:57
      Permalink

      Grazie per la precisazione, chiedo scusa per l’errore. Respingo fermamente, tuttavia, ogni riferimento al Parma, giacché il Brescia di Corioni sappiamo bene come era messo…

  • 12 Giugno 2015 in 14:36
    Permalink

    …e fortuna che il palazzo doveva salvare il Parma….
    alla faccia!!!
    se qualcuno ci acquista anche dopo questo di Brescia dovremo fargli una statua vicino a quella di Garibaldi

  • 12 Giugno 2015 in 14:41
    Permalink

    Del parma non frega niente a nessuno come ho sempre detto…questa è la verità
    Cmq il fallimento è una procedura del nostro codice civile che credo valga più delle noif…spero… a questo punto depongo le armi mi sembra di essere dentro una mongolfiera sospinta dai venti senza controllo….mamaaaaa…

    • 12 Giugno 2015 in 14:55
      Permalink

      Paola, le Noif determinano cosa sia il “debito sportivo”, figura ignota alla Legge Fallimentare. E peraltro non oggetto della vendita diretta da parte della Curatela stessa che vede il ramo sportivo alla newco, che si impegna con la Federazione attraverso una fideiussione a soddisfare il debito sportivo, che appunto spetta alla FIGC determinare.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 12 Giugno 2015 in 15:00
        Permalink

        Grazie…per la pazienza
        si sono nel pallone…

  • 12 Giugno 2015 in 14:47
    Permalink

    So che è una cavolata ma anche sta notizia del brescia e di altre società pronte a mangiare sul derelitto parma fa molto pensare su che c…. di mondo è quello del pallone…sportività zero, accettare i verdetti del campo mai, trovare trucchetti per saltarci fuori sempre….. non parlatemi dei soldi che ci girano attorno perchè questo vale anche per gli sport proffessionistici americani ( fra l’altro ci girano anche più quatrini) o per il campionato inglese ecc… oh è vero senza nessun aiuto saremmo morti da un pezzo….ma anche il campionato italiano ora si spartirebbe gli eurini da dare indietro a sky!!!!!!!!!!

  • 12 Giugno 2015 in 15:00
    Permalink

    Quindi direttore come la mettiamo??

    • 12 Giugno 2015 in 15:07
      Permalink

      contro al muro perché non ha il cavalletto…

      • 12 Giugno 2015 in 16:00
        Permalink

        Occhio pero’….muro pericolante e gia’ abbondantemente puntellato di suo….

        • 12 Giugno 2015 in 17:30
          Permalink

          MAK dove sei?????

  • 12 Giugno 2015 in 17:58
    Permalink

    Mi scusi Dir.Majo in caso di pioggia,l’incontro verrà rimandato o si terrà in altri luoghi?

      • 12 Giugno 2015 in 18:15
        Permalink

        Si terra’ solamente dopo il taglio del riporto di Pallini…la pioggia e’ una scusa…

  • 12 Giugno 2015 in 18:12
    Permalink

    Grazie,magari a quando il Parma sarà in acque più quiete.

  • 12 Giugno 2015 in 18:13
    Permalink

    L’idea di farlo in concomitanza con Croazia-Italia non è stata brillantissima

    • 12 Giugno 2015 in 18:55
      Permalink

      è intervenuta provvidenzialmente la pioggia…

      a parte che pallini non me lo aveva chiesto prima, e mi aveva inserito in locandina, che se io fossi stato a veder madame Butterfly con la rosy si attaccava…

      L’avevo saputo da un giornalista e poi pochi giorni fa mi aveva chiamato il regista tibaldi per avvertirmi…

      Cmq penso che recupereremo mercoledì sera. Se ci sono controindicazioni avvertite…

  • 12 Giugno 2015 in 20:30
    Permalink

    Pallini Fabrizio al ma rot il bali, ‘sto fighetto biondino di una Parma immobile, stantia, Beatles e Davoli Center, vasche ed LP riversate nelle cassette. È rimasto lì ma il tempo passa e si passano i sessanta ascoltando i suoni degli anni sessanta.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI