GLI AMERICANI PUNTANO SU BARALDI? IERI SERA IL MANAGER AVVISTATO AL “DE LA VILLE” A COLLOQUIO CON GERALI E FRANZONE

(gmajo) – Che ci faceva Luca Baraldi ieri sera a colloquio con Gilberto “Gibo” Gerali e Mauro Franzone al “De La Ville”? Il manager, già ai vertici del Parma Calcio prima in epoca Tanzi, e poi durante l’Amministrazione Straordinaria di Enrico Bondi, potrebbe essere stato identificato dalla cordata di Mike Piazza per un importante incarico dirigenziale nella nuova società, qualora, ovviamente, fosse questa a spuntarla su quella dei Corrado nella corsa all’acquisto dell’azienda sportiva con le trattative private che i CuraStars sono stati autorizzati a portare avanti. Due ore, dalle 19 alle 21 circa, in cui gli attuali uomini di riferimento di “Nuova Parma Calcio” hanno avuto modo di confrontarsi per il futuro, ma, immaginiamo, anche sul complicato presente, dal momento che Baraldi è una professionalità che conosce molto bene i gangli federali o di Lega: non va dimenticato, infatti, che di questi tempi, undici anni fa, fu lui a convincere Enrico Bondi a mantenere in vita, dopo il crac Parmalat, la squadra di calcio cittadina, pur non essendo nel core business della multinazionale, per l’importanza sociale nel tessuto cittadino. Una volta ricevuto il via libera dal Super Commissario fu proprio Luca Baraldi a studiare il modo in cui riuscire – passando attraverso le maglie del decreto (poi convertito in legge) Marzano, e grazie alle sue relazioni con gli allora presidenti FIGC e LNP Carraro e Galliani – a far modificare l’art. 52 delle Noif con l’inedito principio che una società in ristrutturazione non doveva essere considerata tecnicamente fallita. E’ chiaro che stavolta la missione sarebbe ancor più complessa per via degli stretti tempi a disposizione e per la pesante eredità dei contratti futuri che pesano parecchio sulla sostenibilità virtuosa della nuova società, ma indubbiamente Baraldi è uno che la materia la conosce e non certo un profano. Tra l’altro, visto la mission indicata da Piazza di individuare le professionalità da inserire in organico sul territorio, va ricordato che il manager è modenese di nascita, ma parmigiano di adozione, visto che da tantissimi anni risiede in zona Tardini. Secondo quanto ci aveva riferito Gerali in una delle conversazioni avute nei giorni scorsi, Nuova Parma Calcio avrebbe iniziato a contattare le professionalità da inserire nell’organigramma societario solo dopo aver acquisito la società: è evidente, però, che non ci si può far trovare con le mani in mano e soprattutto c’è da accorciare le distanze con l’altra cordata, quella dei Corrado, che da più tempo ha intessuto relazioni per costruire il futuro. Baraldi, in questa partita, finora era apparso con la casacca del Re del Caffè Zanetti, il quale, però, si era tenuto lontano all’acquisizione non ritenendo sostenibile l’operazione: il manager, tuttavia, a titolo personale, potrebbe rientrare in gioco.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

67 pensieri riguardo “GLI AMERICANI PUNTANO SU BARALDI? IERI SERA IL MANAGER AVVISTATO AL “DE LA VILLE” A COLLOQUIO CON GERALI E FRANZONE

  • 15 Giugno 2015 in 11:27
    Permalink

    Gia’ solo questa remota e lontana ipotesi fa preferire la cordata Corrado….
    A prescindere…

    • 15 Giugno 2015 in 11:30
      Permalink

      Lei è bolognese e non fa testo…

      peraltro voi bolognesi, temporibus illis, foste molto autolesionisti, al di là di qualche errore comunicazionale commesso da Baraldi…

  • 15 Giugno 2015 in 11:33
    Permalink

    Ma qualcuno di nuovo in Italia mai?Se Baraldi vuol dire via Preti, Di Taranto, Levati, Carpino & C. va bene..però che cazzo…
    facce nuove!!!!

    • 15 Giugno 2015 in 12:18
      Permalink

      facce nuove o no l’importante è che siano competenti e credo che chi ha già lavorato in questo settore e con profitto sia una soluzione auspicabile non importa se non è una faccia nuova a me non interessa l’importante è che il Parma si salvi

      • 15 Giugno 2015 in 12:20
        Permalink

        sì, anche perché se non ci si sa muovere, in questo mare procelloso, è un attimo ritrovarsi sulla zattera…

  • 15 Giugno 2015 in 11:34
    Permalink

    Ha ragione Ghirardello; forza Corrado!!!!!!!

    • 15 Giugno 2015 in 12:30
      Permalink

      Abbiamo anke un gAMBERo alla Felsinello !!!!

      Del Resto è uno Spalletto ke Scappa sul Tetto !!!!

      Va via là Plugà Estense Senza Referenze !!!!

      FORZA PARMA !!!! E via alla prossima Fermatahahahah

  • 15 Giugno 2015 in 11:34
    Permalink

    Zanetti piocion!Sta luntan da Perma!

    • 15 Giugno 2015 in 11:47
      Permalink

      Nell’articolo ipotizzavo un contatto degli americani al manager. Zanetti, al momento, lo terrei fuori dai giochi, anche se immagino comunque, che, in prospettiva, potrebbe non esser impossibile una sua eventuale partecipazione, vista la stima che ha in Baraldi. Ma è al momento un discorso che non farei, anche perché è tutto da vedere che gli americani prendano la società e che lo ingaggino… Insomma, era giusto dare la notizia, visto che la sapevamo, di questo incontro e ricamarci attorno qualche ipotesi ricordando il passato. Ma non è certo un comunicato stampa di un ingaggio ufficiale del dirigente…

      Cordialmente

      Gmajo

      • 15 Giugno 2015 in 12:09
        Permalink

        Verrà a fare lo sponsor? A me la scritta “SEGAfredo” sulla maglia darebbe molto fastidio.

        • 15 Giugno 2015 in 12:25
          Permalink

          Ritengo che il contatto di ieri sera tra i rappresentanti dello yankee e Baraldi riguardi esclusivamente il manager

  • 15 Giugno 2015 in 11:38
    Permalink

    Fanno testo le operazioni tecniche portate a termine da questo incapace…
    -Acquisizione della giovane (allora) punta Pasi (a sua detta elemento di sicuro avvenire)….giocato in 2 anni pochissimi minuti e ora a sfondare la panchina a Sant’arcangelo di Romagna…lega pro…
    -Acquisizione del terzino Pisanu….quasi mai giocato e tra infortuni vari ha collezionato prestiti a Prato (sua ex squadra, lega pro), Montreal (grazie all’interessamento di Di Vaio allora giocatore in forza a quella squadra) per terminare nel prestigioso campionato maltese allo Sliema….
    In cambio abbiamo ceduto l’ala Valiani…chwe invece aveva giocato e parecchio….
    Queste sono le lungimiranti operazioni di questo personaggio….
    Altre due cosi’ e direi che si puo’ chiudere baracca….
    Altroche’….
    Ma sono fiducioso….
    Questo e’ andato a cena a scroccoe a fare due bla bla…
    Per fortuna….

    • 15 Giugno 2015 in 11:42
      Permalink

      Baraldi non è un direttore sportivo, ma un manager d’azienda. Tuttavia, a proposito delle operazioni tecniche, Leonardi a detta di tutti era il re del mercato però molti acquisti erano sì azzeccati, ma molti altri meno… E comunque non è da questi dettagli che si giudica.

      Peraltro non mi pare che Baraldi sia un mangione che scrocchi pasti (né ne ha bisogno)

    • 15 Giugno 2015 in 13:26
      Permalink

      Buffoncello certo molto meglio Guaraldi!!
      Ma hai il cervello all’ammasso?

  • 15 Giugno 2015 in 11:43
    Permalink

    Glielo dico io cosa ci faceva Baraldi da Gerali e Franzone. Cercava di convincerli a non prendere il Parma raccontandogli un sacco di balle per poter così prenderlo lui con Zanetti e con la cordata MILLEPIEDI IL PARMA IN D…..Possibile dottor Majo desnudo che lei, che dovrebbe avere un fiuto come i cani da tartufo, non ci sia arrivato.

    • 15 Giugno 2015 in 12:04
      Permalink

      Lei è un provocatore, ma, come direbbe Leonardi, “Io nun ce casco”

      • 15 Giugno 2015 in 13:37
        Permalink

        BEH PRò Majo, potrebbe anche essre. Lei non è nella testa di Baraldi e quindi come il mio, il suo è solo un giudizio. A volte le cordate nemiche non potendo entare dove voglono entrare mandano i loro cavalli ….DI TROIA.

        • 15 Giugno 2015 in 13:39
          Permalink

          Caro lei, io faccio il giornalista professionista, lei usufruisce del servizio… Sono due cose ben diverse…

  • 15 Giugno 2015 in 11:45
    Permalink

    Che sia stato avvistato solo ora con vari rappresentanti della cordata piazza non vuol dire che i contatti siano cominciati solo ieri.. Magari già collabora da tempo ma era stato bravo a scovare i vari talponi!

    • 15 Giugno 2015 in 12:04
      Permalink

      Non so. Prima mi sembrava schierato con Zanetti. Ora mi sembra un coinvolgimento a titolo personale

  • 15 Giugno 2015 in 11:47
    Permalink

    A me sembra un ottima sorpresa.
    Se i curastars riescono in qualche modo, non so pero quale,
    a ridurre o a depotenziare i contratti (Fabris ha provato a ipotizzare un lavoro del genere ma a carico degli eventuali acquirenti) potrebbe veramente verificarsi la incredibile circostanza di salvarci
    e con una proprieta seria

    • 15 Giugno 2015 in 11:59
      Permalink

      La conclusione che si poteva trarre dall’articolo da lei citato era: tenete Preiti…

      Cordialmente

      Gmajo

  • 15 Giugno 2015 in 11:51
    Permalink

    Se non e’ un direttore sportivo (concordo in pieno) perche’ talvolta assume quell’incarico…che poi fa danni enormi…?
    In ogni caso mi pare da tempo un po’ fuori da diversi giochi e cerchi di tornarci buttandosi a capofitto e inserendosi a ogni pie’ sospinto ogniqual volta fiuta l’aria di una cessione/acquisizione societaria che ritenga interessante…
    Ma oltre a due titoletti sul giornale,due cenette e poco altro per fortuna dei futuribili datori di lavoro non riesce ad andare…
    Maledetta Fornero….anche in questo caso il piu’ che doveroso assegno mensile INPS tarda ad arrivare…
    Che peccato…

  • 15 Giugno 2015 in 11:53
    Permalink

    Direttore ordine del giorno della giornata odierna???

    • 15 Giugno 2015 in 11:57
      Permalink

      Niente di che: aspettiamo a minuti l’ufficializzazione del prolungamento dell’esercizio provvisorio. Dopo di che proseguiranno le operazioni in atto per migliorare ulteriormente l’appetibilità del club

      Cordialmente

      Gmajo

  • 15 Giugno 2015 in 11:57
    Permalink

    Baraldi non mi entusiasma, pero` sa fare bene il suo lavoro, percio` ben venga.

  • 15 Giugno 2015 in 11:58
    Permalink

    il silenzio degli indecenti….le risulta qualche incontro fra curatori giudice e creditori oggi 15 giugno 2015 ?

    • 15 Giugno 2015 in 12:03
      Permalink

      Mi risulta sì.

      Dovrà essere procrastinato (e attendiamo a minuti la relativa nota stampa) l’esercizio provvisorio, sicché è fisiologico che si incontrino

  • 15 Giugno 2015 in 12:01
    Permalink

    Baraldi potrebbe essere semplicemente una mossa per sveltire le operazioni…magari essere poi in organigramma…io non ho brutti ricordi di baraldi…magari a bologna non ha lasciato un bel ricordo ma l’ha fatto perchè è tifoso del parma 😀

    l’unica cosa che mi viene da pensare…è che mi piacerebbe vedere facce totalmente nuove…

    ma ragas…davvero vogliamo fare gli schizzinosi?!

  • 15 Giugno 2015 in 12:01
    Permalink

    Ma secondo lei direttore si vende entro la settimana?

    • 15 Giugno 2015 in 12:01
      Permalink

      Beh, direi che andare oltre il 20/21 sarebbe controproducente…

      • 15 Giugno 2015 in 12:11
        Permalink

        dipende di che anno

  • 15 Giugno 2015 in 12:11
    Permalink

    MAH! Io Baraldi lo apprezzo di più quando pedala. Gli auguro di avere molto tempo libero per continuare gli allenamenti In bici da corsa.

  • 15 Giugno 2015 in 12:12
    Permalink

    Direttore, riporto testualmente tra virgolette quanto riportato da ParmaQuotidiano del 13 giugno scorso:
    “C’è un dettaglio che va segnalato: la Magico Parma Football Club spa ha sede in Parma in città, esattamente in via Zarotto; con la massima precisione: al civico 86/a. E’ lo stesso indirizzo dello studio L.F. Consulting, consulenti del lavoro dal 2002, fondato da Laura Fontana, parmigiana 45enne. Fontana è una storica collaboratrice di Alberto Guiotto, che però è anche uno dei due curatori fallimentari del Parma Fc, cioè collaboratrice di colui che deciderà a chi cedere alla fine il club. Sarà un caso, certo è da approfondire…”
    Con tutte le locations possibili dove stabilire la sede, possibile che la si sia voluta stabilire proprio lì?
    Non mi sembra una gran bella trovata, lei cosa ne pensa?

    • 15 Giugno 2015 in 12:23
      Permalink

      Ho già scritto ieri che trovo pretestuoso attaccarsi a queste cose. Tra l’altro gli avvocati scelti da Piazza e inseriti in società sono di Padova: vogliamo fare dietrologie anche su questo? Senza dimenticare che la compagine societaria di PQ è un pool di commercialisti in opposizione alla maggioranza guidata da Anedda… Pensiamo ad altro, dai…

      Cordialmente

      Gmajo

      • 15 Giugno 2015 in 13:23
        Permalink

        Si Majo tu lo trovi pretestuoso ma cosi’ non sara’ per Cesena,Brescia e tutti gli altri “terzi interessati”…inutile girarci attorno…la faccenda comincia a puzzare e non poco di conflitto di interessi…
        Vogliamo che siano altri a farlo notare a colpi di carte bollate che immancabilmente arriveranno?….

        • 15 Giugno 2015 in 13:31
          Permalink

          Beh, attaccarsi a ‘sta roba con tutto quello che di serio ci potrebbe essere in ballo, dailà…

          Le carte usate le utilizzeranno, di sicuro, per la interpretazione un po’ audace del diritto fallimentare in combinato disposto con le Noif, ma perché una società ha sede in un posto piuttosto che in un altro io lo trovo oltremodo ridicolo. E far scandalo su questo non lo trovo neanche giusto.

          Cordialmente

          Gmajo

          • 15 Giugno 2015 in 13:47
            Permalink

            Majo non scherziamo…un posto invece che un’altro…
            la sede societaria e’ nel medesimo sito di un’altra societa’ la cui rappresentante e’ socia di uno dei due curatori….
            Scusa sai….tanto finira’ (come tutto il resto..) giu’ per le scale di cantina…ma e’ un conflitto di interesse grande quanto Sala Baganza….
            A cesena, a Brescai e pure altrove se ne sono accorti e faranno le loro rimostranze nelle oppurtune sedi, le quali verranno utilizzate dai dirigenti federali e non solo per pulirsi (come di tutto il resto riguardante il Parma) il deretano in situazioni che potremmo definire emergenziali….cioe’ in assenza di normale carta igienica…
            Cosi’ stanno le cose…altroche’…

          • 15 Giugno 2015 in 14:26
            Permalink

            Ripeto: i conflitti di interessi sono altre cose che non la scelta di dove appoggiare una sede sociale!

            E creare scandali su queste cose mi pare assurdo, vieppiù considerando che la curatela veniva viceversa accusata di essere più vicina a Piazza che non a Corrado, e gli avvocati scelti dallo yankee sono padovani come la compagna di Guiotto!

            Cesena, Cagliari, Brescia e compagnia bella hanno ben altri argomenti cui attaccarsi che non la sede dal collaboratore del socio della curatela, dailà

      • 15 Giugno 2015 in 13:48
        Permalink

        La redazione di Parma Quotidiano lavora in modo assolutamente autonomo rispetto a qualsiasi interesse o posizione di parte, e della compagine societaria e di qualsiasi altro soggetto. Affermare il contrario, anche in modo indiretto, è calunnia. Ci aspettiamo le scuse di Gabriele Majo.

        • 15 Giugno 2015 in 14:17
          Permalink

          Ah caro Fabio, io ti posso anche chiedere scusa, ma chi sia il vostro editore non me lo sono certo inventato…

          Poi lo so bene che lavorate in piena autonomia, ci mancherebbe altro. Ma che possiate avere info e spunti – che poi, per carità, sviluppate autonomamente – dalla vostra proprietà mi pare nell’ordine delle cose e credo sarebbe puerile negarlo.

          Ma il nocciolo della questione è che credo che non sia corretto gridare allo scandalo per quella che è la ubicazione di una società.

          Ciò non toglie che io abbia sempre apprezzato il vostro lavoro, attingendo allo stesso, e riportando anche nella titolazione il nome della vs testata: ma in questo caso non ho ritenuto di farlo, perché per me è pretestuoso attaccarsi a queste cose.

          Con immutata stima

          Gmajo

      • 15 Giugno 2015 in 13:56
        Permalink

        di Padova, appunto, come la Boldrin, addetta stampa della curatela nonchè compagna di Guiotto.
        Ma è del tutto evidente che si tratti di mere coincidenze

        • 15 Giugno 2015 in 14:51
          Permalink

          dibattito ad altissimi livelli…

  • 15 Giugno 2015 in 12:14
    Permalink

    Per me si chiude il 22, perché il 19 c’è la sentenza di rogato, sabato e domenica discuteranno gli ultimi dettagli e lunedì ci sarà il passaggio di consegne, appena in tempo per le comproprietà e l’iscrizione in b

  • 15 Giugno 2015 in 12:15
    Permalink

    Il discorso facce nuove lo trovo retorico ormai.. Anche Ghirardi era una faccia nuova, ciò non significa automaticamente essere bravi o onesti. Se Baraldi sa fare il suo lavoro ben venga

    • 15 Giugno 2015 in 12:37
      Permalink

      Quoto in pieno

  • 15 Giugno 2015 in 12:24
    Permalink

    In sostanza, Majo, dobbiamo metterci buoni, buoni ed aspettare lunedì prossimo prima di avere notizie definitive?

  • 15 Giugno 2015 in 12:26
    Permalink

    Tornare sulla terra please. Privatamente chiederanno garanzie ma i 25/27 mln servono ancora! I bonifici sono predisposti?

    • 15 Giugno 2015 in 12:33
      Permalink

      Tutto è predisposto. Se no che cavolo perdiamo tempo a fare ?!?

  • 15 Giugno 2015 in 12:28
    Permalink

    Solo che ormai una visita dal cardiologo diventa a questo punto necessaria dopo tutti sti slittamenti

    • 15 Giugno 2015 in 12:32
      Permalink

      Penso che la data giusta sia lunedì prossimo, il 22.

      Aspettiamo, che a minuti dovrebbe arrivare l’ufficialità…

      Cordialmente

      Gmajo

      • 15 Giugno 2015 in 12:40
        Permalink

        Tuttavia da oggi in poi ogni giorno potrebbe essere quello giusto no?

          • 15 Giugno 2015 in 13:02
            Permalink

            direttore se il parma verrà venduto, poi ci si fa per l’iscrizione alla serie B manca davvero poco

          • 15 Giugno 2015 in 13:09
            Permalink

            Certo…ma non conoscendo il dettaglio delle trattative…non mi sento di escludere nulla..

  • 15 Giugno 2015 in 12:29
    Permalink

    Non so se interpretare positivamente la notizia. ho come la sensazione che Baraldi sia stato interpellato per valutare i costi di gestione del club. come dire: la parte finanziaria legata all’acquisizione del Parma dal fallimento ce la possiamo permettere ma ci possiamo poi permettere il mantenimento del club alla luce dei contratti in essere? Secondo me i Piazza’s Friend sono un passo avanti.

  • 15 Giugno 2015 in 12:29
    Permalink

    Ma cavoli ma facevano dei contratti milionari anche agli sconosciuti o quasi…
    Se magari c’erano dei doppi fini potrebbero chissà
    essere invalidati per questo motivo….lol…. 😮 😮

  • 15 Giugno 2015 in 12:53
    Permalink

    Baraldi ama troppo la serie D per i miei gusti, poi basta per favore! Qualcosa di nuovo no?

  • 15 Giugno 2015 in 13:02
    Permalink

    Comincio tifare per Piazza

    • 15 Giugno 2015 in 13:18
      Permalink

      I russi non possono tifare gli americani…

      Ah già… Non c’è più la guerra fredda…

      • 15 Giugno 2015 in 14:13
        Permalink

        Si che c’è! Hai ragione come sempre… e se mi piace Baraldi?… Che devo fare?
        Scherzi a parte, Baraldi è una persona giusta. Non so se mancano o no professionisti nello staff del Parma, ma i tifosi non sono sufficienti senza dubbi. Dal giorno che te ne sei andato, direttore

  • 15 Giugno 2015 in 13:36
    Permalink

    Quindi il prolungamento dell esercizio è fini al 22,ma su potrebbe chiudere anche prima tecnicamente?

    • 15 Giugno 2015 in 13:41
      Permalink

      Insomma: capisco il dibattere su tutto, ma perché porci la domanda se tecnicamente possono chiudere anche prima?

      La risposta è sì: possono anche interrompere prima, ma se si va al 22 è per via di quella data del 19 della cristallizzazione da te (e da tanti altri) sempre indicata come fondamentale… Quindi che senso avrebbe interrompere prima?

      Cordialmente

      Gmajo

  • 15 Giugno 2015 in 13:56
    Permalink

    Almeno per la rozäda ed san svan sapremo il nostro destino???

  • 17 Giugno 2015 in 22:03
    Permalink

    Credo che Paola abbia colto un aspetto del quale, impegnati come eravamo a mandare Anedda dal barber o a strafigare la Rosy (che pure cce vo’ per noi maschietti, in particolare per quelli che segafredano) si è parlato poco. Siete proprio sicuri che siano tutti contratti validi e non simulati, opponibili al giudice del lavoro come quelli di co.co.co. sfruttati a 400 euro al mese? Sì? Invidio le vostre irremovibili certezze!

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI