IDEA ALLENATORE / LUCA PRINA, IL NUOVO SARRI…

luca-prina-in-serie-b-con-lentella-il-mio-calcio-e-emozione-9079(Alessandro Dondi) – L’auspicio di chi vuole bene al Parma è che, se non tra pochi giorni, almeno tra poche settimane, si ritorni a parlare di calcio giocato o meglio, vista la stagione, di calciomercato. Eh sì, perché mai come quest’anno il calciomercato estivo sarà fondamentale: occorrerà compiere scelte oculate, affidandosi a gente abituata a calcare i polverosi campi di provincia e che sappia trainare il nuovo Parma fuori dalle sabbie mobili della quarta serie. Il primo tassello fondamentale da piantare, oltre a quello del Direttore Sportivo, è rappresentato dalla guida tecnica. Il profilo adatto è quello di un uomo di categoria, avvezzo frequentatore delle serie minori – meglio se con qualche promozione alle spalle – che sappia lavorare coi giovani e con notevoli capacità motivazionali. A mio modesto avviso Fausto Pizzi,candidato più autorevole alla panchina del nuovo Parma, almeno stando ai rumors della Gazzetta di Parma, in caso di ripartenza affidata all’imprenditoria locale, non corrisponde appieno al profilo poc’anzi tratteggiato. Personalmente ritengo che, per lo meno nel ruolo di allenatore, si debba guardare al profilo tecnico senza farsi incantare dalla voglia di riproporre qualche vecchia gloria: le operazioni nostalgia possono rivelarsi rischiose armi a doppio taglio. Ciò premesso, spazio al ritorno di Nevio Scala – per il quale stravedo – ma nel ruolo di garante del nuovo corso, magari come diretto supervisore dell’area sportiva, lasciando spazio in panchina ad un giovane più esperto di serie D, emotivamente meno legato alla piazza e perciò in grado di sopportare meglio eventuali turbolenze iniziali. Un nome che bene risponde alle attuali e future necessità del nascente sodalizio crociato è senz’altro quello di Luca Prina, biellese, classe 1965, artefice lo scorso anno della prima storica promozione in serie B della Virtus Entella. Il tecnico piemontese può rappresentare, in tutti i sensi, L_4dd49fb8a6una sorta di nuovo Sarri: ex impiegato di banca, un passato di calciatore in Prima Categoria fermato precocemente da un infortunio, è assurto agli onori della cronaca per avere conquistato la prima storica promozione in cadetteria della formazione ligure. L’avventura in panchina di Prina inizia proprio nella sua città, è infatti con la Biellese che tra il 1991 ed il 2002 guida tutte le formazioni giovanili, dai Pulcini alla Berretti, passando per gli Allievi Nazionali. A Novembre 2002 subentra sulla panchina del Biella Villaggio Lamarmora e nel 2004 la conduce in Eccellenza grazie alla vittoria nei play off del proprio girone del campionato Promozione. Nel 2008 torna alla Biellese, questa volta come allenatore della Prima Squadra, conquistando al primo tentativo la promozione in Lega Pro Seconda Divisione, vincendo il campionato di Serie D. L’anno successivo guida la Canavese, con cui conquista un’importante salvezza in Lega Pro Seconda Divisione. Nell’Aprile 2011, a quattro giornate dalla fine del campionato, subentra a Bacci sulla panchina della Virtus Entella, giungendo alla salvezza, sempre nel campionato di Lega Pro Seconda Divisione. L’anno successivo i liguri, con Prina in panchina, giungono quinti e vengono sconfitti dal Cuneo in finale play-off, gudagnando comunque la Prima Divisione della Lega Pro grazie al ripescaggio. A Prina basta un anno di acclimatamento, peraltro conclusosi col 5° posto e la sconfitta in semifinale play off ad opera del Lecce, prima di centrare la vittoria del campionato e condurre i liguri, in quello che è un finale al cardiopalma (vittoria per 1-2 nell’ultima giornata allo Zini contro la Cremonese, alla loro prima storica promozione nel campionato cadetto. Al debutto in serie B la squadra di Prina non sfigura, e si mantiene per larga parte del campionato attaccata al treno salvezza, salvo poi incappare in alcune sconfitte consecutive che costano l’esonero al mister piemontese, sostituito da Alfredo Aglietti, che non riuscirà ad evitare la retrocessione dei liguri al termine di un estenuante playout contro il Modena. I presupposti per ricominciare da una sfida appassionante, con una società ambiziosa, direi che ci sono tutti. E Luca Prina rappresenterebbe un’ottima scelta, tecnicamente competente ed ottimo motivatore… chissà che qualcuno ci stia pensando veramente… Alessandro Dondi

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

171 pensieri riguardo “IDEA ALLENATORE / LUCA PRINA, IL NUOVO SARRI…

  • 29 Giugno 2015 in 00:51
    Permalink

    Non conosco proprio, però il CV sembra adatto per la D.

    • 29 Giugno 2015 in 00:51
      Permalink

      *lo conosco

  • 29 Giugno 2015 in 01:20
    Permalink

    Vedrei bene, mr Morgia!

  • 29 Giugno 2015 in 01:39
    Permalink

    Bravissimo Dondi

  • 29 Giugno 2015 in 07:42
    Permalink

    Nn lo conosco ma e’ bello parlare finalmente D calcio

  • 29 Giugno 2015 in 09:54
    Permalink

    Mettiamo come allenatore VELENOSO così’ m’incazzo come Kulc.Ma che avete capito, non Scala.Se penso a gente che dovrebbe essere in galera ed è ancora fuori , m’incazzo.Majo dovrebbe fare azione forcaiola contro i due che sappiamo invece muto come una tomba.Ecco VELENOSO e MAJO sono i due che mi fanno più incazzare e se m’incazzo io sono guai.

  • 29 Giugno 2015 in 09:59
    Permalink

    Volevo sapere se i nuovi giocatori del PARMA verranno pescati in fabbrica o nell’edilizia.Grazie della risposta.

  • 29 Giugno 2015 in 10:09
    Permalink

    Incazzato cronico ma cosa dice.MAJO porta competenza e professionalità , Velenoso simpatia, gogliardia e allegria.Lei invece non porta niente solo volgarità e disprezzo per la vita.Majp per me è uno dei migliori giornalisti italiani e Velenpso è un valore aggiunto a questo sito.Sa la differenza che c’è tra Velenoso e lei?Lei è antipaticissimo mentre Velenoso è simpaticissimo.Si adegui e invece di essere sempre incazzato si goda la vita.

    • 29 Giugno 2015 in 10:26
      Permalink

      Ricordo a tutti gli utenti che i “fake” non sono ammessi. Neppure quando fanno colore o finto dibattito. Per cui, velenoso, lascia lì. Ok?

      • 29 Giugno 2015 in 12:30
        Permalink

        Tana per Velenoso, simpatico solo a se stesso!

  • 29 Giugno 2015 in 10:13
    Permalink

    Prina ha tranquillamente mercato in lega Pro, non vedo perche’ dovrebbe andare al parma in serie D. Sarebbe un suicidio professionale. Se fossi nella nuova societa’ mi ispirerei all’operato dello scorso anno del Padova.

    • 29 Giugno 2015 in 10:25
      Permalink

      Penso che ci siano differenze non da poco tra le situazioni che stanno nascendo a Parma e quella di Padova dello scorso anno.

      Il progetto Parma Calcio 1913, infatti, può contare sulla ossatura di una compagine sociale forte, poiché composta dalla creme degli industriali locali e da una moderna componente di azionariato diffuso; a Padova, invece, c’era una sorta di Dallara ducale, che fin dall’inizio aveva fatto capire che arrivati a un certo punto non ce l’avrebbe fatta a sostenere l’impegno.

      Comunque sia è chiaro che il progetto Parma, con dietro Barilla, possa avere più appeal di una qualsiasi altra squadra di Lega Pro o Dilettanti. E mi permetterei di aggiungere persino B e magari A… Non a caso non avrebbe detto di NO Giuntoli che era stato contattato qualche mese fa, prima che, per fair play, la Fenice si ritirasse in buon ordine per lasciar giocare la loro partita, vinta da nessuno, persa da tutti, dei Corrado e Piazza per la B.

      Cordialmente

      Gmajo

    • 30 Giugno 2015 in 01:14
      Permalink

      Vuoi mettere allenare il PARMA o una squadretta di lega pro? Dai fin lì è ovvio che è meglio il parma…

  • 29 Giugno 2015 in 10:14
    Permalink

    E incazzati incazzato cronico, ma va al diavolo e STACCI.Se mi tocchi Majo o Lille ti detesto ancora di più

    • 29 Giugno 2015 in 11:05
      Permalink

      Per me non siamo preparati alla serie D,addirittura una serie sotto la Reggiana mentre un anno fa dovevamo andare in Europa ora andiamo a Lentigione.

      • 29 Giugno 2015 in 11:06
        Permalink

        Forse non sono stato abbastanza chiaro prima. Basta giocare con i “fake”. Grazie

        • 29 Giugno 2015 in 16:08
          Permalink

          Majo io non sono un fahe ma MI CHIAMO RITA L’INVINCIBILE GIRL. Che cavolo dice.Mi mandi un sms e le risponderò. Scrivo anche alla gazzetta
          Io sarei il fahe di chi? Mi piacerebbe saperlo.Oggi si è alzato con la luna di traverso? Ho errato l’email avevo messo it invece di com.Attendo scuse.

          • 29 Giugno 2015 in 16:23
            Permalink

            È l’indirizzo ip tuo, di velenoso, dell’incazzato e del nonnino francese, oltre allo stile. Mo basta. Le molteplici personalità trovino pure sfogo altrove. Il gioco è bello fin che è corto, ora ci dai un taglio.
            Saluti
            Gmajo

          • 30 Giugno 2015 in 01:18
            Permalink

            Guarda che chi ti legge non e’stupido o ingenuo come credi …ti si sgama subito e anche senza indirizzo ip solo leggendo quel che scrivi……

  • 29 Giugno 2015 in 10:15
    Permalink

    Io metterei Neri come allenatore

  • 29 Giugno 2015 in 10:17
    Permalink

    Il profilo dell’allenatore dipenderà dall’arco temporale che gli verrà messo a disposizione dalla società. Mi spiego meglio: se la società cerca un allenatore per vincere la D e poi cambiarlo e prenderne uno esperto della C e del calcio pro e così via, il profilo è di un certo tipo (esperto e conoscitore della categoria, abituato ad avere la pressione del “dover vincere”); invece se la società vuole prendere un allenatore che, almeno in teoria, rimanga a lungo e nelle diverse categorie, il profilo è un altro (tecnico preparato che valorizzi i giovani anche se non conosce il mondo dilettantistico, per sopperire a tale mancanza basterebbe affiancargli un collaboratore esperto

    • 29 Giugno 2015 in 12:17
      Permalink

      Mi piace il tuo ragionamento, io voto per la seconda “strategia” anche perchè sarebbe importante iniziare con una persona che abbia esperienze e conoscenze di categorie superiori, c’è da creare ex novo una squadra in un ambiente non dilettantistico, è oggettivamente più complesso che allenare una squadra già fatta e ritoccata

    • 29 Giugno 2015 in 18:42
      Permalink

      Nn dimentichiamo la figura del ds
      nn so a che punto sia pr1913
      un allenatore cosi come dici tu nn si trova poi nn e’ facile fare bene in categorie e con giocatori cosi diversi.
      un allenatore di solito e’ poco duttile .
      serve una persona pronta subito vincente in categiria

  • 29 Giugno 2015 in 10:20
    Permalink

    Direttore ma sul sito di teleducato dice che oggi sarà creata newco 2 (sponsor e tifosi) è domani newco 1 possibile?

    • 29 Giugno 2015 in 10:44
      Permalink

      Mi pare una corbelleria.

      Al contrario oggi nasce newco1 (“Nuovo Inizio srl”) e domani newco 2 (“Parma Partecipazioni Sportive”). Ovviamente la fretta lamentata da alcuni deriva da queste esigenze di dover partire nel rispetto dei tempi. Purtroppo newco2 non è stata divulgata come avrebbe dovuto, ma c’era appunto l’esigenza di partire, sicché hanno ripreso, magari anche con pesanti dimenticanze, il lavoro iniziato a marzo abbandonato in tutta fretta durante la B-mania…

      Cordialmente

      Gmajo

  • 29 Giugno 2015 in 10:45
    Permalink

    Direttore mi puo spiegare un po come e dove si possono sottoscrivere le azioni del parma, visto che ho letto che gia da stasera si possono acquistare…grazie in anticipo per la risposta

    • 29 Giugno 2015 in 10:51
      Permalink

      In realtà non si possono acquistare già da stasera, almeno credo. Però siccome la situazione di Newco2 mi appare ancora molto caotica direi di aspettare senza aggiungere ulteriore confusione.

      • 29 Giugno 2015 in 11:12
        Permalink

        Allora aspettiamo quando la situazione sara piu chiara

      • 29 Giugno 2015 in 14:40
        Permalink

        Credo invece si possano effettuare versamento e sottoscrizione già da questa sera. Mio fratello dopo aver dato la propria disponibilità, è stato convocato nello studio del notaio per le 19.30 di oggi.
        Eventualmente al suo ritorno mi farò ragguagliare.
        Saluti

        • 29 Giugno 2015 in 16:01
          Permalink

          Si in effetti ho sentito anche di altri in arrivo da fuori per sottoscrivere, ma come ho già avuto modo di dire è proprio newco2 al momento che mi sembra un peso, poiché non c’era stata la dovuta trasparenza e chiarezza visto il reiterarsi di riunioni carbonare chiuse alla stampa

  • 29 Giugno 2015 in 11:11
    Permalink

    direttore buongiorno ho sentito dire che anche gibò girali sottoscriverà la propria quota della nuova società parma è vero…….

    • 29 Giugno 2015 in 11:18
      Permalink

      lo scrive la gdp. Sì, sarà nella newco2 a titolo personale. Cioè senza alcun collegamento col fatto che in precedenza era stato il rappresentante italiano di Mike Piazza.

  • 29 Giugno 2015 in 11:17
    Permalink

    Direttore ma barilla e pizzarotti entreranno privatamente o con l’azienda??

    • 29 Giugno 2015 in 11:18
      Permalink

      Non so con precisione. Perché ho avuto segnali contrastanti in questo senso. Ma non credo che c’entri molto il dettaglio

  • 29 Giugno 2015 in 11:23
    Permalink

    Direttore Parmalat confermato ci sarà ? Lo so le ho rotto le scatole sempre con la stessa domanda ma quel nome mi da molti ricordi…..parmafanzine riporta che è già è stato fatto tutto dal notaio stamattina

    • 29 Giugno 2015 in 11:34
      Permalink

      Sì, sapevo della costituzione, stamani, dal notaio Almansi di newco1 (Nuovo Inizio), ma non volevo rompere le scatole…

      Parmalat: una volta per tutte vorrei fosse chiaro e che entrasse nella mente dei nostalgici come te, o degli amanti dei simboli, che la Parmalat di Calisto Tanzi, quella dei trionfi europei del Parma, è stata oggetto del più pesante crac mondiale 11 anni fa. La Parmalat di oggi, con quella, non ha più niente a che fare, anche perché nel frattempo è passata alla francese Lactalis. Quindi, se anche ci fosse parmalat nella compagine societaria, ogni riferimento con il passato lo trovo fuori luogo, pur capendo come possa far sognare, eventualmente, quel nome sulla casacca…

      Per quanto ne possa sapere io Parmalat entrerà in un secondo momento, proprio perché prima c’è tutta una serie di snodi da superare per via della attuale proprietà francese.ù

      Cordialmente

      Gmajo

  • 29 Giugno 2015 in 12:05
    Permalink

    Direttore, stasera Calcio & Calcio sara’ in diretta o ci conferma come accennato la scorsa settimana che purtroppo sara’ ancora una replica?
    Giovedi’ è invece prevista la diretta?
    Grazie

    • 29 Giugno 2015 in 12:08
      Permalink

      Stasera Calcio & calcio non sarà in onda. E spero che non mettano repliche perché sarebbe piuttosto destabilizzante…

      Giovedì, se tutto andrà bene, potrebbe, invece, partire il ciclo di Calcio & Calcio Estate. Ma ne saprò di più in seguito

      • 29 Giugno 2015 in 14:10
        Permalink

        Probabilmnete manderanno in onda la registrazione della conferenza stampa dei Corrado a Villa Ducale, così la città intera avrà modo di conoscere padre e figlio! 🙂

  • 29 Giugno 2015 in 12:17
    Permalink

    e bravo Dondi,dai che se tutto va bene si ricomincia dall’antipasto,non so dove, ma di sicuro senza tovagliolo bisunto che tanto piaceva alla tua fan 😉

      • 29 Giugno 2015 in 12:44
        Permalink

        allora gli vuoi proprio male,sai cosa ti dico che usi direttamente la tovaglia,mai banale …..sempre impeccabile

  • 29 Giugno 2015 in 12:54
    Permalink

    SIG MAJO A CHE MINUTO STA L’ATTACCO CONTRO DI LEI DEI CORRADO’S GRAZIE

  • 29 Giugno 2015 in 12:56
    Permalink

    GRAZIE

  • 29 Giugno 2015 in 13:57
    Permalink

    Dondi ti do i compiti per questa estate,visto che e’ un universo sconosciuto ai piu’,cominciamo ad analizzare le probabili avversarie del parma (presumo il girone d dello scorso campionato) che di sentir parlare di economia e finanza da pseudo esperti ne ho le scatole piene

    • 29 Giugno 2015 in 14:00
      Permalink

      ti do il titolo “un bel D vedremo”

    • 29 Giugno 2015 in 15:45
      Permalink

      Caro assioma…e’ cio’ che ho cercato fi fare io qualche post fa….cercare finalmente di parlare di calcio e non di querele ai movidari, di sindaci in america e altre minchiate…..sono stato coperto da insulti….chissa’ perche’ poi…
      In ogni caso questo a quel che ho capito dovrebbe essere il girone..col Parma al posto del retrocesso Fidenza…del lentigione non v’e’ traccia…forse e’ stato promosso?..

      http://bologna.repubblica.it/sport/campionato-locale/calcio/classifica/Serie%20D/CNDD/
      L’ho definito un gran bel girone per presenze importanti (ilRimini non ci sara’, e’ stato promosso, in arrivo Ravenna promosso e Forli’ retrocesso) e realta’ di un certo spessore con bei trascorsi.

      • 29 Giugno 2015 in 16:30
        Permalink

        non e’ che lo facciano apposta ad insultare e’ quello che madre natura gli ha concesso.

        figurati se san parlare di calcio qui dentro che il 99% a settembre mi diceva di andare a vedere la reggiana,e io gli rispondevo: un giorno direte magari !

        comunque le squadre citate le conosco,sono otto mesi che seguo anche le serie minori per farmi una cultura,io ci penso al mio futuro checche’ se ne dica

      • 29 Giugno 2015 in 16:39
        Permalink

        Anche a me piacerebbe leggere una “Guida alla D”, una sorta di manuale e guida per noi che non conosciamo questo campionato; tuttavia mi piacerebbe che venga scritto da Fava o Boni che dovrebbero conoscere maggiormente, almeno a parole per quanto riguarda il secondo, questa categoria.
        Per avere un articolo del genere però dovremmo aspettare qualche mese perché non sappiamo ancora le squadre del girone (occhio ai ripescaggi), oltre alle loro formazioni per via del mercato.
        Al 100% finiremo nel girone d, quello “emiliano-romagnolo” (le virgolette sono obbligatorie) e secondo me le squadre dovrebbero essere queste (tra parentesi il campionato dell’anno precedente):
        – PARMA
        – Bellaria (D/D)
        – Ribelle (D/D)
        – Correggese (D/D)
        – Fiorenzuola (D/D)
        – Imolese (D/D)
        – Mezzolara (D/D)
        – Piacenza (D/D)
        – Romagna Centro (D/D)
        – Virtus Castelfranco (D/D)
        – Lentigione (Ecc)
        – Sammaurese (Ecc)
        – Ravenna (Ecc)
        – Forlì (LP)
        – San Marino (LP)
        – Delta Porto Tolle (D/D)
        – Este (D/D)
        – Abano (D/D)
        – Fortis Juventus (D/D)
        – Scandicci (D/D)
        Il tutto non considerando eventuali fallimenti, fusioni o ripescaggi

        • 29 Giugno 2015 in 17:27
          Permalink

          ne vedo gia’ 3 o 4 che potrebbero scassarci la minchia.
          purtroppo mai come quest’anno sara’ un girone difficile

          • 30 Giugno 2015 in 01:26
            Permalink

            Se sarà cosi difficile sto girone,pensa te che culo.. …mai che ci sia qlcs in nostro favore……

        • 29 Giugno 2015 in 18:11
          Permalink

          Castelfranco, Abano e Ravenna sono tutte città in cui potrei andare in trasferta 😀

          • 29 Giugno 2015 in 18:27
            Permalink

            ti consiglio anche Imola allora.
            Stadio ospitano nel parco delle acque minerali, che ingloba anche l’autodromo.
            Zona verde di gran pregio in riva al Santerno e ai piedi delle colline.Magari in concomitanza della gara ci puo’ essere qualcosa calendarizzato pure all’autodromo…qualche garetta di moto…sarebbe un wekk end notevolissimo.

  • 29 Giugno 2015 in 14:09
    Permalink

    Sig. Majo volevo farle una domanda
    Ma secondo lei la cordata parmigiana ha intenzioni serie facendoci ritornare nella massima serie o militeremo per svariati anni nei campionati inferiori ? La cordata di Corrado non ha secondo lei un progetto più ambizioso per ritornare dove ci spetta ?

    • 29 Giugno 2015 in 14:17
      Permalink

      Uno come Barilla, menziono solo lui, ma il ragionamento vale per tutti, se muove un passo non è per farsi compatire. E’ evidente che l’obiettivo è quello di riportare il Parma in alto. Ma attraverso una ricetta diversa rispetto a quelle cui eravamo abituati, e attraverso un percorso di partecipazione estesa e collettiva senza padri padroni.

      La cordata di Corrado ha fallito l’obiettivo della B, pur con diversi alibi o giustificazioni: ma a mio modo di vedere avrebbe dovuto starsene fora dai bali per la D, cedendo il passo cavallerescamente (come gli industriali avevano fatto durante la B-mania interrompendo il proprio progetto) a chi lo aveva da tempo predisposto.

      E non penso che neppure per scherzo si possano mettere sulla bilancia le potenzialità di Barilla (più tutti gli altri) e Corrado…

      • 29 Giugno 2015 in 19:39
        Permalink

        Caro Direttore, ogni gregge necessita di un pastore. Lasciamo perdere le democrazie partecipative che, come ci insegna la storia, non funzionano. Detto ciò mi auguro che il tutto non si limiti ad una azione di responsabilità ma ad un vero e proprio piano di sviluppo “robusto, serio e perché no ambizioso”.
        Chi vivrà vedrà
        Un saluto
        Davide

      • 30 Giugno 2015 in 01:34
        Permalink

        “Parma senza padri padroni”…basterebbe questa definizione x farmi decidere a quale cordata dare il mio voto virtuale…
        Ma davvero c’è qualcuno che preferisce un aspirante patron tiranno che vuole solo applausi e consenso a un equilibrato gruppo di imprenditori con anche una porzione di azionariato popolare ? Vabbe che tutti i gusti son gusti ma c’è un limite al farsi umiliare…

    • 29 Giugno 2015 in 18:41
      Permalink

      Aridaje, certo che Corrado vi ha proprio fatto il lavaggio del cervello eh… lui di soldi NON NE HA! E’ un manager che rappresenta un paio di aziende (nell’affare Parma) che mi risultano più o meno grandi come la Leonessa del cicciobello.

      Barilla è…. ma lo devo veramente presentare? mah…

  • 29 Giugno 2015 in 14:12
    Permalink

    Direttore abbiamo visto barilla dallara e ferrari ma gli altri del gruppo pizzarotti e del rio su tutti come mai non erano presenti dal notaio ? ci sono già dei problemi come si narra??

    • 29 Giugno 2015 in 18:42
      Permalink

      Direi che Dallara e Barilla sono più che sufficienti per tornare in A, amico Marco.

      • 29 Giugno 2015 in 19:09
        Permalink

        Dallara nn direi x sua stessa ammissione gia la lega pro da solo sarebbe troppo

        • 29 Giugno 2015 in 20:06
          Permalink

          Lasciamo perdere le dichiarazioni di Dallara che non mi pare il portavoce ufficiale della iniziativa… E poi un conto è lui da solo, un conto la sua azienda in staff con altre sette o otto…

  • 29 Giugno 2015 in 14:14
    Permalink

    Credo che attualmente chi dovrebbe occuparsi dell’allestimento della squadra per la serie D abbia delle belle gatte da pelare. Mi spiego meglio: alla luce della “piega” che sta prendendo la questione Catania non mi pare un’ipotesi campata in aria che il Parma possa ripartire dalla Lega Pro. Qualora ci fosse questa opportunità a mio avviso andrebbe colta poichè eviterebbe al Parma il passaggio se vogliamo più doloroso e cioè quello dai dilettanti ai professionisti. Altro aspetto è l’impatto economico e qui secondo me vengono i nodi al pettine. Siamo sicuri che ci sia già da subito la solidità economica per affrontare la Lega pro? Meglio una serie D sicuramente vincente o una Lega Pro incerta? Direttore le sarei grato se volesse condividere il suo pensiero.
    Grazie

    • 29 Giugno 2015 in 14:23
      Permalink

      Lasciamo perdere i ripescaggi. Fino a ieri il Parma avrebbe potuto essere in B, attraverso la pazza idea (appunto per gli sviluppi del caso catania, le cui ripercussioni sono principalmente per la B e non tanto per la Lega Pro), ma è palese che non c’era certo la voglia di scalare l’everest o di fare 31 come millantato negli sms del Bepi al sottoscritto…

      • 29 Giugno 2015 in 14:49
        Permalink

        Direttore mi consenta un’ipotesi stravagante: qualora ci fosse un ripescaggio per la Lega Pro e la federazione interpellasse i Corrado’s sarebbe possibile Corrado’s in Lega Pro e Parma 1913 in serie D? Non snobbi totalmente questa ipotesi perchè nel caso in cui si avverasse volerebbero gli stracci.

        • 29 Giugno 2015 in 15:56
          Permalink

          Mica ho paura degli stracci che volani… Apposta bollo quella da te prospettata come la corbelleria del giorno…

          • 29 Giugno 2015 in 18:47
            Permalink

            E intanto il presidente del Catania ha confessato di aver comprato 5 partite il che significa 6 squadre coinvolte!! Direttore lo dovrebbe aver capito che le corbellerie nel calcio non sono poi così rare… chiaramente sempre nel lecito….e in questo caso anche nell’illecito, checche se ne dica

    • 29 Giugno 2015 in 19:10
      Permalink

      Se t salvi decisamente lega pro x farti le ossa

  • 29 Giugno 2015 in 14:47
    Permalink

    Barilla si, di per se si pubblicizza da solo, ma non dimentichiamoci che c’è anche un sig. Pizzarotti che non è certo secondo al primo

  • 29 Giugno 2015 in 14:56
    Permalink

    Io però non capisco bene questa cosa dell’azionariato popolare, o meglio non capisco come si evolverà nel futuro, nonostante mi affascini molto. Spiego le mie perplessità: per la serie D e la lega Pro può anche funzionare e le donazioni dell’azionariato popolare saranno una buona percentuale dei costi totali ma se si sale ulteriormente, soprattutto in A, il contributo dell’azionariato diventerà decisamente esiguo visto che Parma non è una città di milioni di abitanti. Sono curioso di vedere le intenzioni di questa cordata contando che solo Barilla è più ricco dei Della Valle e di De Laurentiis…speriamo bene, sono persone serie ho molta fiducia.

    • 29 Giugno 2015 in 15:47
      Permalink

      Comunque vada anche non dovessero esserci ulteriori capitalizzazioni a newco2 è garantito comunque un minimo del 10% delle quote

      • 29 Giugno 2015 in 17:37
        Permalink

        Credo che lo scopo dell’azionariato sia l’assicurare al popolo di poter controllare i conti in maniera totale..per far si che non si ripeta più quel che è successo…o sbaglio?

  • 29 Giugno 2015 in 15:10
    Permalink

    Carissimo Gabriele le do la mia solidarietà x quanto riguarda ciò che è stato il brutto fattaccio dei Corrado’s questo pomeriggio su sport Mediaset è andato in onda un commovente servizio sui ragazzi dei giovanissimi che saranno depredati dagli sciacalli del calciomercato ma questi ragazzi nn é possibile trattenere qualcuno d loro! É uno scandalo che tt il settore giovanile nn esista più! Qualcuno delle newco stà facendo qualcosa x convincerli a restare!? Quale è il termine x l iscrizione x la B!? sè metto un euro x azione mi compro la società come Manenti!?(scherzo naturalmente)! Spero che i Barilla che si sono ricordati del titolo di Tucidide. Nel. Guerin Sportivo “dove cè Barilla cè Parma” si ricordi che il Parma non é “il gioiellino” che i Tanzi hanno lasciato poi in melma stagnante…ma una realtà fiorente del calcio .che i nostri giovanissimi hanno dimostrato di avere il ccoraggio d affrontare l inaffrontabile come tt la società Parma! Su Parmalat anche il nostro Paese None fu coinvolto nel caso quando la Streglio fu comprata tt ci illudemmo che la fine di tt gli incubi occupazionali del nostro paese stava x finire! Purtroppo era l inizio della fine e tuttora la Streglio nn naviga in acque tranquille! Tifo i Barilla perchè loro potrebbero riportarci presto dove c compete in serie A! Un abbraccio Christian

  • 29 Giugno 2015 in 15:11
    Permalink

    Smettiamola di parlare di CORRADO, il nuovo parma sarà dei nostri imprenditori locali e finalmente torneremo alle nostre origini. Corrado e suo figlio che vadano a torino a vedere la juve e si portino anche PREITI MELLI LEVATI DI TARANTO PAINI e compagnia cantante….
    Abbiamo toccato il fondo e spero serva a qualcosa….

  • 29 Giugno 2015 in 15:20
    Permalink

    Vedere Dallara e Barilla che fondano il nuovo Parma penso che sia la cosa piu’ bella che potesse accadere per chi e’ parmigiano. Un progetto serio di ritorno al calcio che conta dalla D con criterio e non ho nessun dubbio che imprenditori di quel calibro facciano bene..Sui ripescaggi Direttore viste le note vicende leggo che le esclude totalmente? Io credo oramai sia possibile tutto, quando fanno i calendari ufficiali di lega pro?

    • 29 Giugno 2015 in 15:43
      Permalink

      Io non li ho affatto esclusi. Ho solo detto che stante l’attuale normativa non ci potrebbero riguardare. A parte che il csdo Catania riapriva scenari per la b, ai quali i corrados non hanno dato seguito ritenendo (poiché così han fatto loro credere i soliti invidiosi profittatori e arrampicatori che nella loro cattiva cecità non hanno capito un tubo) si trattasse di un cavallo di troia. Sento dire che, a suffragio di detta erronea e maliziosa interpretazione ci sarebbe la circostanza che io avrei suggerito privaramente la cosa a piazza e pubblicamente ai Corrado’s: ma beppe dovrebbe ben ricordare che era stato proprio lui a chiedermi di mettere per iscritto l’idea che l’avrebbe mostrata ai suoi legali per vedere se percorribile. Quindi cavallo di troia una forca, ma come i loro predecessori anche i corrados hanno la pessima abitudine di contorniarsi di cortigiani più realisti del re che li fanno cadere in errore, facendo loro un pessimo servizio.

      • 29 Giugno 2015 in 15:56
        Permalink

        Direttore lei ha fatto solo una domanda pertinente ai Corrado, non ci pensi piu’…E poi mesi fa lei escludeva la fattibilita’ del molto dibattuto fallimento pilotato e allora uno doveva pensare che lei era a favore del fallimento pilotato?? Lei cerca ogni volta di analizzare le situazioni da bravo giornalista e gli eventi che succedono non dipendono da lei..Io pensavo al possibile ripescaggio del Parma, sperema, altrimenti vada per la D..

        • 29 Giugno 2015 in 16:25
          Permalink

          Ma infatti io mica sto pensando all’ignobile show…

      • 30 Giugno 2015 in 01:50
        Permalink

        Se c’è una cosa di cui posso vantarmi e’ che nelle situazioni difficili non ho mai abbassato la testa o lo sguardo davanti a nessuno, ma ho sempre avuto la forza di affermare quel che penso dicendo la verità in faccia…. Se avessi davanti Corrado gli direi che il cavallo di troia l hanno fatto loro a te facendoti mettere tutto x iscritto e convocando la inutile (perché smentita 36 h dopo) conferenza stampa in cui hanno avuto modo di attaccarti in straming visione mentre stavano sul palco attorniati da amici loro e tu in mezzo al pubblico da solo…… a mio parere è stato tutto organizzato ad hoc.
        La gente x bene certe cose non le dimentica…. È il momento di voltare pagina (speriamo finalmente ) ma la loro figuraccia rimane…

  • 29 Giugno 2015 in 15:24
    Permalink

    Direttore è vera l’indiscrezione lanciata da “Il Tirreno” che gli 8 cavalieri della tavola rotonda avrebbero già messo i 2 mln?…quando si torna a parlare di toto-allenatore, giocatori ecc??
    Basta parlare di Corrado….Corrado fora dai bali

    • 29 Giugno 2015 in 15:28
      Permalink

      La newco 1 nuovo inizio si è
      costituita stamani dal notaio almansi. Circa le cifre dell’impegno aspettiamo mercoledì

  • 29 Giugno 2015 in 15:33
    Permalink

    Salve Majo, scrivo x la prima volta x dirle che mi ha fatto piacere conoscere ieri al river una persona, come immaginavo, gentile e cordiale…mi raccomando di continuare con la sua opera di divulgazione sana e corretta…x ora saluti e buon lavoro…

    • 29 Giugno 2015 in 15:52
      Permalink

      Grazie pole79, anche a me ha fatto piacere scambiare due chiacchiere, pur avendo così trascurato la rosy…

      • 29 Giugno 2015 in 16:41
        Permalink

        Eheheh beh…ti sarai rifatto dopo…

  • 29 Giugno 2015 in 16:08
    Permalink

    Certo che se malaugurataamente (per gli altri) fra un anno saremo qui a gioire per una promozione in serie B con i fior di imprenditori che ci troviamo a capo della societàci sarebbe da ridere….. Io sono convinto che torneremo più forti di prima e non in molto tempo….

  • 29 Giugno 2015 in 16:35
    Permalink

    Majo scusi ma mi ha cancellato senza pubblicarmi i commenti…perchè?

      • 29 Giugno 2015 in 17:37
        Permalink

        Ho trovato la sua risposta mi scusi. non mi sono risparmiato le prime righe perchè come le ho detto lo ritengo umano e la capisco.
        Per il resto non sono d’accordo con lei perchè credo che alla fine i conti non quadrassero e neanche nella pazza idea che aveva lanciato lei. I rischi erano troppo alti e se si vuole fare impresa a tutti i livelli bisogna far quadrare i conti. Chi è dietro a Corrado (Ricci) poteva e può spenderne anche 40 o 50 o 60 ma i conti non sarebbero quadrati e penso che questa sia una scelta corretta e che fa chiunque prepari un business plan a qualunque livello. Penso sia serietà perchè altrimenti dopo un anno o due ti trovi come in molte squadre a dover aggiungere capitale e fa si che la gestione societaria non sia sana e sostenibile. Io credo che si sia cercato di capire poco di quello che è realmente successo e forse anche il modo di porsi dei Corrado non abbia aiutato.

  • 29 Giugno 2015 in 16:41
    Permalink

    a che ora è prevista Mercoledì la conferenza della newco1?

  • 29 Giugno 2015 in 16:44
    Permalink

    Ma MELLI che era legato a Corrado sarà presente nella cordata Millepiedi secomdo lei?

    • 29 Giugno 2015 in 16:55
      Permalink

      Non so. Ma credo di no. Nn so se rientra nel progetto tecnico di scala…

  • 29 Giugno 2015 in 16:45
    Permalink

    direttore mi sorge una domanda..mettiamo caso che la figc dia il titolo sportivo a corrado …che succede questo giocherà con il nuovo parma in un campo che non é il tardini e il parma 1913 ????

      • 29 Giugno 2015 in 16:57
        Permalink

        risposta inquietante!!!! se danno la d a corrado non so se riuscirei a tornare allo stadio..stamattina ho scritto al sig corrado..dicendo che alla fine sta dividendo la citta…naturalemtne quale persone educata qual’e’ non mi ha degnato di risposta!

    • 29 Giugno 2015 in 19:18
      Permalink

      La figc dara il titolo a pr1913
      ma se dovesse accadere che venga concesso a corrado il comune gli dara sicuramente il tardini.
      vuoi che a giochi fatti il comune si metta contro la citta????

  • 29 Giugno 2015 in 16:47
    Permalink

    Dobbiamo rinunciare allo spogliarello di Rosy presumo dato che mon siamo andati in B.Magari lo farà quando ritorneremo in A ma ho paura che quando questo avverrà, Rosy sarà troppo vecchia……

    • 29 Giugno 2015 in 17:12
      Permalink

      Tempo e pazienza….certe granny le trovo adorabili…

  • 29 Giugno 2015 in 16:53
    Permalink

    Direttore ci può scrivere un articolo dove si prende in analisi la profondità “Parma calcio 1913” ? Più che altro per capire chi effettivamente fara parte della cordata e capire anche perché dice che non cambia nulla se pizzarotti e barilla partecipano a titolo personale o aziendale?
    e in più. Vorrei capire se il progetto ha basi serie e che sia in grado riportarci in alto nel giro di 4-5 anni!
    Ultima ma non ultima cosa vorrei capire un suo parere che fino ad ora mi sembra abbastanza fumoso su questa cordata!
    buona giornata

    • 29 Giugno 2015 in 17:00
      Permalink

      La proposta di newco1 mi convince. Ma spwro capirete che ci sarà pazientemente da attendere mercoledì quando saranno gli stessi protagonisti a rivelarsi assieme,al loro progetto

      • 29 Giugno 2015 in 17:32
        Permalink

        Il mio più grosso dubbio verso questa cordata, che spero venga fugato mercoledì ( anche se non ci credo affatto) è il seguente: se ci sono tanti galli in un pollaio, chi comanda?? cioè nel caso di una differente veduta su qualcosa, cosa che nel calcio è frequentissimo vedere, chi prende in mano le redini della situazione??? Forse ho capito io male il senso di equity e c’è un socio di “maggioranza”?
        Per il resto non resta che sperare bene, anche se persone come Barilla se si espongono pubblicamente non credo puntino solo alla D o alla Lega pro come molti dicono…

        • 29 Giugno 2015 in 18:42
          Permalink

          Il diverso concetto, abbadtanza inedito nel calcio, è che la proprietà lascerà al management la responsabilità di gestione

          • 29 Giugno 2015 in 18:48
            Permalink

            cioè se non ho compreso male le sue parole, barilla e co. lasciano la gestione economica e sportiva in mano ad un Ad e agli altri dirigenti?

          • 29 Giugno 2015 in 20:20
            Permalink

            La ricetta alla base della rivoluzionaria (nel calcio) scelta del G8 è in pratica quotidianamente vissuta ogni giorno all’interno delle proprie aziende: un board/consiglio di amministrazione rappresentativo dei vari azionisti che si occupa di definire strategie ed obiettivi, effettuare le nomine-chiave ed esercitare l’attività di controllo e il principio di delega/non intromissione nella gestione operativa, che sarà affidata al management operativo e senza intromissioni da parte degli azionisti. Il management sarò così responsabilizzato e avrà precise aree di autonomia. E’ un modello indubbiamente atipico e innovativo rispetto al calcio di oggi, ma che è efficace in ogni azienda.
            Cordialmente
            Gmajo

          • 29 Giugno 2015 in 19:21
            Permalink

            Concordo.
            Prima di costituire la societa’ immagino abbiano definito questo nello statuto

          • 29 Giugno 2015 in 20:24
            Permalink

            grazie direttore adesso ho compreso 🙂 speriam bene

  • 29 Giugno 2015 in 17:23
    Permalink

    io sono diciamo estraneo alla vicenda pero ste cose di newco 1 newco 2 non ci sto a capi un tubo che differenze ci sono tra le due ?? c’e il rischio che avete due squadre?? quale sceglierete’

    • 29 Giugno 2015 in 18:40
      Permalink

      Newco 1 sono gli industriali newco 2 sponsor e piccoli azionisti insieme le due entità formeranno parma calcio 1913,

      Due squadre? No no ce ne sarà solo una…

      • 29 Giugno 2015 in 19:46
        Permalink

        la ringrazio comunque le vorrei consigliare se possibilie visto che lei dice che ci sono fake in questa pagina bene uno deve mettere account e password problema risolto

        • 29 Giugno 2015 in 20:07
          Permalink

          c’è già una richiesta, ma qualcuno la aggira. Ogni tanto li becco… Però non vorrei esagerare con le restrizioni

          • 29 Giugno 2015 in 20:18
            Permalink

            ci vogliono regole bisogna rispettarle se uno le sgarra fuori stop

  • 29 Giugno 2015 in 18:02
    Permalink

    Mercoledì se non sbaglio è prevista la conferenza della newco1, giusto? La presentazione sarà aperta ai tfosi? E in che luogo e ora avverrà?

    • 29 Giugno 2015 in 18:18
      Permalink

      Dovrebbe essere alle 18. Il resto è top secret

      • 29 Giugno 2015 in 18:21
        Permalink

        Troppo mistero comunque attorno alla vicenda…troppa opacita’, scarsa comunicazione…
        Ma a Parma fate sempre cosi’?…

        • 29 Giugno 2015 in 18:34
          Permalink

          A tempo debito. Dopo la presentazione se ci sarà opacità potrai dirlo. Ora mi pare prematuro…

        • 29 Giugno 2015 in 20:29
          Permalink

          Ci insegni tu da Bologna col presidente sardo fallito e scappato, Guaraldi e adesso il trio dei Bravi Ragazzi.
          Se hai bisogno di un TSO io la firma posso metterla

  • 29 Giugno 2015 in 18:31
    Permalink

    Pulvirenti avrebbe confessato secondo le agenzie. La tua intuizione era più che fondata Gabriele. In serie B si libereranno diversi posti. In lega pro idem. La federazione, se pensante, una società con la solidità del nuovo Parma dovrebbe tenerla in considerazione già per la B automaticamente.

    • 29 Giugno 2015 in 18:44
      Permalink

      Ormai è tardi. E i corrado hanno buttato alle ortiche una opportunità

      • 29 Giugno 2015 in 18:49
        Permalink

        Non credo per essere ripescati in Lega Pro.

      • 29 Giugno 2015 in 19:26
        Permalink

        Le incognite erano sempre le stesse…..
        nn fattibile se nn con almeno 1 mese x ricattare tutti quei soggetti che ora si trovano con un pugno d mosche

        • 29 Giugno 2015 in 19:30
          Permalink

          Quei soggetti che si trovano con un pugno di mosche erano già con un pugno di mosche e dunque “trattabili” con condizioni diverse rispetto il 22.06; lo stesso dicasi per tutti gli altri, inclusi club esteri. A parte che le difficoltà le hanno ingigantite, appunto come scusa per uscire fuori dalle balle, visto che gli avevano paventato i ripescaggi, ma siccome il diavolo fa le pentole ma non i coperchi, ecco che il giorno dopo scoppia il caso Catania, una opportunità che non hanno saputo cogliere né i Corrados né i loro amici federali.
          Tutti i casini erano ben noti anche prima di chiedere le trattative private, quindi la fuga non è motivabili con quelle complicanze.
          saluti
          Gmajo

          • 29 Giugno 2015 in 20:12
            Permalink

            Si e’ quello che intendevo ma troppi soggetti da contattare … poi questa e’ mia opinione se poi i C. hanno usato questo come pretesto potendo comunque chidere positivamente la trattativa x la B avrebbero fatto una stupidata ….
            ma io nn sono C. e nn c pisso fare nulla

    • 29 Giugno 2015 in 19:23
      Permalink

      6 una nuova societa’ ….

  • 29 Giugno 2015 in 18:39
    Permalink

    Mortadello invece voi a bo siete dei maghi..al di sopra di tutto e tutti..occhio va la che ci saranno delle sorprese!..siete il nulla e alzate anche la voce! Fatevi un bagno di umilte’..come direbbe l’arrigo!..bfc fora di bal

      • 29 Giugno 2015 in 20:46
        Permalink

        Mortadello..provochi è il tuo divertimento quando ti fanno fare l’ora d’aria!..sei un poveretto..secondo me neanche a mortadellacity non ti sopportano..bfc fora di bal

        • 29 Giugno 2015 in 22:21
          Permalink

          http://www.ribellecalcio.it/
          Tanta romagna in questo bel girone.
          Oltre al Ravenna appena arrivato (finalmente) anche il ribelle e quindi ci sara’ pure un derby.
          Compagine questa che vanta ormai diverse esperienze nella categoria.
          Non credo abbia energie per tentare il salto, ma attenzione a sottovalutarla.2

  • 29 Giugno 2015 in 19:05
    Permalink

    Buonasera Direttore
    provo a ricapitolare un attimo: allo stato delle cose alla FIGC entro pochi giorni dovrebbero arrivare da Parma due candidature per raccogliere l’eredità sportiva del Parma F.C.. La prima è quella di Parma 1913 che può vantare nomi di primissimo piano dell’imprenditoria locale (tra cui quello di Barilla per il cui ingresso nel calcio, come dice lei, sarebbero pronti a stendere il tappeto rosso ai piani alti), l’appoggio dell’amministrazione comunale, a questo punto mi sembra anche l’appoggio della maggior parte della piazza (se conta qualcosa) e probabilmente un progetto meglio delineato, anche se con qualche punto interrogativo, specialmente in relazione alla questione “quota popolare” (quanto popolare?). La seconda è quella di Corrado che si è un po’ compromesso a livello di credibilità, non è più simpatico all’amministrazione locale, è probabilmente molto più indietro come progetto ma può vantare la possibilità di un investimento immediato, grazie all’ “ottuagenario”, molto cospicuo e ha qualche amichetto molto influente ai piani alti che probabilmente gli ha prospettato la possibilità di un immediato ripescaggio. Mi sono perso qualche passaggio? Ho dimenticato qualche peso da aggiungere alla bilancia? Chi vede favorito? Ci dà delle percentuali? Quando sapremo la risposta dalla FIGC in modo da chiudere una volta per tutte con queste questioni societarie e poter tornare a parlare di calcio?

    • 29 Giugno 2015 in 20:12
      Permalink

      E’ una ricostruzione abbastanza fedele, ma preferisco evitare di sbilanciarmi in percentuali visto che la situazione è fluida, né so darle date precise. Mi pare, però, che l’amministrazione comunale se dovesse raggiungere situazioni di compromesso coi Corrado rasenterebbe il ridicolo. Bisogna avere il coraggio e la forza di fare delle scelte. Questo dualismo è controproducente per il Parma e per Parma.

      • 29 Giugno 2015 in 20:24
        Permalink

        L’amministrazione ha gia’ fatto marcia indietro e domani ricevera’ i Corrado in pompa magna.
        Ridicoli prima, buffoni dopo.
        Complimenti all’assessore

  • 29 Giugno 2015 in 19:38
    Permalink

    Mah, Corrado (e soprattutto i suoi soci) mi sa che avranno fatto 2 conti e hanno stabilito che non gli conveniva.. mi spiego meglio : Per quale motivo la Magico Parma voleva rilevare il Parma ? Non certo per amore e tifo per il club, perchè altrimenti l’avrebbero preso comunque sia.. All’interno della cordata c’era una delle più importanti aziende di costruzione in Italia e a mio modo di vedere il business plan prevedeva il ritorno in a, con immediata richiesta al credito sportivo di centinaia di milioni di euro per l’ammodernamento del Tardini e lo sfruttamento dell’area adiacente. Il conto non tornava per via dei potenziali rischi dei tagli effettuati, con un totale spesa potenziale di 110 milioni di euro. Evidentemente, al di là del clima, il potenziale guadagno, detratte le spese, non soddisfaceva il principale azionista della cordata. Ovviamente, sulla base di questo ragionamento, appoggio la cordata Fenice, perchè i Corrado’s, senza la possibilità di una veloce risalita in a, non scucirebbero molto soldi, mentre la Fenice mi sembra abbia intenzioni più serie (il motto potrebbe essere : avanti con ambizione, ma coi piedi per terra).

    • 29 Giugno 2015 in 20:17
      Permalink

      Guarda il tardini e’ pieno di vincoli.
      prendere una squadra d calcio implica gia’ un certo rischio e questo aumenta col parma in quelle condizioni percio’ penso che la passione x il calcio parma e il parma c sia stato….
      altrimenti pescavano altrove con meno rischi e in serie A .

      • 29 Giugno 2015 in 20:23
        Permalink

        Quello dei vincoli del Tardini è un luogo comune grande come una casa. Anni fa lo stesso erede di Tardini lo sfatò… E comunque lo stesso capo popolo dei corradiani Camorani, su stadiotardini.it, propose pochi giorni fa una sua analisi sull’importanza del fattore stadio neo coinvolgimento di nuove proprietà che si affacciano al calcio, facendo l’esempio dei 100 ml erogati dal credito sportivo al Bologna. Vincoli o non vincoli una roba del genere si può fare anche a Parma con tutte le benedizioni del caso della municipalità

        • 30 Giugno 2015 in 01:32
          Permalink

          L’erede cmq non ha voce in capitolo, il divieto di vincoli “eterni” è stato sancito da ormai molte sentenza della Suprema Corte di Cassazione.

          Si concorda, in dottrina e giurisprudenza, nel ritenere che il divieto testamentario di alienazione sia, in base ai principi generali dell’ordinamento, invalido, solo laddove lo stesso non sia contenuto entro convenienti limiti di tempo, e non risponda ad un apprezzabile interesse del testatore; ferma restando, in ogni caso, l’efficacia meramente obbligatoria, e non reale, del divieto stesso.
          A tali conclusioni la dottrina giunge ritenendo che l’art. 1379 c.c. 8 , che pone tali limiti alla validità del divieto di alienazione convenzionale, sia espressione di un principio più generale dell’ordinamento. Principio generale che può sinteticamente descriversi come segue: il diritto di proprietà non tollera limitazioni o compressioni, sia nella facoltà di godimento che in quella di disposizione, che non siano quelle espressamente previste dalla legge. Proprio in funzione di questa tendenziale pienezza del diritto di proprietà dottrina e giurisprudenza assolutamente prevalenti ritengono vigente, nel nostro ordinamento, il principio di tipicità, o del numerus clausus, dei diritti reali. Un divieto di alienazione avente, ipoteticamente, efficacia reale, comporterebbe un’inammissibile dissociazione della facoltà di disposizione dal contenuto del diritto di proprietà, incompatibile con l’essenza stessa dell’istituto. Per quanto, poi, concerne la durata temporalmente limitata del divieto, è pacifico il principio dell’inammissibilità di obbligazioni (sia positive che negative) perpetue 10 . Principio costantemente sostenuto in giurisprudenza, a partire da una fondamentale sentenza della Corte Suprema, che costituisce ancor oggi un leading case [La Corte Suprema con sentenza n. 1056/1950, chiarisce il divieto di rapporti obbligatori perpetui]: in essa si chiarisce magistralmente come contrasti “con la concezione del nostro sistema positivo un vincolo obbligatorio destinato a durare in eterno, senza se sia consentito, ai suoi successori, la possibilità di liberarsene”.

          In conclusione, caro Direttore, voglio dirti che in questi giorni mi sono trattenuto dallo scrivere per evitare di usare improperi (che mi avrebbero fatto rischiare una querela) verso quel “duo di fenomeni et altri” che ti hanno ignominiosamente ingiuriato in quella becera conferenza stampa.
          Ti manifesto tutta la mia solidarietà.
          Tieni duro e resisti… come i fanti italiani sulla linea del Piave! 🙂

          • 30 Giugno 2015 in 01:35
            Permalink

            Grazie mille. Sperando di nn fare una brutta fine…

          • 30 Giugno 2015 in 01:59
            Permalink

            Tranquillo Majo,”non passa lo straniero ” 😉

  • 29 Giugno 2015 in 20:11
    Permalink

    Chiunque persona anche la più schifosa mi sarebbe andata bene per salvare la B, soprattutto per i dipendenti che ora sono a spasso e per il settore giovanile, ma a questo punto io Corrado proprio non lo voglio! oltre alla maleducazione dimostrata con il direttore che si è dimostrato il miglior giornalista sportivo di Parma negli ultimi mesi, uno che fa la voce grossa su Facebook dichiarando che vuole il Parma a tutti i costi e poi ha l’immagine di copertina dei gobbi che alzano lo scudetto non mi piace per niente! e i soldi non li mette neanche lui, chi ha dietro?? bo non si sa con certezzza e direi che ne abbiamo abbastanza di prestanomi e situazioni poco chiare noi tifosi del Parma! Poi se bisogna tornare in A per essere una succursale della Juventus come Atalanta e Sassuolo meglio stare in legapro con dignità. Io almeno la penso così.

    • 29 Giugno 2015 in 21:03
      Permalink

      Quante inesattezze chi ha dietro basta informarsi. E’ un gobbo nn mi importa. Succursale della juve liodici a un milanista come squinzi?
      Ma che discorsi fai sarai sempre succursale di chi e’ piu’ forte di te in temini economici…..ovunque militi sveglia

  • 29 Giugno 2015 in 20:22
    Permalink

    La nuova società è fondata, manca solo l’ufficialità. Appurato che Corrado la serie B se la poteva giocare, quindi per me è AUT, mi rimane però un dubbio, la LEGA PRO è a portata di mano, basterà dare alla lega qualche centinaia di migliaia di euro e il gioco è fatto ma vedo che SU QUESTO ANCHE DA PARTE SUA DOTTOR MAJO NON C’E’ ENTUSIASMO. Basta ragionare un poco ed è ovvio che in serie D LA PRIMA SQUADRA DA RIPESCARE PER CLASSIFICHE, MERITI E COMPAGNIA BELLA SIAMO NOI. Allora io mi chiedo, ma allora c’è qualcosa che non quadra. IN SERIE D ALLORA SECONDO LEI DOTTOR MAJO POSSO RIPESCARE DICIAMO IL POGGIBONSI E NON NOI PER LE RAGIONI SOPRA ESPOSTE E PER IL FIOR D’IMPRENDITORI CHE I MILLEPIEDI HANNO?Una SQUADRA FIDENZA, CHE HA FATTO LA SERIE D, HA SUPPORTATO TUTTO CON UN UNICO PRESIDENTE, non c’era la Barilla,Dallara e chi più ne ha più ne metta (fio a 8 teste) QUI, L’IMPRESSIONE CHE HO è CHE SI CERCHI LA SERIE D come habitat naturale di questa squadra. Lei mi dirà Majo quello che vuole, glissando dirà che Barilla vuole altro e supposizioni varie ma se voleva altro,perche’ non e’ subentrato al posto dell’inerme Corrado per chiedere la B? ma la verità, da quello che si sente, tifosi a parte, il ripescaggio è visto come il diavolo in chiesa. Basterebbe che qualcuno dei Millepiedi dicesse ai tifosi invece di dure chi sarà il nuovo presidente. che cosa vogliono fare . Lei mi dirà di aspettare mercoledì ma per me si doveva dire qualcosa prima.Ecco perché ai MILLEPIEDI non credo e non ho mai creduto, certo, ora non credo nemmeno più a Corrado. Chiunque prenda il Parma, ( io avrei ritirato la squadra dal campionato) sarà quello il male minore anche se c’è da tapparsi il naso.

    • 29 Giugno 2015 in 20:39
      Permalink

      Mi perdoni, Velenoso, ma la sua accozzaglia di luoghi comuni non ha né capo né coda.

      Mi limiterò a risponderle sulla accusa che muove a me, e cioè che non avrei entusiasmo per il ripescaggio; questa è una enorme corbelleria, anche perché sono stato l’ultimo e unico ad aver indicato persino una strada per mantenere la serie B, quindi figurarsi se ho remore per la C.

      Ovviamente non posso parlare, non avendone alcun titolo, per Parma Calcio 1913, ma credo che anche loro, sebbene più propensi alla politica dei piccoli passi che a sbracare, non disdegnino la possibilità di accorciare di un anno la salita.

      A parte che non mi risulta affatto che esistano ad oggi le condizioni normative per ambire a un ripescaggio, per cui è inutile star qui a parlare del nulla. Certo potranno verificarsi le condizioni considerato cosa è accaduto a Catania.

      Proprio partendo dal caso Catania avevo suggerito a Piazza e Corrado la Pazza idea, che poi nessuno dei due ha portato a termine, benché fosse cambiata l’aria, e con la possibilità di rendere anche più sostenibile l’acquisto rispetto al 22.06.

      Che il Parma possa essere ripescato, poi, credo ci siano difficoltà ambientali, perché si tratterebbe della erede di una società fallita con oltre 80 milioni di debito sportivo (prima che fossero ridotti dai curastars e dal tribunale a 22.6). Il Parma avrà blasone, meriti sportivi, etc (tutte cose che per le Noif valgono men che zero, essendo abolito il Lodo Petrucci), ma non penso che qualcuno faccia carte false per noi a fronte di quel buco che penalizza anche tanti tesserati oltre alla istituzioni del calcio.

      Però la pianti con la favoletta secondo cui l’habitat naturale per il Parma, secondo gli industriali, sia la serie C: uno come Barilla, e il discorso vale per il resto della creme. non mette in gioco il suo nome per una roba di piccolo cabotaggio.

      Saluti

      Gmajo

      • 29 Giugno 2015 in 21:45
        Permalink

        Per i ripescaggio, eccome se valgono gli anni che una squadra è stata in serie A, LE COPPE VINTE,NON SONO IO A DIRLO, So che per ogni anno in serie A, si avevano 10 punti. Non centra niente con il lodo Petrucci. E’ ovvio che una squadra che ha vinto in ambito europeo, che ha fatto onore al calcio , causa quei due venga penalizzato non potendo fare i ripescaggi. Ma noi in serie D siamo come un pesce fuor d’acqua, siamo come ROSY in un ospizio, siamo come un pugno nell’occhio, siamo come un cavolo a merenda. Dicendo che la serie D era il nostro habitat naturale, era una provocazione. IL NOSTRO HABITAT NATURALE E’ LA SERIE A E PER QUESTO IO IN ALTRE SERIE CI VOGLIO STARE IL MENO POSSIBILE.

  • 29 Giugno 2015 in 21:08
    Permalink

    Rischio D x il Catania se entro domani nn presenta fideiussione di 0.8M

    • 29 Giugno 2015 in 21:31
      Permalink

      cevols ce tempo fino al 15 luglio ma prendi due punti di penalizzazione c’e tempo oggi moltissime si sono iscritte alla lega pro

  • 29 Giugno 2015 in 21:23
    Permalink

    Off Topic: Prosciolto Leonardi dalla Corte Federale.
    Mo toh!!!

  • 29 Giugno 2015 in 21:36
    Permalink

    Retifico ho detto una cazzata.
    al momento di presentare la richiesta alla figc devo anche definire uno stadio con relative concessione e questo poi nn puo essere cambiato

  • 29 Giugno 2015 in 21:36
    Permalink

    Alfredo, prosciolto Leonardi? E’ UNA BUFALA?

    • 29 Giugno 2015 in 21:44
      Permalink

      Ovviamente si riferisce alla inibizione che gli avevano comminato dopo sue dimissioni e che ovviamente non gli toccava non essendo legale rappresentante in carica

      • 29 Giugno 2015 in 22:05
        Permalink

        Doveroso intervento tecnico che chiarisce le faccenda.
        In ogni caso prosciogliere Leonardi da qualcosa (anche se e’ un divieto di sosta, il mancato pagamento del passo carraio della casa al mare..) provoca comunque un dolore enorme.

    • 29 Giugno 2015 in 21:58
      Permalink

      esatto. il direttore ha gia’ risposto

  • 29 Giugno 2015 in 21:52
    Permalink

    Direttore schianchi ha riferito di un possibile inserimento nella cordata locale di cariparma (banca) ne sa qualcosa?

    • 30 Giugno 2015 in 00:40
      Permalink

      Ci sono dei tentativi in atto che non so se siano andati già a buon fine.

  • 29 Giugno 2015 in 22:06
    Permalink

    Majo..è surreale da parte della figc dover scegliere l’affiliazione! ..come ritengo ingiusto dividere i tifosi tra i due pretendenti..il calcio a parma è uno e basta..perdiamo energie e tempo ormai sono ripicche e basta!

  • 29 Giugno 2015 in 22:08
    Permalink

    ..non bisogna trascurare i tempi della figc nella scelta!..e vai che si perde altro tempo..

  • 29 Giugno 2015 in 22:15
    Permalink

    La gazzetta dello sport dà Manzani come ds..mi dite chi è ..se è competente ecc.. secondo voi che siete informati

  • 29 Giugno 2015 in 22:56
    Permalink

    Avete sentito a Padova in D quest’anno? In 6000 allo stadio in casa nelle partite clou e nelle trasferte (vista anche la vicinanza) anche in 3 mila!
    Noi dobbiamo essere ancora di piu!
    Dimostriamo anche in D che siamo un pubblico da serie A! Numericamente parlando perchè come civiltá non ci batte nessuno!

  • 30 Giugno 2015 in 00:07
    Permalink

    La fobia dei 500 euro proprio non la capisco, a mio parere la questione azionariato doveva partire più lentamente e in modo più condiviso ma non mi pare che abbia chiesto soldi manenti.. ormai non mi meraviglia più nulla ma dubito fortemente che barilla sia intenzionato a fuggire all estero col bottino dell azionariato. Se non piace l idea o non si è convinti non si mettono soldi, poi si vedrà, magari spiegano o modificano il discorso. L urgenza è l iscrizione e poi la ricostruzione di una società calcistica, altro che i soldi dell azionariato

  • 30 Giugno 2015 in 07:27
    Permalink

    ieri sera ho posto la mia firma su parma partecipazioni calcistiche srl…1 cosa hanno fatto di fretta ma a breve altri nuovi soci potranno fare parte del progetto…un progetto fantastico i 500 euro sonoveramente poca cosa..considerate che avremo 2 membri nel cda di parma calcio 1913…l’azionariato popolare alla fine con un capitale max di solo 750.000 euro avra una quota del 40% di parma 1913 …criticare é facile…ma se il campo confermerà le aspettative saremo d’esempio per l’italia….io ci credo

  • 30 Giugno 2015 in 09:11
    Permalink

    Buongiorno Direttore,

    Le chiedo un parere, come interpreta le parole di Barilla su Tuttosport: “sono un piccolo azionista come gli altri” Se questo è l’inizio siamo a posto. Quindi impegno personale e non aziendale….
    Attendiamo e vediamo ma per me non è assolutamente un buon segnale..

    Saluti,

  • 30 Giugno 2015 in 09:58
    Permalink

    ma la volete capire o no che per ora gli 8 imprenditori sono tutti entrati con la stessa quota….anche dallara ha comunicato alla famiglia che per ora entra con quella quota e non fare aumenti di capitale..ora come ora non servono altri capitali tra NUOVO INIZIO E PARMAPARTECIPAZIONI SRL il parma avra un cpaitale sociale di 3.000.000 direi che per la d basta e avanza….il resto vediamolo fra 12 mesi….sereni e UN NUOVO RINASCIMENTO!!!

    • 30 Giugno 2015 in 10:21
      Permalink

      Credo sia legittimo porsi domande per il futuro, ma senza farsi prendere da ansie e soprattutto da preconcetti,
      Guardiamo con fiducia il futuro

  • 30 Giugno 2015 in 11:37
    Permalink

    Stralciato da Treccani. Sostenibilità: “Nelle scienze ambientali ed economiche, condizione di uno sviluppo in grado di assicurare il soddisfacimento dei bisogni della generazione presente senza compromettere la possibilità delle generazioni future di realizzare i propri.

    Mi pare che un progetto con al centro la sostenibilità e non il risultato nel breve sia fondamentale

  • 30 Giugno 2015 in 11:56
    Permalink

    Ma come funziona la d?
    Si possono tesserare giocatori stranieri e quanti giocatori giovani devono essere in rosa?
    Servirebbe un articolo per spiegare meglio le cose dopo 25 anni di serie A molti non conoscono questa categoria

I commenti sono chiusi.